H24: l’ira dei commercianti Sardi

IMG_4811

È diventata una festa fatta anche di balli, musica e risate la spesa civica che associazioni, movimenti e sindacati hanno organizzato ieri mattina al mercato comunale di via Quirra a Cagliari.
Dal 4 luglio il supermercato Carrefour di Quartu Sant’Elena ha adottato le stesse politiche aziendali attuate in molti punti vendita della multinazionale francese in continente: apertura H24 e sette giorni su sette.
La tendenza delle grandi catene commerciali è chiara, infatti con questa manovra fanno sì che la concorrenza dei piccoli commercianti e produttori locali venga pian piano appiattita, al fine di conquistare completamente il mercato sardo dell’agroalimentare.

È per questo che la Confederazione Sindacale Sarda, il Fronte Indipendentista Unidu, il Partito Comunista dei Lavoratori, Altra Sardegna e S’Idea Libera hanno convocato una mobilitazione nella giornata di ieri, 9 luglio, in modo da sensibilizzare cittadini e commercianti riguardo la mancanza di una politica capace di realizzare una sovranità alimentare sarda.

Gli attivisti, i commercianti e numerosi clienti hanno discusso a lungo sull’assurdità della dipendenza alimentare dei sardi dalle multinazionali, le quali ci propinano cibo spazzatura che oramai imbandisce l’80% delle nostre tavole.

I militanti hanno ascoltato con attenzione la rabbia dei lavoratori del mercato, che lamentano la concorrenza sleale della grande distribuzione, chiedendo una regolamentazione precisa che impedisca le aperture selvagge; difatti i mercati civici non possono aprire né le domeniche né il pomeriggio.

IMG_4755

Molta indignazione è emersa anche a causa della questione sfruttamento, cui sono sottoposti i lavoratori dei centri commerciali sia perché sono obbligati a turni massacranti, sia perché la loro diaria è tra le più basse d’Europa.

“È l’inizio di un percorso che intendiamo portare avanti – sostiene Vincenzo Monaco della Confederazione Sindacale Sarda – poiché dalla riconquista del mercato agroalimentare ritroveremo il benessere della nostra Terra”.

Saras ed Esercito zittiti all’Università di Cagliari

occupazione militare

È durato meno di dieci minuti il IX seminario anti-inquinamento organizzato dalla Marina Militare e l’Università di Cagliari con la partecipazione della SARAS nell’aula magna della cittadella universitaria di Monserrato. Il seminario doveva essere associato all’esercitazione nelle acque del golfo di Cagliari.

Ma lo spot di Saras e Marina Militare, gentilmente concesso dall’Università di Cagliari, è stato interrotto dagli attivisti del Comitato Studentesco contro l’Occupazione Militare che hanno tirato fuori uno striscione e hanno interrotto lo scandaloso teatrino scandendo slogans.

Gli studenti si sono opposti alla presenza di Militari e SARAS all’università di Cagliari e hanno anche contestato duramente la rettrice Del Zompo che si è prestata ad avallare gli interessi dell’economia di guerra e di sfruttamento della Sardegna.

“Oggi a sloggiare da casa nostra siete stati voi” – hanno esultato gli attivisti del Comitato a fine giornata – riferendosi alla quotidiana oppressione subita dal popolo sardo determinata dall’occupazione militare.

Intervista a Pietro Simon Mossa.

Il 22 novembre ricorrerà il centenario dalla nascita del grande intellettuale indipendentista Antoni Simon Mossa. Per l’occasione, l’associazione sarda Pro no ismentigare diretta da Domitilla Mannu, ha voluto dare alle stampe due testi inediti.

AntoniSM

Pubblicati dalla EDES, Editrice Democratica Sarda, col contributo della Fondazione Banco di Sardegna, i libri, col testo italiano a fronte, s’intitolano “Evangelios” e “El pont retrobat” e sono rispettivamente in sardo e in catalano, lingue che Mossa conosceva perfettamente e per la cui difesa e promozione si batteva.

Abbiamo intervistato il figlio di Simon Mossa, Pietro.

Hai davvero bisogno dei supermercati sempre aperti?

13599074_10208665753633030_603928727_n

Andranno al mercato comunale di via Quirra a Cagliari per manifestare la loro contrarietà all’apertura dei supermercati e dei centri commerciali aperti 24 ore su 24 e sette giorni su sette. Questa è la forma di mobilitazione decisa da un cartello di associazioni, sindacati e movimenti politici all’indomani della decisione del Carrefour di Quartu S. Elena di aprire anche la notte.

I sindacati avevano annunciato a mezzo stampa la possibilità di uno sciopero, come del resto si è fatto anche in Italia dove la multinazionale ha adottato la stessa strategia aziendale.

Ma in Sardegna la protesta ha travalicato il confine sindacale e ha portato diversi soggetti politici e sociali ad aprire un percorso di contrapposizione all’«apertura selvaggia di supermercati e centri commerciali».

Così sabato 9 luglio, alle ore 10:30 la Confederazione Sindacale Sarda, il Fronte Indipendentista Unidu, il Partito Comunista dei Lavoratori, l’Associazione Altra Sardegna e il collettivo S’Idea Libera si sono dati appuntamento al famoso mercato cagliaritano di via Quirra per sensibilizzare la gente e i commercianti sulla presenza invasiva della grande distribuzione.

Tutto incominciò con il Governo Monti, sostenuto dal centrosinistra  – spiegano gli attivisti – perché con il decreto “Salva Italia” venne liberalizzata totalmente la possibilità di apertura dei megamercati, 24 ore giornalieri, 7 giorni su 7, mentre prima la competenza era nelle mani di Comuni e Regioni.

Da allora in Sardegna la presenza della GDO, già elevatissima rispetto al numero degli abitanti in confronto alla media europea, si è fatta sempre più invadente mettendo alle corde piccola distribuzione, mercati civici e rionali e spesa a Km0. Il risultato è che in Sardegna si importa circa l’80% dei prodotti agroalimentari e moltissime aziende sono al collasso. Inoltre i mega centri hanno adottato nel tempo forme sempre più dure di sfruttamento dei lavoratori fino ad arrivare, in diversi casi, a vere e proprie forme di mobbing costringendoli a turni massacranti, flessibilità pressoché totale e una precarietà fisiologica. La diaria di un lavoratore della GDO nello stato italiano è una fra le più basse d’Europa.

L’appuntamento è sabato 9 luglio alle ore 10:00 in via Mandrolisai 60, poi gli attivisti si recheranno armati di volantini, striscioni e megafono al Mercato comunale dove interagiranno con clienti e lavoratori per spiegare le proprie ragioni.

di seguito l’articolo dell’Unione Sarda che annuncia l’apertura h. 24 del Carrefour di Quartu S. Elena

http://www.unionesarda.it/articolo/notizie_economia/2016/06/11/la_svolta_di_carrefour_a_luglio_e_agosto_l_ipermercato_aperto_24-2-505628.html

evento fb della mobilitazione “Hai davvero bisogno di supermercati sempre aperti?”

https://www.facebook.com/events/1028123823932664/

A si laureare in sardu est possìbile

beccu

Lisandru Beccu, classe 1986, istat in Silanos, laureadu in infermierìstica, ativista de s’Assòtziu Su Majolu, articulista in su giornale in rete Sa Gazeta

Ocannu ses istadu s’ùnicu a àere iscritu sa tesi de infermierìstica in sardu. Cumintzamus cun una pregunta de “turista”: podes ispiegare a sos letores nostros ite t’at ispintu a iscrìere sa tesi in sardu? In cale manera su sardu est ligadu a su tema chi as giutu in sa tesi?

Chi isca deo so istadu su primu a iscrìere una tesi de infermierìstica in sardu e pro como est s’ùnica tesi in sardu de su dipartimentu de meighina. S’ùrtimu traballu in sardu in unu dipartimentu sientìficu fiat de 30 annos a como. Su reladore fiat Bainzu Piliu, professore de chìmica.

In antis de totu custa tesi l’apo iscrita in sardu ca mi pariat bastante normale a lu fàghere. Posca fintzas ca apo chertu dare importu a sa limba nostra lassende unu documentu sientìficu a disponimentu pro totus. In prus, s’argumentu de sa tesi est de interessu mannu ca rapresentat unu problema mannu de s’ìsula nostra: su diabete de tipu 1.

Bides s’atzione tua comente a un’atzione militante, o est pro tene s’issèberu prus normale de su mundu?

Pro mene, comente apo giai naradu in antis, est unu sèberu normale, mescamente ca in sardu chistiono e iscrio cada die. Est beru però chi, a como, in Sardigna, sa situatzione linguìstica est drammàtica. Est custu su chi faghet intèndere s’atzione mia comente un’atzione militante o polìtica. Posca si cunsideramus chi su mundu de s’amministratzione pùblica e su mundu tecnològicu e sientìficu s’espressant petzi in italianu cumprendimus totu. Su mèritu duncas no est su meu, pagu ma seguru. Sunt sas istitutziones sas chi ant su demèritu.

Gente meda narat chi in sardu non si podet faeddare de sièntzia, ma ischimus chi sa sièntzia e sa tecnologia sunt prenas de latinismos, e tando est fàtzile meda truncare sas creèntzias comunes e sardizare totu su vocabulàriu chi nos serbit pro numenare sos ogetos de sa modernidade nostra. 

Custu est un’istereòtipu arraighinadu bene in sas concas de chie non connoschet sas dinàmicas de sas limbas e in custu casu de su sardu. Sigomente semus faeddende de una limba, devimus cunsiderare in automàticu chi podimus faeddare e iscrìere de cale si siat argumentu. Comente ais naradu bois etotu, su lèssicu sientìficu e tecnològicu de cada limba est prenu de paràulas de derivatzione latina e greca. Si custu non bastat, semus fintzas autorizados a leare in prèstidu dae àteras limbas sas paràulas chi in sardu non tenimus. Lu faghent sas àteras limbas e non bido pro ite non lu podimus fàghere cun su sardu.  Bos naro chi dificultade o problemas mannos non nd’apo tentu. Apo pregontadu cussìgios a amigos, a cumpàngios e a espertos petzi pro carchi duda.

Cale critèriu ortogràficu as impreadu? Pro ite pròpiu cussu? Amus bisòngiu de un’istandard?

Apo impreadu s’istandard gràficu isperimentale de sa Regione, sa LSC. Est una norma chi impreo a s’ispissu cando iscrio ca li dat autoridade a sa limba. Apo impreadu sa limba sarda comuna ca oramai connosco bene sas règulas e ca, a pàrrere meu, aunit totu su sardu sena lu partzire cun làcanas o barrieras. Si andamus a bìdere sunt sas matessi làcanas chi partzint sa conca de sos sardos. Ma non nche chèrgio intrare in chistiones de polìtica linguìstica.

Su chi devimus cumprèndere est su fatu chi in unas cantas situatziones dislindadas devimus impreare unu tzertu tipu de forma. Ca, si bi pensamus, s’impreu de cada die de una limba est diferente dae s’impreu professionale. In su sensu chi pro iscrìere una lìtera a un’amigu devo impreare unu lèssicu ispetzìficu, chi est diferente dae su lèssicu chi potzo impreare pro faeddare de informàtica o de meighina. Custu càpitat in totu sas limbas.

B’at pagos pretzedentes de tesi iscrita in sardu. Escluende su problema de sa cumpetèntzia, sa cantidade minore est pro tene unu problema mescamente burocràticu o est unu problema de birgòngia?

Ite dias cussigiare a sos istudiantes chi tenent una mesa intentzione de iscrìere sa tesi issoro in carchi limba de Sardigna? A pàrrere meu est siat unu problema de birgòngia e siat unu problema de abitùdine a s’impreu. Sa gente no l’ischit nemmancu cale est s’iter burocràticu pro pòdere presentare una tesi in sardu. Duncas, si est, cussu est unu problema chi benit a pustis. Su fatu est chi semus postos male meda. Sos pitzinnos e sos giòvanos faeddant e iscrient petzi in italianu. Cando lu faghent in sardu timent a fàghere faddinas. Custa faina est unu deterrente mannu e tocat de la cumbàtere.

S’apellu meu andat a totu sos giòvanos chi si devent laureare. S’ispera est sa chi deo potza fàghere de esempru a medas. A fàghere una tesi in sardu o in una de sas limbas de minoria est una faina de importu mannu ca dat dinnidade a sa limba nostra.

Si calicunu chi at s’idea de fàghere unu traballu gosi mi cheret pregontare cussìgios apo a èssere a disponimentu pro li ghetare una manu de agiudu.