Wetoogether con una Non una di meno a Cagliari

In occasione dell’8 marzo 2018 Non Una Di Meno Cagliari organizza un corteo con partenza alle 9 da Piazza Garibaldi.

Al grido di #WeToogether, anche nel capoluogo sardo, il movimento internazionale e intersezionale Non Una Di Meno manifesterà contro la violenza maschile sulle donne e ogni tipo di violenza di genere. Durante il corteo sono previste due brevi soste in Piazza Repubblica e in Piazza Amendola​, mentre, al termine della manifestazione, è stata programmata una serie di interventi e performance artistiche in Piazza del Carmine​.

In occasione della Giornata internazionale della Donna, Non Una di Meno Cagliari aderisce allo sciopero con un corteo femminista per pretendere una trasformazione radicale della società​: contro la violenza di genere, economica e razzista, contro la precarietà e le discriminazioni, per un sovvertimento delle gerarchie sessuali, delle norme di genere e dei ruoli sociali alla base dei rapporti di potere che generano molestie e violenze. Lo sciopero coinvolgerà il lavoro produttivo e riproduttivo e avrà un carattere sociale​. Alcuni sindacati hanno già aderito ufficialmente allo sciopero, ma l’obiettivo è andare oltre il corporativismo delle categorie e unire nella lotta le molteplici figure del mondo del lavoro e del non lavoro. Sarà strumento  – scrivono le attiviste in una nota stampa – per rivendicare un reddito di autodeterminazione, un salario minimo europeo e un welfare universale, garantito e accessibile.

Per questo, Non Una Di Meno Cagliari invita tutte e tutti alla partecipazione, diventando parte della marea femminista.

Ma l’adesione alle ragioni femministe non è l’unica ragione della mobilitazione. Le organizzatrici rimarcano infatti anche «l’importanza della costruzione di nuove reti solidali e di mutuo soccorso» per fare fronte alla barbarie dell’individualismo della solitudine, della società basata sui ricatti e sulle discriminazioni dentro e fuori i luoghi di lavoro.

Per maggiori informazioni​: Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/2048900752062379//

Alla manifestazione aderiranno anche gli indipendentisti di Progetu Repùblica De Sardigna che in una nota stampa bilingue specificano i motivi della condivisione:

Nosu de Progetu Repùblica semus sensìbiles a custos temas poita in sa batàllia feminista e queer contra s’opressione ndi biemus is tratos de sa luta sarda contra s’opressione coloniale:

nos agatamus in sa luta contra sa violèntzia de tipu machista poita, cumente sardos e sardas, semus stètius e semus vìtimas de s’impositzione de unu modellu ùnicu de identidade e de cultura;
nos agatamus in sa luta pro s’autodeterminatzione de is corpus e de is disìgios poita, cumente sardos e sardas, batalliamus pro s’autodeterminatzione de su pòpulu nostru e pro sa libertade de seberare autonomamente su benidore nostru;
nos agatamus in sa luta pro un’educatzione e una istrutzione lìberas dae istereòtipos de gènere poita, cumente sardos e sardas, galu batalliamos ataleschì sa cultura nostra in totus is bariedades suas bessat dae su disterru dae s’educatzione de mannos e piticos.

Amus a partitzipare poita creemus chi su progressu polìticu ddu faint prus chi totu is persones chi cun balentia e prodesa detzidint de si pigare in manu su destinu insoru.