Bianco è il colore della rabbia dei pastori. Caminera Noa al loro fianco

Un fiume di latte sversato poche ore fa a Uliana (foto diffusa sulla pagina fb del MPS)

La Sardegna si colora del latte sversato dai pastori che preferiscono buttarlo o regalarlo piuttosto che conferirlo ai padroni e agli speculatori. 

La campagna elettorale condotta in sordina senza chiare prospettive di cambiamento viene eclissata dalla roboante protesta dei pastori che ai quattro angoli della Sardegna organizzano blocchi stradali, blocchi ai porti, banchetti in cui regalano i loro prodotti alla popolazioni e capannelli dove sversano a terra il loro prodotto per protesta. 

Il tempo dei tavoli, delle promesse, delle lungaggini, delle vuote promesse elettorali è volto al termine.

Il soggetto-progetto politico Caminera Noa si schiera senza tentennamenti al fianco della lotta dei pastori sardi.

Pubblichiamo il loro comunicato diramato in rete poche ore fa:

Le campagne sarde sono pronte a incendiarsi con la rabbia dei pastori e le fiamme minacciano di divampare in tutta l’isola. Quanto successo ieri ad Abbasanta, con il blocco della Carlo Felice e lo sversamento di decine di migliaia di litri di latte, potrebbe essere solo l’inizio di una nuova stagione di lotta del mondo agro-pastorale sardo.

Caminera Noa intende manifestare la propria solidarietà a chi ieri, in maniera spontanea e autorganizzata, ha partecipato alla manifestazione, nata da un tam tam telefonico e social tra gli stessi pastori. Purtroppo, la stretta repressiva avviata dagli ultimi due ministri dell’Interno rischia di presentare un conto molto salato ai pastori che, stremati da anni di umiliazioni e soprusi da parte della politica e dei raggruppamenti industriali del settore lattiero-caseario, hanno deciso ieri di dare un forte segnale di rottura con la linea delle trattative e dei tavoli tecnici. Lo diciamo chiaro e forte: un prezzo del latte equo è una necessità improcrastinabile per la Sardegna tutta, non c’è nessuna trattativa o nessun tavolo che tenga. C’è solo un modo per evitare che quello che è accaduto ieri (e che potrebbe accadere di nuovo nei prossimi giorni) venga trattato come un fatto di semplice ordine pubblico: tutti i sardi devono far capire alla politica e all’autorità giudiziaria che quella dei pastori è una vicenda politica e come tale va trattata. Non solo, quello che vogliamo mettere in luce è che la questione del prezzo del latte è solo un aspetto del problema generale della nostra isola: l’essere succube del colonialismo italiano e l’essere inserita in un sistema economico liberista e capitalista, che nessun rispetto ha per la dignità delle persone, ma bada solo al profitto dei monopolisti. Il dramma dei pastori non è su un altro pianeta, ma ha le stesse radici e la stessa natura del problema della chiusura dei piccoli ospedali, o della speculazione energetica, o della disoccupazione di massa e giovanile. Si attivino pertanto tutte le misure necessarie a risolvere l’emergenza del latte pagato 60 centesimi al litro e si apra un dibattito più ampio su come risolvere la questione in maniera strutturale.
Ciò che è certo è che i pastori sardi devono avere la più totale autonomia su come gestire modi e tempi della loro lotta.
Caminera Noa è al loro fianco.