Biazu in Palestina

di Enrico Lobina

A differenza di altre volte (Vietnam, Catalogna, Paesi Baschi) lo scopo del viaggio non era politico, per cui le veloci impressioni che riporto sono il frutto dell’osservazione e della discussione “casuale”, non pianificata.

Nonostante questo, diverse compagne e compagni mi hanno messo in contatto con patrioti e compagni locali, i quali mi hanno parlato ed ospitato. Mi hanno mostrato la loro terra.

In Sardegna l’associazione Sardegna-Palestina fa un lavoro egregio, e credo che tutti i sardi debbano fare riferimento alla loro azione.

 

Siamo arrivati in Palestina a cavallo del centenario della dichiarazione di Balfour. Cento anni fa il governo britannico, autoritariamente, stabilì che gli ebrei potevano stabilirsi nei territori della Palestina storica. La giustificazione giuridica di quello che si vive in Palestina viene da là.

COME IN UN GIOCO

Il sardo e l’europeo dovrebbero, quando arrivano a Tel Aviv (per raggiungere la Palestina in aereo non c’è altra possibilità), dimenticare ed accantonare ciò che sentono ogni giorno di sfuggita dal telegiornale, o le immagini o le scritte dei vari siti.

Dovrebbero arrivare e verificare, senza pregiudizi, come vive il popolo A e come vive il popolo B, come in un gioco.

Superata Tel Aviv, arrivati a Gerusalemme, dopo aver parlato (equamente) coi rappresentanti e con persone qualunque del popolo A e del popolo B, si comincia ad avere un’idea.

Poi si va a Betlemme, Hebron, Nablus. Si guardi il muro (alto 8 metri, il doppio di quello di Berlino), si chieda come funziona. Si guardino le colonie, e si chieda come funzionano. Si guardino i soldati del popolo A che stanno permanentemente e con netta superiorità militare nei territori che qualche norma e qualche accordo, e tante buone speranza, hanno stabilito che fossero del popolo B.

Allora, senza bisogno dell’elenco delle risoluzioni internazionali ONU, sarà chiaro che c’è un popolo che opprime ed occupa ed un popolo che è oppresso ed occupato.

Chi opprime sono le classi dirigenti del popolo A, le quali hanno un consenso vasto ma non totalitario. Esse hanno a disposizione un apparato militare e tecnologico imponente.

(Chi scrive non è potuto andare a Gaza perché a Gaza non fanno entrare).

APARTHEID

Stringi stringi, è la parola che meglio descrive la vita a cui sono sottoposti i palestinesi dall’occupazione israeliana.

Da Gaza non puoi uscire. Se sei in Cisgiordania il muro, le colonie e l’insieme delle condizioni di vita ti fanno stare in un regime di apartheid.

Il muro divide arbitrariamente, secondo un piano ben preparato, villaggi e città della Cisgiordania: impedisce il movimento di persone e di cose, uccide l’economia.

Le colonie, in costante aumento, sono insediamenti di israeliani in Cisgiordania i quali arbitrariamente, e col sostegno fondamentale dell’esercito israeliano, creano delle aree di sovranità israeliana in Cisgiordania. A loro va l’acqua (ai palestinesi no), ed il sostegno dell’apparato logistico-educativo israeliano.

OSLO

Gli accordi di Oslo del 1993 sono stati firmati da Arafat per la Palestina e da Rabin per Israele. Qualunque opinione si avesse su Oslo allora, oggi bisogna ammettere che sono falliti.

Il principio “due popoli, due stati” oggi non ha più senso.

L’obiettivo dovrebbe semplicemente essere la sconfitta della politica di apartheid di Israele.

ISIS E ISRAELE

“Perché l’ISIS non ha mai attaccato Israele?”. La domanda che alcuni compagni palestinesi mi hanno fatto è retorica e seria.

ISIS è stata per molti anni, in modo importante, in Siria. Non ha mai mostrato alcun interesse ad attaccare Israele, i “miscredenti” per definizione.

La verità è che ISIS è funzionale ad Israele. ISIS fa comodo ad Israele: è la migliore assicurazione del suo rafforzamento.

RELAZIONI INTERNAZIONALI

La situazione nell’area è cambiata, a sfavore di Israele, anche se i movimenti di lungo periodo sono tutti da studiare[1]. L’ISIS è sconfitto e la Siria sta ritrovando una sua unità militare, territoriale e politica. Il governo siriano potrebbe arrivare a controllare di nuovo tutti i confini dello stato entro il 2018.

L’Iran ha intessuto, con lungimiranza e pazienza, per molti anni, una complessa azione diplomatica, che lo porta oggi ad avere una grande influenza in Iraq e Siria.

Il futuro dell’alleanza dipenderà da questo, e da ciò che succederà in Arabia Saudita nei prossimi anni.

Dal nostro punto di vista, inoltre, è necessario capitare cosa sta succedendo nell’area del Rojava e nel Kurdistan turco.

LE MORTI ED IL TERRORISMO

Un soldato israeliano ammazza a sangue freddo un bambino. La notizia neanche appare sui media. E’ più terrorista questa azione o quella di un palestinese? Quali sono i rapporti di forza? Cento a uno? Mille a uno? Centomila a uno?

Per chi visita la Palestina il problema non si pone: la categoria del terrorismo è una categoria della battaglia politica dell’oggi. Anche i partigiani italiani erano considerati terroristi.

Sulle modalità di lotta, su quelle più efficaci in un dato contesto politico, il dibattito è aperto.

LA RELIGIONE

La religione sta acquisendo terreno in Palestina, sia sul fronte israeliano che su quello palestinese.

Hamas ha una visione religiosa della lotta politica, ad Hebron ed in altre città sta acquisendo consensi.

Dal mio punto di vista è un problema. Il centro del ragionamento deve essere l’imperialismo ed il colonialismo, i quali sono versioni aggiornate del capitalismo, e non il fatto che ci sono persone che hanno una religione diversa.

ANP – il governo palestinese?

Fuori da Nablus, appena finiscono le case, finisce la zona A, cioè la zona in cui il governo palestinese (ANP, Autorità Nazionale Palestinese) ha piena sovranità.

Non c’è un soldato palestinese a sorvegliare l’area. A qualche metro dalla zona A dei soldati israeliani controllano, armati, un’area dove comandano loro.

Che significa?

Ad Hebron ed in tutte le città l’esercito israeliano effettua continui raid, in cui arresta, minaccia e ammazza. L’ANP non si oppone o non riesce ad opporsi? O non si vuole opporre?

Molte persone con le quali abbiamo parlato sottolineano la corruzione dell’ANP. Mi è stato raccontato di militanti contro l’occupazione arrestati prima dall’ANP e poi dagli israeliani, e viceversa.

Cosa è davvero l’ANP?

CHE FARE?

In Sardegna possiamo sostenere Sardegna Palestina.

In Sardegna dobbiamo collegare le dinamiche “naturalmente coloniali” del capitalismo al caso sardo. Queste dinamiche sono economiche, ed hanno risvolti culturali. Alcuni interlocutori sono rimasti molto stupiti dallo scarso interesse verso la lingua sarda da parte dei sardi stessi, e soprattutto da parte dei “compagni”. Il sardo va studiato e parlato!

In Sardegna dobbiamo sviluppare ed immaginare relazioni internazionali euro-mediterranee completamente diverse da quelle che viviamo oggi.