Sulla Catalogna una montagna di bugie

di Giovanni Fara

L’appuntamento di sabato 21 ottobre ad Alghero è stato una delle iniziative promosse a livello civico in solidarietà del popolo catalano per il diritto di decidere, per la libertà dei prigionieri politici e contro la repressione che lo Stato spagnolo sta attuando in queste ore nei confronti delle istituzioni catalane e dei principali esponenti della società civile impegnati nel processo di indipendenza della Catalogna.

Nella città sarda di lingua catalana ci si è ritrovati con l’intento di far sentire la vicinanza e la solidarietà dei sardi al popolo catalano.

Una occasione importante per riflettere sul futuro delle Nazioni senza

Era presente anche un sindaco (batlle) di Teià, comune catalano, Andreu Bosch (nella foto) presenti in Europa e comprendere che ciò che accade oggi in Catalunya riguarda anche la Sardegna. presenti in Europa e comprendere che ciò che accade oggi in Catalunya riguarda anche la Sardegna.

Stato presenti in Europa e comprendere che ciò che accade oggi in Catalunya riguarda anche la Sardegna.

Di fronte alla chiusura di ogni spiraglio di dialogo da parte del governo spagnolo, alla sospensione di fatto di tutti i poteri dell’autonomia catalana e all’arresto dei due Jordi (tra i principali animatori delle manifestazioni indipendentiste organizzate in questi mesi in Catalogna), all’attacco alla democrazia e alla libertà di scelta, la stampa italiana ha assunto una posizione totalmente a favore dell’unionismo spagnolo, tanto che per capire ciò che realmente sta accadendo in Catalogna è preferibile attingere informazioni dai media internazionali.

I giornalisti italiani raccontano solo una sfilza infinta di bugie, mostrando una realtà viziata dal pregiudizio ideologico e dal rifiuto della scelta di una Nazione in cammino verso l’indipendenza. Ci parlano di una minoranza di indipendentisti intenti a violare le leggi spagnole, parlano di legalità, di rispetto delle regole ma non ci raccontano la verità. Non ci dicono che gli indipendentisti hanno la maggioranza assoluta nel Parlamento Catalano, maggioranza ottenuta attraverso il consenso elettorale e il perseguimento di un programma che da sempre ha puntato all’attuazione di un processo di disconnessione della Catalogna dalla Spagna e alla realizzazione della Repubblica Catalana.

I giornalisti italiani mentono quando affermano che il 1 ottobre si è recato al voto una minoranza di appena due milioni di catalani (circa il 40% degli aventi diritto al voto) e nascondono all’opinione pubblica che sono pressappoco 790mila le schede già votate e sequestrate negli oltre 90 seggi assaltati dalla guardia civile spagnola con il preciso intento di impedire la consultazione referendaria e creare un clima di paura per scoraggiare gli elettori a recarsi ai seggi.

A conti fatti sono andati a votare circa il 55% degli aventi diritto. In tutte le località dove non vi è stata la repressione della polizia spagnola o dove questa è stata respinta dalla popolazione (come dimostrano i numerosissimi video presenti in rete) si è superato quasi ovunque il 50% dell’affluenza. In questo clima di paura e intimidazione il risultato ottenuto è semplicemente straordinario e dimostra che la Spagna ha trovato davanti a sé un popolo fortemente politicizzato e convinto della forza delle sue idee, che neppure la violenza scatenata dalla polizia è riuscita a frenare.

È facile comprendere perché la Spagna abbia negato ogni spiraglio di dialogo e cercato in tutti i modi di impedire lo svolgimento del referendum, trincerandosi dietro la difesa della legalità e dell’immutabilità della sua Costituzione. La Spagna ha paura di concedere un referendum per l’indipendenza alla Catalogna perché sa perfettamente che la maggior parte dei catalani voterebbe a favore dell’indipendenza, perché non vuole più essere subalterna alla potere centrale spagnolo e non si identifica nella monarchia spagnola.

I media italiani accusano gli indipendentisti di passatismo ma non dicono una parola sulla provocatoria immagine di re Felipe, apparso alla Tv pubblica spagnola con alle spalle un quadro di Carlo III di Borbone con bastone nero in mano a sottolineare la totale sintonia dell’odierno monarca Felipe con i manganelli sfoderati nella repressione del referendum catalano.

Non una sola verità della stampa italiana sulla manifestazione unionista svoltasi a Barcellona con migliaia di persone arrivare in pullman l’8 ottobre da tutti gli angoli della Spagna, definiti dai telegiornali italiani “una maggioranza silenziosa di catalani a favore dell’unità con la Spagna” ma nei fatti una spregevole minoranza tutt’altro che silenziosa e pacifica e tantomeno catalana. Manifestazione realizzata con il preciso intento di dimostrare una fantasiosa frattura del popolo catalano e offrire una provocazione che, almeno nella testa degli organizzatori, avrebbe potuto scatenare la reazione violenta dei catalani, i quali invece non sono caduti nella trappola spagnola, dimostrando il carattere pacifico ma altrettanto risoluto delle loro idee.

Mentre milioni di catalani scesi in piazza il 3 ottobre per protestare contro l’impossibilità di svolgere un referendum in completa tranquillità e nel pieno rispetto della democrazia e della libertà di scelta, sono stati incredibilmente definiti dalla quasi totalità dei media italiani una minoranza irrispettosa della legalità.

È dunque chiaro come in Italia vi sia un problema di libertà di stampa e di conseguenza un deficit di democrazia, in quanto ci si ostina a filtrare le notizie secondo una visione distorta della realtà e appiattita sulle convenienze politiche del momento, nell’intento di difendere lo status quo contro ogni volontà popolare.

Quello a cui abbiamo assistito il 1 ottobre con il pestaggio di cittadini inermi è una vergogna senza precedenti. Non si tratta più soltanto di difendere il diritto all’autodeterminazione e all’indipendenza dei Popoli: oggi è in discussione la democrazia, il rispetto e l’affermazione della volontà dei cittadini europei, dei diritti civili, del diritto di decidere, del diritto di voto. Il diritto all’indipendenza è un diritto fondamentale che non può essere oggetto di repressione violenta nell’ambito del moderno diritto internazionale e della necessità di risolvere i conflitti con lo strumento della diplomazia e non della violenza e della sopraffazione del più forte sulla base del rispetto di un legalismo che minaccia la libertà di scelta e l’espressione della democrazia.

Siamo ad un bivio nel quale dobbiamo scegliere se accettare passivamente che oggi in Europa la polizia possa picchiare una folla di persone pacifiche solo perché agitano una scheda elettorale oppure batterci per difendere il diritto di decidere dei popoli. Se noi accettiamo che uno Stato Europeo possa imprigionare esponenti della cultura, della società civile per le loro idee con il preciso scopo di impedire che queste idee vengano propagandate pubblicamente; se permettiamo che questo accada, dobbiamo prepararci a subire un domani lo stesso trattamento dalla polizia italiana nel momento in cui saremo noi sardi a voler decidere.

A questa Europa, che ha mostrato le spalle alle richieste di mediazione della Catalunya, fa paura la voglia di partecipazione dei popoli, fa paura il principio di libertà e di scelta. Questa Europa non vuole cambiare. Questa Europa vuole restare espressione degli Stati-Nazione ottocenteschi per rappresentare gli interessi delle consorterie, delle caste e delle lobbies finanziarie che regolano i rapporti di potere, disinteressandosi dei reali bisogni e della voglia di emancipazione dei popoli.

Non possiamo stare alla finestra pensando che ciò che succede in Catalunya non ci riguardi. In queste ultime settimane in Europa ci sono state tante mobilitazioni a sostegno del popolo catalano e pure noi dobbiamo fare la nostra parte. Pro sa libertade, pro sa democrazia, pro s’indipendentzia. Oe in Catalunya, cras in Sardigna.