10 anni fa: la Belle epoque dell’indipendentismo

di Marco Lepori

10 anni fa eravamo tutti più giovani e belli, non sentivamo il fiatone nel fare le scale di casa e non morivamo di sonno alle undici meno un quarto come succede oggi. E la barba lunga non ci faceva somigliare a dei clochard disperati, anzi ci dava maturità, e sbarbarci la mattina non ci donava una faccia da cadavere dell’obitorio, anzi ci toglieva qualche anno, seppure di toglierci qualche anno non ne avevamo bisogno, perché eravamo tutti più giovani e belli (ma questo può anche darsi che l’abbia già scritto, ché con l’età che avanza anche la memoria va a farsi friggere…).

Erano gli sfavillanti e scintillanti anni ‘10, in cui tutto poteva acadere, in cui tutto sembrava stesse per esplodere, la Belle Epoque dell’indipendentismo sardo: l’anno in cui toccammo il cielo con un dito!

10 anni fa, o giù di lì (non stiamo a contarci i brufoli sulle chiappe che non serve a nulla…), ci ritrovavamo a vendere le bombole di gas in una piazza di Sassari (non ricordo il nome, ma tanto se un giorno dovessimo farcela per davvero, a quella piazza il nome lo dovremmo cambiare, e cambieremo pure la statua che ha in mezzo visto che ci siamo, per cui tanto vale non sforzare troppo la memoria…) a metà prezzo; a bloccare le pale eoliche in campagna; ad occupare la sede di Equitalia etc. etc. E il motivo per cui facevamo queste cose, non c’è bisogno che ve lo spieghi io, che tanto lo conoscete già. E la notte poi, si usciva a fare attacchinaggio, con la colla fatta in mille modi diversi, che però non funzionava mai sul cemento ma solo sui manifesti degli altri; a piantare di nascosto arbureddi di compensato nelle aiuole del paese; a cercare di proiettare il simbolo nostro sulle mura del castello, a tipo Batman che si staglia nel cielo; a preparare bandieroni da srotolare a sorpresa in piazza, come la volta del comizio di Beppe Pisanu!

10 anni fa, avevamo fatto tutto questo casino per arrivare al 4%, in delle elezioni, quelle provinciali che noi chiamavamo regionali, che adesso manco esistono più! E non sto qua a specificare a quale movimento appartenevo all’epoca, tanto anche questo dovreste averlo già capito da soli (e se proprio non ci arrivate, VI DIKO TUTT IN PRV). Una percentuale che era bassissima ma che a noi sembrava altissima, talmente alta che subito dopo le piccole ali di cera si sciolsero e finimmo a faccia in terra a baciare l’asfalto ruvido. “Parlateci di Tramatza!” Ogni volta che scendo a Cagliari, faccio di tutto per non dovermi fermare all’autogrill di Tramatza, piuttosto la faccio dietro un guardrail, muoio di fame o di sete, raschio il fondo del serbatoio della benzina. Ogni volta che scendo a Cagliari, contro ogni mia volontà, capita che mi fermo all’autogrill di Tramatza e c’ho l’effetto “Cura Ludovico”. Guardo dall’altra parte della carreggiata, indico col dito il grande albergo (suppongo che sia un albergo…) sopra la stazione di servizio, o meglio ancora la sala convegni con terrazza panoramica e dico “Lì è dove è morta IRS!” (si è vero, avevo appena scritto che non l’avrei nominata, ma adesso ho cambiato idea). Inevitabilmente la persona con cui sto parlando, di solito il benzinaio, mi fa una faccia come a dire “E a me che minchia me ne dovrebbe fregare?”, spezzandomi il cuore.

10 anni fa, in una sala accogliente al centro perfetto della Sardegna, e di conseguenza, se i calcoli sono giusti, al centro perfetto del mondo intero (gloria eterna all’etnocentrismo sardignolo!), un centinaio scarso di persone/attivisti, “Meno degli iscritti al circolo bocciofilo di Latte Dolce!” (Cit.), se ne sono letteralmente cavati gli occhi gli uni con gli altri. E anche quelli, come il sottoscritto, che lì per lì non ci avevano capito un’acca del motivo per cui tutti gli altri si stavano cavando gli occhi, alla fine sono finiti col cavarsene gli occhi pure loro. Poi, ma solo poi, arrivarono anche le mail segretissime, le scissioni dell’atomo, le scatole vuote e le sale piene, l’alleanza col PD e vai col liscio. Ma, senza la “Giornata dei lunghi coltelli” di Tramatza tutto questo difficilmente sarebbe successo. Ed è piacevole pensare anche che, seppur non ne abbiamo alcuna certezza, senza quella clamorosa e forse inevitabile implosione il movimento sarebbe cresciuto ulteriormente (tanto di capello a chi continua a portarlo avanti!) e magari la Lega non avrebbe spadroneggiato indisturbata, almeno dalle nostre parti. Ormai però, i favolosi anni ‘10 appartengono al passato e a continuare a guardare indietro si finisce con l’invecchiare ancora più in fretta!