Pastori: la Sardegna è in rivolta. Domani in piazza gli studenti.

Ormai la Sardegna è in rivolta al fianco dei pastori sardi in lotta per un giusto prezzo del latte (crollato da 85 centesimo della scorsa stagione a 50-60 di quest’anno). Che il popolo sardo si stia identificando nella categoria dei pastori è un fatto abbastanza evidente, già molte amministrazioni comunali hanno aderito alla protesta esponendo manifesti e lenzuola dai balconi e domani è la volta degli studenti. Infatti è stato lanciato uno sciopero che  vedrà protagonisti gli studenti a Sassari e Cagliari.

A Cagliari l’appuntamento è alle 8 del mattino al Liceo Siotto per una manifestazione che si unirà ai pastori di fronte alla Regione Sardegna. La chiamata è generale, nel senso che praticamente tutte le organizzazione studentesche hanno appoggiato e rilanciato l’evento.

A Sassari è invece nata per l’occasione una associazione nuova “Istudentes” che raccoglie diverse esperienze e associazioni studentesche.

L’appuntamento è alle ore 11:00. Il corteo muoverà dal Dipartimento di Agraria (viale Italia 39, angolo via Enrico De Nicola) per raggiungere Piazza d’Italia

Pubblichiamo il loro comunicato e il loro evento fb

#ISTUDENTES #AgricolturaFuturoFormazione #AFFIANCOAVOI

Gli studenti dell’ Università degli studi di Sassari, il giorno mercoledì 13 febbraio alle ore 11:00 organizzano una manifestazione pacifica per solidarietà e protesta contro il prezzo del latte, facendo seguito alle manifestazioni degli ultimi giorni.

.

È una tematica che riguarda l’intera Sardegna e pertanto siete invitati tutti a partecipare, non è una semplice protesta ma è un segnale di riscossa di un intero popolo.

#istudentes #affiancoavoi #uniss #semmostotupastores #fortzaparis

Chiunque volesse manifestare in maniera violenta è pregato di non partecipare, pertanto si condanna qualsiasi componente che voglia manifestare in maniera non idonea a quella sopracitata.