Una candidadura sarda a sas eletziones europeas/ Una candidatura sarda alle europee

La Redazione di Pesa Sardigna condivide l’appello per una candidatura sarda unitaria alle elezioni europee lanciata dal blog Sardegna Sopratutto e firmato per ora da intellettuali e attivisti di varia estrazione politica.

Di seguito l’appello bilingue:

A chie creet chi est importante un’acurtziamentu polìticu intre totu sos grupos chi rapresentant sas esigèntzias de sos sardos, cherimus fàghere una proposta, cun antìtzipu bastante pro la pòdere esaminare, chistionare e perfetzionare totus paris. Proponimus de meledare a pitzu de una candidadura comuna in sas eletziones europeas imbenientes.

In antis de totu tocat a tènnere s’atinu de su disvantàgiu irrecuperàbile chi patit sa Sardigna in su cuntestu europeu. Prus de una borta est istadu naradu chi tocat a agire politicamente pro pedire chi su territòriu sardu siat separadu dae su collègiu comune cun sa Sitzìlia, chi tenet tres bortas prus de eletores, cosa chi penalizat sos candidados nostros.

Devimus tènnere presente chi sa chistione sarda est agiumai disconnota a livellu internatzionale, e ausente de su totu in sos tzitadinos europeos, in sos mèdios de comunicatzione e in cada tipu de dibata polìtica. Sa Sardigna, sena peruna rapresentàntzia a livellu internatzionale est invisìbile e belle che disconnota.

Ma, nessi in potèntzia, non nos fartant de su totu nen resursas e ne ainas. Fintzas in sa cunditzione atuale, in sos tratados chi règulant sa cunvivèntzia de sos istados de s’Europa, b’at unas cantas cosas chi dìamus pòdere fàghere. Pro las fàghere però tocat a tènnere una boghe, èssere reconnotos, pònnere in motu sos istrumentos disponìbiles e sas relatziones possìbiles.

Sa Carta Europea de sas Limbas Minoritàrias giustìficat unu tratamentu ispetzìficu pro sa Sardigna, chi diat dèvere dispònnere de unos sègios esclusivos; ma nen s’Itàlia at chertu ratificare custa Carta, nen sas fortzas polìticas sardas si sunt aunidas pro reclamare sos deretos de sos eletores suos. Custu ebbia diat èssere unu bonu motivu pro sustènnere sa proposta.

In prus, ischimus chi un’acurtziamentu intre àreas polìticas diferentes pro lìnias e propostas tenet bisòngiu de ocasiones de traballu a cumone chi permitant de summare sos isfortzos e de acurtziare sas persones, de bìnchere difidèntzias e iscobèrrere valores comunes. Un’àteru elementu essentziale est su de cumpartzire obietivos cuncretos.

Sas eletzione europeas, pro su fatu chi si acumprint in una dimensione diferente dae sa locale, oferint una oportunidade noa. Resèssire a giùghere a su Parlamentu europeu una boghe chi diat testimonia de sa boluntade nostra de divènnere protagonistas de su destinu nostru est un’obietivu de importàntzia manna aberu. Mancari chi sas possibilidades de bi resèssere siant matanosas.

Sa prospetiva europea, in sa manera chi si presentat in sos raportos de poderiu reales suos, est oe in die a tesu meda dae cussas isperas de un’ispàtziu de giustìtzia, de cooperatzione e de rispetu intre pòpulos diferentes. A sos grupos de poderiu econòmicu e finantziàriu lis est fàtzile a detare sas règulas chi lis cumbenint a una polìtica semper prus sugeta e de acordu cun issos.

S’est isparta una rappresentatzione chi praghet, in ue a un’ala b’est sa tecnocratzia ghiada dae sos guvernos prus fortes de su continente e a s’àtera sos soberanismos noos reatzionàrios. Custa est una opositzione fartza, in cantu ambos rapresentant su matessi campu polìticu, oligàrchicu e anti-democràticu.

Ma, siat cale siat su caminu de emantzipatzione chi bolimus fàghere comente pòpulu, su cuntestu polìticu de riferimentu in ue l’isvilupare est, in antis de totu, su de s’Unione Europea. Siat cale siat su giudìtziu chi nde tenimus e mancari non nos agradet sa configuratzione sua atuale. E duncas est de importu mannu peleare pro nche giùghere a cussa sede sas esigèntzias de sos sardos, paris cun sos àteros pòpulos chi tenent su matessi obietivu.

Un’àteru puntu fundamentale est sa possibilidade de istabilire relatziones profetosas cun sos rapresentantes de àteros territòrios e àteras comunidades, cun sas cales su cuncàmbiu deretu de informatziones e s’elaboratzione de istrategias comunas diventat determinante. Pro non faeddare de cantu nos diat pòdere agiudare su de tènnere una mègius capatzidade  de impreare sas agiudas europeas.

E, pro finire, in Europa bivet e traballat unu nùmeru indeterminadu de sardas e sardos chi ant abbandonadu s’ìsula pro farta de imbeniente e dant sa balia issoro a àteras comunidades. Est dae sos sardos disterrados chi nde podet bènnere unu de sos contributos prus interessantes pro su rennoamentu de sa polìtica sarda e su de los pòdere interessare est un’obietivu essentziale.

Totu custas sunt unas motivatziones craras e fortes pro cumbìnchere sas diferentes fortzas sardas a sètzere a inghìriu a una mesa, istabilire una lista de puntos – ant a bastare sos chi in ue s’agatat unu cunsensu – e in base a custos chircare sa persone prus adata a si candidare e a èssere portaboghe polìticu de totu s’àrea de sos diferentes sugetos chi la cumponent.

Una manera de favorèssere su cunsensu in una persone cunsistit in fàghere un’elencu de rechisitos chi luego, totus paris, ant a valorare; pro esempru, sa persone indicada diat èssere rapresentativa de una parte sustantziosa de sa sotziedade sarda o de prus partes de sa matessi e reconnota dae totu sos votantes, a prus de sos mèdios de comunicatzione.

In prus: diat dèvere tènnere una cussèntzia crara de s’apartenèntzia pròpia a sa comunidade sarda; èssere persone cun onestade e integridade indiscutìbiles; chi siat caraterizada dae unu cumportamentu dialogante e abertu, pro craresa e seriedade. Una persone capassa de afrontare sas cuntierras cun curretesa, passèntzia e determinatzione.

A pàrrere nostru, diat èssere importante chi custa persone esseret una fèmina. Chi siant, in antis de totu, sas fèminas a la propònnere e atzetare. E totus la devent sustènnere. In ogni modu, unu de sos signales de càmbiu netzessàriu est su de resèssere a fàghere un’issèberu cumpartzidu, de cunsensu, de una persone cumpetente, chi iscat ascurtare e sintetizare.

Sas eletziones europeas sunt dae inoghe a bator meses: su 26 de maju. Serbint 35.000 firmas pro fàghere ammìtere sa candidadura de una sigla non galu presente in su Parlamentu europeu. De custas firmas, unu mìnimu de 3.500 devent èssere regortas in cada una de sas àteras tzircuscritziones, e 21.000 in Sardigna. No est una tarea fàtzile.

Sa parte prus difìtzile est però sa de atzetare de traballare paris, sena chi una parte chèrgiat prevalèssere subra de un’àtera. Est importante duncas a tènnere unu mètodu de traballu craru. E pro custu est ùtile chi b’apat unu nùcleu de garantes, esternu a sos grupos polìticos interessados, chi podat acumprire unu ruolu de mediatzione.

In prus, no esistit impèigu a tènnere aberta custa ipòtesi in su benidore, si no est possìbile a li dare una continuidade pràtica in su momentu.

No ismentighemus chi a livellu internatzionale esistit un’organismu comente sa Alleàntzia Lìbera Europea  (EFA), in ue est possìbile e probabilmente pretzisu pedire un’amparu.

Tentos in contu custos elementos, sos passos pro fàghere parent determinados dae sas tzircustàntzias, dae s’urgèntzia de sos tempos e dae s’importàntzia de s’obietivu matessi.

Unu primu cunsensu intre sas fortzas interessadas si diat pòdere dare in antis de sas eletziones regionales, ca s’issèberu de sustènnere custa initziativa non podet dipèndere dae su resurtadu de su 24 de freàrgiu. Si cherimus favorèssere una maduratzione reale de sas cunditziones fundamentales de su panorama polìticu sardu, bi cheret un’issèberu detzisu e craru cara a sa collaboratzione.

Tocat a comintzare un’arresonu intre nois, un’arresonu parallelu a su protzessu eletorale giai cumentzadu. Bisòngiat chi sos sugetos polìticos sardos presentes in sas eletziones – e fintzas àteras esperièntzias organizativas, reconnotas, mancari non siant candidadas – issèberent sos referentes issoro (unu o prus de unu); chi s’agatent unos garantes chi totus atzetant; chi si traballet pro sebestare sos puntos de cunsensu e sas caraterìsticas de sa pessone chi podat èssere candidada.

Custa initziativa diat èssere a seguru una de sas novidades de prus annotu de sas eletziones europeas imbenientes. Chi sas pessones dae chie podet dipèndere custu issèberu si mustrent, e si movant, paris, in presse.

Stefano Puddu Crespellani

Omar Onnis

Nicolò Migheli

Valeria Casula

Bobore Bussa

Alberto Mario Delogu

Isabella Tore

Francesco Casula

Giuseppe Melis

Michela Murgia

Giagu Ledda

Antonello Pabis

Federica Serra

Angelo Morittu

Una candidatura sarda alle europee

A chi crede nell’importanza di un avvicinamento politico tra i gruppi che rappresentano le istanze dei sardi, vogliamo fare una proposta, stavolta con sufficiente anticipo per esaminarla, discuterla e perfezionarla collettivamente. Proponiamo di ragionare su una candidatura comune alle prossime elezioni europee.

Il punto di partenza è, anzitutto, la consapevolezza dello svantaggio incolmabile a cui è soggetta la Sardegna in ambito europeo. Si è detto molte volte che bisogna agire politicamente per chiedere che il territorio sardo venga svincolato dal collegio comune con la Sicilia, che ha il triplo di elettori, un fatto che penalizza i nostri candidati.

Dobbiamo tenere presente che la “questione sarda” è pressoché ignota a livello internazionale, nonché del tutto assente dal senso comune dei cittadini europei, dai mass media e dai temi presi in considerazione nel dibattito pubblico. Senza rappresentanza a livello internazionale, la Sardegna è invisibile e pressoché sconosciuta.

Ma non siamo del tutto privi di risorse e di strumenti, almeno in potenza. Anche nella condizione attuale, nella vigenza dei trattati che regolano la convivenza degli stati del Vecchio Continente, ci sono diverse cose che potremmo fare. Ma per farle occorre avere una voce, essere riconosciuti, attivare gli strumenti disponibili e le relazioni possibili.

La Carta Europea delle Lingue Minoritarie giustificherebbe un trattamento specifico per la Sardegna, che dovrebbe disporre di seggi esclusivi; ma né l’Italia ha voluto ratificare questa carta, né le forze politiche sarde hanno fatto fronte comune per reclamare i diritti dei propri elettori. Già questo sarebbe un buon motivo a sostegno della proposta.

In secondo luogo, sappiamo che un avvicinamento tra aree politiche tra loro diverse per percorsi e proposte ha bisogno di occasioni di lavoro comune, che consentano di sommare gli sforzi e di avvicinare le persone, di superare diffidenze e scoprire valori comuni. Condividere degli obiettivi concreti ne è un altro fattore essenziale.

Le elezioni europee, proprio perché si svolgono su una scala diversa da quella locale, offrono una opportunità nuova. Riuscire a portare al Parlamento europeo una voce che dia testimonianza della nostra volontà di diventare protagonisti del nostro destino, è un obiettivo di enorme importanza. Perfino se le possibilità di successo sono ardue.

L’orizzonte europeo, così come si è configurato nei suoi rapporti di potere reali, è oggi ben lontano da quelle speranze di uno spazio di giustizia, di cooperazione e di rispetto tra popoli diversi. I grandi gruppi di potere economico e finanziario hanno gioco facile nel dettare le proprie regole a una politica sempre più succube e collusa.

Ha preso piede una rappresentazione di comodo in cui i due contendenti sono da un lato la tecnocrazia guidata dai governi più forti del continente e dall’altro i nuovi sovranismi reazionari. Si tratta di una falsa opposizione, tutta interna al medesimo campo politico del potere oligarchico e anti-democratico.

Tuttavia, qualunque sia il percorso di emancipazione che vogliamo intraprendere come popolo, il contesto politico di riferimento in cui sostenerlo è, anzitutto, quello dell’Unione Europea. Quale che sia il giudizio su di essa e sulla sua configurazione attuale. Per cui è di grandissimo rilievo lottare per portare in quella sede le istanze dei sardi, in compagnia degli altri popoli che perseguono lo stesso obiettivo.

Un altro punto chiave è la possibilità di stabilire rapporti fecondi coi rappresentanti di altri territori e altre comunità, con le quali lo scambio diretto d’informazioni e l’elaborazione di strategie comuni diventa cruciale. Per non parlare di quanto potrebbe aiutarci acquisire una migliore capacità di usare i fondi europei.

Per finire, va detto che in Europa vive e lavora un numero imprecisato di sarde e di sardi che hanno lasciato l’Isola per mancanza di sbocchi, prestando il loro talento ad altre comunità. È dai sardi “disterraus” che può venire uno dei contributi più interessanti per il rinnovamento della politica sarda, e coinvolgerli è, di per sé, un obiettivo essenziale.

Tutte queste sono motivazioni chiare e forti per convincere le diverse forze sarde a sedersi a un tavolo, stabilire una lista di punti —basteranno quelli su cui si riuscirà a trovare consenso— e sulla base di questi cercare poi la persona più adatta a candidarsi e svolgere un ruolo di portavoce politico per tutta l’area dei diversi soggetti coinvolti.

Un modo per favorire il consenso sulla persona consiste nell’elencare una serie di requisiti, da discutere poi insieme; per esempio, la persona indicata dovrebbe essere rappresentativa di una fetta consistente della società sarda o di più porzioni della medesima e riconoscibile da tutti i votanti, oltre che dai mezzi di comunicazione.

Ancora: dovrebbe avere una coscienza chiara della propria appartenenza alla comunità sarda; essere persona di cui non possa essere discussa l’onestà e l’integrità; che si caratterizzi per un atteggiamento dialogante e aperto, per chiarezza e serietà. Una persona capace di affrontare i conflitti con correttezza, pazienza e determinazione.

A nostro parere, sarebbe importante che questa persona fosse donna. Che venisse proposta e riconosciuta anzitutto dalle donne. E sostenuta da tutti. In ogni caso, uno dei segnali di cambiamento necessari è quello di riuscire a fare una scelta condivisa, di consenso, attorno a una persona competente, capace di ascolto e di sintesi.

Le elezioni europee sono da qui a quattro mesi: il 26 maggio. Occorrono 35.000 firme per fare ammettere la candidatura di una sigla non ancora presente al Parlamento europeo. Di queste, almeno 3.500 vanno raccolte in ciascuna delle altre circoscrizioni, e 21.000 in Sardegna. Non è un compito facile.

Tuttavia, la parte più difficile è quella di accettare di lavorare insieme, senza che una parte voglia prevalere sulle altre. Per questo è importante dotarsi di un metodo di lavoro chiaro. E per questo è utile avere un nucleo di garanti, esterno ai gruppi politici coinvolti, che possa svolgere un ruolo di mediazione.

Inoltre nulla vieta di tenere aperta questa ipotesi anche per il futuro, qualora non fosse possibile darle un seguito pratico nell’immediato.

Ancora, non dimentichiamo che a livello internazionale esiste un organismo come l’Alleanza Libera Europea (o EFA)a cui sarebbe possibile e probabilmente opportuno chiedere un sostegno.

Tenuto conto di questi elementi, i passi da fare sembrano determinati dalle circostanze, dall’urgenza dei tempi e dall’importanza dell’obiettivo stesso.

Un primo consenso tra le forze in campo dovrebbe manifestarsi prima delle elezioni regionali, perché la scelta di sostenere questa iniziativa non può dipendere dal risultato del 24 febbraio. Ci vuole una scelta decisa verso la collaborazione, se vogliamo propiziare una reale maturazione delle condizioni di fondo del panorama politico sardo.

Apriamo un tavolo di dialogo, che proceda in parallelo al processo elettorale in corso. Che i soggetti politici sardi presente alle elezioni —e anche le altre esperienze organizzative, pur non candidate ma riconosciute— scelgano i propri referenti (uno o più di uno); che si trovino dei garanti ben accetti da tutti; che si lavori per individuare i punti di consenso e il profilo della persona che possa essere candidata.

Questa iniziativa sarebbe certamente una delle novità di maggior spicco nello scenario delle prossime elezioni europee. Che le persone da cui questa scelta può dipendere si facciano avanti, e agiscano, insieme, al più presto.

Stefano Puddu Crespellani

Omar Onnis

Nicolò Migheli

Valeria Casula

Bobore Bussa

Alberto Mario Delogu

Isabella Tore

Francesco Casula

Giuseppe Melis

Michela Murgia

Giagu Ledda

Antonello Pabis

Federica Serra

Angelo Morittu

La sopravvivenza della Siria è un punto a favore nella lotta contro l’imperialismo

di Riccardo Sotgia

La sopravvivenza della Siria è un punto a favore nella lotta contro l’imperialismo.

Nonostante il prevedibile permanere dell’instabilità, dovuta a possibili colpi di coda da parte delle forze imperialiste coinvolte nell’aggressione alla Siria che va avanti dal 2011, nell’anno che sta per cominciare si potrebbe assistere a una svolta decisiva nella direzione della fine del conflitto su larga scala sul territorio della repubblica. Per la prima volta da tre decenni, un paese finito nel mirino degli Stati Uniti e dei loro alleati resta in piedi, seppure certo non indenne, e in prospettiva senza perdite territoriali drastiche. La guerra, innestata artificiosamente nel solco di contraddizioni che il paese affrontava, è cominciata mediante l’installazione di una pseudo entità statuale -ISIS secondo l’acronimo in uso in occidente, e Daesh in arabo- nell’ampia area fra la Siria e l’Iraq: un sedicente califfato di stampo wahabita la cui genesi, quanto a finanziamento, armamento e personale coinvolto, è riconducibile agli USA, all’entità sionista e all’Arabia saudita. A queste bande, a cui prendevano parte uomini di oltre cinquanta nazionalità, accorsi da ogni parte, si aggiungevano, nel nord-ovest del paese e nei sobborghi di Damasco, formazioni islamiste sotto il controllo del regime fascista turco. Prendere atto di questo, e sconfessare la versione che vede le cause della guerra nella repressione da parte del governo dell’opposizione islamista interna, è il primo passo per la comprensione dei fatti. Da questo punto di partenza è necessario valutare lo schieramento degli altri attori in campo.
Contrariamente ad ogni previsione che si potesse avanzare otto anni fa, il paese ha resistito. Con un’efficace mobilitazione popolare e bellica, cui hanno partecipato attivamente anche militanti comunisti tradizionalmente all’opposizione; con il contributo di milizie di volontari, e non secondariamente come importanza, con il primario ausilio di storici alleati quali la Russia e l’Iran, ogni centimetro di terreno in mano ai tagliagole scatenati dall’imperialismo è stato liberato. Ad oggi resta occupata dai terroristi l’enclave di Idlib, dove ha trovato rifugio ciò che resta delle formazioni qaediste, e le zona nord-occidentali di Afrin e Al-bab, invase dall’esercito turco con il pretesto della presenza delle milizie curde.
Sono invece l’oriente e il settentrione del paese a costituire tuttora la maggiore incognita rispetto al futuro assetto territoriale della Siria. Pochi giorni fa, la presidenza USA ha annunciato il ritiro dal paese delle proprie truppe, illegalmente installatesi in queste aree con il pretesto della lotta a Daesh. Il ritiro ha già avuto inizio. Questa mossa, presentata come naturale conseguenza dell’ormai prossima neutralizzazione totale delle forze di Daesh in Siria, ha causato una profonda crisi, già in atto dopo l’invasione turca di Afrin, dell’autoproclamato potere delle milizie facenti capo al partito curdo di osservanza apoista PYD, che vede cessare improvvisamente la protezione americana, ritenuta sicura fino a pochi giorni fa, specie nei confronti della costante minaccia turca. Il corso generale degli eventi bellici, e infine questo ultimo avvenimento, potrebbero già fornire tutti gli elementi per mettere in discussione la definizione di “rivoluzione” autoassegnatasi da dette forze, e assunta come nuovo credo, in maniera piuttosto acritica, da ampie fasce della sinistra postmoderna dei paesi capitalisti occidentali. Una circostanza che si è potuta verificare solo dopo un lungo periodo in cui sono state spacciate per rivoluzioni una lunga serie di cambi di regime pilotati e guerre sporche suscitate all’interno di paesi non riconducibili alle ragioni di Washington con mezzi più morbidi, e che questo stravolgimento è stato digerito anche da chi avrebbe dovuto smascherarlo. Valgano per tutti, i funesti esempi delle “rivoluzioni colorate” e delle “primavere arabe”.
Quella del nord della Siria è una “rivoluzione” che non può contare sulle sole forze del popolo che pretende di rappresentare, e che nel prenderne implicitamente atto, non è stata in grado di valutare con la correttezza analitica che si richiede da chi si fregia di questa definizione, quali alleanze stringere sul piano sia politico che militare.
La prima conseguenza del ritiro statunitense, e la crescente pressione turca presto pronta a trasformarsi in un’offensiva su tutto il nord, è stata lo schieramento dell’Esercito Arabo Siriano nella città di Manbij, controllata finora dai bracci armati del PYD (YPG e YPJ), dove già nei mesi scorsi erano scoppiati disordini, animati dalla stessa popolazione locale (compresa quella curda), che manifestavano insofferenza verso l’amministrazione del PYD e invocavano l’intervento delle forze governative, data l’incapacità dimostrata ad Afrin di resistere militarmente ai turchi e alle bande jihadiste alle loro dipendenze. Il sogno di uno protettorato occidentale con caratteristiche parastatali, negli anni scorsi battezzato come “Confederazione democratica della Siria del nord” e comunemente identificato con il nome che i curdi danno alla parte siriana delle terre da essi abitate (c.d. “Rojava”) rischia di infrangersi nel peggiore dei modi, travolgendo anche le legittime aspirazioni del popolo curdo. Popolo diviso sul territorio di quattro stati esistenti (Turchia, Iraq, Siria e Iran), ma la cui massima parte ricade in territorio turco, storicamente. Dal punto di vista politico, la legittimità di uno stato curdo è riconosciuta nell’ambito dei confini definiti nella conferenza di Sèvres del 1930, ipotesi che contrasta sul piano dei rapporti di forza con l’insormontabile scoglio turco, sul cui attuale territorio insiste la maggior parte di quanto rivendicabile come Kurdistan. Alcune dirigenze curde, incoraggiate dalle potenze occidentali, hanno pensato di approfittare dell’aggressione alla Siria e del temporaneo vuoto di potere per realizzare questo progetto trasferendolo, ed espandendosi in terra araba, barattando il sostegno esterno con la partecipazione all’operazione di regime change,  fenomeno ben diverso da una “rivoluzione”, come sopra ricordato. Progetto che comportava l’estensione arbitraria di territorio da considerare “Kurdistan”, fino alla concessione di uno sbocco sul mar Mediterraneo. Oltre, naturalmente, allo stanziamento di finanziamenti e alla fornitura di armamenti, che durante l’avanzata su Raqqa (precedentemente spianata dai bombardamenti americani) hanno incluso anche artiglierie. Questa operazione, mettendo fine a un periodo in cui l’atteggiamento di queste forze è stato ambiguo e non coerente, ha segnato lo schieramento dei confederalisti curdi con gli invasori. Scaricato il Daesh come pedina non più spendibile, gli USA hanno assoldato YPG e YPJ come fanteria, per coprire un’avanzata sull’autoproclamata capitale del califfato, che terminasse prima dell’arrivo dei siriani, e che comprendesse anche la parte della provincia di Deir Ez Zour in cui ha sede la maggior parte dei campi petroliferi siriani. In queste province e nel settentrione del paese, sono state installate illegalmente undici basi statunitensi (cfr. carta n. 1).



Una delle argomentazioni più puerili, avanzata da molte parti, rispetto alle inevitabili critiche in relazione alla posizione dei sedicenti confederalisti curdi negli sviluppi della situazione siriana, è quella per cui si dovrebbe evitare di giudicare degli errori evidenti per il fatto che il popolo a cui si fa riferimento ha alle spalle decenni di lotta. Forse l’unico invito utile, è quello di informarsi correttamente; ma oltre a rifuggire le fonti della stampa e delle tv dei paesi capitalisti occidentali, è da evitare anche la narrazione onirica dei fatti proposta dai propagandisti pro-curdi, che si è riassorbita nel primo gruppo. A voler scavare i fatti, essi non depongono a favore gli odierni avvocati d’ufficio di un’esperienza che si avvia verso un inevitabile ridimensionamento: la critica è puerile e poco argomentabile, perché le scelte fatte dalla dirigenza curda siriana in questi otto anni di conflitto, stanno crollando sulla schiena dello stesso popolo che avrebbe dovuto essere difeso da queste forze. Ben prima di tanti commentatori a distanza più o meno noti, hanno fatto luce su alcune questioni diverse voci critiche che tradizionalmente erano state alleate della causa curda, proveniente da una parte dalla sinistra rivoluzionaria turca, e dall’altra da quella palestinese. Critiche che, con tronfia arroganza, lungi dall’essere ascoltate, erano state liquidate con sufficienza, quando non con derisione. In tempi non sospetti, esponenti del FPLP hanno messo in guardia, con evidente cognizione di causa, la dirigenza curda dall’intrattenere rapporti con i sionisti, riferendosi alla Siria (e non al nazionalista curdo Barzani, che ha il suo feudo in Iraq e non nasconde i suoi buoni rapporti con Tel Aviv). Degna di nota la posizione espressa due anni fa dal militante palestinese e analista Nassar Ibrahim, riportata anche da testate pro-curde come InfoAut: “Sebbene tutte le lotte per l’autodeterminazione vadano appoggiate, ciascuno deve decidere da che parte stare e spiegare con chi fa alleanze. (…) In Siria non esiste alcuna rivoluzione, esiste un regime pieno di difetti e una situazione sociale che meriterebbe una rivoluzione, ma ciò cui assistiamo non è che una sporca guerra per procura finanziata e armata dagli Usa, che ha prodotto un’ondata reazionaria in tutta la regione. Il primo obiettivo di qualunque marxista dev’essere prendere posizione. Un militante non può crogiolarsi nella neutralità: occorre oggi supportare il governo e garantire l’integrità territoriale siriana”.
Riguardo all’occidente, non giova il fatto che gli “avvocati” in questione sventolino esperienze sul campo, come fossero uniche ed esclusive.Per di più, a fronte di interventi duri e dal punto di vista di chi scrive non condivisibili, ma espressi nell’ambito della dialettica politica e con la dovuta umiltà, da anni si assiste per lo più ad opere di agiografia, presentate con prepotenza da personaggi più vicini a figure del mondo dello spettacolo, che non a quella dell’ex combattente. Racconti che ogni giorno che passa dimostrano la loro scarsissima rispondenza alla realtà. La pur dura difesa di Ayn El Arab/Kobane, è stata possibile e ha avuto successo per intercessione della Nato, che ha temporaneamente tenuto a freno i turchi lasciando che gli assediati usassero il confine come retrovia e consentissero il passaggio di un numero rilevante di volontari internazionali (transitati nel tempo, sempre passando per la Turchia, anche più a oriente, per la città di Nusaybin). Il flusso si è ridimensionato solo dopo l’irrigidimento turco in seguito al tentato golpe la cui responsabilità viene attribuita dal governo agli stessi alleati statunitensi.
Nello stesso modo, va ridimensionata la mitologia qua propagandata rispetto alle fasi dell’avanzata su Raqqa, durante la quale le milizie, a cui via via si aggiungevano frange di islamisti che alzavano sul carro del vincitore dando origine alle cosiddette Forze democratiche siriane, non hanno sostenuto combattimenti neanche lontanamente paragonabili ai violenti scontri e alle battaglie campali sostenuti dall’esercito siriano. In molti casi, i villaggi sono stati occupati dopo che “consiglieri” statunitensi avevano preceduto le colonne e trattato il ritiro con gli uomini del califfato. E’ anche documentato che nella città di Raqqa, dove la fanteria è entrata dopo una carneficina di civili dovuta ai bombardamenti americani e francesi -con buona pace della sbandierata “precisione”, gli USA si sono addirittura premurati di evacuare con elicotteri vari gruppi di notabili del califfato. Senza queste informazioni, si rischia di credere alla gigantesca e volendo anche brillante opera di propaganda che i soldi americani e il sostegno politico occidentale hanno consentito: la costruzione dell’immagine di eroi idealisti e senza macchia, animati dall’amore per la libertà, per la parità fra i sessi e per la natura, nonché di eroine così belle da sospettare una selezione per le foto, tanto brave a sparare quanto a cantare, danzare e declamare la loro originale “Jineoloji”, arrivate financo alle copertine delle riviste per signore da leggere sotto il casco per la permanente. I meriti reali riconoscibili ai combattenti sul fronte settentrionale non sarebbero stati vendibili adeguatamente, perché avrebbero comportato una presa di coscienza sulla brutalità della guerra e sul ruolo delle forze in campo. Sono stati usati invece gli ingredienti giusti per blandire la mitologia della sinistra, orfana del traguardo rivoluzionario, e a suscitare la simpatia e il romanticismo nel pubblico occidentale, rapido nel dimenticare che fino a tempi recenti gli stessi guerriglieri venivano trattati come terroristi brutti, sporchi, cattivi e per giunta comunisti, quindi poco accattivanti, e sostenibili solo da facinorosi come loro… Un cambio radicale di approccio nel presentarli, specie dalla stampa mainstream, veloce quanto losco, in considerazione del fatto che l’occidente in passato è riuscito a definire “combattenti per la libertà” persino i gli islamisti afghani.
Ad onor del vero, sono stati effettivamente sperimentati modelli che rompono con il retaggio della società mediorientale più arcaica (specie riguardo alla condizione della donna) e che introducono modelli di autogoverno popolare. Ma queste conquiste, apparse a macchia di leopardo e in misura molto inferiore a quella propagandata (anche per il rifiuto ideologico di adottare una direzione centralizzata, una pianificazione dell’economia e di formare un apparato coercitivo valido per tutti e adatto a liquidare le formazioni sociali superate e rendere effettive le decisioni -misure evidentemente anche sgradite ai nuovi sponsor), non hanno appunto riguardato che una parte della popolazione, a volte escludendo le altre.Ci si riferisce a documentati e ripetuti episodi di discriminazione contro la popolazione araba e assira, specie nel campo della libertà di istruzione, di religione e di lingua, alle vergognose pratiche di confisca della terra degli arabi fuggiti, assegnata alle comunità… curde, e all’opera di corrotta circonvenzione dietro mazzette per far lasciare le proprie case agli abitanti non curdi.

In generale, non è stata intaccata, se non episodicamente la base materiale della proprietà terriera, basata su dinamiche di clan, per ragioni di deflazione del conflitto sociale locale. Sul piano dei rapporti esterni, le conquiste parziali, per quanto positive, non cancellano la scelta di ottenere il proprio obiettivo finale come premio di consolazione da parte delle potenze intente a smembrare il paese di cui si faceva parte. In generale è bene ricordare caparbiamente come la storia dimostri che non può esserci alcuna “rivoluzione”, né liberazione, né indipendenza, né autodeterminazione, né emancipazione di uomini e donne, né anticapitalismo, sotto le armi degli imperialisti americani e dei loro alleati, o in costanza del loro appoggio a un progetto politico.

Con il ritiro statunitense e la sopraggiunta inutilità militare delle milizie curde rispetto ai loro obbiettivi politici e militari, i confederalisti curdi non hanno più nulla da mettere sul piatto per negoziare con il governo di Damasco. Non sono in grado di difendersi da sé, come hanno sempre millantato. Risulta patetico parlare del reintegro del controllo governativo come se si trattasse di qualcosa che possono rifiutare, o paventando un nuovo “accordo tattico”, come quello, in realtà politico, che avevano con gli USA. Verosimilmente, potranno chiedere di salvaguardare alcuni aspetti della gestione municipale che hanno sperimentato, ma senza alcun atteggiamento di veto. Soprattutto, ormai non potranno pretendere che le loro milizie conservino l’armamento, visto che se ne sono serviti per aiutare gli invasori.

L’alternativa è secca, e il caso di Manbij è solo l’inizio: dovranno accettare (perché scrivere “consentire” vorrebbe dire che sono in grado di dare o negare il permesso) il ripristino della sovranità siriana che hanno sempre detto ipocritamente di voler rispettare; oppure subiranno un’offensiva da parte dei turchi, le cui prime coorti saranno formate dai banditi del redivivo FSA (“Esercito siriano libero”), fino a ieri loro alleati all’interno delle SDF.  Questo potrebbe essere desiderabile solo per degli irresponsabili o dei suicidi.

Proverbialmente, non si scrive la storia con i “se”, ma l’arco di tempo ridotto e il senno di poi, in parte richiedono una deroga. Se le milizie del PYD avessero difeso il paese dall’aggressione fin dall’inizio, ora avrebbero potuto rivendicare buona parte dei loro obbiettivi politici legittimi, mai conculcati né da Damasco né dagli alleati russi e iraniani. Ma siccome nessuno, sette anni fa, avrebbe scommesso sulla resistenza del paese, hanno sopravvalutato la propria scaltrezza e pensato bene di salire sul carro dei presunti vincitori. L’opportunismo della dirigenza del PYD, che è bene sottolineare, non rappresenta il Kurdistan nella sua totalità, né più, ormai, neanche la maggioranza dei curdi siriani, ha invece prodotto degli effetti disastrosi, e non imprevedibili.

Nell’odierno scenario, le discussioni afferenti ai principii leninisti, per quanto sempre utili in funzione autocritica, non incidono in alcun modo sulla definizione storica degli avvenimenti. Resta perciò un mero esercizio polemico volerle brandire casualmente. Non esiste nessun superimperialismo di kautskiana memoria, ma di fatto, oggi nel mondo la catena imperialista è una, quella a guida statunitense. La Russia è un paese a capitalismo avanzato, ma non si concretizza il quadro economico (specie il dominio del capitale finanziario e la subordinazione di quello produttivo) che Lenin tracciò nel definire la sua teoria. Parlare di “imperialismo” in generale, e attribuirlo per antipatia, significa farsi affascinare dal termine applicandolo arbitrariamente e idealisticamente, senza averne capito significato e implicazioni. In questo senso, attualmente Russia (e Cina, in genere tacciata in tal senso) non potrebbero essere definiti paesi imperialisti neanche se mettessero in atto forme di espansionismo militare classico, che ad ogni modo non si stanno verificando -sia sufficiente, per chiunque in buona fede, la consultazione di una semplice carta politica del globo. Meno ancora può essere definito tale l’Iran, per restare al novero degli stati alleati. Fra le forze non statali, non si può non registrare la partecipazione delle milizie libanesi di Hezbollah, di cui difficilmente si può negare il carattere antimperialista nonostante l’estrazione ideologica, nonché di quelle inviate da organizzazioni della Resistenza palestinese (per inciso, schierata con il governo nella sua totalità nonostante una precedente fase di tentennamento delle componenti islamiche).  In quanto ai paesi capitalisti menzionati, non è peraltro detto, a prescindere, che sia condivisibile la loro politica (interna ed estera), che la loro forma di governo sia un qualche modello (questa è una loro questione interna), che sia desiderabile o no intrattenervi rapporti. Ma concretamente, qua riguardo alla Russia, non si può non notare che senza il suo intervento, perfettamente conforme al diritto internazionale (che è pattizio e consuetudinario, non affatto imposto da gendarmi mondiali come pretenderebbero gli Stati Uniti), la Siria è sopravvissuta come paese, invertendo una serie ininterrotte di aggressioni e assoggettamenti messi in atto dall’imperialismo negli ultimi 28 anni, senza alcun contrappeso. Ugualmente non si può non notare che pur rispondendo a interessi politici, economici e militari nell’area, l’intervento russo non ha mai messo in discussione la sovranità, l’integrità, il carattere interno della scelta della forma di governo e del governo stesso, del paese ospitante. Ritengo che rispetto a una potenza che decide unilateralmente di cancellare i paesi dalle carte, se è necessario uccidendo la popolazione, senza farsi scrupolo di ideare e realizzare una mostruosità politica come Daesh (e costruendo nello stesso tempo forze che gli si opponevano, da utilizzare come piano B, C, e via continuando), la differenza non sia di poco conto, per nessuna delle parti in causa. Tranne, ovviamente, quelle che criminalmente prendono parte al progetto.
Volendo ad ogni costo citare Lenin sulla politica del compromesso, sarebbe bene farlo con cognizione: “Un uomo politico, che desideri essere utile al proletariato rivoluzionario, deve saper distinguere i casi concreti appunto di quei compromessi che sono inammissibili, nei quali si esprimono opportunismo e tradimento, e indirizzare tutta la forza della critica, tutta l’acutezza di uno spietato smascheramento e di una guerra implacabile contro questi compromessi concreti. […] Vi sono compromessi e compromessi. Si deve essere capaci di analizzare le circostanze e le condizioni concrete di ogni compromesso e di ogni specie di compromesso. Si deve imparare a distinguere l’uomo che ha dato denaro e armi ai banditi per ridurre il male che i banditi commettono e facilitarne l‘arresto e la fucilazione, dall’uomo che dà denaro e armi ai banditi per spartire con essi la refurtiva. ” (L’estremismo malattia infantile del comunismo).
Vano è ogni insano riferimento alla presunta collaborazione di movimenti rivoluzionari storici con l’imperialismo (quali?). Spero che non si faccia riferimento alla tesi cospirazionista degli zaristi russi, che negavano l’esistenza di un movimento rivoluzionario autonomo e del Partito che lo guidava, liquidando la Grande Rivoluzione socialista dell’Ottobre come un putsch finanziato e diretto dagli imperialisti tedeschi… Così come sono fuori luogo, e anche offensivi, i paralleli con la Resistenza italiana che l’area pro-curda propone dall’inizio della contraddittoria alleanza con gli USA. La Resistenza combatteva gli invasori nazisti tedeschi e i fascisti italiani -non i sovietici- nell’ambito di un fronte a cui partecipava anche l’URSS, e con obbiettivi e finalità non affatto convergenti con quelle americane. Che per inciso, destinavano i lanci a tutte le formazioni tranne le Brigate Garibaldi, che salvo poche eccezioni erano equipaggiate con armi sottratte al nemico o prelevate con la forza dall’intercettazione di lanci destinati ad altri. E in generale, nessuna formazione della Resistenza italiana ha mai ricevuto artiglierie.
Gli stessi fatti si sono incaricati di smentire la validità di certe derive che hanno irretito le dirigenze curde. Gli imperialisti hanno usato le forze e il sangue del loro popolo, fino al raggiungimento o fino alla frustrazione dei loro obbiettivi nell’area -come si sta effettivamente verificando. Si parlava di prevedibilità, perché non si può dire che non fosse prevedibile il fatto che i curdi siriani fossero gettati nella spazzatura alla prima occasione e lasciati in balìa dei loro nemici turchi, o nella migliore delle ipotesi schiacciati dalle responsabilità del loro tradimento verso la Siria, paese che storicamente li ha accolti. La maggior parte della popolazione curda che vive in Siria, vi si è stanziata in fuga dalle persecuzioni turche, aggiungendosi a nuclei storici molto risicati. La Siria ha fornito negli anni protezione e in alcune circostanze anche addestramento ai guerriglieri del PKK nella sua lotta contro i turchi per un Kurdistan indipendente e socialista, dando peraltro protezione al capo del partito Abdullah Ocalan, in esilio a Latakia fino al 1998. Il cambio di paradigma avviatosi nel 1995 (abbandono del marxismo leninismo in favore del municipalismo di stampo anarchico, teoria certamente più digeribile e proponibile agli apparati di potere post guerra fredda) lo ha in seguito portato a cercare protezione in Europa, da parte delle cosiddette democrazie occidentali, dopo il vuoto creatosi data la scomparsa dell’interlocutore e riferimento tradizionale di tutti i movimenti di liberazione nazionale, l’Unione Sovietica. La sorte di Ocalan, venduto alla Turchia tramite l’intervento di forze speciali sioniste, non ha evidentemente insegnato nulla alla dirigenza curda sulla fiducia che si può riporre negli imperialisti americani. La lucentezza del premio promesso -il “grande Kurdistan”, così assonnate con il diabolico progetto della “grande Israele”, la ha accecata. Come accaduto alle sinistre nostrane nonostante la Naqba del 1948 (la Catastrofe della cacciata dei palestinesi dalle loro terre secolari): con analoga ottusità ci fu chi giustificò l’esistenza dell’entità sionista ravvisando nei kibbutzim una forma di socialismo realizzato. Oltre questo errore risalente, c’è qualcosa di più profondo, che inquina la sinistra dai tempi in cui veniva tranquillamente accettato il sentimento antisovietico, e la denigrazione sistematica (sulla base di mostruose menzogne e castelli di propaganda, peraltro) dell’URSS e di tutti i paesi in cui i comunisti esercitavano il potere (tuttora si attacca Cuba), o persino di esperienze non compiutamente socialiste, ma che i comunisti valutavano positivamente e appoggiavano. In parte questi sentimenti si coagularono, intorno agli anni del movimento del ’77, in correnti antileniniste, i cui epigoni, sulla scorta principalmente delle teorie negriane, diedero origine al movimentismo post-marxista degli anni ’90. In esperienze come quella dei confederalisi curdi, che non senza presunzione ha ritenuto obsoleto il marxismo leninismo (e prima, in parte, sulla questione del Chiapas), tutta questa parte di sinistra ha costruito il suo sentimento di rivalsa contro i comunisti, come se il temporaneo successo di quelle esperienze dimostrasse –a contrario– il fallimento del marxismo leninismo e l’evitabilità della dittatura del proletariato, l’accettazione dell’interclassismo e la prevalenza di contraddizioni non analizzabili con le categorie del materialismo storico e dialettico, e insomma la validità di tutte le critiche che avevano sempre portato avanti contro i comunisti. Ora che questo castello in aria sfuma, questa parte di sinistra, terminato il suo percorso di riassorbimento nei ranghi della società capitalista e di cooptazione nel mondo concettuale borghese, agonizza nella sua frustrazione, non riuscendo a esprimere più che invettive e stupidi anatemi.

Mi associo alla conclusione di un recente articolo (di Giovanni Di Fronzo, su Contropiano): “(…) gli obiettivi di smembramento e di destabilizzazione nei confronti di alcuni stati nazionali perseguiti dagli imperialisti sono inconciliabili con le legittime aspirazioni dei popoli oppressi; tali istanze opposte non possono trovare alcun punto di incontro, né in Siria, né altrove.” Fra l’altro, determinate scelte, fatte da quadri con alle spalle lunghi anni di conflitto, contro nemici non certo teneri come i turchi, devono essere valutate in maniera ancora più severa, dato che l’esperienza leva loro la scusante di non capire questa incompatibilità, e di dare a vedere di ritenere credibili e realizzabili le contropartite promesse da un paese come gli USA. I quali, pur avendo dovuto ritirarsi dalla Siria (dove invece ancora bivaccano truppe francesi), restano, insieme ai sionisti, una presenza stabile e una minaccia costante nell’area, tenuto conto del fatto che l’obbiettivo finale della campagna in Siria era arrivare all’Iran o comunque impedirgli di rompere l’accerchiamento via terra a cui è sottoposto (cfr. carta n. 2)

Poiché viviamo in Sardegna e lottiamo per il socialismo e l’indipendenza (che sia autentica) ho in mente una domanda che possa riportare chi legge alla realtà, se il viaggio nel conflitto siriano, pur così vicino, non sembri attinente e appaia lontano dalle questioni che ci riguardano. Se domani gli Stati uniti, per propria convenienza economica o strategica, promettessero il loro appoggio alla Sardegna contro l’Italia, le promettessero l’indipendenza politica, c’è qualche ulteriore novello Machiavelli che accetterebbe,  in nome del malinteso motto per cui il fine che giustifica i
mezzi? E soprattutto, questa promessa sarebbe credibile? Considerato che le lotte e i movimenti, nella nostra terra, spesso si frantumano su questioni molto più banali, o che basta il fango dell’elettoralismo per impantanarli con cadenza mortalmente precisa, potrebbe sembrare un quesito di fantapolitica. Ma il nodo sta tutto qua, e nessuno, su una questione che ci è vicina, si esimerebbe dal giudicare, né fra noi né dall’esterno, come pretendono i fans dei confederalisti curdi riguardo alle vicende siriane. Chi pensa di rispondere positivamente, dovrebbe farsi avanti con onestà: sarebbe bene dirimere questa contraddizione, prima di rischiare in modo irresponsabile di percorrere tratti di strada in cattiva compagnia.

Il sostegno alla popolazione civile curda non è in discussione, così come restano valide le motivazioni storiche che il popolo curdo può vantare nella sua lotta, specie nei confronti dell’oppressione turca. Precisamente per questi motivi, è dovere di ogni rivoluzionario riconoscere ed evidenziare i percorsi e i progetti ideologici che al contrario di guidare i popoli oppressi verso l’emancipazione, rinnovano le condizioni materiali del dominio sotto altre forme, protraggono il loro servaggio e li assoggettano a nuovi padroni e nuove catene, anche se dipinte a colori. La cosiddetta “rivoluzione del Rojava e le dirigenze che l’hanno diretta, hanno scelto e intrapreso un cammino che le allontana, forse definitivamente, dalla storia del movimento operaio e comunista, e delle lotte per l’autodeterminazione e il socialismo dei popoli oppressi. Nelle condizioni attuali non possono riscuotere alcun sostegno da chi lotta contro l’imperialismo.


*Ringrazio la compagna Marta Meloni per la fattiva collaborazione nella redazione del testo, e il compagno Gianfranco Castellotti per la condivisione delle carte allegate e la consulenza.

S’atòbiu internatzionali de Scida

Scida Assòtziu Indipendentista, cun su contributu de s’ERSU Casteddu, apariciat sa de cincu editzionis de s’Atòbiu Internatzionali de sa gioventudi indipendentista. Ocannu eus a tenni delegatzionis de Catalunya, Galizia, Euskadi e Veneto.

PROGRAMA:

Cenàbara 7 de su mesi de Idas h 10:30
CUNFERENTZIA DE IMPRENTA / PRESS CONFERENCE
@Sala Maria Carta, ERSU – Via Trentino, Casteddu.

Cenàbara 7 de su mesi de Idas h 18:00
CUNVENNIU INTERNATZIONALI / INTERNATIONAL MEETING
Atòbiu2018 – 5th International Meeting of Young Independentists
@Aula SIA 1F (Ex Aula6) – Polo SEPG
Via Sant’Ignazio – Casteddu

Sabudu 8 de su mesi de Idas h 21:00
CUNCERTU PO S’ATOBIU2018 / CLOSING PARTY
Randagiu Sardu feat Quilo | Su Dotori & AlexP @Su Tzirculu
Via Molise 58 – Casteddu

Ant a sonai: / Live concert:
Randagiu Sardu feat Quilo kg Sa Razza
“Su Dotori & Alex P. remixes” from dr.drer & crc posse

L’ascesa dei nazisti di Vox in Andalusia è colpa degli indipendentisti catalani?

di Andìa Pili

Le elezioni svoltesi domenica scorsa in Andalusia rappresentano un importante segnale per lo scenario politico generale spagnolo, essendo state le prime importanti elezioni dopo quelle catalane post 1-O. In pochi si aspettavano l’ascesa di Vox, formazione di estrema destra (misogina, razzista, sciovinista) dai toni che più ricordano quelli della dittatura di Franco: dopo aver conseguito oltre il 10% dei voti, porterà ben 12 deputati nel Parlamento andaluso. Mentre gli altri partiti di Destra (il PP erede diretto del franchismo e il nuovo volto della Destra nazionalista neoliberale Ciudadanos) hanno dichiarato di voler trattare con tale partito per un accordo di governo (i tre hanno i numeri per la maggioranza assoluta). I due maggiori sconfitti sono la Sinistra statale di governo e di alternativa: il PSOE andaluso, governante la regione in maniera clientelare da decenni, ha denunciato il carattere «anticostituzionale» di Vox e chiamato ad un accordo con le altre forze politiche per scongiurare il pericolo; Adelante Andalucia, il raggruppamento dominato dalla fazione più a sinistra di Podemos,  «fascista».

Si tratta comunque di uno shock per i progressisti di un Paese che riteneva di non essere toccato dall’onda sciovinista che ha colpito quasi tutta l’Europa, tra cui le vicine Francia con Le Pen o l’Italia con Salvini. Sulla stampa si è quindi alla ricerca delle ragioni di tale disastro per la «democrazia» spagnola; l’indipendentismo è subito stato messo sul banco degli imputati. Ad esempio, l’importante giornalista Ignacio Escolar di El Diario ha scritto che l’indipendentismo catalano avrebbe «ingrassato» il nazionalismo spagnolo e in tanti esprimerebbero, tramite il voto a Vox, il proprio rifiuto dell’autodeterminazione catalana.

Simili argomentazioni, recentemente, sono comparse per incolpare i nazionalisti catalani rei di non voler votare la finanziaria del governo Sanchez, sostenuta anche da Podemos. L’accusa è, in sostanza, di voler mettere la questione catalana prima dei diritti sociali. La grande omissione è che proprio il Tribunale Costituzionale ha bocciato diverse misure sociali volute dal governo Puigdemont. Insomma, si vorrebbe che gli indipendentisti catalani rinunciassero a far pesare la propria presenza parlamentare per sostenere la liberazione dei propri esponenti attualmente prigionieri politici o in esilio.

Come fatto notare dalla deputata del BNG, Olalla Rodil, la critica ha senso quanto accusare il femminismo e gli immigrati di aver provocato l’ascesa di una forza maschilista e razzista. La critica è molto pertinente in quanto, sul piano teorico, porta a rifiutare l’intersezionalità delle lotte in favore di presunte «cose più importanti». Chi soffre una determinata condizione di oppressione (nazionale, coloniale, di genere, di «razza») dovrebbe ritenere marginale, poco importante, la propria emancipazione. Il problema è sempre l’incomprensione della questione nazionale interna, per chi ritiene che la nazione statale sia il campo d’azione privilegiato. Sul piano politico, per la Sinistra statale, si tratta soltanto di trovare un capro espiatorio a cui dare la colpa della propria debolezza o incapacità, per nascondere i propri errori.

Ritengo esemplare il deputato di ERC a Madrid, Gabriel Rufian, che ha invitato a comprendere come la lotta per l’indipendenza catalana possa invece rappresentare la tomba per il fascismo spagnolo, una rottura con lo Stato-Nazione che offrirebbe l’occasione per un autentico cambiamento.

Tuttavia, una vera collaborazione interstatale contro il fascismo non può passare per una finta gerarchia delle lotte che costringa i movimenti nazionali a rinunciare alle proprie rivendicazioni e veda il diritto all’autodeterminazione come ad un’opzione sacrificabile.

 

Domenica in piazza per Kurdistan e Luisi Caria

Domenica si scenderà in piazza a Cagliari per dimostrare che l’inquisito Luisi Caria e gli altri perquisiti nell’ambito dell’inchiesta sui presunti combattenti sardi in Kurdistan non sono soli e possono contare su una vasta rete di solidarietà e complicità.

La manifestazione è stata chiamata dalla Rete Kurdistan Sardegna ed è stata subito sottoscritta da un ampio spettro di forze politiche che gravitano intorno ai valori dell’internazionalismo e della lotta per l’autodeterminazione dei popoli oppressi.

Quindi domenica 30 settembre in piazza Yenne alle ore 16 – si legge in una nota diffusa ai giornali – scenderà in piazza il blocco politico contrario al tentativo di criminalizzare l’opposizione al terrorismo del Daesh (più noto come ISIS) da parte della  resistenza kurda, l’intero movimento di solidarietà e i sardi che difendono la propria terra e il diritto all’autodeterminazione.

La nota prosegue con la descrizione dei gravissimi fatti iniziati lo scorso 15 settembre con la cosiddetta operazione antiterrorismo guidata dalla Digos di Nuoro:

Sono state perquisite le abitazioni di Luisi Caria e Antonello Pabis, persone stimate e molto note anche per la loro solidarietà al movimento Kurdo che realmente ha combattuto e vinto il terrorismo dell’ISIS, con l’incredibile e infamante di sospetto di appoggiare proprio il terrorismo.

In quell’occasione quasi tutti gli organi di informazione hanno associato al nome di Caria l’appellativo foreign fighter, e la perquisizione della sua casa, come quella di Pabis, scandalisticamente è stata resa pubblica prima che terminasse.

Centinaia di note di protesta di altrettante organizzazioni politiche, sindacali e del volontariato sociale, oltre a migliaia di messaggi individuali provenienti anche dalla penisola e dall’estero e alla più corretta ricostruzione anche da parte degli organi di informazione in Sardegna, hanno consentito di stroncare l’allarme sociale provocato nelle prime ore e a ripristinare alcune verità.

Le armate popolari kurde YPG e YPJ hanno combattuto l’ISIS pagando un prezzo di sangue altissimo.

Molti combattenti internazionali si sono uniti alla lotta a quel terrorismo sostenuto dalla Turchia, dal Qatar (quello del Mater Olbia) e che ha colpito più volte anche diverse città europee.
I sardi solidali combattono, con altre armi, per la difesa dell’isola dall’inquinamento e contro le basi militari, per la difesa della sanità pubblica e contro la fabbrica delle bombe, per il diritto all’autodeterminazione, per la solidarietà e contro l’egoismo.

Ma da chi e perché è stata promossa l’azione della magistratura? Chi ha interesse a infangare i volontari internazionali che hanno combattuto contro i veri terroristi? Chi ha interesse a promuovere l’allarme sociale e quindi il terrorismo mediatico? È solo un caso che quell’operazione venga promossa in prossimità delle elezioni? Chi vuole intimidire chi? Sono tutte domande scomode, inquietanti,ma ce le dobbiamo porre. La Rete Kurdistan Sardegna con tutte le forze che la sostengono, promuove per Domenica 30 settembre una Manifestazione di protesta contro il tentativo di criminalizzare l’opposizione al terrorismo del Daesh (più noto come ISIS) da parte della eroica resistenza kurda, l’intero movimento di solidarietà e i sardi che difendono la propria terra e il diritto all’autodeterminazione.

CI VEDIAMO IN PIAZZA YENNE DOMENICA 30 ALLE ORE 16 IN PIAZZA YENNE PER PORTARE SOLIDARIETA’ AGLI INQUISITI E ALLA RESISTENZA KURDA. 

SOLIDALI CON CHI RESISTE!

Domani a Cagliari la risposta alla repressione contro Luisi Caria e gli altri perquisiti

 

Domani a Cagliari è in calendario una importante assemblea sul Kurdistan in risposta alla gravissima provocazione poliziesca ai danni di Luisi Caria, Antonelli Pabis e di un altra persona di cui ancora non si conoscono le generalità.  Al termine di questo intenso fine settimana – scrivono gli organizzatori dell’evento – sarebbe superfluo riepilogare la cronaca di quanto accaduto, già ampiamente riportata dagli organi di stampa locali e dalle tante dichiarazioni di solidarietà dei movimenti sardi, collettivi, giuristi democratici, intellettuali, partiti, sindacati di base e singoli cittadini.

L’infamante insinuazione di terrorismo proprio verso chi il terrorismo l’ha combattuto e lo combatte, si è propagata anche a tutti i singoli soci e amici che da anni si impegnano nella tutela dei diritti umani e nella solidarietà con il popolo curdo.

Siamo sgomenti per l’assurdità delle motivazioni delle indagini che la mattina del 15 settembre scorso hanno portato alle perquisizioni personali e domiciliari di Antonello Pabis e Luisi Caria, due persone che non hanno mai fatto mistero delle loro posizioni e azioni politiche.

Temiamo che l’intera vicenda possa dare adito all’ennesima interpretazione fuorviante della realtà.

La lotta dei kurdi nel Rojava arriva fino ai principali organi di stampa in maniera attutita e incompleta, tuttavia, anche se ciò che trapela è una flebile eco, risulta adamantino e tutt’altro che fraintendibile che le Unità di Protezione popolare kurde rappresentino le forze che effettivamente hanno contrastato la presenza dello Stato Islamico nei territori della Siria del Nord. Quello stato islamico che ci ha terrorizzato con le immagini terrificanti dei suoi tagliagole di fronte alle spiagge del Mediterraneo, nei teatri di Parigi e per le strade di Bruxelles. La stessa organizzazione che ha fatto tornare la minaccia del terrorismo in cima alla lista delle nostre paure. Le parole e i fatti in questa vicenda devono avere una logica: chiunque sia solidale con il popolo curdo che combatte strenuamente quella minaccia e che quell’orrore lo vive quotidianamente in casa propria, come può essere considerato un terrorista?

Antonello Pabis non è un terrorista, è presidente dell’Associazione Sarda Contro l’Emarginazione, ha dedicato tutta la sua vita all’impegno umanitario e alla difesa dei più deboli, contro ogni angheria e contro ogni causa di emarginazione e discriminazione sociale.

Luisi Caria è un indipendentista sardo, un generoso militante internazionalista che non ha mai nascosto il suo appoggio alla lotta di autodeterminazione del popolo curdo. La sua presunta adesione all’International Freedom Batallion (composto da volontari internazionali che combattono accanto ai kurdi) non lo renderebbe un terrorista e neanche un foreign fighter, l’ennesimo termine fuorviante che abbiamo visto comparire questi giorni sui principali organi di stampa e che sappiamo essere foriero di tutt’altra letteratura.

La Rete Kurdistan Sardegna chiama a raccolta, collettivi, associazioni, organizzazioni politiche e individualità per partecipare all’iniziativa che si terrà giovedì 20 settembre alle h 17, a Sa Domu Ocupada, via Lamarmora 126, Cagliari.

Di seguito la lista delle adesioni fino a questo momento:

Rete Kurdistan Sardegna
Associazione Sarda Contro l’Emarginazione
USB Sardegna
Cagliari Social Forum
Caminera Noa
A Foras
Laboratorio Politico Sa Domu
CUA (Collettivo Universitario Autonomo)
RUAS (Rete Unitaria Antifascista Sulcis Iglesiente)
MLC (Movimento Lotta per la Casa)
Su Tzirculu
Associazione Madiba
Associazione Chentu Concas
Occupazione Popolare il Paguro
Kumone Otzastra Sarrabus 
Collettivo Furia Rossa – Oristano
PCL (Partito Comunista dei Lavoratori)
Presidio Piazzale Trento
Associazione Tramas de Libertade
Associazione Internazionale delle Filosofe
Il Manifesto Sardo
Associazione Sarda per l’Attuazione della Riforma Psichiatrica
Zenti Arrubia – Bologna (Colletivu Sardu de Disterraus Sardus)
Mensa Occupata Napoli
Rete Kurdistan Roma
Csoa La Strada – Roma
Liberu
Casa del Popolo Bosa
ARCI La Gabbianella Fortunata
Assemblea Permanente Contro il Carcere e la Repressione – Udine
Ex Caserma Liberata – Bari
Rete Jin
Jineolojî Italia
Banduleras-Atòbia Feminista
Collettivo Exit – Barletta
YaBasta Bologna
Làbas – Bologna
Cs TPO – Bologna
LOA Acrobax project – Roma
Sinistra Anticapitalista 
Sinistra Indipendentista Sarda – Movimento Anticapitalista
Laboratorio Metropolitano di Cultura Indipendente – Roma
C.s.o.a. Officina 99
L.O. Ska – Napoli
Casa delle Donne – Milano
Iniziativa Libertaria – Pordenone
Kurdistan Solidarity Campaign – UK
Comunidade – Gavoi
Casa del Popolo Carbonia 
(in aggiornamento)

La Sfida Catalana in Sardegna: 7 date con Marco Santopadre

Il nuovo soggetto-progetto politico anticolonialista sardo Caminera Noa e il Comitadu Sardu pro sa Repùblica de Catalunya, insieme a Su Tzirculu, su Circulu literàriu Joyce Lussu, Furia Rossa, la Casa del Popolo di Bosa, il circolo Tirrindò e Res Publica, organizzano una serie di presentazioni in Sardegna del libro del giornalista e militante internazionalista Marco Santopadre  La sfida catalana. Cronaca di una rivoluzione incompiuta (ed. PGreco)

Santopadre, da sempre attento alla lotta delle nazioni senza stato, compreso il movimento per l’indipendenza della Sardegna, (terra che frequenta molto spesso, oltretutto Santopadre collabora spesso anche con il nostro blog), è stato diretto testimone degli straordinari giorni in cui la Catalunya ha votato per dire SI o NO all’indipendenza e alla fondazione di una Repubblica catalana indipendente.

L’1 ottobre del 2017 infatti milioni di catalani e catalane sono andati a votare per il referendum sull’autodeterminazione sfidando i divieti del governo di Madrid e la indiscriminata repressione di un vero e proprio esercito di occupazione. Si è trattato del più massiccio atto di disobbedienza civile e politica mai avvenuto in Europa negli ultimi decenni, in nome della sovranità popolare e della democrazia, seguito due giorni dopo dallo sciopero generale più imponente realizzato dalla morte del dittatore Francisco Franco.

Il giornalista e militante della sinistra anticapitalista ed anti europeista Marco Santopadre

Una sfida frutto dell’irrigidimento nazionalista della classe politica spagnola e della devastante crisi economica, del processo di centralizzazione in atto nell’Unione Europea e dello svuotamento della democrazia rappresentativa. Da una parte una Repubblica sostenuta da una popolazione partecipe e determinata, dall’altra una Spagna monarchica e autoritaria in cui gli elementi di continuità col franchismo sono numerosi, sostenuta dall’Unione Europea e dalle grandi imprese. Ad alcuni mesi di distanza l’autonomia catalana è stata ridotta e commissariata e decine di dirigenti e militanti politici sono stati rinchiusi in prigione per reati politici o sono stati costretti all’esilio, in un paese in cui artisti o semplici cittadini finiscono in carcere per un tweet o per il testo di una canzone contro i Borboni o la corruzione della classe politica ma dove i responsabili di un brutale stupro ottengono un trattamento di favore. Di questo – e di molto altro – parla “La sfida catalana. Cronaca di una rivoluzione incompiuta”, che verrà presentato dall’autore e da esponenti dei movimenti e delle associazioni che hanno organizzato l’evento in Sardegna, spesso anch’essi testimoni diretti dei fatti legati al referendum per l’indipendenza catalana.

Eccole coordinate della presentazione del libro e la pagina fb di Caminera Noa che lo pubblicizza:

18 luglio, Cagliari, Su Tzirculu, via Molise 58, ore 21
19 luglio, Siniscola, Gana ‘e Gortoe, Via Olbia, 42, ore 20
24 luglio, Villacidro, Circulu literàriu Joyce Lussu, piazza Zampillo, ore 18:30
21 luglio, Oristano, Libreria Librid, piazza Eleonora, ore 18
25 luglio, Bosa, Casa del Popolo, Via Cugia 14, ore 19
26 luglio, Sassari, Circolo Tirrindò, via Masia 2 (piazza Università). ore 18:30
27 luglio, Alghero, Res Publica, ex caserma, piazza Pino Piras, ore 20

Dittatura europea

di Marco Santopadre

L’Italia non è una Repubblica presidenziale, e non assegna alla presidenza le funzioni che prima Napolitano e poi Mattarella hanno abusivamente esercitato in questi ultimi anni manovrando a favore delle compatibilità dettate dall’Unione Europea e dai mercati. Il governo Di Maio-Salvini sarebbe stato una iattura, ma quanto un governo Renzi-Berlusconi (da tempo in gestazione ma fallito per il magrissimo risultato incassato da PD e Forza Italia). E’ assolutamente intollerabile che Mattarella invece che della Costituzione e del mandato popolare si faccia interprete dei diktat di Berlino, di Bruxelles e delle Borse ponendo il veto su un ex ministro scopertosi recentemente critico nei confronti dellEuro e dell’Ue. Non abbiamo visto negli ultimi decenni gli inquilini del Colle altrettanto protagonisti quando si trattava di rimandare indietro leggi incostituzionali o sbarrare la strada a ministri corrotti e mafiosi, dell’uno o dell’altro schieramento.
A questo punto è anche assurdo che si continuino in questo paese (nello stato Italiano N.d.R.)  a convocare elezioni visto che a decidere chi governa è il Presidente della Repubblica su mandato del governo tedesco e dei mercati finanziari.
La cosiddetta sinistra che in questi giorni ha sostenuto a spada tratta le indebite ingerenze e i veti di Mattarella non solo ha dimostrato per l’ennesima volta di lavorare per il ‘Re di Prussia’ -o meglio, per la Cancelliera tedesca – ma anche di aver perso del tutto il contatto con la realtà.
Dopo il fallimento del governo gialloverde a causa dei veti di Mattarella e degli interventi a gamba tesa dell’UE, M5S e Lega potranno presentarsi al voto come integerrimi difensori della sovranità nazionale e popolare e vittime di un complotto, e faranno il pieno di voti ben oltre i risultati dello scorso 4 marzo. E questo nonostante il programma di governo di Conte fosse infarcito di misure a favore del padronato e della media borghesia come la flat tax, di norme xenofobe, e fosse stato espunto dalla maggior parte dei provvedimenti invisi all’Ue e ai poteri forti. Ma ora Salvini e Di Maio potranno presentarsi all’elettorato come dei campioni della democrazia, mentre la sinistra mainstream, quella che trova spazio su Tv e giornali, difende la dittatura dei mercati e della gabbia europea.
Se la cosiddetta sinistra pensa di combattere l’avanzata del fascismo e della xenofobia nella società italiana farebbe bene a lasciar perdere che combina solo danni.

La Sicilia studia la propria lingua: il siciliano

La giunta regionale si è riunita ieri in seduta straordinaria ad Agrigento in occasione del 72° anniversario dell’Autonomia siciliana.

Il  governo ha deciso che il 15 maggio, festa dell’autonomia siciliana, non sarà più vacanza nelle scuole, ma sarà una giornata dedicata alla storia dell’Autonomia. Inoltre nei programmi scolastici, dal prossimo anno, verrà introdotto lo studio della storia di Sicilia e della sua lingua.

Approvato, infine, anche lo schema di nuove norme di attuazione dello Statuto in materia finanziaria (in riferimento agli articoli 36, 37 e 38).

Da ilSicilia

Per la Spagna essere indipendentisti è più grave di essere assassini

Abbiamo Intervistato Joan-Elies Adell, ex direttore dell’Ufficio di Alghero della Delegazione del Governo Catalano in Italia (servizio attualmente sospeso a causa delle misure repressive attuate dallo stato neofranchista in seguito alla proclamazione di indipendenza del Parlamento catalano). A lui e a tutti i cittadini catalani ingiustamente colpiti dalla repressione va la solidarietà della nostra Redazione.

  • Jordi Sànchez, ex presidente dell’Assemblea Nacional de Catalunya (ANC, ndt) e numero due della lista di Junts per Catalunya (quella di Carles Puigdemont), sarebbe dovuto diventare presidente della Generalitat, però il giudice del Tribunale Supremo non l’ha lasciato uscire di prigione per l’atto d’investitura, dove si trova in arresto preventivo dal 16 ottobre 2017, con l’accusa di ribellione dal tribunale supremo spagnolo. Cosa sta succedendo in Spagna e in Catalogna?

Ciò che sta succedendo in Catalogna è che lo Stato Spagnolo non sta accettando né rispettando i risultati delle elezioni del 21 dicembre 2017, convocate in maniera forzata e poco chiara dal Governo Spagnolo, dopo l’applicazione, anch’essa forzata e anticostituzionale, dell’articolo 155 della Costituzione Spagnola. Lo Stato Spagnolo, attraverso un uso partitico di una magistratura non indipendente, sta impedendo alla maggioranza indipendentista di scegliere i suoi candidati alla presidenza della Generalitat. È successo con l’attuale presidente, Carles Puigdemont, è successo due volte con le candidature di Jordi Sánchez, ed è anche successo con la candidatura di Jordi Turull. Nonostante questi due candidati, che sono imprigionati a Soto del Real (Madrid),  non siano ancora passati in giudizio e trovandosi quindi in arresto preventivo, (con tutti i diritti politici intatti), il Tribunale Supremo non li ha lasciati andare al Parlamento della Catalogna, perché, secondo il giudice, avevano molte possibilità di essere eletti presidenti e questa sarebbe stata una opportunità per continuare con la loro “azione delinquente”.

  • Nel cuore dell’Europa oggi ci sono prigionieri politici ed esiliati. Cosa hanno fatto queste persone per meritarsi accuse che, se passate in giudicato, potranno arrivare a trent’anni di carcere?

In pratica, al momento abbiamo i principali politici e attivisti catalani in esilio o in prigione. È già mezzo anno che Jordi Cuixart, presidente dell’Òmnium Cultural, e Jordi Sànchez, allora presidente dell’ANC e adesso deputato di Junts per Catalunya, sono stati imprigionati a Soto del Real. Oggi, un giorno prima che il calendario marchi il sesto mese [Joan Adell ci risponde il 14 aprile 2018, ndt], a Barcellona si farà una grande manifestazione per chiedere la loro liberazione e anche quella degli altri prigionieri politici indipendentisti: Oriol Junqueras (Vicepresidente del Governo ddi Catalogna, Quim Forn (Ministro dell’Interno), Jordi Turull (Ministro della Presidenza), Carme Forcadell (Presidente del Parlamento della Catalogna), Raül Romeva (Ministro degli Esteri), Josep Rull (Ministro dell’Ambiente) e Dolors Bassa (Ministra degli Affari Sociali). E non dobbiamo dimenticare che abbiamo in esilio in Germania il Presidente Puigdemont, in Belgio ci sono Lluís Puig (Ministro della Cultura), Toni Comín (Ministro della Salute) i Meritxell Serret (Ministra dell’Agricoltura), mentre in Svizzera ci sono Marta Rovira (segretaria generale di Esquerra Republicana de Catalunya – ERC) e Anna Gabriel (Candidatura d’Unitat Popular – CUP).

La maggior parte di questi politici e attivisti sono accusati del reato di ribellione, che nel codice penale spagnolo, significa una pena fino ai 30 anni di prigione, e che include diverse categorie di applicazione, fra queste quella di essere responsabili di questa condotta chiunque si alzi “violentemente e pubblicamente” per dichiarare l’indipendenza di una parte del territorio nazionale; derogare, sospendere o modificare totalmente o parzialmente la Costituzione; o destituire o spogliare il re dalle sue facoltà, fra i vari casi. Cioè, la Giustizia spagnola, per aver organizzato il referendum del 1° ottobre, accusa questi politici e attivisti di reati come, ad esempio, il tentativo di golpe militare del Colonnello Tejero del 23 febbraio 1981 o il colpo di Stato del 18 luglio 1936 del Generale Franco, che portò la dittatura in Spagna per 40 anni. Per la giustizia spagnola, quindi, il delitto che si imputa ai politici che hanno organizzato il 1° ottobre è più grave, ad esempio, un assassinio.

  • L’ex presidente della Generalitat Puigdemont è stato arrestato in Germania su mandato di cattura europeo chiesto dalla Spagna. Non rischia di essere un boomerang per la giustizia spagnola che in tal modo favorisce l’internazionalizzazione di una questione che finora ha cercato in tutti i modi di trattare come una questione interna?

Lascia che vi corregga. Non è l’ex presidente: Carles Puigdemont è ancora il Presidente eletto del Governo della Catalogna, il 150° Presidente della Generalitat, finché il Parlamento della Catalogna non ne sceglie un altro. La forma in cui è stato sospeso dalla presidenza della Generalitat, è in una applicazione dell’articolo 150 della della Costituzione Spagnola totalmente contraria alla stessa Costituzione Spagnola e allo Statuto di Autonomia della Catalogna. Per quelli che si riempiono la bocca di “legalità”, [La Spagna, ndt] non ha avuto nessun tipo di scrupolo nel forzare le sue proprie leggi per farsi carico dell’autonomia della Catalogna in maniera illegale ed illegittima.

Rispondendo alla tua domanda, è ovvio che la detenzione in Germania, nel cuore d’Europa, di un presidente eletto come è Carles Puigdemont e la successiva scarcerazione attraverso una cauzione è stata un duro colpo contro lo Stato Spagnolo ed il suo intento di risolvere la questione catalana attraverso i tribunali e non con la politica. Che il tribunale territoriale di Schleswig-Holstein (Germania) abbia deciso di lasciare in libertà sotto cauzione Carles Puigdemont, dopo aver cassato questo giovedì [12 aprile 2018, ndt] il reato di ribellione, giacché, assicura, non è presente il requisito della violenza, va contro la versione costruita dallo Stato Spagnolo e cioè di accusarci di aver organizzato un colpo di Stato violento, quando ciò che si fece era l’organizzazione di un evento democratico quale è un referendum. E questo lo conferma la Corte Costituzionale Federale tedesca, che considera che l’imputazione del reato di ribellione sia “inammissibile”, poiché considera che in Catalogna non c’è stata violenza durante l’1-O (1 di ottobre, la data del referendum per l’indipendenza, n.d.R.) . Da ora in poi, mantenere l’incarceramento preventivo (non per prevenire un reato infondato bensì per annientare il nemico politico e, più genericamente, strappare le radici della nazione catalana e le sue aspirazioni di libertà) per Jordi Cuixart e Jordi Sànchez, Oriol Junqueras e Joaquim Forn, Raül Romeva, Jordi Turull, Josep Rull, Carme Forcadell e Dolors Bassa, apparirà agli occhi del mondo (inclusi quelli degli spagnoli più convinti) come ciò che è realmente, una palese ingiustizia propria di uno Stato in meteorica regressione alle forme più deliranti di autoritarismo post-democratico.

  • Qual è la posizione dell’ONU a proposito?

La Commissione dei Diritti Umani dell’ONU ha sollecitato la Spagna a rispettare i diritti politici di Jordi Sànchez. In una risoluzione, dice: “Si è richiesto allo Stato membro [la Spagna, nda] di prendere tutte le misure necessarie affinché Jordi Sànchez possa esercitare i suoi diritti politici conformemente all’articolo 25 del Convegno”. Nonostante tutto, il giudice del Tribunal Suprem Pablo Llarena ha ignorato questa risoluzione, e ha negato a Jordi Sánchez la possibilità di uscire dalla prigione per partecipare all’atto dell’investitura per due volte. Ci troviamo, quindi, con una specie di “Colpo di Stato” giudiziario, giacché proprio il giudice “riconosce di star limitando i diritti” del deputato Jordi Sànchez, e che lo fa “anteponendo alcuni supposti diritti collettivi spagnoli”. La giustizia spagnola ha disprezzato la risoluzione della Commissione dei Diritti Umani dell’ONU, malgrado il suo effetto vincolante. Il giudice sarà obbligato a rispettare questa decisione e, non facendolo, starà disobbedendo all’ONU. Pare che per la giustizia spagnola sia più importante l’unità di Spagna che il rispetto dei diritti umani.

Qual è la posizione dell’Unione Europea?

La questione catalana è una questione europea fin dal principio. Gli attriti fra Catalogna e Spagna sono secolari, però il salto inaspettato che ci porta alla questione catalana a partire dal 2010, dal nazionalismo rivendicativo alla scommessa dell’indipendenza, non si capisce senza il segno della crisi che si trascina l’Europa, frutto dello sconcerto generato nella cittadinanza dall’incapacità di risposta politica all’accelerato processo di globalizzazione e alla crisi del 2008, che ha diviso a metà la classe media e ha seminato il panico in ampi settori della società. 

Se europea è l’origine, europea è stata la risposta. Non c’è dubbio che l’immobilismo – che tanto sorprende gli osservatori stranieri – sia definito nel carattere del presidente Rajoy, tanto allergico ai progetti politici quanto convinto che niente sia più efficace di lasciare che i problemi si volatilizzino da soli. Il turno autoritario che vive la Spagna, pretendendo di risolvere la questione catalana con la via giudiziale, e con un uso senza complimenti del Codice Penale in materia di libertà di espressione, con la persecuzione dei delitti di odio e con una pratica sempre più soggettiva e interpretativa della giustizia, è comune in tutta Europa. La compiacenza delle autorità europee con i regimi autoritari dell’Ungheria e della Polonia rinforza la reazione conservatrice. E, a questo, si aggiunge la crisi della socialdemocrazia, che senza bussola né progetto, senza altra aspirazione che salvare i propri fregi (cammino verso la disfatta definitiva), si accomoda acriticamente sulla moda autoritaria.

Con Puigdemont in Germania, l’Europa è più cosciente che mai che il caso catalano esista. Il discorso ufficiale tedesco ripete lo slogan: problema interno della Spagna. Parte della stampa e dei partiti europei divergono. Il fatto che la Germania non abbia riconsegnato Puigdemont senza validi motivi alla Spagna, ha fatto in modo che il problema catalano sia un problema europeo. E lo sarà sempre di più.

Tu sei il direttore dell’Ufficio di Alghero della Delegazione del Governo Catalano in Italia. Perché l’ufficio è stato chiuso? Quali erano le vostre attività prima della repressione governativa della Spagna?

Non lo sono più. Noi lavoratori pubblici dei consolati della Generalitat all’estero siamo stati tutti congedati con l’applicazione del 155. Il personale dell’Ufficio di Alghero, che era vincolato organicamente a Roma, ha perso il lavoro come il resto dei colleghi dei consolati di Parigi, Londra, Berlino, Lisbona, Vienna, Washington e Copenhagen. Malgrado la nostra occupazione fosse di carattere “tecnico” (nel mio caso, legato specialmente a questioni culturali e linguistiche, economiche e turistiche) il Governo Spagnolo non ha indugiato a sbatterci per strada. Dobbiamo ricordare che i consolati del Governo della Catalogna sono, infatti, un diritto riconosciuto dallo Statuto della Catalogna. Pertanto, la loro chiusura, ripeto, è un atto repressivo illegittimo perpetrato dal Governo Spagnolo. Nel caso concreto del nostro Ufficio di Alghero, il nostro compito principale era quello di promuovere, incanalare e potenziare le attività di comunicazione, di scambio culturale, di cooperazione e di supporto per la promozione della lingua e della cultura catalana nella città di Alghero; potenziare e rendere dinamiche le relazioni fra le istituzioni della Catalogna con quelle di Alghero e della Sardegna e aiutare nell’organizzazione di attività vincolate alla diffusione culturale, turistica, sociale e economica della Catalogna in Sardegna. Attività che, a quanto pare, il Governo spagnolo considera potenzialmente pericolose e sovversive.