Sardos: assemblea costitutiva e laboratori

Manifesto dell’assemblea

#Sardosnonèunpartito, così esordisce il comunicato pubblicato su Facebook nella pagina Sardos. “Le persone dell’isola di Sardegna non si sentono più degnamente rappresentate: parlo di #politica e di #futuro.

Meglio affermare che in larga parte non si sentono rappresentate. Ma attenzione, perché anche le tante persone che hanno potuto avere qualche favore da un politico o da un importante dirigente, foss’anche il favore di un prezioso e raro posto di lavoro “accompagnato”…, non si sentono rappresentate.
Perché la #rappresentanza è un valore assoluto e tra i più preziosi: delego perché mi fido e sono sicuro per la sua lealtà la sua competenza, la sua reputazione.
Il rappresentante politico ha una missione enorme ma tutto sommato semplice: deve raggiungere l’interesse generale e deve impegnarsi per uno stato di benessere diffuso e non particolare.
Deve respingere qualsiasi compromesso che sia lesivo del popolo che lo ha delegato.
Deve superare qualsiasi tentazione che vada ad intaccare l’interesse del suo #popolo e della sua gente. Il compromesso più alto che può raggiungere?
Solo quello di dare la possibilità a chi danneggia la #Sardegna di scappare in fretta e per sempre o di restare da noi ma in galera. In solitudine è difficile superare la diffidenza e le diffidenze ma insieme, con il cuore l’anima e la giusta determinazione, si può fare.
Non è semplice: è importante partecipare e far sentire sulle spalle di chi raccoglie questa sfida la leale e severa fiducia. #Sardos nasce per questo: per rimettere nella terra sarda una speranza senza chi – questa speranza – l’ha già tradita.”

Il progetto sarà presentato domenica 8 ottobre, alle 9.45 al centro servizi Losa, Abbasanta. L’incontro vedrà l’assemblea costitutiva e la formazione dei laboratori, in cui si discuterà di Turismo‎, di Trasporti interni e continuità, di Agroindustria, di Ambiente‎, Cultura, istruzione e lingua‎, di Zootecnia e ricerca‎, di Spopolamento e federalismo interno‎, di Sanità‎ e di Zona Franca e fiscalità di vantaggio‎.

Chi vuole può ancora iscriversi, compilando il questionario online del link