Dalla festa della “Repubblica” alla lotta contro l’occupazione militare

Dopo un anno di lotta  e all’indomani di una imponente giornata di lotta e di festa l’Assemblea sarda contro l’occupazione militare traccia un bilancio politico.
Lo scorso 2 giugno a Cagliari – scrivono gli attivisti –  è stata una grande giornata contro l’occupazione militare con musica, poesia e informazione. La grande giornata di mobilitazione organizzata da A Foras ha raggiunto l’obiettivo di riunire le diverse componenti della società civile che si oppongono all’uso della Sardegna come colonia da devastare per testare armi e produrre bombe usate contro popolazioni civili. Una giornata di lotta e di festa che si vuole ripetere annualmente nella città capoluogo per capovolgere la festa della Repubblica italiana tempestata di parate militari, mentre sulla Sardegna grava il peso maggiore delle servitù militari con tutti i danni che ne derivano.

Ieri – proseguono gli attivisti – un lungo e multicolore corteo, con persone e bandiere arrivate da tutta l’isola, ha percorso per molte ore le strade cittadine nelle quali insistono diverse strutture militari, tra Marina Piccola e piazza dei Centomila. Striscioni e slogan hanno ricordato i motivi della manifestazione e di tutto il percorso di “A Foras”, iniziato proprio un anno fa, il 2 giugno 2016, con la prima assemblea a Bauladu: completa dismissione dei poligoni, riconversione della fabbrica di bombe, bonifiche e risarcimenti, restituzione delle terre alle comunità.

Dopo il corteo, i partecipanti hanno raggiunto il colle San Michele per il concerto con tanti artisti rappresentativi di diversi generi musicali, dal progressive al jazz, dalla canzone d’autore al rap e hip hop. Sul palco a sostegno dell’azione di A Foras sono saliti: Claudia Crabuzza, Nicola di Banari, Patrizio Fariselli, Enzo Favata, Slim Fit, Gesuino Deiana, i Menhir, Futta e Dj Padrino, Dr. Drer e Crc Posse. Alla musica si sono aggiunti gli interventi del poeta perfomer Sergio Garau e della poetessa Luana Farina. Numerosi gli interventi degli attivisti, con testimonianze dirette sui danni all’ambiente e sulla salute, sulla repressione e sulle forme di lotta e gli obiettivi di “A Foras”. Nel corso della serata è stato inoltre proiettato, per la prima volta in versione integrale, il documentario “Oltre l’aporìa” realizzato da Cladinè Curreli durante la manifestazione a Quirra del 28 aprile scorso.

La giornata – concludono gli organizzatori – si è chiusa con un bilancio più che positivo per la quantità delle adesioni e per il sostegno arrivato anche da altre realtà internazionali che si battono per l’autodeterminazione dei popoli. “A Foras” prosegue il suo cammino senza sosta e con sempre maggiore determinazione, verso la formazione di un grande movimento di massa per il raggiungimento degli obiettivi. Il prossimo appuntamento è fissato per l’11 giugno con l’assemblea a Bauladu, dove si discuterà il programma del prossimo semestre che prevede la seconda edizione del campeggio e la pianificazione delle azioni di informazione nelle scuole, università e territori, oltre ad altre azioni dirette contro i poligoni e le esercitazioni.

“A Foras” ringrazia tutti i partecipanti e gli artisti che hanno preso parte alla giornata del 2 giugno e rinnova l’invito a partecipare alle assemblee e a seguire tutti i canali ufficiali di comunicazione:

il blog http://aforas.noblogs.org,

la pagina facebook https://www.facebook.com/aforas2016/?fref=ts,

twitter @aforasnews.