Bilinguismo o truffa?

La campagna in favore del bilinguismo della  ormai disciolta organizzazione A Manca pro s’Indipendentzia

Ha avuto grande risalto mediatico (di respiro anche a livello della stampa statale) la notizia secondo cui ormai il sardo entrerà nelle scuole dell’isola per via maestra.

La Regione Sardegna ha approvato infatti una legge sulla lingua sarda e sulle altre lingue parlate nell’isola (catalano, gallurese, sassarese e tabarchin) con un testo unificato di «Disciplina della politica linguistica regionale». Il testo – secondo i promotori – garantisce lo status ufficiale della lingua sarda.

Con questa legge – sostiene il promotore di MDP Paolo Zedda, «la Sardegna attua anche la riforma Moratti sulla quota regionale dei piani di studio, cosa che consentirà di insegnare la storia della lingua sarda nelle scuole».

Non sembra essere dello stesso avviso l’organismo di attivisti linguistici (CSU) che in questi anni ha continuamente denunciato lo smantellamento della politica linguistica della giunta Pigliaru.

Ecco il comunicato integrale in lingua sarda normata (LSC), aspetto che – come sappiamo – è stato il vero pomo della discordia di questa legge e che ne risulta anche essere il tassello mancante dato che ogni discorso sulla standardizzazione (senza la quale nessuna lingua può essere ritenuta tale) è rimandata ad una ulteriore commissione di esperti.

Altro aspetto da verificare è l’insegnamento in lingua sarda a scuola. Altre regioni a statuto speciale lo consentono perché godono di una protezione forte grazie allo Statuto, mentre lo Statuto sardo, come è noto, non fa cenno della lingua sarda. Ci sarebbe da chiedersi perché questa maggioranza non ha fatto nulla per modificare lo Statuto in tal senso avendo i numeri e anche un governo “amico”.

Di seguito il comunicato del CSU. Buona lettura.

 

Su Cussìgiu Regionale, cun sa lege de disciplina de sa polìtica linguìstica, at detzìdidu de non detzìdere rinviende sos detèrminos pro sa standardizzazione a unu organismu nou formadu dae una trentina de espertos mutidu Consulta de su Sardu. Su Coordinamentu pro su Sardu Ufitziale espressat dudas mannas pro su percursu seberadu, fintzas si manifestat prèsiu pro su reconnoschimentu de su traballu de isperimentatzione de sa Lsc reconnotu in s’artìculu 9. In sas àteras normas non s’intrat in su mèritu ca si tratant interventos giai prevìdidos dae sa lege regionale 26/97 e de sa lege 482/99 chi benint torrados a modulare ebbia. S’efetu de sas normas at a èssere fintzas torrada dae sos impignos finantziàrios non decrarados. S’imprenta originale de sa lege fiat negativa meda, sa dibata in Cussìgiu at limitadu meda sos disacatos chi si timiant. De su restu, totu sos temas de sa polìtica linguìstica abarrant abertos e tando in sa legislatura imbeniente at a èssere netzessàriu mudare deretu s’impiantu legislativu in pessu aprovadu.