Il programma dell’Autodeterminatzione

Domani si svolgeranno le elezioni politiche italiane. Pesa Sardigna ha ospitato un dibattito a più voci sui vari punti di vista dell’indipendentismo progressista, democratico e anticolonialista. Si sono espressi sul nostro blog il segretario del partito indipendentista ProgReS, Gialuca Collu (link) e vari esponenti del progressismo e dell’anticolonialismo: Gianluigi Deiana (link), Cristiano Sabino (link), Luana Farina (link), Antonello Pabis (link)  e Andrìa Pili (link).

Abbiamo scelto di dare spazio a tutte le posizioni indistintamente tranne a quelle tese a giustificare l’alleanza con un partito apertamente razzista e di estrema destra peché riteniamo che ogni forma di sardismo e di indipendentismo debba avere cittadinanza nel dibattito, tranne quelle al codazzo di forze politiche colonialiste, specie se pericolose e ostili ai più elementari diritti umani come quelle appunto espresse dal partito della Lega.

Il compito di Pesa Sardigna si ferma qui e per completezza di informazione ci sembra doveroso dare spazio al programma della lista elettorale di AutodetermiNatzione la quale è l’unica lista, fra quelle che i sardi troveranno sulla scheda elettorale, che contempla la possibilità di autodeterminazione per la Sardegna. La composizione della lista è plurale e va da figure dell’autonomismo a esponenti dell’indipendentismo sardo.

Il progetto, guidato da Anthony Muroni, ha stilato in 14 punti un programma che è volto – nelle stesse intenzioni degli estensori – ad una graduale costruzione delle condizioni per l’autodeterminazione dell’isola. Fra questi: la piena applicazione dello Statuto di Autonomia, la decentralizzazione degli enti e delle strutture regionali, la riqualificazione della viabilità, la co-ufficialità del sardo, l’accoglienza come parte integrata delle politiche sociali ed il progressivo smantellamento delle servitù militari italiane.

Per questo motivo alleghiamo il programma integrale lasciando ai nostri lettori la scelta di cosa fare in cabina elettorale, sperando che il dibattito che abbiamo ospitato possa averli aiutati a formarsi una opinione ancora più consapevole.

Cliccando qui (link programma) potrete accedere direttamente al programma della lista.

Dichiarazione di voto

Sono imminenti le elezioni politiche italiane. Cosa ne pensano le forze politiche e intellettuali indipendentiste e anticolonialiste? La redazione di Pesa Sardigna ha deciso di ospitare diversi interventi sul tema. Qui proponiamo un articolo di Cristiano Sabino.
Chiunque volesse può inviare il suo contributo alla e-mail della redazione pesa.sardigna.blog@gmail.com o indirizzarlo alla nostra pagina Facebook.

di Cristiano Sabino
Cristiano Sabino

Alle elezioni italiane del 4 marzo 2018 voterò. Già questa è una dichiarazione perché in vita mia ho votato una sola volta alle elezioni per il rinnovo del parlamento italiano, quando avevo 18 anni, Rifondazione Comunista non era candidata con il centro sinistra e io ero convinto che essere comunisti significasse automaticamente lottare per la liberazione dei popoli, compreso quello sardo. Ovviamente mi sbagliavo!
Dopo non ho mai più votato alle italiane, ma solo alle sarde e ai referendum perché non c’è mai stato un partito che riconoscesse il diritto a decidere del nostro popolo, oppure si trattava di liste molto ambigue come quella di Soberanìa che non ha mai fatto chiarezza sulla questione del razzismo presentando alcuni candidati le cui posizioni erano davvero improponibili su tali questioni. Come stanno le cose a questa tornata? Ovviamente non prendo nemmeno in considerazioni i partiti-Stato e i loro alleati (PD, FI, centristi vari, LeU che è praticamente un PD 2.0, Lega, Fd’I, ecc).

I 5 Stelle. Sono senza dubbio una forza destabilizzante perché vanno ad incidere sulla larga corruzione diffusa come un cancro in larghissimi settori del sistema partitico italiano. Ma non voterò per i 5 stelle per tanti motivi. Innanzitutto si tratta di una forza politica completamente decontestualizzata dal contesto sardo. Cosa sarebbe accaduto, per esempio, alla maggioranza dei centri abitati sardi, se fosse passata la proposta avanzata qualche tempo fa dai 5 Stelle sull’accorpamento dei comuni sotto i 5000 abitanti? Sarebbe stata la definitiva ecatombe delle zone interne e disagiate che avrebbe reso totalmente inospitale e spopolata la gran parte del territorio isolano. A livello generale penso sia inoltre in atto una pesante normalizzazione del M5S e che ogni ipotesi di sua possibile funzione erodente del sistema politico fondato sull’egemonia della borghesia italiana in disfacimento sia ormai fuori dalla realtà (eppure ci sono compagni che ancora incredibilmente lo pensano e lo teorizzano!). Lo dimostrano tanti indicatori: il viaggio di Di Maio a Washington per garantire l’asse Italia-NATO lo testimonia in maniera palese. È una coincidenza che dopo questo viaggio il senatore sardo Roberto Cotti (che noi tutti conosciamo per il suo impegno chiaro contro occupazione militare e RWM di Domusnovas) è stato cinicamente trombato dalle cosiddette parlamentarie? Non mi dilungo, anche perché comunque i 5S non riconoscono né l’esistenza della nazione sarda né il suo diritto ad autodeterminarsi, sebbene ogni tanto lo stesso Grillo abbia dichiarato il contrario.

Potere al Popolo. Conosco i compagni napoletani che hanno dato vita a questa proposta che – pur presentando alcune zone di ambiguità su questioni come fuoriuscita dalla NATO e dalla UE (nel senso che non dichiara apertamente la necessità di fuoriuscire) – nel complesso è un’ottima proposta politica resasi capaci di suscitare in breve tempo ampie energie, soprattutto di quelle forze realmente impegnate nei conflitti sociali. C’era bisogno di una forza viva nata dalle lotte, però mi chiedo perché a sinistra, come al solito, ci si ricorda della necessità della sintesi sempre e solo sotto elezioni. A parte questo il problema sono soprattutto i lealisti sardi, quasi tutti sopravvissuti politici del ceto prototogliattiano, i quali hanno appena finito di combattere una santissima guerra di religione per impedire che Potere al Popolo riconoscesse la nazione sarda e il suo diritto a decidere. Questi personaggi che in Sardegna e in Italia hanno retto il moccolo fino all’altro ieri ai governi del centro sinistra, che in alcuni casi (per esempio il Pdci, oggi riverniciato PCI) hanno votato l’infame aggressione imperialista alla Jugoslavia, oggi alzano le barricate contro una dichiarazione di autodeterminazione che ogni comunista dovrebbe accettare perché componente basilare del suo corredo di valori. Questo ceto parassitario di burocrati lontani dalle lotte e lontani dalla realtà ha fatto muro affinché Potere al Popolo Sardo non si presentasse alle elezioni con un programma per l’emancipazione della Sardegna, fondato sul diritto a decidere e focalizzato sulle questioni trainanti della questione nazionale e sociale sarda. Il risultato è stato che in Sardegna, a parte un paio di eccezioni, la rosa dei candidati è composta da gente mai vista nelle lotte reali. Purtroppo direi, ma anche per fortuna, perché tale dibattito ha segnato un solco ancora più netto fra i comunisti sardi che lottano contro la colonizzazione e quelli che invece ne sono agenti. Un solco che sarà utilissimo soprattutto all’indomani delle elezioni quando il filo della discussione potrà essere ripreso con i compagni (sardi e italiani) senza l’ansia delle scadenze elettorali.

Sul PSd’Az non credo ci sia nulla da dire. L’operazione del segretario Solinas, oltre a negare la stessa tesi uscita dall’ultimo congresso favorevole alla formazione di una alleanza delle forze sardiste e indipendentiste, dimostra che la storia di questo partito di notabili è sempre quella che ha portato una grande parte dei sardisti ad aderire al Partito Nazionale Fascista: una storia di miseria e vergogna coloniale! Al netto del fatto che l’alleanza con la Lega faccia rivoltare lo stomaco per le note posizioni di estrema destra di questo partito, vorrei capire che tipo di giustificazione politica possa avere per un sardista candidarsi in Lombardia, visto che il segretario Solinas sarà eletto in un blindatissimo collegio della Lombardia. Che interessi dei sardi andrà a rappresentare Solinas senza essere nemmeno stato delegato dai sardi?
Una cosa è la tattica che può essere anche spregiudicata, altra cosa è il mercimonio delle candidature. La nuova era del sardismo è il lombardismo? Per fortuna qualche sussulto di dignità interno è venuto fuori con forza con le posizioni di numerose sezioni e con la voce levata dal consigliere regionale Angelo Carta.

Partito Comunista. Ho apprezzato recentemente la campagna per le elezioni comunali di Roma e le posizioni molto chiare di rottura su Austerity e UE. Ma il PC di Rizzo è l’ennesimo partito paracadutato in Sardegna, senza alcun lavoro reale sul territorio ed è paradossale che proprio loro che fanno un discorso di ritorno al lavoro della talpa del vecchio movimento comunista poi corrano in fretta e furia a raccattare candidati improbabili giusto per essere presenti in un collegio. Inoltre sono pessime le posizioni che recentemente questo partito ha espresso sulla questione catalana dichiarando pilatescamente equidistanza “da Barcellona e da Madrid”. In un conflitto, quando non ti schieri, stai sempre favorendo il più forte: in questo caso il monopolio della forza detenuto da Madrid e di fatto ti stai schierando con i falangisti, i borboni, il PP e la stessa UE che in altre sedi dichiari di combattere. Qualcosa di peggio di una brutta caduta di stile. Spero che questi compagni possano correggere i propri errori per non riproporre il solito vecchio modello di comunismo centralista e autoritario, anche se le dichiarazioni del segretario Rizzo rilasciate nella sua discesa in terra sarda non promettono nulla di buono e si manifestano come l’ennesima dichiarazione dell’ennesimo partito colonialista: “senza la Sardegna non c’è l’Italia”.

Autodeterminatzione. Premetto che ho iniziato a partecipare al dibattito di Potere al Popolo senza farmi molte illusioni e prima che venisse ufficializzata la partecipazione del progetto dell’Autodeterminatzione alle elezioni italiane. Sinceramente non me lo aspettavo neanche. Avrei confidato in una mossa temporeggiatrice, puntando tutto sulle nazionali sarde con un percorso di un anno di diffusione e radicamento del progetto. Pensavo questo non perché avessi informazioni a riguardo, ma perché il ragionamento con il progetto Mesa Natzionale era proprio questo: lunga discussione interna, lungo percorso di radicamento, eventuale partecipazione alle elezioni.
Ma quel percorso è interrotto, come gli Holzwege di Heidegger e come la sua svolta filosofica, e anche Progetto Autodeterminazione rappresenta un cambio di parametro: da quello che ho capito i protagonisti di PA vogliono iniziare a radicare il progetto proprio sfruttando l’occasione elettorale italiana ed è su questo che divergo, perché nel corso del tempo ho maturato l’idea che proprio il momento elettorale è quello peggiore per battezzare un progetto. Non c’è nulla di male, per carità ma credo che la fretta elettorale abbia sempre portato una incredibile sfiga agli indipendentisti e ai sardisti conseguenti, perché li hanno portati a fare spesso i conti senza l’oste e ad acuire tensioni interne subito sfociate in gravi crisi strutturali di progetto. Prova ne sia che tutti i partiti o cartelli sardocentrici usciti fuori dalle elezioni senza la tempra del percorso di maturazione politica si sono frantumati come un oggetto bagnato nell’azoto liquido (la mia è nel contempo una critica e un’autocritica). Mi auguro che Autodeterminazione faccia eccezione, ma questa è la mia paura ed è questo uno dei motivi per cui non mi sono finora esposto schierandomi apertamente con questo progetto.
C’è poi la questione della partecipazione popolare. Credo che un progetto unitario debba fondarsi sulla partecipazione dei tanti cittadini sardi che hanno nel corso degli ultimi anni maturato una sensibilità favorevole al diritto a decidere. Partecipazione popolare che dovrebbe essere la base di ogni programma di liberazione e che in effetti è l’unico antidoto alla creazione di una logica amico-nemico dove chi aderisce è ben accetto e chi invece avanza dubbi e domande è visto con fastidio. In questo senso Mesa Natzionale, con i tanti incontri sul territorio, i suoi processi partecipativi come l’esperienza “Partimus dae tue” e le discussioni aperte, orizzontali e coinvolgenti su riforma dello Statuto, scuola sarda e sanità aveva iniziato a dire qualcosina di nuovo rispetto alle precedenti esperienze. E su questo mi sembra che PA  – visti i tempi della corsa elettorale – sia stato carente.

Credo che al di là di queste mie considerazioni critiche si debba però sostenere elettoralmente questo progetto, perché al momento rappresenta l’unica lista che riconosce il diritto all’autodeterminazione, che non deve rispondere alle segreterie dei partiti coloniali e che non viene riassorbita in altre logiche che con i bisogni del popolo sardo e la sua lotta di liberazione non hanno nulla a che fare.

Io credo che Autodeterminatzione possa e debba essere criticata sotto tanti aspetti ma credo anche che in questo momento non sia opportuno spendere il proprio voto altrove. Non credo sia utile nemmeno non votare, perché all’oggi il non voto (anche se consapevole e dichiarato) si somma ad un indistinto senso di ripulsa verso “la politica” (v. protesta di alcune categorie di lavoratori sardi) che è quanto di più lontano dalla nostra esigenza di avviare un percorso di liberazione nazionale.

Voterò dunque Autodeterminatzione con lo sguardo rivolto al dopo 4 marzo, perché credo inizierà allora la partita più complicata e significativa per la costruzione di un percorso di emancipazione nazionale e sociale del popolo sardo, un percorso che non inizia certo con queste elezioni né qui si concluderà.

Dichiarazione di non voto: la mia scelta

Sono imminenti le elezioni politiche italiane. Cosa ne pensano le forze politiche e intellettuali indipendentiste e anticolonialiste? La redazione di Pesa Sardigna ha deciso di ospitare diversi interventi sul tema. Qui proponiamo un articolo di Luana Farina Martinelli, poeta e militante del FIU.
Chiunque volesse può inviare il suo contributo alla e-mail della redazione pesa.sardigna.blog@gmail.com o indirizzarlo alla nostra pagina Facebook.

di Luana Farina Martinelli

Il 4 marzo 2018, da militante Indipendentista, per le elezioni Politiche italiane, così come per le Europee, al seggio, farò la mia abituale dichiarazione di non voto da mettere agli atti.

La farò prima di tutto, per coerenza, perché ritengo che un voto alle politiche italiane legittimerebbe e riconoscerebbe ulteriormente e implicitamente il potere dello stato colonialista italiano di decidere ancora per noi sardi, politicamente, economicamente, militarmente e culturalmente.
Diverso è un voto per le comunali e “regionali” che, per chi è indipendentista, sono “Natzionali”, e si è chiamati a impegnarsi realmente per la propria città e la natzione sarda.

Fotografia de Rina Sanna
Luana Farina (settembre 2017), foto di Rina Sanna

“Ma perché? – mi dice qualcuno – Capisco che tu non voglia votare partiti italiani o sardi filo-italianisti, ma ora c’è il nuovo Polo dell’AutodetermiNatzione!”

Certo, personalmente però ho dei forti dubbi su questo “Polo”:

  • Non credo che sia stata una scelta oculata esordire alle politiche e non alle “regionali”, perché sino al 2019, il “Polo” avrebbe avuto tutto il tempo necessario per radicarsi in Sardigna, ma anche presso le comunità sarde d’oltremare, con azioni forti, pratiche, visibili e condivise, riguardo le lotte per l’autodeterminazione e per la liberazione dal colonialismo italiano, di cui molti sardi che vivono fuori dalla loro terra, sono totalmente all’oscuro.
  • È innegabile che alcune delle “componenti storiche” di questo neo “Polo” siano state promotrici o abbiano aderito a queste lotte, in tanti anni di militanza; le hanno fatte e le fanno tutt’oggi, ma solo a titolo personale o di sigle. Allo stato attuale, a parte le assemblee pubbliche di presentazione, di stampo populista, in cui il programma illustrato è ancora troppo nebuloso e carente riguardo alcuni problemi, in questo “Polo” non vedo altro. Un esempio per tutti: come si fa a dedicare alla Sanità sarda solo 6 righe del programma e con termini obsoleti, quando sappiamo che del bilancio regionale 2018 (pari a 7,792 miliardi di euro), più della metà (3,488 miliardi) è impegnato per il settore sanitario?
  • Non credo che il Polo dell’AutodetermiNatzione, candidandosi alle politiche italiane, possa raggiungere un risultato davvero utile all’autodeterminazione della Natzione Sarda. L’esperienza di almeno un gruppo politico sardo presente in Parlamento lo dimostra. Resta sempre un can che abbaia ma non morde! Non ho mai creduto a chi dice “le cose si cambiano da dentro”. Facendo mie le parole di un illustre patriota sardo vivente, penso che “la frittata si possa fare solo rompendo le uova”!
  • Con alcune componenti di questo neo schieramento ho personalmente divergenze di pensiero troppo forti, perché provenienti o dalla politica italiana, anche di destra, alcuni con precisi incarichi politici/amministrativi o non hanno un passato, nemmeno recente, di attivismo nelle lotte che per un indipendentista sono fondamentali; intravedo anche da parte di alcuni una certa ambiguità “modaiola” , mentre altri mi pare sia saltati “sul carro dell’autodeterminazione” all’ultimo istante, tanto per non restare a piedi, ma in realtà o non sanno dove andare, oppure, abituati al potere (non solo politico), vogliono esserci a tutti i costi.
  • Ci sono poi le modalità con le quali, alcune componenti del neo Polo dell’autodeterminazione, in fase preliminare, in cui ci si confrontava e si valutava la possibilità di costruire qualcosa di nuovo, si sono relazionate, con l’indipendentismo “già esistente“ e attivo, in un modo che definirei “alla grillina”, con un atteggiamento che ho percepito come antidemocratico, perché calato dall’alto, pregno di pregiudizi e diktat, che anziché unire, lavoravano per zittire o fagocitare le voci “altre”.
  • La percezione che ho è quella che dietro questo frettoloso presentarsi alle elezioni politiche, in realtà si voglia, in previsione delle regionali (natzionali), valutare gli equilibri e le forze interne per candidature e spartizione di ruoli all’interno del Polo. Direi che ancora una volta ci troviamo di fronte a un modo “italo-colonialista-spartizionista” di pensare la politica.

La confusione comunque è tanta, anche nelle “alternative” che avrebbero potuto tentarmi, soprattutto della neonata sinistra che si presenta come “antagonista”, ma che è stata spesso assente dalle lotte per la liberazione della Sardigna dal colonialismo militare, dai veleni, dalla negazione della lingua e della cultura sarda, che ha sostenuto e sostiene ancora, un’ economia “aliena” basata sulla chimica e sulle armi, anziché su ciò che è “la vocazione naturale” della Sardigna: agricoltura, pastorizia, pesca, turismo popolare e diffuso, cultura e supporto alle imprese locali che la praticano.
Solo oggi a un passo dalle elezioni questa neo-sinistra (ma questo sta succedendo anche a destra) cerca maldestramente di fare propri temi che da molto tempo, nella pratica, non gli appartengono più.

Infine ci sono anche compagni di lotte comuni, che hanno deciso di presentarsi per la prima volta, e per i quali ho volentieri firmato la lista, ma solo perché credo che in democrazia, gli schieramenti di Sinistra, Democratici e Progressisti (seppur di matrice italiana) debbano avere la possibilità di competere, anche se non avranno il mio voto.

Ribadisco perciò la scelta di dichiarazione di non voto, che viene verbalizzata e permette di esprimere per iscritto il perché non si vota e non va a incrementare il premio di maggioranza, per questo la reputo una vera e propria azione politica, coerente, incisiva, e mediaticamente visibile, se fosse praticata in massa, rispetto all’astensione o al voto in bianco o nullo.

Infine, la dichiarazione di non voto crea un certo “disturbo” immediato all’interno del seggio perché costringe i presidenti a verbalizzare la dichiarazione con la motivazione prevista dalla legge “mi presento al seggio, faccio vidimare la tessera elettorale, non tocco la scheda, non voto perché non mi sento rappresentata da nessun partito e da nessun candidato” (o altra motivazione). Volendo si può anche preparare a casa la dichiarazione da far allegare al verbale e, se i presidenti si rifiutano di farlo, sono passibili di denuncia immediata. Tutto ciò deve avvenire senza discussioni e in perfetta calma. Per chi desidera praticare la mia stessa scelta, mi contatti via mail: luanedda57@gmail.com, invierò istruzioni dettagliate, il modulo stampabile e la dichiarazione di non voto da compilare e firmare in 3 copie.

Partiamo dalle nostre comunità locali

Sono imminenti le elezioni politiche italiane. Cosa ne pensano le forze politiche e intellettuali indipendentiste e anticolonialiste? La redazione di Pesa Sardigna ha deciso di ospitare diversi interventi sul tema. Qui proponiamo un articolo di Gianluca Collu, attuale segretario natzionale di ProgReS.
Chiunque volesse può inviare il suo contributo alla e-mail della redazione pesa.sardigna.blog@gmail.com o indirizzarlo alla nostra pagina Facebook.

di Gianluca Collu

Come partito indipendentista sardo non nutriamo particolare interesse nel prendere parte ad una competizione elettorale regolata da una legge come il Rosatellum, che sostanzialmente esclude le chance di rappresentanza dei soggetti politici nazionali sardi nel Parlamento italiano; anche per questo l’Assemblea Nazionale degli attivisti di Progetu Repùblica de Sardigna ha deciso che non parteciperemo alle elezioni politiche italiane del prossimo 4 marzo 2018.

Gianluca Collu

Fare i conti con la realtà significa prendere coscienza, al netto delle leggi elettorali, dell’effettivo peso politico dell’elettorato sardo nello scenario delle “democratiche” elezioni italiane: parliamo di un valore pari al 2,6% sulla media italiana, questo sempre che la partecipazione al voto rappresenti il 100% del censo, ossia che tutti i sardi aventi diritto si rechino nei seggi per votare. Di conseguenza, considerando il quadro generale tra l’attuale legge elettorale in vigore e l’effettivo peso politico dei voti sardi su scala italiana, risultano molto chiare due sole opzioni in campo per un partito indipendentista: nella prima ci si allea con uno dei poli italiani di centrodestra o di centrosinistra, considerato che 5 Stelle non stringe alleanze con i partiti; nella seconda, invece, correndo da soli, si partecipa per lo più a livello simbolico o di mera testimonianza.

Entrambe le opzioni, per quanto legittime, non rientrano nel nostro fine politico, non è il motivo per cui Progetu Repùblica de Sardigna è nato e non è il motivo per cui le nostre attiviste e i nostri attivisti lavorano ogni giorno.

Il senso dell’agire politico di Progetu Repùblica è un cambio di prospettiva che vuole mettere al centro del nostro orizzonte la Sardegna e le 377 comunità da cui è formata. Il nostro obiettivo è la costruzione graduale e non violenta di una Repùblica di Sardegna, prospera e giusta. Per fare questo, la sfida a cui sentiamo di dover partecipare sono le elezioni nazionali sarde, le uniche che ci permetteranno di spezzare l’egemonia triste e deleteria dei partiti italiani.

Come già abbiamo detto, la nostra campagna elettorale per il 2019 deve iniziare oggi, possibilmente partendo dall’impegno nelle nostre 42 comunità dove sono previste le amministrative del 2018.

Le famiglie sarde affrontano con sempre maggiori difficoltà e sfiducia la vita quotidiana, è notizia di questi giorni che il 39% ritiene che la propria condizione economica nel 2017 sia peggiorata rispetto all’anno precedente, addirittura il 10% pensa che sia peggiorata di molto. (dati ISTAT elaborati da SSEO).

È tempo di rimboccarsi le maniche e lavorare seriamente alla costruzione di una rete di cittadini disponibili a mettere in gioco le proprie competenze, il proprio entusiasmo, il desiderio di riscatto per la nostra terra e per i nostri figli e iniziare dare luogo a una rivoluzione democratica, capace di guidare i sardi e le sarde verso una condizione storica migliore sul piano materiale e immateriale, verso la costruzione della propria Repùblica.

Il futuro della nostra nazione dipenderà soltanto dall’impegno di ogni sardo per il benessere collettivo, e questo cambiamento potrà avvenire soltanto partendo dalle nostre comunità locali.

Per mettere in atto questi propositi è necessario un accordo, una strategia condivisa, tra i maggiori partiti indipendentisti, sovranisti e autonomisti. Un patto di responsabilità nazionale per giungere a una convergenza capace di realizzare un’alternativa di governo ai poli italiani forte e autorevole. Per queste ragioni è importante coltivare il dialogo e il rispetto, anche con quei soggetti indipendentisti che attualmente mettono in atto strategie che non si condividono, e confrontarsi sui temi e sulle possibili soluzioni ai tanti gravissimi problemi che affliggono il nostro Paese.

L’autoindeterminazione e la sua cura

Sono imminenti le elezioni politiche italiane. Cosa ne pensano le forze politiche e intellettuali indipendentiste e anticolonialiste? La redazione di Pesa Sardigna ha deciso di ospitare diversi interventi sul tema cominciando con un articolo del professor Gianluigi Deiana.
Chiunque volesse può inviare il suo contributo alla e-mail della redazione pesa.sardigna.blog@gmail.com o indirizzarlo alla nostra pagina Facebook.

di Gianluigi Deiana
Gianluigi Deiana

Per come sono messe le cose, soprattutto a sinistra, una sana e consapevole indeterminazione rispetto alle vicine elezioni politiche consente di lasciar passare la buriana senza rovinarsi il fegato, e questa è in termini generali una soluzione raccomandabile per tutti i soggetti sensibili alla patologia politica: è vero che si sconta l’aspetto negativo di questo non fare, tuttavia si conserva almeno la coscienza del fatto che si tratta di una indeterminazione decisa tra sé e sé (una auto-indeterminazione) che è sempre meglio di una determinazione scelta da altri (una etero-determinazione). Esempi ricorrenti e sempre uguali di etero-determinazione sono la candidatura in Sardegna dell’ex plenipotenziario di Rifondazione Claudio Grassi, che è emiliano (Liberi e Uguali), il paradosso di un cartello elettorale chiamato enfaticamente “Potere al Popolo” che è finito da subito sotto il potere concreto della forma residuale del PRC-PCI, la cancellazione romana di Roberto Cotti dalle candidature Cinque Stelle ecc.

L’auto-indeterminazione è quindi il campo base per tutti noi portatori sani della malattia elettorale, per i quali la tentazione della ricaduta potrebbe essere deleteria ancora una volta; tuttavia, mai dire mai, sembra essere spuntata, in questo giardino di male piante extrainsulari, una piantina autoctona che una manifestazione di interesse la merita: curiosamente si chiama “autodeterminatzione”, e nel gioco di significati veicolati dalle parole (specialmente le doppie parole) si pone come una plausibile risoluzione dell’alternativa secca tra l’auto-indeterminazione (cioè astenersi) e l’etero-determinazione (cioè votare per Grassi o per il cartello elettorale PRC-PCI o buttarla alle Cinque Stelle).

Fatti salvi i buoni propositi di questi soggetti, cioè il proposito di LeU di rifare una sinistra di governo, il proposito di Potere al Popolo di avviare un progetto di sinistra ricostruito di sana pianta dal basso, il proposito della stella sana dei Cinque Stelle di ripulire dai buchi neri tutto il cielo stellato, abbiamo anche il dovere di misurare questi buoni propositi sulla realtà; la realtà è rispettivamente questa: LeU è già oggi un partito politico, il quale con numeri visibilmente scoraggianti sta andando incontro alla prospettiva di un debole ruolo di opposizione secondaria in un panorama politico instabile dominato in maggioranza dalla destra ed egemonizzato in opposizione dalle quattro stelle sporche delle Cinque Stelle.

Potere al Popolo è nato come un progetto politico e solo subordinatamente, in funzione di rodaggio interno e di visibilità pubblica, come cartello elettorale; tuttavia per come stanno andando le cose, non solo in Sardegna, e per come sono già andate recentemente altre volte con cartelli come “Cambiare si può” o la “Lista Tsipras”, cioè a farsi benedire, è ormai concreta l’ipotesi che il cartello elettorale stia diventando il sudario del progetto politico; questo sacrosanto progetto, infatti, di tutto avrebbe bisogno per aprire le ali meno che della colla necessaria a tenere insieme un cartello elettorale.

Buttare il voto alle stelle poteva essere ragionevole, da sinistra, cinque anni fa; ora è chiaro però che le stelle non sono milioni di milioni ma sono solo cinque, esattamente come le dita di una mano: lotta alla corruzione, lotta ai migranti, disconoscimento dei sindacati, sintonia con la grande impresa, assenza totale di idee sulla politica europea: quattro cattive stelle contro una; la cancellazione in Sardegna della ricandidatura di Roberto Cotti, meritevole di tante cose e soprattutto della denuncia mondiale del business militare RWM e di Finmeccanica, è una meteora al contrario di portata letteralmente stellare, e questo spiega in senso lato il carattere illusionistico, cioè meteorico al contrario, di tutto questo fenomeno politico.

AutodetermiNatzione: vengo ora alla possibile risoluzione del mio strano rebus, la lista di AutodetermiNatzione; personalmente non so quasi niente di come essa sia stata concepita, anche se il suo concepimento era assolutamente nell’ordine delle cose; infatti ogni fidanzamento degnamente coltivato alla fine concepisce qualcosa e qui ci troviamo al primo esito di un fidanzamento degnamente e ponderatamente coltivato; ciascuna delle parti contraenti può presentare motivi di simpatia o motivi di dubbio, e nella contraenza stessa si possono lamentare preclusioni o esclusioni che sarebbe stato bene evitare, ma la risultante è da considerare assolutamente benefica nel contesto dato.

Il contesto dato, anche e particolarmente in questo caso, è per l’immediato un contesto elettorale (e quindi AutodetermiNatzione non può non essere ora un cartello elettorale) e per la prospettiva un vero e proprio progetto politico (la cui prova del nove sarà inevitabilmente il prossimo rinnovo del consiglio regionale); anche qui quindi le elezioni politiche italiane rivestono una funzione sia di rodaggio interno che di visibilità pubblica, tuttavia, a differenza dei casi precedenti, i passi finora compiuti non sembrano preludere a un mortifero effetto sudario, quale quello per cui in altri casi il cartello ha finito per ibernare o seppellire il progetto (si vedano Sa Mesa, il FIU, Sardegna Possibile ecc.).

A questa analisi, che personalmente ritengo condivisibile da parte di molti compagni, devo aggiungere qualcosa di mio: non riguarda lo scontato carattere variabile di questa nuova piantina, cioè la multiformità politica e l’interclassismo sociale: la piantina infatti deve crescere nel terreno sociale e non sotto vetro in un orto botanico; riguarda invece il fatto (minore) che stimo sinceramente molti dei compagni che vi si sono impegnati in prima linea, cioè Bustianu, Filippo, Pier Franco, Lucia ed altri ancora; e riguarda in ultimo (ma con importanza dirimente) l’esplicitazione di una chiara e incontrovertibile posizione antirazzista, priva di infingimenti, di se e di ma, che spero sia resa a prescindere dal calcolo elettorale.

Strada facendo, e cioè tra le elezioni politiche italiane e le elezioni regionali sarde, ci attendono due compiti: il primo, fronteggiare di nuovo con questi stessi compagni la spada di Damocle del sito prescelto per le scorie nucleari; il secondo, realizzare (su questa che ora ne appare come la pietra angolare di fondazione) il grande progetto politico della autodeterminazione del popolo sardo; è un compito immane per il quale i compagni che vi si sono impegnati finora non dispongono probabilmente di forze autosufficienti; auguro loro apertura, ponderazione e saggezza.

Potere al popolo: progetto neocentralista?

di Andrìa Pili

Penso che la nascita di un progetto di Sinistra coerentemente alternativo al PD, in discontinuità con il passato centrosinistra, sia qualcosa di positivo con riferimento al contesto politico italiano. Perciò guardo con rispetto alla nascita di Potere al Popolo, a differenza di altri soggetti politici, come quelli che hanno dato vita a Liberi e Uguali, che non rappresentano – al di là di qualche slogan retorico comunicativo – alcuna garanzia di cambiamento, a mio modo di vedere.

Tuttavia, ho letto alcune parti del programma di Potere al Popolo e, pur condividendone molti punti, credo ce ne sia uno molto contraddittorio: “ripristinare il Titolo V della Costituzione com’era prima della riforma del 2001”.

Questo significherebbe almeno due cose: ripristinare il principio secondo cui le Regioni possono emanare delle leggi purché “non siano in contrasto con l’interesse nazionale” (dopo il 2001 questo passaggio è sparito, mi pare importante); annullare le competenze che la Sardegna aveva conquistato grazie a quella riforma, in particolare sulla legislazione concorrente in istruzione, ricerca, tutela e sicurezza del lavoro. Un altro punto importante della riforma del 2001 – che tutti i manuali sottolineano – è il passaggio da un articolo per cui la Repubblica “si riparte in Regioni, Provincie e Comuni” ad uno per cui la Repubblica ” è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato”, giungendo ad una visione più orizzontale dei rapporti, il che non mi pare poco. Tale punto del programma è in contrasto con altre sue parti come “Una nuova Questione Meridionale” e quella sull’ambiente, in cui si parla di “democrazia dei territori contro un modello centralizzato orientato da interessi multinazionali”.

Se non si prevede una riforma migliorativa, in senso federale, della Costituzione – mi pare che si parli solo di una sua difesa o rilancio – non capisco come abolire l’attuale Titolo V possa andare d’accordo con punti che esaltano la democrazia locale e la discontinuità con le modalità con cui i governi italiani hanno affrontato la questione meridionale e isolana: “la fine di una strategia che vede nel meridione una mega discarica, o una mega centrale elettrica per il paese; la difesa dei territori dagli appetiti speculativi di imprenditori nostrani e grandi multinazionali, l’affermazione di un modello di economia alternativo, che accanto a produzioni qualificate valorizzi la bellezza, la storia, la terra, le nuove tecnologie, la cultura di città che sono da sempre luoghi di pace, crocevia di popoli e culture”.

Penso che questo punto controverso possa essere spiegato, provando ad entrare nella mente di chi l’ha voluto, con un ragionamento su come i governi locali possano ostacolare la grande rivoluzione voluta dal governo centrale egemonizzato da Potere al Popolo. Si tratta di una prospettiva che – allo stato delle cose – è campata in aria, visto che è improbabile che, da qui a marzo, PaP possa anche solo pensare di avere un parlamentare. Se pensiamo ad un progetto a lungo termine, credo che tale proposta sia un passo falso, rivelante anche una componente ideologica anti-regionalista oltre che una questione pratica come il contrasto dell’atteggiamento reazionario delle classi dirigenti regionali. Ovviamente, un’impostazione del genere rivela un’idea dannosa, paternalista, di un governo centrale che si pone, nei confronti di Meridione ed Isole, come un’autorità salvifica; il che si pone in contraddizione con l’idea di protagonismo popolare “dal basso” su cui il progetto si fonderebbe. Inspiegabile se consideriamo che è stata una realtà vivace come quella napoletana – ex opg Je so pazzo – a contribuire in modo determinante a dare vita a questo progetto.

La Sardegna diede la più alta percentuale di No alla riforma renziana della Costituzione; probabilmente, un rifiuto così massiccio si può interpretare proprio come la volontà di difendere l’autonomia regionale minacciata (malgrado degli accordi farlocchi fossero stati sventolati per dimostrare il contrario). Vedo come contraddittorio anche citare quella vittoria referendaria, se l’aspetto “regionalista” viene fatto passare in secondo piano.

Per i compagni sardi che hanno aderito a questo progetto politico mi pare sia essenziale chiarire le contraddizioni dei punti che ho richiamato, sempre che siano veramente sensibili alla questione sarda. Ho letto, al contrario, delle reazioni riprovevoli alla proposta dei compagni sassaresi di mettere nero su bianco il diritto del popolo sardo all’autodeterminazione e l’abolizione del principio di unità e indivisibilità dello Stato. Conosco dei compagni italiani che hanno più capacità di comprendere la questione di certi compagni nostrani; nulla di nuovo se pensiamo che per far capire al PCI sardo l’importanza dell’autonomia regionale ci volle qualche rimbrotto di Togliatti.

La questione dei poteri autonomi penso che, più che a partire dalla qualità delle classi dirigenti regionali – e tra l’altro non mi risulta che la qualità di chi amministra il governo centrale sia migliore, anzi quelle regionali/locali sono peggiori forse proprio nella misura in cui sono legate alla prima – si debba valutare in base alle possibilità che si aprirebbero per le comunità, le quali possono incidere di più, con la propria azione, sulle scelte di un pessimo governo locale piuttosto che su quelle di un pessimo governo centrale. In Sardegna è sicuramente così. In ogni caso, considerando tanto l’avversione dei compagni sardi al diritto all’autodeterminazione del proprio popolo che l’incomprensione del federalismo in Italia, ci troviamo di fronte all’ulteriore conferma del fatto che ogni ragionamento di alleanze con forze alternative italiane debba avere, come necessario passaggio preliminare, la formazione di un indipendentismo/nazionalismo sardo di massa.

Oristano: attenti ai finti indipendentisti!

di Davide Pinna (Furia Rossa)

Le elezioni comunali di Oristano purtroppo non vedono la partecipazione di alcuno schieramento indipendentista, e ci sarebbe qui da aprire tutto un discorso sulla necessità di unirsi e di passare dalle amministrazioni comunali per costruire spazi di governo indipendentista e iniziare a mostrare che l’indipendentismo può governare e può farlo meglio dei partiti italiani. Tuttavia una formazione che si definisce indipendentista concorre: in queste poche righe punto a dimostrare non solo come tale formazione non sia indipendentista, ma sia addirittura in continuità con le logiche di governo coloniale che hanno affossato piccole città come Oristano negli ultimi sessant’anni; parlo del Partito dei Sardi.

Se volessimo provare a tratteggiare la cronistoria della presenza PdS a Oristano, incontreremmo molte difficoltà. In effetti questa formazione non ha mai partecipato alla vita politica della città di Eleonora, non ha mai preso parola sulle questioni che in questi anni hanno animato il dibattito pubblico locale, come il futuro dell’aeroporto di Fenosu, l’uscita da Abbanoa, il progetto del golf nella pineta di Torregrande o la centrale termodinamica di San Quirico. Per verificare questa affermazione basta fare una ricerca nell’archivio della testata online Linkoristano, abbastanza costante nella pubblicazione di interventi e comunicati politici: la stringa di ricerca “Partito dei Sardi” non produce alcun risultato degno di nota.

Tuttavia, il PdS, pur non avendo preso parte alla vita pubblica di Oristano, è presente da molto in città e più precisamente è presente negli uffici di Via Carducci, quelli dove ha sede la Asl n. 5. Che la nomina dei dirigenti delle Asl avvenga per quote e lottizzazioni non è fatto nuovo, né ha una rilevanza giuridica, dato che lo spoil system non costituisce reato; certamente si potrebbe discutere sull’opportunità morale di questo sistema, ma meglio rinviare ad altra sede la discussione. Se ci si attiene ai fatti, gli ultimi due direttori generali della ASL n. 5 sono Mariano Meloni e Maria Giovanna Porcu, entrambi di Macomer, proprio come Paolo Maninchedda. Macomer è una città di 10 mila abitanti (distretto della Asl di Nuoro) e non necessariamente i suoi abitanti si conoscono tutti, però basta una rapida ricerca sul web per capire che Maninchedda, Meloni e Porcu si conoscono e che le nomine di primo piano della Asl oristanese sono in quota proprio all’assessore ai Lavori Pubblici. Le polemiche fra l’altro non sono mancate, come quando la minoranza del consiglio comunale di Macomer (il sindaco Antonio Succo è del Partito dei Sardi) denunciò pubblicamente il fatto che su 100 lavoratori interinali impiegati nella Asl di Oristano, 30 erano di Macomer, chiedendo all’assessorato alla Sanità, ai manager delle Asl e agli esponenti del PdS di chiarire in base a quali criteri di priorità e professionalità venissero fatte le assunzioni (https://www.bentos.it/la-asl-di-oristano-il-partito-dei-sardi-gli-ex-tessili-e-i-veleni-della-politica-macomerese/). Ribadisco che non ci sono aspetti giuridici che voglio mettere in evidenza, la questione è puramente politica: il Partito dei Sardi è entrato a Oristano non dalla porta principale, ma dalla finestra sul retro. Ha costruito il proprio consenso sulla base di vecchie logiche, che guarda caso sono proprio le stesse che hanno affossato piccole città come Oristano dal dopoguerra. Per chi vorrebbe presentarsi con il biglietto da visita dell’indipendentismo moderno e del partito dell’amore, non sono cose di poco conto.

Ma poi questo indipendentismo esiste? Il PdS si presenta in coalizione con l’UDC e con la lista civica del consigliere comunale Salvatore Ledda. Non risulta ad oggi che i vertici locali dell’UDC o Ledda abbiano mai professato il loro indipendentismo; non può neanche valere il discorso del non-dipendentismo perché l’UDC è un partito italiano e il discorso credo si possa interrompere qui senza bisogno di altre argomentazioni. Questa non è peraltro l’unica incompatibilità fra Maninchedda e i suoi alleati: Ledda e Giuliano Uras (il candidato sindaco UDC della scorsa tornata elettorale) sono stati tra i principali fautori del referendum consultivo per l’uscita da Abbanoa che si è svolto a Oristano qualche mese fa. Questo referendum era poco più che una recita propagandistica, ma tuttavia come possono Ledda e Uras dopo tante parole contro il gestore unico dell’acqua accordarsi con l’assessore che ha la delega per Abbanoa e che tante volte la ha difesa?

Fino a poche settimane fa il PdS era in trattativa con il centrosinistra., ma la fine la scelta è ricaduta sulla coalizione di centro che evidentemente offriva condizioni politiche migliori e che mette insieme due candidati sindaco della scorsa tornata elettorale i cui voti, sommati, rappresentano il 46% delle preferenze. Se indipendentismo significa occupare i posti di potere, scendendo a compromessi con qualsiasi forza politica a seconda delle esigenze e della geografia elettorale, allora il PdS è indipendentista, ma credo che la parola del vocabolario più adatta a definire questi comportamenti sia opportunismo.

Polìtica

Lettera aperta ai miei concittadini sull’imminente appuntamento elettorale

Tissi – foto tratta da sardegnaincomune
di Daniela Piras

Mancano un paio di mesi all’appuntamento elettorale che vedrà i cittadini di Tissi chiamati ad esprimersi per rinnovare il consiglio comunale. A così breve distanza non si assiste, però, ad un dibattito costruttivo sui progetti da realizzare nei prossimi cinque anni.

Mettendo da parte elenchi sterili su ciò che è stato fatto e su ciò che non è stato fatto dalle ultime giunte che si sono susseguite alla guida del paese, quello di cui si avverte l’assenza è una discussione sui temi, sulle idee e sulle proposte attraverso i quali ci si dovrebbe rivolgere ai cittadini.
Il volto di Tissi, negli ultimi tempi, si è molto modificato, da paese di poco più di 1300 abitanti è diventato un centro che ha visto incrementare il numero dei residenti di oltre mille persone. Un fatto in controtendenza con quello che, purtroppo, vediamo accadere nei piccoli centri che hanno una maggiore distanza da Sassari, i quali assistono a un progressivo spopolamento.
Questo incremento di abitanti del paese, però, è quasi impercettibile. Interi complessi residenziali sono abitati da persone che, trasferitesi principalmente dalla città di Sassari, invogliati dai prezzi delle abitazioni più accessibili, non frequentano minimamente il paese, limitandosi a dormirci, fenomeno che sta progressivamente trasformando Tissi in una periferia della città di Sassari. Il paese, parallelamente, appare svuotato e smorto: le vie del centro sempre meno vissute, il senso di comunità che va sparendo.
Considerando quindi il cambiamento avvenuto alla composizione della nostra comunità, bisognerebbe far fronte a due questioni fondamentali: la prima è rilevare che le esigenze del paese sono diverse da quelle del passato, la seconda è domandarsi se gli amministratori degli ultimi anni siano riusciti a conciliare i bisogni di tutti i cittadini (vecchi e nuovi) e di gestire al meglio questa nuova situazione.
Partendo dal presupposto che la crescita demografica è comunque una risorsa economica e che la vicinanza a Sassari è, di per sé, un punto di forza, ciò che bisogna scongiurare è che Tissi diventi un quartiere dormitorio di Sassari. Io sono convinta che questo non sia già avvenuto e che, se si agisce in maniera drastica su alcune criticità, il peggio possa ancora scongiurarsi.
I miei ricordi di Tissi, risalenti alla metà degli anni ’80, mi rimandano l’immagine di un paese pieno di vita. Le domeniche mattina la gente passeggiava al centro, andava a fare colazione nei bar che, in occasione della giornata di festa, si rifornivano di cornetti e pasticcini. Dopo la messa di metà mattina, giovani e meno giovani si sedevano nello storico “muraglione” a ridosso del belvedere a chiacchierare. Le sere d’estate le persone riempivano le vie del centro sino ad arrivare all’allora poco illuminata fine di via Brigata Sassari, quella che portava all’uscita del paese e alla zona che veniva chiamata “delle ville”, ovvero le prime singole costruzioni al di fuori del centro.
Un altro ricordo appartiene al lunedì mattina e riguarda il bellissimo mercatino che vedeva la presenza di bancarelle di ogni sorta, il quale si estendeva dalla piazza Municipale fino alla parte alta della stessa via. Può darsi si vendessero anche patacche, ma quello che lo rendeva “bellissimo” era la presenza della gente, le chiacchiere, gli incontri, in poche parole la socialità che ci stava dietro. Un altro bel ricordo è quello che riguarda l’aria che respiravo quando, per qualche motivo, la mattina non mi trovavo a scuola: via Roma era un viavai di persone, le attività apparivano fiorenti, il negozio principale, quello di “Zia Angelica” era un punto cruciale, si respirava un’aria di casa, oggi definirei quella sensazione un “collante sociale”. Sicuramente la vita non era perfetta e facile nemmeno allora, anche se la crisi economica era qualcosa di distante; era chiaro che chi voleva fare qualcosa la faceva, chi voleva restare in paese lo faceva e, a partire alla ricerca di qualcos’altro, erano per lo più ragazzi giovani che volevano fare esperienze fuori dalla Sardegna, e si trattava di una scelta.

Le cose cambiano ovunque e questo è normale però ancora oggi, come ieri, sappiamo che la forza di Tissi è sempre stata quella di saper mantenere le peculiarità della piccola comunità, unendole al vantaggio di avere la grande città a fianco, a uno schiocco di chilometri; in questo è stata una vera opera rivoluzionaria la costruzione della “strada nuova” e del ponte che ci ha permesso di accorciare in maniera drastica il tempo di percorrenza della tratta Tissi-Sassari, rendendo la vecchia strada che attraversava la frazione di Caniga, con le sue curve e il suo passaggio a livello, in breve tempo, solo un ricordo.

Vorrei offrire, con queste poche righe, degli spunti di riflessione che trovano sbocco in alcune proposte che mi piacerebbe vedere fra quelle dei candidati al consiglio comunale del paese:
Partirei dalla rivitalizzazione del tessuto commerciale del centro con l’introduzione di incentivi che favoriscano l’apertura di nuove attività.
Ritengo essenziale che ci si preoccupi di rispettare i luoghi che appartengono a tutti, e per rispetto intendo la salvaguardia e la valorizzazione dello scopo per il quale sono nati, come ad esempio la sala del museo etnografico inserita nel complesso dell’ex mattatoio. Allo stesso modo sarebbe auspicabile assistere alla riqualificazione di locali che hanno avuto un’importanza strategica nel passato e che oggi meriterebbero di essere riutilizzati in un’ottica di affermazione culturale e di sviluppo socio economico del paese.
Tra i monumenti da valorizzare non può essere escluso il lavatoio storico, risalente al 1905, il quale si presta ad essere un luogo ideale in cui organizzare eventi culturali di alto spessore qualitativo e dibattiti di vario genere. I luoghi storici vivono e continuano ad esistere se vengono messi al centro delle persone, e non relegati negli angoli.
Per quel che concerne la struttura urbanistica, penso sia essenziale per il decoro del paese che le vecchie case, che oggi appaiono completamente abbandonate, nelle vie parallele a via Roma (la via principale) vadano risistemate o messe in vendita con bando pubblico a prezzi competitivi, cercando di trovare le risorse affinché si proceda ad una reale riqualificazione del tessuto urbano.
Considerando l’importanza del territorio sul quale è nato Tissi, credo sia imprescindibile agire in modo tale da riconoscere il valore del suo patrimonio archeologico e storico. L’ipogeo de “Sas Puntas”, uno dei più importanti ipogei di Età Nuragica della Sardegna, è attualmente abbandonato, nascosto da erbacce, al punto tale che, ancora oggi, molti cittadini di Tissi ne ignorano l’esistenza. Il sito andrebbe pulito e reso facilmente accessibile. L’ideale sarebbe seguire gli esempi di quei comuni che, scegliendo di puntare sul loro patrimonio storico, hanno costituito cooperative che si occupano di gestire e curare i siti archeologici, dotandoli di percorsi storici, cartellonistica e guide turistiche. Questo rappresenterebbe un’importante opportunità di lavoro, in una prospettiva di sviluppo economico legata all’archeologia, alla storia e alle identità del paese che, di fatto, è un piccolo museo a cielo aperto grazie anche alla presenza delle due chiese di età medievale, la Chiesa di Santa Anastasia e quella di Santa Vittoria, le quali risalgono al XII secolo. Grazie a questi monumenti, in passato, Tissi è stato scelto dal grande regista Mario Monicelli che, nel 1954, ha deciso di ambientare in paese il suo film “Proibito”, tratto dal romanzo “La Madre” di Grazia Deledda, che vantava nel cast la presenza di attori del calibro di Amedeo Nazzari, Lea Massari, Henry Vilbert, Paolo Ferrara e Mel Ferrer.  Le due chiese dovrebbero essere accessibili e visitabili, e bisognerebbe riuscire a sfruttare anche i punti che si prestano per realizzare riprese fotografiche e pittoriche.
Tornando al presente, se non si può certo negare che negli ultimi anni Tissi si sia distinto dal punto di vista culturale, è pur vero che non si può non notare la mancanza di una adeguata programmazione. Ad esempio, abbiamo una efficiente biblioteca, che andrebbe sicuramente messa nelle condizioni di disporre di maggiori risorse.
Credo che in paese manchi una visione di insieme della cultura che partendo dalle sagre, passando per la promozione di eventi culturali, arrivi a rilanciare le iniziative della Proloco (al momento inattiva) in coordinamento con le altre associazioni presenti, come quella della consulta giovanile. Il tutto finalizzato alla realizzazione di idee che aiutino a riscoprire i nostri costumi e a valorizzare le nostre peculiarità.
Il fatto che Tissi non sia un quartiere dormitorio di Sassari è evidente anche da piccole constatazioni, per esempio vedere dei giovani giocare a “sa murra” nelle piazze o parlare in sardo non è così raro. A questi ragazzi si dovrebbero offrire dei punti di riferimento che gli permettano di acquisire maggiore consapevolezza della propria identità. A tal fine ritengo essenziale ripristinare lo sportello linguistico, attivo nel 2008, la cui esperienza è finita troppo presto nel dimenticatoio. Il nostro paese non è estraneo a quello che è il grande dibattito sulla lingua sarda.
Di pari passo si dovrebbe cercare di promuovere i nostri artisti, i nostri poeti, i nostri pittori, in un’ottica di rilancio economico del paese, perché la cultura va a braccetto con la ricchezza, non solo intellettuale.
In virtù di quanto esposto, credo che Tissi possa ambire ad affermarsi come uno dei paesi guida del sistema Coros Figulinas, pianificando lo sviluppo del territorio insieme a paesi che distano pochi chilometri fra loro.
In conclusione, in un paese di 2300 abitanti, bisognerebbe cercare di rendere tutti partecipi di una idea di comunità affinché il paese venga vissuto in pieno e sentito come “proprio”. La programmazione dei prossimi cinque anni dovrebbe essere costruita sui reali bisogni della popolazione, ascoltando con attenzione quelli che sono i problemi dei suoi abitanti.

L’auspicio, per me che ho deciso di guardare queste elezioni dall’esterno e di provare comunque a dare un mio contributo attraverso queste poche righe, è quello di non assistere ad una campagna elettorale che abbia come tema la capacità dei candidati di riuscire a racimolare voti o di avere come unica motivazione quella di portare avanti una protesta fine a se stessa, senza aver ben chiaro un progetto alternativo.
La raccolta di questi suggerimenti implica, in automatico, non di fare un copia e incolla tra le pagine di un programma elettorale, ma che si riesca a dar vita ad un confronto in un dibattito da mettere in piedi con i cittadini, cosa imprescindibile anche in campagna elettorale.
Tutti dovrebbero avere la possibilità di esprimere, durante un confronto, qual è la loro idea di paese, perché le idee non devono avere paura di essere espresse. Le idee non costituiscono che un punto di partenza, e hanno senso solo se accompagnate dalla capacità di realizzarle.

Tissi, 3 aprile 2017

Polìtica