Solinas: «Basta con l’occupazione militare. Saremo a Capo Frasca». Ma è una trollata di Caminera Noa

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Caminera Noa che accompagna il video-fake del governatore della Sardegna Christian Solinas:

Lo scorso 7 settembre, una delegazione di attivisti di Caminera Noa e di A Foras hanno compiuto una azione dimostrativa sotto la sede del PSd’Az a Cagliari per aiutare i sardisti (e il loro capo politico attualmente alla guida della Regione Autonoma) a ricordare la loro linea politica contro l’occupazione militare della Sardegna.

Infatti, in vista della grande manifestazione contro l’occupazione militare chiamata da diverse realtà indipendentiste per il 13 settembre 2014 la Direzione Nazionale del Partito Sardo D’Azione scriveva in un documento ufficiale ancora scaricabile dal sito ufficiale del partito sardo quanto segue:

La Direzione nazionale del Partito dei Quattromori, riunitasi recentemente ad Oristano sotto la presidenza di Giacomo Sanna, ha voluto sul punto rimarcare che la storica battaglia sardista è contro tutte le servitù militari e non ammette perciò alcuna differenziazione di paesi partecipanti e di tipologia di occupazione militare della Sardegna.

Per il Psd’az infatti, il sistema coloniale delle servitù militari sarde deve essere interamente smantellato senza alcun distinguo, ed a prescindere da inconsistenti e strumentali differenziazioni.

La Direzione sardista ha inoltre rilevato che il Psd’az è stato suo malgrado da oltre mezzo secolo il solitario e pressoché esclusivo protagonista di questa storica battaglia, ma sempre nella totale consapevolezza che solo attraverso la massima coesione e la profonda presa di coscienza di tutto il Popolo sardo ci sarebbe potuta essere la possibilità di vittoria.

Nel rilevare inoltre come ancora oggi importanti porzioni di territorio e di popolazione siano ostaggio dei ricatti della presenza militare, da cui dipendono in maniera significativa perfino le sorti economiche di intere comunità, il Ps’daz auspica che una numerosa partecipazione popolare alla manifestazione del 13 settembre, aiuti la stessa Giunta regionale sarda assieme ai partiti che la sostengono, a trovare finalmente la forza di superare il comprensibile imbarazzo che finora l’ha contraddistinta, tenendola inchiodata a ripetere le solite ed inconcludenti dichiarazioni di rito.(link)

 

Le sollecitazioni di Caminera Noe e A Foras al Partito Sardo d’Azione hanno dato i loro frutti. Nel video che inoltriamo in allegato le dichiarazioni del segretario del Psdaz nonché governatore della Regione Autonoma della Sardegna Christian Solinas che, senza indugi, conferma la linea del 2014 del suo partito e invita il popolo sardo alla mobilitazione generale nazionale e alla ribellione all’occupazione militare dell’isola.

Oggi abbiamo la certezza di poter dichiarare che il glorioso PSDAZ  non ha cambiato idea e che parteciperà alla grande mobilitazione popolare del 12 ottobre a capo Frasca rappresentando l’interesse generale del popolo sardo, il suo bisogno di pace e sicurezza e la sua voglia di emanciparsi dalle servitù coloniali dello stato italiano.

Il video completo si può visionare sulla pagina fb di Caminera Noa

Cristian Solinas è contro l’occupazione militare della Sardegna?

Oggi, 7 settembre, una delegazione di attivisti di Caminera Noa e di A Foras hanno compiuto una azione dimostrativa sotto la sede del PSd’Az a Cagliari per aiutare i sardisti (e il loro capo politico attualmente alla guida della Regione Autonoma) a ricordare la loro linea politica contro l’occupazione militare della Sardegna.

In vista della grande manifestazione contro l’occupazione militare chiamata da diverse realtà indipendentiste per il 13 settembre 2014 la Direzione Nazionale del Partito Sardo D’Azione scriveva in un documento officiale ancora scaricabile dal sito ufficiale del partito sardo:
“La Direzione nazionale del Partito dei Quattromori, riunitasi recentemente ad Oristano sotto la presidenza di Giacomo Sanna, ha voluto sul punto rimarcare che la storica battaglia sardista è contro tutte le servitù militari e non ammette perciò alcuna differenziazione di paesi partecipanti e di tipologia di occupazione militare della Sardegna. Per il Psd’az infatti, il sistema coloniale delle servitù militari sarde deve essere interamente smantellato senza alcun distinguo, ed a prescindere da inconsistenti e strumentali differenziazioni. La Direzione sardista ha inoltre rilevato che il Psd’az è stato suo malgrado da oltre mezzo secolo il solitario e pressoché esclusivo protagonista di questa storica battaglia, ma sempre nella totale consapevolezza che solo attraverso la massima coesione e la profonda presa di coscienza di tutto il Popolo sardo ci sarebbe potuta essere la possibilità di vittoria. Nel rilevare inoltre come ancora oggi importanti porzioni di territorio e di popolazione siano ostaggio dei ricatti della presenza militare, da cui dipendono in maniera significativa perfino le sorti economiche di intere comunità, il Ps’daz auspica che una numerosa partecipazione popolare alla manifestazione del 13 settembre, aiuti la stessa Giunta regionale sarda assieme ai partiti che la sostengono, a trovare finalmente la forza di superare il comprensibile imbarazzo che finora l’ha contraddistinta, tenendola inchiodata a ripetere le solite ed inconcludenti dichiarazioni di rito.”

Caminera Noa sottoscrive parola per parola tali dichiarazioni che siamo sicuri sia ancora patrimonio indiscusso del Partito Sardo e quindi anche del suo segretario Cristian Solinas che oggi è governatore della Regione Autonoma della Sardegna.
Pertanto ci aspettiamo una massiccia campagna di adesione alla prossima manifestazione popolare del prossimo 12 ottobre e un urgente disconoscimento dell’accordo Stato-Regione preso dal presidente Pigliaru che di fatto ha ratificato l’occupazione militare della Sardegna.
Per questo motivo oggi un gruppo di attivisti di Caminera Noa ha presidiato la sede cagliaritana del Partito Sardo di Viale Regina Margherita, 6 Cagliari srotolando uno striscione con su scritto:

E Tanto Solinas a bi ses in Cabu Frasca contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna?

La repressione può colpire tutti

Il profilo della portavoce di Caminera Noa Luana Farina modificato con il motivo di solidarietà per i pastori sardi e per chi viene accusato di solidarietà con la loro lotta e denunciato per blocco stradale secondo le nuove disposizioni repressive del decreto Salvini

Può accadere che uno stia tornando a casa dopo una giornata di lavoro o di studio, si imbatta casualmente in un blocco di protesta organizzato da alcuni lavoratori in lotta e si unisca mezz’ora per chiedere informazioni o semplicemente per dare solidarietà. Questo può costare una denuncia per blocco stradale che, secondo il decreto sicurezza di Salvini, può costare da 1 a 6 anni di reclusione. Alla faccia della democrazia, del diritto al dissenso e dello stato di diritto.

Questo è quanto accaduto a diversi pastori sardi sotto indagine a causa dei blocchi effettuati lo scorso febbraio e marzo per un giusto prezzo del latte. Un procedimento penale è stato avviato in questi giorni a carico di un nostro compagno – denuncia il collettivo oristanese Furia Rossa –  per aver partecipato a una manifestazione dei pastori svoltasi l’11 Febbraio 2019 sulla 131 all’altezza di Uras.
I reati contestati sono quelli di manifestazione non preavvisata, partecipazione a pubblica manifestazione con il volto travisato e blocco stradale. Queste ultime due fattispecie in particolare sono state recentemente interessate dai decreti sicurezza di Salvini, che ha reso nuovamente penale il reato di blocco stradale e ha fortemente aumentato sia le sanzioni economiche che quelle detentive per i reati in questione, nell’ottica di contrastare e punire chi manifesta per i diritti sociali.
Le accuse sono assolutamente pretestuose, infatti il nostro compagno – che tra l’altro si è imbattuto casualmente nella manifestazione mentre percorreva la 131 – non può in alcun modo essere considerato tra i promotori nemmeno secondari della manifestazione, tantomeno può essere considerata vera l’accusa di aver avuto il volto travisato, cosa che peraltro non avrebbe avuto alcun senso, in una situazione di piazza in cui vi era spesso vicinanza fisica e dialogo tra pastori e fdo. Ci chiediamo infine se la mera presenza in una manifestazione in cui si blocca una strada costituisca di conseguenza reato di blocco stradale.

Respingiamo al mittente queste provocazioni e cogliamo l’occasione per rinnovare in maniera ancora più forte tutta la nostra vicinanza ai pastori e ai solidali colpiti dalla repressione, che a quanto pare è l’unica risposta insieme alla propaganda che questo governo riesce a dare ai bisogni sociali delle lavoratrici e dei lavoratori sardi.

Pochi minuti fa Luana Farina, la portavoce di Caminera Noa, ha lanciato una campagna social invitando di aggiungere al proprio avatar il motivo “La repressione può colpire tutti. #Iostoconipastorisardi”.

Ecco il testo pubblicato sulla sua pagina fb e poi ripreso dai social del movimento sardo con le indicazioni per applicare il motivo sul proprio avatar.

La solidarietà è un reato?
Piovono denunce sui pastori e non solo sui pastori, per la più grande lotta sociale sarda degli ultimi anni. Si riceve un avviso di garanzia, una multa o una misura restrittiva anche solo per essersi fermati mezz’ora a dare solidarietà ad uno dei tanti blocchi organizzati dai pastori per ottenere un giusto prezzo del latte. Proprio questo è avvenuto ad un giovane attivista di Oristano pochi giorni fa.

Reagire ad una lotta sociale seminando repressione qualifica la Repubblica Italiana per essere fondata non sul diritto al lavoro, di chi giustamente lo rivendica, ma sul “reato di solidarietà” di chi la manifesta.

Chiediamo a tutti voi di ribadire “Io sto con i pastori” inserendo il motivo che abbiamo preparato nel vostro avatar (foto del profilo).

Noi stiamo con i pastori e con tutti quelli che vogliono una Sardegna libera, anche di produrre ciò che è nella sua vocazione, senza ricatti, pressioni e repressioni.

La nostra portavoce Luana Farina ha aggiunto un motivo alla sua immagine del profilo. E’ un piccolo gesto che non consta nulla, vi chiediamo di fare altrettanto perché la solidarietà e l’unità sono un valore!

Dovete andare a “modifica foto del profilo” e cliccare aggiungi motivo.

#camineranoa
#LaRepressionePuòColpireTutti
#Iostocoipastorisardi

La portavoce di CN: “ampliamo ulteriormente il dialogo con altri soggetti politici”

La nuova portavoce di CN, Luana Farina

Intervista alla neo eletta portavoce di Caminera Noa, Luana Farina, riguardo le prospettive del soggetto- progetto politico delineatesi durante l’ultima assemblea plenaria, che si è svolta a Montes (Orgosolo) il 21 luglio 2019.

  1.  Avete convocato la vostra ultima assemblea plenaria nel cantiere Forestas di Montes, a Orgosolo alla fine del campo sociale di lingua sarda organizzato da Lìngua Bia. Perché questa scelta logistica?

Caminera Noa a 50 anni dalla Rivolta di Pratobello, ha pensato che Orgosolo e la Forestas di Montes, che fu anch’essa teatro di quella vittoriosa rivolta, fosse il luogo ideale per ricordare quest’evento memorabile della Storia della Sardegna, quella che non è scritta e non si può leggere nei libri di Storia. Montes ospita una lecceta plurisecolare, unica nel bacino del Mediterraneo per estensione e caratteristiche, e si estende per 4500 ettari su rilievi attorno ai mille metri, una delle poche foreste che è stata risparmiata dal disboscamento selvaggio perpetrato dai Savoia, a danno sei sardi, per fornire traversine usate per costruire il sistema ferroviario italiano. Questo aggiunge un valore politico alla scelta della sede dove si è svolta l’Assemblea Plenaria di Caminera Noa, che ha aderito alla tre giorni del campus estivo organizzato da Lìngua Bia, insieme a sas Tzarradas di Sassari, danno la possibilità e il piacere di parlare il sardo, in tutte le sue varianti e di conoscere meglio la lingua e la cultura sarda.

  1. Come funzionano le plenarie di Caminera Noa?

Le plenarie di CN, da sempre sono aperte a tutti quei soggetti singoli o organizzati che ne condividono i valori fondanti su cui di basano le azioni di CN:

  • Riconoscimento della Natzione Sarda
  • Diritto all’Autodeterminazione del popolo sardo
  • Sostenibilità ambientale
  • Superamento del sistema economico e sociale neoliberista
  • L’antifascismo e l’antirazzismo
  • Essere contro le discriminazioni di genere
  • Diritti civili, politici e sociali per tutti, compresi i migranti
  • Creazione di un modello politico democratico, inclusivo e partecipato
Una foto dell’ultima assemblea plenaria di CN

Tutti i partecipanti hanno diritto di parola, di proporre e, quando è necessario, di votare.
Si procede secondo i punti all’Ordine del Giorno, concordato in precedenza tramite mailing list. In genere si articola in due momenti fondamentali:

il primo, in cui si portano proposte di iniziative o lotte da intraprendere, criticità riscontrate in quelle già attivate, in questo caso se ci sono mozioni o proposte diverse, si decide tramite voto;

il secondo, quello in cui si lavora praticamente all’organizzazione di nuove iniziative e/o si riferisce per “tavoli di lavoro tematici” già avviati

  1. Avete annunciato con un comunicato laconico che verificherete la fattibilità di costruire un processo costituente di un soggetto federale. Sta per nascere un nuovo partito sardo?

La risposta è decisamente no.

Dopo oltre due anni di intensa attività che ha visto CN promotrice e/o sostenitrice di lotte su tutto il territorio sardo, sia con i soggetti che ne fanno parte, sia con “compagni di cammino” occasionali, con cui condividiamo lotte comuni e modalità di azione, è nata l’esigenza di ampliare ulteriormente il dialogo con tante forze resistenti presenti in Sardegna e per questo si è deciso in Plenaria di aprire una fase costituente di un soggetto politico confederale nuovo. Ci siamo dati sei mesi di tempo per vedere se ci sono i presupposti per realizzare questa costituente. Per adesso l’idea di un nuovo partito non ci sembra praticabile, mentre è più importante lavorare per “creare coscienza popolare” che ci veda uniti, pur mantenendo ognuno la propria individualità, confederati per il raggiungimento di obiettivi comuni.

  1. Quali sono le principali attività che curerete nel prossimo futuro?

Intanto come detto in precedenza allacciare contatti costruttivi con realtà territoriali esistenti, piccole o grandi, che agiscono però in “solitudine”.

Pensando poi alla situazione tragica che vive la nostra terra l’imbarazzo della scelta delle attività da curare sono purtroppo davvero infinite. Sicuramente continueremo a portare avanti le lotte già intraprese in questi due anni lavoro, cittadinanza sarda, sanità, comunicazione, lingua e istruzione, ambiente, lavoro attraverso la campagna mutualistica “Telefono Ruju” e il laboratorio linguistico Sas Tzarradas; perché le problematiche che abbiamo sollevato, non si esauriscono e risolvono se non si riesce a coinvolgere tutta la popolazione sarda, che le vive sulla sua pelle, ma forse non ha più forze ed entusiasmo per lottare, e quindi continueremo a dare “corpo” a ciò che si è già fatto.

A ciò si aggiungeranno altri momenti di attività, che preferiamo chiamare lotte, che riguardano la riforma dello statuto, lo spopolamento, il regionalismo differenziato a cui è strettamente legato il federalismo fiscale, i trasporti, altro annoso problema della Sardegna, la condizione femminile sarda e il patriarcato, la repressione esercitata ogni volta che si chiede un diritto. Insomma le idee non ci mancano, né la voglia di “fare”, perché delle parole, soprattutto quelle dette in campagna elettorale, il popolo sardo è stanco. Per noi, che non crediamo di avere il “verbo”, né pratichiamo le decisioni imposte “dall’alto”, è fondamentale coinvolgere chi si sente demotivato, isolato, emarginato, i “senza voce”, quelli che realmente sanno cosa è utile e giusto fare.

A Orgosolo tre giorni di lingua sarda e politica democratica

La splendida cornice di Montes, nel cantiere di Forestas di Orgosolo, sede del campo sociale di lingua sarda organizzato da Lìngua Bia e della Plenaria di Caminera Noa

Il campus estivo di Lìngua Bia del 2019, dopo l’esaltante esperienza di Montarbu, si sposta a Montes, nel cantiere di Forestas di Orgosolo.
Ospiti di uno scenario fantastico, dal 19 al 21 luglio, Lìngua Bia, insieme a sa Tzarrada di Sassari, danno la possibilità a chi ha piacere di parlare in sardo e di conoscere meglio la lingua e la cultura sarda.
La foresta di Montes, il cui accesso dista pochi chilometri da Orgosolo, ospita una lecceta plurisecolare, unica nel bacino del Mediterraneo per estensione e caratteristiche, e si estende per 4500 ettari su rilievi attorno ai mille metri. La foresta è oasi di protezione faunistica: il muflone, schivo ed elegante, è il simbolo di Montes, il cinghiale è la specie più popolosa. Nel selvaggio habitat ci sono anche gatto selvatico, ghiro e martora. Ai limiti del bosco vivono lepre, pernice e volpe. L’aquila reale domina le cime. Potrai ammirarla in volo, insieme ad astore, corvo imperiale, falco pellegrino, gheppio e sparviere.
Molte sorgenti caratterizzano l’ambiente, e dal nuraghe Mereu è possibile un eccezionale panorama sulle pareti del canyon di Gorroppu.
Durante le giornate saranno organizzate attività ed escursioni. Ci sarà anche la possibilità di svolgere una prima lezione di introduzione alle launeddas e saranno organizzate escursioni, cene sociali, giochi per bambini e una passeggiata a Pratobello con guida in lingua sarda sulla rivolta popolare del 1969 che sventò la costruzione di un poligono militare.

Maggiori informazioni possono essere richieste alla mail infolinguabia@gmail.com o al cellulare 3294360961 o sulla pagina fb. Il pernottamento è previsto in foresteria.

Il campo sociale di lingua si conclude il 21 luglio, con l’assemblea plenaria di Caminera Noa.

Il soggetto-progetto politico sardo si da appuntamento ad Orgosolo a due anni dall’inizio dei lavori per discutere sia le prossime mosse, sia la maniera migliore di organizzare la sua vita democratica per favorire la partecipazione e rendere sempre più efficaci le sue attività.

Ecco l’ordine del giorno della Plenaria:

(1) Quale organizzazione per Caminera Noa? Ruoli, funzioni, metodi, responsabilità

(2) Proposte operative: iniziative politiche e campagne. Punto della situazione delle campagna già iniziate

(3) Varie ed eventuali

I lavori della Plenaria inizieranno a partire dalle 10, alle 13:30 si interromperanno per la pausa pranzo (a base di malloreddus, possibile anche menù vegetariano – per prenotazione inviare msg o whatsapp a 3382154200)  e riprenderanno alle 15 : 30.

Come sempre le regole della plenaria di Caminera Noa sono semplici: tutti possono partecipare, chi partecipa decide.

La foresta di Montes è facilmente raggiungibile da Orgosolo percorrendo la strada provinciale 48. Dopo un percorso di circa 15 km. Si arriva alla sede dell’Agenzia Forestas, in località Lodei Malu (Funtana Bona) Coordinate GPS (nota: dato approx. per località Montes): N 40° 07′ 19″ E 09° 23′ 47″ (coordinate geografiche DMS, sistema di riferimento WGS84) (da http://www.sardegnaforeste.it/foresta/montes)

Da ora stagionali e tirocinanti hanno un’arma

Stamattina è stato presentato il vademecum di difesa legale per lavoratori stagionali, precari e tirocinanti all’interno della campagna di Caminera Noa e USB “Telèfonu Ruju”.

L’inizio dell’estate è sempre un momento particolarmente delicato per diverse tipologie di lavoratori. Precari, stagionali, tirocinanti spesso cadono nella rete dello sfruttamento e vivono situazioni di illegalità, di ipersfruttamento e perfino di lavoro nero.

Caminera Noa e Unione Sindacale di Base (USB) rilanciano lo sportello mutualistico Telèfonu Ruju fornendo a tutti i lavoratori che ne avessero bisogno un vademecum legale
Hanno interloquito con la stampa Enrico Rubiu, Salvatore Drago (USB) e Michele Zuddas (responsabile legale della campagna).

I tre responsabili di Telèfonu Ruja, oltre a presentare il vademecum (che alleghiamo) hanno anche denunciato le reiterate situazioni di lavoro sfruttato che emergono soprattutto in questo periodo dell’anno. A testimonianza di ciò rimandiamo ad alcuni annunci e a diverse segnalazioni degli utenti di Telèfonu Ruju che sono rintracciabili sulla pagina fb

Di seguito pubblichiamo il testo del vademecum legale, presto disponibile in formato scaricabile sulle pagine di Caminera Noa e di Telèfonu Ruju:

VADEMECUM DI DIFESA LEGALE

La stagione estiva è arrivata e, qualunque sia il tuo lavoro, vogliamo darti qualche consiglio.

I datori di lavoro le tenteranno tutte per ottenere da noi più lavoro pagandoci il meno possibile: ci proporranno di lavorare in nero, di fare un tirocinio, o più spesso contratti part-time per coprire lavori a tempo pieno.

Purtroppo i rapporti di forza squilibrati spesso non ci consentono sul momento di opporci e siamo costretti ad accettare queste situazioni di ricatto occupazionale perché anche noi dobbiamo mangiare.

Devi sapere che la situazione lavorativa può essere regolarizzata anche al termine del rapporto di lavoro e che puoi ottenere quanto ti sarebbe spettato se il rapporto di lavoro si fosse costituito regolarmente sin dall’inizio, compresi i contributi previdenziali e i premi assicurativi ed eventuali maggiorazioni della retribuzione dovute a lavoro straordinario, notturno, festivo, domenicale.

  • Le domande personali (stato civile, figli, religione, orientamento sessuale o politico, stato di salute) non dovrebbero far parte di un colloquio di lavoro, non sei obbligata/o a rispondere;
  • Informati sull’azienda o ditta, numero dipendenti e se puoi sulla situazione economica, a volte basta una semplice ricerca su Google. Valuta il modo di porsi del tuo interlocutore, se risponde in maniera precisa alle tue domande;

  

  • Fatti consegnare sempre copia del contratto individuale cartaceo datato e sottoscritto dal datore di lavoro;
  • Ricordati che la paga non è decisa dal datore di lavoro, ma è definita dai contratti collettivi di settore e tale deve essere, così come il livello di inquadramento deve corrispondere alle mansioni che effettivamente svolgi (e in base alle quali varia la paga);
  • Verifica che il tuo contratto sia stato regolarmente registrato: puoi farlo attraverso il sito dell’INPS.
  • Segna sempre in un quaderno i giorni e le ore di lavoro e gli straordinari; conserva sempre eventuali fogli dei turni di lavoro e fogli di comunicazione dell’azienda (è una prova del tuo rapporto); salva sempre e archivia sms, messaggi WhatsApp e mail del datore di lavoro dove ti indica i turni di lavoro o ti dà comunicazioni di qualsiasi tipo; fa’ attenzione: i datori di lavoro più accorti potrebbero darti le informazioni solo oralmente o tramite chiamate, quindi prendi in considerazione di registrare le conversazioni.Sono tutte prove che potrai utilizzare per far valere i tuoi crediti e i tuoi diritti!
  • Le ferie, turni e malattia sono regolate dal contratto nazionale a cui fa riferimento il contratto che hai sottoscritto;
  • Non puoi ricevere il pagamento dello stipendio in contanti salvo per colf o badanti e comunque per importi non superiori a 1000,00 €
  • Non firmare nessuna scrittura privata relativa a rinunce ai tuoi diritti senza essere assistito

Se altri colleghi vogliono far sentire la propria voce, attivatevi assieme: più siamo e più saremo forti!

Se vuoi informazioni e consigli sul tuo rapporto di lavoro o se vuoi attivare una vertenza per ottenere i diritti che ti spettano e il salario che ti è stato rubato, contattaci.

Tutto quello che c’è da sapere per l’assemblea plenaria di Caminera Noa

Domenica 31 marzo (dopodomani) si svolgerà l’assemblea plenaria di Caminera Noa. Il soggetto progetto politico sardo ha riassunto in un breve testo una serie di FAQ  (Frequently Asked Questions) per facilitare la discussione e la gestione democratica ed orizzontale dei lavori.

Riceviamo e volentieri riproduciamo il documento

Quando e dove?

Il 31 marzo nei locali della biblioteca di Bauladu in piazza Emilio Lussu a partire dalle 10 si svolgerà l’assemblea plenaria di Caminera Noa.

Che cos’è e come funziona il progetto Caminera Noa?

Si tratta di un insieme di realtà e di singole persone che da circa due anni stanno praticando un percorso condiviso basato su cinque punti fondamentali:

– Autodeterminazione della nazione sarda
– Antifascismo, antirazzismo
– Necessità di superare il sistema economico e sociale neoliberista
– Sostenibilità ambientale
– Necessità di un modello di democrazia inclusiva e partecipata

Che avete fatto?

Le nostre principali battaglie sono state finora:

– Organizzazione di scioperi per l’introduzione della lingua sarda a scuola (con i sindacati Cobas e USB)
– Battaglia per la sanità pubblica e organizzazione di due manifestazioni davanti al Mater Olbia per chiedere la cessazione del finanziamento pubblico alla sanità privata e una manifestazione popolare a La Maddalena in difesa dell’ospedale paolo Merlo
– Apertura dello sportello telefonico e social e di sportelli fisici (Sassari, Oristano, Terralba, Cagliari, Olbia) “Telefonu Ruju” di sostegno ai lavoratori precari, stagionali, mal pagati, ai finti tirocinanti e questionario lanciato in occasione dello sciopero femminista dell’8 marzo sul lavoro femminile in Sardegna
– Laboratori linguistici tematici per utilizzare e diffondere la lingua sarda
– Proposta di moratoria energetica per un modello energetico utile ai sardi e non agli speculatori

Che si fa a Bauladu?

Il programma è il seguente:

ore 10.30 – 13 ❙ Discussione su fase politica in Sardegna
ore 13 – 15 ❙ Pausa pranzo
ore 15 – 19 ❙ Nuovi strumenti per: democrazia, partecipazione, pratica; amministrative in Sardegna

Perché?

Siamo nel secondo anno di attività di Caminera Noa e con le tante iniziative e battaglie cui abbiamo dato vita, abbiamo dimostrato che è possibile (ri)connetterci tra di noi – tra le varie anime anticapitaliste, anticolonialiste, antirazziste, ecologiste, presenti in Sardegna – e l’unico modo per farlo è partire dalle lotte reali, mettendole in piedi o stando dentro ai conflitti già esistenti, sporcandoci le mani, con rispetto reciproco.
Possiamo immaginare una fase avanzata? Una fase che permetta una migliore saldatura di tutti i conflitti presenti in Sardegna per cercare insieme soluzioni condivise di lungo termine?

Il 31 marzo discuteremo di questo.

Chi può partecipare, intervenire, decidere?

Chiunque può partecipare, intervenire, avanzare proposte e votare.
Caminera Noa rispetta la parità di genere in tutti i suoi organismi (coordinamento, portavoce, tavoli di presidenza) e collabora con tutte quelle realtà che condividono i punti fondamentali.

«Per unire le lotte organizziamoci». Caminera Noa si riunisce a Bauladu

Nelle immagini alcuni particolari delle mobilitazioni di Caminera Noa
Dopo aver lanciato le battaglie contro il finanziamento pubblico alla sanità privata con le due manifestazioni davanti al Mater Olbia, la campagna per cambiare le regole dei tirocini, la campagna di mutualismo Telèfonu Ruju e l’inchiesta sul lavoro femminile in Sardegna con la diffusione del questionario lanciato in occasione dello sciopero femminista globale dell’8 marzo (vai alla compilazione), la proposta sulla cittadinanza onoraria sarda per iniziare a costruire una nuova e più inclusiva concezione di cittadinanza, il soggetto-progetto politico Caminera Noa si riunisce per fare il punto delle lotte in corso, per avviarne delle nuove e per parlare di come organizzarsi per essere più incisivi ed efficaci.
Ecco il testo inviato alla mailing list a tutti gli attivisti :
Siamo nel secondo anno di attività di Caminera Noa e con le tante iniziative e battaglie cui abbiamo dato vita, abbiamo dimostrato che è possibile (ri)connetterci tra di noi – tra le varie anime anticapitaliste, anticolonialiste, antirazziste, ecologiste, presenti in Sardegna – e l’unico modo per farlo è partire dalle lotte reali, mettendole in piedi o stando dentro ai conflitti già esistenti, sporcandoci le mani, con rispetto reciproco. 
Possiamo immaginare una fase avanzata? Una fase che permetta una migliore saldatura di tutti i conflitti presenti in Sardegna?  
Caminera Noa non è una organizzazione nel senso classico del termine, perché chiunque può partecipare alle sue assemblee plenarie, intervenire, avanzare proposte e votare.
Quindi la metodologia utilizzata è quella della democrazia diretta senza mediazioni, poi tutte le decisioni prese in assemblea plenaria vengono demandate ad un coordinamento organizzativo e ai due portavoce (un uomo e una donna, in Caminera Noa vige la parità di genere) che rappresentano, insieme ai responsabili dei tavoli di lavoro, le lotte e i progetti di Caminera Noa.
La scommessa di questo esperimento politico consiste nell’idea di unire tutte quelle persone che si riconoscono in alcuni principi fondamentali (Autodeterminazione della nazione sarda, antifascismo, antirazzismo, necessità di superare il sistema economico neoliberista, sostenibilità ambientale) utilizzando gli strumenti della partecipazione democratica evitando leaderismi e burocratismi che da sempre affliggono il mondo delle lotte sociali e delle istanze indipendentiste. 
Ecco il programma della giornata

ore 10.30 – 13 ❙ Discussione su fase politica in Sardegna
ore 13 – 15 ❙ Pausa pranzo
ore 15 – 19 ❙ Nuovi strumenti per: democrazia, partecipazione, pratica

Il pranzo sarà un buffet autogestito e tutte le stoviglie utilizzate saranno in materiale riciclabile.

#camineranoa #31M #Bauladu

Qui l’evento fb  

Di seguito la locandina dell’evento.
L’appuntamento è fissato per domenica 31 marzo alle ore 10:00 nella biblioteca comunale di Bauladu in piazza Emilio Lussu

Camiera Noa: «Galu un’annu de lutas»

Articolo pubblicato sul blog Zinzula

Galu un’annu de lutas” è la prima Assemblea Plenaria del 2019 per il soggetto-progetto Caminera Noa: lavori assembleari in programma per sabato 5 Gennaio, ospitati dalla Casa del Popolo di Bosa (Via Cugia 14) a partire dalle 10:30. Nel corso della giornata si discuterà riguardo le lotte portate avanti su più fronti da Caminera Noa nel corso di un intenso 2018: dalla Sanità pubblica – che ha visto CN prendere una netta posizione nei confronti dell’operazione Qatar-Mater Olbia – a precariato e sfruttamento del lavoro (iniziativa Telèfonu Ruju). Dal tardo pomeriggio spazio al secondo appuntamento per la rassegna “Gramsci Days” dopo il primo incontro di dicembre interamente dedicato a Gramsci con numerosi relatori e la presentazione del libro “Fiabe dei fratelli Grimm” (Catartica Edizioni).

L’ODG dell’Assemblea di Caminera Noa:

– Organizzazione
– Posizione sulle imminenti elezioni regionali
– Programmazione lotte e proposte 
– Sinergie con altri soggetti resistenti
– Varie ed eventuali

Programma lavori assembleari

Ore 10:30-18:30 – Assemblea plenaria

Ore 14:00-15:00 – Pausa pranzo

Gramsci Days

Ore 18:30 – Luana Farina legge la poesia “Non è la nostra aria…” di Alberto Masala

Ore 19:00 – Proiezione “Gramsci 44”, film documentario (2016) di Emiliano Barbucci

*L’assemblea è aperta a tutti e tutte con pieno diritto di parola, proposta e voto

*Per prenotazioni pranzo (anche vegan) contattare la pagina fb della Casa del Popolo di Bosa

La Maddalena in piazza per difendere la sanità pubblica

Dopo aver scoperchiato il vaso di pandora del Mater Olbia con la mobilitazione dello scorso giugno, il nuovo soggetto-progetto politico Caminera Noa ritorna in piazza – questa volta affiancato dal Comitato Cittadino in difesa del Paolo Merlo di La Maddalena – per rilanciare la lotta generale in nome della sanità pubblica, contro ogni strategia di privatizzazione e per denunciare gli accordi militari tra Difesa italiana e la petro-monarchia del Qatar previsti proprio a La Maddalena. Caminera Noa lo scorso giugno attirò su di sé una serie di attacchi a mezzo stampa da parte di diverse forze politiche, dal PD al Forza Italia al Psdaz alla segreteria provinciale della CGIL ma tenne botta e scomodò perfino l’assessore Arru in una polemica pubblica.

Oggi la lotta viene rilanciata ripartendo da uno dei territori più sacrificati dalla demolizione della sanità pubblica e assume i contorni di una mobilitazione ben più ampia della base di attivisti del soggetto politico, vista la partecipazione nell’organizzazione del Comitato cittadino e l’adesione di molti cittadini di La Maddalena impegnati nell’associazionismo e persino del sindaco Luca Carlo Montella che dalla sua pagina fb annuncia la sua presenza: “Non c’è manifestazione pacifica in difesa del nostro Ospedale alla quale saremo assenti. Il 22 settembre alle 11 al Paolo Merlo NOI CI SAREMO!”. Le adesioni social sono davvero tante e gli attivisti del comitato hanno diffuso sia in rete, sia materialmente, il volantino congiunto con Caminera Noa rendendo nota anche la collaborazione della tipografia Rossi che si è resa così disponibile a sostenere questa battaglia in difesa della comunità.

Inoltre da una recente nota diramata dal Comitato cittadino si apprende che parteciperà all’evento anche l’ex consigliera regionale Claudia Zuncheddu il cui impegno in difesa della sanità pubblica è notorio e riconosciuto da tutti:

La Manifestazione a cui parteciperanno tutti i comitati aderenti alla Rete Sarda per la Sanità, con i loro portavoce, tra cui Claudia Zuncheddu, da sempre in prima linea contro lo sfascio causato da questa riforma intende unire non solo simbolicamente la nostra Sardegna, da Nord a Sud, nello spirito che dovrebbe contraddistinguere il nostro popolo, e cioè l’unione e la partecipazione democratica alla vita sociale e collettiva.

La mobilitazione incassa anche il sostegno della tavola sarda contro l’occupazione militare A Foras che, dal campeggio di Tertenia, lancia una convinta adesione alla mobilitazione:

A FORAS IN DIFESA DELLA SANITA’ PUBBLICA

Adesione alla manifestazione in difesa del Paolo Merlo 
Sabato 22 settembre 2018 ore 11 La Maddalena

A Foras – Contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna è un’assemblea aperta e inclusiva che lotta per il blocco delle esercitazioni, la completa dismissione dei poligoni, il risarcimento delle popolazioni da parte di chi ha inquinato e la bonifica dei territori compromessi.

A Foras coerentemente con i principi su cui basa le sue lotte legate anche alla tutela della salute pubblica e dei territori in cui la stessa viene minata direttamente o indirettamente con politiche scellerate di impoverimento delle strutture sanitarie – proprio nei territori dove sono più evidenti anche i danni fisici sulle popolazioni che hanno ospitato e/o ospitano ancora dal 1956 strutture militari italiane e Nato, in cui si svolgono esercitazioni e formazione di militari finalizzate alla Guerra e all’occupazione militare – aderisce alla manifestazione del 22 Settembre a La Maddalena chiamata da Caminera Noa e il Comitato Cittadino in difesa dell’Ospedale “Paolo Merlo”.

Scendiamo in strada dunque in difesa delle strutture della Sanità Pubblica di tutta la Sardegna, chiuse o impoverite non solo nei finanziamenti, ma anche nei servizi ai cittadini, da una riforma sanitaria regionale volute dalla Giunta Regionale, che non solo a tale proposito ha fatto “tagli”enormi: investe nella sanità privata come il Mater Olbia del Qatar e sigla l’accordo tra Qatar, Ministero della Difesa e Regione Sardegna – che prevede che soldati del Qatar si formeranno e si eserciteranno nella scuola sottufficiali «Domenico Bastianini» di La Maddalena da gennaio 2019.
Non solo, è di questi giorni la notizia che per la fine di settembre dovrebbero arrivare un centinaio di militari provenienti dalla Libia. Per loro è stata appositamente ristrutturata una capiente palazzina. Con lo Stato nordafricano c’è un accordo formativo-militare relativo a corsi concernenti l’attività di guardia costiera.
Per la fine dell’anno o gli inizi del 2019 dovrebbero giungere anche, sempre per frequentare i corsi di Mariscuola, militari del Kuwait.
Insomma siamo di fronte all’ennesima palesazione della continua militarizzazione dell’Isola col tacito e meschino appoggio della Regione Sardegna.

L’appuntamento è per sabato 22 settembre  alle  ore 11:00, sopra il parcheggio “Opera Pia” davanti al Paolo Melo. Non di secondaria importanza è che il volantino è interamente in maddalenino.

Di seguito il comunicato congiunto di lancio della manifestazione e il link dell’evento social che lo sponsorizza:

La sanità pubblica è un bene comune che va tutelato anche impedendo progetti di speculazione privata che la danneggino. Nonostante si faccia di tutto per evitare di associare la realizzazione del Mater Olbia al ridimensionamento della rete ospedaliera pubblica di La Maddalena, tutta la Gallura e di tutta la Sardegna, la verità è facilmente dimostrabile e tutta contenuta nelle diverse disposizioni di legge dal 2014. L’accordo imposto da Renzi a Pigliaru per agevolare “gli investimenti privati nelle strutture ospedaliere” è chiaramente riportato nella legge di stabilità 164 del 2014. Il “punto di riferimento per la Gallura”, come è definito il Mater, costerà caro all’isola: mentre la parola d’ordine per gli ospedali pubblici è “riduzione della spesa”, per il Mater, gli euro messi a bilancio ammontano a 55,6 milioni l’anno (Deliberazione di Giunta Regionale n.24/1 del 26/06/2014).
Non è un caso che in questi ultimi due anni siano nati già sedici Comitati in difesa degli ospedali e dei propri territori, molti dei quali convergono nella Rete Sarda in difesa della Sanità Pubblica.

LE NOSTRE RICHIESTE: Caminera Noa e il Comitato Cittadino in difesa del “Paolo Merlo” di La Maddalena chiedono non solo il miglioramento dei servizi ospedalieri pubblici di grandi dimensioni che invece sono impoveriti in tutta la Sardegna, ma soprattutto la tutela dei piccoli e quelli delle “zone disagiate”, che sono a rischio chiusura o che sono declassati e trasformati in pronto soccorso o strutture di lunga degenza. L’efficienza della sanità pubblica non può essere intesa come un mero taglio delle spese, bensì come una reale riorganizzazione che garantisca uguali servizi di qualità per tutti, a prescindere dalla densità abitativa delle aree di interesse.

Quello dell’Ospedale “Paolo Merlo” di La Maddalena è sicuramente uno dei casi più emblematici. Un esempio dei tanti danni subiti è quello del punto nascita: a tal proposito chiediamo che non sia chiuso solo perché non risponde a parametri, europei e italiani, stabiliti sulla base di concetti economici di austerity completamente decontestualizzati dalle realtà cui sono applicati. Chiediamo perciò che si applichi la deroga così com’è stato per altri ospedali definiti di “zone disagiate”, per esempio in Sicilia: Bronte, Licata, Nicosia, Corleone, Pantelleria e Cefalù; in Trentino: Cles e Cavalese; in Emilia Romagna:Scandiano (Re) e i due situati nel cratere sismico: Mirandola (Mo) e Cento (Fe).
Ripristino e/o potenziamento dei servizi soppressi o ridimensionati a La Maddalena:

Oncologia: aperta ufficialmente, in realtà non eroga terapie, solo il prelievo propedeutico alla terapia; 
Dialisi: chiude alle 14, dopodiché non c’è la reperibilità; 
Ginecologia: soppressa a causa della soppressione del percorso nascite previsto in riforma; 
Pediatria: aperto solo due volte la settimana; 
Iperbarica: solo ossigenoterapia, non funziona per emergenze;
Chirurgia: chiusa, neanche ambulatoriale; 
Farmacia ospedaliera:i farmaci arrivano da Olbia e, se non ci sono ambulanze disponibili, non possono essere somministrati ai pazienti;
Elisoccorso: per quanto efficiente, nel caso di doppia emergenza o in condizioni meteorologiche sfavorevoli, non potrà mai sostituire l’assistenza diretta in loco.

FERMIAMO LA COLONIZZAZIONE DA PARTE DEL QATAR

La Qatar Investment Authority, il fondo sovrano del Paese più ricco del mondo, ha acquistato nel 2012, la Smeralda Holding dal finanziere americano-libanese Tom Barrack, entrando in possesso di un patrimonio immobiliare consistente in 4 alberghi, la marina di Porto Cervo, il Pevero Golf Club e soprattutto nei 2.300 ettari di terreni vergini su cui oggi incombe la minaccia di una immensa lottizzazione. Inoltre La Maddalena, dal gennaio 2019, ospiterà, a seguito di un accordo tra Qatar, Ministero della Difesa, col beneplacito della Regione Sardegna, i soldati del Qatar che si formeranno e si eserciteranno nella scuola sottufficiali «Domenico Bastianini» di La Maddalena. In “cambio” l’emiro Al Thani ha annunciato l’acquisto di quattro corvette per la difesa aerea, prodotte da Fincantieri, perciò il Qatar è in grado, con il flusso di investimenti milionari spalmati in più settori strategici, dai trasporti alla sanità, di influenzare decisioni politiche importanti.

Ha ragione Claudia Zuncheddu a definire l’intera vicenda del Mater Olbia come una «operazione coloniale senza precedenti» avallata dalla quasi totalità delle forze politiche isolane (comprese alcune sedicenti sardiste o sovraniste). Il miraggio di investimenti qatariani nel Mater Olbia, lasciano intravvedere il preludio per l’abbattimento di vincoli e impedimenti all’aumento di cubature e alla realizzazione di nuove faraoniche costruzioni. In poche parole più cubature, cemento e deroghe in cambio di petroldollari. In questa direzione pare essere orientato il governo Pigliaru e i suoi alleati sovranisti che intendono modificare il PPR del 2006.

Caminera Noa e il Comitato Cittadino in difesa del “Paolo Merlo” di La Maddalena invitano tutti i cittadini di La Maddalena, Gallura e Sardegna e tutte le associazioni e i movimenti politici sensibili a tali tematiche, a partecipare domenica 22 settembre alle ore 11:00, nel parcheggio degli ospedalieri Piazzale Opera Pia davanti all’ospedale, alla manifestazione a sostegno del “Paolo Merlo”contro la privatizzazione della sanità sarda a sostegno della Sanità Pubblica, sempre più impoverita sia di risorse sia di servizi.
Il microfono sarà aperto a tutte le opinioni con la sola discriminante dell’educazione e del rispetto reciproco.