A Bonorva comandano i Savoia? Parla il sindaco Massimo D’Agostino

L’Amministrazione Comunale di Bonorva intende presentare formale ricorso gerarchico nei confronti della decisione assunta dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro che ha bocciato la proposta del Comune di Bonorva di mutare la denominazione di via Regina Margherita in via Professor Virgilio Tetti.
L’Amministrazione porterà all’attenzione dello staff del Ministro ai Beni Culturali le proprie argomentazioni rispetto ad un diniego i cui contenuti sono – secondo l’amministrazione –  “anomali e meritevoli della nostra protesta”.

Inoltre l’amministrazione valuterà anche in sede legale l’opportunità di  ricorrere al TAR.

E’ anche in via di costituzione un comitato composto da diversi comuni che presentano le stesse problematiche del comune di Bonorva, in relazione all’abolizione delle vie intitolate ai Savoia. Tra le finalità del comitato anche quello di coinvolgere i parlamentari sardi per la proposta di un disegno di legge che abolisca il parere della Soprintendenza nelle decisioni delle amministrazioni locali di mutare le singole vie.
Abbiamo raggiunto telefonicamente il Sindaco di Bonorva Massimo D’Agostino, per farci raccontare da lui  l’incredibile vicenda dell’intitolazione della via, da dedicare al Professor Tetti, insigne studioso, preside delle Scuole Medie di Bonorva, ricercatore, scrittore, politico, più volte Consigliere e Assessore Provinciale e Sindaco di Bonorva dal 1964 al 1970.

Intervista di Luana Farina

– Signor Sindaco, come nasce questa vicenda?
Durante la primavera scorsa abbiamo presentato alla Prefettura di Sassari, la richiesta di modifica dell’attuale Via Regina Margehrita che sarebbe dovuta diventare Via Professor Virgilio Tetti. Il Comune di Bonorva voleva onorare la memoria attraverso l’intitolazione di una via,  riconducibile al personaggio e significativa. E’ stata allora scelta Via Regina Margehrita, dove si trova la casa in cui il Professor Tetti abitò per diversi anni.
La Prefettura, per poter procedere con la pratica, necessitava però del parere della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio che, a fine estate, boccia la richiesta  con delle motivazioni che noi riteniamo incomprensibili, assurde e anacronistiche.

Nella risposta di diniego scrive il Soprintendente :
“La via è situata nel centro storico di Bonorva, nei pressi della Chiesa Parrocchiale e della Piazza Santa Maria; al capo opposto della piazza, rispetto alla via Regina Margherita, si pone Corso Umberto I, che prosegue poi con Corso Vittorio Emanuele III. E’ evidente che tale rispondenza non è casuale dal momento che Umberto I e Margherita di Savoia regnarono insieme sino al 1900, anno in cui Umberto venne assassinato, e prese il suo posto appunto il figlio Vittorio Emanuele III. La disposizione delle due vie alle estremità opposte della piazza sulla quale si affaccia la Parrocchiale dimostra la chiara volontà di rappresentare, in concreto sul piano urbanistico, i due poteri di riferimento, quello politico Regina Margherita e quello religioso, lo Stato e la Chiesa.”       

  • Quindi, la tesi sarebbe che nell’attribuzione dei nomi delle vie, ci sia stato l’intento di contrapporre potere Religioso al potere Laico?

Per noi questa ricostruzione è inverosimile e in tutti gli atti di archivio che abbiamo consultato nessun riferimento di questo tipo è stato posto nelle scelte delle intitolazioni delle vie. Ma anche se fosse, siccome qualcuno 120 anni ha deciso questa cosa,  deve rimanere immutabile  nei secoli e il Comune di Bonorva non ha diritto di decidere quale sia l’assetto toponomastico, così come hanno fatto e fanno tantissimi comuni in Sardegna?

Se non ci fosse stata questa specifica vicenda legata al Professor Tetti, il Comune si sarebbe posto comunque di attuare una modifica alla toponomastica dedicata ai Savoia . Noi vorremmo proprio abolirli del tutto i Savoia dalle vie di Bonorva e non abbiamo diritto di farlo perché altrimenti alteriamo un presunto ragionamento urbanistico e  “di continuità storica”.  La Soprintendenza continua nelle sue assurde motivazioni:

“Non va trascurato, peraltro, che – fermo restando il giudizio storico sulla famiglia reale italiana – Margherita di Savoia fu tuttavia una figura particolarmente cara alle popolazioni locali, nonché un personaggio che ebbe con la Sardegna particolare legame, dal momento che fu in stretti rapporti di affettuosa amicizia con la nobile famiglia Pes di Villamarina.”

Il Soprintendente quindi, a nostro parere, oltre che interpretare le presunte intenzioni degli amministratori di oltre un secolo fa (secondo noi, infatti, non esiste alcuna correlazione tra la via Regina Margherita , la Chiesa Parrocchiale e le altre vie dedicate ai Savoia) esprime un parere soggettivo, quasi  “politico” sulla figura della Regina, ed esercita quindi non un esercizio di valutazione storica in base ai fatti, ma una serie di considerazioni opinabili sui quali, tuttavia, poggia il fondamento del diniego. Ed è questo che noi contestiamo.
Come Sindaco, ho senz’altro commesso un errore a fidarmi delle rassicurazioni di chi, questa primavera, mi diceva che la pratica fosse a posto e che da lì a qualche giorno sarebbe arrivata l’autorizzazione, più che altro una formalità.
Noi allora abbiamo proceduto alla cerimonia di intitolazione della via, e di questo mi scuso con la Famiglia Tetti.
Da oggi, però, iniziamo, con tutti i bonorvesi, i Sindaci di Comuni che hanno già attuato il cambiamento del nome delle vie dedicate ai Savoia, e chi ci vorrà sostenere, la nostra battaglia perché non vogliamo, come “suggerito” dalla Soprintendenza, dedicare al Professor Tetti e a nessun altro dei nostri illustri cittadini, scrittori, poeti e unomini di cultura, una via periferica di un’anonima zona industriale.
Già subiamo l’onta dello spopolamento, come gran parte dei piccoli Comuni sardi, ci mancherebbe, che per chi resta, non fosse possibile essere attore delle scelte nel proprio Comune.

– Come intendete muovervi?

A giorni avremo un nuovo incontro in Prefettura, supportati dai Sindaci che hanno già fatto la nostra scelta, non so se le nostre ragioni saranno ascoltate, so già che la nostra battaglia sarà molto difficile, ma faremo in modo che la nostra voce,  senz’altro sentita lontano. Noi non ci fermeremo!

Chistione feminile e autodeterminatzione de su populu sardu. Una mutida a nde faeddare

Unu murale chi amentat sor sos mortos de Bugerru de su 1904
de Giovanna Casagrande

B’at unu problema si sa “chistione feminile”, in Itàlia gai comente in Sardigna, non si ressit a irbolicare, che a sa “chistione meridionale” de su restu.

Ite est chi rendet custas duas chistiones simizantes?

Est làdinu: sa mirada de chie s’acòstiat e biet in sa diferèntzia de gènere (gai comente in sa diversidade setentrione-meridione) unu problema chi diat dèpere èssere isortu, non dae sas fèminas, est craru, ma dae chie guvernat.

Pro medas s’esèmpiu no at a èssere bene sestau, e puru provae a meledare supra su ruolu de sa fèmina, dae s’acabbu de sa secunda gherra a oje, e naze.mi si no est làdinu chi, a sas fèminas chi punnant a arribare a sos postos prus artos de sa polìtica, de sas professiones e fintzas de sa cultura, lis cumbenit a pompiare sa realtade chin sas ulleras de sos òmines.

Deo, dae medas annos apo postu a banda sa visione eterosessuada de sa sotziedade, cussa mirada chi biet sos gèneres a cuntierra, o unu “gènere prus dèbile” apunteddau e duncas non reconnotu che parìvile.

Dae meda, oramai, reconnosco e pràtico unu “locu” ube fèminas e òmines traballant,reconnoschende.si a pare, pro una polìtica, una cultura, una sotziedade ube sas diferèntzias non sunt unu disafiu, ma unu balore in prus.

Picamus, pro esempru, su chi est capitau in sos ùrtimos annos in Sardigna: in su 2013 una fèmina, sena bisonzu de èssere “reconnota” dae su sistema, s’est candidada in una porfia eletorale chi previdiat chi su podere polìticu, e duncas maschile, aeret reconnotu, ma fintzas nono, una candidadura “in colore de rosa”.

Ma comente fit possìbile chi una fèmina, chi fit benende dae su mundu culturale, e a mala annata indipendentista puru, podiat pessare de si candidare a sa gàrriga prus arta?

Ecco, deo bio, in cussu mamentu polìticu, una làcana chi non poto prus brincare, e difatis mi dimando, e bos dimando, comente est possìbile chi, nois fèminas, podimus cussiderare sa preferèntzia dòpia de gènere una bìnchida, chi tzertu est unu primu passu secotianu cara a sa candidadura de sas fèminas. Secotianu ca sos paisos iscandìnavos ant aplicau sas cuotas e sos incentivos a sa rapresentàntzia de gènere dae medas annos a commo.

Cando amus a èssere nois fèminas a nos convocare pro faveddare de su mundu a manera nostra, pro afrontare chistiones chi nos bient in prima lìnea die pro die ma semper a còdias in sa legislatzione, in sos issèperos, in sas mesas programmàticas. Guai a faveddare de su ruolu de sa fèmina ube no esistit una polìtica sotziale; de sa capatzidade nostra de parare fronte a sas emergentzias, resessinde a nos imbentare unu traballu, a rèndere sas impresas nostras produtivas e esticas: non balet!

Pesso chi in custu mamentu bi siat unu tretu ampru ube podimus, antzis DEPIMUS, traballare autodeterminande.nos, reconnoschende.nos a pare, chircande de non fàchere sos matessi irballos chi dae su femminismu rivolutzionàriu de sos annos ’60, nos custringhet adèpere rispetare e a non mudare in nudda su mundu chi nos inghiriat, a nos dèpere acunnortare a abarrare unu passu in secus, fintzas si ischimus bene chi podimus èssere sas menzus.

Deo bos pedo de fàchere una cosa: de non nos cuntentare de sos pititos chi sos legisladores, cumpanzos de partiu, collegas de traballu, cada tantu nos dant; bos invito a nos nche tirare sas tropejas chi nos ponimus nois matessi: sa tropeja de sa limba pro esempru, custu sardu chi, a su chi narant in medas, nos fachet grezas, ruzas: non damus securesa.

Depimus isseperare de faveddare in sa limba nadia, sa limba de tita, ca depimus torrare a mòghere dae nois, dae su chi semus, evitande de nos fàchere pònnere un’eticheta dae chie nos cheret che teracas fidadas.

Così la RWM mette in pericolo tutto il Sulcis

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato del Comitato Riconversione RWM, Cagliari Social Forum, Assotziu Consumadoris Sardigna, Centro Sperimentazione Autosviluppo e PCI Sulcis Iglesiente su “Fabbriche di esplosivi e incidenti: violazioni delle norme di sicurezza da parte di RWM Italia S.p.a.”, che esprime la preoccupazione e l’allarme per il disastro che potrebbe capitare ad Iglesias e comuni limitrofi in caso di incidente rilevante. Ciò è dovuto anche al fatto che il piano per la
gestione delle emergenze in caso di incidente nelle aree esterne allo stabilimento RWM Italia S.p.a. risale al 2012 ed è obsoleto, inadeguato e scaduto: 

Fabbriche di esplosivi e incidenti: violazioni delle norme di sicurezza da parte di RWM Italia S.p.a.

Alla luce del grave incidente avvenuto il pomeriggio del 20 novembre scorso alla fabbrica di fuochi artificiali Costa, in cui hanno perso la vita a cinque persone, ci dobbiamo chiedere come è possibile che una fabbrica di esplosivi ed ordigni militari, come quella di RWM Italia S.p.a. che opera in Sardegna, nel territorio di Domusnovas-Iglesias, possa ancora oggi farlo senza tener conto della salute e dei rischi alla sicurezza di lavoratrici, lavoratori e popolazioni del territorio. Quello alla fabbrica di Vito Costa e figli, in provincia di Messina, è l’ennesimo grave incidente in una fabbrica di esplosivi; in questo caso pare sia bastata una scintilla sfuggita da una saldatrice e un’esplosione devastante ha spazzato via l’impianto facendo 5 vittime. Non è certo la prima volta che accade; un incidente analogo il 14 marzo scorso aveva provocato una vittima a Gesualdo, in provincia di Avellino e un altro ancora più grave nel 2015 rase al suolo una fabbrica di fuochi di artificio a Modugno, causando la morte di 10 persone, in quel caso si parlò apertamente di violazione delle norme sulla sicurezza.

Giustamente il CODACONS chiede più controlli e ricorda che le vittime provocate da esplosioni, nelle sole fabbriche di giochi pirotecnici dal 2000 ad oggi, sono addirittura 68. Le fabbriche di esplosivi sono infatti impianti estremamente pericolosi, e sono perciò soggette a una normativa speciale che riguarda gli “stabilimenti a rischio di incidente rilevante” (normati dal decreto legislativo.105 del 2015), che prevede controlli e misure di sicurezza stringenti e rigorosi, ma che purtroppo non sempre vengono rispettati. Nel caso di RWM, ad esempio, una parte dello stabilimento dove sono stoccate quantità incredibili di liquido infiammabile, è ubicata a 400 mt. dal centro urbano di Iglesias e non a 4 km come prevede la vigente normativa. Il piano per la gestione delle emergenze in caso di incidente nelle aree esterne allo stabilimento RWM Italia S.p.a. risale al 2012 ed è impostato sui rischi derivanti da una produzione prevalente di esplosivi per uso civile (di tipo SLURRY, ANFO e Miccia Detonante), che è totalmente cessata già alla fine del 2012, mentre considera la produzione di tipo militare del tutto marginale. Il piano è visibile al pubblico nel sito della prefettura di Cagliari (il tipo ed il volume della produzione sono illustrati a pag. 34). Il piano di emergenza ancora oggi in vigore è ormai del tutto obsoleto e inadeguato, un piano scaduto, infatti:

– la produzione per uso civile descritta nel piano di emergenza per le aree esterne era cessata del tutto già a dicembre 2012, le relative linee di produzione sono state dismesse e i locali riconvertiti alla fabbricazione di esplosivi e di ordigni militari. La produzione militare è stata invece di molto incrementata, passando dalle appena 500 tonnellate/anno (200 di esplosivo di tipo PBX e 300 di esplosivo a base di TNT) del 2012 alle attuali 6.000 tonnellate/anno con un incremento di ben 12 volte (+1200%) rispetto a quanto indicato nel piano di emergenza delle aree esterne attualmente in vigore.

– la differenza tra la situazione produttiva dell’impianto nel 2012, periodo in cui è stato adottato il PEE ancora vigente, e quella attuale determina una condizione di grave pericolo, in aperto contrasto con l’art. 21, comma 6, D.Lgs. 105/2015, il quale afferma che il PEE «è riesaminato, sperimentato e, se necessario, aggiornato, previa consultazione della popolazione, dal Prefetto ad intervalli appropriati e, comunque, non superiori a tre anni». Il comma 5 della stessa norma prevede inoltre che il Prefetto rediga il PEE «entro due anni dal ricevimento delle informazioni necessarie da parte del gestore». La legge prevede inoltre che il Piano deve essere obbligatoriamente aggiornato ogniqualvolta si determinano variazioni significative nella produzione. È appunto il caso della RWM.

Nessuna modifica al Piano di Sicurezza delle Aree Esterne è mai stato apportata dal 2012 a oggi. Gli impianti per la produzione bellica attualmente in gestione a RWM, sono da considerarsi particolarmente pericolosi e sono già stati soggetti a gravissimi incidenti in anni non lontani, quando erano ancora in gestione alla società SEI. In particolare la linea produttiva degli esplosivi e degli ordigni a base di TNT fuso, quando ancora gli impianti operavano nello stabilimento SEI di Ghedi (provincia Brescia), il 23 agosto 1996, era stata devastata da un’esplosione accidentale che aveva provocato tre morti tra gli operai. Si può ad esempio consultare in merito l’articolo del quotidiano La Repubblica dal titolo “Tre morti in una fabbrica di bombe” dell’8 agosto 1994 . Dalle successive indagini risultò all’epoca che lo stabilimento operava nel rispetto della normativa di sicurezza, cosa che comunque, è bene ricordarlo, non può garantire l’assoluta assenza di rischio di incidente in uno stabilimento con livelli di pericolosità così elevati. Successivamente tale linea di produzione è stata spostata dalla SEI nel suo stabilimento di Domusnovas-Iglesias, dove attualmente continua a operare sotto la gestione di RWM. Nonostante i rischi che l’esistenza di questo stabilimento comporta per i cittadini e senza tenere in adeguata considerazione la normativa urbanistica, il comune di Iglesias ha recentemente approvato numerose altre autorizzazioni per ampliare lo stabilimento:

a) il raddoppio delle linee produttive per la realizzazione di esplosivi militari di tipo PBX e dei relativi ordigni (nuovi reparti R200 ed R210), un intervento che a detta di RWM porterebbe la capacità produttiva dello stabilimento di Domusnovas-Iglesias sino a 9.000 tonnellate/anno;

b) la realizzazione di un nuovo poligono per test esplosivi denominato “Campo Prove R140”, senza neppure una Valutazione di Impatto Ambientale.

Per tutti questi motivi e per le palesi violazioni alle norme, numerose associazioni del territorio hanno infatti contestato la legittimità dei provvedimenti che hanno autorizzato queste opere, anche perché violano palesemente la normativa di sicurezza vigente, presentando:

1) il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) della Sardegna contro la licenza edilizia rilasciata dal comune di Iglesias ai nuovi reparti R200 ed R210, presentato il 7 gennaio 2019;

2) il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica contro la licenza edilizia rilasciata dal comune di Iglesias per il nuovo poligono per test esplosivi Campo Prove R140, depositato il 18 novembre 2019.

Entrambi i ricorsi sono tuttora pendenti. Lo stato di elevato rischio nella gestione della sicurezza dello stabilimento produttivo di RWM a Domusnovas-Iglesias è stato oggetto di un esposto al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, presentato ad aprile 2019, oltre che essere stato prospettato, già in precedenza, all’attuale sindaco di Iglesias da una delegazione di cittadini nel corso di un incontro tenutosi il 31 luglio 2018 in municipio. Al momento nessun provvedimento è stato preso e la situazione, dal punto di vista della sicurezza, è immutata. A dispetto di una crisi aziendale continuamente sbandierata, inoltre, RWM Italia S.p.a. ha aperto tutti i cantieri previsti dal piano per il potenziamento e l’ingrandimento dei suoi stabilimenti, e li porta avanti pervicacemente, mentre la produzione di ordigni bellici procede senza sosta. Viene da chiedersi se è proprio necessario che si verifichi una tragedia perché le esigenze di sicurezza vengano prese finalmente in esame. Evidentemente la sicurezza della popolazione viene sempre per ultima quando ci sono da tutelare interessi e profitti che vengono dal commercio delle armi e dalla guerra. Le lavoratrici e i lavoratori di RWM così come le popolazioni di Domusnovas, Iglesias, Musei e zone limitrofe si sentono realmente al sicuro?

Cagliari 24 novembre 2019 • Comitato Riconversione RWM • Italia Nostra Sardegna • Cagliari Social Forum • Assotziu Consumadoris Sardigna • Centro Sperimentazione Autosviluppo • PCI Sulcis Iglesiente

La vittoria dei pastori aprirebbe la strada a una rivolta delle masse sarde

Uno scatto della guerra del latte tratta liberamente da Il Sole 24 ore
di Gianfranco Camboni

Una premessa indispensabile

La direzione del Movimento Pastori Sardi nelle azioni di lotta è sempre in prima fila, mai dietro e i suoi membri parano i colpi dei padroni e dello stato imperialista italiano. Ciò che caratterizza la direzione del MPS è il suo rapporto morale con i pastori e il loro mondo. Questa è la differenza con le burocrazie di Coldiretti etc., etc.

Un euro a litro

I padroni sono ringalluzziti per l’assoluzione dei monopolisti lattiero caseari dall’accusa di pratica commerciale sleale, e per i 250 indagati per le forme di lotta e dei due Decreti Sicurezza.

La responsabile principale del ministero dell’agricoltura è arrivata per sancire la loro “vittoria” : niente 1 euro per un litro di latte. La ministra, ex burocrate sindacale, con il metodo tipico del suo mondo di luogotenenti dei padroni, giustifica il no alla rivendicazione principale dei pastori affermando che si sono fatti ingannare da Salvini che “è venuto qui a garantire il pagamento del latte di un euro al litro, senza dirvi come raggiungere il risultato. Io posso dirvi che non ho mai trovato carte che affermassero questa cosa. Quelli che vi dicono che si può stabilire il prezzo del latte con un decreto, vi prendono in giro”. Questa ex bonza sindacale che ha fatto una carriera politica fino a diventare ministro di un governo prodotto dal parlamentarismo marcio ha manifestato una tracotanza colonialista.

I pastori non si sono fatti ingannare da nessuno tant’è che è aperta la verifica di novembre sul conguaglio, questi erano gli accordi.

I padroni e tutto il ceto politico parlamentare sono isolati socialmente

Alle elezioni regionali di quest’anno su 1.470.401 aventi diritto di voto, solo 790.347 elettori hanno messo la scheda nell’urna. Si vede che hanno raccolto l’invito dei pastori all’astensione. Per il giorno di quelle elezioni la polizia antisommossa fu rafforzata con l’arrivo di due reparti dal continente. Quell’astensione è la manifestazione elementare di opposizione alla politica della classe dominante, alla diseguaglianza economica che crea e al sistema parlamentare marcio.

Fra le masse in Sardegna risorge la coscienza che:

Deghe o doighi familias
S’han partidu sa Sardigna,
De una menera indigna
Si ‘nde sunt fattas pobiddas;
Divididu s’han sas biddas
………..
Però sa presente edade
Lu pensat rimediare”(1)

Le masse in Sardegna sanno che sui circa 350 milioni di litri di latte gran parte sono destinati alla produzione di pecorino romano e che s’importa l’80% di prodotti alimentari; sanno pure che questo dato economico è il prodotto di una dominazione coloniale, dove le materie da quelle della pastorizia a quelle del sottosuolo sono destinate all’esportazione; infine, sanno che i monopolisti lattiero caseari, come tutto il padronato sardo, stanno ai vertici economici e sociali sardi grazie a questo meccanismo coloniale. I fanfaroni hanno scritto molto sulla diversificazione produttiva dei prodotti lattiero caseari, ma hanno sempre nascosto che la condizione per realizzarla è l’abolizione del meccanismo coloniale e l’instaurazione un regime rivoluzionario fondato sull’espropriazione dei capitalisti e banchieri. Questi fanfaroni dimenticano che il movimento dei minatori sardi si è battuto fino ai primi anni ’80 per la verticalizzazione della produzione metallifera, lo sbaglio che fecero fu quello di illudersi sul capitalismo di stato. Per operare quella verticalizzazione e abolire il meccanismo perverso dell’esportazione era necessario un governo dei lavoratori e non come pensavano i minatori di allora che bastasse la forza parlamentare del PCI.

Le masse hanno visto all’opera i privatizzatori dell’industria di stato; vedono il disastro provocato dai modernizzatori dell’agricoltura di stampo UE che distruggono la pastorizia; vedono che a mangiare a quattro ganasce sono sempre e che il ceto politico che si avvicenda, fa solo i loro interessi.

Non c’è più consenso al mondo degli imprenditori e alle loro fesserie sul libero mercato. La favola del crollo del muro di Berlino non incanta più nessuno, svanita la favola si vede una minoranza di ricchi che sfrutta, fa guerre e una massa di poveri e di impoveriti.

Ciò che le masse non sanno

Le masse non sanno che possono vincere. In Sardegna la possibilità di ottenere soddisfazione per le proprie rivendicazioni è stata riposta nell’idea che bastasse fare pressione sul governo centrale e su quello regionale. Idea dura a morire. Dal 2008 a oggi in Europa di lotte ce ne sono state, e in ultimo la rivolta dei gilets jaunes e da noi i pastori. La classe dominante e nessun governo hanno fatto marcia indietro nella loro offensiva. La classe dominante, a causa della bancarotta del capitalismo prodotta dalle sue contraddizioni immanenti, non può e non vuole fare alcuna marcia indietro. La soluzione del rapporto con la classe operaia e salariata e con gli strati della piccola borghesia impoverita avviene attraverso strumenti di stato di polizia. Chi è responsabile di questa non conoscenza? La pseudosinistra che si è data come compito quello di negare la catastrofe capitalista, per occultare ciò che interessa il partito rivoluzionario: la bancarotta provoca crisi di regimi politici, guerre, rivolte e rivoluzioni. Con questo quadro strategico si deve intervenire in ogni lotta, in ogni protesta sociale. Nella situazione attuale per vincere bisogna piegare alla propria volontà padroni e governi e ciò richiede un’organizzazione delle lotte che sul piano dell’efficienza e della sicurezza sia superiore a quelle che ci sono state fino ad oggi. Ciò che va tenuto sempre a mente nell’elaborare un piano di lotte è che la classe dominante è isolata socialmente e che la loro forza -oltre quella delle armi e della corruzione- è l’inadeguata organizzazione e tattica delle masse. Perciò vale il moto di Danton <<de l’audace, encore de l’audace, toujours de l’audace !>>

L’ignoranza della ex bonza sindacale

Quelli che vi dicono che si può stabilire il prezzo del latte con un decreto, vi prendono in giro”. La ex burocrate sindacale non conosce la storia della lotta di classe nella nostra società. Come crede che sia stata ottenuta la giornata lavorativa di 8 ore? Con leggi e decreti. La lotta operaia per la riduzione d’orario di lavoro aveva come obiettivo l’ottenimento di una legge dello stato borghese che limitasse lo sfruttamento capitalistico: «La prima e grande necessità del presente, per liberare il lavoro di questo paese dalla schiavitù capitalista, è la promulgazione di una legge per la quale otto ore devono costituire la giornata lavorativa normale in tutti gli Stati dell’Unione americana» Congresso operaio generale di Baltimora (16 agosto 1866). Il governo della borghesia rivoluzionaria giacobina accolse la rivendicazione dei sanculotti che il governo fissasse e il prezzo del pane e dei generali di prima necessità (il maximum). La ministra non sa che in Sardegna una radicale trasformazione dell’agrozotecnia fu ottenuta con un atto parlamentare, adottato dal governo di allora: la legge “De Marzi- Cipolla” del 1971 che mutò il regime dei contratti d’affitto, tanto da indurre, col passare del tempo, molti proprietari assenteisti a cedere le proprietà a favore dei coltivatori. Invece di fare la tracotante pomposa studi la storia.

I pastori non solo rivendicano un euro a litro ma anche una legge sul prezzo del latte che sottragga la contrattazione al monopolio degli industriali i quali decidono quello che vogliono sulla pelle appunto dei produttori: <<Il regime di monocultura comporta frequentemente un eccesso di produzione. Crisi che i trasformatori scaricano addosso ai pastori dimezzandone il prezzo del latte>>(2). Lo sviluppo rivoluzionario della lotta dei pastori sardo colpirebbe il regime della monocoltura, cioè il rapporto coloniale e a questo punto diventerebbe una lotta generale.

La vittoria dei pastori aprirebbe la strada a una rivolta generale delle masse sarde

 

1)Su patriottu sardu a sos feudatarios

2) MOVIMENTO PASTORI SARDI PROPOSTE SETTORE LATTIERO CASEARIO OVI-CAPRINOTramatza, 25/01/19

Repressione pastori: «chi ci ha denunciato deve sputarsi in faccia»

Gianuario Falchi ospite della famosa trasmissione televisiva “Porta a Porta”

Arriva a 500 il numero dei pastori sardi indagati per le lotte per un giusto prezzo del latte sulle strade dell’isola risalenti allo scorso febbraio. La Nuova Sardegna riposta la notizia che la Procura di Oristano ha aperto tre fascicoli sulle manifestazioni di protesta e specialmente sui blocchi stradali recapitando una valanga di avvisi di garanzia (circa 250 persone, non solo pastori ma anche cittadini solidali con la lotta) che parteciparono alla protesta davanti al Nuraghe Losa, ad Abbasanta (Oristano) l’8 febbraio.

Dato che i blocchi e le mobilitazioni sono state decine si teme che arriveranno moltissimi altri avvisi di garanzia. Altri avvisi sono per esempio in arrivo per un’altra mobilitazione, quella a Marrubiu (Oristano).

Insomma si vuole trattare una mobilitazione sociale di un intero comparto (allargato al malessere e all’insorgenza di un intero popolo) come una mera questione di ordine pubblico, applicando alla lettera fra l’altro le pesantissime sanzioni fortemente volute dagli ultimi ministri degli interni Minniti (PD) e Salvini (Lega).

Un atteggiamento storicamente da porre in parallelo  con quello che lo Stato prima piemontese e poi italiano ha sempre mantenuto nei confronti del malessere delle campagna e dei sardi le cui manifestazioni venivano trattate con lo stato d’assedio, i rastrellamenti e la caccia grossa, oltre che con centinaia di anni di reclusione e perfino con vere e proprie esecuzioni sommarie.

I tempi sono cambiati e anche i metodi lo sono, ma la sostanza è diversa? Oggi non si impiega più la caccia grossa  e l’assedio verso intere comunità, ma la repressione generalizzata attraverso l’indagine per blocco stradale e altri reati correlati appare comunque uno strumento brutale e irrazionale di uno Stato che davanti a rivendicazioni di carattere economico, sociale e persino culturale non ha nulla da dire se non che chi si ribella e chi lotta sarà punito con pugno di ferro.

A tal proposito è da segnalare il commento di Gianuario Falchi (uno dei portavoce della vertenza pastori)  sulla sua pagina fb, in reazione ad una vignetta di Sanna apparsa su La Nuova Sardegna intitolata “Pastori in ansia: si teme la nuova raffica di avvisi“.

La vignetta di GEF Sanna e il titoletto de La Nuova Sardegna che ha scatenato la reazione di Falchi

 

Ansia …….ansia su cazzu
Qui c’è una categoria in attesa di risposte urgenti
Qui c’è una categoria che vuole regole dopo anni di soprusi
Qui c’è una categoria che a Febbraio si è vista costretta a buttare il proprio lavoro
Qui c’è una categoria che ha smosso le coscienze a livello internazionale e che si aspetta il cambiamento a livello regionale.
Non siamo ne politici e ne sindacalisti siamo normalissime persone che vogliono solo ritornare a lavorare tranquilli ,non per irrichirci ma per arrivare a pagare tutto il sistema che ci portiamo dietro.
CHI HA DENUNCIATO NOI PASTORI INVECE DI GUARDARE QUEI VOLTI PER RICONOSCERNE LE GENERALITÀ ,GUARDI QUEI VOLTI PER VEDERNE L’ESPRESSIONE, DOPO DI CHE SI GUARDI ALLO SPECCHIO E SI SPUTI IN FACCIA DA SOLO.
NON SI MOLLA UN CAZZO

I cavalcavia sulla Carlo Felice intitolati ai Patrioti angioiani

Uno dei cavalcavia della memoria sulla ss 131
di Piero Atzori

Quella delle targhe sui cavalcavia della 131SS poste 17 anni fa è stata un’ottima iniziativa,purtroppo poco o nulla condivisa. Adesso che su fb si è brevemente discusso su questa iniziativa.

In un link giornalistico, si può rivedere l’approccio poco produttivo che è alla base. Le targhe risultano pochissimo visibili, i caratteri sono troppo piccoli e non si riesce a leggerli neanche se si viaggia a 60Km/h. Non a caso, in diciassette anni dacché si sono incollate queste targhe, quasi nessuno le aveva notate. Personalmente sono venuto a conoscenza della targa di Antonio Vincenzo Petretto, al bivio di Bonnanaro, perché me lo ha detto mesi orsono un amico, un Petretto di Sassari. Poi ho trovato altre due targhe scandagliando tutti i cavalcavia. Si sbagliò la dimensione dei caratteri, o fu una scelta meditata per rendere più agevole il lavoro d’incollaggio?

Un progetto simile, presuppone che si conoscano le vicende dei patrioti sardi, molti dei quali martiri. Sappiamo che la scuola è passivamente coinvolta nella damnatio memoriae dei martiri angioianie di Angioy e che qualche insegnante impegnato non basta a rovesciare la situazione, ma ciascuno di noi deve prima rivolgere a se stesso la domanda: sai chi erano Baingio Fadda, Antonio Vincenzo Petretto, Antonio Maria Carta, Giovanni Antonio Mereglias, Filippo Serra, Salvatore Quessa, Gasparo Sini, Giovannico Devilla,Giovanni Pintus detto Toppu, Luigi Martinetti, Giovanni Battino, Francesco Frau, ecc.? Credo che la risposta sia negativa per il 99,99% dei sardi. Occorre ammetterlo che finora ha vinto la volontà di cancellare dalla memoria i nostri martiri per rimpiazzarli con altri. Cosi, per definire dov’era a Sassari il carcere San Leonardo, dove patirono le torture gli angioiani, dobbiamo dire “in via Cesare Battisti”. Tutt’al più, se sei indipendentista sai chi era Francesco Cillocco, che credi vada scritto Cilocco, come lo scriveva Giuseppe Manno, lo storico filosabaudo storpiatore dei cognomi angioiani e denigratore dei nostri martiri per la libertà. L’ipse dixit del Manno riproposto da una sfilza di storici, viene oggi ancora ripetuto. Ecco che a Mamoiada s’intitola a Cilocco una via tolta giustamente ai Savoia, non a Cillocco, come il martire si firmava. C’è da chiedersi se gli stessi che hanno promosso l’iniziativa delle targhe conoscano la storia degli angioiani o abbiano semplicemente trasferito all’artigiano l’elenco fornitogli da uno storico. Lo dice uno che fino a un anno fa sapeva poco di Angioy e seguaci e se ne vergognava. Per questo da un anno sto leggendo libri mai letti e frequentando gli archivi. Non tarderò a pubblicare un resoconto dettagliato sui risultati del mio lavoro, sperando di essere utile al risveglio delle coscienze. Studiare le vicende umane e politiche dei nostri martiri viene prima di scalpellare le targhe ai Savoia dalle strade sarde. Dobbiamo evitare di cancellare la memoria della sopraffazione subita prima di averla insegnata ai nostri figli. Ma per argomentare questo ci vuole un altro intervento.

La guerra dei panni e l’appalto ai veneti

di Ninni Tedesco

immagine tratta liberamente da Invisibili.corriere.it

La ASL(o chi per essa), a partire dal mese di Novembre, ha deciso di cambiare una cosa che funzionava, ovvero la consegna mensile di panni e traverse, per malati cronici aventi diritto, presso le farmacie di riferimento.
Perché? Non si sa. Un appalto? Un interesse privato? Un risparmio? Fatto sta che ad oggi 8 novembre, i nostri cari non hanno ricevuto quanto necessario e noi, popolo di caregiver, a cui non basta la convivenza quotidiana col dolore della malattia, dobbiamo sopportare le lunghe file in via Tempio (a Sassari, n.d.R.), le ore passate a un telefono che non risponde e, infine, le spese per sopperire a un servizio, che è anche un diritto, che non funziona. La ditta che ha in carico l’onere della consegna si chiama Sanex, ha sede legale in Veneto e (NON) risponde a un numero verde, 800243427, per concordare modalità e tempi di consegna. Questo numero è accessibile per chi è stato informato, ovvero per chi si è preso la briga di andare personalmente a informarsi, dato che nessuna campagna è stata messa in atto con i giusti tempi per arrivare a tutti gli utenti interessati. A ciò si aggiunga che le consegne domiciliari dovrebbero essere trimestrali o addirittura semestrali, dato per scontato che tutti abbiamo case capienti per tenere le scorte, che le consegne siano corrette e senza errori perché non sono previsti ritiri e riconsegne, che siano puntuali in modo da non dover sottostare ai capricci dei loro orari e dei giorni da loro stabiliti. Insomma, viste le premesse, non pare che ci si sia affidati a un servizio ineccepibile.

Comunque  sappiate, cari SIGNORI DELLA SANITÀ, che non finisce quì, e che dopo aver dovuto necessariamente comprare, chi può farlo, panni e traverse adeguati alle necessità, dato che pare che anche la qualità dei nuovi prodotti sia alquanto scadente rispetto a quella precedente, noi, che ogni giorno non ci siamo arresi alle sofferenze dei nostri cari, non ci arrenderemo di certo di fronte alla vostra squallida burocrazia o a interessi che non siano quelli della tutela della salute pubblica.
No, non finisce qui.

P.S. (alcune informazioni  utii che ho avuto tramite contatti face book di persone coinvolte nel problema):

Numero verde 800243427

SMS (a pagamento) 3202042835

Mail  numeroverde@santex.it

 

 

“Stop invasione”: al via la campagna contro l’occupazione militare della Sardegna

Dopo il successo della manifestazione di Capo Frasca contro l’occupazione militare della Sardegna e il pienone dell’assemblea plenaria di A Foras a ridosso della mobilitazione, viene lanciata la nuova campagna. “Stop invasione”. La campagna punta a radicare la lotta per la smilitarizzazione dell’isola in ogni paese e città della Sardegna. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato:

Rivendicandoci l’ottimo risultato ottenuto con la scorsa campagna muraria in occasione del lancio della manifestazione del 12 Ottobre e approfittando dell’occasione per fare i complimenti a tutte e a tutti quelli che si son spesi per riuscire nell’impensabile impresa di raggiungere 200 comuni su 370, battiamo il ferro finché è caldo perché chi occupa la Sardegna non dorme. Le esercitazioni continuano, con le loro conseguenze di danni ambientali ed economici.

Rilanciamo l’attività di A Foras immediatamente con la nuova campagna muraria : “STOP INVASIONE, un manifesto in ogni paese”.

L’obbiettivo che si pone questa nuova campagna è quello di raggiungere tutti i comuni della Sardegna per sensibilizzare la popolazione, ribaltando la retorica leghista di una presunta invasione, abbiamo utilizzato il motto “Stop Invasione” per rendere noto al popolo sardo che la nostra terra è da decine di anni sotto attacco.

Il manifesto della nuova campagna di A Foras


In Sardegna rappresenta l’8% del territorio dello stato italiano e ci abita il 2,4% della popolazione, ma ospita circa il 66% del territorio militare dello stesso, compresi i due poligoni più grandi d’Europa, sottoposti a costante bombardamento da parte degli eserciti di mezzo mondo, Non possiamo che definire questa situazione una vera e propria invasione.

Mettiamo bene a fuoco quindi chi è il nostro nemico:

Chi ogni anno utilizza la Sardegna come laboratorio di guerra, bombardando la nostra terra, i nostri cieli e i nostri mari, simulando sbarchi e conflitti da realizzare in altre parti del mondo. La nostra lotta non parte solo da un rifiuto etico per la guerra ma vuole rimarcare il diritto dei sardi e delle sarde di riappropriarsi del proprio futuro.

Già al lancio i nostri manifesti sono presenti in circa 80 paesi, facciamogli sentire il fiato sul collo, ci riposeremo quando avremo vinto.

Non siamo pochi, siamo dappertutto.

La campagna parte, non casualmente, il 4 novembre, giorno che nella retorica italiana rappresenta la festa delle Forze Armate. Nessuna festa, non per la Sardegna, che oggi, come durante la Prima Guerra Mondiale, continua a pagare in modo fortemente sproporzionato il peso dell’attività militare dello stato italiano. Allora la mortalità media dei sardi partiti al fronte fu più alta di quella registrata su tutto il territorio dello stato, oggi ci ritroviamo addosso praticamente tutto il peso delle esercitazioni e di demanio e servitù militari.

Invitiamo pertanto tutti gli interessati a rivolgersi ai canali social e mail di A Foras, per richiedere i manifesti e attaccarli nel proprio paese. Quando saranno stati attaccati, bisognerà scattare una foto e inviarla ai nostri canali. Noi provvederemo ad aggiornare una cartina con tutti i luoghi che sono stati raggiunti dalla campagna. Chi distrugge questa terra, deve vedere sui muri che non è il benvenuto.

Referenti da contattare per ricevere i manifesti:

Oristano: Davide ‭+39 349 7233403‬

Gallura: Agostino +39 ‭347 7768673‬

Nuoro: Luigi ‭+39 329 9694001‬

Sassari: Cristiano ‭+39 338 2154200‬

Cagliari: Agostino +39 ‭347 7768673‬

Sarrabus: Massimiliano ‭+39 328 6654681‬

4 Novembre: per i sardi nulla da festeggiare

immagine liberamente tratta da I Nuovi Vespri
di Francesco Casula

4 novembre: anniversario della Vittoria. Ma vittoria di chi e di che?

Temo e sospetto che in occasione del 4 novembre anche quest’anno, si scateneranno le fanfare della retorica, patriottarda e militarista, con eventi, manifestazioni, raduni d’arma, conferenze e cerimonie solenni in molte città italiane. Senza alcun pudore. Infatti non c’è proprio niente da celebrare e tanto meno festeggiare alcuna vittoria. Infatti:vittoria di che e di chi? Quella guerra fu semplicemente una inutile strage, come la definì il Papa Benedetto XV. E in una enciclica del 1914 (Ad Beatissimi Apostolorum Principis),una gigantesca carneficina. Essa rappresenterà – è il grande storico Enzo Gentile, a scriverlo – “oltre che il tramonto della Bella Epoque, il naufragio della civiltà moderna. Una guerra nuova, completamente diversa da quelle fino ad allora combattute: per l’enormità delle masse mobilitate, per la potenza bellica e industriale impiegata, per l’esasperazione parossistica dell’odio ideologico”

1. Una guerra – scrive Freud – “che ha rivelato, in modo del tutto inaspettato, che i popoli civili si conoscono e si capiscono tanto poco da riguardarsi l’un l’altro con odio e con orrore”

2. Una vera e propria catastrofe annientatrice d’ogni forma di vita e civiltà, trasformate in cumuli di rovine: riducendo l’Europa a “un’oasi estinta e sterile” scrive il tedesco Ernst Jünger, “dove non c’è segno di vita per quanto lontano possa spingersi lo sguardo e sembra che la morte stessa sia andata a dormire”

3. Con centinaia di città sistematicamente distrutte, completamente cancellate dalla faccia della terra. Ma soprattutto con un ingentissimo numero di soldati sacrificati inutilmente: la sola la Italia ebbe 650 mila morti e 2 milioni tra feriti e mutilati. E insieme alla carneficina di vite umane, la devastazione e distruzione della natura. A descriverla in modo suggestivo è il romanziere francese Henri Barbusse, combattente sul fronte occidentale, che parla del Nuovo mondo costruito dalla guerra nel Continente europeo: “un mondo di cadaveri e di rovine ”terrificante, pieno di marciumi, terremotato”

4. Ma c’è di più: nuove e ancor più drammatiche conseguenze si profilavano all’orizzonte con la fine dei combattimenti e il Trattato di Versailles. Con il ridisegno dell’intera geografia europea secondo la volontà dei vincitori, si ponevano le premesse per altre tragedie: la corsa al riarmo e la militarizzazione di massa della società saranno alla base dei regimi totalitari come il fascismo e il nazismo. I 650 mila morti e i più di 2 milioni di feriti e di mutilati erano costituiti soprattutto da contadini, operai e giovani mandati al macello nelle trincee del Carso, sul Piave, a Caporetto e nelle decimazioni in massa ordinate dagli stessi generali italiani. Carne da macello fornita soprattutto dai meridionali siciliani, calabresi, campani, lucani e sardi, mentre i settentrionali per lo più erano produttivamente impegnati nelle fabbriche di armi e di cannoni. Sardi soprattutto, almeno in proporzione agli abitanti: alla fine del conflitto la Sardegna avrebbe infatti contato ben 13.602 morti (più i dispersi nelle giornate di Caporetto, mai tornati nelle loro case). Una media di 138,6 caduti ogni mille chiamati alle armi, contro una media “nazionale” di 104,9. E a “crepare” saranno migliaia di pastori, contadini, braccianti chiamati alle armi: i figli dei borghesi, proprio quelli che la guerra la propagandavano come “gesto esemplare” alla D’Annunzio o, cinicamente, come “igiene del mondo” alla futurista, alla guerra non ci sono andati. La retorica patriottarda e nazionalista sulla guerra come avventura e atto eroico, va a pezzi. Abbasso la guerra, “Basta con le menzogne” gridavano, ammutinandosi con Lussu, migliaia di soldati della Brigata Sassari il 17 Gennaio 1916 nelle retrovie carsiche, tanto da far scrivere in Un anno sull’altopiano allo stesso Lussu:”Il piacere che io sentii in quel momento, lo ricordo come uno dei grandi piaceri della mia vita”.

In cambio delle migliaia di morti, – per non parlare delle migliaia di mutilati e feriti – ci sarà il retoricume delle medaglie, dei ciondoli, delle patacche. Ma la gloria delle trincee – sosterrà lo storico sardo Carta-Raspi – non sfamava la Sardegna. Sempre Carta Raspi scrive: ”Neppure in seguito fu capito il dramma che in quegli anni aveva vissuto la Sardegna, che aveva dato all’Italia le sue balde generazioni, mentre le popolazioni languivano fra gli stenti e le privazioni. La gloria delle trincee non sfamava la Sardegna, anzi la impoveriva sempre di più, senza valide braccia, senza aiuti, con risorse sempre più ridotte. L’entusiasmo dei suoi fanti non trovava perciò che scarsa eco nell’isola, fiera dei suoi figli ma troppo afflitta per esaltarsi, sempre più conscia per antica esperienza dello sfruttamento e dell’ingratitudine dei governi, quasi presaga dell’inutile sacrificio. Al ritorno della guerra i Sardi non avevano da seminare che le decorazioni: le medaglie d’oro. d’argento e di bronzo e le migliaia di croci di guerra; ma esse non germogliavano, non davano frutto”

5. C’è da festeggiare per questo dramma immane? Magari spendendo soldi in parate militaresche? Non c’è niente da festeggiare. Ha ragione il combattivo e giovane sindaco di Bauladu, Davide Corriga Sanna, Presidente della Corona de Logu – l’Assemblea che raccoglie gli amministratori locali indipendentisti – a fare del 4 novembre “una giornata di riflessione sul prezzo pagato dalla Sardegna alla Prima Guerra mondiale, un tributo di sangue e di arretramento economico”.

Note bibliografiche 1.Enzo Gentile, L’Apocalisse della modernità, Mondadori, Milano, 2009, pagina 17. 2.S. Freud, Considerazioni attuali sulla guerra e sulla morte, trad. it. Carlo Musatti e altri, Torino, 1989, pagine 30. 3.E. Jünger, Boschetto 125, trad. it. Di A. Iaditiccio, Parma 1999, pagina 28. 4.Henri Barbusse, Il Fuoco, trad. italiana di G. Bisi, Milano, 1918, pagina 218. 5.Raimondo Carta-Raspi,Storia della Sardegna, Ed. Mursia, Milano, 1971, pagina 904).

La dipendenza ha il nome del metano

 

Il sindaco di Villanovaforru Maurizio Onnis è stato recentemente ospite della trasmissione di Videolina “Monitor” per parlare di politica energetica in Sardegna in contraddittorio con Anita Pili, assessora regionale all’industria. Abbiamo intervistato Onnis sul tema perché raro rappresentante di un pensiero istituzionale non subalterno agli interessi delle multinazionali e dello stato italiano.

Maurizio Onnis in una foto dell’Unione Sarda
  • Il metano darà una mano ai sardi?

Non alle condizioni cui ne viene prospettato l’uso. Stando alle carte, oggi, non garantisce la salvaguardia degli equilibri ambientali, non garantisce l’autosufficienza energetica della Sardegna, non garantisce un risparmio ai consumatori. Questi sono i tre criteri su cui dovrebbe basarsi qualsiasi politica energetica decente per l’isola: il metano non permette di avanzare su nessuno di essi.

  • L’Area (l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente) ha comunicato che i costi della metanizzazione saranno addossati ai sardi. Si tratta del costo necessario per la modernizzazione?

Parlare di “modernizzazione” per il metano, fonte energetica fossile, è una contraddizione in termini. Valutata l’enorme capacità di movimentazione del GNL dei depositi costieri, direi che noi pagheremo il prezzo dello sviluppo altrui. Metano più elettrodotto renderanno infatti la Sardegna un gigantesco distributore d’energia piantato in mezzo al Mediterraneo. I guadagni, ovviamente, finiranno in tasche molto lontane dalle nostre.

  • Perché la classe politica e sindacale sarda forma un blocco compatto, da sinistra a destra, pro metano?

Credo che la risposta a questa domanda sia scoraggiante. Pochi, secondo me, perché ricavano un vantaggio diretto o indiretto dal suo sfruttamento: lavoro, visibilità, carriera, denaro. Moltissimi per semplice pigrizia intellettuale. Quella energetica è una questione terribilmente complicata, la più complicata di tutte. Bisogna studiare, tanto, e studiare è faticoso.

 

  • Chi contrasta la metanizzazione batte molto sull’autosufficienza energetica della Sardegna. Puoi spiegare meglio questo concetto?

Nave metaniera o elettrodotto: per la Sardegna si tratta sempre e comunque di energia importata, dunque di una dipendenza. Proprio in un campo, quello energetico, nel quale con i giusti investimenti potremmo diventare non solo autosufficienti, ma addirittura un modello. È anche in questo ambito che dovrebbe emergere l’effettiva volontà dei governi regionali di far “crescere” i sardi. Altro che insularità in Costituzione…

  • Che impressione ti ha fatto la tanto discussa assessora all’industria Anita Pila? Quali sono le fragilità della sua visione dell’industria e dell’energia sarda?

Non mi interessa giudicare la persona. Sicuramente, questa politica e le persone che la esprimono sono figlie di una grande debolezza culturale. Persino ai maggiori livelli del governo regionale sembrano assenti una formazione adeguata e una visione del futuro onnicomprensiva. In queste condizioni è molto difficile sopravvivere alla violenza della competizione politica italiana e internazionale.