Il programma dell’Autodeterminatzione

Domani si svolgeranno le elezioni politiche italiane. Pesa Sardigna ha ospitato un dibattito a più voci sui vari punti di vista dell’indipendentismo progressista, democratico e anticolonialista. Si sono espressi sul nostro blog il segretario del partito indipendentista ProgReS, Gialuca Collu (link) e vari esponenti del progressismo e dell’anticolonialismo: Gianluigi Deiana (link), Cristiano Sabino (link), Luana Farina (link), Antonello Pabis (link)  e Andrìa Pili (link).

Abbiamo scelto di dare spazio a tutte le posizioni indistintamente tranne a quelle tese a giustificare l’alleanza con un partito apertamente razzista e di estrema destra peché riteniamo che ogni forma di sardismo e di indipendentismo debba avere cittadinanza nel dibattito, tranne quelle al codazzo di forze politiche colonialiste, specie se pericolose e ostili ai più elementari diritti umani come quelle appunto espresse dal partito della Lega.

Il compito di Pesa Sardigna si ferma qui e per completezza di informazione ci sembra doveroso dare spazio al programma della lista elettorale di AutodetermiNatzione la quale è l’unica lista, fra quelle che i sardi troveranno sulla scheda elettorale, che contempla la possibilità di autodeterminazione per la Sardegna. La composizione della lista è plurale e va da figure dell’autonomismo a esponenti dell’indipendentismo sardo.

Il progetto, guidato da Anthony Muroni, ha stilato in 14 punti un programma che è volto – nelle stesse intenzioni degli estensori – ad una graduale costruzione delle condizioni per l’autodeterminazione dell’isola. Fra questi: la piena applicazione dello Statuto di Autonomia, la decentralizzazione degli enti e delle strutture regionali, la riqualificazione della viabilità, la co-ufficialità del sardo, l’accoglienza come parte integrata delle politiche sociali ed il progressivo smantellamento delle servitù militari italiane.

Per questo motivo alleghiamo il programma integrale lasciando ai nostri lettori la scelta di cosa fare in cabina elettorale, sperando che il dibattito che abbiamo ospitato possa averli aiutati a formarsi una opinione ancora più consapevole.

Cliccando qui (link programma) potrete accedere direttamente al programma della lista.