Il fronte contro il Mater si allarga

Per giorni le principali testate giornalistiche sarde hanno ospitato attacchi trasversali alla mobilitazione contro il finanziamento pubblico al Mater Olbia (di proprietà della Qatar Foundation), senza nemmeno ospitare il diritto di replica del nuovo soggetto-progetto politico (con la sola eccezione di Olbia.it).

Uno dei rilievi di PD, FI e associazioni vicine a questi partiti, è stato l’isolamento di Caminera Noa.

Eppure Caminera Noa non è affatto isolata. I primi ad annunciare la presenza di una delegazione alla mobilitazione di domenica sono stati gli attivisti della tavola sarda contro l’occupazione militare “A Foras” con la nota dell’8 giugno “più ospedali meno militari” pubblicata sulla pagina fb del movimento.

In secondo luogo è arrivata la formazione della sinistra italiana Potere al Popolo (qui), che già pochi giorni prima dell’annuncio della mobilitazione di Caminera Noa, era intervenuta a mezzo stampa contro l’operazione Mater.

Poche ore fa invece il lungo e articolato comunicato dell’Unione sindacale di base (USB) che da manforte alla mobilitazione di domenica.

In silenzio invece gli attivissimi attivisti grillini di Olbia i quali evidentemente stanno attendendo di capire se i loro vertici italiani la pensano come Beppe Grillo (che ha ospitato un endorsment al Mater), oppure no, e nell’attesa tacciono.

Di seguito il comunicato della USB. Buona lettura:

MATER OLBIA: così preparano la fine della Sanità Pubblica Gallurese

 

Qualcuno s’era illuso che la dipartita del prete manager avesse potuto scongiurare l’insano progetto.  Illusione rivelatasi fallace visto che esso può essere usato come cavallo di Troia per una nuova avventura coloniale con conseguente calata di milioni di metri cubi di cemento sulle coste sarde. Il progetto che era di Don Verzè è stato prontamente ripreso dagli sceicchi qatarioti che, forti dei loro petrodollari hanno deciso di continuarlo per farne un “centro di eccellenza” Il Mater Olbia. Per realizzare il loro progetto (con fondi regionali) cioè con soldi pagati da noi tutti hanno avuto bisogno di sostegno prima di tutto logistico e questo è stato fornito loro dal ceto manageriale e politico che ha retto la sanità in tutti questi anni

Sono gli stessi che hanno fatto “carne di porco” della sanità pubblica che hanno favorito “i generosi investitori stranieri.

Hanno fatto sì che le strutture ospedaliere pubbliche funzionassero al minimo per creare il “bisogno” di una sanità alternativa privata-convenzionata (nel senso che il pubblico mette i soldi e i profitti diventano privati),

 

E allora chiediamoci, insieme ai cittadini galluresi,  perché essi debbano fare file interminabili presso ospedali lontani per una banale visita oculistica o per un intervento alla cataratta mentre l’apparecchio laser è stato restituito senza mai essere stato utilizzato.  Si volevano creare i presupposti per l’apertura di una divisione di oculistica presso il privato?

– Perché si deve ricorrere ad un privato o agli ospedali di Nuoro o di Sassari per un semplice intervento di rimozione di un neo?, visto che  mancando un servizio di Dermatologia efficiente, per non aspettare tre mesi per una visita, si è costretti a ricorrere ad un privato;

– Perché la Chirurgia del Giovanni Paolo II non garantisce la visita dì un endocrinologo dopo un intervento alla tiroide?;

– Perché ad Olbia si deve, mediamente, attendere 4 mesi per una banale visita cardiologica?;

-Perché si costringono i pazienti colpiti da ictus ad andare a Nuoro, Sassari o Cagliari dato che in Gallura manca la stroke Unit in grado di intervenire in due o tre ore?;

– Perché si continua ad assistere al trasferimento di neonati con problemi?;

-Perché è necessario recarsi a Tempio per un semplice tamponamento nasale visto che ad Olbia manca il pronto soccorso di Otorinolaringoiatria?;

– Perché i privati devono avere il monopolio della riabilitazione?;

-Perché non esiste un servizio di  Radioterapia per i pazienti oncologici costringendoli al calvario dei viaggi della speranza verso Nuoro o Cagliari con tutta la loro sofferenza e i disagi del viaggio sopportati da loro stessi e spesso dai loro  loro familiari?;

 

Queste sopra elencate, sono solo alcune delle problematiche, non le elenchiamo tutte perché altrimenti riempiremmo pagine su pagine.

Può ipotizzare qualcuno  che la soluzione per tutti i mali sia un ospedale privato? Siamo sicuri che cambierà qualcosa per i pazienti galluresi col Mater?

NOI CREDIAMO CHE NON SIA COSÌ.

Questa struttura costerà alla Sanità Pubblica sarda circa 60 milioni di euro annue per 10 anni; le deroghe concesse dal governo sul taglio ai posti letto e sulla riduzione della spesa per i convenzionati sono una trappola perché questo ha un costo, e, sarà finanziato interamente dal bilancio della Regione sarda. Il Mater farà concorrenza al pubblico e gli Olbiesi abbandoneranno felici il pubblico per fare la prestazione al Mater?

 

Noi riteniamo che il miglioramento sanitario in Sardegna ed in Gallura debba passare da una gigantesca opera di moralizzazione che permetterebbe, con le risorse già stanziate, di avere una sanità pubblica di eccellenza, senza dover ricorrere a mirabolanti proposte, che possono allettare un territorio divorato dalla crisi come la Gallura, ma che sarebbero solo un terreno di pascolo per gli affaristi che nella sanità pubblica hanno fatto le loro proprie fortune.

È indispensabile il potenziamento dell’assistenza sanitaria territoriale e che vengano messe in primo piano la cronicità e la disabilità, aspetti con cui dovremo sempre più confrontarci in futuro, settori, questi, che al Mater non interessano perché non profittevoli, perché, sia chiaro a tutti, al Mater non interessa il benessere sanitario dei galluresi, al Mater interessano i profitti.

 

Chi ora promette un futuro radioso è chi ha collaborato a non far crescere la sanità pubblica e che non ha fatto nulla per impedirne lo sfascio. Perché dovremmo ancora fidarci di loro?

Il problema non è quello di aprire nuovi ospedali, ma fare piazza pulita di chi ha sistematicamente prosciugato le risorse di tutti i Sardi. Il problema si risolve potenziando la Sanità Pubblica e non indebolendola in tutto il territorio della Sardegna.

 

PER QUESTI MOTIVI LA USB ADERISCE E FA PROPRIA LA MANIFESTAZIONE A DIFESA DELLA SANITÀ PUBBLICA INDETTA DA CAMINERA NOA

La guerra del Mater Olbia (tutti contro Caminera Noa)

Hanno lanciato un sasso nello stagno e indietro è tornato uno tzunami. Forse gli attivisti del nuovo soggetto-progetto politico sardo Caminera Noa nemmeno si aspettavano una tale levata di scudi (e di conseguenza anche una così grande focalizzazione di interesse) alla loro campagna contro il finanziamento pubblico all’ospedale di proprietà della Qatar Foundation “Mater Olbia”.

Si erano dati appuntamento sotto il palazzo regionale in una decina per annunciare le ragioni della manifestazione indetta davanti ai cancelli del Mater, sulla strada statale 125 Orientale Sarda, domenica prossima alle ore 11:00.

«È solo un’operazione di natura colonialistica, che poco ha a che fare con la sanità e molto con le logiche di mercato» – aveva dichiarato all’Ansa Sardegna Giovanni Fara, uno dei due portavoce. «Diremo che la sanità pubblica non si tocca – ha aggiunto l’altra portavoce, Alessia Etzi, insieme con il delegato della USB Enrico Rubiu, sindacato co-promotore della manifestazione – Il Mater è l’emblema di uno scambio tra Italia e Qatar che toglie risorse alla sanità pubblica, a danno di strutture anche di eccellenza presenti nel territorio sardo – dicono – i 58 milioni annui che la Regione stanzierà per il Mater potrebbero essere utilizzati per potenziare gli ospedali nei territori».

Il sospetto è che dietro ci sia una partita di giro legata  alla nuova legge urbanistica che, «se approvata – spiegano i tre referenti della mobilitazione – consentirebbe di sbloccare a favore del Qatar la costruzione di due milioni di metri cubi su circa 2300 ettari. Il Mater sarebbe semplicemente una contropartita, e non partirà sino a quando il ddl Erriu non avrà il via libera, ecco perché si registra tutta questa fretta di varare la legge sul governo del territorio».

Inoltre, a quanto pare, il Qatar punta anche su altri nodi economici e militari nevralgici, sono passate in sottotraccia le dichiarazioni del consigliere regionale dell’Upc, Pierfranco Zanchetta, il quale ha recentemente rivelato  che «dal prossimo anno i marinai dell’emirato dovrebbero perfezionare la loro formazione alla scuola allievi sottufficiali della Marina militare italiana Domenico Bastianini, uno dei pilastri della Marina italiana nella formazione di nocchieri, nostromi e tecnici di macchina. (…) La cooperazione tra la marina qatarina e quella italiana e’ frutto del lavoro svolto con un assidua presenza a Doha della ministra delle Difesa Roberta Pinotti- spiega Zanchetta-. La marina dell’emiro Al Thani ha annunciato anche l’acquisto di quattro corvette per la difesa aerea».

Qatar asso pigliatutto, qualcuno avverte, anche sull’affare “metano”. Insomma una vera e propria presenza economica pesante che non rende ben chiaro quali siano gli interessi effettivi e quali quelli usati come paravento propagandistico e cavallo di troia.

Una posizione non nuova quella esternata da Caminera Noa, già espressa a suo tempo dall’ex Consigliere regionale Claudia Zuncheddu, la quale aveva bollato quella del Mater una operazione neo-coloniale: «urbanistica e sanità trovano la sintesi nella più grande operazione neocoloniale italo-araba in Sardegna, il Mater Olbia. Sull’ambiguo ospedale nato su les affaires e gli scandali di Don Verzè fanno pace le grandi religioni e si riconciliano tutte le forze politiche di centro destra e di centro sinistra.

Sull’altare del Mater come ultimi sacrifici, a fine legislatura, si offrono Sanità Pubblica e Territorio. Passa il Piano di riordino della rete ospedaliera sarda, con la decimazione di interi servizi sanitari ed ospedali in tutta la Sardegna. Ci si avvia verso la privatizzazione del Sistema sanitario pubblico ed il ritorno al Far West nell’edilizia (…). A noi sardi dicono che intanto ci salverà il Mater Olbia, l’ospedale privato che funzionerà solo con i nostri finanziamenti pubblici, dicono. Ma i 58 milioni all’anno per dieci anni dalle casse sarde all’emiro non bastano più e l’apertura si rinvia da un’anno all’altro. È palese che insieme all’alibi della Sanità pressano gli interessi del cemento».

Queste e altre dichiarazioni però non avevano causato alcuna rivolta degli schiavi. Schiavi – per continuare a usare questa metafora letteraria – che invece si sono subito rivoltati al pensiero che la protesta si spostasse proprio ad Olbia e proprio davanti al Mater Olbia.

Così i giornali cartacei e on-line sardi sono stati tempestati di attacchi, alcuni al vetriolo, contro Caminera Noa.

A picchiare giù duro il consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Fasolino, che difende a spada tratta l’apertura di un «polo di eccellenza sanitaria in Sardegna, in grado di intervenire in tutte quelle situazioni che oggi costringono molti sardi a recarsi fuoridal’isola per le cure e a molti altri ad abbandonare i percorsi terapeutici per l’insostenibilità delle spese» (Nuova Sardegna, 12 giugno ). Fasolino nella medesima intervista ripropone poi il leitmotiv delle critiche standard a Caminera Noa: dire si al Mater non significa dire no alla sanità pubblica, il Mater sarà convenzionato, quindi sarà pubblico, il Mater non è sostitutivo ma integrativo, ecc..

Poi la presa di posizione del Tavolo Associazioni Gallura (Tag) attraverso la segretaria territoriale della CGIL e portavoce del Tag Luisa Di Lorenzo che si è detta addirittura «sorpresa, preoccupata e indignata dalla manifestazione indetta a Olbia da un gruppo indipendentista contro la nascita dell’ospedale Mater Olbia». La mobilitazione contro il finanziamento pubblico al fondo del Qatar sarebbe un attacco alla Gallura. Chissà se la segretaria territoriale della CGIL a suo tempo si è indignata alla stessa maniera per il contenuto della seguente relazione:

«la scelta strategica per noi è qualificare il nostro SSN, non privatizzarlo. È per questo che da subito ci siamo detti contrari all’apertura del Mater di Olbia che è stato visto da parte della politica della Provincia di OT come un volano di sviluppo. Perché invece non investire quelle risorse nell’efficientamento dei servizi pubblici? Forse quei capitali esteri si sarebbero potuti impiegare per sviluppare altri settori produttivi, senza contare che per noi non è indifferente da dove viene il finanziamento e dove vanno le nostre risorse» (stralcio della relazione della segreteria Funzione Pubblica della CGIL al convegno del 2015 sull’argomento).

Infine il PD olbiese che, dopo aver denigrato il profilo politico del nuovo soggetto-progetto politico («anonimi gruppi», «iniziativa di pochi, priva di senso, frutto di un’analisi semplicistica e riduttiva dell’argomento», ecc..), ricalca sostanzialmente le posizioni di Forza Italia sull’argomento, con toni se possibile ancora più a tinte rosa per l’iniziativa del Qatar: «il Partito Democratico di Olbia, da sempre sostenitore dell’apertura di un ospedale di eccellenza in città, riconoscendo il valore che tale iniziativa riveste, con la guida di eccellenza della Fondazione Gemelli e gli importanti investimenti del Qatar, si augura che tale iniziativa rappresenti l’ultimo “colpo di coda” di iniziative mai sopite contro un investimento fondamentale per la nostra città e i nostri territori».

Caminera Noa, per tutta risposta e senza scomporsi, ha diramato un lungo comunicato invitando tutte le voci critiche e palesemente ostili al pubblico confronto proprio in occasione della manifestazione. E per rilanciare la mobilitazione ha messo sul piatto nuovi argomenti che hanno anche la funzione di disinnescare tutte le critiche e gli attacchi subiti in queste 48 ore sulla carta stampata, sulle riviste on-line e anche alle immancabili numerose minacce e insulti arrivati sui social:

«Il 17 al Mater daremo la parola a tutti, anche a chi ci sta attaccando. Ma intanto chiariamo alcune cose fondamentali.

Rispondiamo alle molte critiche che sono arrivate e mezzo stampa e sui social alla nostra mobilitazione “Mancu unu citu in prus a su Mater Olbia e a sa sanidade privada”.

Nonostante si faccia di tutto per evitare di associare la realizzazione del Mater Olbia al ridimensionamento della rete ospedaliera pubblica, la verità è facilmente dimostrabile e tutta contenuta nelle diverse disposizioni che si sono succedute a cominciare dal 2014.

L’accordo stipulato, o meglio sarebbe dire imposto da Renzi a Pigliaru per agevolare “gli investimenti privati nelle strutture ospedaliere” è chiaramente riportato nella legge di stabilità 164 del 2014, nel cap. 16 ai commi 1 e 2.

Art.16. Misure di agevolazioni per gli investimenti privati nelle strutture ospedaliere.

  1. Al fine di favorire la partecipazione di investimenti stranieri per la realizzazione di strutture sanitarie, per la regione Sardegna, con riferimento al carattere sperimentale dell’investimento straniero da realizzarsi nell’ospedale di Olbia, ai fini del rispetto dei parametri del numero di posti letto per mille abitanti […], per il periodo 2015-2017 non si tiene conto dei posti letto accreditati in tale struttura. La regione Sardegna, in ogni caso, assicura, mediante la trasmissione della necessaria documentazione al competente Ministero della Salute, l’approvazione di un programma di riorganizzazione della rete ospedaliera che garantisca che, a decorrere dal 1° gennaio 2018, i predetti parametri siano rispettati includendo nel computo dei posti letto anche quelli accreditati nella citata struttura.
    2. Sempre in relazione al carattere sperimentale dell’investimento nell’ospedale di Olbia e nelle more dell’adozione del provvedimento di riorganizzazione della rete ospedaliera di cui al comma 1, la regione Sardegna nel periodo 2015-2017 è autorizzata ad incrementare fino al 6% il tetto di incidenza della spesa per l’acquisto di prestazioni sanitarie da soggetti privati […]. La copertura di tali maggiori oneri avviene annualmente all’interno del bilancio regionale […]”

Soldi pubblici quindi, e posti letto, da sottrarre al resto dell’isola per un’opera, il Mater, che forse mai vedrà la luce, mentre la rete ospedaliera pubblica viene costretta ad annaspare.
In tutta questa vicenda non può non saltare agli occhi che nella riorganizzazione della rete ospedaliera approvata dal Consiglio regionale nella seduta del 25 ottobre 2017 si fa riferimento solo alla prima parte della legge 164, e viene omessa completamente la parte in cui testualmente la Regione Sardegna “assicura l’approvazione di un programma di riorganizzazione della rete ospedaliera che garantisca che, a decorrere dal 1° gennaio 2018” si includano “nel computo dei posti letto anche quelli accreditati nella citata struttura”.

Svista o voluta omissione? Il “punto di riferimento per la Gallura”, costerà caro all’isola: 178 posti letto convenzionati in fase di avvio che diventeranno 242 a regime. Così, mentre la parola d’ordine per gli ospedali pubblici è “riduzione della spesa”, per il Mater, gli euro messi a bilancio ammontano a 55,6 milioni all’anno (Deliberazione di Giunta Regionale n.24/1 del 26/06/2014) e non ci sarà da rallegrarsi per i galluresi: a cambio di quest’opera, che forse mai verrà completata, e barattata per 2 milioni di metri cubi di nuovo cemento lungo la costa, già stanno chiudendo i reparti di Tempio e il presidio di Santa Teresa.

L’efficienza della sanità pubblica non può essere un mero taglio delle spese ma una reale riorganizzazione che garantisca uguali servizi di qualità per tutti, in maniera indistinta a prescindere dalla densità abitativa delle aree di interesse.
I galluresi come i restanti cittadini sardi hanno il sacrosanto diritto di curarsi, senza farsi prendere in giro da chi continua a promettere il paradiso a prezzi scontati e non cascare nella trappola di barattare i loro diritti con quelli degli altri sardi.

Detto questo, abbiamo deciso di aprire la nostra manifestazione a chiunque voglia confrontarsi con noi, anche se da posizioni critiche o addirittura antagonistiche. L’unica cosa che esigiamo è il rispetto del nostro diritto democratico alla libertà di opinione che non permetteremo a nessuno di mettere in discussione.
Per questo motivo Caminera Noa invita tutti i cittadini di Olbia e Gallura, singoli o associati, a partecipare domenica 17 alla manifestazione contro la privatizzazione della sanità sarda di cui il Mater Olbia è l’emblema, a sostegno della Sanità Pubblica, sempre più impoverita sia di risorse sia di servizi.
Chi è interessato si potrà iscrivere a parlare, a titolo personale o uno in rappresentanza di ogni organizzazione, movimento, associazione, sindacato ecc.; si potrà intervenire per esprimere il proprio parere FAVOREVOLE o CONTRARIO, nel rispetto della pluralità d’opinione. A tutti sarà dato il microfono, ciò a dimostrazione che Una Caminera Noa muove da presupposti sì di lotta, che vuol dire individuare un problema e portarlo all’attenzione del pubblico per informare, ma soprattutto di apertura al dibattito, partendo dall’incontro e non dallo scontro, con i territori che più soffrono di questo impoverimento sanitario pubblico, a differenza di chi sui social ha usato termini violenti e persino minacciosi. Caminera Noa ribadisce, in particolare ai giornalisti abituati ad etichettare a tutti i costi, che il nostro non è un progetto esclusivamente indipendentista, e che si tratta invece di un soggetto-progetto politico aperto e pluralista, nato un anno fa fuori da logiche di aggregazioni pre elettorali, in continua evoluzione, basato sui valori democratici fondamentali e condivisi: l’antifascismo, l’antirazzismo, la necessità di superare il liberismo come modello economico, la sostenibilità e il diritto all’autodeterminazione.»

 

Evento Facebook della mobilitazione
Link

 

«Non un centesimo alla sanità privata!» Manifestazione al Mater

La  locandina di Caminera Noa che chiama a raccolta i sardi contro l’impiego di denaro pubblico per l’apertura dell’ospedale privato del Qatar

Recentemente, in seguito alle polemiche sui problemi burocratici legati all’apertura del complesso ospedaliero di proprietà della fondazione del Qatar (il Mater Olbia), diversi portatori di interesse avevano minacciato di scendere in piazza per chiedere con forza la sua apertura (qui).

Addirittura l’ex deputato olbiese del PD Giampiero Scanu aveva dichiarato a mezzo stampa (qui) che «i folli ci sono anche in questa città. Non esistono solo a Cagliari e Sassari dove ci possono essere interessi rappresentati da un certo tipo di massoneria o legati alle cliniche private».

Ma evidentemente in Sardegna non tutti sono disposti a rimanere proni di fronte alla privatizzazione della sanità pubblica che vede nell’operazione “Mater” il suo fiore all’occhiello. Oltre ai numerosi comitati che scenderanno in piazza in diverse parti della Sardegna il 7 giugno e all’attivissima Rete Sarda Difesa Sanita’ Pubblica, spunta una originale mobilitazione del nuovo soggetto-progetto politico Caminera Noa.

Finora si erano fatte manifestazioni, assemblee affollatissime, fiaccolate, persino scioperi della fame, ma nessuno aveva mai organizzato una manifestazione davanti all’edificio che è diventato il pomo della discordia tra chi ci vede una imperdibile occasione di sviluppo economico e chi invece il simbolo della colonizzazione e della privatizzazione del diritto alla salute.

Caminera Noa ha lanciato ieri on line un appello che riportiamo integralmente affiancato da un evento facebook che invita i cittadini sardi alla mobilitazione.

Da notare che non si dice soltanto “no” ma si fanno anche proposte concrete sul come spendere quelle risorse destinate annualmente a finanziare il Mater (sono previsti circa 60 milioni di euro dei cittadini sardi per dieci anni erogati ogni anno dalle casse della Regione alle casse della Qatar Foundation).

buona lettura:

Giù le mani dalla sanità pubblica!

La sanità pubblica è un bene comune che va tutelato, in particolare quando si cerca di minarlo finanziando con denaro pubblico le strutture private come il Mater Olbia a scapito di strutture anche di eccellenza presenti sul territorio sardo.

Strutture ospedaliere: chiediamo il miglioramento dei servizi ospedalieri pubblici di grandi dimensioni che invece vengono impoveriti in tutta la Sardegna (Olbia compresa), e la tutela dei piccoli che sono a rischio chiusura o che vengono declassati e trasformati in pronto soccorso o strutture di lunga degenza. Un esempio è quello dei punti nascita: chiediamo che non vengano chiusi solo perché non rispondono a parametri, europei e italiani, stabiliti sulla base di concetti economici di austerity completamente decontestualizzati dalle realtà a cui vengono applicati.

Legge 124/98, articolo 3: Perché non destinare i finanziamenti regionali dati al Mater Olbia ad altre voci di spesa?
Chiediamo che la Regione Sardegna recepisca i commi 11 e 13. Essi prevedono che, se le strutture pubbliche non possono garantire entro 30/60 giorni l’erogazione di una prestazione sanitaria, questa venga effettuata in regime privato a rimborso da parte della Direzione Sanitaria competente, o intramoenia, al costo del solo ticket.

Breast Unit: l’idea iniziale del Mater Olbia era quella di un polo di eccellenza per l’ematologia pediatrica, trasformandosi poi (con il passaggio della partnership dal Bambin Gesù al Gemelli) teoricamente in centro specializzato in oncologia senologica. Ciò comporta il depauperamento della Breast di Cagliari, della SMAC di Sassari e metterebbe a rischio l’avvio della Breast di Nuoro.

Giù le mani dalla nostra terra!
La Costa Smeralda conserva ancora un enorme patrimonio naturalistico da tutelare dall’aggressione di chi vorrebbe attuare un enorme piano di speculazione basato essenzialmente sul cemento e l’intreccio di affari tra la politica e il fiume di petroldollari provenienti dalla Monarchia Saudita del Quatar.

La Qatar Investment Authotiy, il fondo sovrano del Paese più ricco del mondo, ha infatti acquistato nel 2012, la Smeralda Holding dal finanziere americano-libanese Tom Barrack, entrando in possesso di un patrimonio immobiliare consistente in 4 alberghi, la marina di Porto Cervo, il Pevero Golf Club e soprattutto nei 2.300 ettari di terreni vergini su cui oggi incombe la minaccia di una immensa lottizzazione.

Tenuto conto della necessità di salvaguardia di un importante patrimonio naturalistico, finora sfuggito alle cementificazioni per via di vincoli paesaggisti che ne impediscono la lottizzazione, occorre sottolineare che la vendita di terreni ad un fondo sovrano significa vendere direttamente parti del proprio territorio ad un Paese straniero, in questo caso una potente monarchia saudita in grado, con il flusso di investimenti milionari spalmati in più settori strategici, dai trasporti alla sanità, di influenzare decisioni politiche importanti in funzione di interessi estranei ai cittadini, sempre più vittime inconsapevoli di accordi siglati sulla loro pelle.

La vicenda del Mater Olbia non fa alcuna eccezione e anzi si presenta come una operazione coloniale senza precedenti, in cui la pressoché totalità delle forze politiche si sono schierate a favore dell’investimento saudita nella sanità sarda, la cui razionalizzazione si traduce in una drastica riduzione di servizi irrinunciabili, finendo per favorire gli investimenti del Qatar nel settore. In questo sconcertante scenario, il coro di promesse di centinaia di posti di lavoro fatte da una larghissima schiera di forze politiche, che deriverebbero dagli investimenti qatariani nel Mater Olbia, lasciano intravvedere il preludio per l’abbattimento di vincoli e impedimenti all’aumento di cubature e alla realizzazione di nuove faraoniche costruzioni. In poche parole più cubature, cemento e deroghe in cambio di petroldollari. In questa direzione pare essere orientato il governo Pigliaru e i suoi alleati sovranisti che intendono modificare il PPR del 2006.

Ad uno scenario di questo tipo diciamo no, decisi a difendere gli interessi del popolo sardo, le nostre risorse incontaminate e un modello di sviluppo che non metta a rischio il nostro habitat in cambio di business ed interessi politici di qualsiasi natura.

La narrazione dell’occupazione militare della Sardegna

L’associazione studentesca di Sassari “Giusta – Gruppo Indipendente degli Universitari e Studenti per l’Antimafia” ha organizzato un interessante seminario per il 25 maggio a Sassari, alle ore 15 nell’aula Cicu, presso il Dipartimento di Giurisprudenza, sulla rappresentazione del militare nei media locali.

La relazione sarà tenuta dalla Professoressa Aide Esu dell’ Università degli Studi di Cagliari e sarà il frutto di una recente sua ricerca “Military pollution in no war zone: the military representation in the local media”.

In questo articolo si analizza la rappresentazione della stampa locale delle attività di sperimentazione militare in Sardegna. L’autrice ha cercato di valutare i cambiamenti nella rappresentazione dei militari durante i 57 anni di presenza dei poligoni in Sardegna, individuando le narrazioni utilizzate dalla stampa locale. La stampa locale risulta il media principale per comprendere la rappresentazione dell’esercito italiano e delle sue attività nell’isola. Dall’analisi  sono emerse due linee storiche principali: nei primi anni di presenza delle basi, l’occupazione militare era percepita come portatrice di cambiamento e modernità. In seguito, parallelamente alle crescenti preoccupazioni legate agli effetti delle attività militari sulla salute umana, l’esercito italiano è stato sempre più percepito come una minaccia per le comunità locali e l’ambiente.

La serata proseguirà al circolo  Tirrindò, in via Masia n° 2 (piazza Università), con una serata di autofinanziamento per A Foras, dalle ore 19

Modererà l’incontro Michele Salis, attivista dell’Assemblea di A FORAS – Contra a s’ocupatzione militare de Sa Sardigna e referente del tavolo di lavoro “Economia e territorio” della medesima organizzazione.

 

2 giugno contro la Repubblica militare

Anche quest’anno A FORAS chiama a raccolta tutto il movimento contro l’occupazione militare della Sardegna, per una giornata di mobilitazione popolare, che capovolga la festa della repubblica italiana. Perché questa data? È la repubblica – si legge nella chiamata diramata in rete dagli attivisti contrari all’occupazione militare della Sardegna – che da oltre 60 anni impone unilateralmente il 60% di servitù militari alla nostra terra trasformandola di fatto in una colonia militare.
Manifesteremo – continua la nota – la nostra opposizione non solo nei confronti dello stato italiano, ma anche della NATO, e di tutti gli altri eserciti stranieri e le multinazionali che operano ogni giorno nella nostra terra per trarre profitto da industria bellica e guerre di aggressione.

Gli attivisti di A Foras indicano non solo contro Stato italiano e Nato, ma anche contro i loro complici alla guida della “Regione Autonoma”:

Quest’anno manifestiamo anche contro la complicità del governo regionale, che a dicembre 2017 ha ratificato l’accordo truffa col Ministero della difesa, col quale, in cambio di poche spiagge (che erano già aperte durante l’estate), ratifica l’occupazione militare della Sardegna e insieme pone le basi per un aumento della presenza militare in Sardegna (con la caserma di Pratosardo e il SIAT a Teulada). Per questo motivo quest’anno il corteo partirà dalla sede della giunta regionale, in viale Trento a Cagliari. Il 2 giugno di quest’anno lanceremo anche la nostra assemblea itinerante, che durante l’estate toccherà diversi territori della nostra isola, occupati dai poligoni e non, per conoscerli meglio e farci conoscere, e per rilanciare anche lì la lotta contro l’occupazione militare.

Sempre presente anche la solidarietà internazionalista. In un clima sempre più favorevole alla guerra totale, i manifestanti vogliono rimarcare anche che  il Popolo Sardo non è complice delle aggressioni imperialiste e che lotta per liberare se stesso dall’occupazione militare e contemporaneamente per sabotare la piattaforma militare a cui è ridotta l’isola. 

A seguire si terrà un concerto gratuito nel colle di S. Michele a Cagliari con numerosi artisti contrari all’occupazione militare e alla guerra che si esibiranno dal palco.


Di seguito le rivendicazioni della manifestazione: 


• STOP alle ESERCITAZIONI militari, DISMISSIONE di TUTTI i POLIGONI; avvio di BONIFICHE integrali;
• RISARCIMENTI per tutti i danni (demografici, economici alla salute e all’ambiente) subiti in 60 anni di occupazione militare, e utilizzo degli stessi per l’avvio di ALTERNATIVE ECONOMICHE etiche, sostenibili e legate alle risorse dei territori;
• RICONVERSIONE a uso civile di tutti siti militari, dalle CASERME dei POLIGONI a quella di Pratosardo, e della fabbrica di bombe RWM di Domusnovas;
• STOP ai nuovi progetti sui poligoni DUAL USE (civile-militare);
• STOP ai progetti di ampliamento e ammodernamento dei poligoni, come il Sistema Integrato per l’Addestramento Terrestre (SIAT)
• Revoca degli accordi dell’Università di Cagliari con il comando militare della Sardegna e con le università israeliane complici del massacro del popolo palestinese. Revoca della convenzione tra Università di Sassari ed Esercito Italiano. Fine di ogni rapporto degli atenei sardi con aziende coinvolte con lo sviluppo bellico. Avvio di ricerche e corsi di studio su bonifiche e riconversioni di siti militari;
• Annullamento dell’accordo tra Regione Sardegna e Ministero della Difesa sulle servitù militari;
• Cessazione di ogni tipo di collaborazione sia civile che militare tra la Regione Sardegna e governi (come quelli di Arabia Saudita, Turchia, Qatar, USA e Israele) che promuovono guerre di aggressione negli stati senza pace.

A Foras: «Il 2 giugno alziamo la testa contro basi e guerra»

Intervista a Michele Salis, a nome dell’Assemblea Sarda contro l’occupazione militare della Sardigna “A Foras” in vista dell’assemblea plenaria di domenica 22 aprile (domani) a Bauladu al centro servizi di S. Lorenzo (tavoli di lavoro ore 10:00 di mattina, assemblea ore 15:00 il pomeriggio)

  • Tirano nuovi venti di guerra. La Sardegna è terra strategica per le politiche imperialiste dell’alleanza atlantica. Qual è la posizione di A Foras?

Sin dai primi mesi dalla sua nascita, l’assemblea di A Foras si è schierata non solo contro l’occupazione militare della Sardegna, ma anche in opposizione a tutti gli “output” della filiera bellica sarda. Per questo oltre che porci in opposizione alla NATO, ci siamo schierati contro ogni tipo di guerra di aggressione e imperialista. Un movimento che si batte contro la guerra, non può che lottare per la liberazione della nostra terra da qualunque mezzo utilizzato per tali conflitti: dai poligoni, alle fabbriche di bombe, fino all’industria e alla ricerca bellica, come denunciato nel nostro recente sit in al Rettorato dell’Università di Cagliari.

  • Il prossimo 22 aprile a Bauladu si svolgerà una importante assemblea plenaria del movimento contro l’occupazione militare. Qual è l’ordine del giorno?

Oltre alle relazioni dei tavoli di lavoro (che si riuniranno la mattina) e delle assemblee territoriali di A FORAS che hanno recentemente organizzato diverse iniziative, i punti trattati saranno essenzialmente due.

Il primo sarà la costruzione politica della giornata del 2 giugno, che ci vedrà ancora una volta a Cagliari per un corteo che si concluderà con un concerto al Colle di S.Michele. Già dall’anno scorso abbiamo lanciato per questa data un appuntamento annuale di mobilitazione per la liberazione della nostra terra dalle servitù militari. Abbiamo scelto il 2 giugno, festa della repubblica italiana, per ribaltare questa ricorrenza, e manifestare contro quello stato che da oltre 60 anni ci impone in maniera unilaterale i due terzi delle sue servitù militari. Inoltre sempre il 2 giugno, ricorre la data della prima assemblea di A FORAS. Le rivendicazioni di questo 2 giugno saranno discusse domenica prossima in un incontro aperto ai gruppi e le individualità che condividono i punti fermi di A FORAS. Per questo invitiamo all’assemblea chiunque voglia lottare per la dismissione dei poligoni, le bonifiche e i risarcimenti ai territori colpiti.

In secondo luogo, continueremo a discutere e a organizzare il cammino di questa estate, una sorta di assemblea itinerante. Dopo il due giugno ci metteremo in cammino, attraversando a piedi i luoghi colpiti da attività militari, aree industriali insostenibili o da dismettere,  ma non solo. Incontreremo le diverse comunità che vivono questi territori per confrontarci, discutere e crescere con loro. Andremo alla ricerca di tutte quelle risorse latenti (o tarpate dalla presenza militare) di questi territori, dei loro casi virtuosi. Con questo cammino vogliamo rilanciare la partecipazione ad A Foras tramite nuove pratiche inclusive, incentrate su identità e aspirazioni territoriali, oltre che stimolare e migliorare i rapporti con le popolazioni dei diversi territori della Sardegna. Anche per questo domenica 22 chiamiamo a raccolta chiunque voglia mettersi in cammino con noi.

  • Come sappiamo il presidente Pigliaru ha siglato un accordo con il Ministero della Difesa (Pinotti) che l’attuale Giunta e l’Esercito hanno presentato come “nuovo corso nei rapporti tra Esercito e società civile”. Come giudicate questo accordo?

Diverse testate giornalistiche hanno quasi esultato alla notizia di questo accordo, sparando titoloni come “Via i militari da Capo Frasca e Teulada”, come se davvero si fosse realizzato quanto scritto nel programma dei Francesco Pigliaru alle ultime regionali, che prometteva la chiusura di questi due poligoni. Al contrario però, nulla è stato chiuso né dismesso (con l’eccezione di alcune strutture già cedute al demanio civile dal 2008). Al contrario, alla faccia della riduzione della presenza militare nell’isola, i militari sono addirittura aumentati con questo accordo! Infatti, in cambio della formalizzazione di accordi di fatto già in essere da anni (lo stop alle esercitazioni dal 1 giugno al 30 settembre e a concessione temporanea di alcune spiagge), oltre al passaggio al demanio civile di poche decine di metri di spiagge, e l’istituzione di non meglio precisati osservatori ambientali, l’accordo nasconde almeno due polpette avvelenate. Da una parte è stato finanziato il dislocamento di alcuni reparti nella caserma di Pratosardo a Nuoro (ecco l’aumento dei militari). Dall’altra, l’accordo pone le basi per “l’implementazione del SIAT, Sistema Integrato per l’Addestramento Terrestre, e di altri sistemi duali”, che non sono altro che nuovi utilizzi (e nuovi investimenti) per i poligoni. Altro che chiusura! L’accordo pone le basi per continuare a utilizzare i poligoni per tanti altri anni! E tutto questo nel silenzio generale, misto alla grande soddisfazione del “centro – sinistra”. Anche contro questo accordo, sarà importate essere presenti domenica e alle prossime mobilitazioni di A FORAS, 2 giugno in primis.

 

Sa terra sarda in s’àndala

Prosegue con la sua quinta tappa la “Marcia per la Terra”, organizzata dal Coordinamento Comitati Sardi in collaborazione e con la partecipazione dell’associazione Re:Common.

Appuntamento a Villacidro, domenica 22 alle ore 9:30, presso l’agriturismo Perda Massa, al Km 26 della Strada Statale 196 (qui l’indirizzo).

Il Coordinamento è costituito da Comitati e Associazioni, impegnati in Sardegna per la tutela dell’ambiente e della salute, per la gestione del territorio e la promozione di modelli  di governo condivisi e eco-sostenibili.

Re:Common è un associazione impegnata in inchieste e campagne contro la corruzione e la distruzione dei territori in Italia, in Europa e nel mondo. Lavora e si adopera per contrastare il consolidamento di un modello estrattivista di società, fondato sulla sottrazione sistematica di ricchezza dai territori, sul furto dei beni alle comunità che li vivono, portando al conseguente impoverimento di miliardi di persone in tutto il mondo.

Dopo le prime cinque tappe del 2014 il Coordinamento Comitati Sardi continua la sua Marcia per la Terra. Questa seconda edizione della Marcia (“Ancora insieme per la nostra terra”), suddivisa anch’essa in più tappe, vuole rivendicare il diritto delle cittadine e dei cittadini a decidere del futuro della propria Terra, e ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e la politica della nostra Regione riguardo ai problemi causati dalla cattiva gestione di vari progetti industriali proposti nell’Isola, con le connesse speculazioni finanziarie, facendo riferimento specifico alla salvaguardia dei terreni agricoli e al rilancio della nostra agricoltura contadina.

Si è scelto di centrare la quinta tappa di quest’edizione della Marcia sul seguente tema: “Le nuove forme di rapina dei territori: il neoestrattivismo”, per cogliere e collegare i processi attraverso cui la finanza “estrae”, letteralmente, le risorse ai territori, sia in termini economici, che di sovranità e autodeterminazione.

Sarà un’occasione per dialogare a più voci, intrecciando spunti locali, nazionali e internazionali, che pongono domande come: quali le nuove forme di depredazione dei territori? cosa le differenzia dai vecchi processi di spoliazione? quali le possibili risposte che in difesa della terra possono essere adottate qui e altrove?

Ampio spazio verrà lasciato a interventi e contributi di chiunque desideri partecipare, oltre che a nuove domande e richieste di chiarimenti.

Laura Cadeddu e Claudio Orrù coordineranno i lavori che inizieranno alle ore 9,30.

Il Coordinamento Comitati Sardi

      coordcomitatisardi@gmail.com

    facebook

Senza etica non c’è ricerca. Domani il Cua presidia il Rettorato di Cagliari

Intervista a Cristian Perra, del Collettivo Autonomo Universitario Casteddu. Nella foto una azione di stamattina alla facoltà di studi umanistici a Cagliari contro i legami tra Unica e Ricerca bellica israeliana

 

  1. Mercoledì 11 aprile presidierete il rettorato dell’Ateneo di Cagliari. Perché?

Saremmo di fronte al rettorato mercoledì 11 aprile, alle ore 10, perché pensiamo che non ci possa essere ricerca senza etica. L’università di Cagliari, infatti, ha stretto e continua a stringere accordi di cooperazione con apparati militari, come nel caso dell’accordo del polo ospedaliero con il Comando Militare Esercito Sardegna, o con Università Israeliane di fatto complici con il massacro del popolo palestinese come il TechnionInstitute, la HebrewUniversity of Jerusalem e l’OranimAcademic College. Come militanti del Collettivo Universitario Autonomo Casteddu, facente parte di A Foras, pretendiamo la rescissione di qualsiasi rapporto con enti direttamente o indirettamente coinvolti con il mondo militare, quello della sperimentazione bellica o con interessi nelle guerre in corso nel mondo.

  1. Università ed Esercito: un legame indissolubile?

L’occupazione militare non è fatta solo di caserme, territori off-limits, filo spinato ed esercitazioni militari bensì di una pervasione del militarismo all’interno della nostra quotidianità. Ormai da tempo, l’apparato militare si è intromesso nella formazione, nelle aule universitarie e negli studi della ricerca e tale presenza si è rafforzata dal 2017 grazie ad un accordo Lavoro-Difesa-Istruzione. Nei mesi passati abbiamo denunciato, con diversi documenti e studi, la vera faccia del DASS (Distretto AereoSpaziale Sardo), un progetto dichiarato apertamente come civile ma che con il “dual use” piega l’Università, i Saperi e la Ricerca alle necessità dei militari e della guerra raccontando il tutto come una buona causa e un’occasione di sviluppo. Come studenti e studentesse non possiamo tollerare che le strutture del sapere siano al servizio degli interessi militari, trasformate in luoghi di propaganda di guerra o di un “progresso scientifico” con ripercussioni negative sul territorio che viviamo. La cultura, il sapere, la ricerca, l’Università non possono sottostare alle esigenze di mercato e di profitto, tantomeno a quelli militari e bellici. Senza etica non c’è ricerca. Non vogliamo sottostare al ricatto che ci impone l’occupazione militare. Come giovani non possiamo vedere il nostro lavoro all’interno dell’Università messo a valore da e per interessi militari di stampo imperialista. Non vogliamo collaborare con chi, dandoci un tozzo di pane, qualche credito o qualche ora in più di tirocinio, usa il nostro lavoro per devastare la nostra terra o quella altrui, per quanto lontana possa sembrare.

  1. L’Università sarda collabora anche con Israele. Puoi dirci di più?

Lo ha dichiarato anche recentissimamente l’ambasciatore isrealiano Sachs: «Tra noi e voi c’è una storia d’amore. Israele, quando si parla di tecnologia, c’è”». Questa “storia d’amore” è sporcata dal sangue delle centinaia di palestinesi che ogni giorno muoiono a Gaza e nel resto della Palestina, spesso a causa dei droni progettati dal Technion di Haifa con il quale l’università di Cagliari ha un accordo di cooperazione. L’ambasciatore israeliano parlava di una storia d’amore tra Unica e Israele proprio pochi giorni prima che i cecchini israeliani sparassero sulla folla uccidendo più di 20 Palestinesi e ferendone più di mille. Una risposta violenta e ingiustificata contro civili disarmati, in linea con la politica di violenza e repressione del governo Israeliano. Ci chiediamo allora come possano non vergognarsi tutti e tutte coloro che stendono tappeti rossi per le istituzioni israeliane, promuovono questo tipo di iniziative e si fanno promotori di accordi con le università israeliane e come non si vergognino di millantare una del tutto posticcia libertà di ricerca per legittimare la smodata fame di fondi di alcune facoltà.

Cresce la resistenza ai signori del vento e del sole

Intervista a Antonio Muscas (attivista di Assemblea Permanente di Villacidro)

Un momento del presidio indetto da Assemblea Permanente a Villacidro contro il nuovo parco eolico in costruzione

 

Lo scorso 27 marzo l’Assemblea Permanente ha organizzato un sit-in contro il parco eolico che sarà realizzato dalla Green Energy Sardegna. Siete contro le energie rinnovabili?

Immaginiamoci un signore che dovendo andare da solo da Cagliari a Sassari si doti di una vecchia locomotiva a vapore, un camion a gasolio e una bici tandem elettrica a quattro posti non in grado però di affrontare le salite e quindi obbligata ad andare costantemente accompagnata da una vettura a benzina capace di trainarla in caso di necessità; immaginate anche che questo signore abbia pure la pretesa di utilizzare tutti i mezzi contemporaneamente. Folle, vero? E cosa c’entra questo con le rinnovabili? C’entra, eccome, perché in Sardegna siamo praticamente nella stessa situazione. Abbiamo una potenza elettrica installata superiore di oltre quattro volte la potenza necessaria. Tutta l’energia potenzialmente producibile non riusciamo neppure a smaltirla poiché i cavidotti che ci mettono in connessione con la Corsica e la penisola italiana possono solo in parte trasmettere l’eccesso. E le rinnovabili sono sottoutilizzate: la produzione idroelettrica è stata pressoché dimezzata negli ultimi anni, mentre l’eolico ha una produzione media di 1700-1800 ore anno, e questo per diverse ragioni, la più importante delle quali è il fatto che l’eolico, così come il fotovoltaico, deve andare accoppiato con impianti di accumulo in grado di sopperire alla inevitabile variabilità dell’erogazione e della domanda di energia. Abbiamo esubero di tutto e, nonostante ciò, sembra non bastarci mai. In programma abbiamo oltre a innumerevoli parchi eolici e fotovoltaici, diversi termodinamici, impianti a biomassa, una nuova centrale a carbone, due inceneritori equiparati alle centrali da fonti rinnovabili, per non parlare del geotermico, dei rigasificatori di volumetria sproporzionata per le nostre esigenze e del nuovo progetto di metanizzazione che sventrerà la Sardegna da nord a sud. Non siamo contrari alle rinnovabili, ci mancherebbe, ma questa situazione è folle, e a folle velocità ci stiamo lanciando verso il baratro, perché qua non stiamo parlando di rinnovabili che vanno a sostituire il fossile, stiamo parlando di una sovrapposizione infinita di impianti di qualunque specie. Quale logica c’è dietro la volontà di continuare a costruire all’infinito impianti senza senso? Semplicemente e banalmente, la speculazione finalizzata ad ottenere i ricchi incentivi disponibili.

Uno dei cavalli di battaglia della vostra mobilitazione è la democrazia sancita dalla Convenzione di Aarhus. Cosa c’entra la democrazia con l’energia?

Di chi sono il vento e il sole? Si possono privatizzare il vento e il sole? Chi installa una pala eolica acquisisce un diritto sullo spazio aereo circostante, paga una fesseria al comune di pertinenza e al proprietario del suolo e tutto il restante lauto guadagno lo tiene per sé. Parliamo di pale che possono rendere anche un milione di euro all’anno, a fronte di circa diecimila euro destinati al comune per l’Imu e qualche migliaio di euro al proprietario del fondo. Centinaia di milioni di euro per pochi e la fame per gli altri, inclusi gli oneri per lo smaltimento dei residui di fine vita degli impianti. Una pala può ripagare l’investimento in 3, massimo 5 anni, dopodiché per 25-30 anni è tutto grasso che cola, e che grasso! È forse oggi una delle migliori forme di investimento sul mercato. Incentivi per avere le pale ferme la maggior parte del tempo o per produrre energia inutilmente, giacché le centrali a combustibili fossili non vengono spente o ridimensionate, anzi, esse stesse, ricevono compensazioni per la mancata produttività causata dagli impianti alimentati a energia rinnovabile. La convenzione di Aarhus stabilisce che le comunità interessate da progetti di grande impatto debbano essere coinvolte nei processi decisionali, e tra i parametri da prendere in considerazione non ci sono esclusivamente aspetti economici e ambientali, ma anche storici, tradizionali e socio culturali. Un progetto potrebbe essere perciò economicamente vantaggioso e sostenibile a livello ambientale, ma nel contempo insensato o dannoso per il contesto nel quale si vuole realizzare. Le comunità, secondo la convenzione, devono essere correttamente informate, formate e coinvolte, dall’inizio alla fine, devono essere loro prospettate e valutate tutte le possibili alternative e loro devono avere l’ultima parola. È chiaro come qualunque dei nuovi progetti in corso in Sardegna con questa logica mai supererebbe la prova delle comunità. Ecco perché è in corso da parte del Governo italiano e di quello sardo un processo di estromissione totale, accompagnato dall’imposizione, dal ricatto e dalla coercizione. Noi non solo vogliamo essere partecipi del nostro destino ma contestiamo pure la privatizzazione e l’accaparramento delle risorse naturali. Sole e vento, al pari dell’acqua, sono beni comuni, sui quali non si può e non si deve speculare.

Sostenete che «finita l’epopea dell’industria, da qualche anno la nuova corsa all’oro è rappresentata dalle rinnovabili». Dopo i signori del petrolio arrivano i signori del vento e del sole che vedono la Sardegna sempre terra di conquista?

È un assalto senza fine e sempre più massiccio, favorito dalla condizione di difficoltà in cui versa la Sardegna. Una condizione assurda tenuto conto delle risorse ancora disponibili nonostante la spoliazione avvenuta nel corso dei secoli. Così come è assurdo che la nostra isola riesca a garantire miliardi di euro di profitti a persone che neanche mettono piede nel nostro suolo se non per trascorrere le vacanze in Costa, ma non sia in grado di dare sostentamento e pace a chi la abita. Appare perciò evidente come il nostro “svantaggio insulare” non sia, come qualcuno vuol farci credere, un fatto naturale, dipendente da questioni geografiche e insito nella natura dei sardi, ma sia piuttosto una condizione artificiale, creata appositamente per favorire i fenomeni di sfruttamento e accaparramento.

Di solito la risposta a tali mobilitazioni è che non si può dire sempre no a tutto. Quali sono le alternative?

Una delle frasi più ricorrenti, pronunciate dalle controparti e da chi appoggia questi progetti è “voi siete per il no a tutto”. Basta guardarsi attorno per capire come in Sardegna abbia prevalso invece il “sì a tutto”. Non si è trattato sempre di sì ingiustificati, ci mancherebbe. Alcune scelte fatte in epoche passate le reputo doverose e anche coraggiose e innovative. Però molto più spesso ha prevalso il mito della modernità, l’illusione di potersi emancipare a basso costo, di poter manipolare la natura senza preoccuparsi troppo delle conseguenze; ha prevalso la fiducia incondizionata nelle istituzioni, negli uomini di governo e dei loro amici imprenditori venuti qua ad “aiutarci”. Non condanno le scelte di chi mi ha preceduto, non quando sono state dettate da reali necessità pur senza comprendere bene quale sarebbe stato il prezzo reale da pagare, non sempre si aveva la necessaria consapevolezza. Oggi le cose sono diverse. La differenza rispetto a ieri è questa: noi siamo in grado di misurare esattamente la portata delle nostre azioni. Citando Bachisio Bandinu, “noi allora non sapevamo”, però oggi sappiamo, e abbiamo il dovere di agire diversamente. Per tornare all’eolico e alle fonti rinnovabili in generale, in Sardegna non siamo al punto zero, siamo già in una condizione di esubero e di caos totale. Oggi non abbiamo bisogno di nuovi impianti, abbiamo necessità di gestire quelli presenti e di avviare realmente la transizione verso il rinnovabile. Nel contempo dobbiamo portare avanti una battaglia di riappropriazione dei beni comuni perché non è accettabile che siano società private ad impadronirsi del sole e del vento e di arricchirsi ai danni dei più.

 

Per una Via Campesina sarda

Il Coordinamento dei comitati sardi  ha partecipato all’incontro dell’ ARI – Associazione Rurale Italiana che si è svolto sabato 24 e domenica 25 febbraio  presso la Cascina Malerbe a S. Raffaele Cimena (To).

Perché i comitati sardi che lottano in difesa della terra e contro le speculazioni hanno sfidato il gelo dei giorni scorsi per partecipare ad un simile incontro? E’ stato un incontro molto importante – dichiara Antonio Muscas della rete dei Comitati – perché si è parlato di accesso ed uso del suolo agricolo e dello scambio di sementi. Argomenti molto importanti sui quali, al pari di altri, e in particolar modo in questo periodo, , è necessario concentrare la nostra attenzione.

L’assemblea – si legge in una nota stampa dell’ARI – ha passato in rassegna le attività dell’anno trascorso per decidere le priorità del 2018. Sottolineando il consolidamento del Coordinamento Europeo Via Campesina (ECVC) e la partecipazione di ARI alle sue attività ed iniziative di lotta, è stata affermata la necessità di uno sforzo continuo per ampliare il consenso alle strategie di ECVC, al di là dei sui membri. Non solo l’ennesima riforma della PAC (…) ma anche la difesa di un’economia, quella contadina, fatta di resistenza al modello industriale dominante, di costruzione di alternative e innovazione, di continui adattamenti al cambiamento climatico e sociale, per dare un cibo di qualità a tutti compreso chi è costretto a vivere al limite della povertà.

Il “cibo non è un lusso ma un diritto” è la parola d’ordine che più è stata citata nelle due giornate di lavoro. In tale prospettiva  si è deciso di continuare la lotta per la difesa delle sementi contadine impedendo l’ingresso silenzioso degli OGM nascosti prodotti con il genoma editing e costruendo, contemporaneamente, iniziative decentrate di case delle sementi, formazione, in particolare vivaistica, per accrescere l’autonomia ed il controllo sulla gestione dinamica della biodiversità in azienda.

Non ci interessa diventare dei piccoli agricoltori-sementieri – dichiarano gli attivisti dell’ARI nella loro nota – vogliamo solo continuare a scambiare e vendere le nostre sementi ad altri contadini per la loro coltivazione nel pieno diritto che ci è riconosciuto dalla legalità internazionale.

La testimonianza del coordinamento dei comitati sardi che resistono alla distruzione della terra è stata al centro di una riflessione più ampia sul tema di accesso alla terra, della salvaguardia dell’uso agricolo e sulla necessità di iniziative più determinate e numerose nel contesto dello stato italiano. Il progetto per una Via Campesina Sarda è chiaro: combattere la vendita delle terre pubbliche operata dallo stato o da altri enti pubblici (regioni e Comuni), favorire tutte quelle iniziative che facilitano l’accesso alla terra per i giovani o quanti hanno scarsa disponibilità aziendale o si vogliono istallare recuperando alla vita spazi rurali desertificati o malcoltivati.

Tutti temi che i comitati di ritorno in Sardegna mettono a disposizione di chi porta avanti la battaglia per la difesa della terra attraverso una produttività compatibile, realmente moderna e trasmissibile alle prossime generazioni.