Brigata Sassari: male l’inerzia, peggio l’elogio – di Carlo Manca

di Carlo Manca

Concepire come naturale l’esistenza della Brigata Sassari, attualmente unica divisione etnica dell’esercito italiano, è una cosa comune per chi si sente italiano in Sardegna. Lo si dà per scontato per diversi motivi, fra cui il nome che glorificherebbe la città, la tradizione e l’accettazione supina del vetusto sciovinismo italiano, la pace diplomatica fra la classe politica sarda e la rappresentanza locale dell’esercito italiano, la retorica pacifinta di un corpo armato che va in giro per le scuole a raccontare di “portare la pace”, paradossalmente seguendo tutte le missioni della NATO e tutti gli interessi del silenzioso imperialismo italiano.

Facciamo finta che tutti questi elementi che rendono scontata l’esistenza e l’accettazione della Brigata Sassari fossero in qualche maniera “accettabili”, ma va detto che, giusto per eufemizzare, tutto ciò sia un po’ meno scontato per chi si sente sardo (ma non italiano) e cittadino del mondo con cuore e cervello in Sardegna.

Qui si aprirebbe un capitolo, dal momento che, essendo quella una divisione etnica, automaticamente implicherebbe l’esistenza della sardità, cosa che è vera per via di diversi fattori, e che essa venga forzosamente assimilata alla subordinazione all’italianità e alla sua ragione di Stato, cosa altrettanto vera. Un po’ come venivano considerati gli ascari, che erano tali proprio a causa della loro appartenenza etnica: un ascaro era tale se militava nell’esercito italiano ma non era italiano, bensì eritreo, somalo, libico.
Andiamo oltre.

Per molti sardi, l’accettazione dell’esistenza della Brigata Sassari e della resistenza della sua retorica apologica al limite fra l’eroismo ed il vittimismo, si possono considerare analoghe a come tanti sassaresi e altrettanti sardi considerano il folklore nostrano legato a musica, balli e abbigliamento da festa: un dato elemento era già lì da quando ci si ricorda e viene quindi considerato come una cosa indiscutibile, da ricordare di tanto in tanto attraverso qualche parata o qualche altra dimostrazione basata su una sovraesposizione di particolari estetiche semi-decontestualizzate, su cui non ci si pone troppe domande sui contenuti e su cui è difficile pronunciarsi a causa dell’indifferenza sul tema e dell’inerzia con cui il tema viene riproposto. Inerzia, quindi, è una parola chiave.

Tuttavia, tessere le lodi della Brigata Sassari, chiedere la pulizia per le scritte ingiuriose nei suoi confronti, chiedere la manutenzione dei monumenti ad essa dedicati e calcare la mano sulla glorificazione di chi ha dato la vita per le mire espansionistiche della patria degli altri (cioè della patria italiana), omettendo quindi che si trattasse di giovani sardi  fra l’incudine e il martello, si dimostra ancora un oggi un complesso di rivendicazioni che non possono che essere tacciate di retorica e visione del mondo sciovinista, colonialista e guerrafondaio, in una sola parola: fascista.
E infatti ci ha pensato bene CasaPound a fare questa cafonata politica made in Sassari.

Finas a cando ais a èssere italianistas, ais a malegastare sa vida pro sa pàtria angena!