Cosa sta accadendo in Catalunya. Stay tuned!

la polizia franchista spara ad altezza d’uomo lacrimogeni e pallottole di gomma

Riceviamo e pubblichiamo da una attivista sarda presente in Catalunya e testimone oculare delle mobilitazioni di massa che si stanno svolgendo in queste ore e della feroce repressione della polizia franchista

una manifestante ferita dai famigerati proiettili di gomma

Ciao! Qui la cosa si fa seria, la polizia spara proiettili di gomma ad altezza umana e ieri un ragazzo ha perso un testicolo dopo essere stato colpito. Le mobilitazioni si organizzano tramite chiamata attraverso la piattaforma Tsunami Democratico che ha anche appena aperto un app per smartphone alla quale si accede tramite codice QR rilasciato in confidenza dalle varie realtà indipendentiste militanti presenti sul territorio. Sull’app vengono pubblicate le chiamate per le mobilitazioni: blocchi dell’ultimo minuto sono frequenti ma anche cortei più strutturati che stanno bloccando in più punti e ripetutamente le autostrade, in particolare l’A-7 che è l’autostrada che attraversa tutta la costa della Catalogna in orizzontale arrivando fino a Gibilterra. Per reagire alla repressione la gente inizia ad autorganizzarsi condividendo consigli basici da seguire nelle varie situazioni di pericolo nelle quali ci si può trovare se si scende per strada a manifestare – identificazioni, fermi, arresti o le frequentissime situazioni di abuso e violenza da parte delle forze dell’ordine. Il consiglio generale è di coprirsi il viso perché ai corteo ci sono molto infiltrati in borghese. Cortei e chiamate previsti per questa sera, la parola d’ordine è ForcadelaGens, il tutto all’insegna della non-violenza. Aggiornamenti in corso, stay tuned

Una delle tante piazze della Catalunya
L’aeroporto di El Prat occupato da una moltitudine di persone

A Foras: «basta scuse. Fisicamente o no domani tutti a Capo Frasca!»

+

Una giovane aderente alla campagna “Stop esercitazioni” lanciata da A Foras

Se siete in Sardegna non avete scuse: o state con la Manifestada contra a s’ocupatzione militare  e parteciperete all’evento previsto per domani davanti ai cancelli del poligono di Capo Frasca (dove sono in corso intensi bombardamenti, oppure sarete complici dell’uso bellico dell’isola, o state con lo Stato italiano e la NATo che occupano la nostra terra e la usano come base militare e poligono di tiro coloniale.

Per chi è invece costretto a vivere e lavorare o studiare fuori esiste la possibilità di aderire virtualmente alla mobilitazione scattando e diffondendo una foto sui social.

Riportiamo l’appello di A Foras:

Tutto è partito dal fermento dei preparativi per la Manifestada contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna e durante l’assemblea conclusiva del 4′ A Foras Camp tenuosi ad Orgosolo lo scorso settembre è venuta fuori la proposta di lanciare questa campagna per mobilitare anche chi non avesse la possibilità di essere presente il 12 ottobre a Capo Frasca. Al seguente link trovate tutte le info: https\://www.facebook.com/aforas2016/photos/rpp.675211922644586/1419652114867226/?type=3&theater Cogliamo l’occasione per rilanciare la proposta e contribuire così: fatti scattare una foto con le mani aperte scrivendoci sopra “stop esercitazioni!”, ** pubblicala su Facebook e/o Instagram con scritto “Sono presente con il cuore e la mente a Capo Frasca contro l’occupazione militare. #stopesercitazioni #12ottobre #manifestadacapofrasca”. Se ti va, tagga qualche amico/a invitandolo/a a prendere posizione come hai fatto tu. ** o inviandola alla nostra pagina. A Foras contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna

 

Solinas: «Basta con l’occupazione militare. Saremo a Capo Frasca». Ma è una trollata di Caminera Noa

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Caminera Noa che accompagna il video-fake del governatore della Sardegna Christian Solinas:

Lo scorso 7 settembre, una delegazione di attivisti di Caminera Noa e di A Foras hanno compiuto una azione dimostrativa sotto la sede del PSd’Az a Cagliari per aiutare i sardisti (e il loro capo politico attualmente alla guida della Regione Autonoma) a ricordare la loro linea politica contro l’occupazione militare della Sardegna.

Infatti, in vista della grande manifestazione contro l’occupazione militare chiamata da diverse realtà indipendentiste per il 13 settembre 2014 la Direzione Nazionale del Partito Sardo D’Azione scriveva in un documento ufficiale ancora scaricabile dal sito ufficiale del partito sardo quanto segue:

La Direzione nazionale del Partito dei Quattromori, riunitasi recentemente ad Oristano sotto la presidenza di Giacomo Sanna, ha voluto sul punto rimarcare che la storica battaglia sardista è contro tutte le servitù militari e non ammette perciò alcuna differenziazione di paesi partecipanti e di tipologia di occupazione militare della Sardegna.

Per il Psd’az infatti, il sistema coloniale delle servitù militari sarde deve essere interamente smantellato senza alcun distinguo, ed a prescindere da inconsistenti e strumentali differenziazioni.

La Direzione sardista ha inoltre rilevato che il Psd’az è stato suo malgrado da oltre mezzo secolo il solitario e pressoché esclusivo protagonista di questa storica battaglia, ma sempre nella totale consapevolezza che solo attraverso la massima coesione e la profonda presa di coscienza di tutto il Popolo sardo ci sarebbe potuta essere la possibilità di vittoria.

Nel rilevare inoltre come ancora oggi importanti porzioni di territorio e di popolazione siano ostaggio dei ricatti della presenza militare, da cui dipendono in maniera significativa perfino le sorti economiche di intere comunità, il Ps’daz auspica che una numerosa partecipazione popolare alla manifestazione del 13 settembre, aiuti la stessa Giunta regionale sarda assieme ai partiti che la sostengono, a trovare finalmente la forza di superare il comprensibile imbarazzo che finora l’ha contraddistinta, tenendola inchiodata a ripetere le solite ed inconcludenti dichiarazioni di rito.(link)

 

Le sollecitazioni di Caminera Noe e A Foras al Partito Sardo d’Azione hanno dato i loro frutti. Nel video che inoltriamo in allegato le dichiarazioni del segretario del Psdaz nonché governatore della Regione Autonoma della Sardegna Christian Solinas che, senza indugi, conferma la linea del 2014 del suo partito e invita il popolo sardo alla mobilitazione generale nazionale e alla ribellione all’occupazione militare dell’isola.

Oggi abbiamo la certezza di poter dichiarare che il glorioso PSDAZ  non ha cambiato idea e che parteciperà alla grande mobilitazione popolare del 12 ottobre a capo Frasca rappresentando l’interesse generale del popolo sardo, il suo bisogno di pace e sicurezza e la sua voglia di emanciparsi dalle servitù coloniali dello stato italiano.

Il video completo si può visionare sulla pagina fb di Caminera Noa

Sa Corona de Logu atòbiat Carles Puigdemont

 

Sa delegatzione de indipendentistas sardos cun su presidente de sa Catalunya in esiliu

Una delegatzione de sa Corona de Logu, Assemblea de sos amministradores indipendentistas sardos, at tentu duas dies de atòbios istitutzionales in Bruxelles.

Lunis su 30 de cabudanni, Davide Corriga, Presidente de sa Corona de Logu e sìndigu de Bauladu, at atòbiadu a Carles Puigdemont, Presidente in esiliu de sa repùblica de Catalunya, paris a sos collaboradores suos. S’arresonada est istada ocasione pro torrare a afirmare su ruolu de s’indipendentismu in Europa comente amparu de sos valores de sa democratzia e de sa cumpartzidura e de sos deretos fundamentales de sos pòpulos.

Corriga, donende sa solidariedade a sos rapresentantes catalanos colados duos annos dae su referendum pro s’indipendèntzia de su primu de santugaine de su 2017, at torradu gràtzias a Piugdemont Corriga,  pro àere dau alenu a afortiare s’atentzione subra su tema de s’autodeterminatzione dae unu ghetu internatzionale. A congruos s’est fata sa proposta de pesare unu logu de atòbiu, acarada e collaboratzione intro de sas realidades de s’indipendentismu europeu.

In s’atòbiu cun su presidente catalanu bi fiant finas Maurizio Onnis (Sìndigu de Biddanoaforru), Antonio Succu (Sìndigu de Macumere), Antonio Flore (Sìndigu de di Iscanu), Stefania Taras (Assessora de Lungoni), Gianfranco Congiu (Cunsigeri de Macumere), Laura Celletti (Cunsigera de Crabas), Gabriele Cossu (Cunsigeri de Pabillonis), Enrica Fois (Cunsigera de Pirri) e Angelo Murgia (Cunsigeri de Tertenia). Cun is amministradores ant partetzipadu fintzas Franciscu Sedda, Michele Zuddas e Adrià Martin.

Su biàgiu a Bruxelles ist istadu pro sa delegatzione de sa Corona de Logu ocasione pro atobiare sos dirigentes de sa European Free Alliance, su grupu polìticu de su Parlamentu Europeu chi ponet paris – intre de àteros – sos natzionalistas iscotzesos, catalanos, irlandesos, cursos, fiammingos, bascos, bretones, galitzianos.

Est istada ocasione pro incarrerare s’àndala pro su reconnoschimentu istitutzionale e s’adesione a su movimentu polìticu chi sortit prus de 50 organizatziones autonomistas de su Continente europeu.

Solinas nemico climatico e della Sardegna

Un cartellone scritto presente alla manifestazione di Cagliari diventato virale sui social. Una delle rivendicazioni di FFF Sardegna è il no alla costruzione del metanodotto

di Antonio Muscas

Grazie al ministro costa, al presidente conte e ai loro vuoti proclami su economia circolare, sostenibilità e ambiente.
La propaganda oggi, alla fine, si presenta per quello che è: menzogne utili, fin quando è possibile, a tranquillizzare gli animi e restare al timone.

Questa la sensibilità delle istituzioni.

Proprio in concomitanza con lo sciopero mondiale sul clima che ha visto in Sardegna scendere in piazza migliaia di persone per chiedere attenzione sui temi ambientali e in particolare contro il progetto di metanizzazione dell’isola, il governo del cambiamento, nella figura del ministero dell’ambiente e quindi del bravo ministro costa, così ha pensato di rispondere.

Invece di prendere e concedere tempo, per dare doverosamente spazio al dibattito pubblico e valutare ogni opzione utile ad affrontare questo delicato momento storico, ha provveduto a metterci di fronte ad un dato di fatto.

Procedendo imperterrito per la propria strada o addirittura accelerando, in una corsa folle verso il baratro.
Il tutto a carico dei comuni cittadini, naturalmente.
Perché quel tubo dovremmo pagarlo noi, coi soldi delle nostre bollette.

E stavolta non potranno certo dire, come hanno fatto col Tap, che sono arrivati tardi e non c’era più niente da fare, che gli accordi erano gia firmati e le penali sarebbero state troppo alte.
Stavolta a decidere sono stati proprio loro.
Avendo tutto il tempo per valutare attentamente
Dopo aver persino convocato il tavolo tecnico al Mise, in cui la Sardegna è stata considerata caso specifico e da trattare come zona a sé, e dove, assieme alle parti sociali e i diversi portatori di interesse, si sarebbe dovuto decidere il suo futuro assetto energetico.

Altro che democrazia diretta: quando di mezzo ci sono gli interessi, grossi, delle multinazionali, si tratti di fossili o finte rinnovabili, ogni occasione di confronto diventa un rischio da evitare.

Con questa azione si vuole mettere il sigillo sul futuro energetico, economico, ambientale e sociale sardo.
Con grande gioia dei sindacati confederali, entusiasti evidentemente di anticipare la nostra e loro estinzione.

Ma nessun tubo potrà soffocare il nostro dissenso.

E se voi l’avete persa, o nascosta accuratamente da qualche parte, saremo noi la voce della vostra sporca coscienza.
A ricordarvi costantemente il carico della vostra responsabilità e gli esiti della vostra mediocrità, della vostra corruzione morale e totale assenza di coraggio e lungimiranza.

Voi siete responsabili, e di questo sporco tubo ne dovrete rispondere di fronte a noi e alle generazioni future.

Quirra: il veleno che non si arresta

Immagine tratta da Atlante italiano conflitti ambientali

di Daniela Piras

Manca meno di un mese all’appuntamento fissato per manifestare davanti al poligono di Capo Frasca. Sabato 12 ottobre movimenti, comitati, associazioni, sindacati e tutti coloro sensibili al dramma della presenza delle basi militari nell’isola faranno sentire la loro voce contro l’oppressione militare, le esercitazioni, le servitù e tutto ciò di cui il poligono è l’emblema: l’occupazione militare della Sardegna e il costante stato di pericolo e di interdizioni a cui sono sottoposti i territori scenari di tali “giochi di guerra”, (che di ludico hanno davvero ben poco).

Sempre più gente comune sta acquisendo consapevolezza di ciò che davvero comporta ospitare i poligoni, al di là degli introiti economici di pochi. Il velo di mistero e la nebbia d’ignoranza di cui erano ricoperti tali siti fino a non tanto tempo fa sta calando grazie a chi ne ha messo in risalto il lato oscuro.

Uno dei siti più importanti e strategici in Sardegna è quello del Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze di Salto di Quirra (PISQ), il più grande d’Europa, costituito nel 1956, che comprende il Poligono “a terra” di Perdasdefogu, sede del Comando, e il Distaccamento A.M. di Capo S. Lorenzo con il Poligono “a mare”: si tratta di un poligono a disposizione di tutte le Forze NATO. Nel sito del Ministero della Difesa si fa un chiaro riferimento all’attenzione da tenere durante lo svolgimento delle operazioni: «Il Poligono elabora a cadenza semestrale un Programma di attività che viene sottoposto all’approvazione dello Stato Maggiore della Difesa. In fase esecutiva, ogni operazione deve essere svolta nel rispetto di un Disciplinare per la Tutela Ambientale, volto a garantire il minimo impatto ambientale delle attività».

Intorno a Quirra, però, tale attenzione pare non bastare, e nel 2011 a Lanusei parte l’inchiesta della Procura; una parte del Poligono viene sequestrata. L’inchiesta è volta ad accertare eventuali correlazioni tra le attività militari, i casi di tumore riscontrati tra la popolazione e la nascita di diversi capi di bestiame con malformazioni.

Chiediamo all’avvocato Gianfranco Sollai, legale di parte civile che rappresenta i cittadini malati, di aiutarci a fare il punto della situazione sul processo in corso.

  • Come nasce il processo per i “veleni di Quirra”?

Il procedimento penale avente ad oggetto l’attività antropica militare del Pisq viene aperto dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Lanusei, competente per territorio, a seguito della denuncia del medico di famiglia, dott. Paolo Pili, che svolgeva servizio presso il comune di Villaputzu, il quale notò che tra i suoi pazienti vi era un numero considerevole di persone che avevano contratto patologie tumorali, in particolare quelli che abitavano nella frazione di Quirra e/o che esercitavano l’attività di pastore, talvolta anche all’interno del poligono (infatti, per accordo intervenuto tra il Ministero della Difesa e i comuni interessati, i pastori potevano accedere ai terreni occupati dai militari per il pascolo e altre attività pertinenti). Invero, all’interno del poligono, nel 2010 , data del sequestro e conseguente obbligo di rilascio per i pastori, vi erano quindicimila capi di proprietà di alcune decine di aziende e un centinaio di addetti; certamente hanno esercitato un ruolo importante anche le manifestazioni e i dibattiti delle associazioni e partiti indipendentisti che da anni chiedevano lumi sulle attività e la chiusura del poligono per questioni ambientali e per rivalutare economicamente la zona.

  • Cosa è emerso nel processo sino ad ora, dall’istruttoria dibattimentale?

Attualmente siamo nella fase dibattimentale, ove attraverso l’audizione di decine di testi e documenti si è appreso che l’attività militare all’interno del poligono consisteva nel brillamento di tonnellate di bombe, razzi, proiettili… obsoleti, in gran parte armi residuate dalla Guerra Mondiale, le quali venivano interrate ad una profondità di circa sette-otto metri, ricoperte dalla terra dello scavo e fatte brillare, nonché nel lancio di migliaia di missili e razzi ed ancora nel provocare lo scoppio di tubi, al fine di constatarne la resistenza, per poi essere utilizzati nei giacimenti di petrolio.

Vi è da dire che il territorio del poligono è particolarmente mineralizzato, vi è arsenico, torio, uranio, cadmio e altri minerali naturali, i quali attraverso i brillamenti sono stati resi biodisponibili e pertanto inalabili e ingeribili attraverso la carne, il latte, i formaggi degli animali presenti nel Pisq che, brucando l’erba, ingerivano appunto le polveri sottili di questi minerali, sia dei naturali polverizzati che di quelli che rilasciavano le armi fatte brillare. È bene precisare che il torio e l’uranio sono radioattivi.

  • Il nesso di casualità tra le attività svolte nel poligono e l’insorgere di tumori e malformazioni nella zona adiacente è già stato dimostrato? Cosa è necessario per dimostrarlo?

Quanto al nesso di causalità, abbiamo certamente diversi elementi indiziari che fanno ritenere che l’attività militare, non essendoci in quel territorio altra attività inquinante (non vi sono industrie e l’attività mineraria è dismessa da un secolo), abbia provocato danni alla salute. Questo si evince da alcuni elementi:

  1. a) La percentuale di morti per cancro;
  2. b) Le malformazioni ad Escalaplano, paese distante otto chilometri in linea d’aria, dove, a causa dei venti prevalenti, le polveri sono riuscite a raggiungere il centro abitato;
  3. c) Il torio trovato nelle tibie dei morti per tumore che sono stati riesumati;
  4. d) L’alta percentuale di malformazioni tra gli animali, pecore in particolare, che pascolavano nel poligono;
  5. e) Le percentuali di malattie tumorali tra i militari, nonostante la giovane età e la “sana e robusta costituzione” accertata al momento dell’arruolamento.

Si potrebbe pensare che siano solo “indizi”. Sì certo, i fili uniti fanno una corda, gli indizi uniti fanno una prova.

Comunque per mero scrupolo ho fatto istanza per far disporre un’indagine epidemiologica specifica, più precisamente mirata ai pastori che frequentavano il poligono dal 2000 a oggi. I difensori degli imputati e del Ministero della Difesa (responsabile civile) si sono opposti, il tribunale si è riservato di decidere.

  • Quanto crede sia importante l’attività di sensibilizzazione e di protesta portata avanti da movimenti, comitati, sindacati ect?

Le attività dei movimenti, delle associazioni, la consapevolezza e le preoccupazioni dei cittadini dovrebbero costituire un campanello dall’allarme per la magistratura, la quale dovrebbe svolgere le sue funzioni con distacco rispetto agli altri poteri dello Stato e quindi con imparzialità; dovrebbe essere, dico la magistratura, compresa quella inquirente, il garante dei diritti dei cittadini, i quali devono, in uno Stato democratico e civile, avere il diritto di esprimere le proprie opinioni e di manifestare il dissenso. L’impedimento ma anche solo la dissuasione costituisce repressione, la quale una violazione dei diritti e dell’ordine democratico costituito. C’è da aggiungere che lo Stato sapeva dal 1800, e quindi anche il Ministero della Difesa, che l’area Pisq era ed è particolarmente mineralizzata.

No basi: lo Stato attacca, il movimento rilancia compatto

Un momento della carica delle forze di polizia italiana davanti alle reti a Decimomannu contro manifestanti completamente inoffensivi . Foto tratta da La Nuova Sardegna

I giornali di oggi aprono con la notizia di una valanga di accuse a una cinquantina di attivisti contro l’occupazione militare della Sardegna. Il teorema accusatorio consiste nell’idea che esista una regia violenta e addirittura “terrorista”  dietro le diverse manifestazioni davanti ai poligoni militari che – in alcuni casi – registrarono anche scontri con le forze di polizia italiana. Forze di polizia – lo ricordiamo per la cronaca – che in diverse occasioni caricarono manifestazioni assolutamente pacifiche come per esempio davanti alle redi della base di Decimomanno del 2015.

Le accuse  sono pesantissime e rasentano la fantascienza: associazione con finalità di terrorismo, eversione all’ordine democratico, devastazione e saccheggio. Fra le accuse addirittura l’organizzazione di un campeggio antimilitarista!

Gli avvisi di chiusura delle indagini preliminari firmati  dalla Digos della Questura di Cagliari su delega della Direzione distrettuale antiterrorismo, sono stati notificati complessivamente a 45 attivisti in maggioranza sardi.

La prima domanda che sorge spontanea è come mai questa grancassa mediatica proprio a nemmeno un mese dalla grande mobilitazione contro l’occupazione militare chiamata da circa 40 sigle in agenda per il prossimo 12 ottobre davanti ai cancelli del poligono di Capo Frasca. Si tratta di coincidenze o semplicemente di un attacco intimidatorio finalizzato a scoraggiare la partecipazione di massa alla mobilitazione?

A fronte della più grande ondata repressiva successiva a quella avvenuta nel 2006-2009 (operazione Arcadia e arresto del comunista indipendentista Bruno Bellomonte) molte sono state subito le voci a levarsi alte e a rilanciare la piena solidarietà con gli indagati e l’unità d’azione contro l’occupazione militare della Sardegna.

L’associazione Libertade ha celermente diramato un comunicato mettendo in rilievo come «le gravi contestazioni mosse dal pubblico ministero procedente assumono una portata molto preoccupante, in quanto riferite a condotte poste in essere dagli indagati nella legittima, pacifica e meritoria attività politica di sensibilizzazione e riconoscimento delle gravi conseguenze ambientali e alla salute provocate dalle esercitazioni militari svolte all’interno dei poligoni sardi»

La Procura colpisce soggetti  «rei di aver organizzato manifestazioni (avvenute nel 2014, 2015, 2016 e 2017) che si svolsero in maniera assolutamente pacifica; di aver organizzato campeggi definiti antimilitaristi, nei quali vengono svolte attività di informazione e approfondimento del tema; di resistenza ai pubblici ufficiali, benché sia noto che in quelle occasioni furono le forze dell’ordine a rinchiudere i manifestanti, tra cui donne e bambini, all’interno di cordoni ingiustificati»

Inoltre sono inquietanti anche le medesime modalità di comunicazione agli indagati delle accuse a loro carico e risulta «lesivo dei diritti fondamentali  [il fatto che] gli indagati abbiano appreso dell’avvenuta conclusione delle indagini nei propri confronti dai maggiori quotidiani sardi, poiché nessun atto veniva dapprima notificato agli stessi».

insomma siamo allo “sbatti il mostro in prima pagina” per ovvie e manifeste finalità politicamente e socialmente intimidatorie nei confronti di un movimento radicato e radicale che si oppone senza se e senza ma all’occupazione militare della Sardegna.

Non meno chiaro il comunicato dell’Assemblea Sarda contro l’occupazione militare della Sardegna A Foras che in un comunicato definisce «idiota» l’attacco repressivo della Procura e rilancia:

«Siamo a un mese dal corteo di Capofrasca del 12 ottobre, tra qualche giorno riprenderanno le nefaste esercitazioni militari in tutti i poligoni della Sardegna, sindacati e Regione fanno i salti mortali per far riprendere la produzione e la vendita di armi all’Arabia Saudita per salvare la fabbrica di bombe Rwm, la multinazionale bellica Avio presenta i suoi nuovi progetti a Perdasdefogu; è in questo scenario che si inserisce questo romanzo commissionato dalla procura e redatto dal quotidiano».

Anche per A Foras non vi sono dubbi: «l’unica volontà di questa operazione è attaccare il movimento che lotta contro le basi e l’occupazione militare della Sardegna, fiaccarne lo spirito e la determinazione. Tra il 2014 e il 2016 si è scatenata una grossa offensiva popolare sui poligoni militari ricca di pratiche, contenuti, azioni e forza. Un triennio nero per le stellette in Sardegna che hanno visto cortei in tutte le parti dell’isola, hanno letto di numerosi dossier che svelavano le loro malefatte, hanno subito le contestazioni in luoghi nel quale prima gli veniva steso il tappeto rosso come nelle scuole e nelle università. Per questo oggi militanti di comitati e reti che hanno lottato contro le basi militari, compresi diversi militanti di A Foras, subiscono questa ingiusta gogna mediatica».

 

Immediata anche la risposta del soggetto politico Caminera Noa che pochi giorni fa ha compiuto un blitz alla sede nazionale del Partito Sardo d’Azione per denunciare la contraddizione tra la linea antimilitarista dei sardisti e l’attuale immobilismo sul tema proprio nel momento dell’esercizio del potere e  lanciare la manifestazione del prossimo 12 ottobre.

Gli attivisti di Caminera Noa scrivono sui social di non avere paura e fanno notare la strana coincidenza tra la chiusura delle indagini e la preparazione della mobilitazione imminente: «Puntuale come un orologio svizzero, a poco più di venti giorni dalla mobilitazione contro l’occupazione militare italiana della Sardegna, arrivano le pesantissime accuse a diversi attivisti del movimento per la smilitarizzazione della Sardegna. Gli indagati sono imputati addirittura di devastazione, saccheggio e terrorismo per voler “sovvertire l’ordine democratico”. La finalità è chiara: fermare il movimento contro l’occupazione militare e circondare con una cortina di terrore e sospetto la mobilitazione del 12 ottobre 2019 a Capo Frasca, per scoraggiare la partecipazione popolare. Se essere contro l’occupazione militare della nostra terra vuol dire essere terroristi, allora lo siamo tutti e tutte. Ora più che mai è importante partecipare in massa alla mobilitazione del 12 ottobre. Il terrore, la paura, la menzogna e la caccia all’eretico non vinceranno‼️ A in antis!».

In chiusura ricordiamo tutte le coordinate per la grande manifestazione contro l’occupazione della Sardegna prevista il 12 ottobre a Capo Frasca.

 

 

Una legge elettorale democratica

Lo scorso giovedì 5 settembre  il movimento LibeRU ha presentato a Cagliari una proposta di legge alternativa a quella attualmente in vigore. 

Riportiamo la proposta ribattezzata “proporzionale sarda” nella sua versione integrale. 

Dopo tanti anni di proteste da parte di innumerevoli comitati, movimenti e associazioni di tutta la Sardegna, Liberu ha ritenuto opportuno concretizzare una proposta di alternativa democratica all’attuale legge elettorale regionale. Una legge fortemente antidemocratica e tesa consolidare l’egemonia delle maggiori forze politiche e a premiare i rapporti di potere basati sul clientelismo. Una legge che, tramite meccanismi contorti e giochi di prestigio, perpetua una politica vecchia, fatta di blocchi di potere vecchi, impersonati da uomini vecchi e territori che prevalgono uno sull’altro.
Questa proposta nasce dall’esigenza di combattere una struttura politica in cui le regole della democrazia vengono piegate per consolidare il potere baronale di pochi individui, e si pone l’obiettivo di restituire pari dignità a tutte le forze politiche che vogliono entrare in competizione, pari rappresentatività a tutti i territori della Sardegna, pari opportunità a donne e uomini.
Lo spirito che ha animato il nostro lavoro inizia sin dalla forma stessa di attuazione della proposta: mentre alcuni lavorano per costituire piccole modifiche tecniche tutte interne all’apparato burocratico, noi lanciamo la proposta a tutto il popolo sardo e lo rendiamo protagonista in prima persona di un processo di cambiamento e di rivendicazione di democrazia.
Di fronte a piccoli correttivi di Palazzo, spesso guidati dagli stessi politici che hanno dato vita a questa legge golpista, noi rilanciamo la proposta della piazza, riconsegnando centralità al popolo sardo.
La natura della nostra proposta, come si evince dai punti che la compongono, mira a fare tutto il possibile per fissare delle regole elettorali che permettano di costruire un governo democratico e stabile. Ciò avverrà attraverso un sistema proporzionale che prevede anche una possibilità di premio di maggioranza, come extrema ratio che garantisca elementi di stabilità e governabilità, una forte presenza della componente femminile, una rappresentatività equilibrata dei territori, la formazione di un Consiglio che sia quanto più possibile espressione del variegato tessuto politico sardo, la composizione di un’assemblea formata da consiglieri e da un presidente veramente rappresentativi della volontà dell’elettorato.

La nostra proposta di legge attacca i fondamenti antidemocratici che animano la legge elettorale del 2013 e propone le misure risolutive che andiamo ad illustrare per sommi capi:

  • Collegio unico Sardegna.

L’attuale legge elettorale divide la Sardegna in 8 circoscrizioni, con la motivazione che questo serva a rappresentare tutti i territori. In realtà questo meccanismo introduce un sistema che premia solo i partiti maggiori, blindando il numero dei consiglieri eleggibili in ogni circoscrizione e facendo sì che ad essere eletti siano sempre e solo i rappresentanti dei partiti più forti, territorio per territorio. La dimostrazione che non serve a rappresentare tutti i territori è data dalla realtà: con questo meccanismo l’Ogliastra ha sempre eletto la metà dei rappresentanti previsti, nel 2014 la Gallura ne aveva eletto 2 su 6, il medio campidano paga sempre il pegno alle altre province più forti rinunciando sempre ad almeno un seggio.
La Proporzionale Sarda tiene in considerazione che i cittadini sardi sono solo un milione e mezzo e non hanno quindi necessità di essere divisi in mille circoscrizioni, anche perché devono eleggere il Consiglio regionale di tutti i Sardi, e non un Consiglio provinciale del proprio territorio. prevede che, per garantire la presenza di candidati di tutti i territori, le liste debbano essere composte proporzionalmente da candidati – uomini e donne – residenti in tutti i territori della Sardegna. L’elettore potrà votare, all’interno del collegio unico regionale, il candidato che più rappresenta le sue preferenze senza assurde blindature che per giunta, come dimostrato, non agevolano ma bensì ostacolano la rappresentanza dei territori.

  • Rappresentanza di genere

L’attuale sistema elettorale prevede che le liste debbano essere composte con una rappresentanza di genere paritaria. Dopo ripetuti tentativi di sabotare la proposta da parte di tanti consiglieri che ancora oggi siedono in Consiglio, è stata introdotta la doppia preferenza di genere, che permette all’elettore di esprimere due preferenze all’interno della stessa lista, una per un candidato uomo e una per una candidata donna.
Questo sistema di riequilibrio della rappresentanza di genere è positivo ma non sufficiente. Se infatti questo meccanismo resta come è oggi, vincolato ad un sistema di alleanze che prevede liste civetta e a una suddivisione del territorio in circoscrizioni piccole e controllate, accade che in ogni circoscrizione i vecchi baroni della politica sistemino il numero di donne necessario col solo scopo di rispettare la legge ma evitare di essere sorpassati da concorrenti donna. Le possibilità offerte da questo sistema hanno lasciato spazio a meccanismi astuti che permettono di conseguire un alto numero voti, ma evitando il rischio di prendere meno voti di una donna. In questo modo ci si assicura che le candidate donna non siano concorrenti temibili e capaci di soffiargli l’elezione, ma essendo comunque necessario ottenere una grande quantità di voti, anziché mettere in lista molte donne troppo rappresentative si preferisce portare i voti tramite la proliferazione di liste civetta, composte da una marea di candidati che portano voti ma non riescono a contendere il voto ai grossi personaggi.
La Proporzionale Sarda garantisce un’equa rappresentanza femminile abolendo gli ostacoli che relegano le candidate donna a contorno e strumenti per l’elezione dei candidati uomini. Questo avviene grazie al’istituzione del collegio unico regionale, che disarticola il sistema di circoscrizioni costruite per la spartizione dei seggi tra pochi, e grazie all’abolizione del sistema di coalizioni, che determina la proliferazione di liste civetta finalizzate a portare voti ai più forti.
Con la Proporzionale Sarda ogni lista, composta da 60 candidati complessivi, dovrà essere composta esclusivamente da persone valide e capaci per riuscire ad ottenere un alto numero di voti ed entrare in Consiglio. Una lista di uomini forti che non si preoccupa di aggregare donne altrettanto forti rischia di non ottenere sufficienti preferenze. Per questo l’inserimento di donne capaci e rappresentative diventa una condizione necessaria per ottenere molti più voti, ma questa capacità e rappresentatività inserisce anche la condizione per permettere alla donna di contendere davvero l’elezione a un uomo.

  • Soglia di sbarramento naturale.

L’attuale legge elettorale prevede due altissime soglie di sbarramento, create con l’evidente intento di negare la rappresentanza democratica a tutte le forze minori che non si coalizzano con gli schieramenti maggiori e al candidato presidente fuori dal blocco bipolare, ovvero il terzo candidato presidente più votato e successivi.
La Proporzionale Sarda prevede che la soglia di sbarramento debba essere quella naturale, risultante dalla attribuzione proporzionale pura dei voti validi sulla base dei seggi disponibili in Consiglio. In questo modo le forze che si dimostreranno esigue e troppo poco rappresentative non otterranno seggi, mentre tutte le forze capaci di rappresentare una quantità proporzionale valida di elettori avranno spazio nell’Assemblea sarda.

  • Lista unica non coalizzata.

L’attuale legge elettorale prevede la possibilità di istituire coalizioni di liste che concorrono all’elezione del Consiglio regionale e del presidente. Questo fa sì che i partiti più forti creino un alto numero di liste civetta che hanno esclusivamente lo scopo di traghettare voti al candidato presidente, il quale in questo sistema elettorale è l’ago della bilancia per la conquista della maggioranza. Accade così che nascano liste senza una storia, senza un programma, composte da candidati talvolta inesperti che vengono illusi di poter essere eletti, col solo scopo di convogliare i voti dei loro familiari e amici al candidato presidente. A beneficiare di questo sistema di alleanze e di liste civetta sono i grossi baroni della politica perché, se il candidato presidente ottiene il premio di maggioranza, i primi ad avere il posto assicurato sono proprio loro. Lo scopo del sistema di alleanze non è dunque quello di unire liste che hanno una comune progettualità politica, ma quello di ammucchiare numeri di persone che devono, anche inconsapevolmente, dirigere voti al presidente per poi riuscire a sistemare i pezzi grossi della politica regionale. Per noi questo sistema è antidemocratico, ingannevole e inaccettabile, per cui la Proporzionale Sarda prevede che ogni lista rappresenti un suo elettorato affine, che vota a seconda della condivisione di un programma e non solo per sostenere un parente, magari avvantaggiando inconsapevolmente un barone della politica.
Con la Proporzionale Sarda ogni lista corre autonomamente, col suo programma, con la sua visione di Sardegna, con i suoi candidati uomini e donne provenienti da tutti i territori della Sardegna, ed ottiene esattamente il peso che l’elettorato di riferimento le attribuisce, senza trucchi e senza inganni.
Inoltre questo garantirà che tutti i candidati potranno diventare consiglieri solo se riescono a raccogliere un alto numero di voti, diventando veramente rappresentativi di gran parte dell’elettorato, diversamente dall’attuale sistema, che permette ai beneficiari di un elevatissimo premio di maggioranza di poter essere eletti anche con poche centinaia di voti.

  • Premio di maggioranza

L’attuale legge elettorale prevede due possibili premi di maggioranza, uno che scatta col raggiungimento del 25% del totale dei voti validi, l’altro col 40%. Nel primo caso alla lista o coalizione di liste che supera il 25% vengono attribuiti il 55% dei seggi del Consiglio, nel secondo caso addirittura il 60%.

Una soglia che come è evidente è facile da raggiungere per mastodontiche coalizioni di lista composte da una miriade di liste civetta, ma anche fortemente sproporzionata nell’attribuzione dei seggi, arrivando addirittura a prevedere, in un caso, l’attribuzione del 60% dei seggi a una coalizione senza la maggioranza assoluta dei voti validi e comportando in questo modo un pesante condizionamento antidemocratico della volontà popolare.
La Proporzionale Sarda prevede un premio di maggioranza che scatta al raggiungimento da parte di una lista del 25% del totale dei voti validi (se due o più liste dovessero superare il 25% il premio di maggioranza verrebbe attribuito a quella che ottiene più voti), la quale otterrebbe 31 consiglieri più il presidente della Regione, con una maggioranza complessiva composta da oltre il 52% dei seggi del Consiglio. I restanti 28 posti da consigliere andranno distribuiti con sistema proporzionale tra tutte le altre liste.
Abbiamo previsto un premio di maggioranza come misura estrema per dotare la legge di un sistema di governabilità e di stabilità di carattere oggettivo, quindi indipendente dalla volontà delle parti di trovare un accordo a tutti i costi. Risulta d’altra parte evidente che il sistema propende per far sì che a regolare la politica regionale sia una distribuzione proporzionale dei seggi a cui segue una trattativa per la formazione di una maggioranza e l’individuazione di un presidente, come si evince dalla struttura complessiva della legge. L’introduzione di una soglia così alta da raggiungere per ottenere il premio di maggioranza è chiaramente voluta per dare quante più probabilità possibili di attivare una distribuzione proporzionale dei seggi, pur non escludendo tuttavia anche un meccanismo di governabilità e stabilità oggettivo e indipendente dalla volontà delle parti.

  • Sistema proporzionale di attribuzione dei seggi

I seggi vengono attribuiti con sistema proporzionale tra tutti i voti validi ottenuti da tutte le liste se nessuna lista ottiene da sola il 25% dei voti validi o se una lista ottiene da sola il 50% più uno del totale dei voti validi espressi. Questo sistema previsto nell’attuale legge elettorale è apparentemente simile a quello previsto anche nella Proporzionale Sarda, ma la differenza sostanziale è che nel sistema attuale queste percentuali vengono troppo facilmente ottenute tramite coalizioni di liste, che riescono a raggiungere percentuali enormi.
Nell’attuale legge elettorale la soglia per l’attribuzione del premio di maggioranza, stabilita al 25% ma in un sistema di coalizioni di liste, permette che sia molto facile che qualche coalizione lo raggiunga. Questo fa sì che sia quasi impossibile procedere alla assegnazione dei seggi su base proporzionale, come previsto se nessuno raggiungesse il 25%.
Viceversa nella Proporzionale Sarda, che non prevede coalizioni ma solo liste uniche, diventa estremamente difficile che una sola lista arrivi a superare il 25% dei voti validi, rendendo quindi estremamente probabile che la suddivisione dei seggi avvenga in maniera proporzionale. D’altro canto, riteniamo corretto che nella, pur improbabilissima, ipotesi che una sola lista superi la maggioranza dei voti totali si debba procedere alla assegnazione dei seggi su base proporzionale, svincolando quindi l’assegnazione dal premio di maggioranza che potrebbe limitare un’equa attribuzione.

  • Abolizione del voto disgiunto

L’attuale sistema elettorale prevede la possibilità di attribuire il cosiddetto voto disgiunto, ovvero un voto al candidato presidente di una lista e un voto ad un candidato consigliere di un’altra lista. La motivazione a sostegno di questo sistema era stata data dalla possibilità per l’elettore di votare per i rappresentanti che più attiravano la sua fiducia. Il reale funzionamento di questo sistema invece è quello di permettere all’elettore di sostenere l’elezione di un candidato presidente che, lo ricordiamo, è il vero ago della bilancia per la vittoria, pur rispettando i legami clientelari del proprio territorio e sostenendo il proprio barone locale anche se è candidato in liste diverse. Gli effetti disastrosi di questo sistema, ben lungi dal soddisfare i gusti dell’elettore, sono stati quelli di confermare la presenza in Consiglio dei soliti noti anche se le giunte regionali sono state di colore diverso, con una sfilza di intoccabili che, grazie al voto disgiunto e ad un sistema di clientele ben consolidato, riescono a superare indenni ogni stagione politica.
La Proporzionale Sarda, restituendo centralità al programma politico e ai suoi sostenitori candidati, prevede che ogni elettore voti una sola lista e solo candidati che sostengono il programma contenuto in quella lista. La doppia preferenza di genere all’interno della stessa lista conferma in ogni caso la facoltà di attribuire contemporaneamente un voto a un uomo e uno a una donna. In questo modo l’elettore, esprimendo il suo voto per un candidato uomo e uno per la candidata donna per la lista X, indicherà automaticamente il sostegno anche per la lista che esprime il programma politico e per il candidato presidente che rappresenta quel progetto. Questo fa sì che l’elettore esprima la sua preferenza per un programma reale e per candidati che devono portare avanti quel progetto senza ambiguità.

  • Candidato presidente beneficiario della fiducia democratica

L’attuale legge elettorale prevede che il candidato presidente più votato diventi presidente della Regione, il secondo candidato più votato diventi consigliere regionale e che il terzo candidato più votato non venga eletto in Consiglio regionale. Questo sistema, evidentemente studiato per agevolare i due schieramenti più forti a scapito di tutti gli altri, ha creato situazioni assurde e paradossali. Nel 2014 Michela Murgia è restata fuori dal Consiglio regionale pur avendo ricevuto circa 76mila voti. Stessa sorte di Francesco Desogus, che nelle elezioni regionali del 2019 non ha avuto un posto da consigliere pur avendo ottenuto oltre 85mila voti. Attualmente però il Consiglio regionale ospita consiglieri che hanno ottenuto sei/settecento voti, entrati tramite questo meccanismo e attraverso un premio di maggioranza eccessivamente generoso.
La Proporzionale Sarda, per ovviare a queste dinamiche assurde e paradossali, prevede che tutti i candidati alla carica di presidente che non vengano eletti presidente, essendo beneficiari di tutti i voti conseguiti dalla lista che essi rappresentano, possano concorrere a diventare consiglieri regionali proporzionalmente ai voti ottenuti.

Cristian Solinas è contro l’occupazione militare della Sardegna?

Oggi, 7 settembre, una delegazione di attivisti di Caminera Noa e di A Foras hanno compiuto una azione dimostrativa sotto la sede del PSd’Az a Cagliari per aiutare i sardisti (e il loro capo politico attualmente alla guida della Regione Autonoma) a ricordare la loro linea politica contro l’occupazione militare della Sardegna.

In vista della grande manifestazione contro l’occupazione militare chiamata da diverse realtà indipendentiste per il 13 settembre 2014 la Direzione Nazionale del Partito Sardo D’Azione scriveva in un documento officiale ancora scaricabile dal sito ufficiale del partito sardo:
“La Direzione nazionale del Partito dei Quattromori, riunitasi recentemente ad Oristano sotto la presidenza di Giacomo Sanna, ha voluto sul punto rimarcare che la storica battaglia sardista è contro tutte le servitù militari e non ammette perciò alcuna differenziazione di paesi partecipanti e di tipologia di occupazione militare della Sardegna. Per il Psd’az infatti, il sistema coloniale delle servitù militari sarde deve essere interamente smantellato senza alcun distinguo, ed a prescindere da inconsistenti e strumentali differenziazioni. La Direzione sardista ha inoltre rilevato che il Psd’az è stato suo malgrado da oltre mezzo secolo il solitario e pressoché esclusivo protagonista di questa storica battaglia, ma sempre nella totale consapevolezza che solo attraverso la massima coesione e la profonda presa di coscienza di tutto il Popolo sardo ci sarebbe potuta essere la possibilità di vittoria. Nel rilevare inoltre come ancora oggi importanti porzioni di territorio e di popolazione siano ostaggio dei ricatti della presenza militare, da cui dipendono in maniera significativa perfino le sorti economiche di intere comunità, il Ps’daz auspica che una numerosa partecipazione popolare alla manifestazione del 13 settembre, aiuti la stessa Giunta regionale sarda assieme ai partiti che la sostengono, a trovare finalmente la forza di superare il comprensibile imbarazzo che finora l’ha contraddistinta, tenendola inchiodata a ripetere le solite ed inconcludenti dichiarazioni di rito.”

Caminera Noa sottoscrive parola per parola tali dichiarazioni che siamo sicuri sia ancora patrimonio indiscusso del Partito Sardo e quindi anche del suo segretario Cristian Solinas che oggi è governatore della Regione Autonoma della Sardegna.
Pertanto ci aspettiamo una massiccia campagna di adesione alla prossima manifestazione popolare del prossimo 12 ottobre e un urgente disconoscimento dell’accordo Stato-Regione preso dal presidente Pigliaru che di fatto ha ratificato l’occupazione militare della Sardegna.
Per questo motivo oggi un gruppo di attivisti di Caminera Noa ha presidiato la sede cagliaritana del Partito Sardo di Viale Regina Margherita, 6 Cagliari srotolando uno striscione con su scritto:

E Tanto Solinas a bi ses in Cabu Frasca contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna?

G7 di Biarritz: cacciare i colonizzatori

Immagine tratta da TGCom24

Il seguente articolo riporta una sintesi della mobilitazione basca e internazionale contro il vertice G7 d Biarritz, nel paese basco del nord, occupato dallo stato francese. Essa è a cura del movimento politico femminista, ecologista e indipendentista siciliano Antudo.

Nelle giornate del 24, 25 e 26 Agosto ha avuto luogo a Biarritz, in Euskal Herria, l’ormai consueta riunione del G7, il gruppo dei rappresentanti delle sette grandi potenze mondiali, considerando l’esclusione di Russia e Cina. Un’inutile passerella che ha avuto all’ordine del giorno la discussione sulla “riduzione delle disuguaglianze”.
Come di consueto la macchina repressiva predisposta, già operativa da alcune settimane, ha totalmente militarizzato le zone interessate dalla presenza dei grandi della terra. La riunione del G7 ha infatti determinato un’importante limitazione delle libertà di circolazione sul territorio coinvolto. Un vero stato di assedio e un’occupazione poliziesca soffocante. Secondo quanto riferito dal canale BFM-TV, la Francia ha mobilitato più di diecimila persone per garantire lo svolgimento del vertice.
Un enorme spreco di denaro che comunque a nulla è servito in una fase in cui il pericolo di una nuova recessione mondiale, di un collasso ecologico – evidenziato dagli ultimi disastri in Artico e in Amazzonia – sta rendendo sempre più drammatica la situazione, evidenziando la volontà di non intervenire per tutelare sempre gli interessi del grande capitale. Per finire incombe sempre di più la possibilità di una hard Brexit con le conseguenze che potrebbe portare in termini economici e politici sulla governance non solo europea.
A fare da contraltare a tale scenario e alle sciagurate politiche del G7 ci sono stati i movimenti. Molteplici, infatti, sono stati gli appuntamenti durante le giornate di mobilitazione e di contestazione al summit di Biarritz. Un vertice che, tra l’altro, tra le sue particolarità ha avuto quella di svolgersi in Euskal Herria, un territorio in cui la resistenza allo sfruttamento capitalista e all’oppressione coloniale di Spagna e Francia è storicamente radicata nelle popolazioni locali.
La piattaforma G7 EZ! promotrice maggiore del contro vertice, animata da realtà politiche sindacali e associative per lo più basche, ma anche francesi e spagnole, ha messo in piedi a Urrugne, Hendaye e Irun, dal 21 al 23 Agosto, una serie di incontri, forum, attività, dibatti e concerti.
Le azioni contro il summit si sono concentrate nelle giornate che vanno da Venerdì 23 a Domenica 25, con il corteo centrale previsto per il Sabato.
Le prime azioni di contestazione al G7 di Biarritz sono iniziate già nella giornata di Venerdì quando, dopo un’assemblea svolta nel campeggio del contro-forum, alcuni gruppi hanno concordato l’occupazione dello snodo stradale vicino al campeggio, accesso all’autostrada che porta a Biarritz, per bloccare i leader politici in arrivo per il vertice causando immediatamente l’intervento della polizia. Dopo ripetute cariche, al termine degli scontri, il bilancio è stato di 17 arresti.
La giornata di Sabato, iniziata la mattina con un corteo partito dal porto di Hendaye e terminato a Irun – che ha visto la partecipazione di almeno quindicimila persone – è proseguita nel pomeriggio. In questo momento della giornata sono avvenuti gli scontri principali, nel centro di Bayonne, a pochi chilometri dal faro di Biarritz. Ci sono stati fronteggiamenti con le forze dell’ordine nelle vicinanze del ponte di Saint Esprit e in quello che è noto come Petit Bayonne. Qui i manifestanti hanno lanciato alcuni fuochi di artificio contro i cordoni della polizia che ha risposto con gas lacrimogeni, cannoni ad acqua e cariche di alleggerimento. Da sottolineare la presenza tra i manifestanti di numerosi Gilet Gialli, protagonisti della lunghissima stagione di lotte in Francia. Altri scontri sono avvenuti all’ingresso dell’autostrada A63 che porta al confine con la Spagna. Il bilancio di Sabato conta 68 fermi tra i manifestanti e numerosi feriti tra le fila delle forze dell’ordine.
Ulteriori mobilitazioni – in particolare un presidio per chiedere la liberazione degli attivisti fermati nel corso delle giornate di contestazione – si sono svolte Domenica, giornata conclusiva.
Un contro vertice animato dalla partecipazione di migliaia di persone, protagoniste e determinate, che hanno dimostrato che sempre di più è necessario lottare contro l’arroganza di pochi, opporsi alle loro decisioni prese solo in nome del dio denaro. Mettere in discussione il sistema e dimostrare che è possibile cambiarlo.
Quando interi territori si organizzano dal basso, in maniera decisa e conflittuale, nessun dispositivo di sicurezza può fare paura. Le giornate di Biarritz stanno lì a dimostrarlo.