Cale sardu depo imparare, Màriu Pudhu?

Per il ciclo di interviste Cale Sardu?

Intervista a Mario Puddu

S’imparòngiu de su sardu, ma fintzas de àteras limbas de Sardigna, est in custu momentu istòricu torrende a èssere unu problema de importu in sa sotziedade isulana moderna.

Sigomente est iscontadu chi chie lu chèrgiat imparare siat semper sardu, e duncas a su nessi faeddet s’italianu, belle totu sos isfortzos e su materiale didàticu sunt pro italòfonos chi cherent torrare a imparare sa limba de su logu pro deghinas de cajones o pro gente chi giai connoschet sa limba ma at bisòngiu de una manera de la iscrìere.

Lìtzitu est a si preguntare cale sardu faeddare? Bisòngiu b’at de l’isseberare?

Est lítzitu a preguntare totu. Cumbenit sempre a imparare su sardu chi tenes prus a prove, su chi podes intèndhere de prus, su chi podes faedhare cun prus zente, ca est fintzas su chi podes imparare menzus. Candho ischis faedhare cussu, no agatas difítzile a cumprèndhere fintzas s’àteru sardu, cale de prus e cale de mancu, ca bi at faedhadas in carchi piessignu prus diferentes pro chistiones de pronúncia, ma sa parte assolutamente prus manna de su sardu – logudoresu, mesania, campidanesu, sulcitanu, ozastrinu – faghet sa matessi pronúntzia de sas cussonantes chi càmbiant sonu in fonética sintàtica, candho si narant duas o prus peràulas coment’e chi siant atacadas: es. su cane > pron. sugàne, su fogu > suvógu, su pane/i > subane/i, sa terra > sadèrra.

De cussa faedhada prus acurtzu podes comporare carchi líbberu de literadura (bi ndh’at a muntones: ti poto inditare nessi sa ‘collana’ Paberiles de s’Editore Condaghes chi ndhe at pubblicadu una barantina in prosa e bi ndh’at de totu sas faedhadas) ma chentza cussu ndhe agatas de àteros editores puru (Papiros, Domus de Janas, Della Torre, e àteros). A lèzere faghet bene meda, ca agatas e podes imparare àteras peràulas, bides su manizu de sa limba e si chistionat de unu muntone de cosas.

Si cheres bídere totu sas chistiones de pronúntzia (e za tenimus totu intelizéntzia pro cumprèndhere cussu e meda de prus), podes lèzere sa Grammàtica de sa limba sarda, cosa mia, Editore Condaghes: a nois Sardos serbit, che a totu sa zente normale chi faedhat àtera limba, de istudiare sa limba nostra! Sinono tenimus presuntziones e semus miraculàrgios e aprossimativistas diletantes!

E chie non tenet perunu ligàmene cun su sardu, dae cale dialetu podet inghitzare a l’imparare?

Ma si unu cossizu li tio dare est de seberare tra logudoresu / mesania / campidanesu / sulcitanu / ozastrinu. Faghe contu a donzi modu chi totu su sardu est sa matessi limba e si fintzas bi at diferéntzias de pronúntzia (ma in totu sas faedhadas pro sos matessi motivos, chi tandho est fàtzile a cumprèndhere), su manizu (grammàtica: morfologia, sintassi) est su matessi e in custu puru tenimus bisonzu de istudiare sa limba e no de àere sa presuntzione chi, chie la faedhat fintzas normalmente, la connoschet! Su cuntatu cun s’italianu  – e medas bortas faedhendhe semus traduindhe dae cussu – detértminat unu manizu de sa limba chi no est cussu de su sardu e si no amus osservadu sas diferéssias andhamus a mudenta cun s’italianu!

A podimus ammisturare intr’e sos dialetos, si implicamus chi non semus nadios sardos? O no andat bene e bisòngiat de isseberare una pronúntzia e unu lèssicu locale ebbia?

In totu sas limbas custu de ammisturare est cosa normale, in su sensu chi in peruna limba si faedhat una cosa “pura”: unu, faedhendhe, narat sas peràulas chi tenet bisonzu de nàrrere e si no lu narat cun d-una peràula, si arranzat a lu nàrrere cun d-un’àtera. E in cantu a seberare, comente apo nadu innantis, bastat a seberare una faedhada, menzus sa prus a prove, e sa parte prus manna de sa limba la faghent sas faedhadas chi apo inditadu. Pro esempru, si unu abbitat meda a Orgòsolo, o a Fonne, imparet cussu chi za no andhat male de seguru, ca za est sa matessi limba sarda, fintzas si su “colpo di glottide”, s’aféresi de /f/, sa sibbilante surda ue àteru sardu la narat sonora, est de noe bidhas de sa Barbàgia e de una vintina tra sa Barbàgia e su Nuoresu/Baroniesu, e de calicun’àtera sa sibbilinta surda, e za no bi ponet meda a cumprèndhere comente funtzionat sa cosa si intendhet àteros Sardos faedhendhe un ‘àtera faedhada.

S’ammisturu, invetze, lassat trassidos candho unu lu faghet apostadamente (comente faghent cun sa “LSC” chi resurtat una zenia de “macedonia”, mancari bona cun licore…) ca tandho unu no podet ischire própriu ite imparare e fàghere imparare! Difatis no currispondhet a peruna faedhada. Ma cussos de sa “LSC” no pessant a chistiones didàticas! S’única cosa chi in parte andhat bene de sa “LSC” est s’iscritura (chi però in parte no iscrient cun critériu ma a “gustibus”) e a imparare cussa za est fàtzile.

Dae chi si depet imparare a l’iscrìere, dae ue cussìgias de cumintzare a l’imparare? A si devent imparare prus ortografias? E pro ite?

A imparare a l’iscríere, si unu est alfabbetizadu fintzas in italianu, si arranzat comintzendhe de isse etotu comente ant fatu unu muntone de Sardos chi ant iscritu a muntones cosa chi, si no l’aiant iscrita comente ant pessadu o crétidu de l’iscríere, no l’aimus mai connota! Oe chi pessamus a su sardu coment’e limba de sa normalidade de sos Sardos, e ca semus in d-unu mundhu alfabbetizadu e amus bisonzu de su manizu iscritu comente mai l’amus tentu, semus chirchendhe una manera unívoca e unitària de iscríere su sardu, totu su sardu e no solu unu “presunto” e presumidu istandard ca, si no ponimus in contu totu su sardu cun sa matessi istima, aprétziu, utilidade e piaghere pro donzi e calesisiat impreu, andhamus male ebbia.

Custu no cheret nàrrere chi no amus bisonzu de unu sardu a manizu comunu. Deo, chentza ispetare una detzisione e ne impositzione política, totu su chi est ispiegatzione in sa Grammàtica de sa limba sarda e in su Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda, II editzione, 2015, l’apo iscritu in su sardu de mesania e no in su sardu meu e ne in calecunu “presunto” istandard, ca custu no si format in duas dies “a tavolino” seberendhe cales peràulas pònnere e cales no pònnere, no si faghet mancu in duos annos e ne in vinti. Su sardu chi foedhant in mesania – geo fatzo riferimentu a su chi tenet is piessignos de mesania cun prus firmesa, cussu de su Mandrolisai e se ligendho como in custas errigas – est sa sola foedhada chi faet de ponte inter totu is foedhadas de sa Sardigna: dh’iat a dèpere adotare s’istitutzione amministrativa e política generale de sa Sardigna, a óbbrigu mancari solu po s’istitutzione, ma fata connòschere che a totu is àteras foedhadas a totu is Sardos ma chentza fàere una vírguledha de dannu a mancuna foedhada: noso no teneus perunu bisóngiu de fàere su dannu chi s’Itàlia at fatu (fintzes a is Italianos etotu) fissandhonosi e unu sardu ‘únicu’ coment’e chi is Sardos no si cumprendhaus apare si no faeus deasi. Su sardu est de una semplicidade deasi manna, a paragone de s’italianu, chi mancu si dha immaginaus e is Italianos no si dha podiant mancu bisare po s’issoro! Est chi a noso Sardos mescamente nos’ant ammachiau e fissau a un’italianu únicu e seus ossessionaos po unu “sardo unico” coment’e chi apaus is matessi dificurtades de deghinas de  milliones de abbitantes ispartzinaos dall’Alpe alla Sicilia cun deghinas e chentinajas de dialetos!

De ortografias (naraus, méngius, de iscrituras) de su sardu ndh’aus connotu medas e no est chistione de isceberare tra una ortografia e un’àtera, ma de cumprèndhere comente s’iscritura depet arrapresentare cun precisione su significau

chi sa limba narat: sinono no est iscritura/ortografia bona. Po cussu no est chistione de andhare a gustos (“custu mi praghet, custu no mi praghet”): est chistione de iscríere po chi s’iscritura netzat su significau semànticu e grammaticale chi sa limba narat, faendho is diferéntzias necessàrias tra su foedhare e su iscríere, in pràtiga regularizandho s’iscritura de sa limba e no iscriendho (o chentza iscríere) totu is sonos po comente foedhaus e podeus cambiare in fonética sintàtica.

Est chistione chi tocat a ischire foedhare, a ischire iscríere, a ischire lígere e mescamente a istudiare sa limba (sa cosa chi seus cumprendhendho prus pagu, ca paret chi sa sola cosa importante est s’iscritura e mancari – e a parte is italianismos chentza nesessidade – ammisturaus sa sintassi de s’italianu cun cussa de su sardu!). Si  su sardu, e totu su sardu, est iscritu cun critériu, s’iscritura/ortografia arresurtat unitària e unívoca in totu su sardu, chentza sacrificare mancuna foedhada. S’iscéberu podet èssere solu tra un’iscritura aprossimativa fata, fintzes solu in parte, a “gustos” e una ortografia fata totu cun critériu comente tocat po iscríere cun precisione su significadu chi sa limba narat.

Pro chie non cheret intrare in sa cherta de s’ortografia, ite li dias cussigiare pro si alfabetizare?

Li tio cossizare de si alfabbetizare cun su sardu sou, su chi tenet prus a prove, coment’e pro imparare sa limba etotu e si no iscriet in manera perfeta at a èssere sempre menzus de no fàghere nudha. Ca su chi tocat assolutamente a salvare est sa limba, sa capatzidade de manizare su sardu pro nàrrere sas cosas de sa vida, e no un’iscritura mancari netzessària e fata cun critériu.

Cales ainas ti parent bonas pro cumintzare a imparare su sardu? Cales libros de testu? Cales sitos internet?

No mi chirches internèt. Coment’e ainas / testos de zenia didàtica semus azummai all’anno zero: za bi ndh’at ma a donzi modu semus in artu mare no solu ca semus impantanados in chistiones de iscritura prus de su netzessàriu, a trivas de pare pro abbétias, e de “cale sardu?”, e atacados a su sardu de bidha nostra coment’e bidhúnculos chi no ischimus bídere su sardu de sos àteros in su sardu nostru – e si podet cumprèndhere ca de sardu no amus istudiadu mancu su nostru – e mancari tenimus sa presuntzione puru chi su nostru est su “veru”; ma fintzas, e cun curpa manna, ca nois semus chentza guvernu (ne de limba e ne de àteru, a nàrrere sa veridade), ca sinono si su sardu fit intradu in sas iscolas nessi una paja de oras donzi chida bi aiat àpidu prus presse e incuru fintzas pro fàghere òperas de impreu didàticu, e de seguru tocat a pònnere in contu fintzas de cantos si interessant cun istúdiu e cumpeténtzia pro iscopu didàticu destinadu a sos tres livellos de iscola: pitzinnia, elementares e médias.

Si chircas grammàticas bi ndh’at de su logudoresu, de su nuoresu, de su campidanesu e donzuna est bonu a la connòschere chentza ispetare una grammàtica generale de su sardu (chi puru bi est de su 2008, nessi sa Grammàtica de sa limba sarda, Editore Condaghes) e assumancu pro sas cosas prus urzentes e comunas. Sa mia faghet fonologia e chistiones de pronúntzia e de iscritura, sa morfologia, totu sa sintassi e s’istória, e de totu su sardu, e bi at una bella antologia de testos de totu sas faedhadas, apustis de donzi parte de sa morfologia e de sa sintassi, chi si prestant pro leturas e totu sos esercítzios e, si cumprendhet, fintzas pro imparare peràulas chi no, o pagu, si connoschent.

Ti cossizo de intrare in internèt e de chircare su catàlagu de assumancu sos Editores chi apo fontomadu pro bídere cantu materiale bi at pubblicadu.

Màriu Pudhu, de Illorai, est istudiosu de limba sarda, s’est formadu che a pedagogu e at traballadu che a professore in Santu Giuanne Suèrgiu e in s’Universidade de Casteddu che a formadore de professores de sardu. 

Bidi puru

Cale sardu depo imparare, Roberto Bolognesi?
Cale Sardu depo imparare, Pepe Coròngiu?

Quali strumenti per l’accesso alla terra?

Quali strumenti per l’accesso alla terra?

Questo il tema del dibattito in programma sabato 27 gennaio all’Ex Casa Sirio, a Selargius alle 16:00. L’incontro, promosso dal Coordinamento Comitati Sardi, è la quarta tappa della serie di eventi “Ancora insieme in marcia per la nostra terra”, organizzata insieme al Centro Internazionale Crocevia, Ari e il Coordinamento Europeo di Via Campesina, all’interno del progetto “Hands on the land” (Le mani sulla terra). In programma gli interventi degli esperti di Crocevia/Ari/Via Campesina, Terre Colte e Presidio Piazzale Trento. Il dibattito sarà coordinato da Gianluigi Deiana che aprirà con un intervento in ricordo di Vincenzo Pillai, attivista recentemente scomparso.

L’accesso alla terra e gli strumenti in mano alla società civile saranno illustrati da Federica Sperti, della rete Crocevia/Ari/Via Campesina. Successivamente Angelo Pedditzi di Terre colte con l’intervento “Ritorno alla terra con esperienze di recupero di terreni agricoli abbandonati. In chiusura Maurizio Camba del Presidio Piazzale Trento illustrerà i benefici della lombricoltura raccontando le iniziative di Lombrichi Liberi “Qualcosa di pratico per il bene della nostra terra”. A seguire gli interventi del pubblico.

L’evento segue le tappe che si sono svolte a novembre e dicembre a Villacidro, Oristano e Narbolia e riporta al centro il tema della terra, del suo grande valore e potenziale, al servizio e per la produzione di beni di prima di necessità, o per i suoi frutti quale capitale naturale, nell’ottica di restituzione di servizi ecosistemici non sostituibili.

Sarà occasione per parlare anche delle “Linee guida volontarie per una gestione responsabile dei regimi fondiari” proposte dalla FAO, argomento che nell’Isola si collega con il tema della produzione energetica e dell’industria spesso ingombrante, inquinante e poco produttiva perché i modelli proposti sono desueti e superati, in competizione con il mondo agro-zootecnico.

Appuntamento all’Ex Casa Sirio a Selargius, SS 387, Km 8

Al termine dell’incontro del Coordinamento a Selargius, per chi avesse piacere di trattenersi è possibile partecipare ad uno spuntino preparato da Maddalena Senis.

La quota è stata fissata in 5€.

La partecipazione è estesa a tutti.

È gradita conferma entro la sera di domani, venerdì 26, per organizzare gli acquisti e la preparazione dei pasti.

Al fine di ridurre la produzione di rifiuti, chi ha possibilità porti con sé posate, piatti e bicchieri NON “usa e getta”

Tirocinanti: «se inascoltati faremo un Tripadvisor dello sfruttamento»

Immagine tratta  dal sito http://clashcityworkers.org/lotte/cassetta-degli-attrezzi/770-tirocini-abbassamento-costo-lavoro.html
Avevano inviato una lettera aperta alle istituzioni competenti per denunciare l’utilizzo distorto dei tirocini, divenuti uno strumento in mano alle imprese per abbattere il costo del lavoro e per sfruttare la forza lavoro. Insieme alla denunciaa avevano chiesto una indennità minima di partecipazione a 800€ contro i 400€ delle Linee Guida del 2013 e i 300€ delle Linee Guida italiane del Maggio 2017 e altre garanzie minime per non trasformare il periodo di tirocinio in lavoro sottopagato.
Sono i tirocinanti che raccogliendo l’appello della rete dei conflitti sociali Caminera Noa si sono recentemente riuniti ad Oristano dove hanno elaborato una strategia per far emergere la loro voce rimasta inascoltata:

«se la Giunta non dovesse recepire le nostre proposte – rendono noto i giovani attivisti – daremo vita a un TRIPADVISOR dello sfruttamento in cui i tirocinanti sardi possano denunciare pubblicamente le imprese e i datori di lavoro che abusano dei tirocini; le conseguenze sociali e politiche saranno esclusiva responsabilità della Giunta regionale».

Pochi giorni fa, il 16 Gennaio 2018 la Giunta regionale ha approvato la Delibera n.2/8 che a sua volta approva IN VIA PROVVISORIA le nuove Linee Guida regionali, cioè l’insieme di regole su cui si baseranno i tirocini dal 2018 ai prossimi anni.

La delibera non è ancora stata pubblicata sul sito dela RAS ma i militanti sono entrati in possesso di una copia e lanciano l’allarme visto che essa delinea «un quadro addirittura peggiorativo rispetto alle linee guida del 2013 con una indennità ferma a 400€ e un aumento del periodo massimo fino a 12 mesi anche del tirocinio formativo e di orientamento».

Visto che il testo deve passare per la Commissione Lavoro gli attivisti cercheranno nel prossimo futuro di fare pressione perché ci siano dei miglioramenti significativi sul testo proposto.

In questa prospettiva il 24 e 25 gennaio verrà organizzato un volantinaggio al Sardinian Job Day e il 26 Gennaio si terrà una assemblea pubblica a Cagliari in via Mandrolisai, 8 alle ore 18.

Cale sardu depo imparare, Pepe Coròngiu?

Per il ciclo di interviste Cale Sardu?

Intervista a Giuseppe Coròngiu

S’imparòngiu de su sardu, ma fintzas de àteras limbas de Sardigna, est in custu momentu istòricu torrende a èssere unu problema de importu in sa sotziedade isulana moderna.

Sigomente est iscontadu chi chie lu chèrgiat imparare siat semper sardu, e duncas a su nessi faeddet s’italianu, belle totu sos isfortzos e su materiale didàticu sunt pro italòfonos chi cherent torrare a imparare sa limba de su logu pro deghinas de cajones o pro gente chi giai connoschet sa limba ma at bisòngiu de una manera de la iscrìere.

Lìtzitu est a si preguntare cale sardu faeddare? Bisòngiu b’at de l’isseberare?

No est lìtzitu cando est una provocatzione polìtica o sinnu de ignoràntzia. Sa polìtica linguìstica at camminadu e non semus a s’annu zero. A bisu meu, pro faeddare, cadaunu podet seberare su sardu chi connoschet mègius. A bortas est su de sa bidda, a bortas est su chi at intesu de prus. Su sistema pro sa limba sarda prevedit a dies de oe sa libertade in sa pronùntzia.

E chie non tenet perunu ligàmene cun su sardu, dae cale dialetu podet inghitzare a l’imparare?

Pro cussos chi no ant unu sardu ‘domèsticu’ o nativu, o pro sos istràngios, est mègius a comintzare  e a sighire cun su sardu standard. Gasi comente est in cada limba normale.

A podimus ammisturare intre sos dialetos, si implicamus chi non semus nadios sardos? O no andat bene e bisòngiat de isseberare una pronùntzia e unu lèssicu locale ebbia?

Sa limba sarda comuna iscrita est unu sistema abertu e flessìbile a manera bastante. Sa chistione est chi depimus a mala bògia barigare su mundu istrintu de su dialetu e punnare a unu cuntzetu de limba comunitària. Duncas, cada paràula de cada dialetu no est esclusiva de cussu dialetu, ma est de sa limba sarda. E deo la potzo e la depo impreare o nessi cumprèndere. Una limba digna de custu nùmene si fràigat a custa manera. Abandonamus s’auto-colonialismu linguìsticu.

Dae chi si depet imparare a l’iscrìere, dae ue cussìgias de cumintzare a l’imparare? A si devent imparare prus ortografias? E pro ite?

Cursos si nde faghent, non medas, ma bi nd’at. Deo cussìgio de fàghere petzi sos cursos fundamentados subra sa LSC. Sos àteros non serbint a nudda si nono a arressare su protzessu de istandardizatzione. Deo so pro una limba normale chi, comente sas àteras, apat una ortografia ebbia. Chie non narat gasi est unu colonizadu-orientalizadu.

Pro chie non cheret intrare in sa cherta de s’ortografia, ite li dias cussigiare pro si alfabetizare?

 Fàghere unu cursu LSC fatu de gente cumpetente è sèria.

Cales ainas ti parent bonas pro cumintzare a imparare su sardu? Cales libros de testu? Cales sitos internet?

Si podet lèghere sa grammàtica de sa Regione e cussa de Porcheddu, lèghere e cumprèndere sos libros iscritos a norma. Bi nd’amus de bonos e finas clàssicos internatzionales. E medas sunt a in donu e in su giassu ufitziale de sa Regione. Comente blog sinnalo Limba Sarda 2.0 ca est ativu dae su 2011 e isparghinat testos a norma semper apentados.

Giuseppe (Pepe) Coròngiu, de Làconi, est literadu e est istadu diretore de su Servìtziu Limba Sarda de sa Regione Autònoma de Sardigna dae su 2006 a su 2014.

Bidi puru

Cale sardu depo imparare, Roberto Bolognesi?
Cale sardu depo imparare, Màriu Pudhu?

Cale sardu depo imparare, Roberto Bolognesi?

Per il ciclo di interviste Cale Sardu?

Intervista a Roberto Bolognesi

S’imparòngiu de su sardu, ma fintzas de àteras limbas de Sardigna, est in custu momentu istòricu torrende a èssere unu problema de importu in sa sotziedade isulana moderna.

Sigomente est iscontadu chi chie lu chèrgiat imparare siat semper sardu, e duncas a su nessi faeddet s’italianu, belle totu sos isfortzos e su materiale didàticu sunt pro italòfonos chi cherent torrare a imparare sa limba de su logu pro deghinas de cajones o pro gente chi giai connoschet sa limba ma at bisòngiu de una manera de la iscrìere.

Lìtzitu est a si preguntare cale sardu faeddare? Bisòngiu b’at de l’isseberare?

Su sardu chi bolet imparadu est cussu prus acanta a is sentidos tuos.

E chie non tenet perunu ligàmene cun su sardu, dae cale dialetu podet inghitzare a l’imparare?

Su sardu qui ddi benit prus fatzile a intender. Su sardu de sa gente qui tenet a ingiriu suo.

A podimus ammisturare intre sos dialetos, si implicamus chi non semus nadios sardos? O no andat bene e bisòngiat de isseberare una pronùntzia e unu lèssicu locale ebbia?

Pro unu qui non est sardu, non ddi faet nudda cale sardu imparat. Fintzas un’ammesturu andat bene. E andant bene puru is interferentzias de ateras linguas, a su mancu in s’incumentzu. Sa cosa prus de importu est a ddu praticare, su sardu. E est pro cussu ca est semper mellus a si ponner cun sa bariante qui unu intendet de prus. Is linguas bolent imparadas in sa manera prus naturale possibbile, come faent is pipios.

Dae chi si depet imparare a l’iscrìere, dae ue cussìgias de cumintzare a l’imparare? A si devent imparare prus ortografias? E pro ite?

Sa cosa prus de importu est a arribbare a tenner una cumpetentzia passiva. Duncas ascurtare e legher meda. Legher totu su pagu chi s’agatat. Pro imparare a scrier, pro unu qui non est sardu, b’at prus tempus qui non sartitzu. Cando amus a tenner un’ortografia ufitziale nde torramus a faeddare.

Pro chie non cheret intrare in sa cherta de s’ortografia, ite li dias cussigiare pro si alfabetizare?

Legher totu su qui agatat, ma prus que a totu sa pagu literadura bona qui tenimus.

Cales ainas ti parent bonas pro cumintzare a imparare su sardu? Cales libros de testu? Cales sitos internet?

Libros de testu bonos fintzas a immoe non nd’apo bidu. Ma non apo ne.mancu bidu totu. Legher literadura, contos e cosas interessantes. E a si ghetare in mesu a is discussiones. Non at a morrer nemos dae is faddinas de unu qui est incumentzende.

Roberto Bolognesi, de Biddamassàrgia, est unu linguista laureadu in s’universidade de Amsterdam, in ue at fatu chirca, e chi como insingiat latinu in Olanda. 

Bidi puru

Cale sardu depo imparare, Pepe Coròngiu?
Cale sardu depo imparare, Màriu Pudhu?

Cale sardu?

Sa redatzione de Pesa Sardigna at indiritzadu sas matessi preguntas a bator espertos de limba sarda intre sos prus connotos.

Amus chèrridu fàghere unas cantas preguntas chi a s’ispissu interessant a sas persones chi si acùrtziant a su sardu, ma l’ant intesu pagu meda o non tenent unu modellu particulare de pòdere sighire.

Sende chi antis de totu nos depimus interrogare si una pregunta podet èssere giusta o nono, amus pedidu si est lìtzitu a si preguntare cale sardu faeddare. Su bisòngiu nostru beniat dae una de sas preguntas prus distrutoras chi si podent fàghere in custu clima de diglossia, in ue cada dialetu de su sardu (cada manera locale de lu faeddare) est cunsideradu che a limba non-cumprensìbile cun sas àteras faeddadas locales. Giai chi pensamus chi custa siat una veridade solu in unu sistema sotziale in ue s’impreu de su sardu est una birgòngia, o in ue non b’at ufitzialidade, o in ue bi sunt semper pregiudìtzios chi ammisturant cuntzetos polìticos a cuntzetos cun una fartza marca de iscientifitzidade, amus intentadu de fàghere craresa preguntende a chie ammanìgiat dados sientìficos e chie si est ocupadu de polìtica linguìstica.

Chie non tenet perunu ligàmene cun su sardu, e in Sardigna b’at gente meda, s’atzapat a cumintzare s’imparòngiu dae unu puntu cale si siat, in pràtica. Amus preguntadu dae cale dialetu si podet inghitzare a l’imparare, ca como, in su 2018, tenimus prus chi un’istandard ortogràficu ma, afortunadamente – diant nàrrere tzertunos – perunu ufitziale de pronùntzia.

A pustis preguntamus si podimus ammisturare intre sos dialetos. Non totu sos chi cherent imparare su sardu sunt nadios sardos, difatis. Sigomente b’at puristas chi narant chi no andat bene a ammisturare e bisòngiat de isseberare una pronùntzia e unu lèssicu locale ebbia, cherìamus ischire si b’esseret un’alternativa a su chi narat carchi unu, overas chi siat mègius a faeddare italianu, e tando a lassare istare su sardu, imbetze de sighire a lu chèrrere faeddare e ammisturare intre sos faeddos locales de su sistema-limba de su sardu.

Su sardu cheret iscritu e duncas pedimus cussìgios pro lu cumintzare a imparare. A custu sighit sa pregunta si si devent imparare prus ortografias e pro ite.

De seguru a gente meda no interessat a intrare in sa cherta de s’ortografia e at intentadu ebbia de ischire cale diat èssere sa manera de rapresentare sa limba. Custu est pràghidu a sardos meda chi si poniant su problema antis de iscrìere, ma ant isseberadu comente rapresentare su sardu sena intrare in peruna dibata. In s’ìnteri, b’at àpidu gente chi ant preferidu a impreare s’italianu pro no faddire iscriende o pro ammustrare, sena lu chèrrere, s’afetzione a su tema de sa limba chi diat èssere istada mègius suta sa limba-cobertura de s’italianu chi cun una grafia ufitziale cale chi esseret. Tando amus regòllidu cussìgios pro si alfabetizare.

In fines, sa pregunta est cales ainas lis parent bonas pro cumintzare a imparare su sardu, si b’at libros de testu o si b’at sitos internet.

A bois sa letura de sas rispostas de Roberto Bolognesi, Pepe Coròngiu, Màriu Pudhu, Diegu Corràine.

Bidi puru

Cale sardu depo imparare, Roberto Bolognesi?
Cale sardu depo imparare, Pepe Coròngiu?
Cale sardu depo imparare, Màriu Pudhu?

Indipendentismo popolare o reazionario?

di Andrìa Pili

Gli italianisti che sostengono l’inserimento dell’insularità in Costituzione e gli indipendentisti del PdS hanno una cosa in comune: le loro tesi, per vie diverse, giungono ugualmente all’assoluzione della classe dirigente sarda. L’idea di “convergenza nazionale sarda” del PdS – che si pone l’obiettivo di unire “il maggior numero di forze, escludendo solo quelle razziste, fasciste, violente”, senza “nessuna preclusione” in favore di “una campagna elettorale competitiva col governo” e per “creare più poteri per i sardi” (cito il segretario Maninchedda, dall’Unione Sarda del 10 gennaio) – si basa sull’idea che ogni soggetto politico operante in Sardegna sia naturalmente portato, di per sé, a fare gli interessi della maggioranza dei sardi. La colpa è tutta del potere esterno. I partiti e gli individui che hanno detenuto il potere politico in Sardegna avrebbero compiuto degli errori in totale buona fede; si tratta soltanto di persone non ancora convinte dell’indipendenza ma che possono diventarlo. Sarebbe tutta una questione di Fede. Non di conflitto sociale, quindi di scelte compiute in nome di determinati interessi, al fine di conservare uno stato di cose vantaggioso per il ceto politico-clientelare sardo e dannoso per la maggioranza.

Lenin aveva scritto: “Senza teoria rivoluzionaria non vi può essere movimento rivoluzionario”. Penso sia interessante guardare all’ideologia che porta alla giustificazione di un’alleanza fra una parte dell’indipendentismo e il Partito Democratico sardo (in atto dal 2014, saltata per queste legislative ma pronta per essere riproposta l’anno prossimo; è già rilevante solo il fatto che si possa pensare). Penso che leggere qualche passaggio del cosiddetto “Manuale di Indipendenza Nazionale”, scritto dall’attuale presidente del PdS, possa aiutare a comprendere le idee confuse che fanno da paravento ad un modo di agire così incoerente per gli interessi dell’emancipazione nazionale e sociale.

L’aspetto che mi ha più colpito del testo è l’approccio “microfondato” all’indipendenza. Mi pare che si guardi al «popolo sardo» come ad una moltitudine indistinta di individui, ad una sommatoria di singoli sardi da convincere affinché aderiscano ad un’ideologia. Peggio: l’indipendentismo sembra diventare quasi una Fede. Così, essere indipendentista non significa più semplicemente volere uno Stato sardo formalmente indipendente (e quindi ciò potrebbe racchiudere i progetti politici più disparati, dalle ideologie più nobili e legittime fino a quelle più aberranti) ma aderire ad una fede (“l’indipendenza sarà … anche di quelli che oggi credono di non crederci”), avere un particolare atteggiamento (“godere immensamente dalla condivisione di ogni piccola o grande vittoria”) o un modo di agire (“impegnarsi quotidianamente”, “prendersi la responsabilità di governare per quanto possibile la Sardegna come il nostro Stato futuro”).

La nascita del cosiddetto “nuovo indipendentismo” viene inquadrata – in maniera direi mistica, senza considerare le particolari condizioni sociali, economiche, politiche della Sardegna, dell’Italia e dell’Europa che hanno creato una condizione favorevole alla crescita di un movimento indipendentista e permesso una maggiore diffusione dei suoi messaggi – in “questo sereno coraggio (…) questa fiducia in una visione diversa dei sardi e del loro futuro”. Inoltre, dire che ci sono dei sardi che “ancora non sanno di essere indipendentisti” e dire che l’indipendenza è di “tutti i sardi”, oltre a sembrare un essenzialismo, omette completamente l’esistenza di interessi concreti, oggettivi, al di là della condizione soggettiva, che fanno sì che uno sostenga o meno un progetto di emancipazione nazionale oppure si possa convincere o meno a sostenerlo.

Viene omessa l’esistenza di una contraddizione interna alla nostra società, tra sardi oppressi e sardi oppressori, sardi che la dipendenza ha posto in una condizione di privilegio e sardi che hanno visto la propria vita menomata dalla condizione di dipendenza in cui si trova la loro terra. Tutte le dominazioni coloniali si sono basate anche sulla complicità di un ceto locale. La dipendenza non può essere vista solo come qualcosa che viene dall’esterno ma anche come una relazione tra l’oligarchia del Paese dominato e quella dello Stato dominatore.
La dicotomia fondamentale interna alla società sarda che Sedda ci propone è invece questa “Sardi che lavorano per l’indipendenza e sardi da convincere – con l’esempio ed il dialogo – ad unirsi al lavoro per l’indipendenza”; “il lavoro per l’indipendenza è la trama che ci lega”.

Un’altra falsa dicotomia è quella proposta per definire gli stessi indipendentisti: “passare dalla pura testimonianza alla concreta pratica della sovranità”; “Solo così potrà conquistare la fiducia dei tanti sardi che si dichiarano per l’indipendenza ed evidentemente non votano per gli indipendentisti”. Da queste frasi l’importanza dell’opposizione, per far crescere i consensi, viene esclusa. La concreta pratica della sovranità (formula che in realtà non vuol dire niente) sarebbe unicamente connessa con il ricoprire posizioni di governo; i sardi sono intesi passivamente, soggetti da conquistare tramite il governo, più che attori di questa pratica concreta (che io, invece, vedo non nel guidare un assessorato o una Giunta ma nella lotta dal basso contro l’occupazione militare, la speculazione energetica, la sottrazione del territorio, per la difesa dell’ambiente). Quando l’indipendenza si trasformerà in un “movimento di popolo”? Ecco la risposta seddiana: “Solo nel momento in cui avremo costruito ponti, rianimato i cuori, ridato ossigeno alle menti” (!?). Come possiamo trasformare la crisi mondiale in un’opportunità? Questa la risposta: “a questo mondo servono persone buone (…) solo la bussola della bontà e dell’amore che può consentirci di orientarci e ad attraversarlo”. Insomma, c’è il tanto per rimanere sbigottiti di fronte a queste numerose formule vuote.

Non credo in questo indipendentismo che non guarda a come conquistare e soddisfare le domande di gruppi sociali determinati, esistenti, oggettivamente oppressi e dunque coinvolgibili in una lotta di emancipazione nazionale e sociale. Dagli anni’90 in poi questa è stato un difetto condiviso dal sardismo maggioritario ed è questa la ragione che, a mio giudizio, ha portato l’indipendentismo sardo a giungere in forte ritardo teorico ed organizzativo al momento della crisi economica, in cui avrebbe potuto capitalizzare e dirigere in senso nazionalista il crescente disagio sociale. Il problema fondamentale rimane quello di creare un indipendentismo di massa; penso che ciò possa essere fatto solo all’interno di una logica di conflitto sociale e in nome di un coerente progetto politico rivoluzionario sul piano sociale ed economico, che punti ad aumentare il potere del popolo lavoratore sardo più che la libertà dell’oligarchia sarda di poter disporre di strumenti politici più autonomi per poter continuare ad esercitare il proprio dominio sui subalterni di questa nazione. Nessun individuo ha la bacchetta magica per trovare delle «ricette» valide a questo scopo; penso che non sia un progetto che possa nascere dal cervello geniale di qualcuno ma unicamente dalle battaglie per cambiare questo stato di cose. Possiamo comunque essere certi di una cosa: ciò che è assolutamente inutile alla Sardegna è un indipendentismo inteso come un’ideologia per cui i membri del nostro ceto politico e della nostra borghesia (i vari Ganau, Paci, Scanu…e perché non anche Cappellacci, Oppi etc.) non sarebbero dei nemici della maggioranza del nostro popolo ma dei sardi che non sono ancora diventati indipendentisti e che – con l’esempio ed il dialogo – possono diventarlo.

 

Tirocinanti sardi sul piede di guerra

Hanno raccolto l’appello del nuovo percorso politico sardo “Caminera Noa” (http://www.pesasardignablog.info/2017/10/29/caminera-noa-la-ras-cambi-le-regole-sui-tirocini/), poi hanno scritto una lettera manifesto (https://www.facebook.com/notes/cambiamo-le-regole-sui-tirocini-sardegna/cambiamo-le-regole-sui-tirocini-firma-anche-tu/1519908184754358/) che hanno provveduto a diffondere in rete e ad inviare agli organi istituzionali competenti: sono i giovani tirocinanti sardi.
Il manifesto dell’assemblea pubblica chiamata dai tirocinanti per il prossimo 11 gennaio a Oristano
Ora si troveranno ad Oristano per la prima assemblea pubblica “Cambiamo le regole sui tirocini” per dare corpo alla battaglia in vista di una regolazione dei tirocini più giusta, equa e dignitosa per tutti i lavoratori in formazione.
L’appuntamento è stato fissato giovedì 11  Gennaio 2018 a Oristano presso il Liceo Classico De Castro in piazza Aldo Moro.
Di seguito una sintesi delle richieste più significative di Caminera Noa e dei tirocinanti in lotta:
  • una distinzione netta tra le tre tipologie di tirocinio: I) tirocini formativi e di orientamento, II) tirocini di inserimento/reinserimento al lavoro e III) tirocini in favore di disabili, persone svantaggiate e richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale, giacché ognuno di essi risponde ad esigenze diverse;
  • una durata massima del tirocinio di 6 mesi;
  • una indennità minima di partecipazione di 800€; dal momento che si continua a chiudere gli occhi rispetto al fatto che i tirocinanti svolgano effettiva attività lavorativa e anzi lo si accetta, allora vogliamo ricevere una somma più dignitosa;
  • controlli-filtro sulle offerte di tirocinio, almeno in quelle pubblicate nei canali ufficiali della Regione Sardegna; non è possibile continuare a vedere offerte per attività che non necessitano di formazione o che richiedono pregressa esperienza lavorativa, ciò contrasta con la normativa e sono il primo campanello d’ allarme rispetto a una futura situazione di abuso;
  • maggiori controlli da parte dei soggetti promotori e maggiori controlli sui soggetti promotori, rei troppo spesso di chiudere un occhio rispetto a situazioni di abuso;
  • maggiori e genuini controlli ispettivi sui luoghi di lavoro che, in caso di accertamento di un abuso, darebbero diritto al tirocinante a vedersi riconosciuta l’applicazione retroattiva di tutti i trattamenti economici e normativi spettanti ai lavoratori che svolgono le sue stesse mansioni.
Non possiamo non segnalare inoltre i sempre più frequenti ritardi nel versamento di quella modesta indennità che ci spetta e chiedere di intervenire a garanzia di una maggiore regolarità e puntualità.
Su questi punti daremo battaglia e siamo pronti a farci sentire.

Sacchetti “bio” e veleni di Sardegna

di Comitato No chimica verde- no inceneritori

La scienziata che in Italia ha reso famosi i sacchetti biodegradabili, o meglio il mater-bi, è Catia Bastioli, che oltre a essere amministratore delegato di Novamont lo è anche di Terna.

Catia Bastioli grazie all’aiuto dell’Eni ha deciso di fare la sua fabbrichetta di sacchetti a Porto Torres. Per chi non lo sapesse, uno dei siti più inquinati d’Italia. Per intenderci, sotto i terreni dove è stata impiantata la fabbrichetta verde, scorrono fiumi di benzene, dicloroetano, CVM e altro ancora. Ma sotto eh, sopra è tutto tinteggiato di verde. Il colore della speranza.

Quindi Novamont ed Eni (Versalis) rubandoci la parola Matrica hanno creato una joint venture che avrebbe dovuto trasformare uno dei siti più inquinati d’Italia nel polo più verde del mondo. Un’impresa talmente audace e green che pure Legambiente ci ha creduto, talmente tanto da diventare partnership di Novamont.

Poi chiedetevi perché Ciafani difende l’amica dell’amico.

Ah in questa greffa si è infilata anche Intesa San Paolo, che per restare sul pezzo fa tanti soldini dalle Cluster Bomb. Per le quali la convenzione ONU ne proibisce l’uso. Così giusto perché si parla di buone pratiche.

Ora il polo più verde del mondo, di verde non ha che il nome. Dal momento che Eni, come previsto dal buon senso e dalla legge, lo avrebbe dovuto prima bonificare.

Ma tornando ai nostri sacchetti, la Bastioli non è scienziata solo di nome. Infatti ha avuto una bella idea. Ovvero produrre i sacchettini con l’olio estratto dalla pianta del cardo. Idea che ha richiesto studi approfonditi e gli studi approfonditi ai giorni d’oggi costano e anche molto. Per l’esattezza 3,7 miliardi di euro solo dalla UE, non tutti a Novamont naturalmente. Poi qualche altro spicciolo lo ha dato la Regione Sardegna, ma poca roba solo 60 milioni di euro (soldi del contribuente).
Una parte di questi soldini sono serviti per finanziare le ricerche degli enti vari, tra questi anche illustri università, marketing e spesucce varie. Ma tanta fatica per nulla, purtroppo il cardo è scomparso dall’orizzonte. Non perché non fosse una pianta adatta, anzi al CNR hanno addirittura scoperto che oltre a produrre olio, dal cardo si poteva ricavare anche miele, farine vegetali insomma quelli la ricerca l’hanno presa sul serio. Il problema è che i contadini della Nurra, la seconda piana più fertile della Sardegna, dove si sarebbe dovuta coltivare la pianta spinosa, non ne hanno voluto sapere di sterilizzare le loro terre con i cardi.

Ma la Bastioli è una che non si arrende, così l’olio per i suoi sacchetti ha deciso di importarlo, smuovendo navi e innescando un circolo poco virtuoso, che di bio continua ad avere solo il nome.

E comunque la fabbrichetta per trasformare l’olio importato con le navi, in sacchetti biodegradabili, ha bisogno di energia. Ma non c’è problema, ora non ci è dato sapere i dettagli, fatto sta che vicino alla fabbrichetta bio, c’è la centrale termoelettrica di Versalis. Che non brucia farfalle, ma FOK (fuel oil of cracking) un derivato della lavorazione dell’etilene, talmente cancerogeno e nocivo che lo IARC (International Agency for Research on Cancer) lo mette nella tabella A1 che vuol dire massima nocività. Anche questo a Porto Torres arriva via nave.

In sintesi i sacchetti biodegradabili sono fatti grazie o comunque di lato a un inceneritore di rifiuti tossico nocivi in uno dei siti più inquinati d’Italia. Dove si ammalano e muoiono troppe persone. Alla faccia delle “produzioni ambientalmente virtuose e rispettose degli ecosistemi”.

E siccome però questi sacchetti vanno venduti e bene, il PD all’amica Catia Bastioli le ha regalato una legge sartoriale che non solo obbliga tutti ad usarli, ma cosa ancora più grave vieta ai cittadini di portarseli da casa. Pagandoli, considerati anche i soldi per produrli, una cifra esagerata!

Inevitabilmente il popolo è insorto, ma dal momento che la quadriglia si balla in famiglia, ci ha pensato Legambiente in modo totalmente disinteressato a difendere la nostra scienziata.

Ora che il mater-bi sia meglio del PVC non lo nega nessuno. Ma che prima di fare impresa green bisognava mettere in sicurezza terre, acque e persone, ma anche pesci, che da quei luoghi continuano a trarne solo malefici è ancora più certo.

Potere al popolo: progetto neocentralista?

di Andrìa Pili

Penso che la nascita di un progetto di Sinistra coerentemente alternativo al PD, in discontinuità con il passato centrosinistra, sia qualcosa di positivo con riferimento al contesto politico italiano. Perciò guardo con rispetto alla nascita di Potere al Popolo, a differenza di altri soggetti politici, come quelli che hanno dato vita a Liberi e Uguali, che non rappresentano – al di là di qualche slogan retorico comunicativo – alcuna garanzia di cambiamento, a mio modo di vedere.

Tuttavia, ho letto alcune parti del programma di Potere al Popolo e, pur condividendone molti punti, credo ce ne sia uno molto contraddittorio: “ripristinare il Titolo V della Costituzione com’era prima della riforma del 2001”.

Questo significherebbe almeno due cose: ripristinare il principio secondo cui le Regioni possono emanare delle leggi purché “non siano in contrasto con l’interesse nazionale” (dopo il 2001 questo passaggio è sparito, mi pare importante); annullare le competenze che la Sardegna aveva conquistato grazie a quella riforma, in particolare sulla legislazione concorrente in istruzione, ricerca, tutela e sicurezza del lavoro. Un altro punto importante della riforma del 2001 – che tutti i manuali sottolineano – è il passaggio da un articolo per cui la Repubblica “si riparte in Regioni, Provincie e Comuni” ad uno per cui la Repubblica ” è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato”, giungendo ad una visione più orizzontale dei rapporti, il che non mi pare poco. Tale punto del programma è in contrasto con altre sue parti come “Una nuova Questione Meridionale” e quella sull’ambiente, in cui si parla di “democrazia dei territori contro un modello centralizzato orientato da interessi multinazionali”.

Se non si prevede una riforma migliorativa, in senso federale, della Costituzione – mi pare che si parli solo di una sua difesa o rilancio – non capisco come abolire l’attuale Titolo V possa andare d’accordo con punti che esaltano la democrazia locale e la discontinuità con le modalità con cui i governi italiani hanno affrontato la questione meridionale e isolana: “la fine di una strategia che vede nel meridione una mega discarica, o una mega centrale elettrica per il paese; la difesa dei territori dagli appetiti speculativi di imprenditori nostrani e grandi multinazionali, l’affermazione di un modello di economia alternativo, che accanto a produzioni qualificate valorizzi la bellezza, la storia, la terra, le nuove tecnologie, la cultura di città che sono da sempre luoghi di pace, crocevia di popoli e culture”.

Penso che questo punto controverso possa essere spiegato, provando ad entrare nella mente di chi l’ha voluto, con un ragionamento su come i governi locali possano ostacolare la grande rivoluzione voluta dal governo centrale egemonizzato da Potere al Popolo. Si tratta di una prospettiva che – allo stato delle cose – è campata in aria, visto che è improbabile che, da qui a marzo, PaP possa anche solo pensare di avere un parlamentare. Se pensiamo ad un progetto a lungo termine, credo che tale proposta sia un passo falso, rivelante anche una componente ideologica anti-regionalista oltre che una questione pratica come il contrasto dell’atteggiamento reazionario delle classi dirigenti regionali. Ovviamente, un’impostazione del genere rivela un’idea dannosa, paternalista, di un governo centrale che si pone, nei confronti di Meridione ed Isole, come un’autorità salvifica; il che si pone in contraddizione con l’idea di protagonismo popolare “dal basso” su cui il progetto si fonderebbe. Inspiegabile se consideriamo che è stata una realtà vivace come quella napoletana – ex opg Je so pazzo – a contribuire in modo determinante a dare vita a questo progetto.

La Sardegna diede la più alta percentuale di No alla riforma renziana della Costituzione; probabilmente, un rifiuto così massiccio si può interpretare proprio come la volontà di difendere l’autonomia regionale minacciata (malgrado degli accordi farlocchi fossero stati sventolati per dimostrare il contrario). Vedo come contraddittorio anche citare quella vittoria referendaria, se l’aspetto “regionalista” viene fatto passare in secondo piano.

Per i compagni sardi che hanno aderito a questo progetto politico mi pare sia essenziale chiarire le contraddizioni dei punti che ho richiamato, sempre che siano veramente sensibili alla questione sarda. Ho letto, al contrario, delle reazioni riprovevoli alla proposta dei compagni sassaresi di mettere nero su bianco il diritto del popolo sardo all’autodeterminazione e l’abolizione del principio di unità e indivisibilità dello Stato. Conosco dei compagni italiani che hanno più capacità di comprendere la questione di certi compagni nostrani; nulla di nuovo se pensiamo che per far capire al PCI sardo l’importanza dell’autonomia regionale ci volle qualche rimbrotto di Togliatti.

La questione dei poteri autonomi penso che, più che a partire dalla qualità delle classi dirigenti regionali – e tra l’altro non mi risulta che la qualità di chi amministra il governo centrale sia migliore, anzi quelle regionali/locali sono peggiori forse proprio nella misura in cui sono legate alla prima – si debba valutare in base alle possibilità che si aprirebbero per le comunità, le quali possono incidere di più, con la propria azione, sulle scelte di un pessimo governo locale piuttosto che su quelle di un pessimo governo centrale. In Sardegna è sicuramente così. In ogni caso, considerando tanto l’avversione dei compagni sardi al diritto all’autodeterminazione del proprio popolo che l’incomprensione del federalismo in Italia, ci troviamo di fronte all’ulteriore conferma del fatto che ogni ragionamento di alleanze con forze alternative italiane debba avere, come necessario passaggio preliminare, la formazione di un indipendentismo/nazionalismo sardo di massa.