Duro attacco del F. I. U. ad Abbanoa

500x300 CROLLO PLATAMONA SITO 2 px

Attacco durissimo quello del Fronte Indipendentista Unidu ad Abbanoa sulla nuova stangata annunciata con i conguagli regolatori dalla S.p.A. che gestisce l’erogazione dell’acqua.
Abbanoa ha recentemente chiesto altri 151 euro in media a utenza per coprire i buchi degli anni 2005-2011, un aggregato da oltre 100 milioni di euro. “Siamo alle solite – scrivono gli indipendentisti attaccando a muso dura la gestione della S.p.A. – “Abbanoa batte di nuovo cassa e lo fa chiedendo indebitamente ingenti somme ai sardi. Stiamo vedendo cosa significasse lo scongiurato fallimento di Abbanoa e il suo tanto decantato risanamento, dalla dirigenza di Murtas e Ramazzotti alla politica di riferimento con l’Assessore ai Lavori pubblici, Paolo Maninchedda”.

L’organizzazione indipendentista occupò la sede sassarese di Abbanoa nel 2015, denunciando la questione delle “bollette pazze”, cioè di quelle bollette da capogiro ricevute dagli utenti dopo anni e anni senza mai averne ricevuto prima. Una gestione – quella dei vertici di Abbanoa e dei comuni che ci stanno dietro, come Sassari e Cagliari – completamente da bocciare.

Il Fronte Indipendentista Unidu si domanda infatti come sia possibile che, dati i risultati così deficitari del Gestore Unico da tre legislature a questa parte, alla dirigenza ci sia sempre il sig. Sandro Murtas nel ruolo di Direttore generale.



Contestualmente, l’Adiconsum Sardegna, che aveva già collaborato lungo il 2015 con il FIU nella regione del Goceano, ha indetto un’assemblea pubblica e informativa nella quale il presidente regionale Giorgio Vargiu illustrerà la situazione relativa ai recenti conguagli regolatori.

Associazioni di categoria, movimenti e comitati, in attesa di chiarire condizioni e prospettive per l’azione contro l’ennesimo balzello di Abbanoa S.p.A, invitano alla calma e al non pagare in attesa di una posizione unanime e dettagliata, che metta al sicuro l’utenza dalle rappresaglie di Abbanoa che, dal canto suo, esorta al pagamento e stigmatizza inviti alla riflessione e opposizione, paventando la messa in mora dei non paganti e conseguenti slacci.

http://www.fronteindipendentista.org/it/notizie/comunicati.html