Laura Fois: “perché ho scelto la Sardegna”

laura_fois

Intervista a Laura Fois sulla sua coraggiosa scelta di tornare a vivere in Sardegna  nonostante il brillante curriculum e le buone prospettive all’estero e sulla sua esperienza da candidata alle comunali di Casteddu con Cagliari Città Capitale.

Perché hai rifiutato uno stage presso la Comunità Europea scegliendo di rimanere in Sardegna?

Molte volte mi son messa in discussione all’estero, facendo anche i lavori più umili. Quando a Londra avevo già un lavoro stabile e potevo far carriera, mi son detta che non era quello il posto in cui avrei voluto continuare a realizzarmi e a vivere. La Sardegna è stata la mia scommessa, quella più difficile ma anche quella più stimolante. Sono convinta che le opportunità ci siano anche qui, bisogna far fatica certo, più che in altri luoghi, avere pazienza, continuare ad aggiornarsi e presto o tardi si raccoglie ciò che si semina. Certo, viviamo in un periodo di grosse incertezze e precarietà, tuttavia ci sono più possibilità, anche nel campo del lavoro autonomo.

Militi da diverso tempo nell’indipendentismo. Come concili la militanza politica con le tue altre molteplici attività?

Non è un impegno a tempo pieno, ovviamente. Si sacrifica un po’ la vita privata ma è vero anche che si può far politica ogni giorno, scrivendo, partecipando e stimolando i dibattiti offline e online. Molte scelte che facciamo nel quotidiano possono essere un atto politico e credo che formare massa critica sia una delle priorità per compiere un processo collettivo e deciso di coscienza nazionale. Stiamo affrontando una crisi generalizzata della struttura partitica, ma la costituzione di sempre più liste civiche nelle tornate elettorali dimostra un certo moto e interesse dal basso che può essere interpretato sia come disaffezione ai partiti tradizionali sia voglia di contribuire a cambiare il sistema esistente. La politica deve studiare questi processi e coinvolgere i cittadini, non solo nel periodo delle elezioni. Come ProgReS, che è un partito giovane, organizziamo tutto l’anno diversi incontri, anche di formazione. Per le amministrative di Cagliari (si vota il 5 giugno), facciamo parte della coalizione civico-indipendentista di Cagliari Città Capitale, l’unica che mette in discussione il rapporto con lo stato italiano e che ritiene urgente avviare un processo culturale, sociale  e politico nuovo che dia concretezza emancipativa alla Sardegna. Siamo molto contenti del lavoro svolto, perché siamo riusciti a comporre una lista che rappresenta il mondo indipendentista cagliaritano (ne fanno parte infatti anche indipendenti ed esponenti di associazioni, anche universitarie), sia perché alla coalizione di Cagliari Città Capitale hanno aderito organizzazioni di cittadini impegnati e sensibili ai temi dell’ambiente, dell’energia e della cultura.

Che suggerimenti ti senti di dare ai neolaureati sardi che pensano che solo “fuori” ci sia un’alternativa?

I giovani oggi sono giustamente disorientati sia perché l’offerta formativa, dalle scuole alle università, spesso non è al passo con i reali bisogni del “mercato del lavoro”, sia perché l’offerta di lavoro è scarsa, limitata o è troppo specializzata. Allo stesso modo mancano molte competenze che richiede l’economia di Internet e professionisti digitali. Per questo il ruolo dei Comuni e della Regione deve essere anche quello di stimolare, prima dell’offerta, la domanda di lavoro, prestare cura e attenzione anche alla fase di recruiting, ed elaborare politiche volte a un’occupazione ragionata che abbraccia i vari settori, dall’agricoltura ai servizi. Solo fuori c’è un’alternativa? No, ma di certo le esperienze all’estero servono e sono altamente consigliate per temprare il carattere, assimilare nuovi punti di vista, osservare e riportare, ove possibile, best practices, e acquisire quelle esperienze che per diversi motivi non è possibile praticare qui. La Sardegna, da parte sua, deve avere la preparazione e il coraggio di proporsi essa stessa come un’alternativa aperta, seria, concreta e preparata alle sfide della modernità, in modo che anche qui sempre più persone vengano ad apprendere e a realizzare progetti e iniziative di respiro. internazionale. Impegniamoci tutti insieme.

Dicevamo che tra i tuoi numerosi impegni e passioni c’è la scrittura, in particolare i racconti. Ancora un sogno nel cassetto o progetto che sta prendendo corpo?

Scrivo da quando ero piccola, per passione e necessità. Sto per finire un libro, che ho in cantiere da ormai troppo tempo. Racconta la nostra generazione. Vorrei anche menzionare una delle mie recenti collaborazioni, quella con la rivista “Sardegna Immaginare”, un nuovo e ottimo prodotto editoriale cartaceo e online, semestrale e apolitico, che permette di scoprire angoli spesso sconosciuti agli stessi sardi. Per il resto sono sempre pronta a lavorare a nuovi contenuti e progetti.

http://www.cagliaricittacapitale.com/it/