Furia Rossa: «Così abbiamo smentito l’Esercito»

Intervista al Collettivo Furia Rossa

 

 

Alcune delle foto fornite dal Collettivo Furia Rossa dei relitti bellici nell’area del Poligono militare italiano di Capo Frasca

 

Antonio Sergio Belfiore del Cocer ha pubblicamente sostenuto che il Poligono di Capo Frasca viene puntualmente bonificato. è così?

Evidentemente no e le foto che abbiamo diffuso nei giorni scorsi ne sono una ulteriore dimostrazione. Ormai i militari devono entrare nell’ottica che in Sardegna l’aria è cambiata, vi è un risveglio delle coscienze rispetto all’occupazione militare della nostra terra e non possono più raccontarci quello che vogliono senza il rischio di essere smentiti; non solo non siamo più disposti a berci le loro verità ufficiali ma siamo sempre più vigili e pronti a raccontare altre verità.

In tanti in questi mesi estivi con le proprie imbarcazioni si sono avvicinati al poligono e hanno potuto vedere coi propri occhi i residuati bellici delle esercitazioni militari depositati al suolo, in un contesto che se non fosse stato contaminato da decenni di giochi di guerra sarebbe un gioiello naturale; e se ad alcuni il giro in barca è andato bene ad altri è arrivata la multa della Guardia di Finanza per aver navigato nel proprio mare. Si, perché non è propriamente vero che tutta l’area a mare viene restituita ai sardi durante il fermo estivo delle esercitazioni; vi è infatti una ampia porzione di mare, la cosiddetta “area ristretta” che è permanentemente interdetta alla navigazione e alla sosta delle imbarcazioni.

E a proposito di bonifiche, poiché con esse non dobbiamo intendere solo quelle a terra ma anche quelle a mare, è bene ricordare che per stessa ammissione della Capitaneria di Porto di Oristano, nell’area denominata “area residua”, peraltro attraversabile dalle imbarcazioni, “è tuttora accertata o probabile la presenza sul fondo di mine magnetiche, siluri, proiettili od altri ordigni esplosivi, pericolosi per la navigazione”. Si vorrà procedere a bonificare anche quest’area o dovremo continuare a vivere costantemente col rischio che qualche pescatore o bagnante salti in aria?

Nei mesi scorsi il vostro collettivo si è pubblicamente con Giacomo Cao sul caso dell’acquisto della SOGEAOR da parte di una cordata di cui fa parte anche il Distretto AeroSpaziale Sardo. Siamo davanti ad una militarizzazione dell’Aeroporto di Fenosu?

Non sappiamo con certezza cosa accadrà a Fenosu, perché gli acquirenti si nascondono dietro il segreto industriale. Il fatto è che in Sardegna il DASS è riuscito a mettere su una struttura che rappresenta tutti gli elementi del complesso Industriale-Militare-Universitario sardo. Si tratta di un sistema entro il quale tutto è collegato a tutto; quando si parla di ricerca scientifica ogni piccolo progresso in un campo può rivelarsi utile in altri campi vicini, così se anche a Fenosu si sviluppassero solo tecnologie aeronautiche civili, i risultati della ricerca sarebbero utili anche ai rami di questo complesso che si occupano di aeronautica militare. Inoltre, alcune dichiarazioni di soggetti che fanno capo alla cordata che ha acquistato la SOGEAOR (la società che gestisce Fenosu), fanno intravedere un coinvolgimento del ramo aerospaziale di Airbus, che fra le altre cose si occupa proprio di aeronautica militare.

Il vostro collettivo partecipa attivamente ai lavori del Movimento AForas, l’Assemblea sarda contro l’occupazione militare, che fra pochi giorni svolgerà il suo secondo campeggio. Potete aggiornarci sullo stato dei lavori?

Si, da martedì 5 Settembre e fino al 10 Settembre si svolgerà il secondo campeggio di A Foras, quest’anno nella marina di Tertenia, comune non privo di carica simbolica, in quanto “ospitante” una parte del poligono di Quirra.

Il logo del collettivo della sinistra indipendentista oristanese

Il campeggio è una fase molto importante per il movimento perché sarà l’occasione per tirare le somme di un altro intenso anno di lotta e per costruire le basi di quello che verrà attraverso l’analisi, l’autoformazione e il confronto anche grazie alla rimodulazione dei tavoli di lavoro che quest’anno saranno cinque (vedi il programma: http://www.pesasardignablog.info/2017/08/24/tra-occupazione-e-resistenza-a-foras-camp-2017/). La straordinarietà di A Foras pensiamo stia proprio in questa sua ecletticità: quando c’è da fare analisi si fa analisi; quando c’è da fare azione diretta si fa azione diretta; quando c’è bisogno di fare un corteo comunicativo lo si fa; quando c’è bisogno di fare informazione e comunicazione si creano momenti di discussione ovunque ce ne sia bisogno; perché un metodo di azione non esclude l’altro. Una ecletticità, quella di A Foras, sicuramente sostenuta dalla diversità di forze che animano il movimento e che riescono a rispettarsi a vicenda, nel nome di una causa che è ben più importante dei singoli gruppi.

Durante il campeggio sarà sicuramente importante iniziare a costruire l’opposizione alla maxi-esercitazione “Joint Stars 2017” che si terrà dal 14 al 29 Ottobre a Teulada e che è stata definita nel sito dell’Aeronautica come “il maggiore evento addestrativo dell’anno per la Difesa”.

Ovviamente il campeggio non sarà solo impegno e passione politica ma anche momento di socialità, aggregazione e divertimento.

Ne approfittiamo qui per ringraziare tutti i compagni e le compagne che stanno dando anima e cuore nell’organizzazione dell’A Foras Camp 2017!