Piliu (Sardi Liberi): «non moriremo italiani!»

  • Perchè ti sei candidato alla Elezioni Regionali?

Essendo consigliere regionale potrei: (a) seguire da vicino lo svolgersi dell’attività amministrativa e legislativa, e sarei costretto ad imparare più rapidamente; (b) le mie azioni avrebbero maggiore visibilità; (c) avrei maggiori mezzi finanziari per poter fare politica; (d) contattare più facilmente persone e gruppi dislocati lontano da Sassari, il dialogo diretto permette di approfondire gli argomenti.

  •  Perchè con SARDI LIBERI ?

Avevo notevoli perplessità, dissipate in buona parte nel corso di un colloquio con Gianluca Collu, segretario di ProgReS. Egli mi ha convinto che la coalizione in via di formazione era un compromesso onorevole e poteva coinvolgere anche l’elettorato moderato. D’altra parte nei miei confronti non vi era stato alcun cenno di disponibilità da parte delle diverse formazioni “sardiste”.

  • Mauro Pili è stato per molti anni un esponente di un partito chiamato FORZA ITALIA. Non è una contraddizione?

Anche io avevo le medesime perplessità, aggravate dal fatto che non ero ancora riuscito ad avere con lui un dialogo chiarificatore. Domenica, 27 gennaio 2019, a Ghilarza, abbiamo parlato e mi ha spiegato che dal 2013 aveva rotto ogni rapporto con FORZA ITALIA. Il 25 luglio del 2014, a Carbonia – in occasione della prima presentazione del mio libro  CELLA N°21 – dopo aver ascoltato il suo intervento avevo preso la parola per dire che la mia sensazione era di trovarmi di fronte ad una persona onesta nonostante tutto ciò che avevo sentito su di lui. C’è anche da aggiungere che pochi politici in questi ultimi anni hanno fatto tante denunce quanto lui per difendere gli interessi dei Sardi. Ovviamente, Mauro, come ognuno di noi, deve sempre essere tenuto sotto osservazione; forse non condivide tutte le mie idee ma io conto sullo sviluppo della nostra conoscenza e collaborazione.

  • Anche questa volta gli indipendentisti si presentano in ordine sparso. Moriremo italiani?

Così stanno le cose nell’area. Evidentemente non ci si fida l’uno dell’altro e a nessuno si vuole riconoscere autorevolezza; per di più, forse, qualcuno stravede per se stesso. Non è un male tipico dei Sardi ma noi ci difendiamo bene. La difficoltà potrebbe essere ovviata qualora emergesse una personalità forte sostenuta da un gruppo ben coeso di collaboratori intelligenti e determinati; affermandosi questo gruppo, gradualmente tutti gli altri seguirebbero o sarebbero superati e ignorati. Il F.I.S. si muove in questa direzione. Personalmente, sono ottimista. Quanto alla domanda “moriremo italiani ?” auspico invece che siano gli Italiani a morire Sardi, l’idea mi attrae ma per il momento ho rinviato la conquista della Penisola.

  • Quali sono i temi che porterai in Consiglio Regionale se riuscissi ad essere eletto?

Anzitutto il tema del lavoro, stimolare quindi l’impegno della Regione verso determinate opere pubbliche e sostenere nel contempo l’imprenditoria privata, le due forze insieme dovrebbero avviare un processo produttivo endogeno capace in un primo momento di frenare l’esodo dei nostri giovani e successivamente favorire il rientro di chi volesse tornare in patria. In secondo luogo, ma contestualmente, si dovrebbe affrontare il tema della sanità con la difesa immediata delle categorie deboli e dei territori lontani dai grossi centri; probabilmente non si arriverebbe alla perfezione ma oggi molte comunità sono in situazioni difficilissime e questo non è tollerabile. Ancora, riordino della burocrazia per permettere a chi volesse intraprendere di non essere bloccato per mesi e per anni prima di poter iniziare la sua attività. Inoltre, riprendere in mano alla svelta il problema della lingua sarda e della conoscenza della storia e della geografia dell’Isola, e ciò a partire dalla scuola materna per seguire con approfondimenti in tutto il corso degli studi. I nostri ragazzi dovrebbero conoscere anche la nostra geografia economica oltre che quella fisica. Non dimentico i trasporti, all’interno dell’Isola e verso l’esterno. Sicuramente in questa breve carrellata ho trascurato di menzionare dei settori importanti ma ci penserebbero i miei compagni di viaggio e la società civile a metterli in evidenza, e io non mi sottrarrei all’impegno preso con gli elettori.

Trupu Ilde (Thàthari), die 29 de jennalzu 2019

Una candidadura sarda a sas eletziones europeas/ Una candidatura sarda alle europee

La Redazione di Pesa Sardigna condivide l’appello per una candidatura sarda unitaria alle elezioni europee lanciata dal blog Sardegna Sopratutto e firmato per ora da intellettuali e attivisti di varia estrazione politica.

Di seguito l’appello bilingue:

A chie creet chi est importante un’acurtziamentu polìticu intre totu sos grupos chi rapresentant sas esigèntzias de sos sardos, cherimus fàghere una proposta, cun antìtzipu bastante pro la pòdere esaminare, chistionare e perfetzionare totus paris. Proponimus de meledare a pitzu de una candidadura comuna in sas eletziones europeas imbenientes.

In antis de totu tocat a tènnere s’atinu de su disvantàgiu irrecuperàbile chi patit sa Sardigna in su cuntestu europeu. Prus de una borta est istadu naradu chi tocat a agire politicamente pro pedire chi su territòriu sardu siat separadu dae su collègiu comune cun sa Sitzìlia, chi tenet tres bortas prus de eletores, cosa chi penalizat sos candidados nostros.

Devimus tènnere presente chi sa chistione sarda est agiumai disconnota a livellu internatzionale, e ausente de su totu in sos tzitadinos europeos, in sos mèdios de comunicatzione e in cada tipu de dibata polìtica. Sa Sardigna, sena peruna rapresentàntzia a livellu internatzionale est invisìbile e belle che disconnota.

Ma, nessi in potèntzia, non nos fartant de su totu nen resursas e ne ainas. Fintzas in sa cunditzione atuale, in sos tratados chi règulant sa cunvivèntzia de sos istados de s’Europa, b’at unas cantas cosas chi dìamus pòdere fàghere. Pro las fàghere però tocat a tènnere una boghe, èssere reconnotos, pònnere in motu sos istrumentos disponìbiles e sas relatziones possìbiles.

Sa Carta Europea de sas Limbas Minoritàrias giustìficat unu tratamentu ispetzìficu pro sa Sardigna, chi diat dèvere dispònnere de unos sègios esclusivos; ma nen s’Itàlia at chertu ratificare custa Carta, nen sas fortzas polìticas sardas si sunt aunidas pro reclamare sos deretos de sos eletores suos. Custu ebbia diat èssere unu bonu motivu pro sustènnere sa proposta.

In prus, ischimus chi un’acurtziamentu intre àreas polìticas diferentes pro lìnias e propostas tenet bisòngiu de ocasiones de traballu a cumone chi permitant de summare sos isfortzos e de acurtziare sas persones, de bìnchere difidèntzias e iscobèrrere valores comunes. Un’àteru elementu essentziale est su de cumpartzire obietivos cuncretos.

Sas eletzione europeas, pro su fatu chi si acumprint in una dimensione diferente dae sa locale, oferint una oportunidade noa. Resèssire a giùghere a su Parlamentu europeu una boghe chi diat testimonia de sa boluntade nostra de divènnere protagonistas de su destinu nostru est un’obietivu de importàntzia manna aberu. Mancari chi sas possibilidades de bi resèssere siant matanosas.

Sa prospetiva europea, in sa manera chi si presentat in sos raportos de poderiu reales suos, est oe in die a tesu meda dae cussas isperas de un’ispàtziu de giustìtzia, de cooperatzione e de rispetu intre pòpulos diferentes. A sos grupos de poderiu econòmicu e finantziàriu lis est fàtzile a detare sas règulas chi lis cumbenint a una polìtica semper prus sugeta e de acordu cun issos.

S’est isparta una rappresentatzione chi praghet, in ue a un’ala b’est sa tecnocratzia ghiada dae sos guvernos prus fortes de su continente e a s’àtera sos soberanismos noos reatzionàrios. Custa est una opositzione fartza, in cantu ambos rapresentant su matessi campu polìticu, oligàrchicu e anti-democràticu.

Ma, siat cale siat su caminu de emantzipatzione chi bolimus fàghere comente pòpulu, su cuntestu polìticu de riferimentu in ue l’isvilupare est, in antis de totu, su de s’Unione Europea. Siat cale siat su giudìtziu chi nde tenimus e mancari non nos agradet sa configuratzione sua atuale. E duncas est de importu mannu peleare pro nche giùghere a cussa sede sas esigèntzias de sos sardos, paris cun sos àteros pòpulos chi tenent su matessi obietivu.

Un’àteru puntu fundamentale est sa possibilidade de istabilire relatziones profetosas cun sos rapresentantes de àteros territòrios e àteras comunidades, cun sas cales su cuncàmbiu deretu de informatziones e s’elaboratzione de istrategias comunas diventat determinante. Pro non faeddare de cantu nos diat pòdere agiudare su de tènnere una mègius capatzidade  de impreare sas agiudas europeas.

E, pro finire, in Europa bivet e traballat unu nùmeru indeterminadu de sardas e sardos chi ant abbandonadu s’ìsula pro farta de imbeniente e dant sa balia issoro a àteras comunidades. Est dae sos sardos disterrados chi nde podet bènnere unu de sos contributos prus interessantes pro su rennoamentu de sa polìtica sarda e su de los pòdere interessare est un’obietivu essentziale.

Totu custas sunt unas motivatziones craras e fortes pro cumbìnchere sas diferentes fortzas sardas a sètzere a inghìriu a una mesa, istabilire una lista de puntos – ant a bastare sos chi in ue s’agatat unu cunsensu – e in base a custos chircare sa persone prus adata a si candidare e a èssere portaboghe polìticu de totu s’àrea de sos diferentes sugetos chi la cumponent.

Una manera de favorèssere su cunsensu in una persone cunsistit in fàghere un’elencu de rechisitos chi luego, totus paris, ant a valorare; pro esempru, sa persone indicada diat èssere rapresentativa de una parte sustantziosa de sa sotziedade sarda o de prus partes de sa matessi e reconnota dae totu sos votantes, a prus de sos mèdios de comunicatzione.

In prus: diat dèvere tènnere una cussèntzia crara de s’apartenèntzia pròpia a sa comunidade sarda; èssere persone cun onestade e integridade indiscutìbiles; chi siat caraterizada dae unu cumportamentu dialogante e abertu, pro craresa e seriedade. Una persone capassa de afrontare sas cuntierras cun curretesa, passèntzia e determinatzione.

A pàrrere nostru, diat èssere importante chi custa persone esseret una fèmina. Chi siant, in antis de totu, sas fèminas a la propònnere e atzetare. E totus la devent sustènnere. In ogni modu, unu de sos signales de càmbiu netzessàriu est su de resèssere a fàghere un’issèberu cumpartzidu, de cunsensu, de una persone cumpetente, chi iscat ascurtare e sintetizare.

Sas eletziones europeas sunt dae inoghe a bator meses: su 26 de maju. Serbint 35.000 firmas pro fàghere ammìtere sa candidadura de una sigla non galu presente in su Parlamentu europeu. De custas firmas, unu mìnimu de 3.500 devent èssere regortas in cada una de sas àteras tzircuscritziones, e 21.000 in Sardigna. No est una tarea fàtzile.

Sa parte prus difìtzile est però sa de atzetare de traballare paris, sena chi una parte chèrgiat prevalèssere subra de un’àtera. Est importante duncas a tènnere unu mètodu de traballu craru. E pro custu est ùtile chi b’apat unu nùcleu de garantes, esternu a sos grupos polìticos interessados, chi podat acumprire unu ruolu de mediatzione.

In prus, no esistit impèigu a tènnere aberta custa ipòtesi in su benidore, si no est possìbile a li dare una continuidade pràtica in su momentu.

No ismentighemus chi a livellu internatzionale esistit un’organismu comente sa Alleàntzia Lìbera Europea  (EFA), in ue est possìbile e probabilmente pretzisu pedire un’amparu.

Tentos in contu custos elementos, sos passos pro fàghere parent determinados dae sas tzircustàntzias, dae s’urgèntzia de sos tempos e dae s’importàntzia de s’obietivu matessi.

Unu primu cunsensu intre sas fortzas interessadas si diat pòdere dare in antis de sas eletziones regionales, ca s’issèberu de sustènnere custa initziativa non podet dipèndere dae su resurtadu de su 24 de freàrgiu. Si cherimus favorèssere una maduratzione reale de sas cunditziones fundamentales de su panorama polìticu sardu, bi cheret un’issèberu detzisu e craru cara a sa collaboratzione.

Tocat a comintzare un’arresonu intre nois, un’arresonu parallelu a su protzessu eletorale giai cumentzadu. Bisòngiat chi sos sugetos polìticos sardos presentes in sas eletziones – e fintzas àteras esperièntzias organizativas, reconnotas, mancari non siant candidadas – issèberent sos referentes issoro (unu o prus de unu); chi s’agatent unos garantes chi totus atzetant; chi si traballet pro sebestare sos puntos de cunsensu e sas caraterìsticas de sa pessone chi podat èssere candidada.

Custa initziativa diat èssere a seguru una de sas novidades de prus annotu de sas eletziones europeas imbenientes. Chi sas pessones dae chie podet dipèndere custu issèberu si mustrent, e si movant, paris, in presse.

Stefano Puddu Crespellani

Omar Onnis

Nicolò Migheli

Valeria Casula

Bobore Bussa

Alberto Mario Delogu

Isabella Tore

Francesco Casula

Giuseppe Melis

Michela Murgia

Giagu Ledda

Antonello Pabis

Federica Serra

Angelo Morittu

Una candidatura sarda alle europee

A chi crede nell’importanza di un avvicinamento politico tra i gruppi che rappresentano le istanze dei sardi, vogliamo fare una proposta, stavolta con sufficiente anticipo per esaminarla, discuterla e perfezionarla collettivamente. Proponiamo di ragionare su una candidatura comune alle prossime elezioni europee.

Il punto di partenza è, anzitutto, la consapevolezza dello svantaggio incolmabile a cui è soggetta la Sardegna in ambito europeo. Si è detto molte volte che bisogna agire politicamente per chiedere che il territorio sardo venga svincolato dal collegio comune con la Sicilia, che ha il triplo di elettori, un fatto che penalizza i nostri candidati.

Dobbiamo tenere presente che la “questione sarda” è pressoché ignota a livello internazionale, nonché del tutto assente dal senso comune dei cittadini europei, dai mass media e dai temi presi in considerazione nel dibattito pubblico. Senza rappresentanza a livello internazionale, la Sardegna è invisibile e pressoché sconosciuta.

Ma non siamo del tutto privi di risorse e di strumenti, almeno in potenza. Anche nella condizione attuale, nella vigenza dei trattati che regolano la convivenza degli stati del Vecchio Continente, ci sono diverse cose che potremmo fare. Ma per farle occorre avere una voce, essere riconosciuti, attivare gli strumenti disponibili e le relazioni possibili.

La Carta Europea delle Lingue Minoritarie giustificherebbe un trattamento specifico per la Sardegna, che dovrebbe disporre di seggi esclusivi; ma né l’Italia ha voluto ratificare questa carta, né le forze politiche sarde hanno fatto fronte comune per reclamare i diritti dei propri elettori. Già questo sarebbe un buon motivo a sostegno della proposta.

In secondo luogo, sappiamo che un avvicinamento tra aree politiche tra loro diverse per percorsi e proposte ha bisogno di occasioni di lavoro comune, che consentano di sommare gli sforzi e di avvicinare le persone, di superare diffidenze e scoprire valori comuni. Condividere degli obiettivi concreti ne è un altro fattore essenziale.

Le elezioni europee, proprio perché si svolgono su una scala diversa da quella locale, offrono una opportunità nuova. Riuscire a portare al Parlamento europeo una voce che dia testimonianza della nostra volontà di diventare protagonisti del nostro destino, è un obiettivo di enorme importanza. Perfino se le possibilità di successo sono ardue.

L’orizzonte europeo, così come si è configurato nei suoi rapporti di potere reali, è oggi ben lontano da quelle speranze di uno spazio di giustizia, di cooperazione e di rispetto tra popoli diversi. I grandi gruppi di potere economico e finanziario hanno gioco facile nel dettare le proprie regole a una politica sempre più succube e collusa.

Ha preso piede una rappresentazione di comodo in cui i due contendenti sono da un lato la tecnocrazia guidata dai governi più forti del continente e dall’altro i nuovi sovranismi reazionari. Si tratta di una falsa opposizione, tutta interna al medesimo campo politico del potere oligarchico e anti-democratico.

Tuttavia, qualunque sia il percorso di emancipazione che vogliamo intraprendere come popolo, il contesto politico di riferimento in cui sostenerlo è, anzitutto, quello dell’Unione Europea. Quale che sia il giudizio su di essa e sulla sua configurazione attuale. Per cui è di grandissimo rilievo lottare per portare in quella sede le istanze dei sardi, in compagnia degli altri popoli che perseguono lo stesso obiettivo.

Un altro punto chiave è la possibilità di stabilire rapporti fecondi coi rappresentanti di altri territori e altre comunità, con le quali lo scambio diretto d’informazioni e l’elaborazione di strategie comuni diventa cruciale. Per non parlare di quanto potrebbe aiutarci acquisire una migliore capacità di usare i fondi europei.

Per finire, va detto che in Europa vive e lavora un numero imprecisato di sarde e di sardi che hanno lasciato l’Isola per mancanza di sbocchi, prestando il loro talento ad altre comunità. È dai sardi “disterraus” che può venire uno dei contributi più interessanti per il rinnovamento della politica sarda, e coinvolgerli è, di per sé, un obiettivo essenziale.

Tutte queste sono motivazioni chiare e forti per convincere le diverse forze sarde a sedersi a un tavolo, stabilire una lista di punti —basteranno quelli su cui si riuscirà a trovare consenso— e sulla base di questi cercare poi la persona più adatta a candidarsi e svolgere un ruolo di portavoce politico per tutta l’area dei diversi soggetti coinvolti.

Un modo per favorire il consenso sulla persona consiste nell’elencare una serie di requisiti, da discutere poi insieme; per esempio, la persona indicata dovrebbe essere rappresentativa di una fetta consistente della società sarda o di più porzioni della medesima e riconoscibile da tutti i votanti, oltre che dai mezzi di comunicazione.

Ancora: dovrebbe avere una coscienza chiara della propria appartenenza alla comunità sarda; essere persona di cui non possa essere discussa l’onestà e l’integrità; che si caratterizzi per un atteggiamento dialogante e aperto, per chiarezza e serietà. Una persona capace di affrontare i conflitti con correttezza, pazienza e determinazione.

A nostro parere, sarebbe importante che questa persona fosse donna. Che venisse proposta e riconosciuta anzitutto dalle donne. E sostenuta da tutti. In ogni caso, uno dei segnali di cambiamento necessari è quello di riuscire a fare una scelta condivisa, di consenso, attorno a una persona competente, capace di ascolto e di sintesi.

Le elezioni europee sono da qui a quattro mesi: il 26 maggio. Occorrono 35.000 firme per fare ammettere la candidatura di una sigla non ancora presente al Parlamento europeo. Di queste, almeno 3.500 vanno raccolte in ciascuna delle altre circoscrizioni, e 21.000 in Sardegna. Non è un compito facile.

Tuttavia, la parte più difficile è quella di accettare di lavorare insieme, senza che una parte voglia prevalere sulle altre. Per questo è importante dotarsi di un metodo di lavoro chiaro. E per questo è utile avere un nucleo di garanti, esterno ai gruppi politici coinvolti, che possa svolgere un ruolo di mediazione.

Inoltre nulla vieta di tenere aperta questa ipotesi anche per il futuro, qualora non fosse possibile darle un seguito pratico nell’immediato.

Ancora, non dimentichiamo che a livello internazionale esiste un organismo come l’Alleanza Libera Europea (o EFA)a cui sarebbe possibile e probabilmente opportuno chiedere un sostegno.

Tenuto conto di questi elementi, i passi da fare sembrano determinati dalle circostanze, dall’urgenza dei tempi e dall’importanza dell’obiettivo stesso.

Un primo consenso tra le forze in campo dovrebbe manifestarsi prima delle elezioni regionali, perché la scelta di sostenere questa iniziativa non può dipendere dal risultato del 24 febbraio. Ci vuole una scelta decisa verso la collaborazione, se vogliamo propiziare una reale maturazione delle condizioni di fondo del panorama politico sardo.

Apriamo un tavolo di dialogo, che proceda in parallelo al processo elettorale in corso. Che i soggetti politici sardi presente alle elezioni —e anche le altre esperienze organizzative, pur non candidate ma riconosciute— scelgano i propri referenti (uno o più di uno); che si trovino dei garanti ben accetti da tutti; che si lavori per individuare i punti di consenso e il profilo della persona che possa essere candidata.

Questa iniziativa sarebbe certamente una delle novità di maggior spicco nello scenario delle prossime elezioni europee. Che le persone da cui questa scelta può dipendere si facciano avanti, e agiscano, insieme, al più presto.

Stefano Puddu Crespellani

Omar Onnis

Nicolò Migheli

Valeria Casula

Bobore Bussa

Alberto Mario Delogu

Isabella Tore

Francesco Casula

Giuseppe Melis

Michela Murgia

Giagu Ledda

Antonello Pabis

Federica Serra

Angelo Morittu

Dieci argomenti a favore della Repubblica Sarda

di Maurizio Onnis

Dieci argomenti a favore della libertà della Sardegna e della creazione di una repubblica dei sardi. Basilari, semplici e intuitivi. Da rispolverare, tenere a portata di mano e offrire a chi ha ancora dubbi in merito. Soprattutto in questo tempo elettorale: perché molti parlano d’indipendentismo, ma (quasi) nessuno parla d’indipendenza.

1) È assurdo che una grande isola come la Sardegna sia governata dal continente. Una grande isola come la Sardegna, posta nel centro del mare Mediterraneo, ha il diritto di governarsi da sé. È la geografia a dirlo.

2) I sardi sono italiani per il capriccio della storia. Quattro secoli fa erano spagnoli. Dodici secoli fa erano bizantini. Sedici secoli fa erano romani. Ventiquattro secoli fa erano punici. Ma mentre erano tutto ciò, la storia e la geografia hanno fatto sì che i sardi fossero prima di tutto sardi. Per essere sardi e basta, ai sardi serve l’indipendenza.

3) Ogni popolo ha il diritto di scegliersi il tipo di Stato e di governo che preferisce. I sardi non sono mai stati interpellati su questo. Nessuno ha mai chiesto loro quale stato e governo preferivano. Hanno ricevuto e preso lo Stato e il governo che altri davano loro. Eppure, anche i sardi hanno diritto di fare, in tale campo, ciò che vogliono.

4) Ogni popolo ha il diritto di scegliere la propria lingua, le proprie istituzioni sociali, le proprie usanze, di coltivarle, cambiarle, migliorarle, tramandarle di generazione in generazione. I sardi hanno questo diritto, ma non lo potranno praticare per intero fino a quando non saranno indipendenti.

5) È impossibile che gli interessi dei sardi e della Sardegna siano curati nel modo migliore da un governo che siede a Roma (o in qualsiasi altro posto) e non è composto di sardi. Gli interessi dei sardi e della Sardegna possono essere curati nel modo migliore solo dai sardi. Qualsiasi governo della Sardegna che sieda fuori della Sardegna curerà prima di tutto i propri interessi, non quelli dei sardi.

6) Ogni popolo ha il diritto di instaurare con gli altri popoli le relazioni che trova più opportune. I sardi non possono lasciare che a decidere questo per loro siano altri. I sardi devono decidere da soli se essere amici o nemici di europei, africani, asiatici, americani. In particolare, una grande isola come la Sardegna, egualmente distante dall’Europa e dall’Africa, può e deve diventare il ponte tra continenti e genti diverse.

7) Ogni popolo, come ogni individuo, ha il diritto e il dovere di diventare maggiorenne. I sardi non saranno maggiorenni fino a quando lasceranno che altri decidano al posto loro le cose che li riguardano. Rimarranno bambini, con tutti i problemi che l’infantilismo genera.

8) Ogni popolo, come ogni individuo, ha il diritto e il dovere di procurarsi da sé le risorse necessarie per vivere. I sardi, prima di accontentarsi delle briciole cadute dal tavolo dei potenti, hanno il diritto e il dovere di cercare sostentamento nelle risorse della Sardegna, sfruttandole, incrementandole e commerciandole per se stessi e con i continentali.

9) Ogni popolo ha il diritto di arricchirsi. I sardi non potranno arricchirsi fino a quando lasceranno che altri decidano al posto loro in che modo sfruttare le risorse della Sardegna. I sardi non potranno arricchirsi fino a quando la loro parte nel sistema economico internazionale sarà decisa da chi vive fuori della Sardegna.

10) La Storia è una competizione cinica in cui il più forte vince e il più debole perde. L’indipendenza renderà i sardi più forti. Solo l’indipendenza eviterà ai sardi di essere estromessi dalla Storia. Che gusto c’è a essere sempre l’ultima ruota del carro?