Una sola lista per l’autodeterminazione della Sardegna

Sul web gira una petizione con il seguente appello:

Creeus ca su caminu de auto-determinatzioni de is sardus cumenti a Pòpulu e Natzioni depat essi participau e comunu, arrespetendi totu is diversidadis. Sceti una legitimatzioni prus e prus manna e s’atzioni de sa genti at a donai fortza e sustàntzia a una manera noa de fai polìtica in Sardìnnia. Po cust’arrexoni, boleus ca sa comunidadi de sardus chi bolit portai a innantis is interessus natzionalis nostus siat arrepresentada de una coalitzioni sceti chi potzat sobrai is làcanas polìticas traditzionalis e elitismus malus e auto-referentzialis. Cun custu apellu pigaus cumpromissu cumenti a personis e cumenti a truma po donai fidu e agiudu a chini at a andai in su tretu sperau.

A lanciarla un gruppo di indipendentisti liberi con a cuore solo la causa di liberazione della Sardegna. I proponenti confidano in un passo di umiltà delle tre liste legate al mondo indipendentista e per l’autodeterminazione e auspicano la creazione di un’unica lista di convergenza nazionale.

Ma non è solo dal mondo indipendentista che proviene l’appello all’unità. Anche il Comitato di iniziativa costituzionale e statutaria lancia un appello “per un atto di coraggio e generosità dal mondo identitario e indipendentista”. Non entrando nel merito delle singole proposte e con lo spirito di un impegno volto a “impedire che la Sardegna sprofondi nel sempre più probabile abbraccio mortale con il centrodestra a trazione Salvini” si propone di mettere insieme “le tre componenti riconosciute del mondo identitario, indipendentista e movimentista” vale a dire Partito dei Sardi, AutodetermiNatzione e Sardi Liberi.

Tale semplificazione dello scenario  politico permetterebbe di “far entrare complessivamente 10-12 consiglieri in rappresentanza di questa area politica, ovvero un gruppo di alto profilo che, ancorché dall’opposizione, ma con la guida dei tre protagonisti indicati (Murgia, Pili, Maninchedda N.d.R.) potrà condizionare il dibattito e l’agenda politica del Consiglio”.

Vedremo se questi appelli saranno ignorati o se tre liste che tutto sommato condividono programmi assai simili (di stampo moderato e liberaldemocratico) riusciranno a tentare quello che oggettivamente sarebbe un colpaccio storico.