Sa die de sa Sardigna in Quirra

articolo gentilmente concesso dal blog Zinzula http://www.zinzula.it/pisq-a-foras-presenta-il-dossier-sul-pisq-verso-sa-die-presentazioni-in-tutta-la-sardigna/

Nel pomeriggio dello scorso 19 aprile è stato presentato nella Facoltà di Scienze Economiche, Politiche e Giuridiche dell’Università di Cagliari il 1° Dossier a cura di A Foras, riguardante il Poligono Interforze del Salto di Quirra. Nell’incontro è stato presentato e discusso il lavoro che ha impegnato negli ultimi mesi decine di militanti ed è stata illustrata la giornata del 28 aprile e il corteo in programma. Dopo Teulada e Capo Frasca, è la volta del Poligono più grande d’Europa in una giornata simbolo per la Natzione Sarda. Il Dossier e l’elenco delle presentazioni specifiche si possono trovare all’indirizzo  https://aforas.noblogs.org/dossier-pisq-a-foras-aforas-contra-a-s-ocupatzione-militare/ mentre per il comunicato stampa di A Foras per Sa Die de sa Sardigna contra a s’ocupatzione militare – http://bit.ly/2p1oKgc

Nei giorni scorsi ha fatto discutere la notizia dei 54 manifestanti contro l’occupazione militare denunciati da parte della Digos riguardo i fatti di Capo Frasca dello scorso novembre.

Chiuse le indagini, denunce e moniti da parte della questura cagliaritana giungono proprio il giorno successivo alla conferenza stampa di presentazione della manifestazione indetta da A Foras. Il Questore Gagliardi in vista del 28/4 ricorda la nuova normativa per l’ordine pubblico, in particolare l’arresto in differita che “verrà applicato in modo puntuale e chirurgico”. La maggior parte degli organi d’informazione in Sardegna parlano in questi giorni di un gruppo che a Capo Frasca si è staccato dal corteo principale e pacifico, andando ad attaccare le reti con tronchesine. In realtà, l’obiettivo della violazione dell’area militare è un elemento divenuto ormai prassi del movimento contro l’occupazione militare, unico mezzo per interrompere le attività belliche e causare, con uno sforzo minimo e un rischio relativamente contenuto, ingenti danni economici al sistema bellico, diretti e d’immagine. La violazione del limite militare e il danneggiamento di recinzioni vengono considerate e sono storicamente metodologie pacifiche, in quanto colpiscono oggetti inanimati e normative di legge, rientranti a pieno titolo nella disobbedienza civile. Proprio questo elemento è stato richiamato in un secondo comunicato nel quale A Foras ha replicato alle dichiarazioni della Questura di Cagliari osservando, tra le altre cose, come quest’ultima  “proprio nel momento in cui il movimento si riorganizza in maniera forte e coesa per continuare la sua lotta contro le basi, fa di tutto per intimorire e scoraggiare la partecipazione al corteo del 28, e soprattutto dividere (come sempre) i manifestanti in buoni e cattivi“.

Il Fronte Indipendentista Unidu – soggetto attivo in più tavoli di lavoro di A Foras – nei giorni scorsi ha aderito ufficialmente e rilanciato la chiamata per il 28/4. Il comunicato integrale è stato pubblicato nei giorni scorsi http://www.zinzula.it/pisq-f-i-u-occupazione-militare-volto-piu-devastante-del-colonialismo/

L’organizzazione indipendentista si sta occupando, inoltre, di mettere a disposizione del corteo numerose bandiere sarde: la lotta contro l’occupazione militare è difatti un elemento cruciale nella più ampia lotta di liberazione nazionale sarda. La manifestazione del 28/4 denota ed esalta la prassi anticoloniale della lotta contro la militarizzazione della Sardegna. Successivamente, dopo le dichiarazioni di Gagliardi e la notizia delle ennesime denunce, sempre il Fiu – oltre a richiamare la partecipazione attiva nel Sarrabus il 28 aprile – ha lanciato un’iniziativa comunicativa sui social caratterizzata dall’hastag principale –  #DeoNoBosTimo – 

Il Fronte Indipendentista Unidu opererà nei prossimi giorni per fare in modo che la manifestazione diventi una grande festa di popolo e che la lotta contro l’occupazione militare non venga ridotta a questione privata di una avanguardia, come invece le forze politiche e securitarie dello Stato Italiano cercano in ogni maniera di fare” – ha dichiarato l’organizzazione in una nota.

In avvicinamento alla manifestazione del 28/4 il Dossier sul PISQ è stato presentato in numerose città della Sardegna, dai centri maggiori come Cagliari e Sassari ad Alghero, Tempio Pausania, Escalaplano, Tertenia e molte altre. Oltre all’elenco completo delle presentazioni specifiche sul Dossier PISQ si segnalano altri eventi di particolare rilievo.

Lo scorso venerdì 21, si è tenuto un nuovo appuntamento nell’ambito del progetto Sa Die de sa Sardigna – Sardigna terras de bombas e cannones e l’incontro-dibattito con gli studenti dell’istituto tecnico industriale G.M. Angioy di Sassari, a partire dalle ore 11:15. Nello stesso giorno, nel pomeriggio (ore 18:30), al circolo Me-Ti di Cagliari in Via Mandrolisai, è stato presentato il lavoro di ricerca coordinato dal Prof. Giovanni Sistu “Analisi controfattuale e valutazione del rischio sull’area interessata dal Poligono Interforze del Salto di Quirra”, progetto al quale hanno lavorato numerosi docenti e ricercatori sardi, alcuni tra l’altro ex insegnanti, conoscenti e compagni degli stessi militanti di A Foras.

Pubblichiamo di seguito la chiamata di A Foras per la manifestazione del 28 aprile a Quirra (Sa die de sa Sardigna in Quirra) e l’evento facebook con tutte le indicazioni necessarie anche per raggiungere Quirra con i diversi Bus organizzati da tutta la Sardegna: https://www.facebook.com/events/188341175005060/

A FORAS – Contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna – in s’ùrtima assemblea de Bauladu at detzisu de torrare a manifestare in unu polìgonu militare a pustis de sa manifestatzione manna de su 23 de santandria in Cabu Frasca.
Custa borta amus seberadu unu sìmbolu: su 28 de abrile.
Bolimus dare a custa die unu caràtere diferente dae sa festa fata de ritos, ammentos e folklore. Lu cherimus fàghere diventare unu momentu de protagonismu ativu, una die de lota chi siat de a beru una die de liberatzione.
Pro ammentare s’autodeterminatzione de unu pòpulu in su tempus passadu, ite diat èssere mègius de detzìdere oe su destinu nostru fintzas in contu de ocupatzione militare?

Una terra chi est sufrende dae deghinas de annos s’opressione de sa NATO, de sos Istados Unidos, de s’Istadu Italianu cun is militares e is belenos issoro, no at bisòngiu de momentos culturales ebbia.


Pro custas resones manifestamus su 28 de abrile e seberamus de lu fàghere in su Poligono Interforze del Salto di Quirra cun chentinas de banderas de is 4 moros, ca s’autodeterminatzione nostra, comente cussa de totu is pòpulos, depet colare fintzas dae sa liberatzione dae s’ocupatzione militare.


In antis de cussa die de importu, amus a girare is biddas sarrabesas e ogiastrinas pro presentare su dossier nostru a pitzus de su PISQ e de is dannos chi at giutu a cussos territòrios. Amus a sighire a fàghere fintzas is initziativas de informatzione a pitzus de su protzessu de Lanusè, in ue sunt imputados 8 ex generales pro dannos a s’ambiente, a is animales e a is persones chi bivent in cussu territòriu e chi ant su deretu de ddu bìvere in manera lìbera.

Cando iscrient Quirra leghimus esercitatziones militares, isperimentatzione de tecnologias mortales, impositziones e minitzas contra a su territòriu. Cras non depet èssere prus de aici.
No amus a permìtere chi nos leent in giru cun una riconversione frassa chi lasset is terras e s’economia de su logu in manos de is militares, tzerriende-dda “chirca iscientìfica e tecnològica”.
Amus a gherrare totu paris pro chi no nche siant prus tumores, pipieddos deformes, angiones-polifemu. Dd’amus a fàghere ca bolimus chi sa gente potzat torrare in cussas terras oe, in antis chi sa presèntzia militare ddas ruinet pro semper. Amus a agatare in pare is manera pro ddas limpiare e ddas pòdere impreare torra. Amus a gherrare contra a sa dipendèntzia e is ricatos de s’economia militare.


Ischimus chi si no ddu faghimus, nemos dd’at a fàghere in parte nostra.
Nos atobiamus su 28 de abrile a is 11 de mangianu in su Bar Quirra, in su caminu betzu S.S. 125.