Tirocinanti: «se inascoltati faremo un Tripadvisor dello sfruttamento»

Immagine tratta  dal sito http://clashcityworkers.org/lotte/cassetta-degli-attrezzi/770-tirocini-abbassamento-costo-lavoro.html
Avevano inviato una lettera aperta alle istituzioni competenti per denunciare l’utilizzo distorto dei tirocini, divenuti uno strumento in mano alle imprese per abbattere il costo del lavoro e per sfruttare la forza lavoro. Insieme alla denunciaa avevano chiesto una indennità minima di partecipazione a 800€ contro i 400€ delle Linee Guida del 2013 e i 300€ delle Linee Guida italiane del Maggio 2017 e altre garanzie minime per non trasformare il periodo di tirocinio in lavoro sottopagato.
Sono i tirocinanti che raccogliendo l’appello della rete dei conflitti sociali Caminera Noa si sono recentemente riuniti ad Oristano dove hanno elaborato una strategia per far emergere la loro voce rimasta inascoltata:

«se la Giunta non dovesse recepire le nostre proposte – rendono noto i giovani attivisti – daremo vita a un TRIPADVISOR dello sfruttamento in cui i tirocinanti sardi possano denunciare pubblicamente le imprese e i datori di lavoro che abusano dei tirocini; le conseguenze sociali e politiche saranno esclusiva responsabilità della Giunta regionale».

Pochi giorni fa, il 16 Gennaio 2018 la Giunta regionale ha approvato la Delibera n.2/8 che a sua volta approva IN VIA PROVVISORIA le nuove Linee Guida regionali, cioè l’insieme di regole su cui si baseranno i tirocini dal 2018 ai prossimi anni.

La delibera non è ancora stata pubblicata sul sito dela RAS ma i militanti sono entrati in possesso di una copia e lanciano l’allarme visto che essa delinea «un quadro addirittura peggiorativo rispetto alle linee guida del 2013 con una indennità ferma a 400€ e un aumento del periodo massimo fino a 12 mesi anche del tirocinio formativo e di orientamento».

Visto che il testo deve passare per la Commissione Lavoro gli attivisti cercheranno nel prossimo futuro di fare pressione perché ci siano dei miglioramenti significativi sul testo proposto.

In questa prospettiva il 24 e 25 gennaio verrà organizzato un volantinaggio al Sardinian Job Day e il 26 Gennaio si terrà una assemblea pubblica a Cagliari in via Mandrolisai, 8 alle ore 18.