Sa limba sarda ufitziale pro sa Províntzia de su Campidanu de Mesu

De oi est in sa retza su giassu internet  www.limbasardasudsardigna.it
Su giassu internet www.limbasardasudsardigna.it,  fatu cun su dinai integrativu chi po su 2013 sa Regioni Sardigna at postu a dispositzioni po is progetus de avaloramentu e amparu de sa língua sarda, cunformas  sa L.R. 6/2012.art. 2 comma 13, a integratzioni de is risorsas postas a dispositzioni cun sa L.482/99 artt. 9 e 15 “Normas a amparu de is minorias linguísticas stóricas”, fait parti de is interventus a favori de sa prumotzioni bisíbbili de sa língua sarda, sutaposta a amparu.

Su giassu est de unu totu fatu in língua sarda: in sa strutura, in is cuntenutus de is setzionis diferentis e in is boxis e in is elementus puramenti ténnicus.

Custu po dimostrai chi sa língua sarda si podit umperai cun fatzilitadi in cuntestus diferentis, de cussus culturalis e linguísticus a cussus professionalis, ténnicus e de spetzializatzioni tennológica arta, cumenti est oi sa programmatzioni informàtica.

Su giassu torrat a portai totu su camminu fatu fintzas a ora po sa língua sarda de sa Províntzia de su Campidanu de Mesu apustis acummonada, cun sa L.R. 2/2016, in sa prus manna Províntzia de su Sud Sardigna, a sa chi apartenit su giassu, cumenti a Enti e cumenti a territóriu.

Est possíbbili castiai po dónnia annualidadi, a inghitzai de su 2006 fintzas a ocannu, totus is atividadis e is interventus fatus cun unu prospetu de is spesas fatas e rendicontadas, annu po annu, de su dinai arritziu, de is finantziamentu regionalis.

Totus is informatzionis asuba de is atividadis fatas e de is atividadis giai cumentzadas  de is sportellus de língua sarda, de is cursus de formatzioni, aici cumenti a su cuntenutu de is circas culturalis e linguísticas,a  is ainas didàticas etotu ( dispensas de is insenniantis, esertzítzius, ditzionàrius, grammàticas, e aici sighendi) funt a dispositzioni de totus is umperadoris chi podint castiai e umperai po aprofundamentu e po stúdiu unu patrimóniu culturali de importu, postu a dispositzioni de totus.

Su giassu est stétiu fatu  in su respetu de is inditus  nous de ghia  po su sétiu de is giassus de s’Amministratzioni Púbrica svilupadas de s’AgID (Agéntzia po s’Itàlia Digitali), e respetat sa normativa asuba de s’atzessibbilidadi de is giassus “web”, e presentat una strutura de tipologia “responsive”, est a nai chi connoscit su suportu chi innui est abertu (pc, tablet o mobile) e si nci cunformat in manera automàtica diaici de permiti unu gosu de is cuntenutus  craru e de profetu a is umperadoris.

Su progetu in prus est presenti, po médiu de is canalis “social” ufitzialis, in is piataformas “Facebook” e “YouTube”.

A Foras in caminu

A FORAS IN CAMINU…
SIGHENDI S’ARRASTU DE SU MRAXANI.

Sulle tracce della volpe – Assemblea itinerante.
In collaborazione col Coordinamento Comitati Sardi e la Rete Sarda Difesa Sanita’ Pubblica

Dopo la camminata da Alghero alla base militare di Poglina, il movimento A Foras – Contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna, propone una nuova tappa che l’8 e 9 dicembre toccherà le zone di Villacidro, San Gavino Monreale e Guspini.
Seguire le tracce de “is mraxanis”: affaristi, militari e speculatori per scorgere in prima persona le ferite che la nostra terra ha subito nel corso degli anni, camminare per conoscere gli esempi positivi e virtuosi che siano stimolo per la Sardegna di domani.

L’iniziativa sviluppa i contributi e le decisioni prese durante la plenaria conclusiva del campeggio contro l’occupazione militare della Sardegna, svoltosi lo scorso settembre a Tertenia, in Ogliastra. Così come nell’occasione del campeggio, anche la camminata si arricchisce del contributo del Coordinamento dei Comitati Sardi e della Rete in difesa della Sanità pubblica. La volontà del movimento è quella, nel corso del tempo, di sviluppare confronto, coordinamento, azioni e mobilitazioni popolari volte a organizzare un fronte unito per la difesa della nostra terra. Grazie al contributo dei tanti comitati popolari diffusi sull’isola è necessario costruire tappe, convergenza e complicità per autodeterminarci come popolo e determinare le decisioni che sul territorio in cui viviamo si propagano.

PROGRAMMA:

Sabato 8 dicembre

_Ritrovo ore 14.00 nella Z.I. Di Villacidro, fronte EX SNIA (fermata bus Cannamenda ex snia)
Attraversando la zona industriale, grazie alle guide del posto, ragioneremo sulle imprese chiuse e l’abbandono di un territorio. Con un percorso ad anello scopriremo le nuove imprese speculative e inquinanti (il nuovo campo eolico, il progetto del metanodotto, le serre fotovoltaiche, la discarica) per poi tornare davanti all’ex SNIA, da dove ci muoveremo coi mezzi fino a S.Gavino.

_ dalle ore 18.00 Piazza della Resistenza (viale Rinascita) – S.Gavino Monreale
TOUR DEI MURALES
Alla scoperta dell’arte che lega cultura, identità e terra. Una prima tappa ideale verso le celebrazioni dei cinquant’anni della lotta di Pratobello e dei primi murales di Orgosolo che si terranno il prossimo giugno (1969-2019).

_ Dalle 19.00 Sede della Kenemèri AssCult – Via Carlo Goldoni 4
Saremo ospiti di RADIO REK di San Gavino per discutere della camminata e dei prossimi appuntamenti di lotta di A Foras.
A seguire cena popolare e musica
(Possibilità di pernottamento – contattaci per INFO!)

Domenica 9 dicembre
_ Ritrovo ore 9.00 – Montevecchio – Guspini
GUSPINI E IL LASCITO DELLE MINIERE visita delle miniere di Montevecchio dalla produzione al deserto. Il vecchio tessuto produttivo sardo, inquinamento e tentata rivalutazione della storia industriale della nostra isola.

_Ore 13.00 Incontro con gli agricoltori di Villacidro e S.Gavino: Economie da difendere, alternative utili contro il furto della terra e il neo-estrattivismo.
Pranzo al sacco.

_ Ore 17.00 San Gavino (sede da confermare)
A FORAS incontra il COORDINAMENTO DEI COMITATI SARDI e la RETE SARDA IN DIFESA DELLA SANITA’ PUBBLICA in ASSEMBLEA APERTA A TUTT* con i seguenti temi:

1) Il nuovo progetto di metanizzazione della Sardegna: le ragioni economiche e politiche di questa nuova servitù. Inquadramento geopolitico dell’opera, gli interessi Ue/Usa/Qatar e il collegamento con le altre vertenze territoriali, dal Mater Olbia in poi.
Fermare gli espropri, non regaliamo la nostra terra!

2) Porre le basi per un’assemblea generale sarda in Difesa della Terra: non solo ambiente, non solo basi militari, non solo sanità. Immaginare dal basso un modello contro l’impoverimento e l’emarginazione dei territori. Contributi dei comitati territoriali per partire dai bisogni delle popolazioni e ribaltare la politica dei ricatti.

A Foras – Contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna
Coordinamento Comitati Sardi
Kenemèri AssCult
Rete Sarda Difesa Sanita’ Pubblica
Zero Waste Sardegna

#aforas

I pappagalli sovranisti-leghisti e la questione sarda

La Sardegna come si sa è terra di conquista. Conquista non solo materiale e territoriale, ma anche intellettuale, morale ed elettorale.

Periodicamente i maître à penser colonialisti fanno visita nell’isola e – specie in campagna elettorale – dispensano la loro visione sulle cause dell’arretratezza dell’isola, dispensando buoni consigli e ovviamente portando acqua al mulino della propria parte politica e dei propri interessi di casta.

L’ultimo gigante del pensiero economico italiano a servizio della Sardegna in ordine di tempo è l’economista di area Lega Alberto Bagnai che ripropone il mantra del rilancio economico attraverso le “zone economiche speciali”. 

Pubblichiamo di seguito un articolo risalente ad anno fa di Andrìa Pili sulla visita di un altro gigante del pensiero sovranista, tale Claudio Borghi, perché smonta pezzo per pezzo tutte le frottole economiche del nuovo sciovinismo italiano circa la questione sarda, tanto le argomentazioni di tutti gli intellettuali organici del sovranismo italiano sono fatte con lo stampino e vengono poi riprodotte serialmente per pescare voti in Sardegna.

Buona lettura.

di Andrìa Pili

Ho ascoltato il discorso tenuto ieri a Cagliari dal responsabile della politica economica della Lega Nord, Claudio Borghi, da anni noto come esponente dello sciovinismo economico italico anti-Euro e anti-UE. Ha dimostrato non solo di non conoscere la Sardegna, ma anche di spacciare vecchie proposte come innovative e di cambiamento, malgrado siano assolutamente in continuità con le politiche neocoloniali perseguite sino ad ora.

Innanzitutto ritiene che “in Sardegna si stava meglio negli anni’80: c’era una cosa che è andata a mancare: il rispetto per le particolarità dell’isola, che la Prima Repubblica aveva. I sardi erano rispettati…si vedeva da tariffe, continuità territoriale, investimenti…poi è iniziato il mondo dell’Europa”. Borghi ignora completamente diverse cose: la disastrosa politica industriale perseguita, nell’isola, dalla Prima Repubblica; l’occupazione militare attuale, disegnata sempre durante lo stesso periodo; il disprezzo per la cultura sarda che ha caratterizzato quegli anni (solo nel 1999 il sardo è stato riconosciuto come una lingua con la legge 482/99, ad esempio…potremmo ricordare anche come sotto la Prima Repubblica veniva contrastato il banditismo); il ruolo indirettamente positivo compiuto dal processo europeista nella riscoperta della coscienza nazionale sarda e nella crescita del sardismo politico (mentre l’Italia non ha ancora ratificato la Carta europea delle lingue regionali e minoritarie, ad esempio). In un passaggio sembra quasi tradirsi, mostrando tutto il suo goffo pseudosardismo, affermando: “la Sardegna potrebbe essere il granaio, l’allevamento, la radice in cui produrre roba sana per l’Italia, invece di importare”; insomma, attribuisce un ruolo subalterno alla nostra isola nei confronti dell’Italia, pensando che l’idea di una Sardegna-granaio sia sinonimo della ricchezza passata anziché di sfruttamento coloniale.

Le sue ricette trite e ritrite sono: abbassare le tasse (con la neoliberale flat tax, cioè un aliquota del 15% uguale per tutti che sarebbe solo fonte di ulteriore diseguaglianza sociale); zona franca; un fantomatico centro di ricerca. Anche qui, ritorna l’idea di una Sardegna funzionale: “se spingiamo la Sardegna può diventare il traino dell’Italia”; l’idea è ovviamente che l’isola dovrebbe attirare gli investimenti stranieri (italiani) e quindi essere un luogo in cui per gli altri è conveniente produrre. La parte peggiore di questo passaggio è stata questa: “i sardi hanno una scolarità bellissima…rimarrebbero qui ed ora sono sostituiti dai barconi”. Solo qui dimostra non solo la propria ignoranza sull’isola (non conosce i dati sulla dispersione scolastica, evidentemente) ma anche un certo squallore, nel voler creare un inesistente rapporto causa-effetto fra emigrazione ad alta qualificazione e immigrazione clandestina, ignorando le discriminazioni affrontate dagli immigrati nel mondo del lavoro. Come se il problema di questo drenaggio di capitale umano siano gli immigrati e non le politiche neoliberali del Processo di Bologna ed una politica universitaria italiana volta a favorire gli atenei settentrionali e a deprimere quelli delle periferie di Sud e isole. La Lega Nord ha sostenuto queste politiche attivamente – come la Riforma Gelmini – condividendo l’ideologia su cui queste si sono basate.

“La nostra idea si basa sul recupero della sovranità, se noi recupereremmo (sic!) la nostra autonomia di gestire le nostre cose, rispetto a chi ci vorrebbe tutti identici…bisogna fare vedere all’Europa che non siamo tutti uguali, vogliamo essere orgogliosamente italiani e orgogliosamente sardi”. Già visto e rivisto è anche questo identitarismo sardo inserito entro il nazionalismo italiano e l’idea – ampiamente smentita dalla storia – che quanto possa essere positivo per l’Italia (cioé per il capitale settentrionale) debba essere positivo per la Sardegna. Questo sovranismo italiano è la nuova versione del protezionismo perseguito dall’Italia tra l’ultimo quarto dell’Ottocento e il fascismo, grosso modo; è proprio contro questa politica economica che sorse il pensiero sardista-autonomista, di fronte ai danni palesi che questa politica – su cui si fondava l’alleanza delle oligarchie industriali ed agrarie di Nord e Sud Italia, come notato da Gramsci – aveva creato nell’isola.

La conclusione di Borghi è ugualmente espressione del paternalismo colonialista: “amo la Sardegna per quello che è, rimanete aggrappati alle vostre tradizioni…sono ricchezza, avete tutto per avere ricchezza e non sfruttamento e povertà…faremo in modo che voi sarete rispettati come prima, saremo al vostro fianco”. La questione sarda è erroneamente vista unicamente come questione etnoculturale. L’unico modo per emancipare la Sardegna è lottare contro il potere politico-economico italiano e la classe politica sarda, sua mediatrice; a questo fine la Lega Nord, nelle nuove vesti di partito sciovinista italiano anche se con l’uso propagandistico dei residui regionalisti del suo passato, è assolutamente inutile e – al governo – sarebbe un nemico esattamente come qualsiasi partito il cui obiettivo non è quello di abbattere questo potere colonialista (ovvero ogni partito che vede l’Italia come il centro dei propri interessi)

ProgReS: costruiamo la convergenza nazionale per governare la Sardegna

  • Pochi giorni fa si è riunita a Oristano l’Assemblea Nazionale degli attivisti di Progetu Repùblica de Sardigna. Tempo di decisioni importanti?

Decisamente. Ci siamo confrontati a lungo e abbiamo ragionato non solo sulle ormai prossime nazionali sarde, ma sul futuro dell’indipendentismo e sul futuro di Progetu Repùblica.

In tal senso le nostre attiviste e i nostri attivisti hanno dimostrato, oltre che un forte senso di responsabilità nazionale, una maturità politica non comune, considerato la giovane età media dei nostri iscritti e il forte idealismo che solitamente contraddistingue il nostro Partito.

L’aspetto più importante che ci permette di affrontare con serenità i prossimi mesi è che abbiamo la piena consapevolezza che queste elezioni non segneranno per l’indipendentismo né l’ultima spiaggia né, salvo piacevoli imprevisti, la svolta. La nostra ambizione collettiva non verrà frustrata dal risultato delle urne.

Continueremo inesorabilmente la nostra marcia verso la libertà, nell’interesse esclusivo della nostra nazione. Detto questo abbiamo ancora l’opportunità storica di presentare alla società sarda una proposta di governo non subalterno, suggestiva e potenzialmente dirompente.

  • L’indipendentismo sardo gode di buona salute?

L’indipendentismo sociale e culturale , a mio avviso, gode di buona salute; è in continua crescita ed espansione. Chi non gode di buona salute è il terminale politico, ovvero i partiti indipendentisti.

Anni di investimento sull’apertura al mondo a noi vicino e parallelo hanno forse fatto percepire l’indipendentismo come non in grado di camminare sulle proprie gambe e di apparire in quanto tale senza dissimulazioni.

  • Che fine hanno fatto i progetti “Sardegna Possibile” e “Alternativa Natzionale” a cui Progres ha lavorato negli ultimi anni per allargare la base politica dell’indipendentismo alla società civile?

Noi abbiamo dato anima e cuore per questi progetti di coalizione. Sono stati dei progetti importanti ma che a nostro parere ormai hanno esaurito la loro funzione, anche alla luce dell’attuale scenario politico sardo.

È importante che l’indipendentismo sappia riconoscere le proprie sconfitte, le scommesse sbagliate, gli investimenti infruttuosi. Dagli errori e dalle strade tortuose impariamo il modo per procedere più spediti e più determinati di prima.

  • I vostri rapporti con Autodeterminatzione? Dicci una cosa che vi unisce e una che vi divide.

Dopo il prevedibile risultato alle politiche italiane e l’infelice addio di Muroni al progetto, ritengo che l’esperimento abbia attraversato una fase di ridefinizione che non so dire se si sia conclusa.

Certamente in comune abbiamo l’importante fatto che con alcuni di loro condividiamo un idea di Sardegna indipendente.

Ma ad esempio il fatto che abbiano deciso di farsi rappresentare alle elezioni nazionali sarde da una persona rispettabilissima ma esplicitamente autonomista – e quindi per noi unionista – non ci aiuta ad avvicinarci a loro. Comprendiamo i motivi di questa decisione, rispettiamo il loro lavoro. Ma non è il nostro.

  • E con Sardos?

Sardos, a detta loro, attualmente non è un soggetto politico ma una associazione culturale per cui non rientra nella nostra sfera di interessi strettamente politico-elettorali.

Ci auguriamo invece che assieme a loro si possano aprire degli spazi di confronto per quanto riguarda i temi da affrontare e soluzioni da proporre per il benessere dei cittadini sardi e la difesa della nostra Terra.

  • E con il nuovo soggetto-progetto di ispirazione autodeterminazionista, anticapitalista e antirazzista Caminera Noa? Una cosa che vi unisce e una che vi divide.

Caminera Noa ha recentemente annunciato di non partecipare alle prossime elezioni sarde, riteniamo tale scelta legittima e rispettabile. Tuttavia crediamo che possano esserci punti di contatto piuttosto interessanti come la proposta in merito alla cittadinanza sarda ispirata dallo “ius voluntatis”.

Un concetto molto caro a noi di Progetu Repùblica perché da sempre affermiamo il fatto che essere sardi, sentirsi sardi, condividere la nostra cultura, la nostra lingua, sia una libera scelta, un atto di volontà, e che ciò non dipenda da dove si nasce o di chi sei figlio.

  • Il PSd’Az va a tutta dritta verso la fusione con la destra xenofoba italiana, il PdS non sembra abbandonare il progetto di subalternità al PD. Last but non least Mauro Pili e il suo progetto Unidos… vedi spiragli di collaborazione con queste forze in vista delle regionali?

 

Le elezioni non sono mai state lo scopo e il fine ultimo dell’iniziativa politica di Progetu Repùblica. E penso di sfondare una porta aperta con voi.

Realizzare una convergenza nazionale a parole può sembrare facile ma in realtà è un’operazione molto incerta, oltre che complessa, perché mette in competizione interessi e finalità differenti. Non dipende solo dalla nostra volontà.

Come già abbiamo detto lo spazio politico potrà vedere la luce solo nel caso le forze sopracitate abbandonino le sirene dei poli italiani di centrosinistra e centrodestra.

Oggettivamente, se proprio vogliamo essere realisti, dobbiamo dire che il PSd’Az difficilmente avrà il coraggio di rompere il patto di ferro con la Lega, è una tattica discutibile ma redditizia nel breve periodo; mentre per quanto riguarda Unidos e PDS la questione è decisamente diversa e chissà che non possano venire fuori delle sorprese.

Nessuna unità elettorale per gli indipendentisti?

Che Andrea Murgia fosse il nuovo volto di Autodeterminatzione destinato a sostituire quello del giornalista Anthony Muroni per le elezioni regionali di febbraio l’aveva spoilerato Alessandra Carta su Sarndinia Post del 3 ottobre. Ancora non c’era stata nessuna investitura da parte del Coordinamento ma evidentemente era già noto che il funzionario e tecnocrate della Commissione europea ed ex uomo di punta del PD sardo e in particolar modo di Renato Soru sarebbe stato il prescelto. Murgia si era anche candidato alle primarie del PD sfidando Francesca Barracciu e Gianfranco Ganau  nel 2013. Come ricorda Alessandra Carta nell’articolo di Sardinia Post citato «quella consultazione elettorale si chiuse con la vittoria della Barracciu che raccolse il 44,32 per cento, pari a 22.808 voti. Murgia, sostenuto dal circolo Copernico, il bacino della nuova generazione dem, era arrivato terzo col 12,66 per cento (6.456 preferenze) (…). Come sia finita, è storia nota: di fatto l’esito delle primarie divenne nullo, visto che la Barracciu fu costretta al passo indietro da leader in seguito all’avviso di garanzia per peculato ricevuto nell’ambito dell’inchiesta sui fondi ai gruppi del Consiglio regionale».

La decisione – poi confermata in via ufficiale – è stata presa dal Coordinamento di Autodeterminatzione all’unanimità e il cartello sardista è già in piena campagna elettorale promuovendo incontri e mobilitazioni di vario genere.

L’unanimità interna al coordinamento di ADT non è però condivisa nel mondo indipendentista e autodeterminazionista.

Possibilista ma a diverse condizioni il soggetto-progetto Caminera Noa che in una nota del 30 ottobre chiariva di aver incontrato una delegazione composta dal presidente di Autodeterminatzione, Fabrizio Palazzari e dal suo candidato presidente, Andrea Murgia. In quella occasione è stato consegnato il documento poi diramato sui social e a mezzo stampa dove Caminera Noa chiede un pieno e paritario coinvolgimento dei “conflitti sociali e politici in atto in Sardegna”:

«È necessario aprire a tutte le realtà di lotta che si stanno muovendo in Sardegna (oltre a Caminera Noa anche A Foras, Rete Sarda sanità pubblica, Comitato No Metano, rete dei comitati sardi, ecc.).

Aprire non vuol dire dichiarare “entrate nel nostro progetto, con le nostre regole, con le nostre decisioni”, bensì significa creare uno spazio pubblico di libero confronto ad ampio spettro, paritario su tutto ciò che le parti dialoganti riterranno opportuno.

Le lotte, i conflitti, le vertenze, le progettualità di liberazione, salvaguardia e emancipazione attualmente in atto in Sardegna non possono essere accessori elettorali ma devono essere motore e propulsione per ogni progetto che si intenda di reale autodeterminazione».

Fino ad oggi però nessuna risposta in tal senso è ancora arrivata e quindi non è dato sapere se Caminera Noa sosterrà – se pure esternamente – la lista e il candidato governatore di Autodeterminatzione.

Sulla falsa riga di Caminera Noa ma meno possibilista ad un sostegno ad Autodeterminatzione l’ex consigliera regionale Claudia Zuncheddu e portavoce della Rete Sarda per la sanità pubblica con il suo appello del 15 novembre. L’appello non punta – come quello di Caminera Noa – a convincere Autodetermintazione a coinvolgere attivamente i conflitti e le forze di ribellione espresse dalla Sardegna, bensì a creare una federazione più ampia dei «territori in lotta, ai movimenti identitari, indipendentisti, progressisti, ambientalisti, anticolonialisti, dei diritti civili, antimilitaristi, di singoli cittadini ed intellettuali che si sono contrapposti alla violazione dei nostri diritti e alle politiche di espropriazione ed impoverimento delle nostre risorse promosse oggi dal centro sinistra e ieri dal centro destra». Non si sa bene se questa federazione preveda l’ingresso o no di Autodeterminatzione e ovviamente non è arrivata nessuna reazione da parte del cartello già in piena campagna elettorale.

La necessità di un progetto politico di prospettiva a breve, medio e lungo termine– argomenta la Zuncheddu evidentemente criticando le proposte già in campo – «richiede proposte concrete, coraggiose e fattibili. Proposte che non possono nascere dagli accordi opportunistici tra segreterie di partiti, il cui sistema è fallito alla fine del 900».

Di tutt’altro orientamento l’intervento per la convergenza nazionale prodotto in giornata dal partito ProgReS che alle scorse elezioni regionali fu animatore del progetto Sardegna Possibile con Michela Murgia candidata a governatrice.

La recente Assemblea Nazionale di ProgReS propone (link) un balzo in avanti che porti l’indipendentismo dalla sua fase progettuale a realizzare l’«obiettivo della liberazione nazionale con lo spirito, l’impegno e l’onere del governo, al servizio del popolo sardo. Un passaggio psicologico prima che politico. Una maturazione, una predisposizione all’attuazione concreta del superamento della protesta a favore di una proposta che sia concreta e applicabile».

La proposta avanzata da ProgReS è quella di «una seria, credibile e forte convergenza nazionale sarda che coinvolga tutte le forze politiche della nostra area capaci di una scelta di campo non tattica ma strategica. Sarebbe auspicabile una convergenza tra il nostro Partito e forze come Unidos, come il Partito dei Sardi, come Autodeterminatzione e come il PSd’Az».

Caminera Noa non viene neppure nominata, forse perché con il documento sopracitato si è dichiarata non interessata ad una partecipazione diretta alle elezioni, o forse perché le sue posizioni politiche risultano troppo conflittuali e critiche proprio nei confronti di alcuni potenziali interlocutori individuati da ProgReS.

In ogni caso la bozza di convergenza è difficile realizzazione per stessa ammissione degli estensori del documento a causa di persistenti e fortissime contraddizioni politiche così sintetizzate:

«ma questo spazio politico con pochi punti chiari e condivisi a delimitare un perimetro concettuale e un programma teso alla difesa degli interessi dei sardi potrà vedere la luce solo nel caso in cui le forze appena citate decideranno di liberarsi in modo definitivo dai poli italianidi centrodestra e centrosinistra, da leadership non chiaramente indipendentiste o da patti di ferro con il peggiore nazionalismo italiano xenofobo e autarchico».

In sintesi il quadro è ancora molto fluido, eppure mancano solo pochi mesi alle elezioni regionali alle quali con tutta probabilità partiti liberisti, colonialisti, razzisti, fascisti e qualunquisti italiani faranno incetta di voti con l’aiuto prezioso dei soliti ascari locali, sardisti o no.

Una Corona de logu per le 377 comunità sarde

Gli amministratori della Corona de Logu riuniti a Bauladu

Sabato 6 ottobre è nata a Bauladu la Corona de Logu, assemblea degli amministratori locali indipendentisti sardi. Nel piccolo centro dell’oristanese si sono riuniti sindaci, assessori, consiglieri di molti comuni della Sardegna: da Tertenia a Borore, da Oristano a Ussaramanna, da Mogoro a Sant’Antioco. Insieme, hanno dato vita alla Corona de Logu: «la casa e la voce degli amministratori locali indipendentisti sardi», come recita l’articolo 1 della Carta Istitutiva.

Presidente del nuovo organismo è stato eletto all’unanimità Davide Corriga, giovane sindaco di Bauladu. Membri del Consiglio di Presidenza sono stati eletti, sempre all’unanimità, Andrea Caschili (assessore di Sarroch), Stefano Deiana (consigliere di Gairo), Marco Manus (assessore di Macomer), Maurizio Onnis (sindaco di Villanovaforru), Denise Pintori (consigliere di Terralba), Stefano Zola (consigliere di Galtellì).

Obiettivo primario della Corona de Logu è «la promozione e la difesa del diritto dei Sardi all’autodeterminazione nazionale» (articolo 9 della Carta Istitutiva), «attraverso lo scambio d’idee e buone pratiche, la formazione interna, l’elaborazione di progetti e posizioni comuni sui problemi dei territori sardi e della Sardegna nel suo complesso, lo sviluppo della capacità di pesare sulla politica sarda» (articolo 11). La nuova assemblea raccoglie infatti il ceto politico che viene dai territori e ci vive, li conosce, ne conosce gli abitanti e sa che le soluzioni ai problemi dell’isola passano per vie d’azione strette e difficili. Vuole soprattutto far crescere questo stesso ceto politico, renderlo coeso, più consapevole, in modo che un giorno dia un contributo determinante alla fondazione della Repubblica di Sardegna. Quanto ai partiti, cui molti amministratori sono legati, troveranno nella Corona de Logu un luogo in cui discutere, attraverso i propri rappresentanti, senza frenesie elettorali.

La Corona de Logu lancerà le sue prime iniziative nelle prossime settimane. È aperta l’adesione agli amministratori indipendentisti dei 377 Comuni della Sardegna. La segreteria della Corona de Logu risponde all’indirizzo di posta elettronica amministradores@gmail.com.

Sassari “piccola Scampia” o città colonizzata da liberare?

di Riccardo Futta

Forse siamo arrivati al punto di non ritorno o ci siamo comunque molto vicini. In questi giorni il nostro centro storico è stato definito “la piccola Scampia”; in questo inizio di campagna elettorale sciacalli arancioni, verdi e neri tentano di smembrare la carcassa malconcia di Sàssari Vècciu.

Il PD propone di andare casa per casa a stanare clandestini e affitti irregolari, la Lega e Casapound solidarizzano e alimentano la percezione di insicurezza soffiando sul fuoco del razzismo e della guerra fra poveri, giornalai di testate online e non pubblicano articoli osceni dove si ingigantisce enormemente la realtà facendo pressione psicologica sulla popolazione e costruendo la paura.

Il centro storico cittadino è la zona della città con tutti i settori del commercio in crisi tranne uno : il mercato immobiliare; è proprio a Sassari vecchio che si ha il maggior numero di compravendite di immobili. I sassaresi acquistano per investimento così da affittare a studenti, trasferisti e immigrati; poi ci sono gli italiani (milanesi e bresciani soprattutto) che acquistano palazzine intere e grossi immobili. Che strani investimenti in un “bronx” dove si ha paura ad uscire di casa e si rischia la vita a passeggiare nei vicoli.
Nel 2016 il mercato immobiliare del centro storico è cresciuto del 50%, se la tendenza continua si abbasseranno ulteriormente i prezzi e si avranno più case in vendita che acquirenti.

Vuoi vedere che la “costruzione” di un centro storico “ghetto” sia nel reale (con la disgregazione del tessuto economico causato dalla grande distribuzione e l’assenza di servizi) che a livello psicologico (ingigantendo sui media le situazioni di degrado e malcontento che comunque esistono) è strumentale a una progressiva svalutazione immobiliare che favorirà una gigantesca opera di speculazione?

Il tutto verrà chiamato “riqualificazione”, si ristruttureranno palazzi, apriranno locali e negozi di “carabattole”. I prezzi degli immobili e degli affitti saliranno così come i prezzi al bar, al negozietto, in panetteria. Andranno via gli immigrati ma anche gli “autoctoni” in un nuovo quartiere ghetto con affitti e prezzi accessibili, portandosi dietro i loro problemi e gli imprenditori e palazzinari faranno del centro storico un parco giochi di B&B, ristorantini e negozietti per turisti. Scordatevi i venditori di lumache e le botteghe con le teglie della fainè di cui avete nostalgia, anzi spariranno anche gli ultimi esempi della Sassari popolare e genuina che conosciamo.

Con questo non voglio dire che al centro storico non ci siano problemi, povertà, situazioni al limite, ma voglio sottolineare i nomi dei colpevoli che hanno creato tutto questo in malafede. Gli stessi che ora danno la soluzione al problema con rastrellamenti e speculazione.

In tutto questo il movimento della sinistra di classe e indipendentista cittadino ci si deve buttare in mezzo, provare, sbagliare, ferirsi e rialzarsi. Il centro storico è la palestra più difficile ma più utile per ricostruire da zero la sinistra di classe anticolonialista in città.
Ancora cuore e custode della nostra identità e casa delle classi popolari, ma anche dei “nuovi” sassaresi (22% di popolazione straniera in centro storico a differenza del 2-3% in generale) il centro storico oltre che essere il cuore di Sassari è anche il cuore di tutte le sue contraddizioni e tensioni sociali, ed è da qui che dovremmo ripartire per ricostuire la sinistra indipendentista di classe, fregandocene delle scadenze elettorali e prima che sia troppo tardi, se non lo è già.

Diada: il giorno in cui sardi e catalani stringono un’alleanza

Con un comunicato bilingue (sardo e catalano) il soggetto-progetto Caminera Noa annuncia la sua partecipazione alla Diada (Diada Nacional de Catalunya). Ogni anno i catalani scendono in piazza con poderose manifestazioni di massa in occasione della loro festa nazionale, l’11 settembre, data in cui ricorre la caduta di Barcellona nelle mani delle truppe borboniche di Filippo V di Spagna durante la Guerra di Successione, appunto l’11 settembre 1714, dopo 14 mesi d’assedio.

Caminera Noa è stata invitata dall’organizzazione giovanile Arran i cui delegati sono stati conosciuti ad un incontro internazionale tenutosi a Roma da collettivi giovanili e a cui appunto avevano partecipato alcuni esponenti giovanili del nuovo progetto politico anticapitalista e per l’autodeterminazione.

L’agenda di Caminera Noa è fitta di incontri, perché oltre agli eventi politici i militanti incontreranno i cittadini del barrio Pit Roig dove l’anno scorso, in occasione del Referendum per l’indipendenza, alcuni attivisti fondatori di Caminera Noa avevano presidiato insieme al comitato locale in difesa del Referendum.

Di seguito il comunicato di Caminera Noa:

SRD

Caminera Noa at a èssere in Catalugna pro afestare sa Die Natzionale de Catalugna de su 2018.

Amus collidu s’invitu de sa gioventude indipendentista de Arran. Amus a imbiare una delegatzione  pro partetzipare a sas atividades polìticas e pro nos istrìnghere a su protzessu de indipendèntzia catalanu in momentu istòricu chi cunsideramus de importu pro totu sas natziones sena Istadu in s’àrea mediterrànea e in Europa. Picamus custa festa natzionale che a ocasione pro coltivare raportos polìticos cun àteras organizatziones catalanas chi cumbatent pro su deretu a s’autodeterminatzione de sos pòpulos..

Intre su 9 e su 13 de cabudanni de ocannu amus a èssere in Sabadell, in Cardedeu e in Bartzellona. In custa ùrtima tzitade in particulare, bi semus istados giai s’annu coladu cando, paris cun sas delegatziones de su Comitadu Sardu “pro su Referendum de sa Catalugna” (oe “pro sa Repùblica de Catalugna”), de su Fronte Indipendentista Unidu e de su Colletivu Furia Rossa amus defensadu su sègiu eletorale in s’iscola Pit Roig e semus intervènnidos in s’addòbiu de sas delegatziones internatzionales. In prus amus a torrare a addobiare su comitadu chi at defensadu s’iscola Pit Roig su 1° de santugaine de su 2017. In cussa ocasione amus tastadu sa farta de democratzia in Ispagna, chi at fatu presoneris polìticos, e s’indiferèntzia de sa majoria de sos Istados de s’Unione Europea..

Semus prejados meda de su reconnoschimentu polìticu e torramus gràtzias a sos cumpàngios e a sas cumpàngias de Arran pro nos àere invitados. Pro custu amus a partetzipare e amus a imparare dae sos catalanos una de sas maneras de conduire unu protzessu de indipendèntzia partetzipadu, allegru e batalleri.

Ischimus chi oe est in Catalugna e cras est in Sardigna. A in antis!

CAT

Caminera Noa serà a Catalunya per a festejar la Diada Nacional de Catalunya de 2018.

Vam acceptar la invitació de la joventut independentista d’Arran. Enviarem una delegació per a participar en les activitats polítiques i per a acostar-nos al procés d’independència català en un moment històric que considerem important per a totes les nacions sense Estat a l’àrea mediterrània i a Europa. Considerem aquesta festa nacional com a una ocasió per a cultivar lligams polítics amb altres organitzacions catalanes que combaten per al dret a l’autodeterminació dels pobles.

Entre el 9 i el 13 de setembre d’enguany serem a Sabadell, a Cardedeu i a Barcelona. En aquesta darrera ciutat en particular, ja hi vam ser l’any passat quan, amb les delegacions del Comitadu Sardu “pro su Referendum de sa Catalugna” (oe “pro sa Repùblica de Catalugna”), del Fronte Indipendentista Unidu i del Col·lectiu Furia Rossa vam defendre el setge electoral a l’escola Pit Roig i vam intervenir a la trobada de les delegacions internacionals. A més encontrarem encara el comitè que va defensar l’escola Pit Roig l’1 d’octubre de 2017. En aquella ocasió vam provar la falta de democràcia a Espanya, que va fer presos polítics, i la indiferència de la majoria dels Estats de la Unió Europea.

Ens fa molta il·lusió el reconeixement polític i agraïm als companys i a les companyes d’Arran per haver-nos invitats. Per això participarem i aprendrem pels catalans una de les maneres de dur un procés d’independència participat, alegre i combatiu.

Ja sabem que avui és a Catalunya i demà és a Sardenya. Endavant!

Ma se la Sardegna va in delegazione alla Diada, la Diada arriva anche in Sardegna, precisamente nella città di Alguer. Sempre con un comunicato bilingue, (questa volta italiano-catalano), la sede algherese della celebre associazione catalana Òmnium Cultural de l’Alguer, insieme all’Assemblea Nacional Catalana Itàlia, con la collaborazione  dell’Associació per a la Salvaguarda del Patrimoni Historicocultural de l’Alguer e dell’Ateneu Alguerès, organizzano per martedì 11 settembre del 2018, in occasione della Diada Nacional de Catalunya, una manifestazione di solidarietà con il popolo catalano.

Quest’anno la Diada assumerà un valore di straordinaria importanza perché sono numerosi i dirigenti politici e culturali del movimento di liberazione catalano ancora in carcere, tra cui i due Jordi (Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, rispettivamente a responsabili dell’Asamblea Nacional Catalana e dell’Omnium Cultural) e numerosi ex ministri ed ex dirigenti politici.

L’iniziativa algherese rilancia anche il tema del rapporto di solidarietà tra i popoli oppressi e tra le nazioni senza stato, legame che si manifesta chiaramente nell’idea di eseguire i due inni nazionali catalano e sardo.

Di seguito il comunicato bilingue e il programma completa dell’evento algherese:

Benvolgudes senyores, benvolguts senyors
l’Òmnium Cultural de l’Alguer i l’Assemblea Nacional Catalana Itàlia, amb la col·laboració de l’Associació per a la Salvaguarda del Patrimoni Historicocultural de l’Alguer i de l’Ateneu Alguerès, organitzen per dimarts 11 de setembredel 2018, en ocasió de la Diada Nacional de Catalunya, una manifestació en solidaritat amb el pòpul català. 
A les 17.14 h, a davant del Monument per la Unitat de la Llengua, en plaça del Portal, s’encontraran los representans institucionals, les associacions i els ciutadans.
A les 18.30 h, en la Sala conferències del claustre de Sant Francesc, al carrer Major, hi siguerà la projecció de “Sense ficció.1-O”, un documentari a damunt dels fets de violència succeïts en Catalunya l’1 d’octubre del 2017, dia del Referèndum. A seguir, los intervents d’alguns testimonis que han assistit a aquellos fets en primera persona. 
L’acte siguerà obert de la coral Lo Frontuni que exegüirà l’himne català, Els Segadors, l’himne sard, Procurade ‘e moderare i la cançó algueresa Serenada (Alguer mia).
És agraïda la vostra presència
***
L’Òmnium Cultural de l’Alguer e l’Assemblea Nacional Catalana Itàlia, con la collaborazione  dell’Associació per a la Salvaguarda del Patrimoni Historicocultural de l’Alguer e dell’Ateneu Alguerès, organizzano per martedì 11 settembre del 2018, in occasione della Diada Nacional de Catalunya, una manifestazione di solidarietà con il popolo catalano.
Alle ore 17.14, davanti al Monumento per la Unitat de la Llengua, in piazza Porta Terra, ci sarà un incontro con i rappresentanti istituzionali, le associazioni e cittadini. 
Alle ore 18.30, nella Sala conferenze del Chiostro di San Francesco, in corso Carlo Alberto, si terrà la proiezione di  “Sense Ficció.1-O”, un documentario sui fatti di violenza avvenuti in Catalogna l’1 di ottobre del 2017, giorno del Referendum. A seguire, gli interventi di alcuni testimoni che hanno assistito ai fatti in prima persona.
L’atto sarà aperto dall’esecuzione, da parte del Coro Lo Frontuni, dell’Inno catalano, Els Segadors, dell’Inno sardo Procurade ‘e moderare, e della canzone algherese Serenada (Alguer mia). 
È gradita la vostra presenza

A Tertenia la terza edizione di A Foras Camp

La lotta di A Foras – Contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna non si ferma e anzi inaugura l’anno politico con un campeggio denso di incontri e formazione.

A Foras Camp è alla sua terza edizione e per il secondo anno di seguito si terrà a Tertenia il 14-15-16 settembre, presso il camping Tesonis, località Sarrala.

Per volontà dell’assemblea generale sarda, che coinvolge collettivi, individualità o realtà di vari territori dell’isola, si è deciso di riproporre il campeggio contro l’occupazione militare della Sardegna.
Quest’anno rispetto alle precedenti edizioni si dedicherà particolare attenzione alla discussione politica e programmatica in vista dell’autunno di lotta nei territori e nelle città. Unico momento spensierato e di festa, infatti, sarà la pecorata in piazza a Tertenia con musica e balli sardi.

Di seguito pubblichiamo il programma integrale:

14 Settembre 
dalle 9 alle 19 accettazione e registrazione al camping
alle 10 breve punta organizzativa e logistica sul campeggio
alle 11 incontro su comunicazione e organizzazione interna di A Foras
alle 14 pranzo
durante il pomeriggio momento di discussione femminista al campeggio
alle 19 Aperitivo Internazionale: facciamo il punto sui fronti aperti dal Nord-Africa al Medio Oriente fino al Sud America. In che tassello si colloca la Sardegna all’interno dei conflitti geopolitici e di accumulo e spostamento delle materie prime.

15 settembre
dalle 10 riunione del gruppo Economia di A Foras.
alle 14 pranzo
durante il pomeriggio preparazione della serata in piazza e spostamento a Tertenia.
dalle 20:30 Pecorata, musica e balli sardi a Tertenia.

16 settembre
h 10 Assemblea generale sarda di aForas con seguente ODG:
_ Riassunto e esposizione lavori durante il camping
_ Prospettive di lotta e organizzazione delle iniziative proposte.
Smontaggio tende e pulizia area camping

Durante il campeggio sarà reperibile materiale informativo sulle battaglie di A Foras, gadget e quant’altro. Il campeggio è gratuito, all’ingresso sarà allestito un infopoint nel quale contribuire con un’offerta alle spese vive della tre giorni. Sarà allestita una cucina autogestita e il campeggio è dotato di servizi igienici, bar, ristorante e un ingresso diretto alla spiaggia.

Gli attivisti invitano tutti e tutte a contribuire ai turni di pulizia dello spazio dedicato ad A foras e a rispettare i valori che contraddistinguono il movimento, cioè non verranno accettati comportamenti sessisti, razzisti o discriminatori nei confronti di nessun*.

Per info e news basta seguire la pagina di A Foras – Contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna

#aforas
#aforascamp2018

Totu un’àtera stòria: l’altra storia narrata a Aristanis

Per conquistare il futuro bisogna prima riconquistare il passato. E’ questa in sintesi l’idea che ha portato il collettivo oristanese Furia Rossa a organizzare un evento di contro-narrazione storiograficaintitolata “Totu un’atera stòria“. Il collettivo, impegnato in diverse lotte sociali e politiche ha invitato diverse personalità della politica e della cultura sarda il cui impegno va in contro tendenza rispetto alla narrazione imperante di una Sardegna pacificata e definitivamente italianizzata.

L’evento si svolgerà venerdì 7 settembre (dopodomani) nel Teatro S. Martino di Oristano, in via Ciutadella De Menorca.

Di seguito pubblichiamo il comunicato di Furia Rossa e il programma completo e a questo link  l’evento social che lo sponsorizza:

Totu un’àtera stòria non vuole essere un momento di dibattito scientifico. Vuole essere un momento in cui appassionati, studiosi e persone interessate parlano di storia della Sardegna. Dal dibattito non verranno fuori grandi scoperte o rivoluzioni teoriche, non ci interessa quello. Speriamo che venga fuori però un arricchimento generale per coloro che vi prendono parte, nella prospettiva di un confronto fra diverse discipline e fra diversi punti di vista e soprattutto con l’occhio sempre ben fermo al presente. Conoscere la nostra storia per capire dove abbiamo sbagliato e cosa possiamo recuperare del nostro passato con l’obiettivo di costruire un futuro diverso per questa terra e per chi la abita. 
Il primo tavolo cercherà di affrontare una dicotomia fondamentale nella storia sarda, quella fra città e campagna. Nello specifico saranno la Città per eccellenza, Cagliari, sede di tutta la macchina regionale e la piccola Cabras, dove un pugno di pescatori mise in piedi una lotta durata più di vent’anni per ottenere la gestione dello stagno. La burocrazia e la politica regionale dovettero fare i conti con quella mobilitazione, ma li fecero a modo loro. Enrico Lobina, militante del circolo cagliaritano ME-TI e profondo conoscitore della storia e della realtà amministrativa sarda, ci racconterà qualche aspetto di quella retorica della riforma che ha permeato l’attività della Regione Autonoma Sarda per sessant’anni e Davide Pinna, militante del Collettivo Furia Rossa, dialogherà con lui, raccontandoci in parte come la retorica della riforma abbia influenzato quella lotta. 
Nel secondo tavolo vedremo come ancora oggi l’eredità della Prima Guerra Mondiale influenzi l’immaginario collettivo sardo. Omar Onnis, storico e autore di numerosi libri sulla Sardegna, affronterà nello specifico quello che è stato la Prima Guerra Mondiale per i sardi e le conseguenze che quell’importante evento storico ha avuto sulla nostra terra, sia a livello materiale che a livello ideologico. Con lui dialogherà Andria Pili, studente cagliaritano e militante dell’associazione giovanile indipendentista SCIDA, che si concentrerà soprattutto sulla storia della Brigata Sassari, destreggiandosi fra la costruzione del mito e la realtà storica, spesso nascosta dalla celebrazione di un’ideale che non esiste veramente. 
Il terzo tavolo infine vedrà Gigi Olla, insegnante e curatore del sito www.dpsarda.wordpress.com, dialogare con l’ex sindaco di Laconi e membro di Democrazia Proletaria Sarda Paolo Pisu. Il tema sarà quello della storia singolare di DP Sarda, forse uno dei primi esperimenti di incontro fra la sinistra marxista e la questione nazionale sarda. 

TOTU UN’ATERA STÒRIA
Atobiu bilingui de stòria

7 de Cabudanni 
Teatru S.Martinu, Bia Ciutadella De Menorca, 21, Aristanis

Programa

I Mesa, 17:00

▸ Sartus e citadis, is movimentus popolaris e sa polìtica riformista de sa RAS. 
Focus a pitzu de sa luta de is piscadoris de Crabas e de sa retòrica de sa reforma de sa RAS de su ’45 a oi.

Dibatint Enrico Lobina, Davide Cuccureddu Pinna.

II Mesa, 18:30

▸ Prima Gherra Mondiali e Brigata Sassari. Ita nd’est abarrau in s’imaginàriu sardu?

Dibatint Omar Onnis e Andrìa Pili.

III Mesa, 19:30

▸ “Democrazia Proletaria Sarda”, candu sa manca atòbiat sa chistioni natzionali.

Gigi Olla intervistat Paolo Pisu