Corona de Logu. Iniziative per Sa Die de sa Sardigna, Giornata del Popolo Sardo

 

Una mozione congiunta nei consigli comunali di Aglientu, Bauladu, Girasole, Macomer, Mamoiada, Mogoro, Olmedo, Pabillonis, Ruinas, Samugheo, Sant’Antioco, Santa Teresa di Gallura, Scano di Montiferro, Serramanna, Serrenti, Simala, Terralba, Tertenia, Ussaramanna e Villanovaforru, in occasione de Sa Die de sa Sardigna. La mozione è promossa dalla Corona de Logu, l’assemblea degli amministratori comunali indipendentisti della Sardegna.

Testo bilingue della mozione della Corona de Logu in occasione di Sa Die de sa Sardigna (in coda scaricabile il pdf)

  [IT]

Il 28 aprile celebriamo “Sa Die de sa Sardigna”, giornata del popolo sardo che ricorda la cacciata dei piemontesi dalla città di Cagliari e dal resto della Sardegna, avvenuta il 28 aprile 1794 e momento cruciale del ciclo di eventi passati alla storia come “triennio rivoluzionario sardo”.

La ricorrenza è festa istituzionale, introdotta dal Consiglio Regionale della Sardegna con Legge Regionale n. 44 del 14 settembre 1993. Ed è insieme festa popolare, a commemorazione del momento in cui i sardi tutti si unirono per il raggiungimento dell’obiettivo comune: conservare le antiche prerogative di autogoverno dell’isola. Sta dunque particolarmente a cuore della Corona de Logu, assemblea degli amministratori locali indipendentisti di Sardegna. 

La Corona infatti ravvisa come, pur in un quadro storico e politico profondamente cambiato rispetto a quello in cui maturò la cacciata dei piemontesi, il bisogno e il desiderio di affermare il potere di autogoverno dei sardi siano ancora particolarmente vivi. Questo potere fu solo in parte concesso dallo Stato italiano e acquisito dall’isola con lo “Statuto speciale per la Sardegna” del 26 febbraio 1948, ma sempre nuovi ostacoli si frappongono sia al pieno compimento dello stesso “Statuto” sia al passaggio a più forti e complete forme di autogoverno dei sardi. 

In tale occasione la Corona de Logu propone ai suoi membri di impegnare con una mozione i rispettivi Consigli Comunali a:

1) discutere nella prima seduta utile degli eventi storici del “triennio rivoluzionario sardo” e delle motivazioni per le quali, in accordo con la Legge Regionale n. 44 del 14 settembre 1993, ha oggi pieno senso celebrare “Sa Die de sa Sardigna”;

2) celebrare “Sa Die de sa Sardigna”, promuovendo “Sa Die in Tundu”, ovvero l’incontro dei cittadini che, tenendosi per mano e attraverso la formazione di un semplice cerchio, facciano memoria degli eventi rivoluzionari degli anni 1794-96.

La mozione è già stata presentata nei Consigli Comunali di Aglientu, Bauladu, Girasole, Macomer, Mamoiada, Mogoro, Olmedo, Pabillonis, Ruinas, Samugheo, Sant’Antioco, Santa Teresa di Gallura, Scano di Montiferro, Serramanna, Serrenti, Simala, Terralba, Tertenia, Ussaramanna e Villanovaforru. 

La Corona de Logu si augura che in futuro sempre più Comuni sardi s’impegnino nella partecipazione attiva a “Sa Die de Sa Sardigna” e nella diffusione della conoscenza degli eventi ad esso legati, contribuendo così alla crescita di una coscienza nazionale sarda diffusa nella popolazione e nelle istituzioni dell’isola.

[SRD]

Fainas pro Sa Die de sa SardignaDie de su Pòpulu Sardu 

Su 28 abrile festamos “Sa Die de sa Sardigna”, die de su pòpulu sardu chi ammentat sa dispedida de sos piemontesos dae sa tzitade de Casteddu e dae sa Sardigna, acontèssida su 28 abrile 1794, momentu de importu mannu pro s’istòria sarda connotu comente “triennio rivolutzionàriu sardu”.

Sa Die est festa istitutzionale, introduida dae su Cussìgiu Regionale cun Lege n. 44 de su 14 cabudanne 1993. Est fintzas festa populare, a commemoratzione de su momentu chi sos sardos totus si sunt unidos pro unu obietivu comunu: cunservare sas modas antigas de autoguvernu de s’ìsula. Duncas, sa Die est una festa de importu mannu pro sa Corona de Logu, assemblea de sos amministradores locales indipendentistas de Sardigna.

Sa Corona difatis reconnoschet comente, in dd’unu cuadru istòricu e polìticu cambiadu a fundu, su bisòngiu e su disìgiu de afirmare su podèriu de autoguvernu de sos sardos siat galu biu. Custu podèriu est istadu cuntzèdidu solu in parte dae s’Istadu italianu e at produidu su “Istatutu ispetziale pro sa Sardigna” de su 26 freàrgiu 1948. De onni manera, su prenu cumprimentu de s’Istatutu est atesu meda e su matessi Istatutu non cunsìderat una cumpleta idea de autoguvernu de sos sardos.  

Pro sa Die de sa Sardigna sa Corona de Logu proponet a sos amministradores suos de impinnare sos Cussìgios Comunales a:

1) dibàtere de sos eventos istòricos de su “triennio rivolutzionàriu sardu” e de sas motivatziones chi, in acòrdiu cun sa Lege n. 44 de su 14 cabudanne 1993, cunsideramus galu bias in sas dies de oe; 

2) festare “Sa Die de sa Sardigna” promovende “Sa Die in Tundu”: unu atòbiu de tzitadinos chi, tenende·si pro manu e pro mèdiu de sa formatzione de unu tundu, fatzant memòria de sos eventos rivolutzionàrios de sos annos 1794-96.

Sa motzione est giai istada presentada in sos Cussìgios Comunales de Biddanoa de Forru, Bauladu, Gelisuli, Iscanu, Lungoni, Macumere, Mamujada, Mòguru, Pabillonis, Ruinas, S’Ulumedu, Samugheo, Santu Antiogu, Santu Franciscu di l’Aglièntu, Serramanna, Serrenti, Simaba, Terraba, Tertenia e Soramanna.

Sa Corona de Logu s’augùrat chi in su benidore semper prus Comunus sardos s’impinnent in sa partetzipatzione ativa a “Sa Die de sa Sardigna” pro sa connoschèntzia de sos eventos de su “triennio rivolutzionàriu sardu”, contribuinde gai a sa crèschida de una cussèntzia natzionale sarda in sa populatzione e in sas istitutziones de s’ìsula.

________

pdf scaricabile: 

2019-04-28 – Sa Die de sa Sardigna – Bilingue

coronadelogu.eu

info@coronadelogu.eu 

facebook.com/coronadelogu 

instagram.com/coronadelogu 

+39 349 36 04 398