Terzo incontro internazionale organizzato da Scida

atobiu-2016_scida

Il 18 novembre – nell’aula teatro del polo universitario SEGP, in Via Nicolodi a Cagliari-si svolgerà il terzo incontro internazionale organizzato da “Scida-Giovunus Indipendentistas, volto alla conoscenza e all’approfondimento della situazione delle nazioni senza Stato e delle lotte dei movimenti indipendentisti giovanili.

Nelle scorse edizioni sono state ospiti anche delegazioni di Catalogna, Corsica ed Euskadi. Quest’anno, per la prima volta, ci sarà la partecipazione della Galizia, con Galiza Nova; i giovani del Bloque Nacionalista Galego, fronte di movimenti nazionalisti di Sinistra, rappresentato nel Parlamento autonomo; riconfermata la presenza dello Sinn Fein Republican Youth, la gioventù del partito repubblicano e socialista irlandese. Ci sarà anche il contributo di una delegazione dell’Unione Democratica Arabo-Palestinese e di un esponente della nazione curda.

I temi dell’incontro saranno principalmente tre: la situazione politica recente nelle nazioni ospiti; scuola e università; lavoro giovanile (e conseguente problema dell’emigrazione). La Galizia è stata uno dei più importanti fuochi di opposizione alla riforma dell’educazione spagnola (la LOMCE o Ley Wert), considerata da Galiza Nova come lesiva dell’insegnamento pubblico, laico e in lingua galiziana. Il BNG ha inoltre presentato una proposta di legge (Plan Retorna) per il rientro in patria dei propri giovani emigrati altamente qualificati. Galiza Nova, a tal proposito, esporrà le sue proposte per la creazione di uno spazio galiziano dell’educazione e del lavoro giovanile.

Nelle Sei Contee, lo Sinn Fein ha tenuto a lungo il Ministero dell’Educazione, materia che nell’Irlanda del Nord ha una certa autonomia rispetto al centro politico del Regno Unito. L’Irlanda, nel suo insieme, è stata altresì toccata da un alto tasso di emigrazione giovanile, causato, in particolar modo, dal fallimento delle politiche neoliberali di Dublino, spesso esaltate anche a casa nostra.

I delegati repubblicani, mostreranno quanto realizzato dal proprio partito sulle politiche dell’educazione e le modalità utilizzate per contrastare l’influenza negativa di Londra e le loro proposte in merito alla risoluzione del problema della disoccupazione ed emigrazione giovanile.

Sarà previsto anche un altro punto, per approfondire la conoscenza delle nazioni europee ospiti: Galiza Nova ci chiarirà le ragioni per le quali considerano la propria nazione come una colonia interna di Spagna e periferia entro l’Unione Europea; lo SFRY ci illustrerà come il proprio partito, durante la crisi economica, sia divenuto il primo dell’isola e come la Brexit potrebbe influenzare le mosse del partito a Belfast.

Ricordiamo, infine, gli altri appuntamenti: il 17 novembre, alle 10:30 nell’Aula Maria Carta di via Trentino (presso Università degli studi di Cagliari), si terrà la conferenza di presentazione dell’evento; il 19 novembre alle 22:00, nella Cueva Rock di Quartucciu ci sarà la festa di chiusura con un concerto che vedrà impegnati, oltre ai The Made In Indonesia (Geopolitical militant band) e i Jax Vain (Folk & Irish Rebel Songs), anche alcuni noti rappers sardi nella “Jam Campidanu Sound System”.