Rifondare l’indipendentismo. La chiamata di Scano Montiferru

A seguito del disastroso risultato elettorale (e politico) delle tre liste indipendentiste alle scorse elezioni autonomistiche c’è fermento nella base di militanti e attivisti. Se le dirigenze si sono arroccate  per lo più (salvo alcune rare ma importanti eccezioni come nel caso del duro grido di dolore e di assunzione di responsabilità di Pili) in una riproposizione pura e semplice delle proprie ragioni scaricando le responsabilità della cocente sconfitta su cause esterne, sui meccanismi della legge elettorale, sul’astensionismo, sull’immaturità del popolo sardo e addirittura sulle voci critiche accusate talvolta rabbiosamente di essere la vera causa delle divisioni fra indipendentisti, si moltiplicano gli appelli a reagire, a ricominciare dal basso, da un confronto libero e non condizionato dalla pesante tutela di leadership fallimentari. 

Il primo appuntamento è previsto il 10 marzo a Scanu Montiferru, dove governa da tempo una amministrazione indipendentista.

Pubbichiamo di seguito il testo bilingue dell’appello:

 

«Difatis, pro mei s’ASN (Assemblea Natzionale Sarda) est unu logu ue cada unu balet unu votu. E difatis, comente calicunu at nadu, est unu logu ue si fàghet atividade polìtica punnende a isparghinare e a sustènnere s’idea de s’emancipatzione de is sard*s. Non unu partidu, e chentza mirare a is eletziones. Chentza iscadèntzias, intzandus chentza làcanas e chentza
preclusiones. Pro fàghere cosas piticas meda – si a s’inghitzu semus sceti capatzes de fàghere cosas piticas – ma cuncretas e de importu.»

Aici, su 27 de freàrgiu, Mauritziu Onnis (Sìndigu de Biddanoa de Forru e membru de sa Corona de Logu) nos imbitaiat a (auto) cunvocare s’Assemblea Natzionale Sarda, sighende su modellu de s’assòtziu catalanu prus mannu chi, cun is 80.000 membros suos at pòtzidu revendicare su deretu a s’autodeterminatzione, fàghere crèschere sa cuscièntzia natzionale de is citadinos, tènnere istruturas democràticas e colletivas pro nde bogare a pìgiu unu movimentu de massa raighinadu in cale si siat rincone de sa Catalugna.

S’ùnica manera chi podimus fàghere nàschere unu movimentu tzivile democràticu est gràtzias a su traballu colletivu, chentza distintziones de etichetas polìticas, chentza distintziones de apartenèntzias a partidos o siglas, cale si siant. Aici, autocunvocamus su primu atòbiu costitutivu de s’Assemblea Natzionale Sarda (ANS).

Custu atòbiu at a essere s’ocasione pro nos agatare totimparis e pro deliniare is obietivos e su funtzionamentu de s’Assemblea Natzionale Sarda. Cada persone balet unu votu e cada unu est
lìberu de espressare su pensamentu cosa sua. Cada unu at a tènnere a disponimentu 3 minutos pro intervènnere e propònnere ideas.

Totus is règulas chi pertocant a s’atividade e a su funtzionamentu de s’Assemblea ant a èssere detzìdidas/seberadas durante custu primu atòbiu. S’Assemblea non reconnòschet partidos o siglas ma intames cheret essere un organismu a profetu de totus is citadin*s chentza peruna
distintzione polìtica.

S’Assemblea no at a èssere unu partidu polìticu e no at a punnare a presentare candidad*s a is eletziones. Totus sunt cunvocad*s a partetzipare a sa costitutzione de s’Assemblea, a cunditzione chi reconnòscant sa Sardigna comente Natzione e si reconnòscant in is valores de s’indipendentismu istòricu.

Gràtzias e s’impinnu e a sa disponibilidade de Antoni Flore Motzo, b’at giai unu logu a disponimentu pro su primu atòbiu de s’ANS. Intzandus sa sessione costitutiva est cunvocada
pro su 10 de martzu 2019, a is 10.30, in su Teatru Comunale Nonnu Mannu de Iscanu Montiferru.

******************************

«Sì, per me l’ASN (Assemblea Nazionale Sarda) è un posto in cui ogni testa vale un voto. E sì, come ha ben detto qualcun altro, è un posto in cui si fa associazionismo politico volto a diffondere e sostenere l’idea dell’emancipazione dei sardi. Non un partito, e senza lo sguardo volto alle elezioni. Senza scadenze, dunque, ed anche senza steccati, senza preclusioni. Per fare cose molto concrete: piccole, se all’inizio siamo capaci di fare solo cose piccole, ma concrete e importanti.»

Così, il 27 febbraio, Maurizio Onnis (Sindaco di Villanovaforru e membro del Consiglio Permanente della Corona de Logu) ci invitava ad (auto) convocare quella che potrebbe diventare l’Assemblea Natzionale Sarda, sul modello della più grande associazione catalana, che forte dei suoi 80.000
membri ha potuto rivendicare il diritto all’autodeterminazione, far crescere la coscienza nazionale dei cittadini, dotarsi di strutture democratiche e collettive per far emergere un movimento di massa radicato in ogni angolo della Catalogna.

L’unico modo di far nascere un movimento civile democratico è attraverso il collettivo, senza distinzione di etichette politiche,
senza distinzione di appartenenza a partiti o sigle. Così, auto-convochiamo la prima riunione costitutiva dell’Assemblea Natzionale Sarda (ANS).

Questa riunione dovrà essere l’occasione di ritrovarci e di delineare gli obiettivi e il funzionamento dell’Assemblea Natzionale Sarda. Ogni persona vale un voto ed è libera di esprimere il suo pensiero. Ogni persona avrà a disposizione 3 minuti senza interruzione per esporre proposizioni.

Tutte le regole inerenti all’attività e al funzionamento dell’Assemblea saranno stabiliti durante questo primo incontro. L’Assemblea non riconosce partiti o sigle ma vuole essere un organismo a disposizione di tutti i cittadini senza alcuna distinzioni politiche.

L’Assemblea non sarà un partito politico e non avrà come obiettivo quello di presentare candidati alle elezioni. Tutti sono invitati a partecipare alla costituzione dell’Assemblea alla condizione diriconoscere la Sardegna come Nazione e di riconoscersi nei valori dell’indipendentismo storico.

Grazie alla disponibilità di Antoni Flore Motzo, è già stata scelta una data e un luogo perla prima riunione prevista per il 10 marzo 2019, alle10.30 presso il Teatro Comunale Nonnu Mannu di Scano Montiferru.