Ci hanno rubato (anche) le banche

di G. R. Pisanu – Confederazione Sindacale Sarda (CSS)

Ormai è solo questione di tempo e la scomparsa dell’ultima realtà creditizia della Sardegna diventerà un dato di fatto. Infatti, con l’acquisizione del 49% del capitale sociale in mano alla Fondazione Banco di Sardegna da parte della BPER spa, si andrà a chiudere in modo definitivo l’operazione di incorporazione del Banco di Sardegna spa da parte della banca emiliana. Cerchiamo di capire perché siano fondate le preoccupazioni che questa operazione, nel medio e nel lungo periodo, potrebbe portare non pochi svantaggi al tessuto economico e produttivo della Sardegna. Ancora pochi decenni fa la realtà economica isolana poteva contare su sostegno creditizio di tre Banche: Banco di Sardegna, Banca di Sassari e Credito Industriale Sardo (CIS). Con l’andare degli anni, sia per vicende legate alla normativa fiscale che agevolava le fusioni/incorporazioni da Istituti di Credito, sia la ricerca di una dimensione crescente delle banche per operare con più forza nel mercato del credito, le principali banche sarde vennero acquisite e controllate da banche esterne al territorio. Il primo a perdere autonomia fu il CIS, acquisito da Banca Intesa. La banca lombarda subito operò per un ridimensionamento strutturale e la presa di possesso totale del controllo aziendale, tanto che ormai questa banca è diventata solo uno dei tanti sportelli del colosso creditizio lombardo. La storia del Banco di Sardegna è più complessa, dato che nel frattempo il Banco controllava già la Banca di Sassari. Con l’acquisizione del 51% delle azioni (“pacchetto di maggioranza”) da parte della BPER spa, in un sol colpo la banca emiliana prese il controllo di due banche sarde. Una parte di autonomia operativa, però, veniva in qualche modo garantita dato che il restante 49% del capitale sociale rimaneva ancora sotto il controllo della Fondazione Banco di Sardegna. Con il passare degli anni, però, la BPER ha sempre fatto sentire sempre di più la propria presenza. Varie e continue operazioni di ridimensionamento, ristrutturazione aziendale, chiusura di sportelli e riduzione di organico, hanno negli anni cambiato la fisionomia del Banco di Sardegna, fino alla definitiva fusione per incorporazione della Banca di Sassari avvenuta nel 2016. In particolare per il Banco di Sardegna, è stata completamente modificata la propria natura operativa. Da banca legata al territorio e strettamente legata al tessuto produttivo sardo, oggi la politica creditizia del Banco è sempre più orientata alla raccolta del risparmio e alla vendita di prodotti finanziari (polizze assicurative, fondi, carte di credito, ecc.) che al finanziamento dell’attività produttiva e delle famiglie. Con l’acquisizione del 49% del capitale Sociale da parte della BPER spa si porterà a chiusura definitiva della possibilità che possa esistere una banca sarda per i sardi. Inoltre la lontananza dei centri decisionali (Modena) dal territorio sardo alla lunga mostrerà i suoi effetti.

In un mercato creditizio globale, dove le banche mirano essenzialmente alla raccolta dei risparmi e della vendita dei prodotti finanziari a dispetto della richiesta di credito da parte delle imprese e famiglie, a soffrire sarà sicuramente la richiesta di fondi a sostegno dell’attività economica. Il risparmio raccolto in Sardegna inevitabilmente rischia di essere dirottato in aree geografiche ritenute “più redditizie” dal punto di vista della profittabilità aziendale, mentre si ridurrebbe il sostegno al tessuto socio produttivo della Sardegna. In pratica si creerebbe un flusso di ricchezza e di risparmi a senso unico (dalla Sardegna alla Penisola), accentuando quel processo di stagnazione economica che da anni sta ormai affliggendo la nostra Isola. Inoltre non sono da poco le preoccupazioni sulle ricadute occupazionali riguardanti gli attuali dipendenti del Banco di Sardegna (e della ex Banca di Sassari). Non nascondiamo la nostra preoccupazione per questa vicenda e ora non ci resta che attendere. Speriamo sempre che, come si usa spesso dire, “il tempo sia galantuomo”.