Uniamoci per difendere i diritti dei precari della scuola sarda

Intervista ad Andrea Faedda, architetto e precario della scuola ed esponente del Coordinamento Precari Autoconvocati Sassari

  • Perché i docenti precari sardi della scuola sono in agitazione?

Intanto noi vogliamo che venga riconosciuto il valore del servizio che abbiamo prestato. Oggi, al contrario, ci sentiamo solo usati e senza il nostro lavoro tutta la didattica si fermerebbe. Invece questo imminente concorso straordinario è studiato con il preciso obiettivo di cancellarci dalla scuola, poiché verremmo valutati con un test strettamente nozionistico (e chi insegna sa bene che il valore di un docente va osservato su ben altri aspetti) con i 7/10 delle risposte valide. Una prova da “dentro o fuori”, in barba agli anni di servizio prestati e a tanta esperienza e capacità non valutabile con un mero test a crocette.

Inoltre per noi sardi la situazione è perfino peggiore poiché la volontà del Ministero è quella di assegnare il maggior numero di bandi alle regioni più popolose e con un maggior numero di cattedre vacanti. La Sardegna, come già accadde nel concorso 2016, si troverà ancora una volta penalizzata e si avrà pertanto un concorso su base regionale con pochi posti a disposizione rispetto ad una esigenza molto più grande di ruoli da ricoprire.

A chi verranno assegnate queste cattedre vacanti della Sardegna? Quasi certamente non a docenti sardi.

Infatti per via di alcune norme contenute nel decreto, le graduatorie dei precedenti concorsi del 2016 e del 2018 vengono estese a tutte le regioni d’Italia e con la nuova norma detta “Call Veloce” chiunque si trovi in una graduatoria di una qualsiasi regione potrà venire ad assumere un ruolo o anche una supplenza annuale in Sardegna, erodendo di fatto i posti attualmente occupati dai docenti precari sardi.

  • Quando si è discusso di “regionalizzazione” della scuola c’è stata una levata di scudi di partiti e sindacati. Ora?

Tutte le sigle sindacali, ad eccezione di COBAS, CUB e USI,  non hanno voluto mai ascoltare le richieste del precariato rispetto ai pericoli di questo Decreto Scuola varato dal governo PD-M5S. Per questo motivo stanno nascendo i Coordinamenti dei Precari Autoconvocati, una nuova forma di organizzazione dal basso. In Sardegna, da questo punto di vista, siamo molto attivi e abbiamo avviato già un’interlocuzione con la classe politica regionale. Se poi i sindacati volessero degnarsi di ascoltarci siamo comunque disponibili a collaborare, le porte restano aperte a tutti.

  • Cosa proponete?

Il Coordinamento dei Precari della Scuola Autoconvocati  propone una via d’uscita da questa situazione drammatica attraverso percorsi di abilitazione riservati ai precari della scuola in Sardegna sulla base delle leggi regionali che permettano di utilizzare come criterio per l’accesso ai concorsi nella Pubblica Amministrazione la residenza nell’isola per un determinato periodo di tempo prima del concorso, o l’avere conseguito un titolo di studio in Sardegna, e soprattutto di aver prestato servizio nelle scuole della Sardegna per almeno 36 mesi.

Un altro criterio da utilizzare potrebbe essere quello di conseguire una certificazione della lingua sarda. La Legge Regionale 22/2018 lo prevede già come requisito di accesso per i concorsi nelle amministrazioni della R.A.S.

Scuola: mobilitiamoci contro il decreto ammazza precari (sardi)

di Andrea Faedda

Imperterrita, sorda e arrogante la neo ministra Azzolina continua la sua guerra personale contro i docenti precari della scuola. L’anno prossimo avremo in Sardegna migliaia di insegnanti esodati che con il provvedimento della call veloce verranno sostituiti da personale proveniente da altre regioni. In barba ai tanti anni di servizio spesi per la scuola pubblica del proprio territorio. Vediamo ora se la politica regionale rimarrà inerme di fronte a quello che si preannuncia come un nuovo disastro economico e sociale per migliaia di sardi.

Ecco le ragioni per le quali nessun precario passerà di ruolo con questo concorso (dal Coordinamento precari autoconvocati Sassari):

12 cattedre a regione per cdc, da cui togliere sostegno e che il MIUR ha già dichiarato che non saranno distribuite in parti uguali in tutte le regioni, ma plausibilmente per necessità (quindi non in Sardegna). Prova computer based 7/10 sullo scibile umano. Obbligo di avere un contratto al 30 giugno anche per ottenere l’ abilitazione e obbligo quinquennale di rimanere nella scuola assegnataria, quindi se stavate pensando di andare a fare il concorso in un’altra regione pensateci bene . Numero di partecipanti superiore di tre volte ai posti messi al bando = probabile prova pre selettiva. Partecipazione docenti di ruolo che a parità risultato computer based avranno punteggio enorme rispetto a qualunque precario, sorpassandolo. Valanga di ricorsi dei colleghi delle paritarie che avendo preso punteggio più alto di quelli delle statali faranno ricorso per il ruolo bloccando il concorso dal punto di vista amministrativo. Prima di frequentare corsi spendendo soldi vi consigliamo la piazza io 17 gennaio a Sassari e Cagliari e lo sciopero generale della scuola il 14 febbraio.

Appuntamenti di lotta per bloccare questo scempio ai danni dei lavoratori della scuola della Sardegna e del diritto allo studio dei giovani sardi:

Sassari

Cagliari

Ad Escalaplano una delibera per la conoscenza della storia sarda

Il paese di Escalaplano
di Francesco Casula

L’Amministrazione comunale di Escalaplano con la sua Giunta e il sindaco Marco Lampis in prima persona deliberano e decidono di valorizzare la storia sarda, partendo da queste opportune e giuste considerazioni:

– Che ogni popolo ha il diritto di avere piena conoscenza e consapevolezza delle proprie origini e della propria storia e che tale conoscenza è la precondizione per cogliere ogni opportunità di evolversi e migliorare la propria condizione;

– Che tali consapevolezza e conoscenza devono essere patrimonio di ogni individuo e che lo Stato, nelle sue articolazioni e declinazioni burocratico amministrative e attraverso le sue agenzie, ha il dovere di favorire questo processo di conoscenza diffusa in tutta la popolazione;

– Che la scuola, quale agenzia che ha fra i suoi obiettivi principali quello di formare ed accrescere il livello culturale dell’individuo, non solo su specifiche competenze e nozioni, che discernono dalle aspirazioni di ciascuno, ha il compito di contribuire a fare di ogni individuo un cittadino consapevole e cosciente delle proprie origini, del trascorso storico che ha portato il suo popolo in una data condizione e della sua appartenenza a un organizzazione nazionale, anche in una dimensione istituzionale;

– Che la scuola sarda è incardinata nel sistema scolastico ministeriale, che propone metodi e modelli didattici, soprattutto sui temi storici, spesso lontani dalle specificità delle diverse realtà locali e regionali che compongono l’Italia;

– Che nei programmi ministeriali la storia della Sardegna, delle dominazioni, dei regnanti e del loro rapporto con la comunità e con il popolo sardo, sono trattate in modo alquanto marginale e non approfondito come meriterebbe la nostra storia e come necessiterebbe ai cittadini sardi. La Giunta inoltre prendendo atto che

– Che fuori dall’ambito scolastico, gli studiosi appassionati della storia della Sardegna, attraverso le loro opere, i libri e altre pubblicazioni, si adoperano per trasmettere a noi Sardi gli aspetti più importanti, spesso celati e per questo meno noti della nostra storia; 

-Che fra le personalità di cultura che curano in modo particolare la storia della Sardegna diffondendola e rendendola conoscibile a chiunque, vi è senza dubbio il professor Francesco Casula di Ollolai, laureato in Storia e Filosofia, docente, giornalista e pubblicista, che si è affermato e distinto quale studioso della storia, lingua e cultura sarda;

– Che nell’anno 2016 il professor Francesco Casula ha pubblicato un libro dal titolo “Carlo Felice e i tiranni sabaudi”, edito dalla casa editrice Grafiche del Parteolla, che tratta, appunto, il periodo della dominazione sabauda, che ha trasformato il Regno di Sardegna, prima in Regno d’Italia e poi, con il referendum del 1946, in Repubblica italiana;

– Che l’opera del professor Francesco Casula, oltre a far conoscere fatti storici precisi e documentati, ma sconosciuti ai più, rimarca l’importanza dell’uso della lingua sarda, più volte oggetto di incisivi tentativi di italianizzazione o dessardizzazione, proprio ad opera dei regnanti sabaudi, che miravano alla snazionalizzazione del popolo sardo, per poterlo meglio dominare;

DATO ATTO:

– Che il Comune di Escalaplano si è sempre adoperato per favorire la divulgazione della cultura e della lingua sarda, attraverso le attività e i laboratori curati dallo sportello comunale sulla lingua sarda, ma anche organizzando specifici eventi culturali in collaborazione con la biblioteca comunale e con le associazioni locali, nonché realizzando e promuovendo, per ben cinque edizioni, il concorso letterario in lingua sarda – Poetendi e Contendi – Scalepranu in Poesia”, con l’obiettivo principale di valorizzare e diffondere la cultura e la lingua sarda;

– Che questa amministrazione è inoltre impegnata nella realizzazione della “Casa della Cultura Sarda” di Escalaplano, per la quale si è già provveduto ad acquisire parte di materiale e opere, nonché a curarne l’allestimento;

– Che è intendimento di questa amministrazione riproporre e dare seguito alle attività sopra citate, nonché realizzare un evento specifico sulla storia della Sardegna, coinvolgendo la popolazione e, in modo particolare, i ragazzi e le ragazze che frequentano la Scuola Secondaria di Primo grado di Escalaplano, avvalendosi del professor Francesco Casula, affinché possa raccontare e ripercorrere quel particolare periodo storico, trattando gli argomenti toccati nel suo libro “Carlo Felice e i tiranni sabaudi”;

RITENUTO, per le motivazioni e considerazioni sopra riportate:

– Di promuovere e organizzare l’evento culturale denominato “Parliamo di storia della Sardegna”, con il coinvolgimento della popolazione, delle associazioni culturali, della biblioteca comunale e dell’istituzione scolastica, che prevede l’approfondimento della conoscenza della nostra storia e, in particolare, del periodo della dominazione sabauda;

– Di prevedere che durante l’evento e alla presenza dell’autore, sarà presentato il libro “Carlo Felice e i tiranni sabaudi” di Francesco Casula;

– Di coinvolgere in modo più significativo le ragazze e i ragazzi che frequentano la Scuola Secondaria di Primo grado di Escalaplano, in quello che sarà un vero e proprio laboratorio sulla storia della Sardegna, nell’ambito del quale ad ognuno degli studenti partecipanti sarà donata una copia del libro del professor Francesco Casula, sul quale è incentrato l’evento;

– Di demandare al Responsabile del Servizio Amministrativo e Sociale di questo Comune l’adozione degli atti necessari alla fornitura di un congruo numero di copie del libro scritto dal professor Francesco Casula “Carlo Felice e i tiranni sabaudi”, da donare a tutti gli studenti della scuola Secondaria di Primo Grado di Escalaplano, nonché alla biblioteca comunale.

Inutile dire che la delibera della Giunta di Escalaplano mi riempie di gioia e va nella direzione di diffondere e valorizzare la storia sarda, soprattutto nella scuola e nelle giovani generazioni.

Sa missa ‘e puddu: il natale sardo prima dell’albero e di Babbo Natale

Immagine tratta da Sardegna Reporter
di Francesco Casula

Nella tradizione sarda, quando la civiltà industriale e commerciale ancora non aveva soppiantato quella contadina e agropastorale, il Natale costituiva un importante e significativo momento di aggregazione, ideale per ribadire e talvolta ripristinare la coesione del nucleo familiare temporaneamente incrinata dai vincoli derivanti dal lavoro in campagna.
Il Natale basato sul messaggio di fede e speranza, si contrapponeva positivamente alla solitudine degli altri periodi dedicati alla produzione del reddito, quando, per molti mesi all’anno, il capo famiglia era costretto a vivere in freddi ricoveri di montagna, lontano dalla propria casa e dai propri cari.
Il momento cardine che sanciva la ricomposizione di ciascuna famiglia e la ripresa dei contatti umani, era proprio la notte della Vigilia, definita dalla tradizione Sa notte ’e xena (notte della cena). In quest’occasione, il caminetto rappresentava il centro delle attività di ciascuna famiglia e, quindi, il punto di emanazione del calore necessario a mitigare le fredde temperature invernali. Per questo motivo, era consuetudine predisporre per le festività natalizie, un grosso ceppo appositamente tagliato e conservato Su truncu ’e xena o cotzina ’e xena.
Un’atmosfera descritta in “Miele Amaro”, ripensando alla sua Orotelli, da Salvatore Cambosu: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c’è una stalla vera con l’asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo».
Proprio accanto al piacevole tepore emanato dal fuoco l’intero gruppo familiare consumava i prodotti tipici sardi della tradizione pastorale come l’agnello o il capretto arrosto con annesse frattaglie (su trataliu e sa corda), formaggi sardi e salsicce sarde ottenute da su mannale, il maiale allevato in casa.
Secondo questa consuetudine i preparativi per la cena iniziavano già nei giorni precedenti la Notte Santa. Al riguardo, la tradizione orale racconta come in quella circostanza il consumo di tutte le pietanze preparate diventasse un obbligo. E proprio per questo motivo, spesso e volentieri, si ammonivano i bambini a mangiare abbondantemente, altrimenti una terribile megera chiamata “Maria Puntaborru” (in alcuni paesi del Campidano) o “Palpaeccia” (in molti paesi dell’interno), avrebbe tastato il loro ventre durante il sonno e se questo fosse risultato vuoto, avrebbe infilzato la loro pancia con uno spiedo appuntito oppure messo sul loro stomaco una grossa pietra per schiacciarlo.
Dopo la cena si era soliti intrattenersi ascoltando le storie e gli aneddoti di vita narrati dagli anziani. In alternativa, il momento d’attesa era trascorso facendo ricorso a giochi tradizionali come su barrallicu, arrodedas de conca de fusu, punta o cù, cavalieri in potu, tòmbula, matzetu e set’è mesu in craru.
Con l’avvicinarsi della mezzanotte, i rintocchi delle campane avvisavano la popolazione dell’imminente inizio della “Messa di Natale”, Sa Miss ’e puddu, ovvero la “messa del primo canto del gallo”. In tale circostanza tutte le chiese venivano addobbate con una gran quantità di ceri. L’atmosfera natalizia e l’alta concentrazione di gente che assisteva alla solenne funzione (ad eccezione delle donne in lutto che la notte restavano a casa e partecipavano alla prima orazione del giorno dopo) diventavano spesso fonte di baccano durante lo svolgimento delle sacre funzioni religiose e, in alcuni casi, capitava addirittura di udire archibugiate in segno di giubilo provenienti dal portone o, talvolta, dall’interno della chiesa stessa. Ne è testimonianza ciò che accadde in occasione del Natale del 1878, quando, all’ora dell’elevazione dell’ostia, uno dei barracelli presenti al rito sparò una schioppettata nel presbiterio, cosicché il parroco sbigottito dovette affrettarsi a finire le funzioni religiose prima dell’ora stabilita. A tal proposito la Chiesa, già dal lontano passato, aveva sempre lamentato il perpetuarsi di questi inconvenienti, tant’è che i Sinodi di Cagliari degli anni 1651 e 1695, ad esempio, davano indicazioni ben precise al Clero locale, affinché: «… si vietino il chiasso e la gran confusione che si creano in chiesa in occasione delle grandi feste e … le notti di Natale, Giovedì e Venerdì Santo, … non si permetta il lancio di noccioline, nocciuole, dolci, ecc., … né si sparino archibugiate all’interno della chiesa, anche se per festeggiare il Santo. E se sarà necessario si invochi l’aiuto del braccio secolare per scongiurare questi eccessi».
In Barbagia non mancano tradizioni specifiche riferibili alle feste natalizie e di fine anno. A Bitti fino all’Epifania Su Nenneddu (un’antica piccola statua di Gesù Bambino) viene accolto di casa in casa (emigrati compresi) con canti e preghiere. Ancora a Bitti il 31 dicembre al termine del Te Deum il parroco si affaccia alla finestra della chiesa per lanciare Sas Bulustrinas, monetine e caramelle che scatenano la caccia dei bambini. Bimbi protagonisti anche a Orgosolo nella mattinata di San Silvestro quando viene ancora riproposta Sa candelarìa: gruppi di bambini girano di casa in casa per ricevere piccoli regali tra cui un pane tipico preparato per l’occasione. La notte tocca poi agli adulti che fanno visita alle coppie che si sono sposate nell’anno moribondo.

Bonorva e la revisione della toponomastica

Il Soprintendente ai Beni culturali, La regina Margherita, La famiglia Pes di Villamarina

di Francesco Casula

Via Margherita di Savoia a Bonorva (foto Unione Sarda, Tellini)

Il Soprintendente all’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Sassari e Nuoro, nell’opporsi alla decisione dell’Amministrazione di Bonorva di voler cancellare il nome di Margherita di Savoia da una delle sue vie principali, per sostituirlo con quello dello studioso ed ex sindaco bonorvese professor Virgilio Tetti, scrive:”Non va trascurato, peraltro, che – fermo restando il giudizio storico sulla famiglia reale italiana – Margherita di Savoia fu tuttavia una figura particolarmente cara alle popolazioni locali, nonché un personaggio che ebbe con la Sardegna particolare legame, dal momento che fu in stretti rapporti di affettuosa amicizia con la nobile famiglia Pes di Villamarina”.

Duncas: 

1. Margherita di Savoia particolarmente cara alle popolazioni locali. C’è da chiedersi: in virtù di quali azioni e comportamenti? Da quali misteriosi archivi ha tratto questo suo giudizio?

La storia ci dice ben altro: fu un personaggio nefasto per la Sardegna (e l’Italia tutta): profondamente reazionaria, fu una nazionalista convinta e sostenne la politica imperialista e coloniale di Francesco Crispi. Come sostenne la repressione delle rivolte popolari, specie quelle avvenute  nei moti di Milano del 1898 (8 e 9 maggio), quando le truppe del generale Fiorenzo Bava Beccaris, con i cannoni,  spararono sulla folla inerme uccidendo 80 dimostranti e ferendone più di 400.

Il re Umberto I (suo marito), ribattezzato dagli anarchici Re mitraglia, forse per premiare il generale stragista per la portentosa “impresa” non solo lo insignì della croce dell’Ordine militare di Savoia ma in seguito lo nominerà senatore!

Ma non basta. Sosterrà le scelte più nefaste e infami del figlio Sciaboletta (alias Vittorio Emanuele III) e fu una convinta sostenitrice del Fascismo.

Per l’esimio soprintendente fu “cara alle popolazioni locali”! 

2. Un altro grande merito della Regina Margherita, sarebbe stato, sempre a parere del Soprintendente, quello di essere stata “in stretti rapporti di affettuosa amicizia con la nobile famiglia Pes di Villamarina”. Capperi! Bel merito! Si tratta di una delle famiglie “nobili” sarde più ascare, più corrive e complici con tutte le politiche di sfruttamento e di repressione dei tiranni sabaudi.

Dei ricchissimi Marchesi di Villamarina, baroni di Quartu e signori dell’Isola Piana, ricordo un famigerato discendente,Giacomo Pes di Villamarina, vissuto fra il 1750 e il 1827. Fu colonello, comandante della Piazza militare di Cagliari, intimo amico di Carlo Felice e capo riconosciuto della reazione ai moti antifeudali e antipiemontesi, che volle reprimere con inaudita e burocratica ferocia.

Può vantarsi qualcuno di essere amico di tali figuri?

Chistione feminile e autodeterminatzione de su populu sardu. Una mutida a nde faeddare

Unu murale chi amentat sor sos mortos de Bugerru de su 1904
de Giovanna Casagrande

B’at unu problema si sa “chistione feminile”, in Itàlia gai comente in Sardigna, non si ressit a irbolicare, che a sa “chistione meridionale” de su restu.

Ite est chi rendet custas duas chistiones simizantes?

Est làdinu: sa mirada de chie s’acòstiat e biet in sa diferèntzia de gènere (gai comente in sa diversidade setentrione-meridione) unu problema chi diat dèpere èssere isortu, non dae sas fèminas, est craru, ma dae chie guvernat.

Pro medas s’esèmpiu no at a èssere bene sestau, e puru provae a meledare supra su ruolu de sa fèmina, dae s’acabbu de sa secunda gherra a oje, e naze.mi si no est làdinu chi, a sas fèminas chi punnant a arribare a sos postos prus artos de sa polìtica, de sas professiones e fintzas de sa cultura, lis cumbenit a pompiare sa realtade chin sas ulleras de sos òmines.

Deo, dae medas annos apo postu a banda sa visione eterosessuada de sa sotziedade, cussa mirada chi biet sos gèneres a cuntierra, o unu “gènere prus dèbile” apunteddau e duncas non reconnotu che parìvile.

Dae meda, oramai, reconnosco e pràtico unu “locu” ube fèminas e òmines traballant,reconnoschende.si a pare, pro una polìtica, una cultura, una sotziedade ube sas diferèntzias non sunt unu disafiu, ma unu balore in prus.

Picamus, pro esempru, su chi est capitau in sos ùrtimos annos in Sardigna: in su 2013 una fèmina, sena bisonzu de èssere “reconnota” dae su sistema, s’est candidada in una porfia eletorale chi previdiat chi su podere polìticu, e duncas maschile, aeret reconnotu, ma fintzas nono, una candidadura “in colore de rosa”.

Ma comente fit possìbile chi una fèmina, chi fit benende dae su mundu culturale, e a mala annata indipendentista puru, podiat pessare de si candidare a sa gàrriga prus arta?

Ecco, deo bio, in cussu mamentu polìticu, una làcana chi non poto prus brincare, e difatis mi dimando, e bos dimando, comente est possìbile chi, nois fèminas, podimus cussiderare sa preferèntzia dòpia de gènere una bìnchida, chi tzertu est unu primu passu secotianu cara a sa candidadura de sas fèminas. Secotianu ca sos paisos iscandìnavos ant aplicau sas cuotas e sos incentivos a sa rapresentàntzia de gènere dae medas annos a commo.

Cando amus a èssere nois fèminas a nos convocare pro faveddare de su mundu a manera nostra, pro afrontare chistiones chi nos bient in prima lìnea die pro die ma semper a còdias in sa legislatzione, in sos issèperos, in sas mesas programmàticas. Guai a faveddare de su ruolu de sa fèmina ube no esistit una polìtica sotziale; de sa capatzidade nostra de parare fronte a sas emergentzias, resessinde a nos imbentare unu traballu, a rèndere sas impresas nostras produtivas e esticas: non balet!

Pesso chi in custu mamentu bi siat unu tretu ampru ube podimus, antzis DEPIMUS, traballare autodeterminande.nos, reconnoschende.nos a pare, chircande de non fàchere sos matessi irballos chi dae su femminismu rivolutzionàriu de sos annos ’60, nos custringhet adèpere rispetare e a non mudare in nudda su mundu chi nos inghiriat, a nos dèpere acunnortare a abarrare unu passu in secus, fintzas si ischimus bene chi podimus èssere sas menzus.

Deo bos pedo de fàchere una cosa: de non nos cuntentare de sos pititos chi sos legisladores, cumpanzos de partiu, collegas de traballu, cada tantu nos dant; bos invito a nos nche tirare sas tropejas chi nos ponimus nois matessi: sa tropeja de sa limba pro esempru, custu sardu chi, a su chi narant in medas, nos fachet grezas, ruzas: non damus securesa.

Depimus isseperare de faveddare in sa limba nadia, sa limba de tita, ca depimus torrare a mòghere dae nois, dae su chi semus, evitande de nos fàchere pònnere un’eticheta dae chie nos cheret che teracas fidadas.

La Sardegna da lontano

 

introduzione di Ninni Tedesco
articolo di Nanni Loria

Le ultime statistiche dell’ISTAT, relative ai dati analizzati nel 2018, confermano il trend negativo dei flussi migratori dall’isola in uscita: nell’ultimo quinquennio la popolazione registrata è di quasi 9mila abitanti in meno rispetto all’anno precedente, di cui circa 3.330 solo nell’ultimo anno. La maggior parte di coloro che emigrano sono giovani in età lavorativa che, a differenza dello stesso fenomeno nel dopoguerra, sono spesso qualificati e in possesso di elevati titoli di studio.

Le conseguenze di questa deriva sono devastanti per il nostro territorio, già di per se in sofferenza, in quanto viene privato di risorse umane preziose per una qualsiasi crescita economica o riprogrammazione di nuove prospettive di ripresa lavorativa. Di conseguenza si attiva un circolo vizioso di spopolamento/impoverimento/emigrazione.

Al fenomeno economico sociale si aggiunga, e non secondariamente, l’aspetto della sofferenza umana, dello sradicamento culturale, del distacco, di partenze che non sono scelte ma rotture profonde e necessarie per sopravvivere e trovare sbocchi per il proprio futuro. Ogni partenza è una storia da raccontare.

Nanni Loria è uno studente di 27 anni, nato a Romana, che dopo aver preso il diploma all’ITI di Sassari, ha “scelto” di partire, prima per Londra poi per l’Australia, raccontando grazie ai social il suo essere migrante e viaggiatore ma restando profondamente legato alle sue radici sarde. E come sardo è tra i 10 finalisti di una mostra sui Giganti di Mont’e Prama che, partendo da Cagliari, farà il giro dell’Europa sino al 2021.

Quello che segue è il suo pensiero:

Bene, sono tra i vincitori del concorso indetto da Arte nuragica / contemporanea, con tema principale la rivisitazione dei Giganti di Mont’e Prama. Questo è il mio lavoro e questa è la spiegazione (essenziale per percepire al meglio il tutto): Quest’opera nasce dopo due mesi di lavoro, ma più precisamente dopo 5 anni di lontananza dalla mia terra madre: la Sardegna. Quest’opera è un punto d’incontro tra disegno, racconti (quindi scrittura) e illusione ottica. Come potete notare dalle foto in allegato, l’opera verrà percepita in modi diversi in base alla distanza da cui la si guarda. Se vista da lontano ci mostrerà l’immagine nella sua completezza, ovvero la rappresentazione di un uomo che bacia e stringe a se una donna prima della partenza, presumibilmente per qualche luogo lontano. In questo caso, la forma della donna è stata sostituita dalle due teste (e dallo scudo) dei Giganti (o meglio Eroi) di Mont’e Prama, che vanno così a rappresentare figurativamente la Sardegna. Se si scende più nel dettaglio, capiremo dunque che l’uomo (proprio come me e tanti altri sardi) sta a rappresentare coloro che hanno dovuto lasciare la tanto amata e bellissima Sardegna per cercare (e forse trovare) un futuro migliore. Allontanandosi, colui che osserva potrà cogliere i dettagli dell’opera, come le pieghe del giubbotto dell’uomo o il colletto. Questo allontanarsi per capire e cogliere meglio è, sostanzialmente, il mio rapporto con la Sardegna: è solo dopo aver lasciato l’isola ed essermi stabilito in Australia, che ho realmente capito quanto io fossi attaccato alle mie radici e a tutto quello che Lei mi ha offerto. L’allontanarsi alle volte, come in questo caso, non è un male, ma un modo per capirsi, capirci e capire. La distanza mi ha paradossalmente avvicinato a tutto quello da cui mi son allontanato. Mentre se si osserva l’opera da vicino, si noterà l’anima della stessa, l’essenza e il come è stata realmente creata, ovvero, di lettere, parole, frasi e pensieri. Non sono lettere messe a caso, senza un senso, ma formano una lettera, un diario, un ammasso di pensieri di un emigrato che scrive alla sua amata: la Sardegna. Nonostante sia scritto tutto attaccato e senza spazi tra una parola e un’altra, al suo interno si troveranno riflessioni vere di un ragazzo che, per due mesi, ha provato a scrivere realmente qualcosa di importante verso una persona speciale. Per quanto riguarda il legame (o meglio, i legami) tra quest’opera e il complesso scultoreo di Mont’e Prama, è semplice: il significato puro della mia opera è quello di omaggiare il coraggio, l’attaccamento e l’appartenenza. Coraggioso è colui che decide di partire, vedendosi costretto a lasciarsi alle spalle il passato, per provare a costruirsi un futuro migliore. Coraggiosi e abili erano i giovani uomini che le antiche statue di Mont’e Prama rappresentano. Arcieri, guerrieri, pugilatori allora. Viaggiatori, sognatori e pur sempre guerrieri oggi. I viaggiatori scoprono e affinano l’attaccamento e l’appartenenza alle proprie radici, alla propria terra, nonostante la lontananza e nonostante la geografia ci tenga ostaggi con i suoi chilometri. Mentre, appunto, “noi, le statue, rappresentiamo la discendenza, l’appartenenza, i valori della comunità vivente”. Noi, viaggiatori, diventeremo comunque eroi nel ricordo di qualcun altro.

 

Per poter apprezzare l’opera d’arte di Nanni Loria cliccare qui

C’era una volta l’AIDS e c’è ancora… anche in Sardegna

 

La campagna della LILA
di Daniela Piras 

In principio era l’alone viola, un immaginario quanto tristemente reale segno distintivo di chi si era macchiato di aver contratto un virus, quello dell’HIV.

Risultare positivo al test dell’HIV equivaleva infatti ad ammettere davanti al mondo intero di appartenere a una categoria “a rischio” della quale facevano parte coloro che avevano condotto uno stile di vita ritenuto immorale e riprovevole, sia per la troppa libertà sessuale, sia per l’utilizzo di droghe, in particolare l’eroina. Uomini e donne che diventavano marchiati inesorabilmente come “untori” e “peccatori”: da tenere lontano, emarginare e giudicare.

Erano i primi anni Ottanta e, per la prima volta, si sentiva parlare di un virus letale che si poteva contrarre nell’ambito più privato della vita di ciascuno, poiché il contagio avveniva tramite sperma, secrezioni vaginali o sangue: quello della sfera sessuale. Furono messi al bando innanzitutto gli omosessuali, rei di condurre un modo di vita sregolato e “contro natura” e subito dopo le persone con dipendenze da droghe, le quali trasmettevano il virus condividendo la stessa siringa.

Dalla segnalazione dei primi casi ad oggi molto è cambiato nelle tipologie di campagne d’informazione e di sensibilizzazione finanziate dal Ministero della Salute. Infatti dal primo spot, apparso in Italia nel 1988, in cui si diceva chiaramente che occorreva proteggersi durante i rapporti sessuali con il preservativo, in cui non si creavano allarmismi ingiustificati e dove anzi si affermava che “per fortuna non è facile ammalarsi di AIDS”, si sono fatti (paradossalmente) dei passi indietro notevoli.

L’influenza dello Stato del Vaticano ha decretato l’abolizione della chiarezza linguistica a favore di una serie di messaggi velati e confusionari che, lungi dall’informare sul reale rischio di contaminazione rispetto al virus, hanno creato panico e ansia nella popolazione, fino ad arrivare a stigmatizzare la persona che aveva contratto il virus come sbagliata, peccatrice, rea di “essersela cercata”.

Il punto più basso della campagna informativa si ebbe in Italia con il messaggio dell’allora Ministro della Sanità Donat-Cattin che arrivò ad attribuire ai malati stessi le colpe di aver contratto il virus. “L’AIDS ce l’ha chi se lo va a cercare” si leggeva nella lettera che il ministro inviò alle famiglie italiane, generando una totale psicosi. “La prima regola alla quale è consigliabile attenersi è quella di un’esistenza normale nei rapporti affettivi e sessuali”.

Di proteggersi durante i rapporti sessuali non si parlava più: in compenso, nell’ambito della normalità invocata, era presente un invito all’astinenza da parte delle persone con il virus come rimedio sicuro, poiché il preservativo non era ritenuto tale. A fine degli anni Ottanta in Italia si respirava un’atmosfera degna del Basso Medioevo. Le istituzioni non davano elementi in grado di informare e, di conseguenza, tutelare la salute dei cittadini.

Da allora si sono alternate campagne fumose che hanno in un certo qual modo “stilizzato” il messaggio, e il relativo concetto, in maniera così estrema da generare una psicosi diffusa, senza senso.

La creazione di una “categoria a rischio” ben delimitata ha fatto sì che le persone non avessero reale percezione di quali fossero i comportamenti, quelli sì “a rischio”, da evitare. Si arrivò ad aver paura di poter contrarre il virus attraverso una stretta di mano con un individuo appartenente a tale confinata categoria.

L’ultimo spot informativo del Ministero della Salute risale al 2013. La campagna si chiamava “Fine delle trasmissioni” e faceva riferimento alla trasmissione del virus. Ritorna il concetto del “problema che riguarda tutti”, un po’ troppo fuori tempo massimo, e si invita ad usare il preservativo e ad eseguire il test per verificare se si ha contratto o meno il virus.

Da allora tutto tace. La malattia sembra sparita; lo stato di inconsapevolezza dei giovani si estende anche agli adulti che collegano l’AIDS ad un brutto sogno degli anni Ottanta che non esiste più. Come avviene spesso, ciò di cui non si parla non esiste. In realtà, ciò che più sconcerta di più, è il fatto che l’AIDS esisteva ieri ed esiste ancora oggi, e che coloro più a rischio sono quelli che non sanno di aver contratto il virus. Si ha paura di fare il test, ancora oggi, e si ha più paura di scoprire di avere una sieropositività che non di curarsi.

Il pregiudizio che si è creato nei confronti degli ammalati di AIDS è stato talmente forte da non avere eguali in altre patologie. Il potente stigma sociale che ha segnato le persone risultate sieropositive all’HIV, ha portato alla paura di voler scoprire di essere stati contagiati. L’ansia di essere giudicati per i propri comportamenti, per una presunta immoralità e attigua colpa, ha come risultato un dato allarmante: una consistente fetta di inconsapevoli che ha contratto il virus ma non ne è a conoscenza. A ciò si aggiunge il dato oggettivo che riguarda la difficoltà di accesso al test e l’offerta non sufficiente. Il dato sommerso è quello che più preoccupa i medici.

La conseguenza è che ci si cura soltanto quando si hanno già i sintomi che fanno emergere la malattia, quando ci si potrebbe curare meglio, e prima. Sono le cosiddette “diagnosi tardive”.

In Sardegna la situazione è preoccupante, proprio per la diffusa scarsa percezione del rischio. I dati diffusi dalla LILA di Cagliari (Lega italiana contro la lotta all’AIDS) diagnosticano 54 nuovi casi di infezione nel 2016;  61 i casi registrati nel 2017. Emerge un dato inquietante: quasi la metà degli studenti intervistati dichiara di non utilizzare il profilattico durante i rapporti sessuali.

In vista della giornata mondiale di lotta all’AIDS (WAD) del primo dicembre, The Joint United Nations Programme on HIV/AIDS – UNAIDS – ha scelto per il 2019 il tema “Community make the difference”, un riconoscimento al ruolo essenziale delle community, delle associazione e della società civile nel contrasto all’HIV.

La LILA quest’anno aderisce alla testing week europea, dal 22 (oggi. n.d.R) al 29 di novembre: www.testingweek.eu

L’ultima campagna della LILA invita a combattere il pregiudizio con l’informazione. Nelle locandine informative si fa presente una verità importante, ovvero che oggi, chi segue la terapia retrovirale può condurre una vita normale, avere figli e soprattutto non risulta essere contagioso e avere una lunga aspettativa di vita.

Insieme alla prevenzione, che andrebbe ripresa nelle scuole dove sino agli Novanta è stata molto efficace, resta essenziale eseguire il test, a questo proposito rendiamo noto che, in accordo con la LILA, il MOS di Sassari ha acquisito e messo a disposizione l’accesso al test.

Come si evince dal loro sito: A partire dal 19 Dicembre 2018, ogni primo e terzo mercoledì del mese dalle 16 alle 18.30, si può fare il test rapido, anonimo e gratuito nella sede del MOS in via Rockfeller 16/c a Sassari. Il servizio è svolto in collaborazione con CLAAS (Comitato Lotta all’Aids Sassari), circ. Arci Borderline e all’interno della campagna nazionale We Test! Per ulteriori informazioni invitiamo a visitare il sito al link: https://www.movimentomosessualesardo.org/test-hiv/

Dancing Days: quei terribili e bellissimi anni Novanta nel nord Sardegna

 

“Dancing Days”. Ma quali Giorni Danzanti!!!

A metà degli anni ‘90 la città mica la vedevi tutti i giorni come adesso. Era una questione di principio, perché le macchine ovviamente c’erano già e la benzina costava anche di meno (o almeno credo…) e la strada faceva schifo allora come lo fa ai giorni nostri! Ci andavi una volta al mese, massimo due, e lo sapevi con largo anticipo. Dovevi avere tempo per prepararti a fartela sotto con la bocca aperta e il dentista che troneggiava sopra di te coi suoi ferri, oppure sapevi di dover affrontare la noia mortale di una spesa chilometrica, dentro uno di quei supermercati giganteschi che erano il sogno proibito delle nostre madri paesane. Sarà sessista da scrivere, ma erano loro a fare la spesa, riempiendo carrelli e cofano della macchina all’inverosimile e piazzandoti anche qualche busta in mezzo alle gambe, che la roba doveva coprire almeno una trentina di giorni!.

Solo dopo aver assolto le incombenze primarie, se avanzava tempo, e miracolosamente il tempo avanzava sempre, abbandonando nei parcheggi la macchina gravida di merendine, tonno in scatola, Coche Cole ed eccetera eccetera…, ce ne andavamo in giro per negozi di musica! Era l’epoca appena precedente alla crescita indisturbata dei centri commerciali, del boom della zona Industriale, quando a Predda Niedda ci passavi solo se ti eri perso, che poi forse l’amata/odiata Città Mercato (non ci sarebbe manco bisogno di specificare che i nomi successivi non vanno manco presi in considerazione…) era già nata, ma di sicuro non si era ancora imposta su tutta la linea, ed il Corso e l’Emiciclo e Viale Italia, ancora davano mattana e sembrava non esserci mai troppo caldo o troppo freddo, o la pioggia incombente come adesso, che è chiaro a tutti che si tratta solo di una scusa dei più mandroni (la maggioranza…) per non andare in giro in centro.

E ce n’erano di negozi di musica in quegli anni sporchi e chiassosi. C’erano i due Griscenko (non credo si scriva proprio così…), in particolare quello di Piazza Azuni che era su due piani, con le poltroncine con le cuffie per ascoltare le uscite nuove e quei monitor piazzati in alto che la prima volta che ci sono entrato mi sembrava di essere in quel bar di Ritorno al Futuro 2! E così ti incantavi a guardare MTV, che anche quella in paese ce la sognavamo di notte! E vedevi Slash coi riccioloni e la sigaretta appesa alle labbra o magari il video di questi gaggi mezzi nudi e tutti argentati che per poter pronunciare il nome del gruppo dovevi avere una certa praticaccia con l’inglese, e mica c’era Google Translate a levarti le castagne dal fuoco! Risalendo c’erano le Messaggerie, che in realtà ci sono ancora, con il secondo piano tutto riservato alla musica, e proprio lì con diecimila Lire tolte al primo stipendio stagionale mi sono preso Ok Computer, ma era già il ‘99 ed ero in ritardo di due anni sull’uscita, e tutti o quasi s’erano dati una prima ripulita e di tossici in giro ne bazzicavano decisamente di meno, e l’aria per quanto sempre viziosa fosse, sembrava più respirabile e a quel punto qualcuno di quei negozi aveva già chiuso e qualcun altro era in procinto di farlo.

Come ad esempio Good Music, oppure quello che c’era nella via che scende dal palazzo delle Poste, più sotto dell’angolo dove si metteva la signora che vendeva ciogga e cuccoidi, per inciso mai comprato niente da lei che la materia prima in quel caso ce la procuravamo da soli nelle nostre campagne! Un negozietto era, però aveva ancora i vinili, e dev’essere successo lì dentro che per la prima volta ne ho preso uno in mano. Niente di che, sapevano già di vecchio, di superato, mica avevano il fascino di oggi, stavano nascosti in mezzo alle cassette e ai cd nuovi e luccicanti. Uno dei Metallica lo ricordo nitidamente, facile da memorizzare con tutte quelle croci da cimitero nella cover! E poi loro li conoscevo già, almeno di nome, assieme ai Guns e a Bowie, ai Sabbath e agli Zep’s; li vedevo praticamente ogni giorno nella VHS del Freddie Mercury Tribute, visto che in casa solo i Queen erano degni di essere ascoltati, e infatti quei negozi li visitavamo per cercare materiale loro. Arrivai in ritardo anche a quello, perché Mercury era già stecchito da un annetto buono, e così in ritardo arrivai pure ai Nirvana, che quando a tirare le cuoia era stato Cobain, di anni ne avevo appena 11 e comunque (come accennato pocanzi) tutto ciò che non era Queen per il sottoscritto valeva meno di una merda di vacca!

Niente male come tempistica e niente male anche ritrovarsi a rimpiangere quei tempi che in realtà non avevano niente di eroico, di epico, di romantico ne di memorabile, e anzi erano piuttosto brutti e infatti di pura testimonianza si tratta mica di operazione nostalgia!

 

di Oscar Tremor

“Dancing Days” di Marco Lepori (Catartica Edizioni, Collana In Quiete, settembre 2017).

 

Marco Lepori è nato nel 1983 e vive a Castelsardo. Laureato in Teoria e Tecniche dell’Informazione. Collabora alla creazione degli articoli nel blog satirico “Castelsardo Insider”, firmandosi sotto diversi pseudonimi. “La domenica della cattiva gente” (Catartica Edizioni, ottobre 2018) è il suo primo romanzo.

 

Natzionalis: la prima festa delle nazionali sarde

Lo sport è politica e questo si sa. Ma di solito si sente parlare dell’accostamento tra sport e politica solo in casi negativi, per esempio dopo i cori incivili e razzisti che rimbombano di curva in curva, di stadio in stadio o delle barbare dichiarazioni di questo o quell’altro capo ultrà infiltrato dall’ultradestra nella curva per diffondere ideologie basate sull’odio e sulla violenza fine a se stessa. Questa volta invece, dalla Sardegna, arriva una bellissima notizia: La FINS (Federatzione Isport Natzionale Sardu) invita tutti i sardi a “Natzionalis”, la prima festa delle Nazionali sportive sarde.

Pubblichiamo di seguito il comunicato:

Sarà una giornata in cui si presenteranno le discipline, si parlerà di sport, e si affronteranno anche le questioni teoriche legate all’esistenza delle nazionali sportive, portando anche esempi internazionali.

Per la parte teorica abbiamo Adriano Cirulli (dottore di ricerca in Sociologia della Cultura e dei Processi Politici all’Universita’ La Sapienza), Carlo Pala (politologo e insegnante di Scienza dell’Amministrazione all’Università degli Studi di Sassari) e Matteo Pische (Legale FINS).

Per gli sport saranno presenti i rappresentanti delle discipline sportive quali Calcio, Hunter Field Target, Powerlifting e Wing Chun.

La Festa si svolgerà questo sabato 16 Novembre a Pabillonis (SU), presso il Nueve, SP 73 e link a google maps  a partire dalle ore 15.00 alle ore 01.00 .

Oltre alle discipline sportive saranno presenti i giochi da tavolo nati in Sardegna, il famoso “Tancas” e il nuovissimo “Spuntino”.

Ci sarà lo spazio anche per il divertimento, a partire da uno spazio dedicato ai bambini, con gonfiabili e realtà virtuale, mentre subito dopo cena vi intratterremo con lo spettacolo pirotecnico e in chiusura la musica di Dr.Drer&Alex P. e Bujumannu.

Vi aspettiamo numerosi.