Omar Onnis: “Giovanni Maria Angioy, Memoriale sulla Sardegna (1799)” in italianu e in sardu

ONNI COPERTINA MEMORIALE ANGIOY
Omar Onnis: “Giovanni Maria Angioy, Memoriale sulla Sardegna (1799)”

Tue as bortadu in sardu e in italianu su “Memoriale” de Giuanne Maria Angioy. Pro ite nemos l’aiat fatu prima?

Sa prima noa de sas memòrias iscritas dae Angioy a su guvernu de su Diretòriu frantzesu est de sos primos annos Vinti de su sèculu coladu. Fiat istadu Antoni Boi a nde dare noa e a proare a las bortare in italianu. Est unu traballu malu a atzapare, a die de oe, e belle ismentigadu etotu. In su 1967 Carlino Sole at publicadu su Memoriale in mesu a una miscellanea de documentos agatados in s’archìviu natzionale de Parigi, in frantzesu però, chena lu bortare. Si pensamus chi su primu traballu istòricu comente si tocat a pitzu de s’edade sabàuda e de sa Rivolutzione est su de Girolamo Sòtgiu, de su 1984, e ponimus in paris custas informatziones, sa duda chi forsis b’est istada una forma de rimotzione si faghet manna. Totu su perìodu revolutzionàriu e sa figura de Angioy rapresentant unu problema mannu pro s’istoriografia acadèmica sarda e pro totu sa classe dirigente isulana.

Ite narat Angioy in custu libru?

Su Memoriale est una collida de lìteras e rechestas chi Angioy, in su 1799, cando fiat in esìliu in Frantza, aiat mandadu a su guvernu de inie pro li pedire de agiuare a sos Sardos a si liberare de sos Savoia e de su feudalèsimu. In cussu momentu chie aiat ideas rivolutzionàrias in totu s’Europa castiaiat a sa Frantza comente a sa pàtria de sa libertade e de sos printzìpios universales de egualidade e fradernidade. In prus sa Frantza aiat una fortza militare manna e l’aiat demostradu in cuncretu in cuddos annos matessi. Angioy pensaiat chi cun s’agiudu de sa Frantza sa Sardigna diat èssere diventada una repùblica libera e moderna. Pro custu presentat sa Sardigna a su guvernu frantzesu che a una alliada pretziosa, de non lassare a àteras potèntzias (comente su Regnu Unidu), e pro custu sutalìniat s’importàntzia sua, donende informatziones econòmicas, sotziales, polìticas e fintzas geogràficas e militares. Totus noas e informatziones de importu pro nois etotu, fintzas pro cumprèndere chie fiat G.M. Angioy e cales fiant sas intentziones suas.

Cale est s’eredidade de s’opera sua? Sos sardos tenent bisòngiu de una rivolutzione natzionale o lis bastat s’autonomia de s’istatutu?

No isco si sas duas cosas siant ligadas. Deo pentzo chi sa Sardigna apat bisòngiu mannu de una forma de rivolutzione. Non so faeddende de pigare su palatzu de Viale Trento, in casteddu cun sas armas, est craru. Ma ticar de bortulare a conca a giosso cosas medas de sas chi cunsideramus “normales” pro nois e chi non sunt normales pro nudda. Podimus àere dudas in contu a sa forma de custa netzessidade, ma non in contu a sa netzessidade matessi. Chi nde falat dae fatores istòricos fungudos. Ma est pretzisu fàghere sos contos cun sa realidade. S’istatudu de autonomia faghet parte de custa realidade. Est una aina chi comomai serbit pagu e nudda a regulare sa polìtica e sa bida colletiva sarda, epuru tocat fintzas de la difèndere dae s’atacu forte de su guvernu italianu. Non pro nche la mentènnere coment’est ma pro nche la poder megiorare e afortziare, chena timoria de dare fastizu a sos chi cumandant in Itàlia. Ma non ponzo limites a su chi podet capitare, si imparamus a èssere prus lìberos e prus cussentziosos. Tzertu, serbit unu traballu mannu in totus sos livellos de sa bida nostra. Su livellu de sa cultura e mescamente de sa cumpartzidura de sas connoschèntzias istòricas est unu.

Comente est posta segundu tene “Sa die de Sardigna”? Est una festa in disimpreu?

Sa Die de sa Sardigna no est mai istada amada meda dae sa polìtica sarda istitutzionale, dae s’acadèmia e dae sos intelletuales. Mescamente, a parre meu, ca ponet in duda su fundamentu matessi de s’egemonia issoro e donat a sos Sardos elementos de giudìtziu periculosos pro chie at s’interessu a mantènnere su status quo. Pro custu dae tempus chircant de la fàghere ismentigare, de li fàghere pèrdere sensu e fortza. Fintzas custa cosa de li assignare unu tema cada annu est unu mèdiu pro nche tòrchere a aterue s’atentu de sa gente e pro lassare a una banda sos temas polìticos prus fortes. A livellu populare, pro more de su traballu de assòtzios polìticos e curturales, carchi cosa si movet a sa sola, pro contu suo, chena isetare sas istitutziones. Est unu fatu de importu, ca custa festa nos podet serbire meda che isprone pro agatare torra su coràgiu tzivile e polìticu de nos pigare sa responsabilidade de sa sorte nostra. In prus de èssere unu momentu de meledu e de ammentu a pitzu de fatos istòricos nostros, de totus sos Sardos.

http://www.condaghes.com/scheda.asp?id=978-88-7356-885-8&ver=it

Reivindicant Antoni Simon Mossa

Reivindicant Antoni Simon Mossa

unnamed

(cat)
El passat 15 d’abril vaig tenir el plaer de participar a la inauguració del nou local de la Confederació Sindical Sarda a Sàsser. Aquest nou local està dedicat a Antoni Simon Mossa (Pàdua 1916-Sàsser 1971) referent obligat de l’independentisme sard o de qualsevol reivindicació contra el colonialisme italià a la Sardenya.
Sard d’origen alguerès també va ser un ferm defensor del català a l’Alguer, va fer una gramàtica i va fundar una escola on es va ensenyar català fins el 1970. Lluny del que podria ser un plantejament folklorista en fa un enfocament complex i modern vinculant la llengua al context polític i al model social i econòmic. Arquitecte de professió -s’està fent un estudi exhaustiu de la seva tasca- també va ser un impulsor del manteniment de l’estil arquitectònic a la illa i va impulsar mobilitzacions contra l’efecte nociu del turisme massiu. Tot xerrant amb el Delegat de la Generalitat a l’Alguer, abans de l’acte del dia 15, vam convenir que es tracta d’un visionari, anticipat al seu temps i per tant en bona mesura incomprès o comprés a posteriori, que és una altra manera de dir-ho, “illuminato illuminanti”

Des d’aquest enfoc global va ser un ferm defensor de la necessitat d’un sindicalisme sard, independent de les estructures estatals. I de reforçar les relacions entre Sardenya, Còrsega, Les Illes i Catalunya, l’eix mediterrani del sud. Tant des del sindicalisme sard, cors com català entomem el repte tot aprofitant la nova situació política a Còrsega i sobretot el que ha de ser una reflexió estratègica sobre el paper de la futura República Catalana a la Mediterrània. Ens ho creiem o no ens ho creiem? I si ens ho creiem de debò Catalunya té una gran tasca a fer tant des del punt de vista econòmic, com polític com cultural i des del sindicalisme nacional en fem una aposta forta.

El 4 de maig, a les 19h, a l’Institut d’Estudis Catalans a Barcelona es presentarà el llibre d’Antoni Simon Mossa “El pont retrobat” on podrem comptar amb el testimoniatge del seu fill Petru, entre altres. Una bona oportunitat per retrobar o descobrir una persona referent que faríem be d’incorporar al repertori.

“És preferible una república d’esparracats que una colònia de miserables

Per Carles Sastre, Secretari General de la Intersindacal-CSC

(it)

Lo scorso 15 aprile ho avuto il piacere di partecipare alla inaugurazione dei nuovi locali della Confederazione Sindacale Sarda a Sassari. questa nuova sede è intitolata ad Antoni Simon Mossa ( Padova 1916 – Sassari 1971 ) riferimento dell’indipendentismo sardo e di tutte le rivendicazioni contro il colonialismo italiano in Sardegna. Sardo di origini anche algheresi fu un fermo difensore del catalano di Alghero, ha realizzato una grammatica algherese e fondò una scuola dove si insegnava il catalano sino dagli anni ’70. Lontano da ciò che poteva essere un approccio folcloristico da vita ad un approccio complesso e moderno collegando la lingua al contesto politico ed al modello sociale ed economico. Architetto di professione ( si stano facendo studi sul suo lavoro ) e fu anche un promotore del mantenimento dello stile architettonico dell’isola promuovendo la mobilitazione contro il turismo di massa ( e di élite speculativo ). Concordando con il Delegato de la Generalità di Catalugna ad Alghero, prima dell’incontro del 15 aprile, abbiamo convenuto che si tratta di un visionario, nel senso che ha anticipato i suoi tempi e pertanto in buona misura, incompreso o capito a posteriori, e dicendolo in altro modo, un ” illuminato illuminante “. Con questo approccio globale fu un fermo difensore della necessità di un sindacalismo sardo, indipendente dalle strutture statali. Convinto della necessita di rafforzare le relazioni tra la Sardegna, la Corsica, le Isole Baleari e la Catalogna, l’asse mediterraneo del sud. Sia come sindacalismo sardo, corso e catalano intendiamo approfittare della nuova situazione politica in Corsica e soprattutto su una riflessione strategica sulla carta della futura Repubblica Catalana nel Mediterraneo. Sia che ci si creda o no? E se ci crediamo di buono la Catalogna ha una grande occasione ed un compito di fare, sia dal punto di vista economico, che politico e sia culturale, del sindacalismo nazionale un punto di forza. Il 4 di maggio alle 19,00 nella sede dell’Istituto di Studi Catalani a Barcellona sarà presentato il libro di Antoni Simon Mossa “Il Ponte riscoperto ” contando sulla testimonianza di suo figlio Pietro Simon tra gli altri. Una buona opportunità per ritrovare o riscoprire una persona di riferimento che faremo bene di inserire nella nostra rubrica. ” E’ preferibile una repubblica di disperati che una colonia di miserabili “.

Da Carles Sastre, Segretario Generale dell’ Intersindacal-CSC

(Traduzione di Vincenzo Carlo Monaco)

 

Intervista ad Antoni Arca sulla scrittura in lingue mediterranee.

Antoni Arca

Intervista ad Antoni Arca sulla scrittura in lingue mediterranee.

  1. Da cosa e da dove nasce la tua scelta di scrivere, e nello specifico quella di scrivere in catalano, e poi studiare anche il sardo per poter scrivere in sardo e ora in algherese?

 Inizi

Non saprei dire quando cominciai a sentirmi uno scrittore, forse la prima volta che pubblicai su un giornale, forse la prima volta che scrissi un racconto su un quaderno di “brutta” al liceo, forse quella volta che lessi “Gli indifferenti” di Moravia a sedici anni.

Scribacchiavo già da allora sia in italiano sia in algherese e, fra le due lingue, non sentivo che una delle due fosse superiore all’altra. Le usavo senza traumi – errori di ortografia a parte.

Anche se allora non potevo esserne pienamente consapevole, per la mia formazione fu determinante avere per i cinque anni del liceo uno stesso insegnante di lingua inglese: Luca Mele, allora giovanissimo, e che da lì a poco sarebbe diventato l’apprezzato poeta ploaghese in lingua sarda. Fu una sorta di imprinting linguistico. Crebbi consapevole del fatto che ogni lingua è un sistema arbitrario e nessuna lingua è superiore a un’altra; a volte capita che siamo noi a poter scegliere le lingue, più spesso ne siamo scelti. Per ragioni storiche, economiche, politiche, identitarie.

Personalmente ho scelto spagnolo e inglese come lingue di studio, algherese e sardo come lingue di vita, corsicano e francese come lingue d’amicizia, e italiano e catalano come lingue di lavoro. E ognuna di loro continua quotidianamente ad arricchirmi.

Nei primi anni ’80 cominciai a collaborare con quotidiani e riviste sia in Sardegna sia in Catalogna e a pubblicare traduzioni dal catalano e poesie su riviste. L’italiano era la lingua che la scuola mi aveva insegnato a usare fin da bambino, e il catalano appreso tra Barcellona e Lleida era una sorta di evoluzione distante, colta e politicamente vincente della mia lingua materna.

Ero interessato a professionalizzarmi come scrittore, allora, e, non so quanto consapevolmente, mi affidavo alla follia del mercato cultural-editoriale.

In Sardegna e in Italia partecipavo a premi di poesia e di narrativa inviando testi in italiano, in catalano di Alghero e in sardo.

Vincere con una poesia o un breve racconto mi divertiva – anche economicamente –, ma non era il mio mondo; ho sempre detestato il provincialismo culturale astioso e incapace di dialogare col mondo reale.

Provai a partecipare ad alcuni premi per opere inedite in Catalogna, e lì vincere significa essere subito pubblicati in volume da buoni editori e con regolare distribuzione.

Fu così che, nei primi anni ’90, “en un dos per tres”, mi trovai a essere un giovane scrittore catalano con un volume di poesie edito a València e un volume di racconti edito a Tarragona. Il mercato aveva scelto per me e fra lingua catalana e lingua italiana, la prima a darmi credito come scrittore fu quella catalana.

Da allora, in poco meno di vent’anni, pubblicai una decina tra opere di narrativa e sillogi poetiche tra Barcellona, Lleida e Juneda oltre alle già citate Tarragona e València.

La tria (català)

Abans que escriptor jo sóc un pedagog, un mestre de bàsica, per això, alhora que intentava professionalitzar-me d’escriptor català, em tornava definitivament un “titular de càtedra” a Sardenya.

Els meus alumnes, segons els anys, anaven de sis a onze anys i jo volia escriure per a ells; i ells eren nens de profunda arrel sarda. Jo escrivia per a ells i ells escrivien per a mi. Jo els italianitzava i ells em sarditzaven.

Allò de ser un escriptor català professional implicava, de fet, una altra tria de vida: exiliar-me a Barcelona. I no, jo volia ser abans que res un mestre, un bon pedagog; i m’hi vaig dedicar també d’escriptor infantil i juvenil publicant els treballs que realitzava amb els meus alumnes.

Al començament eren plaquetes editades en pocs exemplars gràcies a la Umanitària de l’Alguer, i més tard veritables llibres amb bons editors com ara la EDES de Sàsser.

Allò que feia pels nens de Putifigari, el poble on anava a donar classes, volia fer-ho pels nois algueresos també.

Va ser per això, pel desig que tenia de ser útil pels joves lectors algueresos, que vaig començar a escriure en alguerès – “normat” a la catalana – una munió de llibrets infantils i juvenils a soles i en col·laboració amb uns quants dibuixants.

Des de finals dels ’80 a principis del 2000, entre plaquetes i llibres de debò – encara que a Catalunya jo resultava ser un escriptor professional, malgrat que poc present a les pantalles – , entre Alguer i Sàsser vaig publicar uns setanta títols infantils – a part de traduccions, volums de poesia, novel·les per a adults i peces de teatre.

Finalment, a la primera meitat dels ’90, em passaren la càtedra a l’Alguer com a mestre de llengua castellana; i des de l’Alguer estant vaig continuar fent poesia, prosa narrativa i prosa teatral segons les necessitats pedagògiques, polítiques i, per què no, comercials.

Ho vaig fer a les tres llengües, millor, a les cinc, o potser set. Perquè durant la dècada dels ’90 em publicaren una novel·la en castellà, i a Còrsega peces de teatre en corsicà i una novel·la en francès.

De ampreu (algarés)

He ascumançat a publicà llibras als ans ’80, i als ans ’90 era un “normal” ascritor catarà que ancara paldeva téns ascrivint també llibras an algarés i an saldu, és a dira pé un malcat economicament inesistent.

Com sap quiúnqüe hagi apena apena arraunat de economia, un malcat competitivu té manasté de grans damanas i de grans ufeltas i, pecò s’asvilupin a un tarratori i no a un altru, hi ha manasté de gent, tanta gent.

Al cas concret de l’editoria salda, mai hi pugarà éssar una editoria competitiva a ma la italiana, o la francesa, o la catalana, pecò sem massa pocs. I això, de sempra, és lu límit de la Saldenya: la baixa densitat de pupuració.

Cosa vul dira, que també pansant que an Saldenya hi sigui una pertxentual de letors més alta que al restu de l’Itàlia – cosa que no és –, sempra astiguarívam palant de un 500.000 putencials lectors que tanguéssin de cumprà almancu un llibra a l’àn; ma pecosa un llibra sigui econòmicament útil, tangariva de vendra mínimu 10.000 còpias, lu que vol dira que la Saldenya abastariva pé 50 títuls a l’àn, que és lu que fa normalment un patit editor italià. I an Saldenya, invetxe, lus editols són més de 70. Cosa pussibra pecò, no essent’hi un malcat, quasi sempra las aspesas las paga l’autor i, quant no, un síndic, un assessor comunal, provintxal, rejonal, o un prujeta cultural, folclorístic, turístic, scientífic, o lu que sigui.

Tot això pé dira una cosa sol: qui publica llibras an Saldenya no ‘l fa pé na trera munera, al màssim pé na trera las aspesas.

Tantu hi és qui pública llibras pé sudisfació palsunal, qui pé fé cultura, qui pecosa no na pot fé amancu.

Iò só de aqueixus. Ascrif pecosa o si no ma santeix mal i, havent arraunat pé tants ans de pedagogista i de intel·letual, m’és capitat suvint de trubà bons metxenates. Com són astats La Società Umanitaria de l’Algué fins a tots lus ans ’90, las editorials algaresas la Celere i Edicions del Sol, l’editorial EDES de Sàssari i, de finals de ’90 an avui las editorials Condaghes de Càllar i l’editorial NOR de Ghilarza.

A la fi de aqueixus quasi corant’ans de ativitat – i a ma més de 150 títuls publicats –, he dicirit de abandunà del tot l’idea del malcat editorial i de la catalanitat com a dovere moral: avui iò ascrif per a mi mateix, a la llengua que sép, a la folma que més ma currispón i publiqueig an ebook; de fet gratis, cunsiderant la facilitat de arribà “de franc” a qual sa sia llibra eletrònic.

  1. Quale, quanto spazio l’editoria riserva alle pubblicazioni in lingue ” minoritarie” e alla storia sarda?

Su benidore (sardu)

Bivende in una sotziedade a economia capitalista, cun sas istruturas chi como tenet, sa Sardigna non podet àere unu mercadu editoriale cumpetitivu; tando, su chi podimus fàghere est cumbatare e traballiare pro unu mercadu culturale sanu, nostru, originale, issientificamente onestu, pensadu, istrolicadu, meledadu, faeddadu, contadu e naradu in sa limba nostra; su chi est a nàrrere su sardu in totu sas possibilidades espressivas suas, cun aligheresu, tataresu-gadduresu e tabarchinu postos a intro, ca est ora de la serrare cun custa fàula de sas “ìsulas alloglotas”. Sos discendentes de sos catalanos de sa colònia aligheresa de su 1354 sunt mortos dae sèculos meda e sos tabarchinos sunt sardos de mare, e si sos gadduresos si cherent intèndere mesu corsicanos custu l’amus a interpretare che una cosa bella, e non che una partzidura.

Pensare chi s’istòria verdadera de sa Sardigna si faghet atzetende sas fàulas de birgòngia “documentadas” in milli farsos istòricos però cambiende su balore semànticu, est unu malu servìtziu; pensare chi sa limba faeddada dae sos sardos pòveros dae su tempus de sos romanos a totu su feudalèsimu fiat sa limba “disigiada” dae totu sos sardos, est una fàula galu peus; pensare chi pro fàghere una literadura sarda moderna bastet favorire sos amigos nostros mancari iscriant libros mediòcres, est unu suitzídiu.

Oe est possìbile aplicare sas règulas de s’istoriògrafia, de sa sotziolìnguistica e de sa literadura cumparativa sena àere bisòngiu de antitzipare/imbentare sos resurtados.

S’istòria de sa Sardigna est sa chi est, e s’istòria de sos sardos est un’àtera galu. Unu logu in mesu a mare impreadu pro interessos cummertziales de un’ala, e dae s’àtera colonos e iscraos chi a bellu a bellu si faghent pòpulu diversu dae su fenìtziu, romanu, catalanu, “sardignolu” in s’ora chi pedint de intrare in su Regnu italianu.

Sas limbas de Sardigna e sas limbas de sos sardos, in sos millènios, dae sas tirrènicas a s’ispagnolu, sunt istadas a muntones e, dae sa pax romana de sa prima gherra cartaginesa a s’agabbu de su feudalèsimu in su 1850, sos “dialetos” sardos sunt istados semper sa limba de sa gente de bidda pro nos mantènnere abarrados sicos ognunu in domos sua sena istrutzione peruna a parte de sa dotrina de sos retores.

De sa matessi manera, sa literadura de èsitu finas cummertziale, dae sos romanos a oe, semper est istada in latinu, gregu, pisanu, ispagnolu, italianu; su sardu iscritu fiat roba de crèsia ca sos pòveros, aende proibida s’istrutzione, deviant de iscurtare a su retore istràngiu evangelizende·los in sa matessi limba de sa carrera issoro.

Bisòngiat de torrare sena pregiudìtzios polìticos a Michelangelo Pira e a “La rivolta de l’oggetto” cosa sua. Si sos sardos pòveros – oggetto – si sunt fatos pòpulu – rivolta – , est chi, Gramscianamente, si sunt istruidos e ant cumpresu e si sunt cumpresos a pustis de sa prima e de sa segunda gherra mundiale.

No est farsifichende s’istòria de Sardigna chi creschimus che pòpulu. No est imbentende unu resistentzialismu pantasmàticu chi nos faghimus pòpulu. Non est gherrende a paris pro una limba chena prus dialetos, o cun unu dialetu ebbia, o cun una koinè legalizada, o cun su dimòniu chi si nde los leet chi semus unu pòpulu de a beru.

Est impitende sas limbas sardas nostras pro fàghere arte contemporànea chi podimus fraigare una limba sarda de totu sos sardos. Est istudiende s’istòria de Sardigna comente (ex) bìculu istratègicu pro s’economia de su Mediterràneu dae cando dae Còrsica beniant brinchende a oe chi servimus pagu e nudda pro muvimentare s’economia globale. Est istudiende su presente chi podimus pensare a unu benidore nostru diversu dae de su èssere “cool” pro turistas amantes de su mare, de sa montagna, de su folclore, de s’esotismu e de totu su de prus chi sos Think Tank de su marketing turìsticu s’imbentant faghende a manera chi nois, fatos a pòpulu de gente “orgogliona”, bi creimus e bi ponimus ènfasi manna ammaniende festivals, cumbènios, publicatziones, sòtzios culturales, movimentos e partidos polìticos. A manera chi sos turistas non manchent in peruna die de s’annu e nois podimus àere unu bellu tempus benidore che a camareris cun s’ambitzione, una die, de nos torrare unu “maitre”, e, pro ite nono, unu metr e mesu.

Antoni Arca (Alghero 1956) è insegnante e scrittore. I suoi ultimi otto romanzi sono stati pubblicati insieme e soltanto in ebook per testimoniare la vitalità dell’algherese colloquiale. Ogni volume – edizioni NOR, Ghilarza – è disponibile sia in vernacolo algherese sia in italiano; uno, “Domo de Jordi”, è disponibile anche in sardo

Sa die de sa Patria Sarda arriva alla sua sesta edizione

Sa die de sa Patria Sarda arriva alla sua sesta edizione

13015163_10208094689996796_2062194338107424121_n

Nata a Thiesi su iniziativa dell’ormai disciolta organizzazione della sinistra indipendentista A Manca pro s’Indipendentzia in omaggio al passato rivoluzionario e ribelle della “villa antifeudale”, l’iniziativa è ormai portata avanti ogni anno dal “Comitadu 28 de abrile”.

Per iniziativa dello stesso comitato “Sa die de sa Patria Sarda” viene ormai festeggiata anche fuori da Thiesi e in particolar modo nei luoghi dove la rivoluzione antifeudale, repubblicana ed indipendentista lasciò i segni più incisivi nella memoria popolare.
Oltre a feste, concerti e momenti ludici e ricreativi il comitato organizza sempre approfonditi momenti di riflessione storica e sta via via coprendo i diversi paesi che furono toccati dalla “sarda rivolutzione” apponendo una targa in marmo in ricordo dei patrioti sardi caduti per la liberazione dal colonialismo piemontese e dall’oppressione feudale del popolo sardo.

Quest’anno il programma sarà davvero ambizioso e durerà tre giorni (dal 28 al 30 aprile) e toccherà, oltre a Thiesi e Sassari, anche Bono, paese natale di Giovanni Maria Angioy e per questo raso al suolo dalle forze reazionarie e filopiemontesi.

Ecco il programma:

28 de abrile in TIESI

• A sas 5:00 de sero:

Depositzione corona a sos patriotas sardos in anti a sa turre presone, piata de su comunu.

• A sas 6:00 de sero

In sa sala “Aligi Sassu de Tiesi”: addobiada istòricu “L’eredità dei moti angioiani”

Prof. R. Porrà ” Bono nella sarda rivoluzione”

Prof. F. Francioni : “Le figure di Giovanni Maria Angioy e di Pasquale Paoli: sardi e corsi a confronto”

Prof. O. Onnis presentat su libru suo: “Memoriale di Giovanni Maria Angioy”

29 de abrile in BONO

(cun sa collaboratzione de s’assessore a sa cultura de Bono Piero Corrias)

• A sas 10:00 de mangianu in su montìgiu de santu Remundu:

Depositzione corona in sa targa pro sos patriotas sardos

• A sas 10:30 sala tzìnema Rex (carrela c. Carretto – piata de crèsia) addobiu istòricu:

saludu de su sìndigu de Bono Michela Sau

Prof. R. Porrà: ” Bono nella sarda rivoluzione”

Prof. O. Onnis presentat su libru suo: “Memoriale di Giovanni Maria Angioy”

A serru: ispetàculu teatrale de s’Associazione Culturale di Bono e del Goceano: ” La ribellione del popolo bonese”

29 de abrile in Tàtari

• A sas 4:00 de sero in su Litzeu Iscientìficu Marconi:

Prof. O. Onnis presentat “Il memoriale di Giovanni Maria Angioy”

29 de abrile in Tiesi

• Dae sas 7:00 de sero in su mercadu betzu:

tastu de berbeghe a chentu e una berrita! Cuntzertu de sos Maria Marì

30 de abrile Tiesi piata de su comune

• A sas 11:00 de mangianu in piata de su comune: 3° Motoattoppu de sa die de sa pàtria sarda

A sighire pràngiu e mùsica intro a su mercadu.

Torramus gràtzias a totu sos indipendentistas, a sos sardos e sardas chi ant collaboradu a sa realizatzione de sos eventos.

https://www.facebook.com/events/1181278045217266/

Manifestazione di Teulada contro la Trident: Prosciolte le tre militanti per irrilevanza dei fatti contestati.

Teulada

foto Roberto Pili

Manifestazione di Teulada contro la Trident: Prosciolte le tre militanti per irrilevanza dei fatti contestati.

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale minorile di Cagliari dopo una breve udienza ha archiviato la posizione delle tre militanti contro l’occupazione militare per irrilevanza dei fatti contestati. Si chiude così il caso delle tre antimilitariste minorenni – una di 16 anni e le altre di 17 – protagoniste con un’altra ventina di attivisti della violazione del Poligono di Teulada durante la manifestazione contro l’esercitazione Trident Juncture del 3 novembre scorso, giornata culminata con cariche delle forze dell’ordine all’esterno del Poligono e lo stop delle esercitazioni intorno alle ore 15:00.

Seguirono forti polemiche riguardo la gestione della manifestazione; dal divieto di manifestazione da parte del Questore Gagliardi, motivato con la necessità “di dare un segnale forte“, ai fogli di via notificati ai militanti del Comitato Studentesco contro l’Occupazione militare, passando per l’imponente assetto militare implementato a Sant’Anna Arresi la giornata del 3 novembre come nelle due settimane precedenti. Fino alle cariche al corteo e la divulgazione di notizie false sull’interruzione dell’esercitazione NATO, come nel caso del Generale Giovanni Pintus secondo il quale lo stop era già in programma in quanto le operazioni si sarebbero dovute protrarre fino ad ora di pranzo del 3 novembre. In realtà, è noto che le attività fossero programmate fino alle ore 18:00.

Accompagnate dagli avvocati e dai genitori, le tre giovani militanti sono comparse giovedì di fronte al Gip del Tribunale minorile con l’accusa di essere entrate nella zona militare interdetta di Teulada. Erano state identificate e denunciate nel corso della protesta e oggi il giudice – come prevede l’ordinamento della giustizia minorile – doveva valutare la rilevanza dell’accusa per decide se proseguire nel giudizio, propendendo come detto per un’archiviazione.

Dopo il caso dei militanti del movimento contro l’occupazione perquisiti e fermati con l’accusa di divulgazione di materiale coperto da segreto militare, rivelatisi poi normali atti accessibili con ordinarie procedure di legge, si chiude nel migliore dei modi per le tre giovani militanti sarde l’ennesima pagina repressiva che dimostra come lo scontro in atto tra lo Stato italiano e il Popolo sardo sul versante dell’occupazione militare mantenga un ruolo di primo piano nella vita politica e sociale della Sardegna.

Al momento non sono previste altre udienze relativamente ai fatti del 3 novembre a Teulada anche se stanno giungendo nuove denunce a carico di vari militanti autori del taglio alle reti e dell’accesso al Poligono.

Il ritorno della CSS a Sassari

Il ritorno della CSS a Sassari

13009817_10153554243967514_701088513_o

Venerdì 15 aprile, in pieno centro storico di Sassari, la Cunfederatzione Sindicale Sarda ha inaugurato la sua sede. I lavori sono stati aperti in lingua sarda dal sindacalista Giuseppe Pisano, il quale ha relazionato sulla proposta lanciata di concerto con il Fronte Indipendentista Unidu e con l’Altra Sardegna di un piano triennale per il lavoro. Immediatamente dopo è intervenuto il figlio del grande architetto indipendentista Antoni Simon Mossa, a cui è stata inaugurata la sede sassarese della CSS. Predu Simon Mossa ha presentato le iniziative previste per il centenario dalla nascita (1916-2016) e ha annunciato «grandi novità venute fuori nella ricerca dei suoi documenti che presto verranno rivelate al pubblico». Ha poi preso la parola il sindacalista Vincenzo Monaco che, in catalano algherese, ha denunciato il raggiungimento del limite inferiore di sopportazione dei soprusi causati dal colonialismo e ha fatto appello ad una reazione del popolo sardo per una programmazione dal basso del nostro futuro economico, sociale, linguistico e politico. Monaco ha duramente attaccato il modello economico imposto alla società sarda che «forma giovani lavoratori per poi allontanarli dall’isola impoverendo sempre di più il nostro tessuto sociale». Ai lavoro ha partecipato anche il sindacalista catalano Carles Sastre, Segretario Generale della Confederation Sindacal Catalunya – Intersindacal che ha evidenziato i punti di contatto con la realtà lavorativa sarda e in particolare la fuga di competenze all’estero dopo essere state formate (come in Sardegna con il disastroso progetto “master and back” della giunta Soru). Sempre dalla Catalunya è intervenuto il rappresentante della Generalitat catalana Joan Elies Adell Pitarch il quale ha ribadito il carattere “rivoluzionario, pacifico e inesorabile” del processo di mobilitazione della società catalana: «noi non vogliamo l’indipendenza solo per una questione culturale o identitaria, ma perché il nostro popolo ha diritto al benessere e con la Spagna ciò non è possibile dal momento in cui i catalani non possono autodeterminare le loro scelte economiche e sociali». Joan Elies ha anche teso una mano alla Sardegna invitando i sardi a stringere rapporti sempre più stretti sia culturali che economici, perché «i popoli catalano e sardo non devono più darsi le spalle, ma cooperare nell’interesse comune indipendentemente da ciò che fanno o non fanno Roma e Madrid».
Per la CSS sassarese sono intervenuti, tutti in sardo, Gavino Piredda (settore bancario), Luana Farina (Servizi Regione) la quale ha sottolineato l’immobilismo della giunta Regionale sotto diversi punti di vista e Cristiano Sabino (scuola) che ha puntato il dito contro la «scuola italiana in Sardegna che priva i cittadini sardi del diritto di conoscere la propria storia, cultura e lingua generando analfabeti antropologici e sull’assenza di una legge regionale per la scuola».
I lavori sono stati chiusi dal segretario generale Giacomo Meloni che con un lungo e appassionato intervento, parte in sardo e parte in italiano, ha ribadito il carattere necessariamente politico e non meramente burocratico del sindacato nazionale sardo: «dobbiamo combattere un modello economico che ha distrutto la nostra terra inquinandola e creando dipendenza economica e mentale contrastando e denunciando chi ci ha ingannati, derubati e avvelenati. Se le grandi industrie che stanno in piedi solo ricevendo finanziamenti statali ci ripagassero del danno arrecatoci ci sarebbe lavoro per trent’anni con le bonifiche che oltretutto ci restituirebbero un territorio nuovamente utilizzabile»

http://www.confederazionesindacalesarda.it/

Sa Die in Tundu

Sa Die in Tundu

Sa Die in Tundu sta per arrivare alla sua seconda edizione: si tratta di un flashmob diffuso e organizzato dall’intero popolo sardo, rievocando il sentimento dell’appartenere ad un destino condiviso, per raccontare al mondo la propria storia.
L’anno scorso centinaia di sardi, in Sardigna e all’estero, hanno organizzato eventi in vista di “Sa die de sa Sardigna”, stringendosi le mani gli uni con altri e formando cerchi umani e infine scattando alcune fotografie e inviandole all’organizzazione di “Sa die in tundu”. La partecipazione è stata massiccia e, nonostante la novità dell’evento, si sono formati cerchi umani colorati e festanti nelle piazze, nei centri ricreativi, nelle scuole, intorno ai tanti beni culturali presenti nell’isola, nelle case e, le fotografie che sono arrivate da tutta la Sardegna e da diverse parti del mondo, hanno restituito uno spaccato di una società sarda innamorata della propria cultura e della propria coscienza nazionale.

Il cerchio è un simbolo molto importante per il popolo sardo, fin dall’età nuragica i sardi si mettevano in cerchio per prendere decisioni importanti, per cantare e ballare, per confrontarsi sulle questioni fondamentali della loro comunità creando così momenti di profonda condivisione.

Sa die in tundu vuole fare in modo che, attraverso questa semplice e riproducibile forma di comunicazione, tutti i sardi possano sentirsi partecipi della loro festa nazionale ricordando e rinnovando la propria storia, la propria cultura, la propria coscienza di appartenere ad una comunità ben precisa.

http://sadieintundu.net

Le ragioni del SI al referendum di domenica 17 aprile

Trivelle 17 aprile 016
Le ragioni del SI al referendum di domenica 17 aprile

Con il referendum del 17 aprile si chiede di abrogare la norma che consente alle società petrolifere di estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia marine dalle coste senza limiti di tempo, fino ad esaurimento del bacino. Se prevarrà il “SI” e se verrà superato il quorum (vero ostacolo per questo referendum) le attività estrattive nei pozzi in questioni andranno progressivamente a cessare, secondo la scadenza naturale fissata al momento del rilascio delle concessioni o eventuali proroghe concesse per legge.
I movimenti indipendentisti e ambientalisti in Sardegna stanno indicando un voto per il “SI” in modo da vanificare l’azione del Governo italiano, accompagnata da un silenzio mediatico vergognoso che palesa il tentativo di boicottare questo referendum da parte delle istituzioni, e ridurre al minimo la partecipazione. Oltre a ciò va aggiunto anche il silenzio stampa sui recenti incidenti avvenuti in Francia perché potrebbero pesare sull’esito del referendum e portare le persone a votare.
Il governatore della Sardegna Pigliaru ha ricalcato sostanzialmente l’«andate al mare» del capo del Governo italiano Matteo Renzi e della CGIL.
Chi sta boicottando il referendum sostiene che una vittoria del “SI” sarà dannosa per tutta l’economia e la classe operaia in particolare, con strumentali richiami ai posti di lavoro che sarebbero a rischio. Contestualmente a questa opera di terrorismo mediatico, si assiste a schizofreniche dichiarazioni che cercano di far desistere dal SI sulla base dell’idea che il referendum – in fondo – non sposti più di tanto a beneficio dell’ambiente. “…é su una cosa infinitamente più piccola” (Francesco Pigliaru).
Ma se questa abrogazione “sposta” così poco, se non risolve come sappiamo bene tutti i problemi di un sistema a produzione capitalista, come mai tanto ardore nel terrorizzare la popolazione con lo spauracchio del crollo occupazionale?

Chi trae beneficio dalla mancata abrogazione dell’articolo non è certo la classe operaia o la collettività, bensì le multinazionali degli idrocarburi che allo Stato sono tenute a versare solo un importo corrispondente al 7% del valore della quantità di petrolio estratto o al 10% del valore della quantità di gas, somme oltretutto non dovute al di sotto di certi volumi estratti (cd franchigia). Dunque, è chiaro il vero interesse del NO o, peggio, dell’astensione: posticipare quanto più possibile gli investimenti di smantellamento e bonifica dei pozzi avuti in concessione, posticipare una qualsiasi transizione energetica sempre più urgente, il tutto estraendo sistematicamente quantitativi inferiori alla franchigia per le quali le royalties allo Stato non sono dovute. Un affare, per l’ENI. È questo il vero obiettivo di chi boicotta il referendum o spinge per un NO.

Come accennato sopra i principali movimenti indipendentisti sardi si sono schierati nettamente per il “SI”. Progres in un comunicato, attacca proprio l’intreccio tra politica italiana e multinazionali energetiche: “Is dimissiones friscas de sa Ministra de s’Isvilupu Econòmicu de su Guvernu italianu ant postu a craru – in casu bi nde esseret galu bisòngiu – de s’ammesturìtziu mannu intre sa polìtica italiana e is lobby de su petròliu e de s’energia chi, oramai a cada livellu, parent fàghere lege in is sèberos de isvilupu energèticu”.

Progres attacca poi l’ipocrisia della classe politica regionale, del tutto suddita a quella statale italiana: “E inoghe intrant in giogu is vàrios rapresentantes polìticos sardos chi in is ùrtimos meses si sunt postos che a defensores de s’ambiente, pro primu su presidente de su Consìgiu Regionale Gianfranco Ganau: dae isponsor mannu de s’ENI pro sa chìmica birde totu in una borta ambientalista a tipu Greenpeace, a cale de is duos Ganau depimus crèere?”

Anche il Fronte Indipendentista Unidu attacca la Giunta regionale in materia di politica energetica e invita «tutti i sardi a votare SI al referendum sulle trivelle per difendere i beni comuni, il Mare Mediterraneo e per rilanciare la lotta contro il colonialismo delle multinazionali e dello Stato italiano che tanto sfruttano e devastano il nostro territorio nazionale».

http://www.fronteindipendentista.org/it/

Dimandas a Pepe Coròngiu apitzu a sa limba sarda

 820689_10200362032603872_134400803_o
Dimandas a Pepe Coròngiu apitzu a sa limba sarda

Pigliaru aiat pigadu impignos pretziso pro tutelare sa limba sarda?

No, non creo chi issu apat mai sighidu sa chistione. In su programma eletorale b’aiat una frase crara meda pro sos chi abbistant in contu de limba. Faeddaiat de ‘varianti’ chi cheret nàrrere in suspu linguistichese afortiare s’aspetu de sos dialetos e non sa limba ufitziale. In prus aiat criticadu su chi si fiat fatu in antis, ochiende totu cun cun una definitzione tosta ‘politiche dubbie’ e ‘sterili slogan’

Tando isse e sa Giunta sua non tenent una politica linguistica?

A su chi amus bidu in duos annos mi paret chi nono. Est sa polìtica sòlita de sas elites in contu de limba sarda. Non lis interessat su problema de sarvare sa limba pròpria de Sardigna però faghent sa finta e atuant polìticas pro collonare su logu e istentare. Est s’ipocrisia de sa propaganda chi dat infadu.

Sa Regione at amanitzadu unu atobiu apitzu a custu tema: “Limba faeddada, limba bia” inue at allegatu fintzas s’assessore Claudia Firino. Ite ne pensas?

No at essidu peruna nova, nè perunu impignu cuncretu. Nudda.

Comente est andande s’organitzatzione de su CSU e s’atividade de su blog de arresonos in sardu LimbaSarda2.0?

Mi paret chi custas duas entidades siant andende bene pro sa punna chi si nche sunt dadas. Contare su chi acadesset in sa polìtica linguìstica e fàghere denùntzias e propostas. A bos l’immaginades sa polìtica linguìstica de custos annos sena custas fainas? Sìndrome di Stoccolma ebbia…

Pepe Coròngiu de su Coordinamentu pro su sardu ufitziale

http://salimbasarda.net

Intevista a Enrico Lobina, candidato a sindaco della lista civico-indipendentista Cagliari Città Capitale alle prossime amministrative di Cagliari

LOBINA CCC
Intevista a Enrico Lobina, candidato a sindaco della lista civico-indipendentista Cagliari Città Capitale alle prossime amministrative di Cagliari

Che cos’è CCC?

Cagliari Città Capitale è un laboratorio politico. Le politiche di austerità hanno comportato una centralizzazione dell’organizzazione statuale, che ripudia il principio della sovranità popolare. In Sardegna l’autonomismo non ha saputo sviluppare benessere duraturo e rispettoso dei beni comuni primari (suolo, aria, acqua), mortificando le vocazioni ed i saperi propri della nostra terra. Ciò è avvenuto per responsabilità delle élite locali, che non hanno saputo o voluto dare risposte all’altezza dei bisogni di benessere e di pari opportunità del popolo sardo. Consideriamo conclusa la fase dell’Autonomia e riteniamo urgente aprire un processo culturale, sociale, economico e politico che dia speranza e concretezza emancipativa alla Sardegna. Assumiamo il principio di autodeterminazione del popolo sardo e della nazione sarda, cosi come sancito dall’ONU e ratificato dalla Conferenza di Helsinki, e un modello di sviluppo sostenibile, come elementi distintivi e valoriali di riferimento, così che possa essere esercitato a tutti i livelli politici ed istituzionali il principio di sovranità e di autogoverno.

Questo progetto è oggettivamente alternativo ai progetti espressi sul piano locale, sardo ed italiano sia nel centrodestra che nel centrosinistra. A questo laboratorio aderiscono persone e organizzazioni che hanno radicamento in città e in Sardegna, soggettività di comunità che abbiano la capacità di svilupparsi in modo plurale ed inclusivo, con caratura internazionale e visione euro mediterranea.

Alle scorse comunali sei stato eletto con la coalizione del centro sinistra. Perché non ti ricandidi con Zedda?

Massimo Zedda non ha rispettato il patto con gli elettori siglato nel 2011. Nel programma elettorale della coalizione vincente si poteva per esempio leggere: “Nei prossimi cinque anni ogni giorno almeno un occupato in più, ogni giorno almeno la stabilizzazione di un precario; ogni giorno almeno un’altra donna che conquista il lavoro; ogni giorno almeno un giovane che inizi a lavorare”. E’ successo esattamente il contrario.

Le condizioni politiche del 2011, inoltre, erano completamente diverse da quelle del 2016. Non esisteva il partito della nazione (italiana). Nel 2011, inoltre, le organizzazioni indipendentiste non avevano elaborato uno specifico pensiero riguardo il lavoro da portare avanti in ambito urbano. In questi ultimi anni, invece, sia ProgRes, che il circolo Chavez, ma anche Scida, ed in misura diversa compagni che prima erano nel Fronte Unidu Indipedentista, hanno riconosciuto la strategicità, per un processo emancipativo della Sardegna, della dimensione urbana. Questo è uno dei tratti più importanti per il lavoro comune che ci aspetta dopo le elezioni comunali della capitale. Cagliari Città Capitale, inoltre, è aperta ed inclusiva anche verso tutti i non indipedentisti, che si riconoscano nel patto costitutivo. Dal punto di vista strettamente personale, le organizzazioni politiche alle quali più organicamente appartengo, il circolo Me-Ti e Sardegna Sostenibile e Sovrana, nel 2011 non esistevano. Seppur su posizioni autonome e che riconoscevano il diritto all’autodeterminazione del popolo sardo, nel 2011 ero ancora iscritto al Partito della Rifondazione Comunista, che abbiamo lasciato nel 2013.

La vostra posizione sulla lingua sarda da impiegare in maniera ufficiale nelle istituzioni della città ha suscitato scalpore. Perché porre la lingua sarda nel programma elettorale?

Casteddu est in prenu in mesu de totu su movimentu linguìsticu isulanu. Casteddu tenit unu grandu connotu de autoris in sardu, poetas, scridoris, cantadoris e cantantis connotus e pretziaus. A custa citadi, giai ca est sa capitali de is sardus, ddi spetat sa faina de donai s’esempru in su fai balli e in su ofitzializai sa lìngua nosta. Po Casteddu Citadi Capitali sa lìngua sarda est un’aina de fundamentu. Seus proponendi unu pianu stratègicu po sa lìngua nosta. Tocat a afortiai custa batalla de tzivilidadi, cun fainas pretzisas e fortis, giai ca su sardu est perdendi su logu suu in su passàgiu de babu, e mama, a fillu e in s’imperu de dònnia dii in is cuntestus pùbricus, ma finas de famìllia o de is amigus. Sa batalla po arreconnosci, fai balli e ofitzializai is lìnguas de minoria, no est una batalla de antigòriu, o po s’inserrai. Antzis, est una chistioni de is mellus “avanguàrdias” polìticas europeas e mundialis. Bolit nai a s’aberri a su mundu cuscientis de sa diversidadi culturali nosta. A connosci prus de una lìngua no strobat, ma antzis s’agiudat, a connosci lìnguas noas e si donat un’imparu modernu e multiculturali, comenti nant paricis stùdius de psicolinguìstica. Su sardu e su plurilinguismu comenti a un’aina de crescimentu culturali, chi bogat traballu e fait godangiai, chi agiudat sa màgini nosta e su turismu. Casteddu Capitali Europea de sa Cultura no at funtzionau, in mesu de is àteras cosas, poita su sardu no dd’ant carculau. Donostia/San Sebastián in su 2016 est capitali europea de sa cultura poita ant puntau meda apitzus de sa lìngua basca. Leeuwarden/Ljouwert, capitali europea de sa cultura de su 2018, at puntau meda aicetotu apitzus de sa fueddada minorizada cosa sua.

Di che cosa ha bisogno Cagliari?

A Cagliari, negli ultimi quattro anni (2011-2014) gli abitanti sono diminuiti più che nel quadriennio precedente (2008-2011). Gli iscritti ai Centri Servizi per il Lavoro, nella sola capitale, sono passati da 29.700 (maggio 2011) a 37.070 (dicembre 2014). Il tasso di disoccupazione, dal 2007 a oggi, è passato dall’11% al 19%. L’assenza, per responsabilità della Regione, di un quadro di riferimento istituzionale certo sull’articolazione dei poteri sub-regionali, e la mancata spinta riformatrice nel governo della capitale, unitamente alla rinuncia del Sindaco a porsi alla testa dei Comuni sardi nel contrasto alle politiche governative di spending-review non hanno consentito alla città di porsi come la locomotiva di un nuovo progetto di sviluppo sostenibile, capace di mettere in rete comuni e città sarde e questi in relazione con la Regione Autonoma della Sardegna e con i processi di area vasta connessi all’efficienza e all’efficacia nella gestione e allocazione dei servizi e articolati per competenze e vocazioni dei territori, secondo il principio di adeguatezza e sussidiarietà. Occorre dar voce e rappresentanza a un punto di vista organizzato e organizzabile sia per il riscatto da un’esistenza segnata dalla povertà, l’emigrazione e la solitudine di larghi ceti popolari, sia per la positiva iniziativa delle forze imprenditoriali, intellettuali, della cultura e dei servizi, che intendono concorrere alla creazione di lavoro e ricchezza diffusa orientata ai fini sociali, in un quadro di sviluppo economico sostenibile e rispettoso dell’uomo e dell’ambiente.

http://www.cagliaricittacapitale.com/it/