Su Mortu Mortu

llA ri dì d’oggi, li tradizioni nostrhi so andendi sempri più ipparendi pà lagà lu loggu a chissi chi n’arribani innè fora, pa dinni una Halloween, una festha chi pari più un “carrasciari” cunsumisthigu chi althru.

Innè noi, basthamenti, li mosthi s’ammintabani cun la festha di “Li mosthi mosthi” o “Su mortu mortu” in sardhu, i ra notti drentu a lu 31 di santuaini e lu 1 di Santandria.
Li femmini, candu l’ommini erani fora di casa pa trabaglià, priparàbani li pabassini, altrhi dozzi e la tzena, addabboi apparicciavani ra banca e puniani unu piattu cun lu magnà chi priffiriani li mosthi, un pezzu di pàni, una tatza d’eba o vìnu. Tuttu ghisthu kena mai la furchetta o lu cultheddu, acchì si cridia chi li morthi pudiani fa mari a ga v’era in casa. I ra janna o i ri baschoni, dubia d’assè postha la “candera isthiarigga” cumenti tandu si dizzia, pà fa luzzi a li mosthi.

Li pitzinni, visthuddi cun lu chi acciappabani, isciani in carrera a priguntà figga secca, mera, nozi o calchi soldhu, e si dazziani in ciambu prighieri pa onorà li mosthi, acchì no erani da timì, dizziani l’antigghi. Inveci, ri piccinneddi d’abà andani a zoccà la janna e prigunteggiani “Dolcetto o scherzetto”, cumenti fazzini in America ma puru in Inghilterra, ca sigundu eddi, si dizzi chi in chissa notti jirani l’ipiriti marigni. Chistha è la diffarentzia drentu la nostrha festha e la d’eddi.

Si cuntàba puru, sempri i ra notti drentu a lu 31 di santuaini e lu 1 di santandria, chi v’erani li fantàsimi di chisthi fraddi chi faràbani in pruzissioni, accuguddaddi e cun li caddeni a li giambutzi, da la geja di Santu Jagu di Taniga (abà San Camillo, i la carrerra beccia pa andà a Sossu), pa avviassi a ru campusantu.

Pianu pianu, tutti chishti gosi pari siani andendi e ipparendi, pa dà loggu a ri più nobi e famosi custhumi chi so arribiddi da fora ma, pa furthuna, vi so passoni chi in ri ziddai e in li biddi di la Sardigna, so fendi di ru tuttu pa ammintà a ri pitzinni d’oggi cuari so li nosthri tradizioni e li nosthri radizzi, siddaddu e patrimòniu di l’isthòria sassaresa e sardha tutta.

Imparare sa limba che a traballu: Dimandas a Gloria Turtas

11903733_10207632196863558_3844658768719845028_n

Dimandas a Gloria Turtas a pitzu de s’esperièntzia sua de mastra de sardu in Germània.

1. Bortas meda si narat chi cun su sardu non si andat a logu, imbetze ses andada in Germània. A nos podes contare s’esperièntzia tua?

S’esperièntzia mea chin sa Germània incumintzat carchi annu fachet, in totu bi so istata duas vias pro motivos de istùdiu chin su programma Erasmus. Sa prima via so istata in una vidda acurtzu a Istoccarda pro dare carchi esame e imparare su tedescu: solu pro casu apo iscobertu chi in s’Universitate de cussa tzitate fachiant cursos de sardu e so andata a sichire una cunferèntzia. Sa die, est istatu un’ispantu abberu a videre gai metas istudentes interessatos e, tra cussos, apo connotu una pitzinna (tedesca semper) chi faeddaiat in sardu. A foras de Wagner, no ischia galu de totu custu interessamentu pro su sardu in Germània.
Sa secunda via apo àpitu sa possibilitate de torrare a s’èsteru presentande unu progetu de tirocìniu. Una die abbeglio sa Nuova Sardegna e lego chi unu professore tedescu aiat fatu unu cursu de sardu in Germània; l’apo iscritu deretu una mail bilingue, in sardu e in tedescu. Sa cosa prus difitzile in cussu mamentu est istata a usare su sardu in manera “formale”, incumintzande da “Gentile professore” o “Cordiali saluti”; una cosa chi, si bi pesso, non mi fit mai capitata in totu sa carriera universitària in Sardigna. Pacas dies dopo, su professore m’at cramatu dimandàndemi si cheria facher unu cursu de sardu pro sos istudentes de s’Universitate: unu cursu de grammàtica base (artìculos, pronùmenes, verbos) acumpantzatu dae letziones de cultura. Sos istudentes fint totu interessatos e motivatos: m’ammento chi, sa die chi los apo fatos jocare a sa murra pro lis imparare sos numeros, una pitzinna su sero m’at iscritu in whatsapp chi aiat jocatu a sa murra totu su sero chin s’amoratu suo e chi, un’atera via, una pitzinna fit totu cuntenta ca aiat connotu unu sardu e chi b’aiat iscambiatu carchi paraula. Aiant cumpresu deretu chi su sardu est una limba via e chi si potiat usare in foras de sa crasse, e fit propriu su chi lis cheria trasmìtere.

2. Como chi ses torrada, tenes àteros progetos pro sa limba sarda?

Prima de totu so iscriende sa tesi de laurea magistrale, chi pertocat semper su sardu; sa de sa làurea triennale l’apo fata in linguìstica sarda, e mi piaghiat a sichire in custu caminu. Mi so laureande in Lìteras e, pessande a su tempus imbeniente, mi diat piaghere a travagliare in sas iscolas e mancari facher carchi progetu. Pro como apo duos àteros progetos, unu de tradutzione e unu de indàgine linguìstica uve travàglio chin àteras pessones.

3. Ite si diat a fàghere pro torrare a batire s’impreu de sa limba in sas comunidades nostras?

Pesso chi sa cosa prus importante, ma no est contu de novu, siat a incumintzare dae sas iscolas: bisontzat chi sos mastros sient formatos e chi s’insegnamentu in sardu siet regolare. Metas vias su problema no est solu chi sos babbos e sas mamas non faeddant in sardu a sos pitzinneddos, ma puru chi in iscola sa limba de sas mastras, de sos cumpantzeddos e duncas de su jocu no est su sardu. Apo connotu pitzinnos chi finas a sos 4-5 annos faeddaiant in famìglia petzi in sardu, ma dopo chi annaiant a s’iscola materna o elementare ghiraiant a domo faeddande solu in italianu.
Numenande pròpiu sas “comunidades”, sicundu mene su travàgliu de s’iscola devet chircare de acurtziare non solu sos pitzinnos a su sardu, ma finas sas famìglias issoro, chircande sa collaboratzione de sos parentes chi galu ischint faeddare in sardu. Comente non bastat solu su sardu in domo, non bastat nemmancu su de s’iscola.

4. Tue no impreas sa grafia istandard, ma pro como preferis impreare sa faeddada tua fintzas iscriende. Non pensas chi sena s’istandard su sardu at a abbarrare una limba chi no est ufitziale, e tando at a èssere intesa che a unu dialetu dae sos sardos matessi?

Jeo non so contra a un’istandard, assolutamente, est làtinu chi unu ente regionale non potat facher documentos in dontzi faeddu de Sardigna, e gai puru unu giornale o unu libru non potat essire in chentu variantes. Non mi òcupo de polìtica linguìstica, apo fatu custu issèperu solu ca a livellu didàticu e in cussu mamentu, mi pariat sa cosa mentzus. Pro nàrrere, pro cussu cursu fatu in Germània b’aìamus pacas oras sa chita e, vocàndenche sa cultura, in su tempus chi restaiat mi pariat prus importante a lis imparare a fàchere un’arrejonu pràticu chi unu testu iscritu.
Semper a livellu didàticu, un’esperièntzia chi m’at fatu pessare est istata cando apo dèvitu travagliare chin sos pitzinnos de una vidda pro un’àteru progetu, uve s’obietivu non fit de lis imparare su sardu ma de vìdere comente l’ischiant. Dopo de lis aer datu unu testu in su faeddu de sa vidda, custos pitzinnos ghiraiant a domo issoro totu cuntentos dimandande su significatu de sas parulas chi aiant imparatu in crasse, torrande a dare su “testimone” a sa famìglia chi fit prus cuntenta de issos de los poter ajuare. E tando, m’apo pessatu chi custa potet esser una prima “collaboratzione” iscola-famiglia chi potet funtzionare, mescamentu a s’incomintzu: chi sos pitzinnos ghirent a domo e chi in domo los potant ajuare a facher sos cròmpitos, chi imparent comente si narat una paràula chi potent usare deretu in cussa comunitate, lassande a unu secundu livellu “comente si iscriet”. Chi poi, no est chi una limba “faeddata” no apat règulas de iscritura, bisontzat imparare chi sas paragògicas non si iscrient, chi totu sas consonantes a sa fine cherent iscritas… e custa puru est una prima “alfabetizatzione” chi servit a un’istandard. Totu dipendet dae su livellu de sa crasse; cando sa cumpetèntzia de su sardu at a esser prus forte, ant a dever imparare issos puru s’istandard.

La Sardegna e i migranti: tra luoghi comuni e problemi reali

bambino-nero-sardoDomenica  23 ottobre 2016, il circolo cagliaritano ME-TI ha organizzato un seminario di studio su “I Migranti e la Sardegna”. Abbiamo intervistato Enrico Lobina, relatore al seminario e collaboratore del gruppo di lavoro della RAS sulle politiche migratorie.

  1. Perché i migranti sbarcano in Sardegna? Quali sono le cause delle attuali ondate migratorie?

I migranti che sbarcano direttamente in Sardegna sono molto pochi, e provengono maggiormente dall’Algeria. L’Algeria ha, dal punto di vista socio-politico, una situazione distinta e peculiare rispetto agli altri Paesi dell’area Mediterranea; gli algerini raggiungono la Sardegna perché è più vicina. In ogni caso, la quasi loro totalità ha un progetto di vita che non comprende la Sardegna, che viene vista come terra di passaggio.

Il resto dei migranti o, meglio, dei richiedenti protezione internazionale, che vengono in Sardegna, giungono qua a seguito di un piano nazionale (n.d.R. statale) di ripartizione dei richiedenti protezione internazionale.

In questi ultimi anni sono aumentati a dismisura i flussi migratori non programmati, cioè le persone che arrivano in Sardegna ed in Italia, e poi in tutta Europa, non seguendo le politiche migratorie che, per quanto riguarda l’Italia (e conseguentemente la Sardegna) sono regolamentate da una legge del 1998 e dai flussi programmati.

Le stime che si possono fare, riguardo il futuro, sono le più disparate. Secondo la fondazione ISMU (Iniziative e studi sulla multietcnicità) si possono fare due ipotesi: secondo la prima ipotesi i flussi migratori dell’Africa verso la UE-28 (con la Gran Bretagna) sono stimati per circa un decennio attorno alle 350.000 unità, con un successivo rialzo a 380.000 tra il 2026 ed il 2030. C’è poi una ipotesi più bassa, per cui nel periodo 2021-2025 il flusso annuale sarà di poco superiore alle 300.000 unità, con aumento a 330.000 unità tra il 2026 ed il 2030.

I migranti in Sardegna: numeri e tendenze.

lolaRispetto all’Italia, e rispetto all’Europa occidentale, il numero di stranieri presenti in Sardegna è molto più basso.

Gli stranieri presenti sono sia comunitari, che dell’est Europa, che africani ed asiatici. Le realtà sono le più varie, e nell’area metropolitana di Cagliari, nonché ad Olbia, si raggiungono percentuali che superano il 5%.

Ogni fenomeno sociale legato alle comunità di origine va studiato sia in modo singolo, sia in relazione a dinamiche lavorative, economiche e sociali più generali, e naturalmente in relazione ad una progressiva diminuzione dei diritti dei lavoratori e della dismissione dello stato sociale.

Si pensi solamente al fenomeno delle badanti, che potrebbero arrivare ad essere 6.000 di quei 47.000.

A fronte di un flusso migratorio in entrata, esiste un forte flusso migratorio in uscita, di sardi, di diversa estrazione sociale, i quali si trasferiscono, per diverse ragioni, o in Italia o, nella maggior parte dei casi, fuori dall’Italia.

 I richiedenti asilo in Sardegna: numeri e tendenze.

lola2Nel mondo i “displaced” (N.d.R. “sfollati”) sono uno su cento. In Sardegna i richiedenti protezione internazionale sono uno su trecento. È un fenomeno che interessa soprattutto i Paesi in cui esistono i “displaced” ed i Paesi confinanti (un esempio emblematico è Libano).

In Sardegna negli ultimi 4 anni sono arrivati circa 13.000 persone di flussi migratori non programmati. Nei CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria) e negli SPRAR (Servizio Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) sono circa 5.000 le presenze. Questo significa che in 4 anni circa 8.000 richiedenti protezione internazionale hanno abbandonato la Sardegna.

La gestione dei CAS è del Ministero degli Interni. Il sostegno economico per ogni richiedente protezione internazionale è di 35€ a migrante al giorno, che viene incassato dai gestori e solamente in una parte minima (pocket money) dai richiedenti protezione internazionale.

  1. Purtroppo anche in Sardegna si moltiplicano episodi di intolleranza e razzismo. Cosa vorresti dire a chi cede a questi impulsi?

In Sardegna ha poco senso parlare di “integrazione”. Dovremmo parlare di “interazione”, e cioè trovare il modo di unire la fame di lavoro e dignità che hanno i sardi, giovani e non, che non vogliono emigrare e si vogliono sacrificare per una vita degna di essere vissuta, con il medesimo desiderio che hanno la stragrande maggioranza di coloro i quali compiono una attraversata dolorosissima ed arrivano in Sardegna.

Alle persone che cedono ad impulsi razzisti direi esattamente questo: dobbiamo costruire insieme un futuro per il popolo sardo e, stante le condizioni attuali, c’è spazio per tutti.

Così come per tanti fenomeni sociali, anche quello degli sbarchi e dei richiedenti protezione internazionale va governato, con una idea precisa di ciò che si vuol fare. Ritengo sbagliate le politiche europee nel Mediterraneo, che devono cambiare completamente. Allo stesso tempo, dobbiamo praticare forme di interazione tra richiedenti protezione internazionale, inedite ed innovative, che significa migliorare la società in cui viviamo. Il modo con cui oggi viene gestito il fenomeno è sbagliato, ma ancora più sbagliato è dare la colpa a chi arriva in Sardegna, cioè in Europa, per avere un futuro migliore. Se tra questi, poi, vi sono persone che delinquono, esse vanno trattate esattamente come vengono trattate le altre, ma stiamo in ogni caso parlando di una percentuale piccolissima, insignificante.

  1. Molti sostengono che non sia equa la divisione delle quote europee per gestire il fenomeno. Dicci la tua opinione.

L’Europa della Merkel e della Banca Centrale hanno lasciato i Paesi del Mediterraneo componenti la UE soli di fronte ad un fenomeno epocale.

Al contrario, bisogna dare risposte nel breve, medio e lungo periodo. Cagliari Città Capitale si pone in una ottica di governo, e fenomeni come questi vanno governati. Non avrebbe alcun senso assumere atteggiamenti caritatevoli o rifugiarsi in un “accogliamoli tutti”.

In generale, rifiutiamo l’atteggiamento di chi evita il problemi, di chi attacca senza proporre soluzioni.
Lo ius sanguinis (cittadinanza e diritti in base al sangue) e lo ius soli (cittadinanza e diritti in base allo stabilimento su un territorio per un lungo periodo) stanno mostrando tutti i loro limiti. E se si introducesse il principio dello ius loci, cioé che una persona che sta in un territorio, e ci vuole stare, diventa parte della comunità, con i suoi diritti ed i suoi doveri?

Lo ius loci ha affinità con lo ius soli, ma oggi è difficilissimo acquisire la cittadinanza.

La gestione dei CAS è diseducativa e controproducente sia per gli ospiti, siano essi minorenni o maggiorenni, sia per le distorsioni economiche che produce (flussi consistenti di denaro mal utilizzati, lavoro nero), sia per le ricadute negative dal punto di vista sociale: “i soldi vengono spesi per i neri e non per noi?”. La guerra tra poveri c’è già, ed è fortissima.

Nel breve periodo la risposta deve essere sociale, col reddito di cittadinanza ed un nuovo modello di sviluppo.

I CAS e gli SPRAR non possono essere più gestiti come vengono gestiti ora. Chi sta nei CAS e negli SPRAR deve essere utile alla società, e viceversa.

Ciò non toglie che bisogna raccogliere tutti dal mare, rafforzare corridoi umanitari e garantire una vita dignitosa a tutti.

Nel medio periodo serve una risposta europea, rivedere il sistema dei flussi, rivedere le relazioni internazionali con molti Paesi del Mediterraneo, sviluppare una politica mediterranea.

Deve rimanere una politica dei flussi.

Bisogna rivedere la politica estera e le relazioni internazionali verso i Paesi di provenienza, abbandonando ogni tono ed atteggiamento neocolonialista. L’atteggiamento dell’UE, con l’accordo con la Turchia e con le chiusure nell’Europa orientale, centrale e settentrionale, è inaccettabile. Al contrario, la Merkel ha dichiarato che vuole replicare l’accordo UE-Turchia nei confronti dell’Egitto e, mi pare, anche nei confronti del Sudan.

Nel lungo periodo bisogna uscire dalla NATO e praticare una politica di neutralità, abbandonare definitivamente ogni sostegno ad Israele e ripensare completamente le relazioni tra popoli nel Mediterraneo.

  1. A tutt’oggi sono moltissimi i sardi che continuano ad andare via per cercare lavoro. Siamo anche noi coinvolti nel grande fusso migratorio che caratterizza il nostro tempo?

Sì, i sardi sono coinvolti. In una fase storica in cui il XXI secolo, per via di precise scelte di politica economica e politica estera europee ed italiane, rischia di essere il secolo di un tentativo di genocidio sociale del popolo sardo, questo comporta un fortissimo flusso migratorio, che è il risultato e la spia dello stesso genocidio.

La costruzione di una proposta politica alternativa non può aver luogo senza una forte mobilitazione sociale di massa, che oggi è assente. Il processo che abbiamo iniziamo prende atto, in modo problematico, di questa situazione e lavora per un radicamento sociale che contribuisca alla nascita di una mobilitazione sociale di massa sui temi del lavoro, dell’ambiente, della cultura.

Blocco Natzionale contro l’inceneritore di Tossilo

14826417_10209653484765691_1451448557_nGli indipendentisti uniti aderiscono alla manifestazione contro l’inceneritore di Tossilo.

La manifestazione, indetta dalla nuova formazione indipendentista Libe.R.U. e dall’Associazione Temporanea di Idee “14 dicembre”, sarà di protesta contro la decisione del Consiglio di Stato di annullare la sentenza del TAR e di procedere dunque alla costruzione del mega inceneritore di Tossilo. L’evento ha fin da subito avuto buoni riscontri da parte dei sardi, nonché sindaci del territorio, comitati e gruppi politici, che hanno colto la palla al balzo per scendere in piazza e manifestare la propria indignazione per una decisione percepita come antidemocratica e contraria alla volontà delle comunità.

C’è dunque molta attesa per sabato 29 ottobre, quando a Tossilo (Macomer) i sardi contrari al progetto scenderanno in piazza a muso duro contro la costruzione dell’inceneritore.

Di ieri sera la notizia dell’adesione del blocco civico-indipendentista «per l’Alternativa natzionale», presentato lo scorso 15 ottobre al T-Hotel a Cagliari.
Di per sé questa è una notizia, perché è la prima volta che movimenti indipendentisti e civici uniti in un percorso comune (anche se ancora incompleto- come hanno dichiarato gli autori stessi) aderiscono ad una manifestazione di rilevanza nazionale.
«Quello che sta avvenendo attorno al revamping (ampliamento) dell’inceneritore di Tossilo ha dell’incredibile» –si legge in una nota diffusa ieri sera da due delle componenti del blocco civico-indipendentista –«Da una parte ci sono i comitati territoriali, l’unione dei comuni, le associazioni civiche e i cittadini sardi, che negli ultimi anni si oppongono a un progetto obsoleto dannoso e inutile. […] Dall’altra parte c’è solo il presidente Pigliaru e la sua Giunta che, con un atto sconsiderato e arrogante, con l’espressione più bieca del potere sordo e insensibile alle legittime rivendicazioni e istanze delle popolazioni locali e di tutti i sardi che vogliono vivere in una terra sana e pulita, ha impugnato la sentenza del TAR Sardegna».

Altra novità è l’annuncio di scendere in piazza portando solo le bandiere nazionali e non quelle di partito.
Stiamo forse assistendo realmente alla nascita di un movimento di liberazione nazionale sardo finalmente unito e coeso?

L’appuntamento è fissato per sabato 29 ottobre alle ore 10:30 davanti ai cancelli dell’Inceneritore di Tossilo.

Contro l’inceneritore di Tossilo – Manifestazione 29 ottobre

inceneritore2-372x221“Non posso immaginare uno Stato centrale che impone ai territori qualcosa che non vogliono.”
Il presidente Pigliaru lo disse il 13 ottobre, appena dieci giorni fa, in occasione della dichiarazione di sostegno al Si per il referendum costituzionale. Ed ecco che la IV sezione del Consiglio di Stato ha sospeso la sentenza contro l’inceneritore emessa dal Tar Sardegna, sentenza per cui i cittadini, numerosi sindaci sardi, comitati di lotta, organizzazioni ecologiste e indipendentiste hanno lottato e si sono schierati.

Nonostante la contrarietà palesatasi durante la lunga mobilitazione popolare, lo Stato centrale ha imposto qualcosa che i cittadini non vogliono- dichiarano gli organizzatori Associazione Temporanea di Idee “14 dicembre” e Libe.r.u.
A dare man forte a questo sopruso di Stato è stata proprio la Regione, che si è appellata alla decisione del Tar, ponendosi essa stessa quindi contro la chiara volontà dei cittadini.
Dopo l’accaduto è più chiaro cosa sia accaduto con la firma del “Patto per la Sardegna”, firmato con Renzi a fine luglio scorso: in esso, infatti, era già presente la voce di finanziamento dell’inceneritore di Tossilo, nonostante in quel momento il Consiglio di Stato non si fosse ancora pronunciato. Si dimostra, dunque, una becera premeditazione da parte degli organi.

Mentre tutta Europa procede allo smantellamento degli inceneritori, in Sardegna li si finanzia.

Appare altresì sconcertante che dal Piano Regionale sui Rifiuti emerga che questo gigantesco finanziamento di oltre 40 milioni serva per un impianto che dovrà essere spento entro il 2030. Un costosissimo impianto che, dopo il tempo di costruzione, resterà in funzione appena dieci anni: sarà impiegato giusto il tempo di risolvere il problema rifiuti delle grandi città italiane.
Queste vicende assumono chiaramente i connotati della presa in giro e, ovviamente come al solito, dell’imposizione coloniale contro i cittadini sardi, contro il loro diritto alla salute, dato che l’incidenza di patologie è altissima, contro la loro volontà di una gestione ecologica ed ecocompatibile del ciclo dei rifiuti.
La giunta Pigliaru insiste sull’incenerimento, nonostante esistano metodologie meno costose e più efficaci nel fondamentale rispetto dell’ambiente, spendendo molti più soldi pubblici, con un minor numero di occupati, non curandosi affato dei dati allarmanti di incidenza di tumori nel territorio.
“Noi Sardi non siamo servi di nessuno e la nostra terra non sarà la discarica di nessuno!”

Per questo motivo i cittadini liberi di questa terra si ritroveranno sabato 29 ottobre alle ore 10:30 davanti ai cancelli dell’inceneritore di Tossilo per dire un forte NO ALL’INCENERIMENTO dei rifiuti e un forte SI alla riconversione dello stabilimento, con la conferma occupazionale per tutto il personale attualmente occupato e il rilancio di una gestione dei rifiuti basata sulla valorizzazione delle materie prime e sul rispetto della salute umana e ambientale.

Articolo tratto dall’evento Facebook: https://www.facebook.com/events/697060100452698/permalink/697604103731631/

Sostegno ai pescatori oristanesi

 

protestaLe manifestazioni di questi giorni delle marinerie oristanesi rappresentano un ulteriore passo avanti nella lotta contro le basi e l’occupazione militare della Sardegna.

Fino a oggi i pescatori, interviene il Collettivo Comunista (marxista-leninista) di Nuoro, ostacolati dalle esercitazioni militari, si sono mobilitati solo per avere gli indennizzi previsti per il “fermo pesca” durante i periodi di interdizione alla navigazione. Gli stessi indennizzi vengono corrisposti a tutte le marinerie con esclusione di quelle Oristanesi.

A differenza del passato, gli obiettivi delle manifestazioni di questi giorni, non sono solo rivendicazioni economiche ma anche contro le esercitazioni militari, per la chiusura del poligono di Capo Frasca, la bonifica del mare, degli stagni, e la riappropriazione della risorsa economica del territorio soprattutto quella della pesca.

Ricordiamo come negli anni ’70, nel corso di un addestramento, un aereo della Nato mitragliò una barca di pescatori, che rimasero feriti, nello stagno di Marceddì.

Queste mobilitazioni sono un momento storico importante, perché uniscono le popolazioni dei paesi interessati.
Non dobbiamo dimenticare la funzione delle basi militari, quali strumenti di guerra, dalle esercitazioni agli addestramenti che avvengono in Sardegna e altrove, in quanto prove speciali di eserciti speciali che aggrediscono popoli e stati, in lotta contro le potenze imperialiste e guerrafondaie, non dimentichiamoci, che dalle zone di guerra scappano i profughi e cercano rifugio nei nostri territori.

È necessario organizzarsi e sviluppare la più vasta unità delle masse popolari su contenuti di classe contro l’occupazione militare- sostiene il Collettivo Comunista (marxista-leninista) di Nuoro– con la costituzione di un ampio fronte unico antimperialista, anticolonialista, antifascista.

Queste giornate di lotta si inseriscono nelle iniziative antimilitariste in Sardegna alla quali diamo l’adesione e pieno sostegno.

Isco: al via la scuola di formazione indipendentista

isco-conca

Quest’anno la scuola di indipendentismo organizzata dal partito indipendentista ProgReS arriva alla terza edizione e cambia formato diventando itinerante. Il primo appuntamento è fissato per sabato 22 ottobre a Cagliari presso il Jester Club (via Roma 257) alle ore 18, dove sarà ospite Bachis Bandinu, uno dei massimi intellettuali sardi, antropologo e autore di diversi libri e pubblicazioni. Bandinu terrà una lezione dal titolo: “L’identità del popolo sardo nelle sue declinazioni”.

Per le prossime lezioni ProgReS ha coinvolto nomi di spessore come gli archeologi Giovanni Ugas e Nicola Dessì, il giornalista sportivo Vittorio Sanna, il politologo Carlo Pala, gli storici Francesco Casula e Roberto Lai, l’economista Giuseppe Melis Giordano, il medico Vincenzo Migaleddu e l’attivista per la lingua sarda Pepe Corongiu. Il calendario che attualmente consta di diciassette incontri di formazione già fissati potrà subire un ulteriore ampliamento con appuntamenti che verranno resi noti nei prossimi mesi.

La scuola è rivolta non solo agli attivisti del partito ma anche a chi voglia contribuire a formare una nuova classe dirigente sarda non dipendente dalle centrali economiche, politiche e culturali italiane e in grado di fornire strumenti per l’analisi della società sarda, delle sue trasformazioni e delle possibilità del suo divenire futuro.

Si possono ricevere informazioni sulle iscrizioni ai successivi moduli di formazione o al ciclo completo di eventi: – inviando una email a iscola.indipendentismu@gmail.com con • Nome e Cognome • Città di residenza • Data di nascita • Recapito telefonico • Recapito email – inviando un messaggio SMS / Whatsapp / Telegram al numero 3471825817 per essere ricontattati dalle segreteria organizzativa. (N.B) Dopo il primo evento di sabato 22 le iscrizioni potranno essere chiuse anticipatamente una volta completati i posti disponibili per i successivi incontri.

Contestazione seminario UNISS: Fuori la guerra dall’Università

sigillo-e-marchio-logotipo-unissIl giorno 13 ottobre si è tenuto, all’Università degli Studi di Sassari (UNISS), un seminario organizzato dal Corso di Laurea in Cooperazione e Sicurezza Internazionale, constestato e fermato dagli studenti e militanti dei movimenti contro l’occupazione militare della Sardegna.
I contestatori hanno esposto fin da subito uno striscione:
“Fuori la guerra dall’università”
così da interrompere i militari e impadronirsi del microfono. Hanno poi spiegato ai partecipanti i motivi dell’azione, denunciando la subdola funzione del corso di laurea pensato con l’obiettivo di formare figure professionali che si posizionino a metà strada tra l’ambito civile e quello militare.

Dietro le belle parole dell’Ateneo, che da sempre ha assicurato “un progetto culturale altamente innovativo che si discosta dai corsi incentrato unicamente sulle Scienze della Difesa e della Sicurezza a indirizzo militare” si nascondeva- e si nasconde tutt’oggi- un progetto ben più
ampio.
A partire dagli ultimi anni, infatti, sono nati- anche nel panorama universitario italiano- diversi corsi di laurea, finalizzati a creare nuove figure professionali. Dette figure sono formate per operare nell’ambito dei
conflitti, delle calamità naturali e dei problemi di sicurezza.

Come mai?
Dieci anni fa i paesi della NATO scrissero un documento intitolato “Nato 2020 Urban Operation”, con l’intento di individuare le linee guida di una politica internazionale per prevenire e gestire situazioni di conflittualità, tanto nei lontani scenari di guerra quanto nei vicini confini dei paesi europei. Tra le linee guida spiccava quella denominata Impegno,
ossia “gestire una situazione di conflittualità, non solo con l’attacco diretto alle forze nemiche, ma anche con la gestione degli effetti del conflitto sulla popolazione non combattente.
E poiché, secondo Nato 2020, il campo d’azione va dal conflitto su larga scala all’assistenza umanitaria, diventa necessario lavorare su un aspetto: stringere il piano militare a quello civile.

A tale scopo non basta solamente rafforzare l’immaginario del militare come operatore di pace, ma è necessaria la creazione di nuove figure professionali a carattere civile, capaci di affiancare il lavoro del militare sul campo.
Una figura fondamentale non solo per la gestione del conflitto in sé, ma anche per rendere più umanitario il volto di una guerra, in grado di gestire la fase di transizione del paese in un nuovo regime.

Ecco che da lì a qualche anno, prima nei paesi anglosassoni poi in quelli vicini, iniziano a fioccare nuovi corsi di laurea in “gestione del conflitto”, “sicurezza e cooperazione” e via discorrendo. E, così, anche se in ritardo, arriva a Sassari il CdL in Sicurezza e Cooperazione Internazionale.
Questo corso (finanziato per il 50% dal Ministero della Difesa e del Tesoro) si rivolge a due categorie di studenti:

  • quelli standard, ovvero civili;
  • quelli militariPer la cronaca questi ultimi, secondo il regolamento di ateneo, pagheranno solamente 500 euro di tasse all’anno.Le figure professionali che ne usciranno saranno dei tecnici al servizio tanto del Ministero della Difesa, quanto di aziende che operano e investono in zone di guerra, del Ministero
    dell’Interno nella gestione dei flussi migratori e dei campi della protezione civile dopo le calamità naturali. Tutti questi contesti sono accomunati dal concetto di “emergenza” che si traduce praticamente nella militarizzazione delle dinamiche civili, resa possibile dall’infiltrazione dei militari nella società.

Medas, Sàbios, imparis: Indipendentisti e civici verso l’alternativa nazionale

mesa_1

Sala gremita al T-Hotel, a Cagliari, in via dei Giudicati, per la conferenza stampa indetta da diverse forze politiche indipendentiste e movimenti civici. A Destare sorpresa è soprattutto il fatto che si è distanti da appuntamenti elettorali e ciò di fatto sarebbe una notizia di per sé, perché spezza la prassi secondo cui la voglia di unità e le convergenze sbocciano a ridosso di tornate elettorali.

Mentre la moderatrice della conferenza, Laura Fois, introduce l’evento e presenta i relatori, alle loro spalle scorrono le slides che delucidano i passi cardine del progetto e tutto è riassunto in uno slogan davvero efficace: medas, sàbios, imparis, che rovescia uno dei tormentoni più deleteri cucito sulla pelle dei sardi, quello della divisione.

Ad introdurre il progetto è stato lo storico leader indipendentista Bustianu Compostu, a nome di Sardigna Natzione Indipendentzia, che ha spiegato come questo «non è solo oppositivo ad una o ad un’altra giunta regionale, ma nasce come alternativa radicale al sistema politico italiano in Sardegna che da solo ha fatto più danni di tutte le altre dominazioni messe insieme».

verso-lalternativa-nazionale-conferenza-stampa-salaHa poi continuato Claudia Zuncheddu in rappresentanza di Sardigna Libera, chiarendo come il progetto sia aperto «all’ingresso delle forze che finora, a vario titolo, non hanno legittimamente accolto l’invito alla condivisione di questo percorso». La Zuncheddu ha però ribadito la necessità, ormai giunta a maturazione, di «fissare un punto di partenza per un nuovo spazio democratico, aperto, in fieri, che sappia ospitare diverse sensibilità e opzioni ma unito su questioni fondamentali come sovranità, lavoro, cultura e contrasto alla predazione del territorio». Da medico, ancora prima che da politico, la Zuncheddu ha tenuto pure ad allertare sulla privatizzazione della sanità in corso che di fatto limiterà i cittadini sardi nel diritto di curarsi.

verso-lalternativa-nazionale-conferenza-stampaIl terzo ad intervenire è stato il noto avvocato penalista Gianfranco Sollai, a nome di Gentes, che ha ben chiarito, con la forza che contraddistingue i suoi interventi pubblici, l’«antitesi tra gli interessi della nazione sarda e quelli della politica italiana» portando anche ad esempio la vertenza dei pescatori delle marinerie di Cabras e Marcheddì che in questi giorni stanno bloccando le esercitazioni militari nel poligono di Capo Frasca.

mesa_2A spiegare invece gli snodi pratici del percorso è stato Cristiano Sabino a nome del Fronte Indipendentista Unidu. Prima di incominciare il suo intervento Sabino si è detto orgoglioso perché l’esistenza stessa del Fronte è stata da sempre finalizzata alla realizzazione di un cammino comune. E usando la metafora del cammino Sabino ha continuato il ragionamento annunciando che «ci saranno conferenze aperte, incontri nei territori, incontri con le parti sociali dove si individuerà una nuova agenda politica per l’Isola e, infine, una serie di azioni concentrate sulle questioni strategiche che interessano la nazione. A breve sarà disponibile anche una piattaforma on-line come che sarà il punto di riferimento e di aggiornamento di tutto il lavoro».

In chiusura Il segretario di ProgReS Gianluca Collu che ha focalizzato il suo ragionamento sui «valori condivisi che ci uniscono» individuati nell’«essere organici alla nazione sarda», nel «diritto all’autodererminazione del popolo sardo», nel «rispetto dei diritti civili, politici e umani», nel «rifiuto delle ideologie basate su violenza, prevaricazione e razzismo», nella «non disponibilità a fare l’interesse dei partiti e dei movimenti unionisti e centralisti». I tre punti cardini del metodo di lavoro saranno invece «democrazia, partecipazione e pluralità».

A breve nuovo incontro allargato alla società sarda per iniziare a confrontarsi sui temi strategici da affrontare.

Idee di Sardegna- Intervista a Carlo Pala

cover-pala-urn-sardinnyaIntervista a Carlo Pala, politologo nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Sassari. Si occupa di diversi temi, tra i quali soprattutto il conflitto centro-periferia, le nazioni senza stato, i partiti, etnoregionalismi, gli indipendentismi in Europa.

#1 A cosa, con una difficilissima sintesi, è dovuta quella “mancata capacità del popolo sardo di riconoscere le ragioni della propria specialità” di cui hai parlato nel tuo intervento? È dunque l’incapacità storica, tranne che in poche straordinarie occasioni, di ribellarsi all’essere diventati periferia e colonia?

A una questione eminentemente di carattere educativo. Potrà sembrare forse una parola grossa, ma non tutto viene per caso e non tutto, a volte aggiungerei, si conserva per caso. Nemmeno in politica e in tutto ciò che ad essa è legato. Se determinate sensazioni non si coltivano, possono anche non perdersi, ma sicuramente subiscono battute d’arresto cui il principale protagonista è chi non ha saputo coltivarle. Immaginiamoci per ciò che concerne il popolo. E quanto questo crede, sente, percepisce e rielabora. Se non ha coscienza e percezione, ad esempio, che determinate caratteristiche oggettive, quindi difficilmente opinabili, non sono più tali, esse smettono di divenire una tratto distintivo e si trasformano invece in un tratto tale come altri. Relativamente a regioni particolari dotate di terminati tratti salienti, esse sono più che altro confinate in un ambito culturale (come la lingua, gli usi e i costumi), storico (la presenza di determinati elementi comuni del passato), talvolta religioso, e tanti altri. Per ciò che riguarda la Sardegna, è successo che il popolo sardo lo si è convinto di possedere tratti caratteristici alla base della sua specialità senza spiegargli quali, come e perché. Questo ha finito per sfiduciare il popolo sardo, finendo quasi per convincerlo che in effetti questi tratti non li aveva; dunque, che era quasi giusto, ed è questa una teoria che oramai va per la maggiore in tutto il resto d’Italia, che non avesse più nessuna autonomia da esercitare. Un paradosso incredibile. Io credo, personalmente, che il popolo sardo abbia quelle caratteristiche, ne sono convinto, ma non potrei dire in che modo farle valere: per alcuni, mantenendo la stessa autonomia di adesso o una maggiore, per altri addirittura una piena indipendenza. Quello che so è che nello statuto sardo manca qualsiasi tipo di riferimento a questa tematica e che l’art. 1 dello statuto della nostra Regione è significativo. Non fa altro che ribadire un concetto che tutti conoscono (la Sardegna è un’isola) senza che vi sia in alcun articolo dello steso nessun riferimento al concetto di popolo, di lingua, di nazione. anche in presenza di questi elementi si può scegliere di vivere all’interno del contesto statuale oggi dato, ma il fatto che non ci siano non rende certamente più forte la posizione di chi dovrà andare, credo molto presto, a difendere le ragioni della specialità.

In un certo senso, poi, la ribellione è consequenziale. Io non so, a volte non sono sicuro di poter definire la Sardegna come una colonia (sebbene le dinamiche post-industriali e della modernizzazione hanno visto avverarsi proprio questa sensazione: pensiamo a un popolo di agricoltori e pastori che d’emblée si trovano trasformati in operai senza il graduale passaggio sociale ed economico), ma non ho dubbi che sia un periferia e non solo per ragioni di tipo geografico. La periferia acquisisce uno status che spesso le è stato imposto. Ci sono periferie che non hanno avuto difficoltà storiche e politiche a riconoscersi in quello status, e lo hanno accettato, anzi difeso oserei dire. Ed è rispettabile, anzi rispettabilissimo. Ci sono invece delle periferie che alcune condizioni non le hanno accettate, ma non le hanno neppure, allo stesso tempo, sapute contrastare. Non si può dunque parlare di un’accettazione tout court di uno status e nemmeno di un’altrettanta sollevazione. Le cosiddette nazioni senza stato, anche quelle che oggi paiono più reattive contro il centro, hanno attraversato periodi di effettivo contenimento delle loro proteste. È un fatto storico e politico e come tale va accettato. Diverso è il discorso in cui siano attivi, anche intervallati, sentimenti di ribellioni ad alcuni status imposti dal centro. Nel caso sardo, una combinazione tra guida politica locale delle élite sarde, l’incapacità dello stato a voler comprendere la Sardegna, la depauperazione delle risorse dell’isola e, non meno importante, la mancata risoluzione dei problemi dell’isola (come l’energia, i trasporti, più quelli interni paradossalmente che quelli esterni, l’ambiente, la cultura e la lingua), ecco, questi sono elementi che spiegano perché non si siano viste nella nostra terra, se non a ondate, funzioni di protesta perduranti.

#2 Credi che i tempi siano maturi per una convergenza delle forze indipendentiste e eventualmente, quali strategie e risorse sarebbe necessario mettere in campo?

Questa risposta, se la dessi io avendo la presunzione di poterla dare, sarei solo un illuso e soprattutto irrispettoso nei confronti dei soggetti politici che umilmente tento di analizzare e studiare. è sicuramente una domanda molto importante, direi quasi centrale nei miei studi, per potermene però distaccare così. Quindi tenterò di dare una mia opinione, sempre sottolineando con rispetto però che i soggetti politici che fanno le scelte ne sanno ben più di me e quindi l’opinione, per quanto possa essa essere più o meno credibile come quella di un politologo che studia queste cosa, lascia sempre tanti spazi scoperti che necessitano di tante variabili per essere compresi appieno. Io non credo che le forze indipendentiste siano tutte uguali. Non credo nemmeno che esse debbano trovare una convergenza, forzata e forzosa, da un punto di vista elettorale, per quanto mi renda conto che ciò possa essere auspicabile agli occhi di chi si sente rappresentato da questi partiti e da chi se ne sentirebbe sempre più. Infatti, è questo il punto. Ciò che manca oggi nelle forze politiche indipendentiste, che ancora non si sono pienamente rese conto di quanto la società potrebbe essere maggiormente recettiva ai loro temi, è un dialogo continuo. Ovvero, e ancor più, un tentativo di fare sintesi su alcuni punti comuni. Per la verità un tentativo di questo genere era stato fatto e nemmeno tanti anni fa, proprio dalla forza politica che maggiormente poteva sembrare lontana da questa volontà. Però oggi manca completamente questo tentativo che porterebbe, a mio avviso, due principali benefici a quel mondo. Il primo, è legato al fatto che la condivisione di alcuni temi costringerebbe, ma volontariamente, le varie sigle autonomiste, sovraniste cosiddette e indipendentiste, a trovare punti di lotta comuni, indipendentemente dalla loro posizione politica: in maggioranza consiliare, in minoranza, fuori dal Consiglio stesso, poco cambierebbe. Il secondo aspetto è legato la rapporto con la società sarda. I partiti indipendentisti non sono riusciti a mantenere vicini a sé un insieme di giovani sardi che avevano sposato la loro causa. Questo non vuol dire che questo non sia possibile anche ora o che non stia avvenendo ancora, per alcune forze più che per altre. Però l’impegno politico diretto è essenziale se si vuole proseguire quell’opera di educazione, come mi sono permesso di chiamarla nella precedente domanda, che servirebbe essenzialmente per cementificare quello che i francesi definirebbero esprit de peuple. Dunque i tempi per una convergenza totale, se per questa si intende un’alleanza politico-elettorale di queste forze, non mi sembrano maturi, sebbene non li consideri per forza lontanissimi, tuttavia. Piuttosto, quel processo di sintesi di cui parlavo, come processo di rielaborazione di risorse e di cambiamento strategico, potrebbe essere un aspetto altamente qualificato non solo per la maturità politica di questi partiti, ma anche per la capacità di candidarsi a una guida futura, ma non tanto, della Sardegna, svolgendo un ruolo di guida anche per altri partiti italiani che operano in Sardegna; i quali, per quanto maggioritari, hanno nel recente passato mostrato un’attenzione senza precedenti rispetto a tali formazioni politiche. D’altronde, in Scozia, in Catalogna e più recentemente in Corsica e nei Paesi Baschi, non è che la situazione fosse così tanto diversa dalla Sardegna non più di trenta anni fa (e in Catalogna, molto meno).