A Foras: dopo un anno di lotta

di Bakis Murgia

La mia opinione vale poco e per quel che vale la esprimerò all’assemblea di A FORAS prevista per l’11 giugno a Bauladu in cui, fra le altre cose, presumibilmente si tireranno le somme della manifestazione del 2 giugno.

A poco più di 24 ore dalla manifestazione ho molti pensieri che mi frullano la testa ancora scottata.

Per gli standard di una battaglia difficile e completamente boicottata dai politici unionisti ascari al governo della Sardegna (da Cagliari in su) nonché dai media (invisibile qualsiasi traccia degli inviti alla manifestazione prima e, dopo, menzionata solo con qualche ridicolo spazio in cui si parla delle conseguenze del corteo sul traffico) il risultato è stato positivo.

Dicono cinquecento, ma forse più, persone si sono riversate per strada in un giorno di festa simbolico per quello stato che contestiamo: i partiti indipendentisti c’erano tutti, per una volta dalla stessa parte, tante associazioni, tanti giovani e voci diverse.

Se lo scopo era celebrare un anno di movimento organizzato, contestare un giorno di farsa e ritrovarci tutti compatti allora è stato raggiunto.

Ma, detto questo, penso che il movimento A FORAS debba cambiare paradigma di azione.

La rincorsa alle manifestazioni non sta funzionando: la gente oltre la stretta cerchia dei militanti non si mobilita e l’informazione estemporanea che si fa durante i cortei anche più grandi come quelli di venerdì – per non parlare di quelli più contenuti e confinati dalla forze dell’ordine nelle zone militari – è veramente limitata.

Cinquecento o mille persone in strada mentre innumerevoli altre, benché raggiunte da inviti e sollecitazioni, mancano all’appello e preferiscono andare al mare a due passi da noi.

Oltre al primo istinto di incazzarsi o amareggiarsi per l’ignavia dei più, non rimane che da chiedersi cosa possiamo fare di meglio per coinvolgerle; perché se A FORAS e più in generale il movimento nazionale di liberazione dall’occupazione militare potranno mai avere successo questo arriverà soltanto da un coinvolgimento molto più penetrante della gente.

Non ho la ricetta per un’evoluzione vincente del movimento. Ho soltanto alcune idee e molte, queste sì, molte speranze.

La sensazione principale è che a fronte di un grande lavoro di ricerca e studio, sopratutto interno ad A FORAS che si è organizzata in gruppi di lavoro tematici, non corrisponda un adeguato output di informazione. C’è tanto da dire, tanto da documentare e queste informazioni fanno fatica a uscire dai soliti circoli, e quando lo fanno forse non sono correttamente organizzate (anche oggi nei pochi resoconti della manifestazione del 2 giugno parlano solo di pacifisti e antimilitaristi, tralasciando i significati anticolonialisti che per molti, forse i più, sono determinanti nella lotta).

Da questo punto di vista la manifestazione è l’ultimo strumento utile per diffondere coscienza: chiama soltanto chi è già allertato e informato.

Allora, oltre che concentrarsi sui contenuti e su come impacchettarli meglio, è mia opinione che sia necesario scegliere campi di battaglia più proficui e batterli con costanza – qualità che di certo non manca ai tanti militanti di questa causa.

Sarebbe bello considerare A FORAS come un centro di elaborazione e di riferimento per individui, associazioni, partiti che vogliano fare propria questa battaglia e ricevere da loro informazioni, supporto e materiali per attivare nuovi canali: in primo luogo coi più giovani e nelle scuole (tema nevralgico su cui peraltro si sta già lavorando) e poi capillarmente nel territorio, anche con incontri piccolissimi o micro-attività locali.

Insomma, la mia speranza è che si superi la fase di protesta come strumento principale del movimento e si passi a un momento più maturo e organizzato.

La mia non vuole essere una polemica: trovo che A FORAS al momento rappresenti l’esempio migliore di cross-movimento in Sardegna, la cui assemblea riesce a sintetizzare ed esprimere brillantemente diverse istanze e tradurle in azioni frequenti (una lezione per l’indipendentismo che potrebbe trarre spunti di metodo e collaborazione).

Dunque senza polemica, raccogliamo i frutti di questo primo anno di attività, organizziamoci ancora meglio ed entriamo nelle scuole e nelle case: i sardi hanno bisogno di sapere.
Quando sapranno acquisteranno coscienza e si mobiliteranno insieme a noi.
Allora non saremo più cinquecento o mille, e non ci chiameranno più soltanto pacifisti.