Fuori i vacanzieri sospetti delle zone rosse: è razzismo?

La grafica incriminata (e tacciata di razzismo) con cui Caminera Noa ha voluto stigmatizzare l’arrivo indiscriminato di residenti dalle zone ad alto rischio contagio che, nella maggior parte dei casi, si sono riversate in seconde case di proprietà e/0 in località turistiche.

L’ANCI Sardegna (l’organizzazione che raccoglie i sindaci dell’isola) lo scorso 7 marzo ha lanciato un grido d’allarme rivolto a tutte le istituzioni, statali e autonomistiche sarde. Sembra un periodo ormai lontanissimo, perché dal giorno dopo i fatti sono precipitati, ma vale la pena recuperare le richieste a firma Emiliano Deiana (presidente dell’ANCI).

Oggetto: Covid 19 controllo in entrata e in uscita dai porti e dagli aeroporti della Sardegna.

Mi permetto di scrivere alle SV Illustrissime per segnalare un fatto che sta destando grande preoccupazione nella comunità sarda sulle misure necessarie al contenimento del Covid 19.

Scrivo a nome dei sindaci della Sardegna che sono impegnati, in questa complicata fase, ad attivare tutte le possibili iniziative locali di informazione, conoscenza e prevenzione per il contenimento della malattia denominata Covid 19.

Come è noto a tutti la Sardegna è un isola. Può essere raggiunta solo via aerea o via mare. È difficile raggiungerla (per le ragioni note legate ai trasporti e alla continuità territoriale), ma è relativamente semplice controllarla in entrata e in uscita.

In questo contesto particolare importanza per il contenimento della malattia, oltre alle attività di prevenzione, rivestono i controlli negli aeroporti e nei porti sardi: per chi entra e per chi esce dalla nostra isola.

In Sardegna esistono un gran numero di “seconde case” di proprietà di nostri concittadini residenti in altre regioni che, così come segnalano i sindaci dei comuni costieri, si stanno trasferendo in gran numero in Sardegna anche dalle regioni fin’ora più esposte alla malattia oppure arrivano per motivi di lavoro.

Un mancato controllo – associato a una possibile moltiplicazione esponenziale dei contagi – potrebbe mandare in tilt il sistema sanitario regionale “tarato” (neanche troppo accuratamente) sui soli residenti in Sardegna e con un numero largamente insufficiente di posti di terapia intensiva. Un’insufficienza che potrebbe non tutelare né chi risiede in maniera stabile né chi vi risiede temporaneamente nel momento acuto della crisi sanitaria.

In quegli stessi giorni Solinas, che fino ad allora aveva girato a vuoto registrando video messaggi privi di contenuti e infarciti di retorica, ha finalmente chiesto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte di bloccare le vie di comunicazione con le zone infette.

La risposta da parte del capo del Governo, per ben due volte è stata negativa. Di fronte a questa irragionevole presa di posizione di Conte il movimento popolare sardo Caminera Noa ha diramato un comunicato, in data 9 marzo, dove chiedeva il blocco degli accessi ai non residenti per almeno 30 giorni. Ovviamente le richieste non sono state ascoltate e in Sardegna si sono riversate migliaia di persone provenienti dalle zone rosse, molte delle quali si sono riversate nelle seconde case, spesso mostrando di non rispettare né il buon senso, né le norme vigenti.

Di fronte al tana liberi tutti e alla totale assenza di controlli e all’atteggiamento strafottente e imprudente di molti non residenti del Nord Italia, nonostante l’obbligo di quarantena nel frattempo imposto dalla Regione Sardegna, due organizzazioni politiche hanno chiesto al Governatore Solinas che facesse propria la misura messa in campo dal governatore della Toscana Rossi (di area centro sinistra) e cioè di notificare una richiesta di allontanamento ai non residenti provenienti dalle zone rosse. Così si arriva alle richieste di Liberi e Uguali e di Caminera Noa di allontanare i non residenti provenienti dalle zone infette nei giorni della dichiarata emergenza.

La Sardegna – hanno dichiarato in sintesi le due organizzazioni politiche –  correva il serio rischio di una crisi sanitaria senza precedenti, aggravato dal massiccio afflusso di non residenti provenienti specialmente dal nord Italia, arrivati nell’isola senza giustificati motivi e in aperta violazione del DPCM del 04/03/2020 e dal DPCM del 09/03/2020.

Secondo l’ANSA infatti sono state 13.000 le persone che si sono auto denunciate sul sito della RAS, mentre molti sindaci dei comuni costieri rendevano nota la presenza di numerosi non residenti provenienti dalle zone a rischio del Nord Italia.

L’appello al Presidente Solinas lanciato da Caminera Noa e Liberi e Uguali, così nella richiesta di emanare far valere appieno un’ordinanza sul modello di quella promossa dalla Regione Toscana n.10 del 10 marzo 2020, invitando ed eventualmente imponendo a chi, arrivato senza giustificata ragione, di ritornare nel proprio luogo di residenza, secondo il DPCM del 9/03/2020.

Paradossalmente le voci più critiche a queste proposte sono state quelle di due sigle di matrice indipendentista: Sardigna Natzione e LibeRU. La sera del 12 marzo il coordinatore di SNI Bustianu Cumpostu ha diramato un comunicato contro LEU (senza citare Caminera Noa). Eccone uno stralcio significativo:

 

La richiesta di LEU Sardigna inoltrata in modo pressante a Solinas, governatore della Sardegna ci preoccupa fortemente e ha tutti i sintomi di epurazione etnica e di cacciata degli untori.

LEU chiede a Solinas “Caro Solinas, è una pandemia: stop alle esercitazioni militari e via dalla Sardegna tutti i non residenti”.

 

Ieri mattina rincara la dose il partito guidato da Pierfranco Devias con un comunicato al vetriolo che prende di mira sia LEU sia Caminera Noa, soffermandosi soprattutto a screditare la posizione di quest’ultima.

 

Di seguito il comunicato integrale di LibeRU:

 

Riteniamo doveroso prendere le distanze e stigmatizzare le gravi posizioni assunte da Leu Sardegna e da Caminera Noa in merito alla gestione dell’emergenza sanitaria per il Covid-19, riprese sia dalla stampa sarda che da quella italiana.

Pensiamo che sia incredibile che due gruppi che asseriscono di essere di sinistra si rendano protagonisti di operazioni di caccia alle streghe di tipo etnico, approfittando della paura e dell’insicurezza dei cittadini e cercando di cavalcare un populismo razzista già fin troppo rappresentato in altri ambienti.
La richiesta di rispedire nel nord Italia le persone residenti, che si trovano attualmente in Sardegna, è una posizione di volgare demagogia prima ancora che rischiosa e tecnicamente impossibile, e in quanto indipendentisti di sinistra riteniamo opportuno sottolineare che noi non abbiamo niente a che fare con sedicenti indipendentisti e sedicenti gruppi di sinistra che professano simili aberrazioni.

Innanzitutto consideriamo ingiusto e contrario ai nostri principi qualsiasi ipotesi di espulsione delle persone su base etnica.
Il documento di Caminera Noa (correlato da una incredibile vignetta che raffigura un omino che prende a calci un altro omino) non chiede l’espulsione di tutte le persone che sono arrivate in Sardegna dal nord Italia, quindi non pone al centro il problema sanitario, dal momento che i virus non chiedono la residenza a nessuno. Chiede invece che vengano espulsi solo i “non residenti”, dimostrando che il problema sarebbero solo i residenti italiani, non le persone che possono aver contratto il virus. Trascura invece di ricordare che tra quelli arrivati dal nord Italia ci sono anche tanti sardi che lavorano, studiano o sono domiciliati nel nord Italia, ma stranamente “graziati” dallo status di “pericolosi”, evidentemente in quanto titolari di residenza sarda.
Noi pensiamo inoltre che deportare gente in zone in cui da parecchio tempo gli ospedali sono al collasso, non solo contribuisce al collasso ma è anche inumano in quanto moltiplica il problema e espone solo le persone a ulteriori rischi.
Pensiamo altresì che spostare migliaia di persone durante una quarantena metta in pericolo tutti, spostati e residenti, per cui anche tecnicamente questa proposta oltre ad avere costi e difficoltà inimmaginabili non risolve il problema nemmeno dal punto di vista sanitario, ma lo accentua soltanto.
Va per l’appunto specificato, proprio per depotenziare l’azione tesa a soffiare sulla paura di posti letto insufficienti, che chi attualmente si trova in Sardegna (di qualsiasi nazionalità sia) è comunque tenuto a rispettare le prescrizioni come tutti e se non è malato non grava in alcun modo sul sistema sanitario sardo, quindi si stanno solo alimentando paure infondate per basse operazioni di sciacallaggio politico.
In ultimo, i provvedimenti di “contenimento sanitario” (e dunque non di tipo etnico) si sarebbero dovuti prendere prima dello spostamento delle persone, non ora: ora siamo sulla stessa barca e tutti – ma a quanto pare non tutti – dovrebbero sapere che meno persone si spostano più in fretta si riesce a debellare il virus.
Perciò consigliamo a questi due gruppi non solo di studiare correttamente le regole elementari della convivenza civile ma anche quelle del corretto contenimento sanitario.

Caminera Noa dunque è tacciata di razzismo, di cavalcare la paura per istigare una «caccia alle streghe di tipo etnico» e la sua proposta viene derubricata  ad una vera e propria “deportazione”.

A rientrare nel mirino anche la grafica utilizzata da Caminera Noa: «una incredibile vignetta che raffigura un omino che prende a calci un altro omino». Evidentemente quella delle pedate era un’immagine consona quando il segretario di LibeRU ha dichiarato, lo scorso 22 febbraio in riferimento ad un cittadino di Carloforte che ha danneggiato alcune piante, quanto segue: «l’altro giorno ho detto che mi sarei augurato che i cittadini di Carloforte, assestassero quattro pedate a un delinquente che ha ucciso un ginepro ultrasecolare. In questo caso sono stato oggetto di critiche di veri non violenti».

 

Ieri stesso, sui canali di comunicazione di Caminera Noa si risponde sobriamente con una serie di FAQ a queste e altre obiezioni e accuse. Di seguito potete leggere le puntuali risposte del movimento:

 

ALLONTANAMENTO DEI NON RESIDENTI PROVENIENTI DALLE EX-ZONE ROSSE🆘🚷

RISPONDIAMO ALLE FAQ E ALLE FAKE NEWS

  1. La nostra richiesta al presidente della Giunta Regionale Solinas è un’operazione di caccia alle streghe di tipo etnico cavalcante la paura e il populismo razzista?
    – No: noi chiediamo l’allontanamento sulla base di serie e dettagliate motivazioni di carattere sanitario. La nostra richiesta al presidente della Giunta Regionale Solinas non prevede l’allontanamento di persone su base etnica: i non residenti possono essere sardi o non sardi, come anche i residenti possono essere sardi e non sardi. Le 11.000 persone potenzialmente contagiose, che in maniera del tutto avventata si sono fiondate in Sardegna – spesso nelle loro case vacanza e portandosi dietro i viveri, come puntualmente denunciato dai media e dall’ANCI Sardegna -, rappresentano una bomba ad orologeria potenzialmente letale per il nostro sistema sanitario.
  2. Caminera Noa chiede l’espulsione di tutte le persone che sono arrivate in Sardegna dal nord Italia senza porre al centro il problema sanitario?
    – No. Il documento afferma: «In sintesi chiediamo al presidente Solinas: di emanare immediatamente una ordinanza regionale di allontanamento per tutti i non residenti provenienti dalle zone infette (con chiaro riferimento a chi si è riversato in Sardegna a zone rosse già istituite dopo la fuga di notizie di ulteriori strette e non ai tanti studenti e lavoratori già presenti da tempo in Sardegna)». Il problema sono le persone che possono aver contratto il virus, non l’essere residenti fuori dalla Sardegna di per sé.
  3. Caminera Noa fa una differenza tra sardi e non sardi tra la massa di persone che si è precipitata in Sardegna dalle zone rosse nei giorni compresi tra l’8 marzo e oggi?
    – No. Abbiamo sempre distinto tra residenti e non residenti e non ci risulta che la residenza sia una caratteristica etnica.
  4. È vero che siamo poco solidali e che non intendiamo prestare aiuto ai cittadini del nord Italia bisognosi di cura e assistenza medica?
    – No, infatti abbiamo scritto quanto segue: «In Sardegna disponiamo di poco più di 130 posti in terapia intensiva (ora diventati 180 con tre nuove unità, ma comunque insufficienti se si dovesse presentare una situazione ancora più allarmante) molti dei quali già occupati da pazienti che ne hanno assoluto bisogno. Potremo essere solidali con pazienti da altre zone dello Stato solo se il nostro sistema sanitario non collasserà, e questo pericolo è concreto». Proprio per poter funzionare da cuscinetto sanitario, la Sardegna doveva rimanere “virus free zone”, cosa che purtroppo non è stata garantita dalla condotta irresponsabile e centralista del premier Conte e dai gravi ritardi del governatore Solinas.
  5. È vero che abbiamo proposta la deportazione dei non residenti?
    – Falso. La deportazione è un fenomeno duraturo e permanente di intere comunità su base etnica dal proprio luogo di normale abitazione. Non c’è nessuno di questi elementi: né l’individuazione su base etnica, né la permanenza del provvedimento, né lo sradicamento dal proprio territorio.
  6. Caminera Noa si è mossa in ritardo e ha avanzato proposte per il contenimento sanitario solo a cose fatte?
    – No. Caminera Noa ha chiesto fin da subito, cioè dal 9 marzo 2020 «Il blocco degli accessi ai non residenti per almeno 30 giorni», vale a dire dopo il secondo diniego di Conte alle legittime, seppur tardive, richieste di Solinas.

 

Sulla questione interviene perfino Selvaggia Lucarelli con un articolo sul Fatto Quotidiano. Ecco alcuni stralci del suo articolo:

 

E poi c’è la Sardegna. In fondo ai pensieri di tutti, lontana quel solito braccio di mare che pare infinito, preoccupazione di pochi e, con una pandemia in corso, occupazione di nessuno. Perché nessuno pensa alla Sardegna, alla fragilità di una regione che sembra più al riparo di altre e che invece ha paura.

Eppure anche lì, anche in Sardegna è arrivato l’egoismo del “continente”, anche lì i medici pregano, tutte le notti, di non ritrovarsi il pronto soccorso affollato all’improvviso, di non dover combattere una guerra più disarmati che altri, più lontani di tutti. In migliaia, nei giorni in cui s’è capito che il virus era arrivato e anche dopo, quando non ci sarebbe stato più il tempo per scappare, sono scappati in Sardegna. Qualcuno – chi in Sardegna ci va in vacanza e si è potuto permettere la fuga benestante – ha giocato d’anticipo, occupando le seconde case i primi di marzo, popolando residence e paesini che d’inverno sono deserti, dalla Gallura ad Alghero al sud dell’isola.

A Carloforte, per dire, gli abitanti in questi giorni sarebbero raddoppiati e lì non c’è alcun presidio sanitario in grado di gestire eventuali urgenze. I sindaci sono così spaventati che in quasi tutte le città e cittadine sarde passa una macchina col megafono per dire alla popolazione di stare in casa. La voce spesso è quella di speaker locali che offrono il servizio.

Certo, c’è un “piano strategico” per implementare i posti, ma questa è la situazione odierna. F., un anestesista presso l’ospedale di Oristano, afferma: “Tutti questi cittadini arrivati in Sardegna da zone a rischio e altre potenzialmente a rischio hanno popolato paesi fantasma, una scelta scellerata perché qui non siamo al Nord. È stupidità. Soprattutto per quello che poi combinano alcuni quando vengono al Pronto soccorso con quadri di insufficienza respiratoria. Mentono sull’anamnesi, non dicono niente e noi veniamo esposti al contagio. Tenere un anestesista adesso in quarantena vuol dire creare un danno enorme all’ospedale, specie in uno come quello di Oristano che ha 5 posti in rianimazione. Il più vicino con la rianimazione, se qui finiscono i letti in terapia intensiva, è Cagliari.

Questa gente doveva capire che se non ci sono più posti qui, poi non c’è una regione confinante in cui portarli, si fa la fine dei topi. O pensano che trasporteranno i malati via in aereo? Io ho già dovuto fare una breve quarantena assieme ad altri colleghi e pure il tampone perché alcuni pazienti sospetti mi hanno nascosto contatti con parenti che arrivano dal Nord. Questo vuol dire che in caso di urgenza sono fuori gioco. Ho perciò deciso che non vedo più nessuno tra amici e parenti finché non finisce l’emergenza, farò la vita del lupo solitario”.

Insomma, una situazione preoccupante, specialmente perché in Sardegna il menefreghismo dei connazionali in fuga è passato più inosservato che altrove. E perché se il numero dei contagiati dovesse crescere esponenzialmente come in altre zone d’Italia, le ambulanze, per quanto potranno correre da una città all’altra, a un certo punto si troveranno il mare davanti.

 

Siamo di fronte ad una razzista, populista di destra, discriminatoria su base etnica anche in questo caso? Ai lettori di Pesa Sardigna la valutazione ponderata.

10 tesi per l’indipendenza: entro 5 anni un referendum

I militanti di Antudo (acronimo del motto dei Vespri siciliani “animus tuus dominus”, ovvero “Il coraggio sia il tuo signore”) che hanno presentato le tesi indipendentiste

Nei locali dell’ Auditorium San Mattia ai Crociferi di Palermo, centinaia di indipendentisti provenienti da tutta la Sicilia si sono ritrovati ​in occasione del primo incontro pubblico di Antudo organizzato per la​ presentazione ai siciliani e alle siciliane delle dieci tesi elaborate per delineare il manifesto fondativo, il panorama politico e culturale dentro il quale si andrà a sviluppare il nuovo progetto politico pensato per l’indipendenza della Sicilia.
Una serie di interventi hanno battuto il tempo di questo importante pomeriggio per tutti i siciliani:​ quadro della situazione politica nazionale e internazionale, presentazione delle​ 10 tesi, problematiche degli enti territoriali.

Entro cinque anni faremo un referendum. Faremo un referendum per l’abolizione dell’articolo 1 dello Statuto speciale, quello che ci tiene dentro l’unità politica dello Stato Italiano. Faremo un referendum per l’indipendenza della Sicilia. Una domanda semplice: «Vuoi che la Sicilia sia indipendente»? Sì o No” afferma Luigi Sturniolo di Antudo.
“Antudo – si legge in una nota dei promotori dell’incontro – è dunque l’espressione dell’Indipendenza della Sicilia contro la dipendenza dallo Stato Italiano e dal modello di sviluppo capitalistico che sull’Isola ha prodotto solo disoccupazione, precarietà, devastazione ambientale, emigrazione forzata.
Si è poi fatto notare come, dentro questo quadro a tinte fosche, una larga parte dei Comuni siciliani siano in dissesto finanziario e incapaci di fornire servizi e cura ai cittadini, come il rientro dal debito imponga agli abitanti dell’isola un regime di austerità e di aumento ai massimi livelli dei tributi locali. Penuria di risorse da parte degli enti locali e mancanza di infrastrutture costituiscono un dispositivo politico e sociale che assume un carattere recessivo e disegna un futuro grigio per l’isola”. “In un’epoca in cui il potere decisionale si sposta sempre più lontano dai luoghi su cui poi esercita il proprio controllo e si concentra nelle mani di pochissime istituzioni internazionali, diviene urgente rilanciare una politica che dal basso affermi la​ chiara e determinata volontà di decidere riguardo le sorti della propria terra” conclude​ Sturniolo.

Di seguito le dieci tesi per l’indipendenza della Sicilia

Dieci tesi per l’indipendenza siciliana.

 La Sicilia di domani sarà quale noi la vogliamo: pacifica, laboriosa, ricca, felice, senza tiranni e senza sfruttatori!

1) Va costruita un’organizzazione politica di massa, autonoma, articolata e radicata sul territorio, il cui programma, le cui attività, i cui militanti abbiano come finalità la liberazione dei territori di Sicilia. Senza indipendenza politica non c’è alcun processo di indipendenza sociale.

2) Senza indipendenza politica dallo Stato Italiano non c’è alcuna indipendenza reale dei territori siciliani. Bisogna avere la forza di immaginare una Sicilia senza lo Stato d’Italia, libera dallo Stato d’Italia. Bisogna avere l’ardire di immaginare una Sicilia senza organizzazione statale, libera dalla sovranità statale. Lo Stato d’Italia è la forma politica particolare che assume l’amministrazione del nostro assoggettamento e del nostro sfruttamento. Essere contro lo Stato Italiano non significa essere contro i territori italiani e i loro abitanti. Il percorso di indipendenza e liberazione dallo Stato non è un percorso esclusivo, ma deve potersi riprodurre anche altrove, in una prospettiva di “federazione” delle libere comunità territoriali.

3) Vogliamo combattere qualunque forma di centralizzazione dei poteri che sottrae alle comunità territoriali ogni possibilità di decidere sulla propria esistenza. Storicamente, gli Stati-nazione si sono fondati sulla neutralizzazione dei territori, delle loro storie, delle loro economie, delle loro culture, dei loro sistemi relazionali; è per questo che vogliamo ricostruire i territori fuori dallo Stato e dalla formazione sociale ed economica capitalista di cui esso è espressione.

4) Liberarsi dallo Stato italiano vuol dire anche liberarsi dalle istituzioni sovranazionali che ne disciplinano l’azione. Pertanto, siamo contro la cosiddetta “Unione Europea”, quella dell’euro che ha centralizzato le scelte di politica economica, quella al servizio del grande capitale che ordina di competere sui mercati dominati dalle imprese multinazionali, quella che impone il super sfruttamento condannando alla miseria economica e sociale, quella delle aree privilegiate e di quelle dismesse e abbandonate.

5) La Sicilia è caratterizzata da una pluralità di territori che il sistema sociale dominante ha ridotto a piattaforme militari e logistiche, serbatoi di forza-lavoro da esportare, sedi delle produzioni più sporche e più nocive, filiere dei rifiuti. Vogliamo l’indipendenza per fermare questo processo di degradazione sociale e politica che non ha fine. Vogliamo l’indipendenza per tirarci fuori dal disastro. L’indipendenza che vogliamo costruisce l’autogoverno dei territori, liberandoli ad un tempo dalla dipendenza dall’economia del profitto e dalle istituzioni (nazionali e sovranazionali) che ne garantiscono il dominio. Solo pensando a forme non statuali di governo sarà possibile una reale indipendenza dei territori e una reale democrazia diretta. Il governo si eserciterà attraverso le Comuni territoriali, libere elezioni e assemblee legislative.

6) Lo Stato modella la società, organizza i rapporti sociali intorno all’idea di “maschio dominante”. Il primo dominio che impone è quello di genere; informa i corpi, attribuisce norme, impone ruoli che opprimono le donne. Le donne siciliane vivono su di sé la doppia contraddizione di afferenza al genere femminile e appartenenza a un territorio oppresso. Non possono, dunque, che avere un ruolo centrale nel processo di indipendenza della terra dallo Stato centrale. Indipendenza che si realizza a partire dal territorio inteso non solo come lo spazio dei rapporti di produzione e di estrazione di ricchezza, ma anche come il luogo delle relazioni sociali di cui le donne, materialmente e storicamente, sono le custodi. È quindi a partire da esse, dallo stravolgimento dell’organizzazione sociale patriarcale, di cui lo Stato è l’esecutore, che si realizza la liberazione della donna, presupposto imprescindibile del processo di indipendenza della Sicilia.

7) Conquistare l’indipendenza non è un “colpo di mano”. È un processo sociale e culturale che restituisce ai territori, ai suoi abitanti, il protagonismo, la fierezza e l’orgoglio di promuovere il proprio sviluppo; è un percorso di “erosione” del potere dominante (politico, economico e ideologico), di riscrittura della storia e di scrittura del futuro. È sulle solide basi di un potere sociale alternativo e del suo “funzionamento” che sarà possibile conquistare l’indipendenza.

8) I nostri territori si trovano sull’orlo della catastrofe. Un disastro ecologico e sociale indotto da un’idea di sviluppo per “competizione e sfruttamento”, dal mercato globale, dall’economia predatoria dei grandi cacciatori di affari e dall’assoggettamento coloniale. Ripensare l’economia dei territori come processo di ricostruzione delle basi materiali di sviluppo locale significa produrre progetti di territorio fondati sul risanamento e sulla valorizzazione dei “beni patrimoniali del territorio”, significa mettere al centro la sostenibilità sociale e ambientale di tali progetti armonizzando i fattori produttivi a quelli ambientali, sociali e culturali. Una pianificazione regionale è possibile a partire dal risanamento delle condizioni disastrate in cui si trova la Sicilia.

9) Alla cultura economica dominante, basata sulla competizione e sullo sfruttamento, opponiamo una cultura economica fondata sulla cooperazione e la solidarietà. È necessario affiancare, favorire e promuovere tutte le iniziative sociali ed economiche che si muovono sul terreno del mutualismo e della produzione di beni di qualità. È necessario affiancare, favorire e promuovere forme e associazioni di assistenza e mutuo soccorso, solidarietà e cooperazione sociale, contrastando le iniziative economiche ad alta concentrazione di capitale e ad alto sfruttamento. È solo con l’indipendenza politica che all’economia centrata sui bisogni effimeri e sul consumismo si potrà sostituire un’economia per la produzione di ricchezza sociale durevole.

10) Ovunque ci sono lotte e resistenze, va aiutata la costituzione di assemblee territoriali, comitati, circoli e va favorita la loro connessione e la loro rete. Saranno queste le basi delle “istituzioni locali” attraverso le quali il territorio potrà prendere la parola e decidere. È questa la forma del “nuovo potere”. Ogni iniziativa sociale, ogni campagna, ogni evento dovrà contenere questo, di principio: sono gli abitanti dei territori a decidere della propria vita. Quando saranno gli abitanti a decidere, quando la Sicilia potrà decidere da sola, andrà meglio.

Estate 2019.

AnTuDo

Corona Virus: in Sardegna l’epidemia c’è già ed è drammatica

di Claudia Aru 
– La Sardegna ha il primato mondiale della più alta incidenza della sclerosi multipla anche in età pediatrica, di due-tre volte superiore, con 2,85 nuovi casi l’anno fra i sardi under 18, cui si aggiunge uno 0,68 per le diagnosi di Cis (Clinically isolated syndrome), considerata l’esordio della SM.
-Diagnosi di tumore in aumento in Sardegna dove la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è inferiore rispetto alla media nazionale raggiungendo infatti il 60% fra le donne (63% Italia) e il 49% fra gli uomini (54% Italia). Pochi sardi seguono stili di vita sani: il 25,1% è sedentario. Non solo. Il 28,4% è in sovrappeso (e il 10,4% obeso), il 25,4% fuma. ed è superiore alla media nazionale (17,1%) la percentuale dei cittadini che assumono alcol in quantità a rischio per la salute (20,5%). I casi di tumore registrati sono 10.200 (6mila uomini e 4.200 donne), 200 in più rispetto al 2018 (5200 uomini e 4.800 donne).
– Sono quarantamila i malati di Alzheimer in Sardegna. Una patologia difficile da affrontare, ma soprattutto complicata da riconoscere e diagnosticare. In tutta Italia, secondo uno studio a livello nazionale, sono un milione e duecentomila le persone affette da questa malattia e ci sono oltre 700mila persone che ancora non sanno di essere malate. E la Sardegna è tra le regioni dove la patologia ha un’incidenza tra le più alte, collocandosi al dodicesimo posto nazionale, ma è tra le prima livello territoriale per tasso di mortalità con il triste primato del Sulcis.
– Ogni anno in Sardegna si registrano 45 nuovi casi di diabete ogni 100 mila abitanti. Un triste primato che pone l’Isola tra le prime regioni mondiali per l’incidenza della patologia nella fascia da zero a 14 anni.
Complessivamente si calcolano circa 70 mila malati dei quali 25 mila non sanno di esserlo e si stima che nel 2025 ci sarà un incremento del 21%.
– la Sardegna purtroppo conferma un triste primato che certamente non avremmo mai voluto avere. Prima in Italia nella classifica dei suicidi: 20,4 uomini e 4,5 donne su 100 mila abitanti contro circa 5 casi su 100 mila di media nelle regioni del Sud Italia. Numeri che fanno riflettere. L’OMS stima che ogni anno nel mondo muoiano un milione di persone per suicidio, 4000 in Italia.
– Sono oltre 56mila gli ettari di territorio sardo contaminato secondo i dati diffusi dal ministero dell‘Ambiente. Un numero preoccupante che porta l’Isola a essere la seconda regione in Italia, dopo il Piemonte che ha un territorio complessivo di quasi 90mila ettari. L’inquinamento a terra si estende per 21.625 ettari mentre la contaminazione del mare risulta addirittura più ampia raggiungendo i 35.164 ettari.
-Svegliatevi, cazzo.

Sui lavoratori Conad mentivano tutti. A Sassari l’assemblea cittadina

L’avevano detto a gran voce: il passaggio Auchan-Conad era di fatto una liquidazione fallimentare sottoscritta sulla pelle dei lavoratori e, in particolare in Sardegna, si trattava di un danno oltre la beffa dopo anni di porte spalancate alle multinazionali della Grande Distribuzione con il cavallo di Troia dei posti di lavoro. Caminera Noa, Sardegna Rossa, Potere al Popolo e Rifondazione Comunista hanno organizzato lo scorso 8 febbraio un sit in congiunto agli Auchan di Sassari e di S. Gilla (Cagliari) per rilanciare una mobilitazione dentro e fuori le mura dei mega mercati e per ribadire un concetto semplice: le persone lavoratrici non sono cose da poter mettere da parte in un semplice passaggio commerciale, a dispetto degli slogan utilizzati dai colossi della distribuzione per vendere di più.

Ma Conad e Auchan non sono i soli responsabili di questo disastro. La signora assessora  al lavoro Alessandra Zedda che ha “rassicurato” dichiarando alla stampa che nel 2020 non ci saranno licenziamenti, è stata poi zittita dalla notizia diramata il giorno di S. Valentino (14 febbraio) sulla richiesta di cassa integrazione  per 5.300 lavoratori (a livello statale). I sindacati confederali dal canto loro si sono guardati bene dal proclamare lo sciopero  generale di tutti i lavoratori Conad, che in effetti era l’unica arma che poteva creare problemi alla proprietà.

 

Nel silenzio generale che sta nuovamente calando sulla vicenda le organizzazioni che si battono per una trasformazione sociale e per l’autodeterminazione del popolo sardo fanno la loro seconda mossa e convocano una prima assemblea cittadina a Sassari sulla vertenza.
Di seguito l’appello diffuso sui social e ai media:

Con il passaggio di consegne Auchan-Conad più di 400 lavoratori sardi rischiano di perdere il lavoro. Oggi in Sardegna perdere il lavoro significa con tutta probabilità restare disoccupati o dover emigrare. La proprietà fa domanda di cassa integrazione, ma allo stesso tempo elargisce vuote promesse di riassunzioni. La Regione Autonoma pende dalle labbra dei privati e non mostra i muscoli ad una Grande Distribuzione che in Sardegna ha fatto sempre ciò che ha voluto e ora tratta i dipendenti non come persone ma come cose.
I sindacati confederali sonnecchiano e non usano l’unica vera arma in mano ai lavoratori: lo sciopero generale di tutti i laviratori Conad. Tocca a noi scendere in piazza per dire che la nostra Isola non è un Supermercato e che le persone non devono essere trattate come cose. Decidiamo cosa fare per non lasciare i lavoratori CONAD-AUCHAN da soli!

Caminera Noa, Rifondazione Comunista, Sardegna Rossa, Domo de Totus, Potere al Popolo

L’assemblea cittadina è prevista per giovedì 27 febbraio, a Sassari, alle ore 18:30, nella casa del popolo Sa Domo de Totus, via Cetti 2 d. 

 

Con e per i precari della scuola. La prima uscita della nuova piattaforma politica sarda

 

La locandina della nuova piattaforma politica delle forze anticapitaliste e per l’autodeterminazione. Quella in difesa della scuola sarda e della mobilitazione dei precari è la prima uscita pubblica della piattaforma.

Si erano riuniti lo scorso 18 gennaio a Pirri, nella sede di Potere al Popolo con una domanda “S’ite fàghere“. Si proponevano di lavorare insieme per dare forma ad una piattaforma in cui lavorare su temi condivisi, in una cornice di riferimento politica che comprendeva forze della sinistra anticapitalista, ambientaliste e forze che si battono per una reale e compiuta autodeterminazione del Popolo Sardo

La novità è che non ci sono elezioni in vista e non ci sono figure dominanti (e comprimenti) a smazzare le carte.

La prima occasione di uscita di una piattaforma che ancora non ha un nome e che non si è presentata alla stampa né al vasto mondo dell’attivismo di sinistra e indipendentista, è la mobilitazione dei precari della scuola che in Sardegna rischiano doppiamente di essere espulsi dal mondo della scuola dopo averla sostenuta per circa un decennio. 

Riceviamo e pubblichiamo volentieri il documento che chiama alla mobilitazione. I soggetti firmatari sono Caminera Noa, Potere al Popolo, Rifondazione Comunista, Sardegna Possibile, Cobas Sardegna, in collaborazione con il Coordinamento Precari Autoconvocati della scuola.

Per ora si prevede una mobilitazione a Sassari, ma non è escluso che nei prossimi giorni venga lanciata almeno anche a Cagliari

 

Mobilitiamoci con e per i Precari della scuola

Il Decreto Scuola 2019 (DL 29 Ottobre 2019 n. 126) viene chiamato “salva precari” ma in realtà avrà conseguenze drammatiche proprio sulla vita di migliaia di precari della scuola. Infatti le norme da esso previste rischiano di cancellare tanti anni di servizio prestati nella scuola pubblica da parte di chi, nei fatti, ha sostenuto la scuola pubblica. La prova selettiva del concorso straordinario consisterà in un test nozionistico con quesiti a risposta multipla (senza per altro avere a disposizione la griglia base delle domande) attraverso il quale si presume di poter valutare docenti che hanno anche quindici anni di insegnamento alle spalle. E sarà – drammaticamente – per molti una prova da “dentro o fuori”. Chi non risulterà vincitore o idoneo (la prova si supera con i 7/10 delle risposte esatte) non potrà neanche abilitarsi, come invece sarebbe dovuto accadere in base ai percorsi abilitanti speciali (PAS) inizialmente previsti dall’intesa con il primo governo Conte, ma successivamente cancellati dal Decreto Scuola appena approvato.

⚠️Per gli insegnanti precari della Sardegna gli effetti del nuovo provvedimento saranno anche peggiori. Attualmente nell’isola i posti cattedra vacanti sono circa 5000, di cui 3000 su sostegno. Oggi queste cattedre vengono ricoperte con incarichi annuali affidati ai docenti precari iscritti nelle graduatorie di terza fascia. Tuttavia la maggior parte di questi posti non rientrano nel c.d. “organico di diritto” e pertanto non saranno disponibili per essere messi al bando nel prossimo concorso straordinario. Infatti il MIUR ha già reso noto che i concorsi non saranno banditi per tutte le Classi di Concorso (discipline) e per tutte le regioni. La volontà del Ministero è evidentemente quella di assegnare il maggior numero di bandi alle regioni più popolose e con un maggior numero di cattedre vacanti. ‼️La Sardegna, come già accadde nel concorso 2016, si troverà ancora una volta penalizzata e si avrà pertanto un concorso su base regionale con pochi posti a disposizione rispetto ad una esigenza molto più grande di ruoli da ricoprire. I docenti precari saranno ancora una volta penalizzati e non verrà riconosciuto loro il prezioso lavoro che ha di fatto tenuto in piedi la scuola pubblica in questi anni
La beffa per la scuola sarda è che oggi dovremmo parlare di nuove assunzioni e non di rischiare di perdere fino a 5000 posti che ogni anno assicurano uno stipendio ad altrettanti lavoratori e alla scuola sarda un rapporto lavorativo e professionale fra chi ha un progetto di vita nell’isola e il mondo della scuola.

Infatti la Regione Autonoma della Sardegna (Soru-Cappellacci-Pigliaru) negli ultimi 15 anni ha tagliato le autonomie scolastiche da 412 a 276, tagliando tutte quelle al di sotto dei 600 alunni (con la sola eccezione dei Comuni montani e delle piccole Isole dove il numero di alunni per mantenere l’autonomia è di 400).
⚖️La giusta richiesta dei Cobas riguarda questo aspetto: non è possibile applicare pedissequamente le leggi statale in un contesto come la Sardegna con la più alta dispersione scolastica dello stato. La Sardegna è un’isola mal collegata, presenta la più bassa densità abitativa d’Europa e la popolazione si concentra soprattutto in alcuni centri, come Cagliari. Tutto questo non sembra interessare né il MIUR, né la Regione “Autonoma”, né l’Ufficio scolastico Regionale che applicano in maniera ragioneristica le “direttive” e chiudono anche scuole che non arrivano a 600 alunni per una manciata di unità.

Inoltre la Sardegna è anche minoranza linguistica e la normativa prevede che per le minoranze linguistiche il numero degli studenti per conservare una autonomia scolastica non è di 600, bensì è di 400. Ciò avviene per esempio in Val D’Aosta, in Sud Tirol ecc… Se venisse rispettata la normativa avremo più autonomi scolastiche, più dirigenti, più personale ATA, più personale amministrativo e soprattutto 6000 cattedre in più (fonte CGIL Sardegna).

QUINDI IN BALLO CI SONO IN TOTALE FINO A 11MILA POSTI DI LAVORO, 5000 DA DIFENDERE CON LA LOTTA CONTRO QUESTO DECRETO E 6000 DA CONQUISTARE FACENDO RISPETTARE I DIRITTI POLITICI E LINGUISTICI DEI SARDI E DELLA LORO SCUOLA

Chiediamo pertanto che vengano istituiti subito percorsi di abilitazione riservati ai precari della scuola in Sardegna (PAS) riservati a chi ha prestato servizio nelle scuole della Sardegna per almeno 36 mesi.
In occasione dello sciopero di tutto il personale docente e a tempo indeterminato, determinato, ATA, atipico e precari della Scuola per l’intera giornata di venerdì 14 febbraio 2020 la piattaforma politica composta da Sardegna Possibile, Potere al Popolo, Caminera Noa, Rifondazione Comunista, Cobas Sardegna e diverse altre realtà associative, culturali e comitati territoriali della Sardegna, organizzerà, in collaborazione al Coordinamento dei Precari Autoconvocati della scuola due manifestazione a Sassari e a Cagliari.

Lo sgombero é violenza di Stato: lunedì il processo contro Furia Rossa

Lo sgombero é violenza di Stato: lunedì il processo contro Furia Rossa

Sono trascorsi cinque anni dall’imponente mobilitazione che portò allo sfratto della famiglia Spanu dalla loro casa e azienda agricola ad Arborea. Un centinaio i membri delle forze dell’ordine impiegati nell’operazione, tra poliziotti, carabinieri e agenti della forestale che presidiavano le campagne intorno, con tanto di elicottero e abbondanti dispositivi antisommossa.

Oggi quell’azienda, comprata all’asta fallimentare da un privato, è ancora vuota e desolata, ma gli strascichi della vicenda non si sono interrotti. Lunedì prossimo si terrà presso il Tribunale di Oristano l’udienza più importante contro tre attivisti del Collettivo Furia Rossa, querelati dall’allora Questore di Oristano Francesco Di Ruberto, dal capo della Digos Vincenzo Valerioti e dal poliziotto Andrea Brigo.

La vicenda: Dopo lo sfratto della famiglia Spanu avvenuto il 22 Gennaio 2015, appariva sul blog lafuriarossa.noblogs.org un articolo in cui, facendo la cronaca dello sgombero, si definiva “violenza di stato” quella condotta da chi durante quella giornata ha guidato le operazioni di polizia. Questo è bastato a far partire una querela e poi aprire un fascicolo contro ignoti che ha portato il Pubblico Ministero a chiedere per ben due volte l’archiviazione non trovando alcuna ipotesi di reato da formulare. Non potendo effettuare la terza archiviazione la GIP ha imposto alla Procura di formulare una imputazione facendo proprio il teorema accusatorio dei querelanti, secondo cui se chi ha scritto l’articolo non si trova, responsabili devono essere tutti, infatti “il collettivo, in ragione della sua ideologia politica, prende deliberatamente le sue decisioni collegialmente all’interno dell’intero gruppo, il quale è sempre molto coeso; quindi tutti i suoi componenti ne sono responsabili”. Così i tre attivisti della Furia Rossa si ritrovano accusati di concorso morale e materiale in diffamazione cui si aggiungono alcune aggravanti previste dal Codice Penale, con una pena che può andare dai 6 mesi ai 3 anni di reclusione o una multa che parte dai 500€, a loro volta triplicabili a causa delle aggravanti.

Alla richiesta di condanna penale hanno aggiunto anche la richiesta di risarcimento: l’ex questore Franceso Di Ruberto, il capo della digos Vincenzo Valerioti e il poliziotto Andrea Brigo hanno confermato la loro costituzione in parte civile chiedendo per i tre, lavoratori precari e studenti, una condanna al pagamento di 220.000€ per “ingente danno morale” e per “ingente danno esistenziale e di immagine”.

Il Collettivo ha invitato tutti coloro che vorranno manifestare solidarietà a manifestare davanti all’ingresso principale del Tribunale, in piazza Aldo Moro. L’udienza è fissata per le 12:30 di lunedì 27 gennaio.

La Sardegna si mobilita contro la guerra

La locandina dell’assemblea sassarese contro la guerra e contro l’occupazione militare della Sardegna
di Daniela Piras

Proposte concrete per organizzare delle mobilitazioni contro la guerra nella città di Sassari. Questo lo scopo dell’assemblea convocata ieri al circolo C.C.S. Borderline di via Rockfeller, alla quale ha partecipato qualche decina di cittadini e alcuni rappresentanti della confederazione universitaria UDU, esponenti del movimento ambientalista Fridays for Future (FfF)Caminera Noa, Liberu, Emergency, Comitato contro RWM, Rifondazione comunista, Mama Terra, A Foras e ResPublica. L’appuntamento dello scorso 20 gennaio era il secondo realizzato in pochi giorni a Sassari. Il 12 gennaio, infatti, a Sa Domo de Totus – la casa del popolo e della cultura, in via Cetti, il collettivo A Foras Nord Sardegna aveva convocato un incontro allo scopo di discutere sulle mobilitazioni di opposizione ai venti di guerra in Medio Oriente e  all’utilizzo della Sardegna come base di guerra.

Le idee riguardanti la manifestazione, prevista approssimativamente per la metà del mese prossimo, hanno fatto leva sull’importanza del coinvolgimento di più giovani possibili e sulla possibilità di abbinare ad un sit-in o corteo delle performance artistiche in grado di catalizzare l’attenzione anche dei passanti più disinteressati.

In vista di una successiva assemblea più propriamente organizzativa, e necessaria per stabilire orario e luogo esatto, l’assemblea di ieri è stata una importante occasione di confronto tra interessati di varie età e formazione.

Nel frattempo ricordiamo l’appuntamento fissato per sabato 25 gennaio a Cagliari, dove si terrà la manifestazione promossa da diverse organizzazioni: A Foras – Contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna, Associazione Antonio Gramsci – Cagliari, Potere al Popolo -Sardegna, Sa Domu – Feminismu, Sotzialismu, Indipendentzia, Su Tzirculu – Cagliari, Rete Kurdistan Sardegna, ResPublica. Il concentramento è fissato alle ore 15:30 in Piazza Trento. Il corteo, dall’emblematico slogan “Togliamo le basi alla guerra” chiederà lo stop immediato delle operazioni militari dei membri Nato  e il ritiro delle truppe dagli scenari di guerra.

Sia la manifestazione di sabato a Cagliari che quella in via di organizzazione a Sassari sono improntate sul ruolo chiave ricoperto dalla nostra isola nel contesto internazionale. La presenza di un elevato numero di basi, aeroporti e poligoni la rendono infatti un potenziale bersaglio. “Ci troviamo su una piattaforma militare al centro del Mediterraneo”, frase che è stata detta ieri al Borderline e che non ha potuto non mettere tutti d’accordo sull’importanza di acquisire consapevolezza e informazione sulla situazione internazionale e sugli equilibri che ci vedono attori, nostro malgrado.

Ecco il link dell’evento del corteo di Cagliari!

Uniamoci per difendere i diritti dei precari della scuola sarda

Intervista ad Andrea Faedda, architetto e precario della scuola ed esponente del Coordinamento Precari Autoconvocati Sassari

  • Perché i docenti precari sardi della scuola sono in agitazione?

Intanto noi vogliamo che venga riconosciuto il valore del servizio che abbiamo prestato. Oggi, al contrario, ci sentiamo solo usati e senza il nostro lavoro tutta la didattica si fermerebbe. Invece questo imminente concorso straordinario è studiato con il preciso obiettivo di cancellarci dalla scuola, poiché verremmo valutati con un test strettamente nozionistico (e chi insegna sa bene che il valore di un docente va osservato su ben altri aspetti) con i 7/10 delle risposte valide. Una prova da “dentro o fuori”, in barba agli anni di servizio prestati e a tanta esperienza e capacità non valutabile con un mero test a crocette.

Inoltre per noi sardi la situazione è perfino peggiore poiché la volontà del Ministero è quella di assegnare il maggior numero di bandi alle regioni più popolose e con un maggior numero di cattedre vacanti. La Sardegna, come già accadde nel concorso 2016, si troverà ancora una volta penalizzata e si avrà pertanto un concorso su base regionale con pochi posti a disposizione rispetto ad una esigenza molto più grande di ruoli da ricoprire.

A chi verranno assegnate queste cattedre vacanti della Sardegna? Quasi certamente non a docenti sardi.

Infatti per via di alcune norme contenute nel decreto, le graduatorie dei precedenti concorsi del 2016 e del 2018 vengono estese a tutte le regioni d’Italia e con la nuova norma detta “Call Veloce” chiunque si trovi in una graduatoria di una qualsiasi regione potrà venire ad assumere un ruolo o anche una supplenza annuale in Sardegna, erodendo di fatto i posti attualmente occupati dai docenti precari sardi.

  • Quando si è discusso di “regionalizzazione” della scuola c’è stata una levata di scudi di partiti e sindacati. Ora?

Tutte le sigle sindacali, ad eccezione di COBAS, CUB e USI,  non hanno voluto mai ascoltare le richieste del precariato rispetto ai pericoli di questo Decreto Scuola varato dal governo PD-M5S. Per questo motivo stanno nascendo i Coordinamenti dei Precari Autoconvocati, una nuova forma di organizzazione dal basso. In Sardegna, da questo punto di vista, siamo molto attivi e abbiamo avviato già un’interlocuzione con la classe politica regionale. Se poi i sindacati volessero degnarsi di ascoltarci siamo comunque disponibili a collaborare, le porte restano aperte a tutti.

  • Cosa proponete?

Il Coordinamento dei Precari della Scuola Autoconvocati  propone una via d’uscita da questa situazione drammatica attraverso percorsi di abilitazione riservati ai precari della scuola in Sardegna sulla base delle leggi regionali che permettano di utilizzare come criterio per l’accesso ai concorsi nella Pubblica Amministrazione la residenza nell’isola per un determinato periodo di tempo prima del concorso, o l’avere conseguito un titolo di studio in Sardegna, e soprattutto di aver prestato servizio nelle scuole della Sardegna per almeno 36 mesi.

Un altro criterio da utilizzare potrebbe essere quello di conseguire una certificazione della lingua sarda. La Legge Regionale 22/2018 lo prevede già come requisito di accesso per i concorsi nelle amministrazioni della R.A.S.

Chiuso lo SPRAR di Sassari. Il vero progetto è la guerra tra poveri

 

Immagine tratta da SassariOggi.it
di Ninni Tedesco

E’ stata un’intuizione corretta quando, lo scorso 2 dicembre alla Domo de Totus di Sassari, abbiamo organizzato il convegno “Migranti e territorio:facciamo il punto”. Troppo silenzio e da troppo tempo su questo tema, e sentivamo la necessità di parlarne con gli operatori del settore e i diretti interessati in un luogo simbolo della loro presenza, il centro storico di Sassari. A poco più di un mese esplode la bomba SPRAR, La Nuova Sardegna informa a grandi titoli sul caso, i social e l’opposizione si svegliano indignati. DOPO. Dopo la scadenza dei termini per cui, dal 13 gennaio, il Comune di Sassari NON ha manifestato interesse, perdendo dunque il diritto di accesso, ai finanziamento del Ministero dell’Interno per contributi al “Progetto di accoglienza integrato per richiedenti asilo e profughi o minori non accompagnati” di durata triennale, finanziato appunto per il triennio 2017-2020.

I risultati positivi di tale progetto sono stati correttamente riportati dagli organi di stampa: oltre 450.000 euro annui entrati nelle casse del Comune per sostenere percorsi di inclusione sociale rivolti a circa 75 persone, interessando 7 appartamenti e famiglie sassaresi, organizzando tirocini e corsi di formazione, dando lavoro a 5 dipendenti e soprattutto consentendo alla maggior parte dei migranti di ricostruirsi una vita, di curare le profonde ferite dei drammi vissuti, di potersi sentire ancora quasi “a casa”.

Ho avuto il privilegio di avere come studente di lingua italiana Madi, giovane uomo Maliano sopravissuto all’inferno e oggi iscritto all’Università in Urbanistica, ospite dello SPRAR, che ha partecipato al convegno del Sa Domo raccontando la sua visione del mondo: “ Tanti sono ancora colonizzati nella mentalità e mettono le leggi davanti alle persone, perciò dobbiamo promuovere incontri e momenti di socialità”.

Invece, diceva Mahamoud Idrissa, mediatore culturale e profondo conoscitore della realtà del nostro territorio, “queste leggi folli aumentano la presenza di irregolari e creano fratture fra gli stessi migranti”.

E’ il principio del creare divisioni, che chi governa e amministra conosce bene. Ma c’è anche la strategia del silenzio per poi attaccare, nota invece all’opposizione.  Se si entra sul sito dello SPRAR infatti si legge testualmente:   “18.12.2019 – Per evitare interruzioni nei servizi di accoglienza, è stato adottato dalla ministra dell’Interno il decreto di finanziamento dei progetti del Sistema di protezione per i titolari di protezione internazionale e per i minori stranieri non accompagnati (Siproimi) con triennio in scadenza al 31 dicembre prossimo.Il finanziamento consentirà agli enti locali che hanno manifestato l’intenzione di proseguire le attività progettuali di continuare a operare, nelle more della valutazione e approvazione delle domande di prosecuzione dei progetti per il triennio 2020-2022.”

Documento pubblico che tutti potevano leggere per cui penso che sarebbe stato doveroso informarsi, fare tutto quello che era possibile fare, anche mediaticamente e coinvolgendo tutti i soggetti interessati, per evitare la vergogna che ora tocca subire, magari facendo anche gli indignati!

Sassari sta diventando una città povera, e dove c’è miseria cresce il seme dell’intolleranza.

Chiudere  8 CAS (centri di accoglienza) e lo SPRAR senza realizzare un progetto di inclusione alternativo, senza creare posti di lavoro alternativi, significa voler alimentare un disagio sociale e un malessere in cui “pescare” disvalori e malumori, ovvero sempre più guerre tra poveri. Scivolando verso l’autoritarismo.

Questo è il vero progetto, e non ha alcuna opposizione.

Una piattaforma sarda per rovesciare il tavolo

Nasce una nuova piattaforma politica che raccoglie le forze «della sinistra anticapitalista, ambientaliste e quelle che si battono per una compiuta autodeterminazione del Popolo Sardo».

I lavori saranno subito operativi e riguarderanno tre temi cruciali: ambiente, scuola e repressione (quest’ultimo tema caldissimo, visti anche i mille indagati tra i pastori a causa dei decreti sicurezza voluti dal governo Lega-5Stelle e mai abrogati dal governo PD-5Stelle).

In un periodo storico in cui la classe politica sarda parla di inserire nella Costituzione italiana la dichiarazione che la Sardegna è un’isola e propone di premiare gli allevatori che rinunciano a produrre latte, è necessario ribaltare l’agenda della discussione politica tornando a discutere di questioni serie quali il gravissimo e diffuso inquinamento diffuso in moltissime aree dell’isola, la disperata condizione della scuola sarda fatta a pezzi dalle riforme, dalla mancanza di risorse e dai dimensionamenti dissennati e la criminalizzazione dei movimenti di lotta e di protesta (non solo i pastori, visto che anche il movimento contro l’occupazione militare ha subito pesanti stangate repressive).

Al progetto aderiscono per ora Caminera Noa, Potere al Popolo, Sardegna Possibile, vari comitati di difesa e tutela dell’ambiente e della sanità pubblica e singoli militanti o sezioni dei partiti comunisti.

La riunione si svolgerà il prossimo 18 gennaio presso la sede di Potere al Popolo Cagliari e verrà condotta con metodo partecipativo e democratico.

Di seguito i dettagli dell’evento:

 

Scaletta giornata di lavoro di sabato 18 gennaio 2020

Luogo: sede di Potere al Popolo, Pirri, via Limbara 27 (CA)
Durata pomeriggio di lavoro 15.00 → 20.00

‍♂️‍♀️15.00 Registrazione partecipanti
16.00 Saluti e presentazione del progetto che si vuole portare avanti. Prenderanno la parola i soggetti che stanno lavorando insieme per dare forma a una piattaforma in cui si lavora su temi condivisi, in una cornice di riferimento politica che comprende forze della sinistra anticapitalista, ambientalista e forze che si battono per una reale e compiuta autodeterminazione del Popolo Sardo (20 minuti circa)

▶️Presentazione/spiegazione del metodo di lavoro

1️⃣2️⃣3️⃣Presentazione dei 3 temi sui quali si lavorerà in gruppo. Bisognerà individuare uno o due referenti per ogni tema, e un* facilitator* per ogni gruppo.
1️⃣ Scuola
2️⃣ Repressione e Decreti Sicurezza
3️⃣ Ambiente
(basteranno 5-7 minuti per tema)

I partecipanti scelgono il gruppo nel quale vogliono dare il proprio contributo

16.45 – 1 sessione di lavoro (60 minuti circa)
analisi dei dati, stato delle cose, messa a fuoco di bisogni, problemi.

‍♂️pausa di 15 minuti

I partecipanti possono anche cambiare il gruppo di lavoro

18.00 – 2 sessione di lavoro (60 minuti circa)
messa a fuoco di possibili soluzioni e proposte. Se possibile idee per proseguire il lavoro iniziato.

‍⚕️‍♂️19.00 – Plenaria conclusiva (7-8 minuti per gruppo)
I 3 gruppi espongono in sintesi il lavoro fatto e le possibili attività programmate o da sviluppare.

Saluti finali e nuovo appuntamento nel capo di sopra.