Presentada de su blog

cropped-512x512-px-2-Psa-Sardigna.jpg

Pesa Sardigna est su blog de informatzione anti-colonialista.

Est su logu a dispositzione de chie si siat chi gherret pro cuntrastare sa colonizatzione econòmica, polìtica e culturale de Sardigna e di chie batallat pro giùghere su pòpulu sardu a s’emantzipatzione sotziale e natzionale.

Pesa Sardigna donat boghe a chie difendet sa terra nostra dae s’ispeculatzione edilìtzia e dae su disastru ambientale, a chie gherrat a fines chi sa limba sarda e sas limbas alloglotas de s’ìsula otèngiant s’istadu de limbas ufitziales, a chie batallat pro amparare e istèrrere sos deretos de sos traballadores e de sas traballadoras e a chie faghet cultura non pro serbire meres e metzenates, ma pro artziare su livellu de sa dibata e de sa cussèntzia de sa sotziedade sarda e de su mundu.

Pesa Sardigna donat boghe a totu cussas esperièntzias chi a foras de Sardigna giughent a in antis sos ideales de giustìtzia, ugualàntzia e solidariedade e resistit a s’imperialismu e a su colonialismu cun onni mèdiu netzessàriu.

Pesa Sardigna promovet sa dibata e s’arresonu a fines chi ànimas diversas de s’indipendentismu, de s’antagonismu, de s’anti-fascismu e de s’anti-colonialismu chistionent, cuncàmbient pàrreres e informatziones e fatzant retza.

Pesa Sardigna promovet sa cumpartzidura e sa cunvergèntzia de totu sos cumponentes de su movimentu de liberatzione natzionale chi apant truncadu sos pontes a manera definitiva cun sos partidos colonialistas de cale si siat orientamentu o tendèntzia.

Pesa Sardigna cuntrastat onni forma de ratzismu, de discriminatzione de genia, de sciovinismu, de italianismu e in generale onni ideologia anti-democràtica, autoritària e chi negat sos deretos sotziales e tziviles de sos traballadores e de sos pòpulos in cumbata.

Pro collaborare o imbiare noas a Pesa Sardigna, iscrie a: pesa.sardigna.blog@gmail.com


 Pesa Sardigna è un blog d’informazione anticolonialista.

È lo spazio a disposizione di chiunque lotti per contrastare la colonizzazione economica, politica e culturale della Sardigna e di chi si batte per portare il popolo sardo all’emancipazione sociale e nazionale.

Pesa Sardigna dà voce a chi difende la nostra terra dalla speculazione edilizia e dalla devastazione ambientale, a chi lotta perchè la lingua sarda ottenga lo status di lingua ufficiale, a chi si batte per difendere ed estendere i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e a chi fa cultura non per servire padroni e mecenati ma per alzare il livello del dibattito e della coscienza della società sarda e mondiale.

Pesa Sardigna dà voce a tutte quelle esperienze che al di fuori della Sardigna portano avanti gli ideali di giustizia, eguaglianza e solidarietà e resiste all’imperialismo e al colonialismo con ogni mezzo necessario.

Pesa Sardigna promuove il dibattito e la discussione perché le diverse anime dell’indipendentismo, dell’antagonismo, dell’antifascismo e dell’anticolonialismo dialoghino, scambino pareri e informazioni e facciano rete.

Pesa Sardigna promuove la condivisione e la convergenza di tutte le componenti del movimento di liberazione natzionale che abbiano tagliato definitivamente i ponti con i partiti colonialisti di qualunque orientamento e tendenza.

Pesa Sardigna combatte ogni forma di razzismo, di discriminazione di genere, di sciovinismo, di italianismo e in generale ogni ideologia antidemocratica, autoritaria e negatrice dei diritti sociali e civili dei lavoratori e dei popoli in lotta.

Per collaborare o inviare notizie a Pesa Sardigna scrivi a: pesa.sardigna.blog@gmail.com

Intervista ad Antoni Flore Motzo sul libro “Le pietre di Lèari”

  • le pietre di leari
  • – Di che cosa parla Le pietre di Lèari?

L’opera “Le Pietre di Leàri” tratta della rivolta della tribù montiferrina degli Olèa (Sardi Pelliti), inserita nel contesto più ampio della grande insurrezione anti-romana degli Ilienses e dei Balari (177-176 a.C.), gentes tardo-nuragiche. A 38 anni dalla celebre ribellione di Ampsìcora, Giudice di Cornus, i fremiti di libertà non si erano ancora del tutto esauriti nella Sardegna centro-occidentale.

  • – Perché nel Duemila c’è ancora bisogno di scavare nella nostra storia, anche con l’aiuto della fantasia?

La storia è un attributo fondamentale dell’esistenza di una comunità, al pari della lingua. Il ricordo, la memoria collettiva cementano l’identità nel presente. Un popolo che non ha un passato, di conseguenza, non ha nemmeno un futuro, ergo non esiste. Non a caso, la distruzione dell’idioma e della storia patria sono, da sempre, gli obbiettivi principali di ogni opera di colonizzazione.

  • – Come ti è venuta l’idea di scrivere un romanzo storico?

Forte della grande importanza della storia sarda nella costruzione del nostro spirito nazionale, ho sempre percepito il mio essere storico come una missione, non come un’opera di erudizione personale, fine a se stessa. La funzionalità sociale del mio lavoro è chiara: contribuire a diffondere coscienza di popolo.

  • – Molti sostengono che la “costante resistenziale” dei sardi è un’invenzione mitologica.

La costante resistenziale è un atteggiamento sociale persistente nella dinamica storica del Popolo Sardo, storicamente dimostrabile. Si tratta di un sentimento latente, spesso non organizzato ma diffuso che, ciclicamente, si traduce in una presa di coscienza collettiva da parte della nostra Nazione. È la brace che cova sotto la cenere, è il ricordo della libertà perduta.

  • – Cos’hanno in comune i sardi di oggi con i sardi che combatterono contro punici e romani?

Hanno in comune lo stesso sogno, la stessa speranza, la stessa meta di giustizia storica. Fortunatamente oggi il confronto si svolge sul campo meno cruento della democrazia, del consenso. Ma il numero di coloro che attualmente credono ad una Sardegna sovrana è continuamente eroso dalle fallaci promesse di una migliorativa unione con l’Italia, patrocinata da politicanti italianisti che mentono sapendo di mentire. Così, per un posto fisso, per incarichi e prebende, i capibastone politici, dai paesi alle città, tendono a mantenere lo status quo, presentandolo come l’unica condizione possibile. Credo sia compito dell’intellettualità sarda denunciare questo malgoverno, che, da 155 anni, mantiene la Sardegna nella miseria morale e materiale.

http://www.arkadiaeditore.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2506:in-arrivo-a-fine-febbraio-le-pietre-di-leari&catid=26:eclypse&Itemid=32