Dichiarazione di non voto: la mia scelta

Sono imminenti le elezioni politiche italiane. Cosa ne pensano le forze politiche e intellettuali indipendentiste e anticolonialiste? La redazione di Pesa Sardigna ha deciso di ospitare diversi interventi sul tema. Qui proponiamo un articolo di Luana Farina Martinelli, poeta e militante del FIU.
Chiunque volesse può inviare il suo contributo alla e-mail della redazione pesa.sardigna.blog@gmail.com o indirizzarlo alla nostra pagina Facebook.

di Luana Farina Martinelli

Il 4 marzo 2018, da militante Indipendentista, per le elezioni Politiche italiane, così come per le Europee, al seggio, farò la mia abituale dichiarazione di non voto da mettere agli atti.

La farò prima di tutto, per coerenza, perché ritengo che un voto alle politiche italiane legittimerebbe e riconoscerebbe ulteriormente e implicitamente il potere dello stato colonialista italiano di decidere ancora per noi sardi, politicamente, economicamente, militarmente e culturalmente.
Diverso è un voto per le comunali e “regionali” che, per chi è indipendentista, sono “Natzionali”, e si è chiamati a impegnarsi realmente per la propria città e la natzione sarda.

Fotografia de Rina Sanna
Luana Farina (settembre 2017), foto di Rina Sanna

“Ma perché? – mi dice qualcuno – Capisco che tu non voglia votare partiti italiani o sardi filo-italianisti, ma ora c’è il nuovo Polo dell’AutodetermiNatzione!”

Certo, personalmente però ho dei forti dubbi su questo “Polo”:

  • Non credo che sia stata una scelta oculata esordire alle politiche e non alle “regionali”, perché sino al 2019, il “Polo” avrebbe avuto tutto il tempo necessario per radicarsi in Sardigna, ma anche presso le comunità sarde d’oltremare, con azioni forti, pratiche, visibili e condivise, riguardo le lotte per l’autodeterminazione e per la liberazione dal colonialismo italiano, di cui molti sardi che vivono fuori dalla loro terra, sono totalmente all’oscuro.
  • È innegabile che alcune delle “componenti storiche” di questo neo “Polo” siano state promotrici o abbiano aderito a queste lotte, in tanti anni di militanza; le hanno fatte e le fanno tutt’oggi, ma solo a titolo personale o di sigle. Allo stato attuale, a parte le assemblee pubbliche di presentazione, di stampo populista, in cui il programma illustrato è ancora troppo nebuloso e carente riguardo alcuni problemi, in questo “Polo” non vedo altro. Un esempio per tutti: come si fa a dedicare alla Sanità sarda solo 6 righe del programma e con termini obsoleti, quando sappiamo che del bilancio regionale 2018 (pari a 7,792 miliardi di euro), più della metà (3,488 miliardi) è impegnato per il settore sanitario?
  • Non credo che il Polo dell’AutodetermiNatzione, candidandosi alle politiche italiane, possa raggiungere un risultato davvero utile all’autodeterminazione della Natzione Sarda. L’esperienza di almeno un gruppo politico sardo presente in Parlamento lo dimostra. Resta sempre un can che abbaia ma non morde! Non ho mai creduto a chi dice “le cose si cambiano da dentro”. Facendo mie le parole di un illustre patriota sardo vivente, penso che “la frittata si possa fare solo rompendo le uova”!
  • Con alcune componenti di questo neo schieramento ho personalmente divergenze di pensiero troppo forti, perché provenienti o dalla politica italiana, anche di destra, alcuni con precisi incarichi politici/amministrativi o non hanno un passato, nemmeno recente, di attivismo nelle lotte che per un indipendentista sono fondamentali; intravedo anche da parte di alcuni una certa ambiguità “modaiola” , mentre altri mi pare sia saltati “sul carro dell’autodeterminazione” all’ultimo istante, tanto per non restare a piedi, ma in realtà o non sanno dove andare, oppure, abituati al potere (non solo politico), vogliono esserci a tutti i costi.
  • Ci sono poi le modalità con le quali, alcune componenti del neo Polo dell’autodeterminazione, in fase preliminare, in cui ci si confrontava e si valutava la possibilità di costruire qualcosa di nuovo, si sono relazionate, con l’indipendentismo “già esistente“ e attivo, in un modo che definirei “alla grillina”, con un atteggiamento che ho percepito come antidemocratico, perché calato dall’alto, pregno di pregiudizi e diktat, che anziché unire, lavoravano per zittire o fagocitare le voci “altre”.
  • La percezione che ho è quella che dietro questo frettoloso presentarsi alle elezioni politiche, in realtà si voglia, in previsione delle regionali (natzionali), valutare gli equilibri e le forze interne per candidature e spartizione di ruoli all’interno del Polo. Direi che ancora una volta ci troviamo di fronte a un modo “italo-colonialista-spartizionista” di pensare la politica.

La confusione comunque è tanta, anche nelle “alternative” che avrebbero potuto tentarmi, soprattutto della neonata sinistra che si presenta come “antagonista”, ma che è stata spesso assente dalle lotte per la liberazione della Sardigna dal colonialismo militare, dai veleni, dalla negazione della lingua e della cultura sarda, che ha sostenuto e sostiene ancora, un’ economia “aliena” basata sulla chimica e sulle armi, anziché su ciò che è “la vocazione naturale” della Sardigna: agricoltura, pastorizia, pesca, turismo popolare e diffuso, cultura e supporto alle imprese locali che la praticano.
Solo oggi a un passo dalle elezioni questa neo-sinistra (ma questo sta succedendo anche a destra) cerca maldestramente di fare propri temi che da molto tempo, nella pratica, non gli appartengono più.

Infine ci sono anche compagni di lotte comuni, che hanno deciso di presentarsi per la prima volta, e per i quali ho volentieri firmato la lista, ma solo perché credo che in democrazia, gli schieramenti di Sinistra, Democratici e Progressisti (seppur di matrice italiana) debbano avere la possibilità di competere, anche se non avranno il mio voto.

Ribadisco perciò la scelta di dichiarazione di non voto, che viene verbalizzata e permette di esprimere per iscritto il perché non si vota e non va a incrementare il premio di maggioranza, per questo la reputo una vera e propria azione politica, coerente, incisiva, e mediaticamente visibile, se fosse praticata in massa, rispetto all’astensione o al voto in bianco o nullo.

Infine, la dichiarazione di non voto crea un certo “disturbo” immediato all’interno del seggio perché costringe i presidenti a verbalizzare la dichiarazione con la motivazione prevista dalla legge “mi presento al seggio, faccio vidimare la tessera elettorale, non tocco la scheda, non voto perché non mi sento rappresentata da nessun partito e da nessun candidato” (o altra motivazione). Volendo si può anche preparare a casa la dichiarazione da far allegare al verbale e, se i presidenti si rifiutano di farlo, sono passibili di denuncia immediata. Tutto ciò deve avvenire senza discussioni e in perfetta calma. Per chi desidera praticare la mia stessa scelta, mi contatti via mail: luanedda57@gmail.com, invierò istruzioni dettagliate, il modulo stampabile e la dichiarazione di non voto da compilare e firmare in 3 copie.