Fase 2. Sicilia, Sardegna e Sud non accettano ordini dal Nord!

Comunicato congiunto di Caminera Noa (Sardegna), Il Sud Conta (Sud Italia), Antudo (Sicilia).

Il 26 aprile il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con una breve diretta, ha annunciato la tanto attesa Fase 2. E i nostri sospetti sono stati confermati.

Il DPCM del 26 aprile non è nient’altro che il risultato delle pressioni di Confindustria e dei governatori di Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna. Sempre gli stessi, che piegano le politiche statali ai propri interessi e ci consegnano un governo a totale trazione nordista.

Il decreto prevede, infatti, la riapertura in tutto lo Stato dei settori produttivi in aggiunta a quelli rimasti aperti durante la precedente fase. Settori, guarda caso, situati principalmente nell’area nord dello Stato Italiano. Nessuna parola è stata spesa per le economie del Sud e delle Isole, legate a piccole e medie imprese attive nei settori turistico, agricolo e artigianale. Ancora una volta le richieste di tutti coloro che in queste settimane hanno fatto grossi sacrifici e che stanno pagando le conseguenze dell’emergenza, sono rimaste inascoltate.

Lo Stato Italiano – e non è una novità – ha fatto coincidere gli interessi del “sistema Italia” con gli interessi dei settori produttivi delle regioni del Nord. Ancora una volta lo Stato Italiano ha imposto decisioni senza fare distinzioni che rispondano alle specifiche territoriali, senza tenere minimamente conto della realtà che ci consegna, a oggi, la curva epidemiologica regione per regione.

Secondo i dati di ieri, 2 maggio, i casi attualmente positivi in Lombardia sono 36.667, in Piemonte 15.719, in Emilia Romagna 9.323 e in Veneto 7.431.

Nel Meridione si registrano: 2.721 attualmente positivi in Campania, 2.186 in Sicilia, 730 in Sardegna, 713 in Calabria.
100.704 è il numero totale di positivi in Italia. Questo significa che le quattro regioni del Nord citate prima corrispondono al 68,7% degli attuali positivi in Italia, la Lombardia da sola il 36,4%. Le 4 regioni del Sud insieme raggiungono solo il 6,3%.

Sebbene la situazione epidemiologica sia totalmente opposta, le restrizioni sono identiche. Si, perché il Sud deve rimanere “in lockdown” affinché possano riaprire industrie e grosse aziende del Nord.

Le quattro regioni del Nord citate rappresentano insieme il 48% del PIL italiano; non ci sorprende che le nostre regioni siano la parte del PIL sacrificabile.

Nel frattempo molte imprese meridionali, tantissime attività commerciali delle nostre città, resteranno chiuse, con il rischio concreto di non sopravvivere alla chiusura e di non poter mai più riaprire, con conseguenze gravissime sull’economia locale che versava in una situazione drammatica già prima dell’emergenza.

Non possiamo, però, accettare in silenzio di essere la carne da macello sacrificata per i profitti del Nord. Non possiamo accettare di essere considerati unicamente ingranaggi della macchina produttiva della metà ricca d’Italia.

Considerando anche il fatto che questi mesi di chiusura hanno fortemente minato la già provata economia meridionale, pretendiamo che vengano immediatamente immessi nelle casse dei Comuni del Sud e delle Isole tutti i mancati introiti del fondo di perequazione. Tele iniezione di liquidità gestita dalle istituzioni più prossime ai cittadini risulta a oggi irrinunciabile e rappresenta in questo momento una boccata d’ossigeno vitale per la nostra economia.

Inoltre, l’epidemia ha eliminato tutte le forme della rappresentanza, concentrata del tutto nelle mani di governatori e sindaci, espressa attraverso le loro dirette facebook. È necessario, oggi più che mai, riprendersi gli spazi della politica, della mobilità, della socialità. Se possiamo tornare a produrre, consumare e fare la spesa, perché non possiamo uscire, manifestare, socializzare?

Il vero untore del Sud, della Sardegna e della Sicilia è lo Stato Italiano. Non esiste nessuna “unità nazionale”, esistono gli interessi di alcuni a scapito di altri, del Nord Italia sul Mezzogiorno e sulle Isole.

Non staremo più a guardare, chiusi nelle nostre case. Pretendiamo una gestione della fase 2 ASIMMETRICA, differenziata su base regionale, che permetta ai territori di avere il potere di decidere cosa apre e cosa no. Pretendiamo misure economiche adeguate alle esigenze dei nostri territori caratterizzati da un tessuto economico e produttivo differente da quello lombardo, veneto e romagnolo, per questo crediamo che il governo debba immediatamente adottare 3 provvedimenti: 

1) Estensione del Reddito di Cittadinanza; 

2) Moratoria delle utenze per soggetti con comprovate difficoltà economiche; 

3) Risorse a fondo perduto per artigiani, piccoli commercianti e piccole attività. 

Alla fase 2, dato il numero di contagi, la Lombardia non dovrebbe neanche passarci. Se le è permesso, allora noi possiamo passare alla fase 4!
E lo faremo, con o senza il permesso dello Stato Italiano.