Marco Santopadre: “il Donbass è un focolaio di resistenza al fascismo e all’imperialismo europeista”

Intervista a Marco Santopadre del giornale comunista Contropiano sull’esperienza della “Carovana Antifascista” e sulla resistenza del Donbass al golpe fascista e filo UE in Ucraina

 santopadre

Che cos’è la carovana antifascista? 

La Carovana Antifascista è un progetto partito dalla coraggiosa e lungimirante iniziativa della Banda Bassotti che negli ultimi anni ha consentito a una gran quantità di realtà internazionali di partecipare ad una campagna di informazione e solidarietà nei confronti della lotta delle Repubbliche Popolari del Donbass e in generale delle forze antifasciste in tutta l’Ucraina. È stato partecipando alle attività della Carovana Antifascista che nel maggio del 2015 ho potuto partecipare al viaggio nella Repubblica Popolare di Lugansk, da quasi due anni ormai sottoposta insieme a quella di Donetsk a bombardamenti e ad un assedio feroce da parte delle forze armate e dei battaglioni neonazisti di Kiev. Un viaggio durato una settimana che ha permesso a più di cento militanti, attivisti e giornalisti di toccare con mano la distruzione e la morte causata in quei territori dalle forze golpiste ucraine che si sono impossessate del potere a Kiev nel febbraio del 2014, con il sostegno degli Stati Uniti e dell’Unione Europea. Abbiamo potuto conoscere direttamente esperienze assai interessanti nell’ambito della resistenza del Donbass contro il regime di Kiev, in particolare la Brigata Fantasma e l’Unità 404, delle milizie formate da combattenti che in larga parte si definiscono comunisti o quantomeno antifascisti e che hanno nelle zone in cui operano, oltre ad una funzione militare, anche una importante funzione politica, di sicurezza e di assistenza nei confronti di una popolazione stremata dall’assedio alla quale i partecipanti alla Carovana hanno distribuito aiuti alimentari, medicinali e altro. Al ritorno i materiali audio e video raccolti durante il viaggio e le testimonianze dei partecipanti hanno permesso di organizzare un elevatissimo numero di incontri informativi su una realtà che la politica e i media mainstream tendono a cancellare o a manipolare, descrivendo la resistenza delle popolazioni del Donbass come una ‘invasione russa’ o una sollevazione armata di formazioni locali ultranazionaliste.

Che cosa c’è dietro la famosa rivolta di piazza Maidan?

La rivolta di piazza Maidan è nata nell’autunno del 2013 a partire dall’iniziativa di un vasto arco di forze politiche liberali, nazionaliste e di destra ucraine, con l’aperto sostegno dell’amministrazione statunitense e dell’Unione Europea. La protesta è stata convocata nel centro di Kiev per opporsi alla decisione dell’allora governo Azarov e del presidente Viktor Yanukovich di bloccare la firma del trattato di Associazione tra Ucraina e Unione Europea che avrebbe condotto il paese nella sfera politica, commerciale e militare di Bruxelles e della Nato indebolendone la già fragile economia. Questi soggetti hanno sfruttato il malcontento popolare causato dalla crisi economica e dalla diffusione endemica della corruzione, ma dopo un breve periodo la protesta è stata presa in mano dalle forze più estremiste e militarizzata di destra e da formazioni neonaziste che si rifanno ad un personaggio come Stepan Bandera che durante la seconda guerra mondiale guidava una milizia favorevole agli invasori nazisti che è responsabile dell’uccisione di centinaia di migliaia fra oppositori politici e minoranze etniche. Usa e Ue si sono proposti come mediatori della crisi politico-istituzionale schierandosi di fatto al fianco dei partiti ultranazionalisti ucraini che hanno iniziato a chiedere la destituzione del presidente e la formazione di un nuovo governo senza la principale forza politica del paese – il Partito delle Regioni – uscita largamente vincitrice dalle elezioni. Quando ormai il governo aveva ceduto, firmando la propria capitolazione di fronte ai leader di Francia, Germania e Polonia arrivati a Kiev per sancire l’allargamento ad est dell’Unione Europea, gli squadroni di miliziani neonazisti hanno attaccato numerose sedi del governo e delle forze di sicurezza, mentre cecchini non meglio identificati sparavano in piazza Maidan contro i manifestanti e la polizia, permettendo così ai settori oltranzisti di impossessarsi del potere e di dare il via ad una ristrutturazione dello stato che si basa sull’anticomunismo e sulla persecuzione della consistente minoranza russofona e delle altre comunità non ucraine. Da allora il Partito Comunista è stato di fatto dichiarato fuori legge ed espulso dal parlamento grazie ain elezioni farsa, centinaia di sedi sindacali e politiche di sinistra sono state assaltate e chiuse, centinaia di dirigenti e militanti antifascisti sono stati uccisi o massacrati di botte. L’episodio più grave è rappresentato sicuramente dall’assalto fascista contro la Casa dei Sindacati di Odessa, il 2 maggio del 2014, quando molte decine di attivisti di sinistra e semplici lavoratori furono uccisi a sangue freddo o addirittura bruciati vivi da alcune squadracce di partiti fascisti e nazisti che nel frattempo avevano avuto accesso al governo golpista. Nel frattempo l’economia del paese, preda dei vari oligarchi che si sono impossessati del potere in misura ancora maggiore che in passato, è crollata ulteriormente, la moneta nazionale si è ampiamente svalutata e i vari governi che si sono succeduti in due anni hanno letteralmente consegnato il paese nelle grinfie della Nato, della Troika e del Fondo Monetario. Mentre la Nato, e gli eserciti di numerosi paesi europei, hanno iniziato ad armare e ad addestrare le forze armate ucraine impegnate nella repressione delle popolazioni dell’est, compresi i battaglioni neonazisti inquadrati nella Guardia Nazionale, Fmi e Troika hanno ottenuto dal regime golpista, in cambio di prestiti, la privatizzazione dei settori economici finora controllati dallo stato, licenziamenti di massa nel settore pubblico, l’aumento esponenziale delle tariffe dell’elettricità e del gas che pesano ora come un macigno su una popolazione ucraina sempre più stremata.

donbass

Che cosa vogliono i miliziani che lottano nel Donbass e da chi sono appoggiati?

Già durante la seconda fase della cosiddetta ‘rivoluzione di Maidan’ le popolazioni delle regioni del centro e dell’est dell’Ucraina cominciarono a mobilitarsi pacificamente a favore di una soluzione politica. Ma al momento del golpe, quando ormai era chiaro che il nuovo regime non aveva nessuna intenzione di rispettare il carattere plurinazionale dello stato ucraino, in molte città pezzi dei partiti di sinistra, dei sindacati, semplici cittadini e ad altre realtà hanno cominciato a organizzare dei comitati per impedire la presa del potere a livello locale delle formazioni banderiste, mentre la Crimea, dopo un referendum vinto a stragrande maggioranza, veniva annessa alla Federazione Russa. La strage di Odessa ha rappresentato, agli occhi degli ucraini dell’est, un momento di non ritorno: i ‘russi’ (cioè gli ucraini di lingua e cultura russa) erano considerati dal nuovo regime come un corpo estraneo, un nemico da liquidare e nessuna trattativa sarebbe stata possibile. È stato in quel momento che migliaia di persone, uomini e donne di tutto il paese e non solo dell’est, ma anche molti cittadini della Federazione Russa, hanno deciso di impugnare le armi per difendere il territorio aggredito e respingere l’assalto delle forze armate ucraine mentre dai comitati spontanei nascevano le due Repubbliche Popolari di Lugansk e Donestk. Kiev ha inviato l’esercito e i battaglioni nazisti in una operazione definita ‘antiterrorismo’ e dall’inizio dell’assedio al Donbass almeno 10 mila persone – ma ci sono stime che parlano di 50 mila – sono state uccise dai bombardamenti mentre circa 800 mila abitanti sono stati costretti a fuggire in Russia. Ad opporsi ai golpisti e a sostenere la sopravvivenza delle due entità ribelli sono forze politiche e sociali di vario tipo, dalla destra alla sinistra fino ai comunisti, all’interno di un fronte nazionale che al suo interno vede naturalmente anche uno scontro sul modello sociale ed economico da costruire. Allo stesso modo le milizie hanno carattere diverso, da quelle legate ad una visione nazionalista panrussa a quelle dei Cosacchi antifascisti fino a formazioni esplicitamente socialiste e comuniste. Se una parte delle milizie lotta per difendere e rafforzare le repubbliche popolari e farne uno stato indipendente che, magari in futuro, potrà ricongiungersi con la Russia, altre considerano la liberazione del Donbass solo la prima tappa di una battaglia più complessiva per la liberazione di tutta l’Ucraina dal giogo della Nato e dell’Unione Europea.

http://contropiano.org/