Caminera Noa lancia un appello alle realtà resistenti

Foto della conferenza aperta e popolare di CN

Si è tenuta questa mattina alle ore 11:00 presso il Centro Autogestito Casteddu, nei locali dell’ateneo cagliaritano di via Trentino, la conferenza stampa tenuta dai due neoeletti portavoce del percorso di lotte denominato “Caminera Noa”, Giovanni Fara e Alessia Etzi, i quali hanno presentato la bozza di manifesto approvata nel corso dell’assemblea plenaria tenutasi il 18 marzo a Bauladu e scaturita dalle lotte e dai conflitti sociali in cui è nato questo nuovo percorso politico.

Sono stati ricordati i valori fondamentali dell’antirazzismo e antifascismo, dell’autodeterminazione nazionale e il diritto a decidere; sostenibilità, difesa ambientale e superamento del sistema liberista e dell’economia “capitalista.

Samed Ismail é intervenuto per il Centro Studi Autogestito Casteddu per introdurre la conferenza stampa e spiegare il progetto di riappropriazione dal basso di spazi di studio e elaborazione politica.

Manifesto emendabile, come sottolineato dai due portavoce, tranne che nei pilastri che rappresentano gli elementi di sintesi e di unità del soggetto che si intende costruire dal basso, in maniera fortemente democratica, inclusiva e aperta.

“Il percorso che stiamo pianificando insieme e in maniera condivisa – ha sottolineato Alessia Etzi – non solo si configura come una via nuova della politica, ma come un nuovo modo di vivere e di rispondere alle esigenze delle comunità e della nostra terra.”

Si è esposto il metodo attorno a cui Caminera Noa sta realizzando il proprio percorso, ricordando che i portavoce potranno rimanere in carica per un periodo massimo di un anno e come si voglia garantire la massima rappresentanza di genere.

I due portavoce di CN

I due portavoce hanno poi spiegato la scelta della data e del luogo in cui convocare la conferenza stampa di presentazione di questo progetto: il 28 aprile, giorno in cui si ricordano i moti rivoluzionari, è stato infatti scelto per rilanciare una nuova resistenza, un nuovo processo di emancipazione e liberazione della Sardegna.

Giovanni Fara ed Alessia Etzi hanno continuato chiarendo che Caminera Noa crede nella progettualità politica dal basso e pertanto solidarizza con gli studenti che vogliono essere protagonisti all’interno dell’università. I due referenti hanno sottolineato il fatto che considerano un valore la contestazione rivolta alla propaganda militare nelle scuole e anche per questo hanno scelto il Centro Autogestito Casteddu come luogo simbolo dove rilanciare l’appello, rivolto a tutte le realtà resistenti della Sardegna allo scopo di costruire in maniera realmente democratica e paritaria un nuovo percorso politico insieme.

“Quello che tutti noi vogliamo costruire non è un nuovo partito o una nuova sigla – ha ribadito Giovanni Fara – ma una rete politica fatta di tutte le lotte e di tutti i progetti che stanno facendo fronte alla desertificazione coloniale della nostra terra. Un soggetto-progetto che unisca le forze civiche, i movimenti per i diritti civili, gli indipendentisti, i progressisti, gli anticapitalisti che già sono presenti e operano in Sardegna. “