L’Alternativa Natzionale chiama a raccolta le idee.

Il progetto di aggregazione delle forze indipendentiste e civiche lanciato lo scorso ottobre al T-Hotel a Cagliari prende slancio. Dopo la giornata di studio e dibattito sulla necessità di riscrivere lo statuto autonomistico che ha inscritto in un unico perimetro diverse personalità del mondo politico e intellettuale sardo, il movimento “Pro s’Alternativa Natzionale” fa tappa a Cagliari per un brain storming sui temi caldi della politica sarda.

«Incominciamo il cammino Verso l’Alternativa Nazionale e partiamo da te» – si legge nel comunicato che stabilisce il programma dell’evento di domenica prossima al Castello di S. Michele. Non a caso l’incontro è stato chiamato “Partimus dae tue”, a rimarcare il fatto che nessun cambiamento è possibile senza la partecipazione diretta e il contributo dal basso dei cittadini i quali vengono invitati a «proporre, votare e discutere le idee migliori in un incontro partecipato il cui scopo è ragionare sui problemi e organizzare insieme un’agenda politica alternativa e concreta».

Ma non si tratta solo di scambiare idee e discutere in maniera disinteressati, anzi, la marcia verso la costruzione pratica dell’ “Alternativa” ha tutta l’aria di essere in fase avanzata:
«il risultato di questo incontro definirà il programma di avvio di Alternativa Natzionale e le prime conferenze aperte tematiche. Useremo carta, penna, parole e idee in libertà. Quali sono per te i problemi più urgenti della Sardegna? Quali i nostri punti di forza? Cosa vorresti aggiustare?»

.

L’evento sarà strutturato in due fasi: una “creativa” per raccogliere gli input dei partecipanti, e una “valutativa” per discutere e selezionare le proposte che saranno oggetto dei futuri incontri.

Per contatti scrivere a: mesanatzionale@gmail.com

L’appuntamento è per domenica 19 febbraio a Cagliari, nel castello di S. Michele (Colle S. Michele) alle 9:15. I lavori dureranno tutta la mattinata.