Saras ed Esercito zittiti all’Università di Cagliari

occupazione militare

È durato meno di dieci minuti il IX seminario anti-inquinamento organizzato dalla Marina Militare e l’Università di Cagliari con la partecipazione della SARAS nell’aula magna della cittadella universitaria di Monserrato. Il seminario doveva essere associato all’esercitazione nelle acque del golfo di Cagliari.

Ma lo spot di Saras e Marina Militare, gentilmente concesso dall’Università di Cagliari, è stato interrotto dagli attivisti del Comitato Studentesco contro l’Occupazione Militare che hanno tirato fuori uno striscione e hanno interrotto lo scandaloso teatrino scandendo slogans.

Gli studenti si sono opposti alla presenza di Militari e SARAS all’università di Cagliari e hanno anche contestato duramente la rettrice Del Zompo che si è prestata ad avallare gli interessi dell’economia di guerra e di sfruttamento della Sardegna.

“Oggi a sloggiare da casa nostra siete stati voi” – hanno esultato gli attivisti del Comitato a fine giornata – riferendosi alla quotidiana oppressione subita dal popolo sardo determinata dall’occupazione militare.

Intervista a Pietro Simon Mossa.

Il 22 novembre ricorrerà il centenario dalla nascita del grande intellettuale indipendentista Antoni Simon Mossa. Per l’occasione, l’associazione sarda Pro no ismentigare diretta da Domitilla Mannu, ha voluto dare alle stampe due testi inediti.

AntoniSM

Pubblicati dalla EDES, Editrice Democratica Sarda, col contributo della Fondazione Banco di Sardegna, i libri, col testo italiano a fronte, s’intitolano “Evangelios” e “El pont retrobat” e sono rispettivamente in sardo e in catalano, lingue che Mossa conosceva perfettamente e per la cui difesa e promozione si batteva.

Abbiamo intervistato il figlio di Simon Mossa, Pietro.

Hai davvero bisogno dei supermercati sempre aperti?

13599074_10208665753633030_603928727_n

Andranno al mercato comunale di via Quirra a Cagliari per manifestare la loro contrarietà all’apertura dei supermercati e dei centri commerciali aperti 24 ore su 24 e sette giorni su sette. Questa è la forma di mobilitazione decisa da un cartello di associazioni, sindacati e movimenti politici all’indomani della decisione del Carrefour di Quartu S. Elena di aprire anche la notte.

I sindacati avevano annunciato a mezzo stampa la possibilità di uno sciopero, come del resto si è fatto anche in Italia dove la multinazionale ha adottato la stessa strategia aziendale.

Ma in Sardegna la protesta ha travalicato il confine sindacale e ha portato diversi soggetti politici e sociali ad aprire un percorso di contrapposizione all’«apertura selvaggia di supermercati e centri commerciali».

Così sabato 9 luglio, alle ore 10:30 la Confederazione Sindacale Sarda, il Fronte Indipendentista Unidu, il Partito Comunista dei Lavoratori, l’Associazione Altra Sardegna e il collettivo S’Idea Libera si sono dati appuntamento al famoso mercato cagliaritano di via Quirra per sensibilizzare la gente e i commercianti sulla presenza invasiva della grande distribuzione.

Tutto incominciò con il Governo Monti, sostenuto dal centrosinistra  – spiegano gli attivisti – perché con il decreto “Salva Italia” venne liberalizzata totalmente la possibilità di apertura dei megamercati, 24 ore giornalieri, 7 giorni su 7, mentre prima la competenza era nelle mani di Comuni e Regioni.

Da allora in Sardegna la presenza della GDO, già elevatissima rispetto al numero degli abitanti in confronto alla media europea, si è fatta sempre più invadente mettendo alle corde piccola distribuzione, mercati civici e rionali e spesa a Km0. Il risultato è che in Sardegna si importa circa l’80% dei prodotti agroalimentari e moltissime aziende sono al collasso. Inoltre i mega centri hanno adottato nel tempo forme sempre più dure di sfruttamento dei lavoratori fino ad arrivare, in diversi casi, a vere e proprie forme di mobbing costringendoli a turni massacranti, flessibilità pressoché totale e una precarietà fisiologica. La diaria di un lavoratore della GDO nello stato italiano è una fra le più basse d’Europa.

L’appuntamento è sabato 9 luglio alle ore 10:00 in via Mandrolisai 60, poi gli attivisti si recheranno armati di volantini, striscioni e megafono al Mercato comunale dove interagiranno con clienti e lavoratori per spiegare le proprie ragioni.

di seguito l’articolo dell’Unione Sarda che annuncia l’apertura h. 24 del Carrefour di Quartu S. Elena

http://www.unionesarda.it/articolo/notizie_economia/2016/06/11/la_svolta_di_carrefour_a_luglio_e_agosto_l_ipermercato_aperto_24-2-505628.html

evento fb della mobilitazione “Hai davvero bisogno di supermercati sempre aperti?”

https://www.facebook.com/events/1028123823932664/

A si laureare in sardu est possìbile

beccu

Lisandru Beccu, classe 1986, istat in Silanos, laureadu in infermierìstica, ativista de s’Assòtziu Su Majolu, articulista in su giornale in rete Sa Gazeta

Ocannu ses istadu s’ùnicu a àere iscritu sa tesi de infermierìstica in sardu. Cumintzamus cun una pregunta de “turista”: podes ispiegare a sos letores nostros ite t’at ispintu a iscrìere sa tesi in sardu? In cale manera su sardu est ligadu a su tema chi as giutu in sa tesi?

Chi isca deo so istadu su primu a iscrìere una tesi de infermierìstica in sardu e pro como est s’ùnica tesi in sardu de su dipartimentu de meighina. S’ùrtimu traballu in sardu in unu dipartimentu sientìficu fiat de 30 annos a como. Su reladore fiat Bainzu Piliu, professore de chìmica.

In antis de totu custa tesi l’apo iscrita in sardu ca mi pariat bastante normale a lu fàghere. Posca fintzas ca apo chertu dare importu a sa limba nostra lassende unu documentu sientìficu a disponimentu pro totus. In prus, s’argumentu de sa tesi est de interessu mannu ca rapresentat unu problema mannu de s’ìsula nostra: su diabete de tipu 1.

Bides s’atzione tua comente a un’atzione militante, o est pro tene s’issèberu prus normale de su mundu?

Pro mene, comente apo giai naradu in antis, est unu sèberu normale, mescamente ca in sardu chistiono e iscrio cada die. Est beru però chi, a como, in Sardigna, sa situatzione linguìstica est drammàtica. Est custu su chi faghet intèndere s’atzione mia comente un’atzione militante o polìtica. Posca si cunsideramus chi su mundu de s’amministratzione pùblica e su mundu tecnològicu e sientìficu s’espressant petzi in italianu cumprendimus totu. Su mèritu duncas no est su meu, pagu ma seguru. Sunt sas istitutziones sas chi ant su demèritu.

Gente meda narat chi in sardu non si podet faeddare de sièntzia, ma ischimus chi sa sièntzia e sa tecnologia sunt prenas de latinismos, e tando est fàtzile meda truncare sas creèntzias comunes e sardizare totu su vocabulàriu chi nos serbit pro numenare sos ogetos de sa modernidade nostra. 

Custu est un’istereòtipu arraighinadu bene in sas concas de chie non connoschet sas dinàmicas de sas limbas e in custu casu de su sardu. Sigomente semus faeddende de una limba, devimus cunsiderare in automàticu chi podimus faeddare e iscrìere de cale si siat argumentu. Comente ais naradu bois etotu, su lèssicu sientìficu e tecnològicu de cada limba est prenu de paràulas de derivatzione latina e greca. Si custu non bastat, semus fintzas autorizados a leare in prèstidu dae àteras limbas sas paràulas chi in sardu non tenimus. Lu faghent sas àteras limbas e non bido pro ite non lu podimus fàghere cun su sardu.  Bos naro chi dificultade o problemas mannos non nd’apo tentu. Apo pregontadu cussìgios a amigos, a cumpàngios e a espertos petzi pro carchi duda.

Cale critèriu ortogràficu as impreadu? Pro ite pròpiu cussu? Amus bisòngiu de un’istandard?

Apo impreadu s’istandard gràficu isperimentale de sa Regione, sa LSC. Est una norma chi impreo a s’ispissu cando iscrio ca li dat autoridade a sa limba. Apo impreadu sa limba sarda comuna ca oramai connosco bene sas règulas e ca, a pàrrere meu, aunit totu su sardu sena lu partzire cun làcanas o barrieras. Si andamus a bìdere sunt sas matessi làcanas chi partzint sa conca de sos sardos. Ma non nche chèrgio intrare in chistiones de polìtica linguìstica.

Su chi devimus cumprèndere est su fatu chi in unas cantas situatziones dislindadas devimus impreare unu tzertu tipu de forma. Ca, si bi pensamus, s’impreu de cada die de una limba est diferente dae s’impreu professionale. In su sensu chi pro iscrìere una lìtera a un’amigu devo impreare unu lèssicu ispetzìficu, chi est diferente dae su lèssicu chi potzo impreare pro faeddare de informàtica o de meighina. Custu càpitat in totu sas limbas.

B’at pagos pretzedentes de tesi iscrita in sardu. Escluende su problema de sa cumpetèntzia, sa cantidade minore est pro tene unu problema mescamente burocràticu o est unu problema de birgòngia?

Ite dias cussigiare a sos istudiantes chi tenent una mesa intentzione de iscrìere sa tesi issoro in carchi limba de Sardigna? A pàrrere meu est siat unu problema de birgòngia e siat unu problema de abitùdine a s’impreu. Sa gente no l’ischit nemmancu cale est s’iter burocràticu pro pòdere presentare una tesi in sardu. Duncas, si est, cussu est unu problema chi benit a pustis. Su fatu est chi semus postos male meda. Sos pitzinnos e sos giòvanos faeddant e iscrient petzi in italianu. Cando lu faghent in sardu timent a fàghere faddinas. Custa faina est unu deterrente mannu e tocat de la cumbàtere.

S’apellu meu andat a totu sos giòvanos chi si devent laureare. S’ispera est sa chi deo potza fàghere de esempru a medas. A fàghere una tesi in sardu o in una de sas limbas de minoria est una faina de importu mannu ca dat dinnidade a sa limba nostra.

Si calicunu chi at s’idea de fàghere unu traballu gosi mi cheret pregontare cussìgios apo a èssere a disponimentu pro li ghetare una manu de agiudu.

L’indipendentismo e la brexit

WWWW

Immagine tratta dal periodico anticolonialista “Su Populu Sardu”

Quello che pensa la parte maggioritaria dell’indipendentismo scozzese e irlandese della Brexit è noto: se il Regno Unito è uscito dalla UE noi abbiamo il diritto di uscire dal Regno Unito e di aderire alla UE.

Ma qual è la lettura dell’indipendentismo sardo sulla brexit? Abbiamo fatto un piccolo viaggio fra le diverse posizioni e sensibilità della scena indipendentista sarda.

liberu

Il primo soggetto ad uscire con un comunicato è stato il partito Libe.r.u. che si è concentrato soprattutto sulla contraddizione delle “nazioni celtiche” schierate per il cosiddetto Remain. A spiazzare un pò tutti – argomenta la direzione di Libe.r.u. – è stata la posizione delle nazioni celtiche oppresse, che si riscoprono come paladine dell’europeismo. Secondo Libe.r.u. la posizione europeista di scozzesi ed irlandesi non sarebbe di tipo organico, bensì tattico e pragmatico, frutto della possibilità storica di affrancarsi dal dominio di Londra. In particolare in Scozia «ovunque stravince la permanenza, certamente sull’onda della posizione presa dallo Scottish National Party (…) il quale gioca anche la carta europeista in funzione anti inglese». Discorso analogo per i nazionalisti irlandesi che «temono di ritrovarsi con un “muro” che separa le comunità irlandesi del nord dalla Repubblica, confine segnato dalla futura non appartenenza della Gran Bretagna (e quindi anche dell’Irlanda dal Nord) all’UE, di cui la Repubblica fa parte».
Libe.r.u. imputa questa tendenza dei movimenti nazionalistici celtici pro-UE ad adottare la logica del “nemico del mio nemico è mio amico”, senza considerare il fatto che l’Unione Europea è «un polo imperialista, nemico della libertà delle nazioni, della dignità dei lavoratori e delle masse popolari». La posizione di Liber.u. sulla UE è chiara: «l’imperialismo non si sconfigge infatuandosi degli imperialismi nemici del proprio dominatore ma combattendo l’imperialismo. (…) Non ha perciò alcun senso oggi ritenersi indipendentisti e al contempo europeisti, così come non ha senso ritenersi europeisti ma contrari a questa Unione Europea. Di Unione europea c’è solo questa: l’Europa dei popoli è un sogno, niente di tangibile, semplicemente non esiste».

FRONTE_SIMBOLOIl Fronte Indipendentista Unidu aveva affrontato giusto un anno fa la questione “imperialismo UE” in un percorso formativo curato con l’organizzazione giovanile Scida e il collettivo antagonista Furia Rossa organizzando diversi incontri con il redattore di Contropiano Marco Santopadre. L’organizzazione anticolonialista aveva per l’occasione preparato un documento di analisi, (era ancora fresca la scottatura del tradimento del partito di sinistra greco Syriza che aveva alla fine firmato il Memorandum imposto dalla troika), proponendo una piattaforma politica internazionale articolata su quattro punti fondamentali. All’indomani del risultato del referendum britannico il Fronte ripropone e rilancia la piattaforma, accogliendo «con grande entusiasmo e speranza l’uscita della Gran Bretagna dalla UE» e la possibilità che «questo fatto storico può essere una buona occasione per scatenare un processo di smantellamento dell’oligarchia finanziaria chiamata UE che sta sottomettendo i popoli e i lavoratori del continente a rigidissime ed odiose misure di austerità che, in diversi casi, stanno portando interi settori sociali sotto la soglia di povertà». Il Fronte tende la mano a tutte quelle realtà internazionali che ritengono opportuno uscire dalla UE in quanto ritenuta «irriformabile» e, nei fatti, una «unione di oligarchie finanziarie e militari che strangolano la prosperità delle masse lavoratrici e dei popoli europei». Uscire dalla UE significa anche uscire dalla NATO che rappresenta sia una costante minaccia alla pace tra i popoli che una  deprivazione di risorse ai servizi primari» dello stato sociale. Il terzo punto della piattaforma consiste nel «riconoscimento del diritto delle nazioni senza stato alla loro autodeterminazione» inteso come «fattore fondamentale di straordinaria dirompenza democratica e sociale che mette de facto in crisi le fondamenta stesse che reggono la UE e il blocco NATO». Last but not least il punto sulla necessità di rivedere tutti i trattati e le politiche ultraliberiste in materia di lavoro, servizi, fiscalità e coercizione militare» che i governi della UE hanno varato cancellando di fatto «le principali conquiste economiche e politiche del movimento operaio e contadino del Novecento». Cancellare integralmente queste politiche economiche – concludono gli anticolonialisti – «significa affossare le oligarchie e mandare in cortocircuito la ragion d’essere della stessa UE, aprendo una via di progresso sociale e pace».

progresDi marca diversa la posizione del partito ProgRes che separa l’aspirazione ad un europeismo di stampo cosmopolita e cooperativo da ciò che la UE effettivamente è diventata: «è bene chiarire che uscire dall’UE non significa uscire dall’Europa, ma più semplicemente sciogliere quei trattati e accordi internazionali che vincolano gli Stati Membri. È bene dunque aprire la discussione su cosa debba essere l’UE e cosa debbano stabilire i trattati che la definiscono». ProgRes dichiara “fallito” l’«attuale progetto dell’UE», anche a prescindere dal risultato del referendum britannico e imputa tale fallimento alla «burocrazia» e all’«incapacità di creare diritti nuovi e una reale cittadinanza europea». In buona sostanza il fallimento della UE è dovuto alla limitatezza «degli stati ottocenteschi che l’hanno costruita» i quali sono stati «incapaci di dare corpo ad un progetto serio di Europa dei popoli». ProgRes però ritiene comunquee che sia possibile costruire un’«Europa dei popoli e delle persone» a partire dall’ascolto delle comunità e a questa «nuova europa anche la Sardegna dovrà saper dare il suo contributo».

SNISardigna Natzione Indipendentzia, invece, assume una posizione di difesa della UE, inteso come l’ambito nel presente «più vicino alle nostre attese». Sebbene la realtà della UE non sia ideale – continua la direzione di SNI – «Nessuna possibile soluzione politica per le nazioni senza stato ci sarebbe in una scomposizione dell’Europa e in un ritorno agli stati-natzione dell’ottocento trincerati nella difesa dei confini e dell’integrità nazionale». Per Sardigna Natzione l’occasione che si presenta è storica, perché «se la Scozia e l’Irlanda del Nord aprono una strada nuova in Europa, con la loro indipendenza, quella strada la percorreremo anche noi sardi, i catalani, i baschi, i corsi, i fiamminghi e tante altre nazioni, 50 milioni di Europei che di fatto daranno un’altra conformazione all’asfittica Europa di oggi». Sardigna Natzione infine attacca duramente chi ha colto nella brexit un fattore positivo: «SNI, non si spiega come alcuni auto-rivoluzionari e alcuni indipendentisti non si accorgano di fare parte dell’ONDA e di correre il richio di trovarsi insieme, senza volerlo, ai peggiori reazionari a fare l’OLA a Salvini, Farage , Le Pen e Trump e quanto di peggio il mondo abbia partorito. SNI non è nell’ONDA. All’antieuropeismo ideologico contrappone l’europeismo strumentale, non condiviso ideologicamente per questa Europa, ma utile alla natzione».

 

 

 

La “riforma” della Asl di Pigliaru&Co

asl

Ricordate lo slogan di Pigliaru “Cominciamo il domani”?

Bene, uno dei modi in cui questa giunta, eterodiretta dalla segreteria del PD e dalle direttive della BCE, ha “cominciato il domani” è una assurda riforma regionale sulla sanità che in realtà rappresenta solo l’ennesimo passo verso l’annientamento dello stato sociale. Il bagaglio retorico e pubblicitario è il medesimo per ogni grande massacro sociale: “riforma”, “ottimizzazione”, “razionalizzazione”. Dietro a queste parole tirate a lustro si nasconde, però, la verità dei conti della serva: tagli, tagli e ancora tagli!

E noi che pensavamo già di avere toccato il de profundis del diritto alla salute!

La situazione era già drammatica prima della suddetta riforma: infatti ieri come oggi, mancano i reagenti per analisi e test, si aspetta almeno un anno per tac, risonanze, colonscopie, scarseggiano i posti letto, non esistono posti a sufficienza per medici e infermieri, alcuni reparti si dislocano in strutture vergognosamente decadenti, pensioni di invalidità e sostegni economici vengono sottratti ingiustamente ai pazienti che ne hanno diritto, si arriva fino a 7 ore di attesa al pronto soccorso. Come se non bastasse c’è da aspettarsi di peggio dietro l’angolo: nonostante le proteste di sindaci, primari ed operatori, la Riforma Regionale di Pigliaru prevede un assurdo accorpamento di centri come Alghero e Ozieri, con primario unico (sic!), la drastica diminuzione di posti letto ovunque, l’eliminazione di reparti come chirurgia pediatrica e neonatale e oncologia mammaria nel nord Sardegna!

Sarà casuale la contemporanea apertura della struttura privata del Mater di Olbia?

Cagliari e il Sud dell’isola ottengono tutto quello che viene eliminato dal Nord creando una pericolosa sperequazione che va ad aggravare lo squilibrio già esistente tra capo di sopra e capo di sotto dell’isola. Gravissimo poi che tali scelte non avvengano sulla base di calcoli dell’utenza e delle reali esigenze territoriali, bensì su valutazioni di “qualità” in cui le ASL di Sassari e dintorni vengono declassate a strutture di secondo livello con una grottesca e rivoltante hit parade degli ospedali valutati come aziende. Nessuno nega che una vera razionalizzazione fosse urgente, visti i debiti, spesso dovuti alla gestione politica e clientelare delle Asl. Ma questa sperequazione a chi serve? Buona parte dei cittadini sardi si preparino  ai viaggi della speranza intraisolani od oltremare, con gli annessi costi e incommensurabili disagi.

E il paziente e i suoi diritti civili e umani?

Urge mobilitazione, visto che Comuni e province non sono riusciti finora a scalfire le granitiche intenzioni della Giunta Pigliaru.

Puddu: “ora uniti contro l’occupazione militare!”

intervista enrico puddu

Domenica 26 giugno ad Aristanis (Oristano) si terrà la seconda assemblea generale sarda contro l’occupazione militare. Abbiamo intervistato Enrico Puddu del Comitato Studentesco contro l’occupazione militare per capire che aria tira. Ecco le coordinate dell’incontro: Aristanis, 26 giugno, ore 15:00, teatro S. Martino, via Ciutadella de Menorca, n.3

Avete sfidato la disunità del movimento contro l’occupazione militare chiamando una assemblea generale a Bauladu lo scorso 2 giugno. Come è andata?

Il 2 giugno è stata una data importante per tutti coloro che lottano contro l’occupazione militare in Sardegna. Come Comitato Studentesco contro l’occupazione militare abbiamo voluto convocare in quella data tutte le organizzazioni, movimenti indipendentisti, associazioni, comitati e singoli che in questi anni si sono interessati dell’argomento. Prima del 2 giugno abbiamo organizzato un tour in tutta la Sardegna in modo tale da poter raggiungere più persone possibili e cercare di costruire quella data insieme. Ci siamo resi conto che l’esperienza del tour, ha portato ad un confronto sincero e costruttivo con molteplici realtà e che, con tutte queste, si condivideva il fine ultimo cioè la chiusura delle installazioni militari. Fare un analisi dell’assemblea in poche righe non risulterebbe esaustivo e corretto però sicuramente si può dire che si sono raggiunti due obbiettivi che ci eravamo prefissati. Il primo era quello di portare in una stessa data tutte le organizzazioni e i singoli raggiunti durante il tour e soprattutto tutti coloro che si sono impegnati negli anni nella lotta contro le basi a parlarsi e confrontarsi. Il secondo obbiettivo era quello di rendere l’assemblea il più operativa e concreta possibile ponendo le basi per un lavoro continuativo nel medio e lungo periodo. Questi risultati uniti ad una progettualità di breve termine ha portato i partecipanti ad avere la necessità di un secondo confronto che avverrà domenica 26 giugno al Teatro San Martino di Oristano.

Dagli interventi è uscita una linea comune basata sul diritto del popolo sardo di liberarsi dell’occupazione, sulla necessità di un lavoro continuativo e sul fatto che nessuno deve mettere il cappello sulla lotta. È così?

Si è proprio così. Gli interventi di tutti i territori hanno dimostrato che queste volontà sono condivise da tutti e ci si è impegnati per trovare una sintesi concreta per continuare a lottare insieme. Questo implica che la nostra volontà di confronto è stata accolta e che è emersa una linea comune che sarà la base su cui si dovrà costruire nel prossimo futuro un percorso condiviso.

Che ruolo hanno i giovani in questa nuova mobilitazione?

Pensiamo che la composizione dell’assemblea del 2 giugno abbia dimostrato quanto nei territori sia sentito il problema dell’occupazione militare soprattutto nella fasce d’età più giovani. Eravamo abituati, negli ultimi anni, ad assistere a riunioni e assemblee di poche decine di persone alle quali intervenivano i soliti protagonisti della lotta contro le basi. L’Assemblea di Bauladu ha visto la presenza di una composizione molto giovane che ha dato nuova linfa ad un movimento che aveva perso lo slancio ormai da anni.

Che posizione hanno preso i diversi movimenti indipendentisti? E gli ambientalisti?

I movimenti indipendentisti hanno voluto voluto ribadire l’importanza di una lotta contro l’occupazione militare nel contesto di una lotta più ampia e complessa che riguarda il territorio sardo. Nella narrazione indipendentista l’occupazione militare ha sempre rappresentato un’importante snodo nell’ottica di lotta di liberazione nazionale e penso che anche questi movimenti abbiano intuito l’importanza dell’unione agli altri gruppi che si occupano di questa tematica. Così come i movimenti indipendentisti, i movimenti pacifisti hanno accolto favorevolmente il nostro intento e hanno dato un contributo reale e concreto durante l’assemblea e in prospettiva.

Quando sarà il prossimo incontro e con quale ordine del giorno

Il prossimo incontro, come deciso a Bauladu dall’assemblea, è stato convocato al Teatro San Martino di Oristano per domenica 26 giugno alle ore 15. L’ordine del giorno è uscito dai resoconti dell’assemblea di Bauladu e si articolerà nei seguenti punti: comunicazione interna alle componenti nei territori dell’assemblea, ambiti d’interesse del movimento (Dalle scuole elementari a quelle superiori la narrazione militare, alternanza scuola lavoro – università, distretto aerospaziale sardo, accordi con Technion – occupazione militare e economia, ricatto del lavoro, indennizzi, situazione economiche delle aree limitrofe ai poligoni – occupazione militare e salute, registro tumori, dossier sui morti e malati che hanno prestato servizio civili/militari – occupazione militare e scenari internazionali, esercitazioni in Sardegna e interessi geopolitici, lotta di autodeterminazione dei popoli oppressi, guerra e migrazioni – comunicazione esterna e gruppo propaganda – gruppo di studio sul movimento sardo contro le basi dagli anni 60 a oggi). E ultimo punto: proposte pratiche per una prospettiva politica condivisa di movimento in Sardegna contro l’occupazione militare.

comitato

La Biblioteca dell’Evasione al carcere di Bancali

03072014104851_sm_8119

Immagine tratta da: http://libreriamo.it/wp-content/uploads/2015/08/03072014104851_sm_8119.jpg

La Biblioteca dell’Evasione è un progetto che mette a disposizione dei detenuti libri, fumetti e riviste. L’obiettivo della stessa è di creare un rapporto di scambio con i detenuti, come recita il nome stesso, per far conoscere le realtà entro le galere e rompere l’isolamento che questa società instaura nei confronti del carcere e dei carcerati.

Nella giornata di sabato 18 giugno 2016, la Biblioteca dell’Evasione ha voluto discutere con il popolo la questione orari di prenotazione dei colloqui da parte dei familiari dei detenuti del carcere di Sassari, nella frazione di Bancali.

Diverse lamentele sono state ricevute da parte dei familiari riguardo la difficoltà di fissare il colloquio con il proprio caro. A tal proposito è stato fatto compilare loro un questionario  durante l’attesa per le visite: non solo si sono soffermati a compilare i moduli a crocette, ma si sono trattenuti a parlare con gli attivisti della Biblioteca dell’Evasione, sottolineando altre cose che non vanno, una fra le tante l’attesa per l’ingresso, che spesso supera l’ora e mezza.

La giornata è, quindi, il primo passo di una battaglia che la Biblioteca intraprende al fianco dei familiari, per far sì che questi possano avere la possibilità di fissare l’appuntamento per il colloquio chiamando in più giorni e in una più ampia fascia oraria, dando la possibilità di organizzarsi a chi lavora e/o a chi viene da fuori Sassari, e così evitando che un familiare non possa vedere il proprio caro solamente perché non è riuscito a trovare la linea telefonica libera per fissare il colloquio.

Durante la giornata è stato distribuito un volantino informativo sull’ergastolo ostativo insieme alla proposta di mobilitazione, proposta dai detenuti del carcere di Catanzaro che invita tutti, detenuti e liberi cittadini, a manifestare in forme diverse in solidarietà alla protesta.

Per saperne di più: https://sidealibera.noblogs.org/biblioteca-dellevasione/

Brexit? Un’occasione per rompere lo status quo

di Marco Santopadre, redazione di http://contropiano.org/

111110europa5-374x300

fonte immagine (http://www.rischiocalcolato.it/wp-content/uploads/2012/07/111110europa5-374×300.jpg)

Il 23 giugno i cittadini della Gran Bretagna sono chiamati a votare in un referendum la cui posta in gioco è molto alta: restare o meno nell’Unione Europea?

Il referendum è stato indetto molti mesi fa dal premier conservatore Cameron con un doppio scopo: esercitare una pressione nei confronti dell’establishment dell’UE per ricontrattare le relazioni con Bruxelles e ottenere maggiori privilegi per la borghesia britannica; intestarsi una battaglia di democrazia permettendo il voto popolare su una questione assai sentita.
Sembrava che l’appuntamento dovesse trascorrere indenne sia per il governo di Londra sia per l’Unione Europea. Ma recentemente la campagna a favore della Brexit – cioè l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue – ha conquistato molti e trasversali consensi e alcuni sondaggi danno i leavers in testa. Per convincere gli elettori a votare ‘Remain’ il governo di Londra e le istituzioni europee hanno cominciato a minacciare e ricattare gli elettori prefigurando, in caso di vittoria del ‘si’, uno scenario apocalittico: aumento delle tasse, crollo del sistema sanitario pubblico, licenziamenti.
In realtà negli ultimi anni, proprio per rispettare i diktat di Bruxelles e del sistema bancario europeo, il governo Cameron ha già imposto enormi tagli al pubblico impiego e al welfare, impoverendo milioni di cittadini.
A favore del ‘no’ ci sono una metà del Partito Conservatore al governo, il Partito Liberaldemocratico, i Verdi, la grande e media impresa, la maggioranza del settore bancario e di quello finanziario, ma anche un certo numero di sindacati moderati e la maggioranza del Partito Laburista. Tutti i partiti delle nazionalità oppresse – gallesi, scozzesi e irlandesi – sono a favore, più o meno ferventemente, del ‘remain’, con l’argomento che l’Unione Europea, per quanto imperfetta e migliorabile, costituisca un freno alle pulsioni più reazionarie della destra. Il Partito Nazionale Scozzese è in prima fila nella campagna per il ‘no’, e minaccia di indire un nuovo referendum per l’indipendenza da Londra in caso di vittoria della Brexit.
Una posizione da cui si discostano le frange più radicali e anticapitaliste dei movimenti indipendentisti. A guidare il fronte del ‘si’ alla Brexit è la destra euroscettica rappresentata dall’Ukip, partito nazionalista inglese/britannico e xenofobo che punta il dito contro l’immigrazione – anche di cittadini comunitari – e contro le limitazioni imposte all’economia del Regno Unito da parte di Bruxelles. Anche metà del Partito Conservatore è in prima fila contro l’Ue, capeggiata dall’ex sindaco di Londra Boris Johnson; per l’out sono anche la piccola impresa fortemente colpita dall’integrazione europea. Molto attivi a favore della Brexit sono anche i sindacati più radicali e di classe e un arcipelago di realtà politiche di sinistra e anticapitaliste, dalla sinistra laburista fino alle organizzazioni comuniste, che vedono nella rottura con quello che considerano un “polo imperialista” l‘Ue – uno strumento di cambiamento dei rapporti di forza interni a favore delle classi svantaggiate.

ProgRes: “ecco le bugie della Giunta Pigliaru”

 

pigliaru_bugie

Il governatore della RAS Francesco Pigliaru sostenuto dal centro sinistra italiano e da diversi movimenti politici di matrice sarda collaborazionisti

 

Il partito indipendentista ProgRes interviene con una lettura dei dati sull’occupazione forniti recentemente dall’ISTAT e attacca frontalmente la maggioranza del governo regionale: “malgrado gli annunci di propaganda della Giunta Pigliaru e dell’assessore Mura, che giusto qualche mese fa si affrettavano a proclamare trionfalmente l’uscita dalla crisi commentando i dati sull’occupazione dell’ultimo trimestre del 2015, prendiamo atto invece che la realtà delle cose è ben diversa”.

Infatti gli indipendentisti sottolineano, con dati alla mano, che dai 111 mila disoccupati del quarto trimestre del 2015 si passa a quasi 130 mila disoccupati dei primi tre mesi del 2016.

Di chi è la colpa? Progres ritiene che non ci siano dubbi: da mettere alla gogna è tutta la linea della Giunta Pigliaru: dai Trasporti alla Vertenza Entrate, dal fenomeno dello spopolamento senza freno al nuovo flusso emigratorio che coinvolge giovani laureati altamente formati che non riescono a trovare nella loro terra un occupazione adeguata alle loro competenze.

Questa – conclude l’organizzazione indipendentista – “è la storia della Sardegna negli ultimi 60 anni di scellerate politiche dipendentiste, questa è la realtà a cui la RAS deve dare risposte immediate”.

http://www.istat.it/it/sardegna

http://progres.net/comunicati/le-bugie-della-giunta-pigliaru-sul-lavoro/