Ma quali fratelli d’Italia? L’unità ha creato solo figli e figliastri!

L’epidemia da Covid-19 ha scatenato anche una epidemia di nazionalismo e sciovinismo italiano. Sono state diverse le iniziative di gruppi e perfino istituzioni a promuovere l’esposizione di tricolori ed esecuzioni dell’inno statale italiano. Una delle poche voci critiche è stata quella del prof. Francesco Casula il cui pensiero è stato persino censurato da un noto social.

Lo abbiamo intervistato.

  • Hanno avuto un discreto successo anche in Sardegna i flash mob legati alla diffusione del tricolore e inni dello stato. La tua è stata l’unica voce critica. Puoi spiegarci il tuo punto di vista?

Non è la prima volta che intervengo sui Media e sul mio profilo Facebook in merito al Tricolore a all’Inno italiano. Questa volta, volutamente sono intervenuto affermando con nettezza e radicalità, il significato mistificatorio dei due simboli del nazionalismo sciovinista italiano.

Inizio dall’Inno “Fratelli d’Italia”. La mistificazione è già tutta dentro tale espressione: l’”Italia unita” non ha creato fratelli ma figli e figliastri, colonizzatori (Nord) e colonizzati (Sud e isole); sviluppo da una parte e sottosviluppo dall’altra.

E comentecasiat nois sardos cun sos italianos non semus frades, antzis, mancu fradiles!

Mi è stato obiettato – da parte di una brava giornalista dell’Unione Sarda che mi ha fatto un’intervista – che tutti gli Inni patriottici sono retorici e patriottardi. Persino la Marsigliese. Certo. Ma la differenza sta tutta nei contenuti.

Fratelli d’Italia è trucemente militaresco, guerrafondaio, carico di cascami di una becera “romanità” (elmo di Scipio…schiava di Roma).

La Marsigliese è un Inno rivoluzionario, moderno, che guarda a un futuro di libertà e non a un passato infame di oppressione. È rivolto contro “la tirannia, i traditori, i re congiurati, i vili despoti”.

  • Insieme all’Inno molti hanno esposto anche il tricolore. Anche questo è un simbolo alieno al popolo sardo?

Il tricolore con il popolo sardo non c’entra un fico secco. E non tanto per la sua origine: nasce a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797, quando il Parlamento della Repubblica Cispadana, su proposta del deputato Giuseppe Compagnoni, decreta “che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco e Rosso”. Quanto per i significati che ha avuto e assunto nella sua storia: ideologici, culturali e politici, come espressione del leviatano statale, nemico e ostile al popolo sardo.

Ai più giovani ricordo che solo qualche decennio fa il Tricolore e l’Inno, erano di esclusivo appannaggio dei neofascisti del M.S.I e gruppazzi affini.

Gli altri Partiti – ma segnatamente quelli della Sinistra – nei loro Congressi, Ricorrenze e Feste esibivano le loro Bandiere e cantavano gli Inni della loro storia e tradizione, specie quelli afferenti alla lotta partigiana ed operaia.

Ma tant’è: oggi tutto è cambiato: una profonda μετάνοια, antropologica prima ancora che politica, sembra aver mutato geneticamente i Partiti: ripeto, soprattutto quelli della Sinistra. Di qui – ma è solo un esempio paradigmatico – il “culto” di tale bandiera, in una sorta di union sacrée.

  • In Catalogna durante il discorso del Re, la popolazione ha fragorosamente protestato. Perché molti sardi si identificano ancora con uno stato che li opprime e li umilia in tutti i modi!

Al contrario di quello che molti pensano, i sardi – per la gran parte – hanno un’identità debole e comunque più situata sul versante folcloristico che culturale e politico: magari affermano orgogliosamente DEO SO SARDU o sventolano i Quattro Mori (anche quando non c’entrano niente), ma non hanno un’acuta consapevolezza dei loro diritti, nutrono poca coscienza e stima di sé. Sono più usi alle lamentazioni, ai piagnistei e al consenso conformistico e servile che al dissenso, alla lotta, alla partecipazione.

Nella direzione del consenso e dell’integrazione subalterna nei confronti dello stato e dei valori (e idee) dominanti si muovono, i Media, il potere economico, la Scuola, i Partiti di stato (o di regime?). Che si sono impadroniti non solo del potere politico ma anche di quello burocratico e amministrativo e culturale. Hanno occupato manu militari le Università; gli Enti di qualsivoglia genere: ad iniziare da quelli bancari. Hanno i “loro” Sindacati, ad iniziare da CGIL-CISL-UIL.

Attraverso questi Enti controllano e dirigono l’opinione pubblica, distribuiscono posti di lavoro (per la verità sempre meno, specie con la crisi fiscale dello Stato), prebende e, mance.

A fronte di tutto ciò, c’è da meravigliarsi se i catalani protestano contro il discorso del re e i Sardi cantano l’Inno e sventolano il Tricolore?

Chistione feminile e autodeterminatzione de su populu sardu. Una mutida a nde faeddare

Unu murale chi amentat sor sos mortos de Bugerru de su 1904
de Giovanna Casagrande

B’at unu problema si sa “chistione feminile”, in Itàlia gai comente in Sardigna, non si ressit a irbolicare, che a sa “chistione meridionale” de su restu.

Ite est chi rendet custas duas chistiones simizantes?

Est làdinu: sa mirada de chie s’acòstiat e biet in sa diferèntzia de gènere (gai comente in sa diversidade setentrione-meridione) unu problema chi diat dèpere èssere isortu, non dae sas fèminas, est craru, ma dae chie guvernat.

Pro medas s’esèmpiu no at a èssere bene sestau, e puru provae a meledare supra su ruolu de sa fèmina, dae s’acabbu de sa secunda gherra a oje, e naze.mi si no est làdinu chi, a sas fèminas chi punnant a arribare a sos postos prus artos de sa polìtica, de sas professiones e fintzas de sa cultura, lis cumbenit a pompiare sa realtade chin sas ulleras de sos òmines.

Deo, dae medas annos apo postu a banda sa visione eterosessuada de sa sotziedade, cussa mirada chi biet sos gèneres a cuntierra, o unu “gènere prus dèbile” apunteddau e duncas non reconnotu che parìvile.

Dae meda, oramai, reconnosco e pràtico unu “locu” ube fèminas e òmines traballant,reconnoschende.si a pare, pro una polìtica, una cultura, una sotziedade ube sas diferèntzias non sunt unu disafiu, ma unu balore in prus.

Picamus, pro esempru, su chi est capitau in sos ùrtimos annos in Sardigna: in su 2013 una fèmina, sena bisonzu de èssere “reconnota” dae su sistema, s’est candidada in una porfia eletorale chi previdiat chi su podere polìticu, e duncas maschile, aeret reconnotu, ma fintzas nono, una candidadura “in colore de rosa”.

Ma comente fit possìbile chi una fèmina, chi fit benende dae su mundu culturale, e a mala annata indipendentista puru, podiat pessare de si candidare a sa gàrriga prus arta?

Ecco, deo bio, in cussu mamentu polìticu, una làcana chi non poto prus brincare, e difatis mi dimando, e bos dimando, comente est possìbile chi, nois fèminas, podimus cussiderare sa preferèntzia dòpia de gènere una bìnchida, chi tzertu est unu primu passu secotianu cara a sa candidadura de sas fèminas. Secotianu ca sos paisos iscandìnavos ant aplicau sas cuotas e sos incentivos a sa rapresentàntzia de gènere dae medas annos a commo.

Cando amus a èssere nois fèminas a nos convocare pro faveddare de su mundu a manera nostra, pro afrontare chistiones chi nos bient in prima lìnea die pro die ma semper a còdias in sa legislatzione, in sos issèperos, in sas mesas programmàticas. Guai a faveddare de su ruolu de sa fèmina ube no esistit una polìtica sotziale; de sa capatzidade nostra de parare fronte a sas emergentzias, resessinde a nos imbentare unu traballu, a rèndere sas impresas nostras produtivas e esticas: non balet!

Pesso chi in custu mamentu bi siat unu tretu ampru ube podimus, antzis DEPIMUS, traballare autodeterminande.nos, reconnoschende.nos a pare, chircande de non fàchere sos matessi irballos chi dae su femminismu rivolutzionàriu de sos annos ’60, nos custringhet adèpere rispetare e a non mudare in nudda su mundu chi nos inghiriat, a nos dèpere acunnortare a abarrare unu passu in secus, fintzas si ischimus bene chi podimus èssere sas menzus.

Deo bos pedo de fàchere una cosa: de non nos cuntentare de sos pititos chi sos legisladores, cumpanzos de partiu, collegas de traballu, cada tantu nos dant; bos invito a nos nche tirare sas tropejas chi nos ponimus nois matessi: sa tropeja de sa limba pro esempru, custu sardu chi, a su chi narant in medas, nos fachet grezas, ruzas: non damus securesa.

Depimus isseperare de faveddare in sa limba nadia, sa limba de tita, ca depimus torrare a mòghere dae nois, dae su chi semus, evitande de nos fàchere pònnere un’eticheta dae chie nos cheret che teracas fidadas.

Sardware: antigu ses tue!

de Costantino Pala

Sa Limba sarda est istada semper reprimida e minorizada in sos annos colados cun giudìtzios negativos; nande fintzas chi no siat adata a faeddare de cosas de iscientzia e tecnologia. Semus imbattidos a custa situatzione gràtzias a sas polìticas reprimidoras de sos annos colados contra a sas limbas minorizadas ma fintzas a s’impreu, semper prus minore de su sardu, mescamente in cosas de iscientzia e tecnologia. Tocat de s’ammentare chi, fintzas in dies de oe, tocat de intèndere zente nande chi su Sardu est una limba morta.
Arresonandebei unu pagu si podet cumprèndere luego chi totu sas Limbas, pro bìvere, si depent arrichire fraigande peràulas noas o mudande/agiunghinde significados noos a peràulas chi giai esistiant (eg: mouse, souris, ratón, sòrighe pro inditare su “mouse” de s’elaboradore).

Sardware e carchi bortadore indipendente tenent su mèritu de àere bortadu in Sardu carchi aplicu pro prataformas drivessas, pro sos elaboradores e pro sos telefoneddos. Custa est una cosa chi podet fàghere fintzas a rìere calicunu ma est manna ca est faghende a bìvere su Sardu annoande-lu.
Su de bortare un’aplicu in Sardu cheret nàrrere a àere peràulas noas ma fintzas a torrare a imperare peràulas ismentigadas (eg: tecladu pro “keyboard”) e chi podent èssere fintzas prus adatas a inditare una cosa de su currispondente suo italianu.

Cun custas resones amus detzisu de cumbidare in sa Sede nostra Sardware, chi at èssere rapresentada dae Adrià Martín, professore in s’Universidade Autònoma de Bartzellona e in s’Universidade de Casteddu. Issu nos at a chistionare de sa missione de Sardware, comente traballant e sos progetos pro su benidore issoro. Nos at a chistionare fintzas de comente su Cadalanu est imbàtidu a èssere una de sas prus presentes limbas in sos software e sistemas operativos cunfrontande-lu cun su protzessu chi est batinde su Sardu in su mundu de sos Software.

Totu sos detàllios de s’eventu si podent leghere abatigande subra de custu acàpiu

Ataturk: il primo grande massacratore dei Kurdi, ma esaltato dall’Occidente. Ecco perché

Immagine tratta da Quantara.de
di Francesco Casula

In Turchia, con Ataturk prima e con Ismet Inonu dopo (1930) vennero varate leggi (1934) che di fatto legalizzarono l’etnocidio del popolo kurdo.
Dopo la fallita rivolta di Shaikh Said (1925) le truppe turche devastarono il Kurdistan e ricorsero a deportazioni ed esecuzioni di massa (1925, 1928). In questi anni 8758 villaggi furono distrutti e 15.206 donne, bambini e uomini disarmati vennero brutalmente massacrati. Oltre 200 mila deportati morirono di fame, di stenti e di malattie. A riattivare la lotta d’indipendenza intervennero le rivolte del 1930 e quella di Darsim del 1937.
In Turchia la discriminazione socio-economica antikurda fu sancita da leggi liberticide che nel 1936, portarono all’integrazione del Codice penale degli articoli 141 e 142, ispirata alla legislazione fascista italiana (Codice Rocco).
Ancor oggi in Turchia è proibito parlare in kurdo. I Kurdi sono significativamente chiamati “I Turchi della montagna”(1).
I libri scolastici – ancora oggi – mentre non si degnano di nominare neppure i Kurdi, dedicano ampio spazio a Kemal soprannominato pomposamente “Ataturk”, ovvero “Padre dei Turchi” che dopo la Prima Guerra mondiale e la liquidazione dell’impero ottomano, fondò lo Stato Turco e fu suo Presidente dal 1923 al 1938.
Il più famigerato persecutore e massacratore del popolo kurdo viene celebrato dagli storici occidentalisti e progressisti (!) in modo entusiastico come “autorevole Giovane Turco”, “Valoroso ufficiale”, “ammodernatore” del Paese che grazie a lui diventerebbe “laico” e “democratico”.
Ecco – ma sono solo degli esempi – alcune “perle”. Secondo questi storici Ataturk “Fece propria la concezione modernistica e laicizzante”(2); “Lottò per l’indipendenza e la democrazia” (3); “Avanzò un notevole programma di riforme: tutte le religioni furono poste sullo stesso piano, si promulgarono nuovi codici, furono occidentalizzati il calendario e l’alfabeto, si abrogarono le tradizionali restrizioni cui erano soggette le donne. Fu promossa l’agricoltura, incentivata l’industria, vennero effettuate molte opere pubbliche” (4); “Fece varare una serie di riforme quali la fine dell’islamismo come religione ufficiale dello Stato, la laicizzazione dell’insegnamento, la promulgazione di nuovi codici, l’abolizione della poligamia, l’adozione dell’alfabeto latino”(5); “Avviò una vasta modernizzazione del sistema politico e dell’intera società ispirandosi ai modelli occidentali”(6); “Creò uno Stato moderno e laico”(7); “Si impegnò in una politica di occidentalizzazione e di laicizzazione dello Stato. L’esperimento riuscì solo in parte, ma ebbe il valore di un modello (sic!) per molti paesi impegnati sulla via della modernizzazione e dell’emancipazione dai vincoli coloniali”(8); “Poté attuare quelle grandi opere di rinnovamento interno che avrebbero trasformato un arretrato paese islamico in uno Stato laico, moderno e indipendente”(9); “Impose una serie di riforme che occidentalizzarono e laicizzarono lo stato e la società, fu introdotto l’alfabeto latino, fu adottato il calendario occidentale” (10).
A quest’entusiasmo occidentalizzante ed eurocentrico, osannante il Giovane Turco, xenofobo e precursore delle leggi razziste contro i Kurdi, massacratore degli stessi e della Comunità armena, secondo il criterio della “pulizia etnica” non sfugge neppure l’Unesco, organismo delle Nazioni Unite che ha il compito di proteggere e sviluppare le varie culture e le lingue del mondo, soprattutto nel campo dell’istruzione. Il 27 Ottobre del 1978 questo Organismo internazionale ha infatti deciso di celebrare il centesimo anniversario della nascita di Kemal Ataturk considerandolo come “Pioniere della lotta contro il colonialismo”. Nella decisione dell’Unesco si legge che il merito di Ataturk è stato quello di aver svegliato i popoli oppressi per condurli verso la libertà e l’indipendenza. Dio ci liberi da questo benemerito Organismo internazionale. C’è infatti da chiedersi: ma di quale libertà e di quale indipendenza, parla l’Unesco? Di quella forse che la Turchia anche con Ataturk ha riservato ai Kurdi?
Note Bibliografiche
1).Alessandro Aruffo – Carmelo Adagio – Francesca Marri – Marco Ostoni – Luca Pirola – Simona Urso, Geografie della Storia vol.3/1, Cappelli editore, Bologna 1998, pag. 124.
2).Franco Della Peruta, Storia del ‘900, Editore Le Monnier, Firenze 1991, pag.344.
3).Giovanni De Luna-Marco Meriggi- Antonella Tarpino, Codice Storia, vol.3, Il Novecento, editore Paravia, Milano 2000, pag. 107.
4) Antonio Desideri- Mario Themelly, Storia e storiografia, vol.3 secondo tomo, casa editrice D’Anna, Messina-Firenze, Gennaio 1992,pag.593.
5) G. Gracco-A.Prandi- F. Traniello, Le nazioni d’Europa e il mondo, vol.3, Sei editore, Torino 1992, pag. 385.
6) Mario Matteini-Roberto Barducci, Didascalica, Storia vol.3, Casa editrice D’Anna, Messina-Firenze, Gennaio 1997, pag. 44.
7) Aurelio Lepre, La Storia del ‘900, vol.3, Zanichelli editore, Bologna 1999, pag. 1115, paragrafo 51/2.
8) A. Giardina-G. Sabbatucci- V. Vidotto, Guida alla storia, Dal Novecento ad oggi, vol.3, Editori Laterza, Bari 2001, pag. 94.
9) A. Brancati- T. Pagliarani, Il Novecento, Editrice La Nuova Italia, Pesaro 1999, pag. 66.
10) Giorgio Candeloro-Vito Lo Curto, Mille Anni, vol.3, editore D’Anna, Firenze 1992, pag. 389.

Una motzione cumonale pro sa limba mama

CORONA DE LOGU
DIE INTERNATZIONALE DE SA LIMBA MAMA

Su 21 de frèargiu de cada annu est pro voluntade de sas Natziones Unidas, de su 1999, sa “Die internatzionale de sa limba mama”. Custa die est istada seberada dae s’Onu in ammentu de su 21 frèargiu 1952, cando medas istudiantes de s’Universidade de Dacca sunt bènnidos ochidos de sas fortzas de s’ordine pakistanas mentras manifestaiant pro su reconnoschimentu de sa limba issoro, su bengalesu, comente limba ufitziale de su Pakistàn.

Sa Corona de Logu, assemblea de sos amministradores locales indipendentistas de Sardigna, in custa die proponet unu atu polìticu a sos sòtzios suos. Cunsìderat difatis prioritàriu promòvere s’impreu de su sardu, limba mama nostra, in onni ocasione e, in antis de totu, in sas amministratziones pùblicas, chi acumprint unu ruolu de ghia pro sas pròpias comunidades.

Sa Corona de Logu proponet s’adotzione in Cussìgiu Comunale de una motzione pro sa promotzione de su bilinguismu e s’impreu de su sardu in cada Comunu. A motzione aprovada:

1) su Presidente de su Cussìgiu Comunale s’impinnat a faeddare in sardu a s’inghitzu de onnia reunione de su Cussìgiu Comunale;

2) sa Cussìgiu Comunale s’impinnat, pro su mèdiu chi cunsiderat prus oportunu (cunventzione cun sas Universidades, ativatzione de Isportellos Linguìsticos, àteru), a publicare in s’albu pretòriu istitutzionale sas delìberas de sa Giunta e de su Cussìgiu in limba sarda e in limba italiana;

3) su Cussìgiu Comunale pregunta a sos traballadores de su Comunu de faeddare in sardu cun sos tzitadinos e cun sos collegas de s’ente locale.

Sa motzione est istada presentada in sos Cussìgios Comunales de Bauladu, Gàiru, Macumere, Mòguru, Aristanis, Pabillonis, Samugheo, Iscanu, Serramanna, Serrenti, Simaba, Simaghis, Terraba, Ùssara Manna e Biddanoa de Forru.

Sa Corona de Logu si augurat chi in su benidore semper prus Comunus sardos si impinnent pro s’impreu de sa limba sarda in sos ufìtzios comunales, in atos amministrativos e in atòbios ufitziales, contribuinde gai a sa crèschida de una cussèntzia natzionale sarda in su populu in sas istituziones de s’ìsula.

❐ Leggi il comunicato bilingue: http://bit.ly/2XedBGN

EjaTV un sogno che si avvera

Intervista a Tore Cubeddu, ideatore del progetto di web TV EjaTV

  • Che cos’è Eja Tv e dove si può vedere? Quando è nata l’iniziativa?

Ejatv è una webtv nata 5 anni fa dall’incontro tra Terra de Punt, casa di produzione cinematografica di Tore Cubeddu (www.terradepunt.it) e Sardex (www.sardex.net). L’obiettivo era, da un lato, quello di creare una TV di comunità, un vettore di comunicazione che fosse capace di parlare a tutti i sardi con gli strumenti della modernità, dando spazio alle istanze delle tante imprese del Circuito e favorendo una maggiore aderenza tra i contenuti dei format e le attese promozionali degli inserzionisti; dall’altro Ejatv nasceva però anche dal sogno dei suoi fondatori (e di molti sardi) di diventare finalmente protagonisti della propria narrazione, nella propria lingua. Da allora a oggi molte cose sono cambiate. Sardex si è affermata come una grande società, esempio della infinita creatività di cui è capace la nostra isola, Terra de Punt ha focalizzato sempre di più la propria attività su Ejatv, coinvolgendo sempre nuovi partner di progetto.

Nel 2018, a seguito di un finanziamento della Regione Sardegna per la realizzazione di trasmissioni in lingua sarda, con Produzioni Sardegna (società che organizza molti grandi eventi in tutta la Sardegna) e Assòtziu Babel (associazione organizzatrice del Babel Film Festival www.babelfilmfestival.com), si è presentata l’occasione tanto attesa per poter finalmente porre in atto un progetto che ormai aveva oltre 15 anni, ovvero la creazione di un vero canale nelle lingue della Sardegna sul Digitale terrestre.

Da quel momento è stato determinante il supporto di Sardegna Uno, con cui l’ATI costituita da Terra de Punt, Produzioni Sardegna e Assòtziu Babel ha formalizzato un accordo per la comune gestione del canale 172, che oggi è la casa di Ejatv-Sardegna2, la prima TV che parla le lingue della Sardegna.

Tore Cubeddu, ideatore di EjaTV

Perché una TV tutta nelle lingue di Sardegna e non in italiano?

La TV esiste da 60 anni, ha mutato forma e tecnologia, ma la condizione della lingua sarda e delle altre lingue della Sardegna in TV ha continuato a essere sempre la stessa. Malgrado la Legge Regionale 26/1997 e la Legge 482/1999 sembrava quasi non ci fosse sufficente spazio per la nostra lingua. Abbiamo spesso paragonato questa presenza a un giro in giostra, alla durata di un gettone. Ora, grazie alla nuova legge di politica linguistica varata dalla Regione e al nostro progetto auspichiamo non sia più così.

Per questo abbiamo fortemente voluto un canale che per 24 ore, ogni giorno, parli e scriva le nostre lingue, in modo coerente, fino in fondo. Pro s’italianu b’at àteros 898 canales.

  • Quali sono gli argomenti che verranno trattati? Quali i programmi?

Il canale ha un carattere generalista, anche se punterà sulla cultura (non solo tradizionale) e sui giovani. I format in produzione sono diversi e tratteranno tutti i temi. Presto ci sarà anche il telegiornale. Ma possiamo dire serenamente che questa fase è quasi laboratoriale. Le nostre porte sono aperte a idee, proposte e collaborazioni. Far funzionare il canale non sarà semplice. Noi abbiamo fatto un primo passo e sappiamo che non saremo soli.

  • Che riscontri avete avuto finora?

Ottimi. C’è grande entusiasmo. Tuttavia, per questo sentiamo anche la responsabilità di una svolta storica di cui in qualche modo siamo portatori, ma di cui non vogliamo essere attori esclusivi. Il nostro più grande desiderio è ora quello di non tradire le attese, di essere all’altezza del nostro ruolo, di riuscire in breve tempo a strutturare quello che ci eravamo prefissi molti anni fa: la creazione di un canale TV sardo, per i sardi, in lingua sarda, che sappia camminare con le proprie gambe coinvolgendo le aziende e la società civile.

  • Critiche?

Per ora no. Molti consigli. Tutti ben accetti.

  • La lingua sarda può raccontare il mondo moderno?

Sa limba nostra podet contare su mundu comente totu sas àteras. B’at cosas chi esistint petzi si las numenamus in sa limba nostra. Si perdimus sa limba perdimus su mundu, su mundu chi nos apartenet, su mundu in ue bivimus, si perdimus sa limba no ischimus prus sa terra chi nos poderat. Si amus a resèssere a salvare sa limba nostra l’amus a pònnere finas in s’àndala de sa modernidade. At a mudare paris cun nois, at a crèschere cun fìgios nostros.

Bilinguismo o truffa?

La campagna in favore del bilinguismo della  ormai disciolta organizzazione A Manca pro s’Indipendentzia

Ha avuto grande risalto mediatico (di respiro anche a livello della stampa statale) la notizia secondo cui ormai il sardo entrerà nelle scuole dell’isola per via maestra.

La Regione Sardegna ha approvato infatti una legge sulla lingua sarda e sulle altre lingue parlate nell’isola (catalano, gallurese, sassarese e tabarchin) con un testo unificato di «Disciplina della politica linguistica regionale». Il testo – secondo i promotori – garantisce lo status ufficiale della lingua sarda.

Con questa legge – sostiene il promotore di MDP Paolo Zedda, «la Sardegna attua anche la riforma Moratti sulla quota regionale dei piani di studio, cosa che consentirà di insegnare la storia della lingua sarda nelle scuole».

Non sembra essere dello stesso avviso l’organismo di attivisti linguistici (CSU) che in questi anni ha continuamente denunciato lo smantellamento della politica linguistica della giunta Pigliaru.

Ecco il comunicato integrale in lingua sarda normata (LSC), aspetto che – come sappiamo – è stato il vero pomo della discordia di questa legge e che ne risulta anche essere il tassello mancante dato che ogni discorso sulla standardizzazione (senza la quale nessuna lingua può essere ritenuta tale) è rimandata ad una ulteriore commissione di esperti.

Altro aspetto da verificare è l’insegnamento in lingua sarda a scuola. Altre regioni a statuto speciale lo consentono perché godono di una protezione forte grazie allo Statuto, mentre lo Statuto sardo, come è noto, non fa cenno della lingua sarda. Ci sarebbe da chiedersi perché questa maggioranza non ha fatto nulla per modificare lo Statuto in tal senso avendo i numeri e anche un governo “amico”.

Di seguito il comunicato del CSU. Buona lettura.

 

Su Cussìgiu Regionale, cun sa lege de disciplina de sa polìtica linguìstica, at detzìdidu de non detzìdere rinviende sos detèrminos pro sa standardizzazione a unu organismu nou formadu dae una trentina de espertos mutidu Consulta de su Sardu. Su Coordinamentu pro su Sardu Ufitziale espressat dudas mannas pro su percursu seberadu, fintzas si manifestat prèsiu pro su reconnoschimentu de su traballu de isperimentatzione de sa Lsc reconnotu in s’artìculu 9. In sas àteras normas non s’intrat in su mèritu ca si tratant interventos giai prevìdidos dae sa lege regionale 26/97 e de sa lege 482/99 chi benint torrados a modulare ebbia. S’efetu de sas normas at a èssere fintzas torrada dae sos impignos finantziàrios non decrarados. S’imprenta originale de sa lege fiat negativa meda, sa dibata in Cussìgiu at limitadu meda sos disacatos chi si timiant. De su restu, totu sos temas de sa polìtica linguìstica abarrant abertos e tando in sa legislatura imbeniente at a èssere netzessàriu mudare deretu s’impiantu legislativu in pessu aprovadu.

Tàtari, Monumenti Aperti 2018: cando su sardu est rebellia

Sa grandu initziativa de su comunu de Tàtari, chi como est giai una manifestada collaudada dae annos, non bidet galu perunu tretu riservadu a sas limbas de Sardigna. Una làstima pro un’initziativa chi movet mìgias e mìgias de persones a inghìriu a sos monumentos tataresos.
Di fatis totu sa propaganda, totu sos manifestos, totu sos messàgios pùblicos in sas retzas sotziales sunt totus iscritos in italianu.

Nudda l’ant iscritu in sardu, comente a chèrrere lantzare su messàgiu de èssere in unu non-logu cale si siat de s’Itàlia e non in unu logu pretzisu de sa Sardigna, cun monumentos suos de cada època antis de sa parèntesi, galu aberta, de sa periferitzidade italiana.

Fotografia de Charles Gauche

Nudda mancu in tataresu, sa limba galana locale chi est unu bantu pro gente meda chi at cumpresu s’importu suo in sa “ecologia” linguìstica mundiale, e chi lu diat pòdere èssere pro àtera gente chi galu no ischit su balore e sa singularidade de sa limba turritana.

Sa manifestada difùndida at a èssere acumpangiada dae mùsicos, pintores, iscultores, draperis e assòtzios culturales. A dolu mannu, custa bia, belle nemos de sos partetzipantes at iscritu su manifesteddu suo in carchi limba de Sardigna. Intre sos chi ant a partetzipare, solu s’assòtziu de su cuncordu polìfonicu Nova Euphonia, dirigidu dae sos mastros Irene Dore e Nicola Vandenbroele, at chèrridu iscrìere su manifestu suo in sardu, chi podides mirare carchende inoghe.

S’isperu de cada amantiosu de sas limbas nostras est chi, pro sa manifestada de Monumenti Aperti de su 2019, cada comunu chi organizet s’eventu potzat inghitzare a iscrìere sa propaganda in sardu, unu bellu sardu iscritu bene, o in cale si siat àtera limba de Sardigna.

Nuove mitologie sulla lingua sarda

Dopo il libro scritto da Bartolomeo Porcheddu e il conseguente articolo pubblicato sulla Nuova Sardegna in data 26/04/18 si è sollevato il vespaio da tempo dormiente tra linguisti sardi e presunti tali. In tale articolo, scritto sulla base del libro, si  afferma che il latino sarebbe la lingua dei sardi, giacché deriverebbe dalla Limba. Le smentite non hanno tardato ad arrivare.
Riportiamo una riflessione di Omar Onnis sul ruolo che i mass media hanno nella dilapidazione non solo della lingua sarda ma anche dell’immagine che se ne ha collettivamente.

di Omar Onnis

Faccio osservare sommessamente il seguente fenomeno: sulla Nuova viene dato ampio risalto alla pubblicazione di un appassionato su una presunta derivazione del latino dal sardo.

Lasciamo stare ogni valutazione nel merito della questione. È però evidente che si tratta di una tesi come minimo stravagante e di certo suscettibile di essere messa alla berlina (a prescindere dalla sua serietà e persino dalla sua fondatezza).

È evidente anche che dare tanto risalto a una tesi del genere, su un importante organo di stampa, un mass medium mainstream come si dice, non sia una scelta neutra.

Si tratta del vecchio trucco di scovare le posizioni più astruse, più originali o comunque più difficilmente difendibili in un ambito che si vuole sminuire e destituire di legittimità, per ridurlo o mantenerlo in una condizione minorizzata, marginale, innocua (per lo status quo).

Ma qui siamo ancora nella fisiologia. Ovunque ci siano relazioni di dominio e di subalternità, diseguaglianze palesemente inique, rapporti di forza sbilanciati, chi è avvantaggiato fa ricorso a tali e ad altri espedienti per mantenere il proprio vantaggio.

E sappiamo che i mass media in Sardegna sono organici al nostro establishment economico e politico, alla nostra classe dominante, o a questa o quella delle sue fazioni più forti.

Quel che invece vorrei far notare è che queste tesi, tanto pubblicizzate quanto discutibili, sono rifiutate in larghissima misura proprio dall’ambito politico a cui invece (almeno surrettiziamente) le si vorrebbe assegnare, ossia l’ambito indipendentista.

Non che in tale ambito non ci siano estimatori di tali tematiche, e di queste posizioni teoriche (chiamiamole così) in particolare. Tuttavia proprio lì per lo più esiste ed è diffusa una critica radicale e quasi sempre ben argomentata di questi elementi di mitopoiesi auto-esaltante.

Non è un fenomeno banale.

Significa che l’adesione ideale al processo di autodeterminazione, anche nelle sue espressioni più radicali, non equivale affatto all’adesione automatica a una mitologia megalomane, come risposta istintiva alla nostra condizione subalterna.

È un segno di maturità politica e di consapevolezza storica non da poco.

Dispiace che invece i mass media sardi siano lontani e per lo più ostili a qualsiasi seria riflessione sul tema e optino invece facilmente (ne abbiamo esempi quasi quotidiani) per questa sorta di guerrilla non dichiarata e decisamente sleale, contando su quel che resta della propria credibilità pubblica e sul favore della nostra classe dominante.

Un ruolo da cani da guardia non della democrazia ma del potere costituito. Nulla di edificante, insomma. E probabilmente, ormai, nemmeno di decisivo. Per fortuna.

Atòbios de limba in limba

Bilinguismu in Aristanis sighit sa faina de promovimentu de sa connoschèntzia e de s’impreu de sa limba sarda, comintzada cun su primu cursu de alfabetizatzione in LSC (Limba Sarda Comuna), e proponet chimbe atòbios cun istudiosos e espertos chi ant a faeddare (in limba) de chistiones acapiadas a sa presèntzia de su sardu in is carreras diferentes cunforma a sa cumpetèntzia issoro. Is atòbios sunt abertos a totus, gratis, e s’ant a fàghere in sa Libreria-bistrot LIBRID, in Pratza de Tzitade in Aristanis.

Bos ibetamus pro su de chimbe atòbios.
chenàbura su 16 de freàrgiu 2018 | 17:30 | Antoni Nàtziu Garau 
Su sardu in iscola: normas, atores, ainas e fainas intra de dificultades e isperas
Antoni Nàtziu Garau est operadore in isportellos linguìsticos de s’Amministratzione pùblica, espertu de didàtica de/in limba sarda, tradusidore-intèrprete in sa carrera giurìdicu-amministrativa e giuditziària, condusidore de programmas radiofònicos e televisivos in sardu, sòtziu fundadore e presidente de sa Sotziedade Cooperativa L’ALTRA CULTURA de Aristanis.]