Contestazione seminario UNISS: Fuori la guerra dall’Università

sigillo-e-marchio-logotipo-unissIl giorno 13 ottobre si è tenuto, all’Università degli Studi di Sassari (UNISS), un seminario organizzato dal Corso di Laurea in Cooperazione e Sicurezza Internazionale, constestato e fermato dagli studenti e militanti dei movimenti contro l’occupazione militare della Sardegna.
I contestatori hanno esposto fin da subito uno striscione:
“Fuori la guerra dall’università”
così da interrompere i militari e impadronirsi del microfono. Hanno poi spiegato ai partecipanti i motivi dell’azione, denunciando la subdola funzione del corso di laurea pensato con l’obiettivo di formare figure professionali che si posizionino a metà strada tra l’ambito civile e quello militare.

Dietro le belle parole dell’Ateneo, che da sempre ha assicurato “un progetto culturale altamente innovativo che si discosta dai corsi incentrato unicamente sulle Scienze della Difesa e della Sicurezza a indirizzo militare” si nascondeva- e si nasconde tutt’oggi- un progetto ben più
ampio.
A partire dagli ultimi anni, infatti, sono nati- anche nel panorama universitario italiano- diversi corsi di laurea, finalizzati a creare nuove figure professionali. Dette figure sono formate per operare nell’ambito dei
conflitti, delle calamità naturali e dei problemi di sicurezza.

Come mai?
Dieci anni fa i paesi della NATO scrissero un documento intitolato “Nato 2020 Urban Operation”, con l’intento di individuare le linee guida di una politica internazionale per prevenire e gestire situazioni di conflittualità, tanto nei lontani scenari di guerra quanto nei vicini confini dei paesi europei. Tra le linee guida spiccava quella denominata Impegno,
ossia “gestire una situazione di conflittualità, non solo con l’attacco diretto alle forze nemiche, ma anche con la gestione degli effetti del conflitto sulla popolazione non combattente.
E poiché, secondo Nato 2020, il campo d’azione va dal conflitto su larga scala all’assistenza umanitaria, diventa necessario lavorare su un aspetto: stringere il piano militare a quello civile.

A tale scopo non basta solamente rafforzare l’immaginario del militare come operatore di pace, ma è necessaria la creazione di nuove figure professionali a carattere civile, capaci di affiancare il lavoro del militare sul campo.
Una figura fondamentale non solo per la gestione del conflitto in sé, ma anche per rendere più umanitario il volto di una guerra, in grado di gestire la fase di transizione del paese in un nuovo regime.

Ecco che da lì a qualche anno, prima nei paesi anglosassoni poi in quelli vicini, iniziano a fioccare nuovi corsi di laurea in “gestione del conflitto”, “sicurezza e cooperazione” e via discorrendo. E, così, anche se in ritardo, arriva a Sassari il CdL in Sicurezza e Cooperazione Internazionale.
Questo corso (finanziato per il 50% dal Ministero della Difesa e del Tesoro) si rivolge a due categorie di studenti:

  • quelli standard, ovvero civili;
  • quelli militariPer la cronaca questi ultimi, secondo il regolamento di ateneo, pagheranno solamente 500 euro di tasse all’anno.Le figure professionali che ne usciranno saranno dei tecnici al servizio tanto del Ministero della Difesa, quanto di aziende che operano e investono in zone di guerra, del Ministero
    dell’Interno nella gestione dei flussi migratori e dei campi della protezione civile dopo le calamità naturali. Tutti questi contesti sono accomunati dal concetto di “emergenza” che si traduce praticamente nella militarizzazione delle dinamiche civili, resa possibile dall’infiltrazione dei militari nella società.

Idee di Sardegna- Intervista a Carlo Pala

cover-pala-urn-sardinnyaIntervista a Carlo Pala, politologo nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Sassari. Si occupa di diversi temi, tra i quali soprattutto il conflitto centro-periferia, le nazioni senza stato, i partiti, etnoregionalismi, gli indipendentismi in Europa.

#1 A cosa, con una difficilissima sintesi, è dovuta quella “mancata capacità del popolo sardo di riconoscere le ragioni della propria specialità” di cui hai parlato nel tuo intervento? È dunque l’incapacità storica, tranne che in poche straordinarie occasioni, di ribellarsi all’essere diventati periferia e colonia?

A una questione eminentemente di carattere educativo. Potrà sembrare forse una parola grossa, ma non tutto viene per caso e non tutto, a volte aggiungerei, si conserva per caso. Nemmeno in politica e in tutto ciò che ad essa è legato. Se determinate sensazioni non si coltivano, possono anche non perdersi, ma sicuramente subiscono battute d’arresto cui il principale protagonista è chi non ha saputo coltivarle. Immaginiamoci per ciò che concerne il popolo. E quanto questo crede, sente, percepisce e rielabora. Se non ha coscienza e percezione, ad esempio, che determinate caratteristiche oggettive, quindi difficilmente opinabili, non sono più tali, esse smettono di divenire una tratto distintivo e si trasformano invece in un tratto tale come altri. Relativamente a regioni particolari dotate di terminati tratti salienti, esse sono più che altro confinate in un ambito culturale (come la lingua, gli usi e i costumi), storico (la presenza di determinati elementi comuni del passato), talvolta religioso, e tanti altri. Per ciò che riguarda la Sardegna, è successo che il popolo sardo lo si è convinto di possedere tratti caratteristici alla base della sua specialità senza spiegargli quali, come e perché. Questo ha finito per sfiduciare il popolo sardo, finendo quasi per convincerlo che in effetti questi tratti non li aveva; dunque, che era quasi giusto, ed è questa una teoria che oramai va per la maggiore in tutto il resto d’Italia, che non avesse più nessuna autonomia da esercitare. Un paradosso incredibile. Io credo, personalmente, che il popolo sardo abbia quelle caratteristiche, ne sono convinto, ma non potrei dire in che modo farle valere: per alcuni, mantenendo la stessa autonomia di adesso o una maggiore, per altri addirittura una piena indipendenza. Quello che so è che nello statuto sardo manca qualsiasi tipo di riferimento a questa tematica e che l’art. 1 dello statuto della nostra Regione è significativo. Non fa altro che ribadire un concetto che tutti conoscono (la Sardegna è un’isola) senza che vi sia in alcun articolo dello steso nessun riferimento al concetto di popolo, di lingua, di nazione. anche in presenza di questi elementi si può scegliere di vivere all’interno del contesto statuale oggi dato, ma il fatto che non ci siano non rende certamente più forte la posizione di chi dovrà andare, credo molto presto, a difendere le ragioni della specialità.

In un certo senso, poi, la ribellione è consequenziale. Io non so, a volte non sono sicuro di poter definire la Sardegna come una colonia (sebbene le dinamiche post-industriali e della modernizzazione hanno visto avverarsi proprio questa sensazione: pensiamo a un popolo di agricoltori e pastori che d’emblée si trovano trasformati in operai senza il graduale passaggio sociale ed economico), ma non ho dubbi che sia un periferia e non solo per ragioni di tipo geografico. La periferia acquisisce uno status che spesso le è stato imposto. Ci sono periferie che non hanno avuto difficoltà storiche e politiche a riconoscersi in quello status, e lo hanno accettato, anzi difeso oserei dire. Ed è rispettabile, anzi rispettabilissimo. Ci sono invece delle periferie che alcune condizioni non le hanno accettate, ma non le hanno neppure, allo stesso tempo, sapute contrastare. Non si può dunque parlare di un’accettazione tout court di uno status e nemmeno di un’altrettanta sollevazione. Le cosiddette nazioni senza stato, anche quelle che oggi paiono più reattive contro il centro, hanno attraversato periodi di effettivo contenimento delle loro proteste. È un fatto storico e politico e come tale va accettato. Diverso è il discorso in cui siano attivi, anche intervallati, sentimenti di ribellioni ad alcuni status imposti dal centro. Nel caso sardo, una combinazione tra guida politica locale delle élite sarde, l’incapacità dello stato a voler comprendere la Sardegna, la depauperazione delle risorse dell’isola e, non meno importante, la mancata risoluzione dei problemi dell’isola (come l’energia, i trasporti, più quelli interni paradossalmente che quelli esterni, l’ambiente, la cultura e la lingua), ecco, questi sono elementi che spiegano perché non si siano viste nella nostra terra, se non a ondate, funzioni di protesta perduranti.

#2 Credi che i tempi siano maturi per una convergenza delle forze indipendentiste e eventualmente, quali strategie e risorse sarebbe necessario mettere in campo?

Questa risposta, se la dessi io avendo la presunzione di poterla dare, sarei solo un illuso e soprattutto irrispettoso nei confronti dei soggetti politici che umilmente tento di analizzare e studiare. è sicuramente una domanda molto importante, direi quasi centrale nei miei studi, per potermene però distaccare così. Quindi tenterò di dare una mia opinione, sempre sottolineando con rispetto però che i soggetti politici che fanno le scelte ne sanno ben più di me e quindi l’opinione, per quanto possa essa essere più o meno credibile come quella di un politologo che studia queste cosa, lascia sempre tanti spazi scoperti che necessitano di tante variabili per essere compresi appieno. Io non credo che le forze indipendentiste siano tutte uguali. Non credo nemmeno che esse debbano trovare una convergenza, forzata e forzosa, da un punto di vista elettorale, per quanto mi renda conto che ciò possa essere auspicabile agli occhi di chi si sente rappresentato da questi partiti e da chi se ne sentirebbe sempre più. Infatti, è questo il punto. Ciò che manca oggi nelle forze politiche indipendentiste, che ancora non si sono pienamente rese conto di quanto la società potrebbe essere maggiormente recettiva ai loro temi, è un dialogo continuo. Ovvero, e ancor più, un tentativo di fare sintesi su alcuni punti comuni. Per la verità un tentativo di questo genere era stato fatto e nemmeno tanti anni fa, proprio dalla forza politica che maggiormente poteva sembrare lontana da questa volontà. Però oggi manca completamente questo tentativo che porterebbe, a mio avviso, due principali benefici a quel mondo. Il primo, è legato al fatto che la condivisione di alcuni temi costringerebbe, ma volontariamente, le varie sigle autonomiste, sovraniste cosiddette e indipendentiste, a trovare punti di lotta comuni, indipendentemente dalla loro posizione politica: in maggioranza consiliare, in minoranza, fuori dal Consiglio stesso, poco cambierebbe. Il secondo aspetto è legato la rapporto con la società sarda. I partiti indipendentisti non sono riusciti a mantenere vicini a sé un insieme di giovani sardi che avevano sposato la loro causa. Questo non vuol dire che questo non sia possibile anche ora o che non stia avvenendo ancora, per alcune forze più che per altre. Però l’impegno politico diretto è essenziale se si vuole proseguire quell’opera di educazione, come mi sono permesso di chiamarla nella precedente domanda, che servirebbe essenzialmente per cementificare quello che i francesi definirebbero esprit de peuple. Dunque i tempi per una convergenza totale, se per questa si intende un’alleanza politico-elettorale di queste forze, non mi sembrano maturi, sebbene non li consideri per forza lontanissimi, tuttavia. Piuttosto, quel processo di sintesi di cui parlavo, come processo di rielaborazione di risorse e di cambiamento strategico, potrebbe essere un aspetto altamente qualificato non solo per la maturità politica di questi partiti, ma anche per la capacità di candidarsi a una guida futura, ma non tanto, della Sardegna, svolgendo un ruolo di guida anche per altri partiti italiani che operano in Sardegna; i quali, per quanto maggioritari, hanno nel recente passato mostrato un’attenzione senza precedenti rispetto a tali formazioni politiche. D’altronde, in Scozia, in Catalogna e più recentemente in Corsica e nei Paesi Baschi, non è che la situazione fosse così tanto diversa dalla Sardegna non più di trenta anni fa (e in Catalogna, molto meno).

Jesù Cristu ‘Etzu: un romanzo bilingue

paolo_lobinoPaolo Lubinu scrittore sardo che per il suo ultimo lavoro, il romanzo “Jesù Cristu ‘Etzu”, ha scelto una scrittura bilingue “alterna” tra italiano e sardo.

Espressione identitaria convinta, o mero esperimento linguistico? Il tuo rapporto con la lingua madre.

Jesù Cristu ‘Etzu è un romanzo corale interamente ambientato nei giardini pubblici di un paese della provincia di Sassari negli anni novanta. La voce che narra è un personaggio che non si rivela mai e che parla in prima persona plurale, dunque cede spesso la parola agli altri personaggi che popolano i giardini: sono loro perlopiù a raccontare la storia, e lo fanno seguendo uno stile orale, spesso gergale, a seconda della cultura e dell’estrazione sociale di provenienza. Ci si trova perciò davanti a un marasma stilistico furioso, dove si passa dalle iperbole e dai simbolismi di Jesù Cristu ‘Etzu, il vecchio clochard che parla solo in versi, al gergo giovanile e alla lingua sarda logudorese. I personaggi che parlano in limba e in particolare zio Bussanu – un ragazzo di ventotto anni che tutti chiamano zio per via della sua parlata – non lo fanno mai per ragioni folkloristiche o pseudo identitarie, ma più semplicemente per questioni sociali. Zio Bussanu è un escluso, scarsamente scolarizzato e vive un profondo conflitto con ogni tipo di istituzione; la sua e quella di altri personaggi è una resistenza passiva e inconsapevole (alla globalizzazione ben avviata in quegli anni), ma che rasenta una dimensione politica vera e propria nella lotta in cui i ragazzi dei giardini si riuniscono grazie a Jesù Cristu ‘Etzu. Lo spirito di questa lotta è beatamente rozzo e libertario e così, in linea con questo spirito, ho scelto di lasciar parlare i personaggi con la loro voce, tutto qua. Poi, sul mio rapporto con la lingua non ho molto da dire: mi considero bilingue, anche se raramente parlo in sardo. Il romanzo è stata una bella occasione per approfondire ed esprimere una musicalità della lingua sarda che trovo semplicemente bella. M’ant pesadu in italianu, ma issos (babbu e mama) faeddaiant sempre in sardu tra issos, comente a tota sa famìglia. No l’apo mai faeddadu, ma lu penso, l’intendo e como l’iscrio fintzas…

Paolo Lubinu editore multimediale indipendente, Underground X e collettivo Progetto Mayhem: da quali motivazioni prende avvio questo progetto “indipendente” e quali le difficoltà per portarlo in porto?

Underground X è una casa di produzioni di cui sono co-fondatore insieme ai miei compagni, esiste dal 2009 e ci occupavamo principalmente di eventi musicali: organizzavamo concerti rock, punk, hardcore, metal e giù di lì, ne abbiamo fatti una trentina in meno di due anni. In questo contesto, un anno dopo, è nata la fanzine Underground X che si è evoluta nel tempo fino a diventare una rivista di cultura underground molto rispettata. Dato che i contenuti di cui ci occupavamo non erano più esclusivamente musicali ma culturali (o sottoculturali) artistici, teatrali, letterari eccetera, è stato spontaneo – o quasi – inserire il mio romanzo nel contesto Underground XJesù Cristu ‘Etzu è stato il pretesto per lanciarci in una serie di produzioni artistiche tra cui un libro di racconti illustrato dagli artisti del Progetto Mayhem, un cortometraggio e uno spettacolo teatrale. Abbiamo intenzione di proseguire per questa via, magari con più ordine, continuando a collaborare con il Progetto Mayhem. Le difficoltà che incontriamo coincidono esattamente con i nostri limiti: non c’è niente di oggettivo che ci frena.

Paolo Lubinu e la “politica”, in particolare quella culturale in Sardegna, quali prospettive per i giovani artisti sardi?

Non credo di essere in grado di rispondere a questa domanda, e se non è chiedere troppo mi piacerebbe non risponderti con una mia doppia poesiola:

Gai nos an pesadu

Comente frommìgulas,

gai nos an pesadu!

Totu imbreagos…

 sutzende su coro

dae su matessi dimòniu.

Su dimòniu

Sgomitare e sgomitare,

di questo si tratta.

In conclusione

dovresti sgomitare,

ma proprio tanto, mio caro:

sgomitare e sgomitare.

E quando finalmente

ce l’avrai fatta,

da lassù potrai capire.

Sgomitare e sgomitare,

che dolce trappola!

Grazie a Dio

qualcuno l’ha inventata…

Ma cos’è che sento brulicare?

Ah, siete voi!

Beh, allora brulicate!

Anzi, sgomitate…

Sgomitate!

Intervista a Pietro Simon Mossa.

Il 22 novembre ricorrerà il centenario dalla nascita del grande intellettuale indipendentista Antoni Simon Mossa. Per l’occasione, l’associazione sarda Pro no ismentigare diretta da Domitilla Mannu, ha voluto dare alle stampe due testi inediti.

AntoniSM

Pubblicati dalla EDES, Editrice Democratica Sarda, col contributo della Fondazione Banco di Sardegna, i libri, col testo italiano a fronte, s’intitolano “Evangelios” e “El pont retrobat” e sono rispettivamente in sardo e in catalano, lingue che Mossa conosceva perfettamente e per la cui difesa e promozione si batteva.

Abbiamo intervistato il figlio di Simon Mossa, Pietro.

La Biblioteca dell’Evasione al carcere di Bancali

03072014104851_sm_8119

Immagine tratta da: http://libreriamo.it/wp-content/uploads/2015/08/03072014104851_sm_8119.jpg

La Biblioteca dell’Evasione è un progetto che mette a disposizione dei detenuti libri, fumetti e riviste. L’obiettivo della stessa è di creare un rapporto di scambio con i detenuti, come recita il nome stesso, per far conoscere le realtà entro le galere e rompere l’isolamento che questa società instaura nei confronti del carcere e dei carcerati.

Nella giornata di sabato 18 giugno 2016, la Biblioteca dell’Evasione ha voluto discutere con il popolo la questione orari di prenotazione dei colloqui da parte dei familiari dei detenuti del carcere di Sassari, nella frazione di Bancali.

Diverse lamentele sono state ricevute da parte dei familiari riguardo la difficoltà di fissare il colloquio con il proprio caro. A tal proposito è stato fatto compilare loro un questionario  durante l’attesa per le visite: non solo si sono soffermati a compilare i moduli a crocette, ma si sono trattenuti a parlare con gli attivisti della Biblioteca dell’Evasione, sottolineando altre cose che non vanno, una fra le tante l’attesa per l’ingresso, che spesso supera l’ora e mezza.

La giornata è, quindi, il primo passo di una battaglia che la Biblioteca intraprende al fianco dei familiari, per far sì che questi possano avere la possibilità di fissare l’appuntamento per il colloquio chiamando in più giorni e in una più ampia fascia oraria, dando la possibilità di organizzarsi a chi lavora e/o a chi viene da fuori Sassari, e così evitando che un familiare non possa vedere il proprio caro solamente perché non è riuscito a trovare la linea telefonica libera per fissare il colloquio.

Durante la giornata è stato distribuito un volantino informativo sull’ergastolo ostativo insieme alla proposta di mobilitazione, proposta dai detenuti del carcere di Catanzaro che invita tutti, detenuti e liberi cittadini, a manifestare in forme diverse in solidarietà alla protesta.

Per saperne di più: https://sidealibera.noblogs.org/biblioteca-dellevasione/

Sa die de sa Sardigna salvata dagli indipendentisti

Sa die de sa Sardigna salvata dagli indipendentisti

13118893_889466011162221_6946933416327471343_n

È accaduto anche quest’anno, la festa della Sardegna, istituita con legge regionale il 14 settembre del 1993, per ricordare il lungo periodo rivoluzionario tra Settecento e Ottocento, è stata salvata dagli indipendentisti e in generale da associazioni, movimenti e intellettuali che hanno alzato una levata di scudi contro lo svuotamento di “Sa die” voluto dalla Giunta Regionale e in particolare dal governatore Pigliaru e dall’assessore alla cultura più antisardo degli ultimi decenni: Claudia Firino.

Di fretta e senza neppure crederci troppo l’assessore Firino aveva infatti annunciato, in una conferenza stampa un paio di giorni prima di “Sa Die” il programma per la festa istituzionale che si è risolto in un piccolo ritrovo tra burocrati e in uno spettacolo teatrale su temi che nulla c’entrano con la storia, la cultura e la coscienza nazionale del popolo sardo.
Beffa delle beffe la scelta della colonna sonora dello spot istituzionale di Sa Die: “Deus cunservet su re”, ovvero l’inno scritto in onore dei tiranni Savoia negli anni trenta dell’Ottocento, al termine del lungo periodo rivoluzionario che aveva incendiato le città e le campagne dell’isola e che aveva visto sacrificata la vita di tantissimi patrioti e rivoluzionari sardi uccisi in battaglia, sulle forche o costretti all’esilio proprio dai Savoia e dai loro alleati feudatari.
Ignoranza o volontà politica di infangare la memoria e la valenza assolutamente politica della rivoluzione sarda? Non è dato sapere. Ciò che invece sappiamo è che gli indipendentisti e tutta una vasta area che potremmo definire “nazionale sarda”, come già l’anno scorso, ha salvato dal fango “Sa Die” organizzando senza finanziamenti regionali e senza forti coperture mediatiche, la festa dei sardi.

13096034_10205987400874120_1812537922870812502_n
Facciamo solo alcuni esempi. Il Comitato studentesco “Scida” ha organizzato un momento di riflessione a Cagliari sull’insegnamento della storia sarda nella scuola italiana, invitando l’associazione degli insegnanti sardi che si occupa di produrre materiale didattico per le scuole che va in questa direzione. Il “comitadu 28 de abrile” ha organizzato la sesta edizione di “Sa die de sa Patria sarda” chiamando a dare il loro contributo storiografico gli storici Federico Francioni, Roberto Porrà e Omar Onnis a Tìesi, Sassari e Bono. Omar Onnis ha presentato la traduzione in sardo e in italiano del memoriale di Giovanni Maria Angioy scritto da esule a Parigi e rivolto al Direttorio della repubblica rivoluzionaria francese come invito a sostenere militarmente la ripresa del processo rivoluzionario sardo. A Bono, paese natale di Angioy e per questo rasa al suolo dai piemontesi e dalle milizie mercenarie al soldo dei feudatari, la festa ha assunto contorni di grande rilievo. Un corteo guidato da una bandiera dei quattro mori ha attraversato il paese passando affianco alla statua di Angioy posizionata al centro del paese. Le istituzioni comunali erano presenti al completo e le conferenze sono state organizzate coinvolgendo le scuole presenti nel paese. Lo storico Roberto Porrà ha valorizzato il ruolo centrale di Bono nel processo rivoluzionario non solo per aver dato i natali ad Angioy, ma anche per essere stato crogiuolo di tanti patrioti combattenti e centro nevralgico della rivoluzione. A Sassari l’incontro è stato invece organizzato al liceo scientifico e linguistico G. Marconi che per l’occasione ha anche provveduto ad apporre la cartellonistica per la raccolta differenziata anche in lingua sarda.

11159467_10205648864933491_2447439809209096425_n
Ad Ollollai il “Coordinamento pro su Sardu Ufitziali” ha organizzato un incontro per discutere il ruolo fondamentale della lingua sarda ufficiale nel processo di emancipazione nazionale del popolo sardo presentando il libro di Pepe Coròngiu “Il sardo: una lingua normale”. Il CSU ha anche aderito a “Sa Die in tundu”, una importante iniziativa culturale nata lo scorso anno da alcuni giovani attivisti, organizzando un cerchio umano. Essa è un flashmob a cui hanno aderito diverse soggettività politiche indipendentiste, associazioni culturali e anche attività produttive che consiste nel formare cerchi umani ovunque si voglia e si possa per festeggiare “Sa Die de sa Sardigna” e in generale per raccontare al mondo e agli stessi sardi la nostra storia e la nostra cultura. La partecipazione è stata ancora più massiccia dello scorso anno e agli organizzatori sono arrivate foto anche dagli emigrati nel mondo, perfino da un gruppo di studentesse tedesche che all’Università di Mannheim frequentano un corso di lingua sarda.
Da segnalare infine l’iniziativa della barchetta di carta promossa su facebook dall’ex candidato alle regionali del Fronte Indipendentista Unidu Pierfranco Devias che invita i sardi a rievocare la cacciata dei funzionari piemontesi avvenuta appunto il 28 di aprile del del 1794.

Insomma, da una parte attivisti, militanti, comitati, intellettuali, artisti, storici, studenti, partiti indipendentisti a salvare la festa nazionale dei sardi, dall’altra una casta di colonialisti e ascari che, grazie ad una legge elettorale antidemocratica, amministrano la nostra terra senza consenso e senza esserne degni e si permettono di svendere, svilire e infangare la nostra memoria storica e la nostra festa nazionale.

13062224_888802624561893_4476276335339773143_n

http://sadieintundu.net/

Omar Onnis: “Giovanni Maria Angioy, Memoriale sulla Sardegna (1799)” in italianu e in sardu

ONNI COPERTINA MEMORIALE ANGIOY
Omar Onnis: “Giovanni Maria Angioy, Memoriale sulla Sardegna (1799)”

Tue as bortadu in sardu e in italianu su “Memoriale” de Giuanne Maria Angioy. Pro ite nemos l’aiat fatu prima?

Sa prima noa de sas memòrias iscritas dae Angioy a su guvernu de su Diretòriu frantzesu est de sos primos annos Vinti de su sèculu coladu. Fiat istadu Antoni Boi a nde dare noa e a proare a las bortare in italianu. Est unu traballu malu a atzapare, a die de oe, e belle ismentigadu etotu. In su 1967 Carlino Sole at publicadu su Memoriale in mesu a una miscellanea de documentos agatados in s’archìviu natzionale de Parigi, in frantzesu però, chena lu bortare. Si pensamus chi su primu traballu istòricu comente si tocat a pitzu de s’edade sabàuda e de sa Rivolutzione est su de Girolamo Sòtgiu, de su 1984, e ponimus in paris custas informatziones, sa duda chi forsis b’est istada una forma de rimotzione si faghet manna. Totu su perìodu revolutzionàriu e sa figura de Angioy rapresentant unu problema mannu pro s’istoriografia acadèmica sarda e pro totu sa classe dirigente isulana.

Ite narat Angioy in custu libru?

Su Memoriale est una collida de lìteras e rechestas chi Angioy, in su 1799, cando fiat in esìliu in Frantza, aiat mandadu a su guvernu de inie pro li pedire de agiuare a sos Sardos a si liberare de sos Savoia e de su feudalèsimu. In cussu momentu chie aiat ideas rivolutzionàrias in totu s’Europa castiaiat a sa Frantza comente a sa pàtria de sa libertade e de sos printzìpios universales de egualidade e fradernidade. In prus sa Frantza aiat una fortza militare manna e l’aiat demostradu in cuncretu in cuddos annos matessi. Angioy pensaiat chi cun s’agiudu de sa Frantza sa Sardigna diat èssere diventada una repùblica libera e moderna. Pro custu presentat sa Sardigna a su guvernu frantzesu che a una alliada pretziosa, de non lassare a àteras potèntzias (comente su Regnu Unidu), e pro custu sutalìniat s’importàntzia sua, donende informatziones econòmicas, sotziales, polìticas e fintzas geogràficas e militares. Totus noas e informatziones de importu pro nois etotu, fintzas pro cumprèndere chie fiat G.M. Angioy e cales fiant sas intentziones suas.

Cale est s’eredidade de s’opera sua? Sos sardos tenent bisòngiu de una rivolutzione natzionale o lis bastat s’autonomia de s’istatutu?

No isco si sas duas cosas siant ligadas. Deo pentzo chi sa Sardigna apat bisòngiu mannu de una forma de rivolutzione. Non so faeddende de pigare su palatzu de Viale Trento, in casteddu cun sas armas, est craru. Ma ticar de bortulare a conca a giosso cosas medas de sas chi cunsideramus “normales” pro nois e chi non sunt normales pro nudda. Podimus àere dudas in contu a sa forma de custa netzessidade, ma non in contu a sa netzessidade matessi. Chi nde falat dae fatores istòricos fungudos. Ma est pretzisu fàghere sos contos cun sa realidade. S’istatudu de autonomia faghet parte de custa realidade. Est una aina chi comomai serbit pagu e nudda a regulare sa polìtica e sa bida colletiva sarda, epuru tocat fintzas de la difèndere dae s’atacu forte de su guvernu italianu. Non pro nche la mentènnere coment’est ma pro nche la poder megiorare e afortziare, chena timoria de dare fastizu a sos chi cumandant in Itàlia. Ma non ponzo limites a su chi podet capitare, si imparamus a èssere prus lìberos e prus cussentziosos. Tzertu, serbit unu traballu mannu in totus sos livellos de sa bida nostra. Su livellu de sa cultura e mescamente de sa cumpartzidura de sas connoschèntzias istòricas est unu.

Comente est posta segundu tene “Sa die de Sardigna”? Est una festa in disimpreu?

Sa Die de sa Sardigna no est mai istada amada meda dae sa polìtica sarda istitutzionale, dae s’acadèmia e dae sos intelletuales. Mescamente, a parre meu, ca ponet in duda su fundamentu matessi de s’egemonia issoro e donat a sos Sardos elementos de giudìtziu periculosos pro chie at s’interessu a mantènnere su status quo. Pro custu dae tempus chircant de la fàghere ismentigare, de li fàghere pèrdere sensu e fortza. Fintzas custa cosa de li assignare unu tema cada annu est unu mèdiu pro nche tòrchere a aterue s’atentu de sa gente e pro lassare a una banda sos temas polìticos prus fortes. A livellu populare, pro more de su traballu de assòtzios polìticos e curturales, carchi cosa si movet a sa sola, pro contu suo, chena isetare sas istitutziones. Est unu fatu de importu, ca custa festa nos podet serbire meda che isprone pro agatare torra su coràgiu tzivile e polìticu de nos pigare sa responsabilidade de sa sorte nostra. In prus de èssere unu momentu de meledu e de ammentu a pitzu de fatos istòricos nostros, de totus sos Sardos.

http://www.condaghes.com/scheda.asp?id=978-88-7356-885-8&ver=it

Intervista ad Antoni Arca sulla scrittura in lingue mediterranee.

Antoni Arca

Intervista ad Antoni Arca sulla scrittura in lingue mediterranee.

  1. Da cosa e da dove nasce la tua scelta di scrivere, e nello specifico quella di scrivere in catalano, e poi studiare anche il sardo per poter scrivere in sardo e ora in algherese?

 Inizi

Non saprei dire quando cominciai a sentirmi uno scrittore, forse la prima volta che pubblicai su un giornale, forse la prima volta che scrissi un racconto su un quaderno di “brutta” al liceo, forse quella volta che lessi “Gli indifferenti” di Moravia a sedici anni.

Scribacchiavo già da allora sia in italiano sia in algherese e, fra le due lingue, non sentivo che una delle due fosse superiore all’altra. Le usavo senza traumi – errori di ortografia a parte.

Anche se allora non potevo esserne pienamente consapevole, per la mia formazione fu determinante avere per i cinque anni del liceo uno stesso insegnante di lingua inglese: Luca Mele, allora giovanissimo, e che da lì a poco sarebbe diventato l’apprezzato poeta ploaghese in lingua sarda. Fu una sorta di imprinting linguistico. Crebbi consapevole del fatto che ogni lingua è un sistema arbitrario e nessuna lingua è superiore a un’altra; a volte capita che siamo noi a poter scegliere le lingue, più spesso ne siamo scelti. Per ragioni storiche, economiche, politiche, identitarie.

Personalmente ho scelto spagnolo e inglese come lingue di studio, algherese e sardo come lingue di vita, corsicano e francese come lingue d’amicizia, e italiano e catalano come lingue di lavoro. E ognuna di loro continua quotidianamente ad arricchirmi.

Nei primi anni ’80 cominciai a collaborare con quotidiani e riviste sia in Sardegna sia in Catalogna e a pubblicare traduzioni dal catalano e poesie su riviste. L’italiano era la lingua che la scuola mi aveva insegnato a usare fin da bambino, e il catalano appreso tra Barcellona e Lleida era una sorta di evoluzione distante, colta e politicamente vincente della mia lingua materna.

Ero interessato a professionalizzarmi come scrittore, allora, e, non so quanto consapevolmente, mi affidavo alla follia del mercato cultural-editoriale.

In Sardegna e in Italia partecipavo a premi di poesia e di narrativa inviando testi in italiano, in catalano di Alghero e in sardo.

Vincere con una poesia o un breve racconto mi divertiva – anche economicamente –, ma non era il mio mondo; ho sempre detestato il provincialismo culturale astioso e incapace di dialogare col mondo reale.

Provai a partecipare ad alcuni premi per opere inedite in Catalogna, e lì vincere significa essere subito pubblicati in volume da buoni editori e con regolare distribuzione.

Fu così che, nei primi anni ’90, “en un dos per tres”, mi trovai a essere un giovane scrittore catalano con un volume di poesie edito a València e un volume di racconti edito a Tarragona. Il mercato aveva scelto per me e fra lingua catalana e lingua italiana, la prima a darmi credito come scrittore fu quella catalana.

Da allora, in poco meno di vent’anni, pubblicai una decina tra opere di narrativa e sillogi poetiche tra Barcellona, Lleida e Juneda oltre alle già citate Tarragona e València.

La tria (català)

Abans que escriptor jo sóc un pedagog, un mestre de bàsica, per això, alhora que intentava professionalitzar-me d’escriptor català, em tornava definitivament un “titular de càtedra” a Sardenya.

Els meus alumnes, segons els anys, anaven de sis a onze anys i jo volia escriure per a ells; i ells eren nens de profunda arrel sarda. Jo escrivia per a ells i ells escrivien per a mi. Jo els italianitzava i ells em sarditzaven.

Allò de ser un escriptor català professional implicava, de fet, una altra tria de vida: exiliar-me a Barcelona. I no, jo volia ser abans que res un mestre, un bon pedagog; i m’hi vaig dedicar també d’escriptor infantil i juvenil publicant els treballs que realitzava amb els meus alumnes.

Al començament eren plaquetes editades en pocs exemplars gràcies a la Umanitària de l’Alguer, i més tard veritables llibres amb bons editors com ara la EDES de Sàsser.

Allò que feia pels nens de Putifigari, el poble on anava a donar classes, volia fer-ho pels nois algueresos també.

Va ser per això, pel desig que tenia de ser útil pels joves lectors algueresos, que vaig començar a escriure en alguerès – “normat” a la catalana – una munió de llibrets infantils i juvenils a soles i en col·laboració amb uns quants dibuixants.

Des de finals dels ’80 a principis del 2000, entre plaquetes i llibres de debò – encara que a Catalunya jo resultava ser un escriptor professional, malgrat que poc present a les pantalles – , entre Alguer i Sàsser vaig publicar uns setanta títols infantils – a part de traduccions, volums de poesia, novel·les per a adults i peces de teatre.

Finalment, a la primera meitat dels ’90, em passaren la càtedra a l’Alguer com a mestre de llengua castellana; i des de l’Alguer estant vaig continuar fent poesia, prosa narrativa i prosa teatral segons les necessitats pedagògiques, polítiques i, per què no, comercials.

Ho vaig fer a les tres llengües, millor, a les cinc, o potser set. Perquè durant la dècada dels ’90 em publicaren una novel·la en castellà, i a Còrsega peces de teatre en corsicà i una novel·la en francès.

De ampreu (algarés)

He ascumançat a publicà llibras als ans ’80, i als ans ’90 era un “normal” ascritor catarà que ancara paldeva téns ascrivint també llibras an algarés i an saldu, és a dira pé un malcat economicament inesistent.

Com sap quiúnqüe hagi apena apena arraunat de economia, un malcat competitivu té manasté de grans damanas i de grans ufeltas i, pecò s’asvilupin a un tarratori i no a un altru, hi ha manasté de gent, tanta gent.

Al cas concret de l’editoria salda, mai hi pugarà éssar una editoria competitiva a ma la italiana, o la francesa, o la catalana, pecò sem massa pocs. I això, de sempra, és lu límit de la Saldenya: la baixa densitat de pupuració.

Cosa vul dira, que també pansant que an Saldenya hi sigui una pertxentual de letors més alta que al restu de l’Itàlia – cosa que no és –, sempra astiguarívam palant de un 500.000 putencials lectors que tanguéssin de cumprà almancu un llibra a l’àn; ma pecosa un llibra sigui econòmicament útil, tangariva de vendra mínimu 10.000 còpias, lu que vol dira que la Saldenya abastariva pé 50 títuls a l’àn, que és lu que fa normalment un patit editor italià. I an Saldenya, invetxe, lus editols són més de 70. Cosa pussibra pecò, no essent’hi un malcat, quasi sempra las aspesas las paga l’autor i, quant no, un síndic, un assessor comunal, provintxal, rejonal, o un prujeta cultural, folclorístic, turístic, scientífic, o lu que sigui.

Tot això pé dira una cosa sol: qui publica llibras an Saldenya no ‘l fa pé na trera munera, al màssim pé na trera las aspesas.

Tantu hi és qui pública llibras pé sudisfació palsunal, qui pé fé cultura, qui pecosa no na pot fé amancu.

Iò só de aqueixus. Ascrif pecosa o si no ma santeix mal i, havent arraunat pé tants ans de pedagogista i de intel·letual, m’és capitat suvint de trubà bons metxenates. Com són astats La Società Umanitaria de l’Algué fins a tots lus ans ’90, las editorials algaresas la Celere i Edicions del Sol, l’editorial EDES de Sàssari i, de finals de ’90 an avui las editorials Condaghes de Càllar i l’editorial NOR de Ghilarza.

A la fi de aqueixus quasi corant’ans de ativitat – i a ma més de 150 títuls publicats –, he dicirit de abandunà del tot l’idea del malcat editorial i de la catalanitat com a dovere moral: avui iò ascrif per a mi mateix, a la llengua que sép, a la folma que més ma currispón i publiqueig an ebook; de fet gratis, cunsiderant la facilitat de arribà “de franc” a qual sa sia llibra eletrònic.

  1. Quale, quanto spazio l’editoria riserva alle pubblicazioni in lingue ” minoritarie” e alla storia sarda?

Su benidore (sardu)

Bivende in una sotziedade a economia capitalista, cun sas istruturas chi como tenet, sa Sardigna non podet àere unu mercadu editoriale cumpetitivu; tando, su chi podimus fàghere est cumbatare e traballiare pro unu mercadu culturale sanu, nostru, originale, issientificamente onestu, pensadu, istrolicadu, meledadu, faeddadu, contadu e naradu in sa limba nostra; su chi est a nàrrere su sardu in totu sas possibilidades espressivas suas, cun aligheresu, tataresu-gadduresu e tabarchinu postos a intro, ca est ora de la serrare cun custa fàula de sas “ìsulas alloglotas”. Sos discendentes de sos catalanos de sa colònia aligheresa de su 1354 sunt mortos dae sèculos meda e sos tabarchinos sunt sardos de mare, e si sos gadduresos si cherent intèndere mesu corsicanos custu l’amus a interpretare che una cosa bella, e non che una partzidura.

Pensare chi s’istòria verdadera de sa Sardigna si faghet atzetende sas fàulas de birgòngia “documentadas” in milli farsos istòricos però cambiende su balore semànticu, est unu malu servìtziu; pensare chi sa limba faeddada dae sos sardos pòveros dae su tempus de sos romanos a totu su feudalèsimu fiat sa limba “disigiada” dae totu sos sardos, est una fàula galu peus; pensare chi pro fàghere una literadura sarda moderna bastet favorire sos amigos nostros mancari iscriant libros mediòcres, est unu suitzídiu.

Oe est possìbile aplicare sas règulas de s’istoriògrafia, de sa sotziolìnguistica e de sa literadura cumparativa sena àere bisòngiu de antitzipare/imbentare sos resurtados.

S’istòria de sa Sardigna est sa chi est, e s’istòria de sos sardos est un’àtera galu. Unu logu in mesu a mare impreadu pro interessos cummertziales de un’ala, e dae s’àtera colonos e iscraos chi a bellu a bellu si faghent pòpulu diversu dae su fenìtziu, romanu, catalanu, “sardignolu” in s’ora chi pedint de intrare in su Regnu italianu.

Sas limbas de Sardigna e sas limbas de sos sardos, in sos millènios, dae sas tirrènicas a s’ispagnolu, sunt istadas a muntones e, dae sa pax romana de sa prima gherra cartaginesa a s’agabbu de su feudalèsimu in su 1850, sos “dialetos” sardos sunt istados semper sa limba de sa gente de bidda pro nos mantènnere abarrados sicos ognunu in domos sua sena istrutzione peruna a parte de sa dotrina de sos retores.

De sa matessi manera, sa literadura de èsitu finas cummertziale, dae sos romanos a oe, semper est istada in latinu, gregu, pisanu, ispagnolu, italianu; su sardu iscritu fiat roba de crèsia ca sos pòveros, aende proibida s’istrutzione, deviant de iscurtare a su retore istràngiu evangelizende·los in sa matessi limba de sa carrera issoro.

Bisòngiat de torrare sena pregiudìtzios polìticos a Michelangelo Pira e a “La rivolta de l’oggetto” cosa sua. Si sos sardos pòveros – oggetto – si sunt fatos pòpulu – rivolta – , est chi, Gramscianamente, si sunt istruidos e ant cumpresu e si sunt cumpresos a pustis de sa prima e de sa segunda gherra mundiale.

No est farsifichende s’istòria de Sardigna chi creschimus che pòpulu. No est imbentende unu resistentzialismu pantasmàticu chi nos faghimus pòpulu. Non est gherrende a paris pro una limba chena prus dialetos, o cun unu dialetu ebbia, o cun una koinè legalizada, o cun su dimòniu chi si nde los leet chi semus unu pòpulu de a beru.

Est impitende sas limbas sardas nostras pro fàghere arte contemporànea chi podimus fraigare una limba sarda de totu sos sardos. Est istudiende s’istòria de Sardigna comente (ex) bìculu istratègicu pro s’economia de su Mediterràneu dae cando dae Còrsica beniant brinchende a oe chi servimus pagu e nudda pro muvimentare s’economia globale. Est istudiende su presente chi podimus pensare a unu benidore nostru diversu dae de su èssere “cool” pro turistas amantes de su mare, de sa montagna, de su folclore, de s’esotismu e de totu su de prus chi sos Think Tank de su marketing turìsticu s’imbentant faghende a manera chi nois, fatos a pòpulu de gente “orgogliona”, bi creimus e bi ponimus ènfasi manna ammaniende festivals, cumbènios, publicatziones, sòtzios culturales, movimentos e partidos polìticos. A manera chi sos turistas non manchent in peruna die de s’annu e nois podimus àere unu bellu tempus benidore che a camareris cun s’ambitzione, una die, de nos torrare unu “maitre”, e, pro ite nono, unu metr e mesu.

Antoni Arca (Alghero 1956) è insegnante e scrittore. I suoi ultimi otto romanzi sono stati pubblicati insieme e soltanto in ebook per testimoniare la vitalità dell’algherese colloquiale. Ogni volume – edizioni NOR, Ghilarza – è disponibile sia in vernacolo algherese sia in italiano; uno, “Domo de Jordi”, è disponibile anche in sardo

Sa die de sa Patria Sarda arriva alla sua sesta edizione

Sa die de sa Patria Sarda arriva alla sua sesta edizione

13015163_10208094689996796_2062194338107424121_n

Nata a Thiesi su iniziativa dell’ormai disciolta organizzazione della sinistra indipendentista A Manca pro s’Indipendentzia in omaggio al passato rivoluzionario e ribelle della “villa antifeudale”, l’iniziativa è ormai portata avanti ogni anno dal “Comitadu 28 de abrile”.

Per iniziativa dello stesso comitato “Sa die de sa Patria Sarda” viene ormai festeggiata anche fuori da Thiesi e in particolar modo nei luoghi dove la rivoluzione antifeudale, repubblicana ed indipendentista lasciò i segni più incisivi nella memoria popolare.
Oltre a feste, concerti e momenti ludici e ricreativi il comitato organizza sempre approfonditi momenti di riflessione storica e sta via via coprendo i diversi paesi che furono toccati dalla “sarda rivolutzione” apponendo una targa in marmo in ricordo dei patrioti sardi caduti per la liberazione dal colonialismo piemontese e dall’oppressione feudale del popolo sardo.

Quest’anno il programma sarà davvero ambizioso e durerà tre giorni (dal 28 al 30 aprile) e toccherà, oltre a Thiesi e Sassari, anche Bono, paese natale di Giovanni Maria Angioy e per questo raso al suolo dalle forze reazionarie e filopiemontesi.

Ecco il programma:

28 de abrile in TIESI

• A sas 5:00 de sero:

Depositzione corona a sos patriotas sardos in anti a sa turre presone, piata de su comunu.

• A sas 6:00 de sero

In sa sala “Aligi Sassu de Tiesi”: addobiada istòricu “L’eredità dei moti angioiani”

Prof. R. Porrà ” Bono nella sarda rivoluzione”

Prof. F. Francioni : “Le figure di Giovanni Maria Angioy e di Pasquale Paoli: sardi e corsi a confronto”

Prof. O. Onnis presentat su libru suo: “Memoriale di Giovanni Maria Angioy”

29 de abrile in BONO

(cun sa collaboratzione de s’assessore a sa cultura de Bono Piero Corrias)

• A sas 10:00 de mangianu in su montìgiu de santu Remundu:

Depositzione corona in sa targa pro sos patriotas sardos

• A sas 10:30 sala tzìnema Rex (carrela c. Carretto – piata de crèsia) addobiu istòricu:

saludu de su sìndigu de Bono Michela Sau

Prof. R. Porrà: ” Bono nella sarda rivoluzione”

Prof. O. Onnis presentat su libru suo: “Memoriale di Giovanni Maria Angioy”

A serru: ispetàculu teatrale de s’Associazione Culturale di Bono e del Goceano: ” La ribellione del popolo bonese”

29 de abrile in Tàtari

• A sas 4:00 de sero in su Litzeu Iscientìficu Marconi:

Prof. O. Onnis presentat “Il memoriale di Giovanni Maria Angioy”

29 de abrile in Tiesi

• Dae sas 7:00 de sero in su mercadu betzu:

tastu de berbeghe a chentu e una berrita! Cuntzertu de sos Maria Marì

30 de abrile Tiesi piata de su comune

• A sas 11:00 de mangianu in piata de su comune: 3° Motoattoppu de sa die de sa pàtria sarda

A sighire pràngiu e mùsica intro a su mercadu.

Torramus gràtzias a totu sos indipendentistas, a sos sardos e sardas chi ant collaboradu a sa realizatzione de sos eventos.

https://www.facebook.com/events/1181278045217266/

Sa Die in Tundu

Sa Die in Tundu

Sa Die in Tundu sta per arrivare alla sua seconda edizione: si tratta di un flashmob diffuso e organizzato dall’intero popolo sardo, rievocando il sentimento dell’appartenere ad un destino condiviso, per raccontare al mondo la propria storia.
L’anno scorso centinaia di sardi, in Sardigna e all’estero, hanno organizzato eventi in vista di “Sa die de sa Sardigna”, stringendosi le mani gli uni con altri e formando cerchi umani e infine scattando alcune fotografie e inviandole all’organizzazione di “Sa die in tundu”. La partecipazione è stata massiccia e, nonostante la novità dell’evento, si sono formati cerchi umani colorati e festanti nelle piazze, nei centri ricreativi, nelle scuole, intorno ai tanti beni culturali presenti nell’isola, nelle case e, le fotografie che sono arrivate da tutta la Sardegna e da diverse parti del mondo, hanno restituito uno spaccato di una società sarda innamorata della propria cultura e della propria coscienza nazionale.

Il cerchio è un simbolo molto importante per il popolo sardo, fin dall’età nuragica i sardi si mettevano in cerchio per prendere decisioni importanti, per cantare e ballare, per confrontarsi sulle questioni fondamentali della loro comunità creando così momenti di profonda condivisione.

Sa die in tundu vuole fare in modo che, attraverso questa semplice e riproducibile forma di comunicazione, tutti i sardi possano sentirsi partecipi della loro festa nazionale ricordando e rinnovando la propria storia, la propria cultura, la propria coscienza di appartenere ad una comunità ben precisa.

http://sadieintundu.net